(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Annali d'italianistica"

AdI 



Annali d'Italianistica 

The University of North Carolina at Chapel Hill 
Chapel HiU, North Carolina 27599-3170 



Editor 

Dino S. Cervigni, The University of North Carolina, Chapel Hill 

Associate Editors 

Paolo Cherchi, The University of Chicago 

Antonio Illiano, The University of North Carolina, Chapel Hill 

Edoardo A. L^bano, Indiana University 

Albert N. Mancini, The Ohio State University 

Advisory Board 

Luigi Ballerini, University of California, Los Angeles 

Andrea Battistini, Universita degli Studi, Bologna 

Ernesto G. Caserta, Duke University 

Louise George Clubb, University of California, Berkeley 

Domenico De Robertis, Universitd. degli Studi, Firenze 

Franco Fido, Harvard University 

Cecil Grayson, Magdalen College, Oxford 

Willi Hirdt, Universitdt Bonn 

Christopher Kleinhenz, University of Wisconsin, Madison 

Mario Marti, Universitd degli Studi, Lecce 

Luigi Monga, Vanderbilt University 

Ennio Rao, The University of North Carolina, Chapel Hill 

Aldo Scaglione, New York University 

Paolo Valesio, Yale University 

Aldo Vallone, Universitd, degli Studi, Napoli 

Rebecca West, The University of Chicago 

© 1996 by Annali d^Italianistica, Inc. 



Annali d'Italianistica 



L'Odeporica / HoDOEPORics: On Travel Literature 

Volume 14, 1996 
Edited by Luigi Monga 

5 Hodoeporics? 
Introduction 

6 LuiGi Monga, Trawl and Travel Writing: An Historical Overview of 
Hodoeporics 

On Travel Literature Theories / Saggi sulla teoria dell'odeporica 
essais sur la theorie de la litterature de voyage 

ENSAYOS SOBRE la LITERATURA DE VIAJE 

55 Theodore J. Cachey, Jr., An Italian Literary History of Travel 

65 Jaime Ferran, Viaje y literatura 

71 Adrien Pasquali, Recit de voyage et autobiographie 

89 Michel Bideaux, Le Voyage d'ltalie, instrument de la connaissance de 

soi par la frequentation d 'autrui 
103 Gene TeSelle, Looking for Home: Travel as Metaphor in Augustine 
121 Tom Conley, Virtual Reality and the Isolario 
131 Enrique Pupo-Walker, El libro de viajes, laficcidn y sus legados en los 

Naufragios de Alvar Nunez Cabeza de Vaca 
145 Nancy Walker, Stepping Out: Writing Women 's Travel 

L'ODEPORICA NELLA LETTERATURA ITALIANA 

Travel Writing and Italian Literature 

152 Alfonso Paolella, Petrarca, peregrinus an viator? 

1 77 M arcello Ciccuto, L 'odeporica di Ciriaco d 'Ancona tra testi e immagini 

1 83 Francesco Sberlati, Esplorazione geografica e antropologia: esperienze 

di viaggio tra '400 e '500 
206 Marziano Guglielminetti, La forma dell 'America 
218 Daiua Perocco, Le parole di un cartografo: Giacomo Gastaldi e la 

Universale descrittione del mondo 
230 Albert N. Mancini, Autobiografia e autocoscienza narrativa nel Viaggio 

di Francia di Sebastiano Locatelli 
246 Stefania Buccini, Coerenza metodologica nel Giro del mondo di Fran- 
cesco Gemelli Carreri 
257 Antonio Franceschetti, Francesco Algarotti, viaggiatore e letterato 
271 Luc A Clerici, Alia scoperta del Bel Paese: i titoli delle testimonianze dei 
viaggiatori italiani in Italia (1 750-1 900) 



304 MiRELLA ScRffiONi, // viaggio alfemminile in Oriente nell'Ottocento: la 

Principessa di Belgioioso, Amalia Nizzoli e Carta Serena 
326 Luciano Parisi, / libri di viaggio di Giuseppe Antonio Borgese 
341 Giuseppe Strazzeri, Scrittori su ruote: I'esperienza delta rivista Pirelli 
351 Davide Papotti, Con it libro in vatigia: eredita odeporiche net romanzo 
contemporaneo 

Foreign Travelers to Italy / Viaggiatori stranieri in Italia 
Voyageurs etrangers en Italie / Viajeros extranjeros en Italia 

363 Michel Bastiaensen, Voyageurs de la Renaissance et phenomenes 

volcaniques en Itatie 
398 Frank Lestringant, Vne fiction archeologique: I 'invention du tombeau 

de Ciceron a Zante de Favotius a Thevet 
409 Georges Van den Abeele, Goodbye, Columbus: Mme du Bocage and 

the Alienation of Identity 
425 Patrizio Rossi, // camevale di Venezia e i viaggiatori del Settecento 
437 Diana Modesto, Moments of the Italian Risorgimento: 77?^ Wor/cs of the 

Countess Marie Montemerli 
452 Paolo Cherchi, // Viage a Italia di Leandro Ferndndez Moratin 
466 Annunziata O. Campa, Germdn Arciniegas: t'itinerario intetlettuale di 

un latinoamericano in Italia 
483 Jane Robinson , ' With Foreigners A lone ': British Women Travellers to Italy 

(15th-20th century) 
493 Kenneth Bartlett, Travel and Translations: The English and Italy in 

the Sixteenth Century 
507 William Edward Engel, Knowledge That Counted: Italian Phrase-Books 

and Dictionaries in Elizabethan England 
523 Robert L. Mode, In Search of Raphael: The Traveller's Perspective 
532 Jeremy Black, Italy and the Grand Tour: The British Experience in the 

Eighteenth Century 
542 Robert Melzi, The Flight of the Marranos as Revealed in Italian Renais- 
sance Plays 

Inediti / Textes inedits / Unpublished Texts / Ineditos 

553 LuiGi MoNGA, LaLondra secentesca n^// 'Anglipotrida (1618) di Orazio 

Busino 
575 Cynthia Craig, Giacomo Casanova's "Mondes ou ties": A Microcosm 

of Utopia 
582 Paul Tucker, 'Right Conclusions': Seven Unpublished Letters (1845-1846) 

from John Ruskin to John Murray 
621 Enric Bou, a proposito de las cartas de viaje de Pedro Salinas 



Bibliography / Bibliografia 

637 Emanuele Kanceff, Travel to Italy: A Proposal for a Bibliographical 

Classification 
647 LuiGi MONGA, Renaissance Hodoeporics: A Bibliography of Theoretical 

Texts on Methodus apodemica (1550-1700) 
663 RiSA K. Nystrom, A Bibliography of North-American Dissertations on 

Travel Literature (1960-1994) 

Recensioni / Book Reviews / Comptes rendus / Resenas 

685 Eric J. Leed, The Mind of the Traveler: From Gilgamesh to Global Tourism 
(New York: Basic Books, 1991) [Th. Cachey]; 687 Adrien Pasquali, Le Tour des 
horizons (Paris: Klincksieck, 1994) [F. Gabaude]; 689 Robert Eisner. Travelers 
to an Antique Land: The History and Literature of Travel to Greece (Ann Arbor: 
The University of Michigan Press, 1991); French Odysseys: Greece in French 
Travel Literature from the Renaissance to the Romantic Era (Baltimore: The Johns 
Hopkins University Press, 1994); R. A. McNeal (ed.)- Nicholas Biddle in Greece: 
The Journals and Letters of 1806 (University Park, PA: Pennsylvania University 
Press, 1993) [T. F. Winters]; 695 Hans Conrad Peyer, Viaggiare nel Medioevo: 
dalVospitalitd alia locanda (Bari: Laterza, 1991); A. Maczak, Travel in Early 
Modem Europe, transl. by U. Phillips (Cambridge, UK: Polity Press, 1995); 
Jeremy Black, The British Abroad: The Grand Tour in the Eighteenth Century (New 
York: St. Martin's Press, 1992) [L. Monga]; 698 Jane Robinson, Unsuitable for 
Women: An Anthology of Women Travellers (Oxford: Oxford University Press, 
1994) [P. Covington]; 700 Theodore E. Stebbins, Jr., The Lure of Italy: American 
Artists and the Italian Experience, 1 760-1914 (New York: Harry N. Abrams, 1992) 
[V. G. Fryd] ; 702 Remo Ceserani , Treni di carta: I 'immaginario inferrovia; I 'irru- 
zione del treno nella letteratura modema (Genova: Marietti, 1993) [Ch. Klopp]; 
704 Georges Van Den Abbeele, Travel as Metaphor: From Montaigne to Rousseau 
(Minneapolis: University of Minnesota Press, 1992) [K. Himmelman]; 705 Frank 
Lestringant, Le Cannibale: Grandeur et decadence (Paris: Perrin, 1994) [L. 
Monga]; 706 T. J. Cachey, Jr., Le Isole Fortunate: Appunti di storia letteraria 
italiana (Roma: L"'Erma" di Bretschneider, 1995) [L. Formisano]; 709 Franco 
Paloscia (a cura di), Napoli e il Regno dei grandi viaggiatori (Roma: Abete, 1994) 
[A. Campa]; 711 Bartolomeo Fontana, Itinerari, ed. Robert Melzi (Geneve: 
Slatkine, 1995) [Th. J. Cachey]; 713 Voyage de Provence etd'Italie (1588-1589), 
edition, introduction et notes de L. Monga (Geneve: Slatkine, 1994; Biblioth^que 
du voyage en Italic, n° 49) [B. Mitchell]; 715 Nathan Chytraeus, Voyages en 
Europe (Hodoeporica): po^mes latins de la Renaissance, 6d., trad, et annot6s par 
M. Bastiaensen (Bruxelles: Peeters, 1994) [L. Monga]; 716 Lorenzo Gambara, 
De navigatione Christophori Columbi, a cura di Cristina Gagliardi (Roma: Bulzoni, 
1993) [L. Monga]; 717 Giuseppe Baretti, Narrazione incompiuta di un viaggio in 



Inghilterra, Portogallo e Spagna, a cura di M. Catucci (Roma: Biblioteca del 
Vascello, 1994) [C. Bracchi]; 719 Gasparo Angiolini, Lettere sopra I'Inghilterra 
e la Scozia, a cura di M. e A. Stauble (Modena: Mucchi, 1990) [C. Bracchi]; 721 
Elvio Guagnini, Viaggi e romanzi: note settecentesche (Modena: Mucchi, 1994) 
[L. Monga]; 722 Jos6 Luis Amor6s, Maria Luisa Canut, Fernando Marti Camps 
(eds.), Europa 1700: El "Grand Tour" del menorquin Bernardo Jose (Barcelona: 
Serbal/Institut Menorqui d'Estudis, 1993) [Ph. Rasico]; 724 Renato Martinoni, 
Viaggiatori del Settecento nella Svizzera italiana (Locarno: Armando Dad6, 1989) 
[L. Monga]; 725 B. Magliocchetti and A. Vema (eds.), The Motif of the Journey 
in Nineteenth-Century Italian Literature (Gainesville: University Press of Florida, 
1994) [R. Petrillo]; 727 Emanuele Kanceff, Poliopticon italiano, 2 vol. (Gendve: 
Slatkine, 1992-1993) [L. Monga]; 728 T. Whelan (ed.), Nature Tourism: Managing 
for the Environment (Wsishington: Island Press, 1991); E. Griffin-Nolan, Witness 
for Peace: A Story of Resistance (Louisville: Westminster/John Knox Press, 1991); 
F. Jean (ed.). Life, Death and Aid: The Medecins sans Frontier es Report on World 
Crisis Intervention (London and New York: Routledge, 1993) [Gene TeSelle]; 730 
Franco Cordelli, L'ltaliadi mattina (Milano: Leonardo, 1990) [O. Gargano]; 732 
Alberto Savinio, Dico a te, Clio (Milano: Adelphi, 1992) [O. Gargano]; 735 Emilio 
Cecchi, America amara (Padova: Muzzio, 1995) [O. Gargano]; 737 Claudio 
Visentin, Nel paese delle selve e delle idee. I viaggiatori italiani in Germania, 
1866-1914 (Milano: Jaca Book, 1995) [O. Gargano]; 740 Vasco PratoUni, Cronache 
dal Giro dJtalia (maggio-giugno 1947) (Milano: Lombardi, 1992) [O. Gargano]; 
741 Innocente Bianconi, Diario d 'America, a cura di R. Martinoni (Locarno: 
Armando Dadd, 1994) [L. Monga]; 742 Tonia Caterina Riviello, Acque d 'Italia 
(Venezia: Edizioni del Leone, 1994) [E. Kanceflf]. 



Several of the essays published in this issue of Annali d'italianistica will appear, 
concurrently, in the Bollettino del C.I. R.V.I. (Turin) 

4 



HODOEPORICS? 

Renaissance Latin scholars called hodceporicum a travel journal, from the 
Greek bbonropiw, to walk (from bbbq, way, and iropevw, to travel: see my 
essay "Vhodoeporicum de Jacques Sirmond: Journal poetique d'un voyage 
de Paris a Rome en 1590" in Humanistica Lovanensia, XLII [1993], 301- 
322). Henri Estienne's Thesaurus linguce grcecce (1572) recorded 66oiiro- 
piKoq, an adjective ("qui viatoris est," "ad viam pertinens"), and bboiiro- 
piKov, a noun meaning "itinerarium" as well as "libellus iter aUquod descri- 
bens. " Another Latin form, hodoeporicon ("travel narrative"), is recorded 
as early as St. Jerome's epistolary, while WilUbald's Hodoeporicon to 
Jerusalem (8th century) is the earhest Anglo-Saxon travel journal ever 
written (cf. H. Estienne's Thesaurus linguce latinoe and J. F. Niermeyer's 
Mediae latinitatis lexicon minus). 

Itahan is perhaps the only modem langiiage that has accepted this term 
in its lexicon: odeporico, an adjective ("pertaining to travel") and a noun 
("travel narrative"), and I'odeporica, a feminine noun ("travel hterature") 
formed on the same pattern of la chimica, lafisica, etc., words that came 
into Itahan from medieval Latin by the elhpsis of the word scientia. 

From the existing lexicon in Latin and Itahan, one could extrapolate 
the creation of similar cognates in other Romance languages: in French, 
for example, one could conceive the adjective hodeporique ("pertaining 
to travel literature") and a feminine noun, I 'hodeporique ("travel htera- 
ture") as in lu physique, la mecanique, etc. The French lexicon already 
has odometre (1678) and hodometre (1863: von Wartburg's Franzosisches 
Etymologisches Worterbuch), hodometrie and hodographie. In Spanish, 
however, the term camineria, which has been recently proposed to the Real 
Academia de la Lengua de Madrid, would presumably preclude any 
terminology related to a plausible odeporica from gaining acceptance. 

Since in Enghsh we already have hodograph, hodometer, hodometry 
(and odometer, odometry), it would not be knproper to postulate hodoe- 
poric, as an adjective. Hodoeporics, as a noun, could be fashioned after 
physics, mathematics, economics, etc., to signify travel literature. While 
the Oxford English Dictionary indicates no occurrence of the terminology 
we are proposing, it would be impossible to state that the word was never 
used. The reason for coining hodoeporic is that the adjectival use of the 
term "travel literature" is rather cumbersome; hodoeporics, moreover, 
could be used as a noun, for specific hterary and scientific apphcations. 

Nashville, May 1996 



LUIGI MONGA 



Travel and Travel Writing: 

An Historical Overview of Hodoeporics 



for ^ranceica 



' Ej/ apxh W V 066 q: In principio erat via: In the beginning was the road. ' With 
a slight twist of the solemn beginning of the Gospel of John (Ef cxpxQ W 
Aojoq: In principio erat Verbum: In the beginning was the Word), I would surmise 
that travel, be it an individual's geographical displacement or the sum of the 
migrations of faceless masses of human beings throughout the millennia, is at the 
source of the human experience. It is one of the most elemental activities, almost 
as basic as the act of breathing. Hodds (or via: way, road, voyage), in fact, seems 
to possess, mutatis mutandis, some of the multifarious characteristics of the 
Christian Logos. We won't go so far as to alter the same verse of John's Gospel 
and state that QeoQ r]v 17 bboq, Deus erat via (God was the road), we know, 
however, that a few pages later, in the same text, Christ calls himself bboq, via 
{Ego sum via, 'Eyoj et/xt 17 odoq: I am the way, John 14:6). Thus we know that 
the Logos is also the hodds, as the way (back) to the Word that was (in) the begin- 
ning. This divine cycle, twisted— admittedly— with a slight hermeneutical legerde- 
main, will haunt the readers of this issue of Annali d'italianistica. 

If the essence of nature is constant motion, akin to Heraclitus's tenet irapra 
xcopei ("everything moves"), one could say with Michel de Certeau that "tout recit 
est un r^cit de voyage":^ in other words, all literamre is hodoeporics. As some 
recent criticism has emphasized, "topology," "spatialization," "chronotype" (or 
whatever terminology is used by narratologists to indicate the sequence of events 
in space or the relationship between space and time in a given text) remain essential 
elements for any narrative.' Every narrative could thus be construed as spacial 



1. "Au commencement etait la route," wrote Joseph Bedier in his study of the origin of 
the chansons de geste in France (Les Legendes epiques: recherches sur la formation des 
chansons de geste. Paris: Champion, 1929, m, 367); but Bedier only meant that the road 
(to Santiago de Compostela) was the source of the chansons de geste. 

2. Michel de Certeau, L'Invention du quotidien: I: Arts defaire (Paris: 10/18, 1980), p. 
206. 

3. MiekeBal, Narratologie: Les instances du recit (Pans: Klinksieck, 1977), p. 4. Seealso 
Ricardo Gallon's analysis in his study Espacio y novela (Barcelona: Bosch, 1980). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga 



Travel and Travel Writing 7 

narrative or travel narrative. At this point, facing such a Protean element, we need 
to organize the immense material at hand, if we are to avoid plunging into the giant 
maelstrom of universal hodoeporics. 

Travel began early in human history. Great mass movements were caused 
by the evolution of the diet of homo erectus from vegetarian to omnivorous'' and 
by the typically human characteristic of aggression against other individuals of the 
same species. Transhumances , following herds of animals, invasions, and 
conquests that deeply marked human evolution are often hidden beneath the 
metaphors and myths of the oral traditions. The history of travel, which has shaped 
the history of humanity, is, in a nutshell, 

the study of a force — mobility — ... a force of change operating through 
distinctly different events that make up the structure of a journey: ... from 
departures that detach individuals from a familiar context; from passages that set 
them in motion across space; from arrivals that estabUsh new bonds and identifica- 
tion between strangers, creating a new union and coherence between self and 
context.^ 

1. Travel as a metaphor for human life 

Geographic displacement, as the most familiar element in human life, has easily 
become a symbol of an interior, non spatial operation, for "the essence of the 
metaphor is the use of the familiar to grasp the elusive and unrecognized, rather 
than mere ordering of phenomena by homology":* "viaggio," "cammin di nostra 
vita" {Inf. I, 1), passing (Petrarch's "dubbioso passo") or the last voyage, "ritomo 
a Dio," pilgrimage, "grand voyage," "le long voyage de la vieillesse" (Jacques 
Delille). Life ("le voyage de la vie," Mme de Stael) and death ("le grand voyage") 
have appropriated the travel metaphor, whether in a religious context or not, as 
in Louis de Jaucourt's article in the Encyclopedie, for example.^ 



4. New food-gathering strategies needed to be developed. They fostered the use of shrewd 
and clever techniques in order to kill large animals, and at the same time increased social 
interaction, communication and planning, development of weapons, and, above all, forced 
the hunter to move about following his prey (Joseph Bronowski, The Ascent of Man. Boston- 
Toronto: Little, Brown and Co., 1973, p. 42). 

5. Eric J. Leed, The Mind of the Traveler: From Gilgamesh to Global Tourism (New York: 
Basic Books, 1991), pp. 21-22. 

6 . Fredrik Barth , Ritual and Knowledge Among the Baktaman of New Guinea (New Haven: 
Yale University Press, 1975), p. 199. 

7. "On fait le voyage d'ltalie. On fait un voyage a Paris. Ilfaut tousfaire le grand voyage" 
{Encydopedie , s. v. "Voyage"). See also Claude Carozzi, Le Voyage de I'dme dans I'au-deld 
d'apres la litterature latine (V-xiif siecle) (Rome: Ecole Fran^aise de Rome, 1994). This 
is also expressed by the the popular wisdom of the South: "We are all graveyard travelers, 
and when you worry, you're just whipping up your horse" (S. A. Kingsbury and K. B. 



8 LUIGI MONGA 

Travel, as a metaphor for life, is a topos in many texts of the western canon, 
from the pseudo-Plato's "brief soujoum in a foreign land" (TrapeTn,dr]fiLa riq koTiv 
6 jSioc, Axiochous, 365B) to Alciati's emblem "Qua Dii vocant eundum" (n° 8) to 
Cervantes's axiom that "est^n nuestras almas en continuo movimiento, y no pueden 
parar ni sosegar sino en su centro que es Dios'\Persiles y Sigismunda) to Baude- 
laire's "Notre ame est un trois-mats cherchant son Icarie" {Les Fleurs du mal, "Le 
Voyage," 33).^ 

Dante's journey, while the most famous case in medieval literature, is by no 
means unique: one of his French contemporaries, Guillaume de Guilleville (d. ca. 
1358), found in the Roman de la Rose the inspiration for his allegorical Pelerinage 
de I 'homme, also known as Le Romant des trois pelerinages, a 14th-century poem 
that enjoyed a great success. 

The literatures of the 16th and 17th centuries offer numerous hagiographic 
works that develop iht peregrinatio spiritualis,^ a mystical voyage towards perfec- 
tion. Teresa of Avila's Camino de perfeccidn (1570) is surrounded and followed 
by several texts in various languages: Peregrination spirituelle (Jan Pascha, 1576), 
Viaggio spirituale (Comelio Bellanda, 1578), Pilgrimage to Paradise (Leonard 
Wright, 1591), De sacris et religiosis peregrinationibus (Jakob Gretser, 1606), 
Pilgrim's Journey towards Heaven (William Webster, 1613), Duyjkens ende 
Willemykens pelgrimagie tot haren beminden binnen Jerusalem (Boetius Bolswert, 
1628, with numerous editions and translations). Pilgrim's Passe to the New 
Jerusalem (M. R. Gent, 1659), The Pilgrim's Progress (John Bunyam, 1678), are 
but a few examples in a vast literary field.'" 

The allegorical reading of motion is evident in the fondness that some Spanish 
poets of the 15th and 16th centuries displayed for wordplay based on partir. 
Departure from the beloved was seen as a sort of death: I depart iparto) and feel 
divided (me parto), leaving the best part (parte) of myself behind. The tradition 



Harder, eds., A Dictionary of American Proverbs. New York: Oxford University Press, 
1992, pp. 608-609). 

8. "Icarie," however, is also the name of the ideal city that Etienne Cabet, a French 
communist Utopian and author of a Voyage en Icarie (1842), had planned to found in 1848, 
fu-st in Texas, then in Illinois. His manifesto, "AUons en Icarie!", appeared in a French 
journal, Le Populaire (Cfr. CI. Pichois, Auguste Poulet-Malassis: L 'editeur de Baudelaire. 
Paris: Fayard, 1996, p. 244, n. 2). 

9. Among the fu^st works of this sort, we have Langland's Piers Plowman (14th century), 
Robert Ciboule's Livre du chemin de la perfection (ca. 1450), and Jean Glapion's Le Passe- 
temps du pelerin de la vie humaine (ca. 1520). 

10. The labyrinths and mazes on the floor of some Gothic cathedrals— sometimes used as 
substitute pilgrimages— were intended as symbols of the centripetal road to salvation. (Cf. 
W. H. Matthews, Mazes and Labyrinths: Their History and Development. New York: Dover, 
1970 [reprint]). 



Travel and Travel Writing 9 

culminates in a madrigal by a 1 6tli-century Spanish poet, Francisco de Figueroa: 

Triste de mi que parto, mas no parto: 
que el alma, que es de mi la mejor parte, 
ni partira ni parte." 

Travel, in term of both real destinations and attitude towards motion, often serves 
as a mirror of intellectual history. If one accepts that travel is a metaphor of our 
journey along the road of self-knowledge, then certainly James Joyce's Ulysses must 
be held up as a masterful reflection of (or, perhaps, on) that voyage. Leopold 
Bloom's wandering about the streets of 1904 Dublin is also a journey of the mind, 
a journey of the self, in which constant reflection on past, present, and future 
guides the reader through Joyce's intellectual and spiritual world. Of course. 
Bloom's rambling through Dublin, setting out from his home at 7 Eccles Street, 
and finally returning to Ithaka past midnight, is the full expression, the metaphor 
for Everyman on his travels.'^ 



2. Travel as Travail: Obedience to God's Calling, Atonement, Exile, 
AND Pilgrimage 

"Get thee out of thy country, and from thy kindred, and from thy father's house, 
unto a land that I will show thee" {Gen 12: 1). In asking Abraham, "a wandering 
Aramean" {Deut 26:4), to leave the land of his fathers, God wanted to remove him 
from the dangerous influence of his entourage and make him a tabula rasa on 
which God himself would write the history of the "great nation" that was to call 
him father. Abraham's departure is the beginning of a new life for an entire people 
{Gen 15:7);'^ his journey, although related to the idea of forced travel, is without 
the negative connotation of banishment. God's call requires a response, a physical 
motion: "Here am I, for Thou didst call me" (/ Sam 3:6). God called Noah in 
the same manner ("Come thou and all thy house into the ark," Gen 7:1). After 
Abraham's summoning, numerous divine calls mark the biblical story: Lot ("escape 
to the mountains!" Gen 19:19), Jacob ("[he] came into the land of the people of 
the east," Gen 29: 1), Joseph ("[he] was brought down to Egypt," Gen 39: 1), and 
Moses, leader of the exodus of an entire people through a barren land ("I will send 
thee unto Pharaoh," £jc 3: 11; "Let my people go," £>: 5: 1, "And I will bring you 



11. Ail anonymous 18th-century critic remarked cruelly: "[This poem would] persuade 
the stubborn geometricians that the whole isn't always greater than its parts" (See C. 
Maurer, Obra y vida de Francisco de Figueroa. Madrid: Istmo, 1988, pp. 316-317). 

12. I owe this observation to my friend Timothy Winters, of Vanderbilt University. 

13. A comparison with Aeneas, in the classical world, is de rigueur. obedient to the call 
of Fate, the Trojan hero embarked on a toilsome flight after the fall of his city, to found 
a new city and become the father of a new, glorious race. 



10 LUIGI MONGA 

in unto the land, concerning the which I did swear to give it to Abraham," Ex 6:8). 
Many prophets and kings were called, sent, ordered to go forth and speak or lead 
or fight: the entire Bible can be seen as the travel narrative of a wandering people, 
called to move about to maintain the purity of an idea. '"* 

A study of biblical travel terminology is fascinating . The path of our human 
experience is addressed in the Vulgate as a peregrinatio. In the Judeo-Christian 
world, the semantic field implied by the voyage is built around the verb peregri- 
nari, which has the general meaning of "traveling" (Gen 17:8; 28:4; 36:7; Ex 6:4; 
Rt 1 :22). This verb comes from per + agrare, which carries the meaning of "going 
far away. " The Biblical man is peregrinus and advena (stranger, from ad + 
venire), an adjective describing the social status of the individual who happens to 
be far away from home, and is therefore protected by the middle-eastern laws of 
hospitality, a deeply rooted social custom in the Old Testament:''* "Peregrini 
sumus coram te et advense," prays David (/ Paral 29: 15). This is a binomy which 
has been established from the earliest books of the Bible {Gen Ti'A; Nm 9:14; 
35:15; Dt 15:3), along -with peregrinus et alienus {Lev 19:10; 23:22). Peregrinus 
is the person traveling abroad or living in a foreign land, the foreigner, or a human 
who is only a temporary guest on this earth. "Dies peregrinationis meae" is how 
Joseph, son of Jacob, sunmiarizes his life {Gen 47:9) and the lives of his ancestors, 
who "peregrinati sunt" {ibid.). The promised land is "terra peregrinationis" {Ex 
6:4) and even the temple takes on an aura related to this concept, "locus peregri- 
nationis meae" {Ps 1 18:54). At this point it is not difficult to extrapolate from these 
texts and understand why in tlie Old Testament man can define himself "peregrinus 
sicut omnes patres mei" {Ps 38: 13). A term used by Cicero with the meaning of 
"time spent abroad" (Tuscul. v, 37, 107), peregrinatio is just a "journey" for 
Tertullian {De came Christi, vu, 7).'^ 

For Augustine, however, the verb peregrinari, which, at first, covers the 
negative semantic area of going away from God {De Civitate Dei, 19: 18) becomes 
eventually the positive return to God {ibid., 22:8: "peregrinus autem per revelatio- 
nem"), "viator tendens ad patriam" {In Ps. 40). Augustine uses the term peregri- 



14. The ultimate irony for this journeying people is the image of the "wandering Jew," 
a 13th-century anti-semitic legend that eventually became very popular in France as a novel 
by Eugene Sue (Le Juif errant, 1845), an opera by Halevy and Scribe (1852), and a series 
of engravings by Gustave Dore (1856). 

15. The Greek Bible has 6cTro8r}ij.eii> (to go far away from one's own country) and 
6iiro8r]fiLa. (voyage) (Cf. Dictionnaire de spiritualite ascetique et mystique, s.v. "Peleri- 
nages", t. xu, pt. i, col. 888-939). Even Cicero uses the i^rm peregrinatio as time spent 
in a foreign land {Tuscul. 37, 107 and Adfamil. ii, 12,2), and Tertullian is probably among 
the first writers to assign this word a generic meaning {De came Christi, 1 , 1). 

16. Dictionnaire de spiritualite ascetique et mystique, xn, I, 890. 



Travel and Travel Writing 11 

nus in a Judeo-Christian meaning which will be appropriated by Isidore of Se- 
ville:'^ man is peregrinus/advena, a guest in a foreign land, just like a ger living 
among the Israelites'^ or the ^ictolkol and ira polkol among the Greeks. The idea 
of humanity marching towards a Heavenly Jerusalem, however, is taken from the 
word viator, for Christians are engaged in a constant voyage, since this goal is 
unreachable during life on earth: "Perfectio viatoris est scire nondiun se pervenisse 
ad id quo tendit" (Augustine, Sermo xviii).^'^ 

All journeys start with a departure which is ultimately the uprooting of the 
individual. It is a painful experience ("Partir c'est mourir un peu," "Partire h un 
po' morire," according to popular wisdom), a form of alienation, a folly of some 
sort, for as Goethe wrote, "In any departure there is a small amount of crazi- 
ness."^° Departure implies separation, loneliness, alienation, even exile; and the 
normal reaction is nostalgia, homesickness, "mal du pays," "Heimweh."^' 

The idea that travel is a painful chore, a torture of one's body and mind 
appears in the etymology of the word travel. The Anglo-French verb travailler 
meant both "to travel" and "to torment." It seems to have come from a late Latin 
form trepalium, an instrument of torture made of three (tres) stakes (pali) or a 
machine used to tie up horses that were being shoed; in France travail and in north- 
western Italy travaglio still indicates a contraption used to restrain animals (in a 



17. Isidore of Seville makes no practical distinction between;?ro^gM5(" qui procul a sedibus 
suis vagatur, quasi porro fugatus ") andperegrinus (" longe a patria positus, sicut alienigena" , 
Etym. X, 215). He also defines peregrini as "quod ignorantur eorum parentes: sunt enim 
de longiqua regione" (Etym. EX, 41). 

18. The ger in the Old Testament is not merely a "passing stranger," but a "temporary 
dweller in the land" who occupies a position intermediary between a "native" and a 
"foreigner" (J. Hastings, A Dictionary of the Bible, s.v. "ger"). 

19. In the Judaic tradition, the aliyah (literally, "ascent") is indeed a pilgrimage of some 
sort, the coming of the Jews to the Land of Israel, and is "an ahnost uninterrupted process 
ever since the crushing of the Jewish resistance by the Romans" (Encyclopedia Judaica, 
I, 634). 

20. «In jeder grofien Trennung hegt ein Keim von Wahnsinn» (Johann Wolfgang von 
Goethe, Italienische Reisen, 11 March 1788). It is an idea that reflects, implicitly, the 
absurdity of Dante's "folle volo" (Inf. xxvi, 125). 

21. The term "nostalgia" (from vootoq, return, and akyoq, pain) was coined in 1678 by 
Johannes Hofer in his Dissertatio medica de nostalgia, oder Heimwehe, pubUshed in Basel 
by J. Bertsch. J. Lieutaud accepted this word in his Precis de la medecine pratique (Paris: 
Vincent, 1759) and made it a household word: "il faut encore mettre sous ce titre [du delire 
melancolique] lunostalgie, qu'omLppe\\Qcommun&m&nt la maladiedu pays, quoique le desir 
de revoir sa patrie soit souvent tres-raisoimable" (p. 215). 

I owe this idea to my friend, Annunziata Campa, of the Universita di Pisa, who 
presented it in a paper "Axiologia del lenguaje en la escritura femenina: En cualquier lugar 
de Marta Traba," at the I Congreso Intemacional de Hispanistas, held in MelUla (Spain) 
on June 26-30, 1995. 



12 LUIGI MONGA 

Latin document written in 6th-century France trepalium meant a "place of punish- 
ment"). From "to put to torture," "to vex" or "weary oneself," trepeil eventually 
developed in English the meaning of "travel" ; in some neo-Latin languages {travail, 
trabajo, tmbalho, treball) it retained the sense of "labor," replacing ouvrer,^^ 
whereas in Italian travaglio (as in English travail) still implies deep mental stress 
or even the "labor" of childbirth." 

The binomial combination travel/travail is explicitly expressed in Ben Jonson's 
poem to William Roe, who was about "to go / Countries and climes, manners and 
men to know": 

This is that good Aeneas, passed through fire, 
Through seas, storms, tempests; and embarked for hell, 
Came back untouched. This man hath travailed well.^" 

A corollary of Biblical and mythological narratives, travel, as we have seen, 
implies a punishment, in a form of banishment from what used to be one's home. 
It is a form of exile, a separation which requires abandoning a part of oneself in 
order to rebuild a new, better self. The "penance of travel" set upon Cain, wander- 
ing about after his fratricide, started when Adam was chased from the Earthly 
Paradise {Gen. 3:23). Like Adam, we have to move from voluptas to dolor in 
order to make a living "in sudore vultus" {Gen. 3, 18). The semantic field of this 
kind of travel is connected to the above-mentioned evolution of the verb peregrina- 
ri. It involves a pessimistic view of the instability of human life, specifically, in 
Christian texts, the attempt to reach a final goal. It is fundamentally tied to the 
"pains and misery" that travel and wandering ofl'er mortals, for 

in life 

there's nothing worse than knocking about the world, 

no bitterness we vagabonds are spared 

when the curst belly rages! {Odyssey, xv; tr. by Robert Fitzgerald) 

An analysis of the terminology of travel will help clarify some fundamental 
concepts related to travel as pilgrimage. Gregory of Nyssa still wrote about wTreX^- 
elv elq 'lepoaoXvfjia (to depart for Jerusalem), but John Chrysostom had already 
used the word a-Kodr^fiCa (a journey) to indicate his pilgrimage to the places where 
Paul had been kept prisoner. Pilgrimage and voyage are thus the same. Far away 



22. The meaning of "pain" does not completely disappear, however. In a short poem at 
the end of his Histoire d'un voyage en terre de Bresil (1599-1600), Jean de Lery addresses 
God, "qui m'[a] [fait sentir] tant de travaux." 

23. On the other hand, voyage, viaggio, viaje comes from the Latin viaticum (traveUng 
money, provision for the trip), through a Provencal form viatge (Old French veiage). 

24. "To William Roe," in Poems, ed. I. Donaldson (London: Oxford University Press, 
1975), p. 74. I owe this quote to my friend William H. Race, of Vanderbilt University. 



Travel and Travel Writing 13 

from his heavenly home, in a state of continuous ^evneCa (estrangement, depayse- 
ment, from let'og, foreigner),^^ the pilgrim starts his voyage towards the heavenly 
Jerusalem, his true home. His itinerary is similar to the exodus of the Jewish people 
towards the Promised Land. It is an individual's pilgrimage as well as the voyage 
of the entire Church as God's people, an itinerary from the hie et nunc towards 
a final place which can be reached only through a penitential journey. 

Only in the 5th century peregrinus Sind peregrinatio come to m^sin pilgrim and 
pilgrimage, as we intend them today. One of the first occurrences happens in the 
Itinerarium Egerice (8, 4), written, probably, in the early 5th century. In the 
following century, with the Itinerarium Antonini Placentini, the modem meaning 
of this term has finally become a part of the common language, revealing, at least 
implicitly, the popularity of this custom among the Christians. ^^ 

The universality of the idea of the voyage as penance and purification is clear 
in eastern religions as well. Buddhism invites its faithful to visit four sacred places, 
and Islam preaches the pilgrimage to the Ka'ba (al-HajJ) and to the holy tombs 
throughout the Islamic world. In addition, Muhammad explicitly enjoined traveling 
to search for religious knowledge Qiadith). The notion that travel purifies is explicit 
in the charter of Buddliist pilgrimage, the Aitareya Brahmana, with almost 
Rousseauian overtones: "There is no happiness for him who does not travel; living 
in the society of men, the best man often becomes a sinner. ... Therefore wan- 
der."" 

As a corollary, one could even think of the Crusades as an extension of the 
idea of pilgrimage, a "march to Jerusalem," the city of eternal bliss. Spurred by 
a long tradition of pilgrimages to the Holy Land, the Crusades can be considered 
"an armed pilgrimage which was granted special privileges by the Church and 
which was held to be specially meritorious."^* In fact, the technical term for the 
Crusade wsis peregrinatio: Crusades, Crociate, Croisades, Kreuzzug are all words 
coined in the 18th century. 

3. Travel as "A Fool's Paradise": "Error" and "Vagrancy" 

Even the purifying travel is not without abenations, for pilgrimages per se do not 



25. The term is closely connected to the story of Abraham (see in Heb 11:8-10 the New 
Testament interpretation of Gen 12:1). Cf. Dictionnaire de spiritualite, xii, I, 890. 

26. For an impressive documentation on pilgrims and pilgrimages throughout the 8th 
century A.D., see the art. "Pelerinages aux Lieux Saints" in Dictionnaire d'archeologie 
chretienne et de liturgie, xiv, i, 65-174. 

27. Quoted in E. Leed, The Mind of the Traveler, p. 11. 

28. Hans Eberhard Mayer, The Crusades (Oxford: Oxford University Press, 1972), pp. 
14-15. 



14 LUIGI MONGA 

make people holy.^^ Crowds of beggars dressed in rags and pseudo-monks 
begging on behalf of a god had been a commonplace on the roads in Roman 
times. ^ In the Golden Ass the pseudo-Lucian wrote of fake paupers who carried 
the goddess Syria, begging for food and money "through fields and villages," 
mutilating themselves to scare naive peasants into giving generously (35, 37). 
Vagrancy of this sort was frequent in the first centuries of Christianity. Monks 
and pseudo-monks, taking advantage of Christ's order to provide for the indigent, 
abused the charity and naivete of good people. Augustine mentions them with 
horror: 

Tarn multos hypocritas sub habitu monachorum usquequaque dispersit [callidissi- 
mus hostis], circumeuntes provincias, nusquam missos, nusquam fixos, nusquam 
stantes. ... Alii membra martyrum, si tamen martyrum, venditant, alii fimbrias 
et phylacterias suas magnificant, ... et omnes petunt, omnes exigunt, aut sumptus 
lucrosa; egestatis, aut simulatae praetium sanctitatis.'' 

The councils tried unsuccessfully to eradicate this growing plague, ^^ but it would 
spread eventually beyond the Mediterranean area." There is an overwhelming 
streak of morbid curiositas in the medieval world; in spite of monastic rules, chiu-ch 
councils, and Imperial decrees blasting this sin, crowds oi monad vagantes ']om 
professional beggars (cerretani) moving about Europe without a specific goal. 
Throngs of people roam the roads: merchants, colporteurs, vagabonds, itinerant 
monks, runaway religious, poets and troubadours, teachers and college students, 



29. While acknowledging that the pilgrimage to the Holy Land was essentially an act of 
faith ("adorasse ubi steterunt pedes Domini pars fidei est," Episl. XLVii, 2), Saint Jerome 
recognized that it was not a mandatory duty ("non Hierosolymis fuisse, sed Hierosolymis 
bene vixisse laudandum est, quia regnum Dei intra nos est," Epist. LViii, 2). This idea is 
reflected in the old axiom "Qui peregrinantur raro sanctificantur," which underscores the 
moral and spiritual risks to which pilgrims were often exposed, a common complaint of 
reformers of the age of Erasmus (Cf. Luther's An den christlichen Adel [1520] and De 
captivitate Babylonica ecclesice [1520], Tyndale's Obedience of a Christian Man [1528], 
and Erasmus's Peregrinatio religionis ergo [1528]). 

30. Piero Camporesi's introduction to his edition of the Libro dei vagabondi (Torino: 
Einaudi, 1973) is a mine of information, with superb documentation. 

31. De opere monachorum (xxvm), in Migne, Patrologia latina, XL, 575-576. 

32. "Monachi qui sine Ucentia episcopi vagantur, ad propria loca redire coguntur" 
{Decretum Gratiani, quoted in Camporesi, p. xii). Piero Camporesi calls it a tradition of 
crime ("impianto a delinquere"): small groups of followers of this religio mendicans, 
fraternities of beggars, bands of ahnsmen, often alternating their sohciting with periods of 
orgy and debauchery. 

33. In a letter to Irish bishops. Pope John xxii mentioned the need to take serious 
disciplinary measures against "nonnuUos fratres mendicantes et ahos clericos subvertentes 
populum Ibemie a devotione regis et persuadentes eis mala facere" (quoted by L. Fumi, 
Eretici e ribelli nell'Umbria. Todi: Atanor, s.d., p. 13). 



Travel and Travel Writing 15 

courriers, healers, real pilgrims, gypsies, craftsmen, and parasites.^ 

This libido currendi could be considered an essential aspect of the plot of the 
chansons de geste and medieval romance. Their heroes move about without a 
precise geography, without specific chronological and topographic landmarks , as 
unrealistic characters whose movements are punctuated by stilted formulas. The 
journey itself never receives much attention;^' it could even be reduced to a 
metaphor, as Virginia Woolf wrote about Sterne's Sentimental Journey, "the road 
was only through his own mind, and his chief adventures were not with brigands 
and precipices, but with the emotions of his own heart. "^* 



34. "La mobilite des hommes du Moyen Age a ete extreme, deconcertante", wrote J. Le 
GoU {La Civilisation de V Occident medieval. Paris: Artaud, 1965, p. 172). And, according 
to a 13th-century Italian poem, the "Detto del gatto lupesco," "... uomini vanno / ki per 
prode e ki per danno, / per lo mondo tuttavia" (in Poeti del Duecento, ed. G. Contini. 
Milano-NapoU: Ricciardi, 1960, II, 288). Camporesi detailed this world: "dei giudei erranti 
e maledetti (e naturahnente dei loro falsificatori), dei mendicanti veri e dei mendicanti falsi 
(la gueuserie), delle congreghe di ciechi, degU storpi, degli attratti, dei lebbrosi, dei 
mercenari e dei soldati che andavano alia guerra o che dalla guerra ritomavano (o dicevano 
di ritomare), degli scampati dai pirati e dagli infedeli, dei servi fuggiaschi ..., i fuggitivi 
colpiti dal bando (i bannis), gli uomini dediti alia rapina e al furto {caimans, marauds), le 
bande di soldati sbandati che vivevano alle spalle della gente dei campi {belitres), gU 
essorilles (malfattori e delinquenti recidivi che avevano avuto mozzate le orecchie dal 
camefice), 'larrons, mendiants, espieuxdechemin, ravisseursdefemmes, violeursd'Eglise, 
tireurs a I'oye, joueux de faulx dez, trompeurs, faux monnoyeurs, malfaicteurs et autres 
associez, recepteurs et comphces' ...; e poi autentici disoccupati, affamati, gente senza un 
vero mestiere. E infme, a partire dai primi decenni del Quattrocento, gli zingari; venivano 
poi gU artigiani e i lavoratori itineranti: tessitori, calderai, seggiolai, arrotini, impaghatori, 
muratori, i maestri e gli apprendisti delle arti mobih, e tutta la schiera innumerevole degli 
artigiani stagionali che abbandonavano le loro terre e le loro vallate per esercitare il mestiere 
in stagioni brevi o lunghe in altri paesi e comrade, ed ogni gruppo col proprio linguaggio 
'corporativo' o gergo segreto (la lingua occulta), con gU abiti-divisa (o con gU abiti- 
travestimento), coi suoi santi, le sue cantilene e sahnodie, le sue pentole, i suoi sogni; e 
le strade con le taveme, le locande invitanti sotto I'insegna e il mazzo d'agrifogho, i ponti 
coi loro custodi, le porte delle 'terre', gh ospizi, le abbazie, i conventi, i cenobi, le 
foresterie, gli ospedali dei poveri e dei pellegrini" (Camporesi, p. xxm-xxiv). 

35. "The journey is a pre-verbal notion which convention (or epic 'grammar') associates 
with a network of details [which are] in turn associated with various lexical items and 
grammatical constructions. ... The most important aspect of the code is the combination 
of details and the diverse effects these combinations may have" (E. A. Heinemann, "The 
Motif of Journey in the Chanson de Geste," in H. SchoUer, ed.. The Epic in Medieval 
Society : Aesthetic and Moral Values. Tubingen: MaxNiemer, 1977, pp. 178-192). See also 
John Stevens's Medieval Romance: Themes and Approaches (London: Hutchinson University 
Library, 1973), pp. 148-151. Even in the fabliaux travel is "un pretexte, une entree en 
matiere, ... car il arrive quelque chose quand les heros sont arrives quelque part, et pas 
avant" (Marie-Therese Lorcin, "Les Voyages ne forment que la jeunesse, ou Le voyageur 
et I'etranger dans les fabliaux," in Voyage, quite, pelerinage dans la litterature et la 
civilisation medievales. Aix-en- Provence: Editions CUER, 1976, p. 465). 

36. The Common Reader. Second Series (London: Hogarth Press, 1935), p. 80. 



16 LUIGI MONGA 

Erasmus ridiculed the pilgrims he encountered during his travels: 

superstitiosus et immodicus quorundam aflfectus, qui summam pietatem esse ducunt 
vidisse Hierosolymam; et hue per tantum terrarum marisque spatia currunt senes 
episcopi, relicto grege, qui curandus erat, hue viri principes relicta familia ac 
dictione, hue mariti, relietis domi Hberis et uxore, quorum moribus a pudicitiac 
neeessarius erat custos, hue adolescentes et fceminae, non sine gravi discrimine 
morum et integritatis.'^ 

Rabelais poked fun at pilgrimages, "otieux et inutilles voyages" (Gargantua, 
XLV), seeing them as harmful and contrary to the most basic laws of economics 
and household propriety. After all, the morals of the pilgrim's wife could be at 
stake while he is absent. 

If, according to Emerson, "travelling is a fool's paradise," for "the rage of 
travelling is a symptom of deeper unsoundness,"^* nonetheless, travel for travel's 
sake has always been popular. Wandering can even be a way to open one's ears 
and relax one's spirit while looking for the elusive Tao of oriental philosophy. 
Ming Liaotse, a cultured vagabond who lives a happy, carefree, almost contem- 
plative life, is glorified in 16th-century China by T'u Lung (also known as T'u 
Ch'ihshui): 

I go forth with a friend who loves the mountain haze. ... And we two go begging 
through cities and through hamlets, at vermilion gates and at white mansions, 
before taoist temples and monks' huts. ... The tone of our begging is humble, but 
not tragic. If people give, we leave them, and if peole don't give, we also leave 
them; the whole object being merely to forestall hunger. If some people are rude, 
we take it with a bow. ... 

We travel without a destination and stop wherever we find ourselves, and 
we go very slowly, ... and when we are enchanted with the springs and white 
rocks and water fowls and mountain birds, we choose a spot on a river islet and 
sit on a rock, looking at the distance. 

... If it is willed that our days are numbered, then there our journey ends. 
But if we escape it, then we go on as before. '' 

Meanwhile, 16th-century Europe witnessed the urbanization of a feceless mass 
of disenfranchised people, 

esa masa constituida a base de moriscos, campesinos emigrantes (sin tierras) que 
fuian a la ciudad, desempleados de toda laya, esclavos negros y blancos (moros 



37. "De militate colloquiorum" in Opera omnia (Amsterdam: North-Holland, 1972), I, 
m, 742. 

38. Ralph Waldo Emerson, "On Self-Reliance," 2-3. 

39. See "The Travels of Ming Liaotse" in Lin Yutang, The Importance of Living (New 
York: Reynal & Hitchcock, 1937), pp. 341-342. 



Travel and Travel Writing 17 

apresados) , esclavos y esclavas 'criollos ' (negros nacidos en America y reimporta- 
dos), libeitos, vagabundos, mendigos (verdaderos— los menos— y simulados— los 
mas—), rufianes, matones, picaros, ladrones, prostitutas, chulos y guardianes 
('padres') oficiales demancebias (hombres y mujeres, reglamentados y aprobados 
por el Ayuntamiento).'*° 

This mass movement developed into a literary representation of the life and adven- 
tures of picaros roaming the world while crossing various social classes/' The 
following inventory by Cervantes brings back Augustine's catalog of vagantes as 
a constant in western civilization: 

iO picaros de cocina, sucios, gordos y lucios; pobres fingidos, tuUidos falsos, 
cicateruelos de Zocodover y de la plaza de Madrid, vistosos oracioneros, esporti- 
lleros de Sevilla, mandilejos de la hampa, con toda la caterva innumerable que 
se encierra debajo deste nombre picarol*^ 

Geographical accuracy is not of paramount importance in picaresque literature: the 
subject is still an "interior" journey. Lazarillo de Tormes (1554), one of the first 
novels of this geme, is the forerunner of Guzmdn de Alfarache by Mateo Alem^ 
(1599) and El Buscdn by Francisco de Quevedo y Villegas (1626). Francisco L5pez 
de Ubeda's La picara Justina (1605) and Alonso Jer6nimo de Salas Barbadillo's 
La hija de Celestina (1612) show the acceptance of a female character. In England 
we have Thomas Nashe's The Unfortunate Traveller, or The Life of Jack Wilton 
(1594), and in 17th-century France "I'instabilitf des choses du monde"^^ is the 
leit-motiv of a series of "road novels" , among which can be counted Charles Sorel's 
L 'Histoire condque de Francion ( 1 622) , Paul Scarron ' s Le Romant comique (1651), 
and Antoine Fureti^re's Le Roman bourgeois (1666). This genre will continue 
through the 18th century in England and France, from Defoe's Moll Flanders 
(1722) and Fielding's Tom Jones (1749) to Lesage's Gil Bias (1715-1735), 
y[2inv2M\'s,Le Pay san parvenu (1734-1735), and Voltaire's biting Candide {\1 59)\ 
even Dickens's P/cmc^ Papers {\^3Z-\%1)9) can be accommodated in this category. 
We can find a relationship between the variety of what is observed in the course 
of traveling and the variety of life itself. Again, in most of these novels the 
itinerary is only a metaphor of the individual's struggle for survival and his spiritual 
evolution. Guzmdn' s Rome, for example, is just a symbolic haven for pkaros from 



40. Juan A. Ortega y Medina, El conflicto anglo-espahol por el dominio ocednico (siglos 
XVI y XVII) (Malaga: Editorial Alcazara, 1992), p. 71. 

41. Didicr SouUlitr, Le Roman picaresque (Pahs: P.U.F., 1980). 

42. Cervantes, "La ilustre fregona,"in Novelas ejemplares, ed. H. Sieber (Madrid: Catedra, 
1994), II, 141. 

43. Charles Sorel, Histoire comique de Francion (I) in Romanciers du xvif siecle, textes 
presentes et annotes par A. Adam (Paris: Gallimard, 1958, p. 91). 



18 LUIGI MONGA 

around the world, as a critic has remarked: 

La truandaille y vit a Tombre des basiliques, accroupie aupres des benitiers, dans 
les chapelles frequentees par les pelerins, dont la charite s'emeut au repugnant 
spectacle des plaies et des chancres si habilement imites que les medecins memes 
s'y trompent.'" 

Last but not least, and a world apart, we find Giacorao Casanova de Seingalt, 
undoubtedly a high-class bohemien, always "on the road" for no specific reason 
other than traveling. His autobiography'''^ reads as a picaresque novel of gambling 
and seduction: a well-dressed and affluent runaway, surrounded by the most 
beautiful people of the international high society, Casanova is, for most of his life, 
the symbol of foolish restlessness. Restless, that is, until life's cruel contrappasso 
forces him to settle down in Count Waldstein's library, ironically, in a Bohemian 
castle. 

Picaros, bohemiens, hoboes and poets share the same desire for an escape that 
cannot be defined exclusively in geographical terms: "Je ne suis jamais bien nulle 
part, et je crois toujours que je serai mieux ailleurs que la ou je suis" sighs 
Baudelaire,'** followed by Gabriel Mir6: "jOh, hasta veia lejos otros barcos y 
entonces apetecia ir donde no iba!""^ Lonely, "ao volante do Chevrolet," Fernan- 
do Pessoa's alias, Alvaro de Campos, keeps driving aimlessly on deserted roads 
"por outro sonho, por outro mundo, / ... e que raais haverl em seguir senao nao 
parar mas seguir?""^ 

More recently, Saul BeWo^s's Adventures ofAugie March (1953) has shown 
a similar attempt to escape from traditional constraints and conventions. Similarly, 
Jack Kerouac's characters (On the Road, 1957, Dharnia Bums, 1959) set forth into 
a series of restless, frantic trips across America, searching for an elusive locus 
amoenus, soon imitated by a throng of followers, poets, hipsters, mystics, and 
eccentrics, in love with life and beauty, sex, drugs, and speed. ''^ 



44. M. Molho, "Introduction a la pensee picaresque" in Romans picaresques espagnols 
(Paris: Gallimard, 1968), p. LV. 

45. Histoire de ma vie (Wiesbaden-Paris: F. A. Brockhaus-Plon, 1962). 

46. "Le Spleen de Paris," xxxi. To a certain extent, there is a picaresque component in 
every travel; even Montaigne, who would not be accused of this weakness, cannot always 
justify his wanderings ("Je sgay bien ce que je fuis, mais non pas ce que je cherche," Essais, 
III, 9). 

47. Obras completas (Madrid: Bibhoteca Nueva, 1969), p. 595. 

48. See below Jaime Ferran, "Viaje y literatura," pp. 65-70. 

49. "I've always wanted to get as far as possible from the place where I was bom. ... The 
farther away 1 go, the happier I am," said a great traveler {Conversations with Paul Bowles, 
ed. G. Dagel Caponi. Jackson: Univ. Press of Mississippi, 1993), p. 90. 



Travel and Travel Writing 19 

4. Travel as Pedagogy: Education and Experience 

The Renaissance did not introduce travel as a pedagogical tool; meeting other people 
and observing different Nvays of Ufe had always been a corollary to learning. Except 
for Plato, who allowed only mature individuals to leave their country so that the entire 
conmiunity would benefit from their experience,'" most philosophers have insisted 
on the importance of traveUng for the institutio puerorum. For Renaissance writers 
the role of travel was fundamental in the institutio principis as well as in the formation 
of the honneste homme. Beyond the utilitarian function of gathering strategical details 
of a territory,^' the social and poHtical organization, ancient and recent history, and 
personality of local rulers, the ideal man's discretione'^ grows through the uninterrupt- 
ed learning of lessons that travel offers. This honneste homme is only the result, the 
sum of what he has observed abroad (Essais, i, 26; in, 8): "quaeque ipse miserrima 
vidi / et quorum pars magna fui" (/En. II, 5-6, echoed by Teimyson, "I am a part 
of all that 1 have met," "Ulysses," 5). 

For it is abroad that the traveler finds the cultural oppormnities to learn: "Here 
let us breathe, and haply institute / A course of learning and ingenious studies," 
exclaims Lucentio arriving in Padua with his servant'^ to complete a comprehen- 
sive curriculum studiorum akin to what Joachim du Bellay had proposed: 

Je me feray s?avant en la philosophie, 
En la mathematique et medecine aussi; 



50. Fearing bad influences on young travelers, Plato forbids any travel before the age of 
40. He accepts, however, the pedagogical value of travel, provided that travel be mediated 
by a mature tutor, knowing well that a state needs to confront itself with other states in order 
to achieve "an adequate level of maturity and civiUsation" {Laws, xii, 950-951). We find 
numerous auctorilales in the first few chapters of Turler's De peregrinatione (cited in its 
EngUsh translation. The Traveller. London: H. How, 1575) and in Montaigne's essay "De 
r institution des enfans" (I, 26). 

Adam Smith follows Plato's negative approach to travel as a means of perversion: "A 
young man who goes abroad at seventeen or eighteen ... commonly returns home more 
conceited, more unprincipled, more dissipated, andmore incapable of any serious appUcation 
either to study or to business than he could well have become in so short a time had he Uved 
at home" (Wealth of Nations, v, 1). 

51. In his L 'arte de la guerra and Discorsi sopra la prima Deca MachiaveUi underscores 
the strategic importance of observation for the young traveling aristocrat. In the Principe 
he assumes that the ruler has learned in his youth the basic notions of geographic strategy: 
" ... e parte imparare la natura de' siti e conoscere come surgono e monti, come imboccono 
le valle, come iacciono e piani, ed intendere la natura de' fiumi e de' paduU; e in questa 
porre grandissima cura" (xiv). 

52. Baldesar Castighone, // Cortegiano, iv, 18; ii, 12-13. 

53. W. Shakespeare, The Taming of the Shrew, I, I, 8-9, and also "Such wind as scatters 
young men through the world / To seek their fortunes farther than at home / Where small 
experience grows" (I, n, 48-50). 



20 LUIGI MONGA 

Je me feray legiste, et d'un plus hault souci »i ' , ;h." 

Apprendray les secrets de la theologie; 

Du luth et du pinceau j'esbatheray ma vie, '■^^' 

De Tescrime et du bal. ... (J. Du Bellay, Les Regrets, xxxn) 

For Montaigne, the ultimate Renaissance traveler, a journey is both the best way 
of "reading" the book of nature, "le livre de mon escholier" (Essais, I, 26), and 
the means of confronting one's attitude with enriching approaches and perspectives: 

Le commerce des hommes y est merveilleusement propre, et la visite des pays 
estrangers, . . . pour en rapporter principalement les humeurs de ces nations et leurs 
fa?ons. ... 

Le voyager me semble un exercice profitable. L'ame y a une continuelle 
exercitation a remarquer les choses incogneues et nouvelles; et je ne sQache point 
meilleure escholle ... a former la vie que le luy proposer incessamment la diversite 
de tant d'autres vies, fantaisies et usances, et luy faire gouster une si perpetuelle 
variete de formes de nostre nature. (Essais, I, 26; ill, 9) 

Following Plato's tenets, Baltasar Gracian advised the prudent to spend the "second 
act" of his life in travel. His ideal man 

busco y gozo de todo lo bueno y el mejor del mundo. ... Trasego, pues, todo el 
universe, y paseo todas sus politicas provincias: la rica Espafia, la numerosa 
Francia, la hermosa Inglaterra, la artificiosa Alemania, la valerosa Polonia, la 
amena Moscovia, y todo junto en Italia. (El discreto, ch. xxv)^ 

Whether or not travel is advisable for the young person. Renaissance writers of 
all countries agree that it broadens the mind. Graci^n's point is echoed by, among 
others, Kirchner, Bacon, Cervantes, and Robert Greene: 

All wits, whatsoever naturall instinct of towardness they have, do waxe dull and 
even die, being included within the narrow bounds of their domesticall seats and 
... there is no dulnes of mind, no darkenes so great which is not in a manner 
kindled with the course of travels, and in all respects made more cleere and 
vigorous." 



54. An important corollary to the Bildungreise is the exchange of ideas which took place 
among medieval and Renaissance travehng scholars: "The first important channel through 
which Italian humanism spread abroad was what we now like to call the exchange of 
persons. Many foreigners had occasion to visit Italy and to get acquainted with humanist 
learning, depending on their stay, and on the range of their intellectual interests" (O. 
Kristeller, "The European Diffusion of Itahan Humanism" Italica, XXXK [1962], 2). Peter 
Burke called this method of exchange "the most direct and personal means of diffusing 
humanism" ("The Spread of Italian Humanism" in A. Goodman and A. Mackay, The Impact 
of Humanism on Western Europe. London-New York: Longman, 1990, p. 3); see also Angel 
Gomez Moreno, Espahayla Italia de los humanistas (Madrid: Gredos, 1994), pp. 296-314. 

55. H. Kirchner, "Oration on Travel," quoted and translated by Thomas Coryate in the 
preface to his Crudities (Glasgow: MacLehose, 1905 [reprint]), I, 129. 



Travel and Travel Writing 21 

Travel in the younger sort is a part of education; in the elder, a part of experience. 
(Essay xviu, "On Travel") 

El andar tierras y comunicar con diversas gentes hace a los hombres discrelos. 
... al famoso griego Uamado Ulises le dieron renombre dcprudente por solo haber 
andado muchas tierras y comunicado con diversas gentes y varias naciones. 
(Cervantes, Novelas ejemplares, "El coloquio de los perros")^^ 

We may be surprised to find only a limited nimiber of 16th-century aphorisms 
on travel and its merits. Proverbs are bom out of well-known experiences , rooted 
in the legacy of a tradition, and the habit of traveling for knowledge was barely 
starting in the Renaissance.^^ The voyage d'ltalie was still considered by many 
as a morally dangerous task. In 1566 Henri Estienne unlashed his wrath against 
the risk of losing one's values in Italy, a country dominated by sodomy and 
duplicity.''^ Roger Ascham, a British himianist who acknowledged being "almost 



56. "For, since experience is the greatest parte of humane wisedome, and the same is 
increased by traveil, I suppose ther is no man will deney, but that a man may become the 
wiser by travelling" (Turler's Preface to The Traveller). "Je me plais a etudier I'homme 
en voyageant," was Casanova's confession to Voltaire (Histoire de ma vie, VI, x. Paris: 
Plon, 1960, ni, 227). Emerson, however, emphasized the wisdom of avoiding what he 
called "the superstition of travelling": "the wise man stays at home, and when his necessi- 
ties, his duties, on any occasion call him from his house, or into foreign lands, he is at home 
still, ... and visits cities and men like a sovereign, and not like an interloper or a valet" ("On 
Self-Reliance," 2). 

57. We have been able to identify only a few 16th-century proverbs related to travel. A 
few quotations from Classical authors keep reappearing in many journals: "Hominum natura 
novitatis ac peregrinationibus avida est" (Pliny, Natur. hist. , xvii, x, 12); "Vectatio iterque 
et mutata regio vigorem dant" (Seneca, De tranquill., xvii, 8). A passage from the 
Ecdesiasticus (34:9), the book of the Bible also known as Sirach, which in the Vulgate is 
rather bland ("Vir in multis expertus cogitabit multa"), is sometimes translated as "A man 
that hath travelled knoweth many things." Moryson has a small selection of proverbs for 
the traveler, taken from John Florio's popular textbook, the Second Frutes (London: 
Woodcock, 1591): "Se vuoi esser viandante et andar salvo per il mondo, habbi sempre et 
in ogni luoco occhio di falcone per veder lontano, orecchie d'asino per udir bene, viso di 
[sjcimia per esser pronto al riso, bocca di porcello per mangiar del tutto, spalle di camelo 
per portar ogni cosa con patientia, e gambe di cervo per poter fuggire i pericoU" (p. 92). 
Another series of texts can be found in Georgius Loysius's Pervigilium Mercurii, in quo 
agitur de prcsstantissimis peregrinantis virtutibus (Curiae Variscorum [Regensburg] : 
Pfeilsmidt, 1598), a collection of proverbs, published in Germany (also in 1600), and 
included as an appendix to Heinrich Rantzau's Methodus apodemica (1608), Gottfried 
Hegenitius's Itinerariumfrisio-hollandicus (1661 and 1667), and Thomas TheodorCrusius's 
De eruditione comparanda (1699). In English we find two proverbs, "Travaile fulleth the 
man: he hath liv'd but lockt up in a larger chest, which hath never scene but one land" and 
"Travel makes a wise man better, but a fool worse" (Owen Feltham, Resolves. London: 
Scile, 1628, p. 251). 

58. Apologie pour Herodote, ch. xm and XXXEX. See also the essay by Gabriel Maugain, 
"LTtalie dans V Apologie pour Herodote" in Melanges ojferts a M. Abel Lefranc (Paris, 
1936), pp. 378-392, who defines Apologie as an "un arsenal de fleches empoisonnees, 



22 LUIGI MONGA 

an Italian [himjself," stirred the anti-Italian London milieu: Italy could only oflFer 
a vast assortment of sundry vices. ^^ 

In the final analysis, however, the traveler abroad can only discover his own 
foreigimess.^ He may try to open up to the new ambiance that surrounds him, 
to integrate himself slowly and to varying degrees. He may be prepared by the 
reading of treatises on travel. Some of these works accept without questioning the 
diversities of people and countries; using a methodology comparable to the synec- 
doche of classical rhetoric, these texts accept with a scientific assurance some of 
the generalizations that our "politically correct" society attempts to avoid. Renais- 
sance philosophers believe that difl'erences among ethnic groups are founded upon 
the "nature" of nations, something that allows them to classify countries just like 
individuals, according to pre -set schemes: "Itali prudentes, GaUi mansueti, Germani 
cauti. ... in oratione, Germani sunt aperti et graves, Hispani culti et jactabundi, 
Galli blandi, Itali versuti," writes Georgius Loysius.*' Justus Lipsius, like many 
authors of manuals for the traveler, is happy to provide his pupil, Philippe Lanoye, 
with a panoramic view of the most common faults of each country. ^^ 

Driven, like Montaigne, by "cette humeur avide des choses nouvelles et 



reunies contre les Italiens et surtout contre leur clerge." Lionello Sozzi offered a detailed 
analysis of this problem in "La Polemique anti-italienne en France au xvi^ siecle," Atti 
dell'Accademia delle scienze di Torino, cvi (1972), 99-190. 

59. See, besides Ascham's The Scholemaster (1570), Thomas Nash's Pierce Penniless, 
his Supplication to the Divell (1592); Howell's Instructions for Forreine Travell (1642); 
Clare Howard's English Travellers of the Renaissance (London: John Lane, 1913), and my 
introduction to Isaac Basire's Travels through France and Italy (1647-1649) (Geneva: 
Slatkine, 1987). The anti-Italian spirit which flourishes in the second half of the 16th century 
does not prevent dozens of young Englishmen from starting a southbound voyage, and to 
get transformed into those "Italianfyd Inglischemane, " that Thomas Howard, Due de Norfolk 
hated so deeply. 

60. We shall see that Montaigne is always an exception to the general rule. In Padua he 
had met "plus de cent gentilshommes Francois," which in his opinion prevented young 
people from "acquerir des cognoissances estrangieres"; in Rome he was upset "de trouver 
si grand nombre de Francois qu'il ne trouvoit en la rue quasi personne qui ne le saluast en 
sa langue" (Journal de voyage en Italie, ed. Francois Rigolot. Paris: P.U.F., 1992), pp. 
66-67, 91. See Jean Delumeau's "Contribution a I'histoire des Fran?ais a Rome pendant 
le XVI* siecle," Melanges d'archeologie et d'histoire, LXiv (1952), 249-286. 

61. Pervigilium Mercurii, n" 164. See the ch. "On the opinions of old writers, and some 
proverbs which I observed in forraigne parts ... " in F. Moryson's Itinerary, pp. 37-54. 

62. "Ut hominibus singuUs, sic popuUs suae laudes, suaj labes. GalUam ecce cogitas? 
levitatem et vanitatem. ... Italiam? proterviam in ea et libidinem. Hispanias? typhum 
quemdam et Africanum fastum. Germaniam? comessationes et ebrietatem" (Letter no. 22 
of 3 Avril 1578, in Opera omnia. Vesahae, 1675, ii, 32). See an example of this schematic 
approach in sonnet LXvm of Du Bellay's Regrets: "Je hay du Florentin I'usuriere avarice." 



Travel and Travel Writing 23 

inconnues" (in, 9), an "honeste curiosit6 de s'enqu6rir de toutes choses" (I, 26)," 
whatever is "digne d'estre escript," or simply pushed by "la faim extreme de voir" 
{Journal, p. 71) or "le desir de veoir" people and things," the good traveler is 
willing to suffer all sort of pains in order to return home "plein d'usage et 
T2i\son'" {Les Regrets, xxxii). He will plunge into the outer world "pour frotter et 
limer [sa] cervelle contre celle d'autruy"^* or, more prosaically, "[pour ouyr] le 
son de bien d'autres closches que de celles de son pays."^^ This process of 
discovery, which is often geared to prepare the young man for a political career 
at the service of his country, ^^ gives him a definite pleasure, ^^ for the "faim," 
the burning "envy de voir" (p. 90) is a "plaisir ... si doux" (p. 60). And so, like 
Erasmus, he can dream nostalgically of the soft light of Rome, her rich libraries, 
the scholarly conversations with his friends: 

Non possum non discrutiari Romanae urbis desyderio, quoties animo recursat quam 
libertatem, quod theatrum, quam lucem, quas deambulationes, quas bibliothecas, 
quam mellitas eruditissimorum hominum confabulationes , quot mei studiosos orbis 
proceres relicta Roma reliquerim!*^ 



63. Sieur de La-Boullaye-Le-Gouz underscored "la curiosite de voir et apprendre les 
coutumes estrangeres pour les conferer avec celles de France et en juger sans passion" {Les 
Voyages et observations ... Paris: Clousier, 1657, p. 13). Montesquieu acknowledged that 
"quandj'ai voyage dans les pays etrangers je m'y suis attache comme au mienpropre" {Mes 
pensees in CEuvres completes. Paris: Gallimard, 1949, I. 976). 

64. Discours viatiques, cit., p. 47 and passim; Villamont used the same expression, "le 
desir qu'avions de voir tousiours choses nouvelles" {Voyages, P 54v). 

65. Essais, ill, 9. Half a world away from Montaigne, and a few years after the death of 
the French philosopher, Baisho, a Japanese poet and traveler wrote: "One of the greatest 
pleasures of traveling was to find a genius hidden among weeds and bushes, a treasure lost 
in broken tiles, a mass of gold buried in clay, and when I did find such a person, I always 
kept a record with the hope that I might be able to show it to my friends" ("The Records 
of a Travel-worn Satchel" in The Narrow Road to the Deep North and Other Travel 
Sketches. Hammondsworth: Penguin, 1966, pp. 86-87). 

66. Voyage d'ltalie (1606), ed. Michel Bideaux (Geneva: Slatkine, 1981), p. 42. 

67. Here is GeorgiusLoysius's definition: "est autemperegrinatio nihil aUud quam studium 
perlustrandi terras exoticas et insulas, ab homine idoneo suscipiendum ad artem vel ea 
acquirenda quaj usui et emolumento patriae vel Rei esse pubhcae possunt" {Pervigilium 
Mercurii, n° 3). 

68. "Habet multum iucunditatis soli caelique mutatio ipsaque ilia peregrinatio inter sua" 
(Pline, Epist., m, xix, 4). 

69. Erasmus's letter to Cardinal Raffaele Riario, n" 333, of 15 May 1515. Fifteen years 
later Erasmus wrote from Fribourg: "Interdum cogito Italiam, sed pudet senem peregrinari. 
Arrisit enim coelum Patavinum, delectavit Italiae gentis humanitas" (n" 2328, 14 June 1530). 
Meeting scholars and college professors was a fundamental activity for the intelligent traveler 
of the Renaissance: "tria ita egressus iterque ingressus, peregrinantem decet in unaquaque 
urbe vel Academia celebri inquirere et indagare de doctis viris et professoribus. Si itaque 



24 LUIGI MONGA 

Once more, conceptualizing this kind of travel through a semantic analysis may 
be helpful. It could be useful to extrapolate from the etymology of words related 
to the traveler who has become "del mondo esperto'' {Inf. xxvi, 97-98).™ 

The word "experience" is tied to "danger. " In Latin, periculum is synonymous 
for expert mentum. Forcellini (Totius Latinitatis Lexicon) translates periculum as 
"esperienza, prova, cimento, s^iggio" \ periculum evolves towards "danger," while 
experimentum, in Latin jurisprudence, means exactly "trial." This word comes from 
an archaic verb *perior (to try), and is related to the Greek verbs ireipo) (to cross), 
ireLpdo) (to try), and Tretpd^w (make trial): the cycle, from dangerous motions to 
judicial trial and finally to travel, is complete.^' The *per/*fer root has given 
experimentum and periculum, the adjective pen'/wj^ and Germanic/ Anglo-Saxon words 
such as erfahren (to learn), fern (distant), Fahrt (voyage), Erfahrung (exploration), 
bewandert {T^m^c\tn\),fare, and fear. ^^ 

It is precisely the personal experience the element that marks most indehbly the 
voyager, as it did Ulysses," the hero of Homer ("Many were the men whose cities 
he saw and whose minds he learned"), Horace ("multorum providus urbes et mores 
hominum inspexit"), Dante ("del mondo esperto / e de li vizi umani e del valore"), 
and Tennyson ("I cannot rest from travel"): 

For always roaming with a hungry heart 

Much have I seen and known— cities of men 

And manners, climates, councils, governments ... ("Ulysses," 12-14) 



tales qui possunt studiis vel peregrinationi prodesse, hos adeat, audiat, consulat et e sacris 
istis pectoribus ore hianti bibat vere peregrinationis et abditae doctrinae fontes" (Georgius 
Loysius, Pervigilium Mercurii, n" 8). 

On the Roman "Ught," "cette lumiere qui semble ideale et plus belle que nature," see 
Chateaubriand's Lettre a M. de Fonlanes sur la Campagne romaine, ed. J.-M. Gautier 
(Geneva: Droz, 1961), pp. 6-7. 

70. This impulse to follow "virtude e conoscenza," two virtues that qualify a human 
territory, as opposed to the "brutish" throng of individuals, have become typical of the 
portrayal of Ulysses, who is "strong in will / To strive, to seek, to find, and not to yield" 
(Tennyson). 

71 . In the language of Free-Masons, "voyage" was "une epreuve que Ton fait subir a ceux 
qui veulent entrer dans I'ordre, ainsi qu'aux adeptes qui veulent passer d'un grade inferieur 
^ un grade superieur" {Grand Dictionnaire Larousse du Xixf siecle, s.v. "voyage"). 

72. We find interesting semantic suggestions in another travel/writing-related word: "dis- 
course" comes from dis + currere, which in Old English had kept its original meaning of 
"running to and fro" and "crossing" (as in crossing a river, see the Greek verb Treipw, 
above). Eventually, the metaphorical, abstract concept of "moving from premises to a 
conclusion" took over in many modem languages. 

73. "The fame Ulysses won was not by the ten years ye leay at Troy, but by the time he 
spent in travel" (Robert Greene, The Card of Fancies, 1587). See also Harold Bloom's 
anthology of interpretations of Ulysses {Ulysses /Odysseus . New York and Philadelphia: 
Chelsea House, 1991) and W. B. Stanford's The Ulysses Theme {Oxford: Blackwell, 1963). 



Travel and Travel Writing 25 

Once he has arrived at his goal, a foreigner among foreigners, distressed by 
homesickness, isolated by his ignorance of the local language and customs,^'' the 
traveler is on his own and, if he so chooses, can join local citizens, with whom 
he may attempt to rediscover his lost identity.^' For the traveler's goal is basically 
the discovery of his own self as much as a quest for knowledge of the outside 
worid, as Michelet recognized after his long tour of Germany in 1842: "Combien 
j'ai voyag6 en Jules Michelet, plus qu'en Allemagne . "^* Unless, of course, he 
is one of those tourists mocked by Montaigne for their superficial approach to 
traveling, those who seem only interested in the statistical approach to the foreign 
reality, such as "combien de pas a Santa Rotonda ou la richesse des calessons de 
la Signora Livia" (Essais, I, 26)." In such case, the travelers' loss of identity, 
if we could still talk about any loss, is a modest one, since it was a superficial 
identity anyway. 

Often, the remming traveler is not a happy one. Back in France, Joachim Du 
Bellay, disappointed, remarked that "souvent mal mont6, mal sain et mal vestu / 
Sans barbe et sans argent on s'en retoume en France" after acquiring "en voyageant 
un sgavoir malheureux" (Les Regrets, LXXXVI and XXK). This epilogue, diat 
marked young Baudelaire's voyage to the Pacific Ocean in 1841 ("Amer savoir 
celui qu'on tire du voyage"), ^^ cannot necessarily be construed as a completely 



74. Fynes Moryson remarked that, among the foreigners in Rome, Germans were the most 
isolated ethnic group, "never attaining the perfect use of any forreigne Language, be it never 
so easy." A German, who was mocked for spending thirty years in Italy without learning 
the language, repUed, without blinking: "Ah lieber, was kan man doch in dreissig Jahre 
lehmen?" (An Itinerary. Londres, J. Beale, 1617, m, I, ch. 2, p. 15). Which was echoed 
by Sebastiano LocateUi, a young priest from Bologna who spent a year among Italians in 
Paris: "In poco piii tempo d'un anno non si puo aprendere gran cose, e massimamente da 
chi sta in compagnia di persone che voghono sempre parlare alia paesana" (Viaggio di 
Francia, 1664-1665, ed. L. Monga. Moncaheri: C.I.R.V.I., 1990, p. 356). 

75. Montaigne, who "estim[ait] tous les hommes [s]es compatriotes" (Essais, m, 9) wrote 
aboute certain Renaissance travelers: "II leur semble estre hors de leur element quand ils 
sont hors de leur village" (Ibid.). These are travelers who, while abroad, "abominent les 
estrangers" and "festoyent [I'lavanture" of finding "un compatriote en Hongrie." As wrote 
Sterne, "an Enghshman does not travel to see EngUshmen" (A Sentimental Journey. 
Harmondsworth: Penguin, 1986, p. 37). It is what Thomas Hoby had wanted to avoid during 
his stay in Italy, in order to achieve "a better knowleg in the tung" and "to goo throwghe 
the dukedom of Calabria by land into Cicilia both to have a sight of the countrey and also 
to absent my self for a while owt of Enghshmenne's companie for the tung's sake" (The 
Travels and Life of Sir Thomas Hoby, ed. Powell. London: The Camden Miscellany, 1902, 
p. 17, 37-38). 

76. Journal, ed. Paul Viallaneix (Paris: Gallimard, 1959), I, 457. 

77. See also Goethe (Italienische Reise, 11 October 1786). 

78. "Le Voyage," 109. There is also a cryptic remark by Thomas Jefferson in a letter to 
J. Bannister, Jr. : "It happears to me that an American coming to Europe for education loses 



26 LUIGI MONGA 

negative result, for the traveler has been marked by his experience in ways that 
he does not always comprehend. Is this not, after all, the same Baudelaire who 
kept dreaming, nostalgically, "d'aller I^-bas vivre ensemble," whose poetry is 
essentially an "invitation au voyage"? 

5. Travel as a Profession and Mission: The Development of Trade 

The happy time in the Earthly Paradise was a time of stasis. Humanity was content 
and did not need to move about in search of outside happiness: 

... un medesmo paese 
dava a le genti e cuna e sepultura.^' 

People of the Golden Age did not know countries other than their own: "Happy 
and peaceful, they lived in their own land with many good things" (Hesiod, Works 
and Days, 118-120, italics mine); "Nullaque mortales praeter sua litora norunt" 
(Ovid, Metam. i, 96). The earth was untouched by hoe or plowshare (i, 101-102) 
and the ship had not begun to carry to "forraine shores or warres or wares ill 
sought" : 

... ne porto peregrino 
guerra o merce a gli altrui lidi 11 plno.^° 

Man was delighted to remain wherever the gods had put him. 

Quam bene Saturno vlvebant rege, priusquam 

tellus In longas est patefacta vias! 
nondum caeruleas plnus contempserat undas, 

elFusum ventLs praebueratque sinum, 
nee vagus Ignotls repetens compendia terns 



In his knowledge, in his morals. In his health, in his habits, and in his happiness" (October 
15, 1785, In Henry S. Randall, The Life ofThotnas Jefferson (New York: Da Capo, 1972 
[reprint]), i, 434. Ironically, there Is also a line of thought that suggests that travel can be 
a successful therapy to help forget one's own set of idees regues: "N'apprends qu'avec 
reserve; — writes H. Michaux — toute une vie ne suffit pas pour desapprendre ce que, naif, 
soumls, tu t'es lalsse mettre dans la tete — Innocent! — sans songer aux consequences" 
(quoted by Adrlen Pasquali, Le Tour des horizons: Critique el recits de voyages. Paris: 
Klmksleck, 1994, p. 26). 

79. Lulgl TanslUo, Canzoniere, ed. E. Percopo (Naples: Artlglanelll, 1926, i, 228); see 
G. Costa, La leggenda dei secoli d'oro nella letteratura italiana (Ban: Laterza, 1972). 

80. Torquato Tasso, Aminta [1573], chorus of Act I, sc. 2. The topos of the ship carrying 
overseas war and trade (including the synecdochal use of pinus for ship) is taken from Ovid 
("Nondum caesa suls, peregrlnum ut viseret orbem, / montibus in llquldls pinus descenderat 
undas," Met. i, 94-95). Battista Guarini echoed it in his // pastor Jido [1590]: " ... 11 
peregrino / va I'altrui terra e '1 mar turbando 11 pino" (Act iv, sc. 9, chorus). The English 
lines are from Samuel Daniel's 1601 translation of the Aminta chorus. 



Travel and Travel Writing 27 

presserat externa navita merce ratem. (Tibullus, I, ill, 35-40). 

Travel, in the last analysis, is an undertaking of unhappy humans, dissatisfied 
with their lot.^' A painful cooperation between the elements and mankind was 
established after the Fall: "Maledicta terra in opere tuo: in laboribus comedes ex 
ea cunctis diebus vitae tuae" {Gen 3:17). Chased from Eden, Adam and Eve 
embarked on life's pilgrimage: 

The world was all before them, where to choose 

Their place of rest ... (Milton, Paradise Lost, XII, 646-647) 

But there was no rest for them, for the Iron Age, our present time, is the age of 
travel and trade ("vela dabant ventis ... fluctibus ignotis insultavere carinae," 
Metam. I, 132, 134). It is the age of Mercury, the god of travelers, traders, and 
thieves: 

Impiger extremos currit mercator ad Indos 

per mare pauperiem fugiens, per saxa, per ignis. (Horace, Epist. I, 1, 45-46) 

Yet not everything connected with travel (and commerce) is intrinsically 
negative, for the journey still represents the victory of the human spirit over the 
limits nature has set. The Arab world revered the merchant's calling.^ In the 
medieval Dit des marcheans, the merchant/poet Phelippot demonstrates that 
merchants will gain eternal salvation because they have risked their life to provide 
their fellow human beings with much needed goods: 

Je di c'on doit les marcheanz 

Deseur tout gent honorer; 

Quar il vont par terre et par mer 

Et en maint estrange pais 

Por querre laine et vair et gris. (11. 11-15)^' 



81. "Telle saison fut bien doree, / En laquelle on se contentoit / De voir de son toict la 
fumee, / Lors que la terre on ne hantoit / D'un autre Soleil allumee" (Ronsard, Odes, V, 
X, 10, 94-98; cf. also Flaminio's "De se proficiscente Neapolim"). 

One could be tempted to mention here the concept of stabilite that Paul Hazard saw 
as the major characteristic of the Age of Louis xiv: "L'esprit classique ... aime la stabilite. 
... Apres la Renaissance et la Reforme, grandes aventures, est venue I'epoque du recueille- 
ment" {La Crisede la conscience europeenne, 1680-1715. Paris: Boivin, 1935, p. 3). See, 
however, Emanuele Kanceff's critique, based on his tally of travel texts of the.4g^ classique 
{"De la stabilite au mouvemenl? 11 problema del 'Viaggio in Italia' nel Seicento alia luce 
della critica" in his Poliopticon italiano. Geneva: Slatkine, 1992, I, 67-83). 

82. "1 commend the traders to you— the Prophet Mohammed once said— for they are the 
courtiers of the horizons and God's trusted servants on earth" (quoted by Zvi Dor-Ner in 
his Columbus and the Age of Discovery. New York: W. Morrow & Co., 1991, p. 17). 

83. In Recueil general et complet des Fabliaux, ed. A. de Montaiglon and G. Raynaud 
(Paris, 1872-1890; Reprint: New York. B. Frankhn, s.d.), ii, 128. 



28 LUIGI MONGA 

It is no wonder that the dichotomy home/abroad reflects other dichotomies, 
safety /danger, travel/travail: 

Ay, now am I in Arden: the more fool I; 
when I was at home I was in a better place: 
but travellers must be content.^ 

Staying at home, like Candide, to "cultiver [s]on jardin" (perhaps after numerous 
adventures) is a corollary of the aurea mediocritas: olkoq ^tXog, oIkoq apLoroc;}^ 
But it leads to a life of dullness and poverty, for business and gain are the moving 
forces in the modem world: 

a le grand'alme, 
di troppo agevol ben schife, Cillenio 
il comodo present! a cui le miglia 

pregio acquistino e I'oro: e d'ogn'intomo: ^ 

commercio, risonar s'oda, commercio. (G. Parini, // Giomo, ii, 686-690) 

The voyages to the New World by the Spanish and Portuguese were undertaken 
to find new sources of gold. Columbus's diary features many instances of the 
Admiral's obsession "de saber si avia oro" (October 13, 1492) in the newly-found 
land: "Determind de ... partir para el Sudueste ... a buscar el oro y piedras 
pregiosas" (same day).^^ The greed for gold^ (Virgil's auri sacra fames, /En. 
Ill, 57) and the hope of huge profits led the king of Spain to finance an otherwise 
far-fetched enterprise. ^^ It was also used by Columbus to exhort a crew exhausted 



84. Shakespeare, As You Like It (II, iv, 13-15). See also the comic complaint uttered by 
Panurge during the storm in Rabelais's Quart Livre: "O que troys et quatre foys heureulx 
sont ceulx qui plantent chous! ... Car ilz ont toujours en terre un pied, I'aultre n'en est pas 
loing" (ch. XVII). By the time of Lery's Histoire d'un voyage en terre de Bresil (1578), this 
was already a proverb: "Ha! qu'il fait bon planter des choux, et beaucoup meilleur ouyr 
deviser de la mer et des sauvages que d'y aller voir!" (ch. XXI). 

85. Stephanus Vinandius Pighius's Greek quotation is taken from Erasmus' Adagia (n° 2238, 
III, iii, 38), translated as "Est grata domus, domus optima semper." Pascal wrote that "tout 
le malheur des hommes vient d'une seule chose, qui est de ne savoir pas demeurer en repos 
dans unechambre" (Pensees, «Divertissements», n" 136**-269**). Pighius reminds his readers 
that "Mysonem Chemaeum sapientem appellatum et Aglaum quemdam Psophidium senem 
ac pauperem olim oraculo Delphico Gygi Lydorum regi amplissimo felicitate prajlatum esse: 
quod predii sui, in quo natus erat, limites numquam fuisset egressus" (Hercules prodicius, 
seu principis juventutis vita et peregrinatio. Anvers: Plantin, 1587, p. 133). 

86. Cristobal Colon, "Diario del primer viaje" in Textos y documentos completos: relaciones 
de viajes, cartas y memoriales, ed. C. Varela (Madrid: Alianza, 1982), p. 32. 

87. Jean Delumeau puts the "manque chronique de metaux precieux" as the main reason 
for the 15th-century interest in new routes to the Orient {La Civilisation de la Renaissance. 
Paris: Arthaud, 1973, p. 60). 

88. "For riches, in the luminous words of Huizinga, had not yet acquired "the spectral 



Travel and Travel Writing 29 

by weeks at sea: "el Almirante, despu6s que hubo animado a todos con largas 
promesas de muchas tierras y de riquezas, para que tuviesen esperanza y disminu- 
yese el miedo que tenfan de tan largo viaje."^' Conveniently, such greed did not 
conflict with Columbus's other goal of spreading Christianity, for a man with gold 
could even "succeed in bringing souls to paradise."^ It is the synthesis of a 
peculiar dichotomy (God and Mammon, Mt 6:24) that usually appears at the very 
foundation of the conquest of New Worlds. In the 13th century Franciscan friars 
and Venetian merchants followed Marco Polo on the eastern route, and three 
centuries later conquistadores and missionaries plied the ocean aboard the same 
ships. The dichotomy has become a current, curious symbiosis." 

6. Travel as a Male Activity: The "Phallic" Voyage 

From its very beginning, travel appears as a "phallic" voyage. The male, Ulysses, 
is the one who leaves home to wander throughout the world, leaving Penelope to 
keep intact the household and its economy. There is "a set of gender determina- 
tions: ... the domestic(ated) woman, Penelope, maintains the property of the home 



impalpability which capitalism, founded in credit, would give later: what haunt[ed] the 
imagination was still the tangible, yellow gold" (Hugh Thomas, Conquest: Montezuma, 
Cortes, and The Fall of Old Mexico. New York: Simon & Schuster, 1993, p. 63); cf. also 
TzvetanTodorov, The Conquest of America: The Question of the Other (New York: Harper 
& Row), 1984, pp. 8-10. In a letter written on October 28, 1495, Michele da Cuneo, a 
member of Columbus's 1493-94 expedition, emphasized that the search for gold was the 
main goal of the mission: "stetimo iomi 29 cum pessimi tempi e mal mangiare e pegio 
bevere; ma per la cupidita del ditto oro tutti stavamo forti e gagliardi" (quoted in Nuovo 
Mondo: Gli Italiani [1492-1565], ed. P. CoUo and P. L. Crovetto. Turin: Einaudi, 1991 
p. 98). 

89. Hernando Colon, Historia del Almirante (Madrid: Historia 16, 1984), p. 99. Colum- 
bus's longing for gold, according to A. Milhou, is probably inspired and influenced by 
medieval messianic impHcations as well as obscure alchimistic theories {Colon y su 
mentalidad mesidnica y el ambiente franciscanista espahol. Valladolid, 1983, p. 118). 

90. "El oro es excelentisimo; del oro se hace tesoro, y con el, quien lo tiene, ha?e cuanto 
quiere en el mundo, y llega a que echa las animas al Paraiso" (C. Colon, Textos y documen- 
tos, ed. cit., p. 302). 

91 . Another idiosyncratic symbiosis, which in French is characterized by the symbols of 
le sabre et le goupillon (sabre and aspergillum) can be observed through the entire history 
of the colonization of the New World. Following closely the instructions received m 
November 1 538 from Antonio Hurtado de Mendoza, the viceroy of New Spain, a Franciscan 
friar, fra Marco da Nizza, set up to explore the dangerous Mexican territory so that "Dios 
Nuestro Senor puede ser tan servido y su santa fee ansalzada y acrescentado el patrimonio 
Real de Su Magestad" (Coleccion de documentos ineditos relativos al descubrimiento, 
conquistay colonisacion de las posesiones espanolas en Americay Oceania, ed. J. Pacheco 
andF. Cardenas. Madrid, 1865, iii, 344; also m Nuovo Mondo: Gli Italiani [1492-1565], 
cit., p. 477). 



30 LUIGI MONGA 

against would-be usurpers while her husband wanders about. "^ But there is 
something sinister about women wanderers: Helen going to Troy, Medea fleeing 
with Jason, and Ariadne with Theseus. 

Away from home, men encounter 'other' women, alluring and/or menacing, 
seductive and/or castrating: Nausicaa, Circe, Dido, islands with beguiling feminine 
names (Canada, Icaria, Jamaica, Bermuda,^^ la R6union) that lure the unattached 
traveler into exotic and erotic games (or impossible dreams, as in Watteau's "L'Em- 
barquement pour I'ile de Cyth^re"), witness Doime's ecstatic utterance in the heat 
of passion: 

Upon the Islands fortunate we fall, 
Not faynt Canaries, but Ambrosiall, 
Her swelling lips ... ** 

According to Eric Leed, "in territorialized societies, the woman is the embodiment 
and the content of 'place,' and her relations to an outside world, her very freedom, 
are conditional upon her relation to men."^^ Keepers of the home by nature, 
women are unabashedly stereotyped in Renaissance texts: 

Cum inter officia virilia peregrinatio referatur, foeminam oUovpov natura ipsa non 
voluit. Et hoc omnino in Germania verum est, ut non nisi vel misera vel lasciva 
et petulans peregrinatura videatur.^* 

It is true that, in spite of being considered "homebound," women who were 
not lascivoB etpetulantes did travel from time to time, although mostly as pilgrims, 
witness the Itinerarium Egerice, a 5th-century journal of a journey to the Holy Land 



92. Georges Van Den Abbeele, Travel as a Metaphor: From Montaigne to Rousseau 
(Minneapolis: University of Minnesota Press, 1992), p. xxv. 

93. Cf. Andrew Marvell's "Bermudas" in The Poems and Letters, ed. H. M. Margoliouth 
(Oxford: Clarendon, 1971), i, 17-18, an island transformed in a paradisiacal garden, but 
already defined as a "happy island" by Edmund Waller in "Battle of the Summer Islands" 
(1645), I, 6-11. 

94. "Loves Progress" (Elegie, xviii); seealsoanotherpassageinDonne'spoetry: "Licence 
my roving hands, and let them goe / Behind, before, above, between, below. / Oh my 
America, my new found lande! ("To His Mistris Going to Bed," 11. 25-27). Cf. T. J. 
Cachey, Jr., Le hole Fortunate: appunti di storia letteraria italiana (Rome: "L'Erma" di 
Bretschneider, 1995. 

95. The Mind of the Traveler, p. 118. 

96. Georgius Loysius, Pervigilium Mercurii, cit., n*' 109. Fynes Moryson, a few decades 
later, suggested that travel is a 'masculinizing' force for businesswomen: "Women for 
suspition of chastitie are most unfit for this course, howsoever the masculine women of the 
Low Countries use to make voyages for traffike" {An Itinerary. Glasgow: MacLehose & 
Sons, 1907 [reprint], in, 349). 



Travel and Travel Writing 31 

by Egeria (sometimes also spelled Etheria), a nun from southern France.'^ 
Chaucer's "Prologue" to his Canterbury Tales presents two nuns and a "good wyf 
... of bisyde Bath" among twenty-nine travelers, and in the 14th century Bona da 
Pisa made several times the pilgrimage to Rome and Compostela, while Margery 
Kempe spelled out in her autobiography the extraordinary series of journeys she 
undertook to Rome, Jerusalem, and Santiago de Compostela. The anti-feminist 
spirit of many medieval texts, however, keeps portraying traveling women as a 
horrible hindrance for their male counterparts: 

Le temps nouvel s'approuche ..., lors emprenent a aller en quelque pelerinage. 
... [Les femmes] ont entreprins d'aller en voiage pour ce qu'ilze ne pouent pas 
bien faire a leur guise en leurs mesons. ... Maintenent elle dit qu'elle a ung estref 
trop long et I'autre trop court, maintenent lui fault son mantel, maintenant le lesse, 
puis dit que le cheval trote trop dur et en est malade; maintenent elle descent, et 
puis la fault remonter pour passer ung pont ou ung mauves chemin, maintenent 
elle ne peut menger et si convient que le bon homme qui a plus trote que ung 
chien, trote parmy la ville a lui querir ce qu'elle demande. ...^ 

The hero is the man who goes to war, leaving his spouse at home, a deeply rooted 
convention in the Western literary canon from Gilgamesh and the Homeric poems 
to the Victorian novel and the pre-"politically correct" society. After defeating 
or conciliating the powers that prevent him from carrying on his quest, the hero 
journeys through threats of an unfamiliar world, finally re-emerging from his ordeal 
and gaining sexual union or recognition or divinization.^^ Such are 

los hombres de voz dura, 
los que doman caballos y dominan los rios, 
los hombres que les suena el esqueleto y cantan 
con una boca llena de sol y pedemales. 

(Federico Garcia Lorca, "Llanto por Ignacio Sanchez Mejias") 

For travel has always been considered a conquest of some sort, and therefore a 
male activity. The Grand Tour, in which one engaged in order to study Italy's 
antiquities, was also an appropriation of relics and artwork by the (male) traveler 



97. Egeria's Travels to the Holy Land, ed. John Wilkinson (Jerusalem: Ariel, 1981) and 
Egerie, Journal de voyage (Itineraire), ed. Pierre Maraval (Paris; Ed. du Cerf, 1982). 

98. Les XV joies de manage , ed. J. Rychner (Geneva: Droz, 1963), p. 67-69. See also the 
female characters in the fabliau "Trois dames de Paris." Even St. Teresa of Avila, one of 
the greatest mystics, and a "doctor," of the Catholic Church, who made extensive journeys 
to found convents and settle controversies, was called "femina inquieta y andariega" (See 
below Juan Ferran, "Viaje y literatura," p. 68). 

99. Joseph Campbell, The Hero With a Thousand Faces (New York: Meridian Books, 
1962), pp. 245-247. 



32 LUIGI MONGA 

who brought them back to his country. '°° 

There is, of course, nothing inherently masculine about travel. In fact, women 
at times joined the Grand Tour already in progress, as did Lady Whetenall, who 
died in 1650 in Padua, in childbirth.'"' Their lessons, however, were totally 
forgotten, for The Punch, a few centuries later, kept rephrasing the same rhetorical 
question: 

A lady an explorer? A traveller in skirts? 

The notion's just a trifle too seraphic; 

Let them stay and mind the babies, 

Or hem our ragged shirts. 

But they mustn't, can't, and shan't be geographic."*^ 

And if there are certain drawbacks to a woman traveler, her formal education, for 
instance, being (in centuries past) inferior to her brother's. Lady Eastlake thinks 
that "the difference between them is greatly in her favour," for men's travel 
accounts "are to do with Wliat and Where, and women's with How and Why."'°^ 
Women would, therefore, make better travel writers than men, for 

if the gentleman knows more of ancient history and ancient languages, the lady 
knows more of human nature and modern languages; while one of her great 
charms, as a describer of foreign scenes and manners, more even than the 
closeness or liveliness of her mode of observation, is that very purposelessness 
resulting from the more desultory nature of her education.'** 

Eccentric lady travelers and old maids, mostly British, were often described 
with patronizing admiration by their male counterparts. "Carrying in their bosom 



100. Joachim du Bellay emphasized the literary conquest of the past (as well as his 
contemporary Italian) tradition with his use of the verb piller, a legal looting of the vast 
booty of genres and themes and images that could help the illustration of French literature: 
"La donq', Francoys, marchez couraigeusement vers cete superbe cite Romaine: et des 
serves depouUles d'elle ... omez voz temples et autelz. ... Pillez moy sans conscience les 
sacrez thesors de ce temple Delphique ainsi que vous avez fait autrefoys" (La Deffence et 
illustration de la langue francoyse , conclusion). 

101. The journal of her travels, written by Richard Lassels, is MSS Add. 4217 in the 
British Library; see also Edward Chaney, "Richard Lassels and the Establishment of the 
Grand Tour: Catholic Cosmopolitans and Royalists in Exile, 1630-1660" (Ph. D. disserta- 
tion. University of London, The Wartburg Institute, 1982). 

102. "To the Royal Geographic Society" (Punch, June 10, 1893). 

103. Jane Robinson (ed.), Unsuitable For Ladies: An Anthology of Women Travellers 
(Oxford: Oxford University Press, 1994), pp. xm-xiv. 

104. Lady Eastlake, Lady Traveller, in Quarterly Review, 151 (1845). See also Elizabeth 
A. Bohls, Women Travel Writers and the Language of Aesthetics (Cambridge: Cambridge 
University Press, 1995). 



Travel and Travel Writing 33 

a man's heart, '"°* these pioneers asserted, perhaps unconsciously, their right to 
do what men had done for centuries, and saw their journeying as an escape from 
the duties of daily drudgery and "an opportunity to experience solipsistic enjoyment 
and enrich themselves spiritually and mentally."'"^ Their efforts to open up new 
paths for traveling sisters will hardly be understood by their male counterparts, 
who have rarely experienced the insults to which women were (and still are) 
subject, in certain countries: 

Their state of semi-civilization — wrote Mary Eyre about inid-19th 
century Spain — rendered it most unpleasant to visit the magnificent 
palaces and churches in her cities; and absolutely impossible to gather 
the rare and beautiful plants that adorn her mountains. Even accompa- 
nied by a guide, I was yet subjected to hooting and insult: simply 
because I was a stranger. ^^ 

Women explorers, missionaries, and anthropologists, philanthropists and ennu- 
yees"^^ end up adopting "a position of gender ambiguity, taking on the 'masculine' 
virtues of strength, initiative and decisiveness while retaining the less aggressive 
qualities considered appropriate to their own sex."'°' It is a meandering path 
towards gender equality, a journey, however, that will not totally unify the narrative 
voices of travel literature, for male and female discourses are still different, and 
the voices of the speakers/writers maintain their "generic" characteristics. 

7. Travel As Discovery and Confrontation: the Self and the Other 

The cross-cultural contacts of travelers create a collective self-awareness and a 
subsequent understanding of the "alterity" of others. Terms like harharoi, goyim, 
or gaijin define otherness sometimes in a derogatory maimer. They are originated 



105. W. H. Davenport Adams, Celebrated Women Travellers of the Nineteenth Century 
(London, 1903), p. 433. Heinrich Heine reviewed and compared some travel recits: "Besides 
Goethe's Italienischer Reisen, Mrs. Morgan's Italy and Mme de Stael's Corinne should be 
read. What these ladies lack in talent, they have replaced it, not to look pitiful next to 
Goethe, with a manly feeling (mdnnliche Gesinnungen) which Goethe lacked. Mrs. Morgan 
speaks Uke a man" (Reisebilder, ch. XXVI, in Werke undBriefe. Berlin: Aufbau, 1961, m, 
250). 

106. Shirley Foster, Across New Worlds: Nineteenth-Century Women Travellers and Their 
Writings (New York: Harvester Wheatsheaf, 1990), p. 8. 

107. And, we may add, a woman (Mary Eyre, Over the Pyrenees into Spain. London: 
Bentley, 1865). 

108. Deeply depressed after a sad love affair, Anna B. Jameson wrote the journal of her 
journey to the Continent, freely mixing reality and fiction in her immensely popular Diary 
of an knnuyee, published anonymously in London (Colbum, 1826). 

109. Shirley Foster, Across New Worlds, p. 11. 



34 LUIGI MONGA 

by peaceful encounters or bloody clashes between ethnic groups. The language 
is often the trademark of diversity, according to the etymology of the word 
fiap(3ocpoq (stutterer, as a speaker of a foreign tongue), "° but religious distinc- 
tions, and even the distribution of power, often interfere in the semantics of differ- 
ence.'" 

Postulating the diflFerence between a and b is the first step in the process of 
discovering "otherness." The non-coincidence of these items soon becomes a set 
of connections between a and b, which is eventually recounted in narrative form 
by the individual (the traveler) who first noticed them. The narrator from the group 
a tells the people of a about the differences he has discovered in b; "sameness" 
and "anti-sameness" are the basic structures not only of the Utopian discourse but 
of all descriptions of far away places."^ 

The discovery of someone's otherness often results in a disapproving judgement 
of the other. It is not a mere coincidence that in many languages a pessimistic 
semantic connotation evolves from the word stranger to intimate the suggestion 
of strange. Similar binomial occurrences are recorded in several Romance languag- 
es: straniero/strano, etranger/etrange, extranjero/extrano, etc. Moreover, 
allotropic forms such as strano/estraneo and strange/extraneous are easily 
connected with other related terms like stravagante, extravagant, extravagante, 
etc., which carry an etymological rationalization of the "abnormal" behavior of 
somebody who appears to be different, because he is moving outside the "normal" 
(i.e., our own) way of life (extra-vagans literally means "moving erratically out- 
side"). The Greek adejective ^evog, which is at the origin of this etymological 
errand, implies a degree of foreignness and difference: the ^evoQ, usually an alien. 



110. Thucydides mentioned that Greeks became aware of their own peculiar Hellenic 
character only when facing the invading Persians, and the Homeric poems lack the self- 
awareness of a collective Hellenicity ("He does not even use the word 'foreigners' 
[barbaroi], and this, in my opinion, is because in his time the Hellenes were not yet known 
by one name, and so marked off as something separate from the outside world," History 
of the Peloponnesian War). It was basically a hnguistic distinction, which implied that the 
"other" was the one who did not speak Greek. Even Ovid, in exile, called himself "barbarus 
hie ego sum, qui non intellegor illis" (Tristia, v, x, 37: because he could not be understood 
by the Getes). See also Todorov's discussion of this problem (The Conquest of America, 
pp. 190-192) and Michel Bideaux's analysis in his essay "Le Voyage d'ltahe: instrument 
de la connaissance de soi par la frequentation d'autrui" (Cf. below, pp. 97-111). 

111. In Arabic the term nasrani (Nazarene, Christians) has clearly religious connotations, 
while in Swahih musungu (Caucasian), once used to indicate white coloniahsts, is presently 
appUed to government bureaucrats (normally black) : religion and power become watersheds 
of some sort. 

112. Frangois Hartog, The Mirror of Herodotus: The Representation of the Other in the 
Writing of History (Berkeley and Los Angeles: University of California Press, 1988), pp. 
212-259; J.-F. Lyotard, Discours, figures (Paris: Klinksieck, 1971), p. 142. 



Travel and Travel Writing 35 

at times a mercenary, is inevitably seen just as "peculiar" and "strange.""^ The 
semantic field of the Latin hostis began with the notion of "stranger," which 
developed into that of "enemy" under conditions that are still philologically 
unclear."'' This last meaning, however, disappeared in the Imperial period. 
Hospes (guest) and hostis are closely connected to the same Indo-European root: 
stranger, enemy, and guest or host."' In 13th-century, oste in Italian and ost 
in French had the meaning of "enemy, " "hostile army, " while carrying at the same 
time the meaning of "person who gave or received hospitality"; from that we can 
trace all the terminology related to ostello and osteria. Even the German word 
Gast, analogous to the English "guest," comes from a Gothic form gasts that 
indicated a "stranger with hostile intentions." 

Discovering alterity is a complex process; it involves finding the other in 
ourselves ("Je est un autre," as Rimbaud said"^) and results in countless ramifica- 
tions: suspicions and fears, crisis of one own's value, or even idle pride. Dante, 
"cui mundus est patria,""^ seemed less concerned with alterity. Like all human- 
ists after him, he could find in his latinitas a common denominator among the 
world's scholars, just like Saint Paul's romanitas had qualified him as a first-class 
citizen of the world {Acts 22:27-28)."* Montaigne, on the other hand, undertook 
his travels abroad in order to exercise his spirit "^ remarquer les choses inco- 
gneues" (Essais, m, viii). A true citizen of the world, in the modem sense, the 



113. Hjalmar Frisk, Griechisches Etymologisches Worterbuch (Heidelberg: Universitats- 
verlag, 1970), II, 333-334. 

114. A, Emout et A. Meillet, Dictionnaire etymologique de la langue latine (Paris: 
Klincksiech, 1959), s. v. "hostis." 

115. Keith Spalding, An Historical Dictionary of German Figurative Usage (Oxford: 
Blackwell, 1967), s.v. "Gast": "indeed so near to the meaning "enemy" that one can see 
in it a parallel to the relationship in Latin hostis between the meaning of 'stranger' and 
'enemy'." The notion of 'enemy' disapperas in the 16th century (p. 919). See also Joan 
Corominas, Diccionario critico etimologico castellano e hispdnico (Madrid: Grados, 1980), 
s.v. "huesped" which connects /205/W and /?of/5. 

116. Lettre du voyant, 15 mai 1871. 

117. De vulgari eloquentia, vi, 6. 

118. Hugh of St. Victor had already emphasized these positive elements in terms of mystical 
denial, for education stems from a meeting with other human beings whose foreigmiess 
(alterity) marks the intelligent traveler: "Dehcatus ille est adhuc cui patria dulce est; fortis 
autem jam cui omne solum patria est; perfectus vero cui mundus totus exsilium est" (Eruditio 
didascalica, m, 20) inMigne, Patrologia latina, v. 176, col. 778. Borrowing this quotation 
from Edward Said, who in turn had borrowed it from Auerbach, Todorov (p. 250) totally 
warped Hugh of St. Victor's mystical point. It is not "a being who has lost his country 
without thereby acquiring another" that the medieval theologian declares perfect, as Todorov 
imagines, but someone who fmds himself exiled from God, and therefore attempts to return 
to Hun. 



36 LUIGI MONGA 

French philosopher explicitly sought to absorb every enriching experience. 

It was the medieval discovery of the Canary Islands that foreshadowed the first 
striking modem encounter with the "other." Petrarch, after praising a legendary 
Ireland, "cui pro delitiis otium, pro summis opibus ... libertas," launched a literary 
revival of the theme of the Fortunate Islands,"^ treating this topos in a rather 
disillusioned manner: "scio tamen quod multa feruntur et scribuntur, propter que 
non plene fortunatarum cognomini terrarum fortuna conveniat." In fact, he 
considered the main activities of that populace, hunting and shepherding, as 
primitive (and negative) endeavors: "nonabsimilem beluis ... insolitudinibuserrare 
seu cum feris seu cum gregibus suis" {De vita solitaria, n). Pietro Martire d'An- 
ghiera is among the first writers to assign ideal virtues to the "noble savages" of 
the New World— a fashion that Rousseau and Diderot will eventually find irresis- 
tible: 

Sunt enim adeo parvo contenti, quod in ea ampla tellure magis agri supersint, 
quam quicquam desit. JEXas est illis aurea, neque fossis neque parietibus aut 
sepibus prajdia sepiunt. Apertis vivunt hortis, sine legibus. sine libris, sine 
iudicibus suapte natura rectum colunt, malum ac scelestum eum indicant qui 
inferre cuiquidem iniuriam delectatur. '^° 

This idea appears, although from a slightly different perspective and not without 
a strong implication of social reformation, in Montaigne's conversation with the 
"cannibales" he met in Rouen: 

Us avoyent apergeu qu'il y avoit parmy nous des hommes pleins et gorgez de 
toutes sortes de commoditez, et que leurs moitiez estoient mendians a leurs portes, 
dechamez de faim et de pauvrete; et trouvoient estrange comme ces moitiez icy 
necessiteuses pouvoient souffrir une telle injustice, qu'ils ne prinsent les autres 
a la gorge, ou missent le feu a leurs maisons.'^' 



1 19. The passage in the Canzoniere (no. 135) is considered the common source of many 
examples in the poetic repertoire of many modem literatures, from Boiardo and Tasso, to 
Ronsard and Donne (cf. T. J. Cachey, Jr., "Petrarch, Boccaccio, and the New World 
Encounter," Stanford Italian Review, x, 1 11990], 45-59). 

120. De orbe novo (Madrid, 1530), ch. m, f. x. Cf. Shakespeare's The Tempest (ii, 1 , 143- 
164), a passage which probably relies on the works of Pietro Martire d'Anghiera. 

121 . Essais, i, 31 . The traditional reading of Montaigne's approval of the "noble savage" 
was revised in an essay by David Quint: did Montaigne fail to recognize the barbarity of 
the cannibales, bUnded by "an incurable ethnocentrism" or a "colonialist ideology"? ("A 
Reconsideration of Montaigne's 'Des cannibales'," Modern Language Quarterly, LI, 4 
[1990], 459-489). Francois Rigolot underscored the "vue pluraliste du monde" which is at 
the foundation of Montaigne's philosophy, contrasting it with Todorov's view, which 
postulates that "I'autre n'est ... jamais per?u ni connu" by the French philosopher {Nous 
et les autres: La reflexion frangaise sur la diversite humaine. Paris: Seuil, 1989, p. 606; 
see also F. Rigolot's essay "1492, 1592, 1992: questions d'anniversaires — Montaigne et 
I'Amerique," The French Review, LXVii, 1 [1993], 1-11). 



Travel and Travel Writing 37 

Trouble comes to Paradise very soon: discovering cannibalism and human 
sacrifices among the natives leads the visitor from Europe to classify them as 
inferior individuals to conquer and to convert (or even to destroy, in the course 
of either process). An outsider in this complex predicament of cultural confron- 
tation, the Milanese merchant Girolamo Benzoni set forth unequivocally in his 
Historia del Mondo Nuovo ( 1 565) the heavy responsibilities of the conquistadores , 
whose cruel behavior towards the natives of Hispaniola led most of them to suicide: 

vedendo gl'Isolani che da ogni lato erano oppressi da intolerabile e incomportabile 
fatiche e travagli e che non v'era ordine di ricuperare la liberta loro, piangendo 
e sospirando, ogn'uno desiderava di morire. Pero molti come disperati se ne 
andavano a i boschi e la s'impiccavano, avendo prima i figliuoli uccisi, dicendo 
che assai meglio era loro il morire che vivere cosi miseramente, servendo a tali 
e tanti pessimi ladroni e tiramii ferocissimi.'^^ 

And Bartolom6 de las Casas, whose complex view of the American natives came 
from personal experience , reacted— in vain— against the common practice of his 
contemporaries . '^^ 

In any case, it is in the relationship between the individual and the foreign 
"other" that leasure travel still finds its intellectual (and, at times, commercial) 
justification. Defining places and people as exotic and exoteric (etymologically, 
"outsiders") makes them the immediate goal of today's vacationers. But in the 
long run such "exotic" societies rapidly assimilate the ways of the western world 
(or, more crudely, western travelers tend to impose upon the "natives" their shallow 
values). The development of modem mass tourism eventually marks the end of 
the "other." The same big hotels have sprouted up everywhere; easy money and 
faceless throngs of tourists may force a bland leveling of whatever is still difl'erent 
among the native "others. " Will the global village finally oflFer the tourist nothing 
but a series of beautiful sites and sham dancers? 

8. Travel As Leisure: From Petrarch to the "Age of the Tourist" 

The joys of wandering are rather elusive, for hodoeporic literamre has traditionally 
ofl'ered tales of momentous ordeals and toilsome journeys. It is unusual to find 
happy travelers who can sing, as in the Arabian Nights: 

My friend, if you only knew what a wonderful thing is travel! ... All the poets 
have sung the delights of wandering. One of them said: 
Sing the joys of wandering. 



122. A good choice of texts and a critical introduction to Benzoni's work is in Nuovo 
Mondo: Gli llaliani (1492-1565), cit., p. 574. 

123. See Angel Losada, Fray Bartolome de las Casas a la luz de la modema critica 
historica (Madrid: Tecnos, 1970), pp. 244-288. 



38 LUIGI MONGA 

All that's beautiful travels far; 
Even the moon-colored pearl 
Must forsake the deep green levels. 



And be drawn across the beaches 

Where the waiting merchants are, 

Ere it shows and glows and reaches 

To a crown's immortal bevels 

Or the white neck of a girl! (The 256th night) 

Among endless reports of dejected travelers,'^ one of the earliest records 
of pleasure in Renaissance travel is Petrarch's account of his excursion to Mount 
Ventoux (1336). He climbed that mountain just because it was there ("sola videndi 
insignem loci altitudinem cupiditate ductus"), as do many modem mountaineers. 
And Petrarch felt the need to apologize for an activity he considered so frivolous. 
In his account of this hike he wrote that he was struck by Livy's report (XL, 21) 
of King Philip of Macedonia climbing Mount Hemus for no specific reason other 
than viewing two seas from the top ("e cuius vertice duo maria videri"). Having 
thus established a good auctoritas, Petrarch decided that his waste of time could 
be forgiven, since he was not a public person but a simple scholar, and rather 
young to boot. '" 

By the end of the 17th century, mountain climbing appears to be a natural 
activity of the German travelers abroad, according to Saint-Evremont's comedy 
Sir Politick Would-Be: 

11 n'y a point de montagne renommee qu'il ne nous soit necessaire de voir: qu'il 



124. Some individuals are so happily set in their niche that they resist as far as they can 
any attempt to be dislodged: when they set forth, their travel is a via dolorosa, whatever 
their destination or motivation may be. See my account of one such reluctant traveler, John 
Bostok: "Inter infectionem pestis et caloris intemperiem: The Voyage to the Council of 
Pavia-Siena (1423) of the Abbot of St. Albans," Bulletin of the Society for Renaissance 
Studies, IV, 1 (1986), 7-17. 

125. "Excusabile visum est in iuvene privato quod in rege sene non carpitur" (letter to 
Dionigio Roberti, 26 April 1336, in Familiares [iv, 1]); see Ambrogio Levati, Viaggi di 
Francesco Petrarca in Francia, in Germania ed in Italia (Milan: Classici, 1920). It is true 
that even Jesus climbed mountains, but he did so for specific purposes, using the height of 
a hill as a metaphor: the mons excelsus of his transfiguration (Mt 17:1), the mons where 
he taught his message {Mt 5:1), fed the crowd (Mt 15:29), retired to pray (M/ 14:23) or 
from which he sent his disciples to their mission {Mt 28:16). 

Petrarch's narrative also offers fascinating insights on the process of choosing the 
companions for his journey, looking for the virtues of the perfect traveler: "Sed de sotio 
cogitanti, mirum dictu, vix amicorum quisquam omni ex parte ydoneus videbatur: ... Hie 
segnior, ille vigilantior; hie tardior, ille celerior; hie mestior, ille letior; denique hie stultior, 
prude ntior ille quam vellem; huius silentium, iUius procacitas; huius pondus ac pinguedo, 
illius macies atque imbecillitas terrebat; huius frigida incuriositas , iUius ardens occupatio 
dehortabatur. " 



Travel and Travel Writing 39 

y ait de la neige ou non, n'importe; il faut aller au haul, s'il est possible.'^* 

A few decades after Petrarch, Gilles Le Bouvier underscored in the introduc- 
tion to his Livre de la description des pays the pleasure he derived from his travels 
through the world: 

Pour ce que plusieurs gens de diverses nacions et contrees se delectent et prennent 
plaisir comme j'ay fait le temps passe a veoir le monde et les diverses choses qui 
y sont, et aussi pour ce que plusieurs en veuUent savoir sans y aler.'^^ 

The 16th century saw the birth of modem travel. An emerging, wealthy 
bourgeoisie, culturally well prepared, was ready to get out of its own insularity 
to search abroad for its collective roots. Renaissance Italy, with her classical ruins 
and contemporary artwork, was the ultimate goal of these learned foreigners. 
Social and political unrest, in France the wars of religion, in England the civil war 
and restoration, and, in general, a renewed interest for finishing abroad the 
education of future leaders made a European journey a must for every young man 
of good family. But this was not a leisured journey. Getting there was definitely 
not half the fun, as we say today, for the support of roads, bridges, and iims was 
extremely inadequate (see John Florio's proverb in n. 57, above). If in Francesco 
Vettori's journal we catch a glimpse of the ludic element of a journey abroad, his 
open attitude is practically a hapax in the history of 15th-century Italian travel 
literamre. Tht piacere has become a part of the pedagogical process of meeting 
people and seeing things: 

Intra li onesti piaceri che possino pigliare li uomini, quello dello andare vedendo 
il mondo credo sia il maggiore; ne puo essere perfettamente prudente chi non ha 
conosciuto molti uomini e veduto molte citta.'^^ 

Whatever small pleasure Renaissance travel can offer is usually obliterated by 
financial worries: "Quello che ha a pensare donde abbia a trarre e' denari o che 
li ha con dificulta o che bisogna pensi pel cammino di guadagnare , non pud pigliare 
piacere de' viaggi." Vettori's is the quintessential aristocratic trip.'^^ Feeling 
that the aristocracy of creativity had earned him the privilege of upper crust 



126. Charles deMarguetelde Saint-Denis, seigneur deSaint-Evremont, Sir Politick Would- 
Be (published posthumously in 1705), ed. Robert Finch et Eugene JoUat (Paris-Geneva: 
Droz, 1978), p. 57. 

127. Le Livre de la description des pays (Paris: Leroux, 1908), p. 29. 

128. "Viaggio in Alamagna" in Scriiti storici e politici, a cura di E. Niccolini (Ban: 
Laterza, 1972), pp. 122-123. VeUori, obviously, has in mind the Homer's and Horace's 
famous texts about Ulysses. 

129. Montaigne, "accoustimie d'y estre avec equippage non necessaire seulement, mais 
encores honneste," could not agree more with Vettori: "Celui qui a la garde de ma bourse 
en voyage, il I'a pure et sans contre-role" {Essais, ni, 9). 



40 LUIGI MONGA 

traveling, Benvenuto Cellini tried to coax Cardinal Alessandro Famese to provide 
him with similar travel arrangements: 

lo dissi che I'arte mia non si facea a poste e che, se io vi [in Francia] avevo da 
'ndare, volevo andarvi a piacevol gioraate e menar meco Ascanio e Pagolo, mia 
lavoranti, i quali avevo levati di Roma; e di piu volevo un servitore con esso noi 
a cavallo, per mio servizio, e tanti danari che bastassino a condurmivi. Questo 
vecchio infermo [Alberto Bendedio] con superbissime parole mi rispose che in 
quel modo che io dicevo, e non altrimenti, andavano i fighuoli del Duca. A lui 
subito risposi che i fighuoh de I'arte mia andavano in quel modo che io aveva 
detto (n, 7).'^ 

How ironic (and rare) that a private individual with modest means, roaming Europe 
on foot, should underscore the pleasure of traveling. Thomas Coryate, a scholar 
with no artistic skill to peddle, remains a rare occurrance in the lore of 17th-century 
travel: 

Of all the pleasures in the world travell is (in my opinion) the sweetest and most 
deUghtfull. For what can be more pleasant then to see passing variety of beautifull 
cities, kings and princes courts, gorgeous palaces, impregnable castles and 
fortresses, towers piercing in a manner up to the clouds, fertill territories replen- 
ished with a very cornucopia of all manner of commodities ..., flourishing 
universities ... furnished with store of learned men of all faculties, by whose 
conversation a learned traveller may much informe and augment his knowledge. 
("Epistle to the Reader")'^' 

Medieval and Renaissance travel, however, was still painful and dangerous. '^^ 



130. Cf. my essay "Odeporico celliniano: il viaggiare nella Vita," Annali d'italianistica, 
IV [1986], pp. 73-79. A somewhat similar situation happened at the end of May 1665, when 
Louis XIV asked the aldermen of the city of Lyons to take care of the accommodations of 
Bernini: "c'etait un honneur— wrote Paul Freart de Chantelou— que la ville de Lyon ne faisait 
qu'aux princes de sang" (Journal de voyage du Cavalier Bemin en France. Aix-en-Provence: 
Pandora, 1981, p. 16). 

131. Justus Lipsius had mentioned, parenthetically, that traveling was a pleasant activity 
in a letter to his pupil, Philippe Lanoye, about to leave for Italy (" ... quid peregrinatione 
istac quaeras, duo, nisi fallor, utilitatem et voluptatem," Epist. i, 22: 3 April 1578). This 
letter became soon famous in the Renaissance: Sir J. Stradhng translated it for his pupil, 
the earl of Bedford, and pubhshed it as A Direction for Travailers (London: Burbie, 1592). 
The dulcedo is the element which marks the separation of the intellectual pursuit and travels 
by soldiers, missionaries, diplomats, or pilgrims. The topos of the journey to Italy— and 
especially to Rome— is at the very core of humanism, a voyage to the ancestral sources of 
all himian beings ("Roma una omnibus patria"), as Petrarch had made it very plain in one 
of his last letters, to a French "barbarus" ("Contra eum quimaledixit ItaUae" in Opere latine. 
Turin: UTET, 1975, ii, 1242). 

132. See Mario Scaduto's "La strada e i primi gesuiti" (Archivum historicum Societatis 
lesu, XL[1971], 323-390) for a series ofunpubhshed accounts of Jesuits captured by Turkish 
pirates while crossing the Adriatic Sea from Ancona to Venice in the middle of the 16th 



Travel and Travel Writing 41 

The narrative rhythm of the travelog is generally organised around the ritual of 
departure and the pleasure of arriving at destination.'^^ Very little we know about 
the events related to the trip itself, for the journey is a potential Via Crucis even 
for rich people. As late as the middle of the 19th century, Gustave Flaubert wrote 
to a friend that travel, if not taken seriously, could be "une des choses les plus 
am^res ... de la vie."'^ By then, wealthy travelers roamed the roads of the 
Continent in well-upholstered comfort. It was slow traveling, indeed, and it took 
as long as it had taken in the days of the Roman Empire; as Mary Boyle recalled, 
travelers "proceeded leisurely, but comfortably ... pausing in the middle of the day 
to bait [their] horses and feed [them]selves, and sleeping at litde wayside inns."'^^ 
At about the same time, nonetheless, mass travel started shaping the world of 
modem tourism: 

Alas, ... everybody goes everywhere— or nearly everywhere— buying their air 
tickets with their credit cards and being met by airport buses, secure in the 
knowledge that their hotel reservations have been confirmed, that the rent-a-car 
firm is expecting them, and that it will be perfectly safe to drink the Coca Cola. 
The man who started the rot, I fear, was the disagreable old abstainer Thomas 
Cook, who, already by the middle of the [19th] century, had developed the idea 
of insulating his clients as far as possible from the uncouth conditions all too fre- 
quently prevailing in foreign parts by swathing them in a protective cocoon of 
block bookings, meal vouchers and— most dangerous of all— temperance. He began 
indeed by offering them even more: on the very first excursion that he ever 
organised, which took place on Monday, 5 July 1841, the 570 people intrepid 
enough to venture— at the cost of one shilling— the ten miles from Leicester to 
Loughborough and back enjoyed the service of a full brass band, to say nothing 
of tea and buns at Mr. Paget's Park. The age of the tourist had arrived.''^ 

Meanwhile, in Italy the railway began to transport hordes of Sunday travelers. 
From Florence to the seashore these forerunners of modem tourism brought a 
Mediterranean sense of havoc to the usually quiet cafes of downtown Leghom. 



century. 

133. Orazio Busino, the faithful chaplain/secretary of Pietro Contarini, a 17th-century 
Venetian ambassador to many European courts, wrote a precise diary of many his master's 
journeys. The journey itself often fades beneath a banal scheme of activities: the time of 
awakening and departure, the arrival, the food, the distance. It is not until his daily arrival 
in that microcosm of the inn that Busino usually opens up and his descriptions blossom. 

134. Letter of May 1, 1845 in Correspondance (Paris: GaUimard, 1981), I, 226. 

135. Mary Louisa Boyle, Mary Boyle: Her Book, ed. Sir Courtenay Boyle (London: J. 
Murray, 1901, p. 104). See also John Pemple, Mediterranean Passion: Victorians and 
Edwardians in the South (Oxford: Clarendon, 1987). 

1 36. John Juhus Norwich, A Taste for Travel: An Anthology (New York: Alfred A. Knopf, 
1987), p. 1. 



42 LUIGI MONGA 

Unlike his British counterpart, marching in orderly ranks towards his goal of "tea 
and buns, " the Italian displays the same uninhibited loudness (si precipita . . . urla 
e schiamazza) that will become his trademark through the 20th century. Carlo 
Collodi's biting vignette is perhaps the first description of Italian mass tourism: 

L'arrivo di uno di questi ireni diretti [da Firenze] alia Stazione di Livorno, e 11 
primo ingresso del passeggieri nella citta sono sempre uno spettacolo curioso e 
meritevole di osservazione. II Fiorentino che oramai in due ore di corsa ha 
digerito la bibita che aveva sorbito avanti la parte nza, per mera precauzione, si 
precipita affamato nei caffe, e urla e schiamazza e chiede pane, con tanta 
insistenza e con voci cosi strazianti, che i poveri garzoni di bottega, non assuefatti 
a tanto lusso di ginnastica, corrono di qua, corrono di la, si urtano fra loro, e 
finiscono col fare la testa grossa e col non capire nulla. Allora si rinnovano le 
scene della torre di Babele, allorquando i muratori domandavano calcina e i ^ 
manovali porta vano mattoni. Uno che ha ordinato il caffe e latte vede posarsi 
dinanzi un'acqua di ribes, quegh che ha chiesto la cioccolata e costretto a 
prendere, per quivoco, una limonata, a chi vuole il semel tocca il caffe, e a chi 
grida pane gh si porta una pasta. 

Finahnente le bramose canne (direbbe il Ghibellino) si saziano, I'anarchia e 
il tumulto cominciano a sedarsi e i caffe di Livorno ripigliano gradatamente la 
loro cakna abituale.'" 

A new Weltanschauung has begun. Speed begets mass travel: the "570 people 
intrepid enough to venture" to Mrs. Piaget's Park beg for comfort and services. 
A new perception of the environment is closely related the new means of transporta- 
tion: "ce n'est pas la meme Italic que Ton voit en automobile ou en train," wrote 
Butor. 

In tlie age of mass tourism, however, travel is a more banal experience, 
performed by hordes of brightly-dressed people who no longer explore. They 
rapidly "do" countries and cities. Their journey, well planned by travel agents, 
is often guided by professional tour operators, who suggest where and how the 
tourist can catch a glimpse of a three-star monument ("cela vaut le voyage, ou le 
detour," proclaims the Michelin Guide) and offer cozy four-star hotels where they 
will spend the night in familiar, standardized surroundings. Meanwhile, photo- 
graphs, video recordings, and postcards, the tangible proofs of their trip, have 
replaced, alas, sketchbooks, diaries, and letters. The tourist does not write, for 
the frantic rhythm of modern traveling allows no time for this activity. In fact, 
in the Romance-language idiom, vacationing means not merely taking a rest, but 
"going [away]" {andare in vacanza, alter en vacances, irse de vacaciones), as if 
one could not conceive a vacation without a spatial change. The contemporary 
Italian vacationer has brought this concept to a new level: after glancing at the 



137. CarloCollodi, Unromanzo in vapore: da Firenze a Livorno. Guida storico-urnoristica 
[1856], ed. D. Marcheschi (Lucca: Maria Pacini Fazzi, 1987), pp. 180-181. 



Travel and Travel Writing 43 

traditional sites made famous by Grand-Tourists of yesteryear, the "new tourist" 
can only find some satisfaction in far away, undiscovered locations that become 
immediately the current fad.''* 

But mass transportation implies crowding, a deterioration of the quality of the 
journey; even the Ambassador-Class traveler has to endure, with brothers and 
sisters of Economy-Class, the same strikes and delays that plague modem travel. 
One regrets the vanishing of the Orient Express— with its refined cuisine, attentive 
personnel, mahogany and leather cuddling— which still remains, perhaps, if not 
the fastest, at least the most comfortable manner of modem transportation. 

9. Travel, History, and Writing: Creation, Re/creation, and Recre- 
ation 

Travel and writing'^' have been connected since the early days of human history. 
Back in his native village of Umk after numerous exploits, waiting for the final 
trip that would bring him back to the dead, Gilgamesh recounts his lifelong quest: 
"He had left for a long voyage; when he came back, tired and broken by fatigue, 
he rested, and engraved his entire story on a stone" (tab. I). 

Travel is hardship, and as such it is a reason of pride for the returning 
wayfarer who wants to share his cherished experience with others, for the ultimate 
goal of the traveler is to recount what he has seen. Writing is also an act of 
creation (or re-creation), for the writer (or the poet) is essentially a TrotTjTrjc, a 
faber (and a reflection of the "Massimo Fattor"). As Umberto Eco's lonely 
castaway in his diary "ricrea la sua Signora— and, we may add, 'la sua vita'— per 
non perderla, " ^'^ travel writers recast the vicissitudes of their life in order to give 
them a new life. 

Written by "insiders" (people who inter-sunt), history and travel journals find 
their justification in the traditional definition of sapientia, which stems from 
memoria, a useful message to be remembered and treasured for the future'"': 



138. In his article "Italiani dappertutto!" {L'Espresso, November 26, 1995, p. 55) Enrico 
Arosio decries with humor the throngs of his fellow ItaUans who, "anziche far la spesa 
all'Esselunga," spend their Saturday in far away places "per trovare se stess[i]," thanks 
to the growth of speciaUzed travel agencies and charter flights. 

139. We are not examining here the metaphorical relationship between travel and writing: 
"El viajero y el escritor tienen destinos paralelos," according to Jaime Ferran in his essay 
"Viaje y literatura" (pp. 65-70). 

140. Umberto Eco, L'isola del giorno prima (Milan: Bompiani, 1994), p. 10. And, as the 
reader finds out at the end of the novel, "ormai tutto quello che accadeva a Lilia dipendeva 
dalla sua [i.e., Eco's main character's] volonta di narratore" (p. 462). 

141. Kr^/xa e? aiei, "a treasure forever" (Thucydides, Hist. I, 22) "so that things 
accompUshed by men may not be blotted out by time" (Herodotus, I, 1). The concept of 
"historia vita memoriae et magistra vitae" (Cicero, De oral, ii, 36) is a commonplace of 



44 LUIGI MONGA 

"Recte atque vere finxisse veteres Sapientias partem esse Usum et matrem Memo- 
nam esse", wrote Stephanus Vinandus Pighius,'"^ who also quotes a text from 
the comedy Sella by Lucius Afranius: 

Usus me genuit, mater me peperit Memoria 
Sophiam me vocant Graij, vos Sapientiam (p. 135).''*^ 

And Pierre Bergeron, always looking to put in his Voiages whatever was "digne 
d'estre escript," introduces a similar discussion in the preface to his Voyage 
d'ltalie: 

L' imperfection de la nature de I'homme est telle que la plus part des choses 
s'escouleroient bien tost de nostre memoire, si nous n'en arrestions le cours par 
le moien de I'histoire et de I'escriture, de sorte que pour conserver la souvenance 
des choses veues et apprises en lisant et voiageant, et pour en tirer plaisir et profBt 
a I'advenir il est necessaire de les mettre par escrit, afin de se rendre toujours 
presentes les choses que d'elles mesmes seroient sujectes a se perdre.'''^ 

Writing naturally begs for reading. The reader of hodoeporics is a vital 
element of an important cycle; his goal is either to follow, eventually, in the 
writer's steps or to be content to enjoy, vicariously, the traveler's experience from 
the vantage point of his armchair. ''''' This last goal— reading to escape— is typical 



western thought. Winston Churchill repeats it: "It is my earnest hope that pondering upon 
the past may give guidance in days to come, enabling a new generation to repair some of 
the errors of former years and thus govern, in accordance with the needs and glory of man, 
the awful unfolding scene of the future" (Preface to his The Second World War). 

142. In the introduction to his travel journal, Hercules prodicius (Anvers: Plantin, 1587, 
p. 134): "usage," i.e., experience, is the foundation of sapientia apodemica. 

143. See also a text by Sallust: "Ceterum, ex aliis negotiis, quae ingenio exercentur, in 
primis magno usui est memoria rerum gestarum" {lugurt., iv). 

144. Pierre Bergeron, "Voiage d'ltalie etd'Espaigne es annees 161 1 et 1612" [Paris, Bibl. 
Nat. MS Fr. 19013 R. 34288], introduction. (My edition of Bergeron's text will soon appear 
in the series "Bibliotheque du voyage en Italie," published by Slatkine in Geneva.) The 
emphasis on memory in Bergeron's travel narrative is set by the epigraph of the "Voiage," 
Vergil's quote: "et haec olim meminisse iuvabit" {JEneid, I, 203). Claiming only private 
motivations for his writing, the traveler may beg forgiveness for his daring: "Sebene che 
il dar corso de' siti et costumi estemi richiederebbe maggior sapere et maturita della mia, 
con tutto cio non pretendendo io con il presente itinerario o relatione del viaggio di Spagna 
informare altri, ma servirmene per mia particolar memoria delle cose vedute, pero non stimo 
arroganza I'havermi posto a tale impresa " (an anonymous secretary on the trip to Spain taken 
by Francesco PriuH in 1529; Bibhoteca Marciana, Ms. U. vu, 631b [7477], f Ir). 

145. Joseph Catin's description of the area around Naples in 1568 is written "afm que ceuLx 
qui seroient desireux de faire ce voiage, en restant advertis, le puissent en bon ordre veoir, 
les aultres sans prendre peine de s'acheminer si loing, en donnant quelques relasches a leurs 
afaires, soulagent leurs espritz par la lecture de ce petit discours" {Voyage aux Champs 
Phlegreens (1568), ed. L. Monga. Geneva: Slatkine, forthcoming). In a four-Hne poem 



Travel and Travel Writing 45 

of readers who are thrilled, as J. Rondaut wrote, by "la passion des voyages," not 
by "I'accident du voyage," the factual journey.'''^ Literature, writing and read- 
ing, thus becomes "un moyen de locomotion internationale , " to use P. Morand's 
expression. '''^ 

Some readers will even push their vicarious experience to its limit, that is, to 
write about travel without even leaving their desk, triggering the controversy 
between geographers and travelers, mentioned in Antoine de Saint-Exup6ry's Le 
Petit Prince: ■■ . ,- . . 

Ce n'est pas le geographe qui va faire le compte des villes, des fleuves, des 
montagnes, des mers, des oceans et des deserts. Le geographe est trop important 
pour flaner. II ne quitte pas son bureau. 

A geographer who refuses to travel, as outrageous as it may be, and who is proud 
of his self-imposed limitations, epitomizes the tension between travelers and 
writers,'"^ a condition akin to that of the historian who has not witnessed the facts 
he relates. It is in the Renaissance that the dichotomy visalacta vs. audita/tradita 
finds its liveliest debate. Aiidr6 Thevet epitomized the struggle between theory 
and practice. A real-life mariner and a geographer to boot, Thevet learned all he 
wrote in his Cosmographie "en la chaise d'un navire, soubz la legon des vents," 
not in the scholarly debates "6s escoles de Paris.""" 



prefacing Jacques de Villamont's Voyages (Paris: C. de Montr'oeil et J. Richer, 1600), the 
author repeats this commonplace: "Francois, voyez ces peuples estrangers, / Sans changer 
d'air faictes ce long voyage, / De Villamont en la fleur de son aage / A ses despens vous 
tire des dangers." 

146. J. Rondaut, "A propos de la lecture" in Ce qui nous revient (Paris: Gallimard, 1980), 

p. 21. 

147. Papiers d'identite (Paris: Grasset, 1931), p. 28; quoted by A. PasquaU, Le Tour des 
horizons, p. 57. 

148. In the same vein, Cervantes distinguished between cortesanos and caballeros: "Los 
cortesanos, sin salir de sus aposentos ni de los umbrales de la corte, se pasea por todo el 
mundo, mirando un mapa, sin costarle blanca, ni padecer calor ni frio, hambre ni sed; pero 
nosotros, los caballeros andantes verdaderos, al sol, al frio, al aire, a las inclemencias de 
cielo, de noche y de dia, a pie y a caballo, medimos toda la tierra con nuestros mismos pies" 
{Don Quijote, II, vi). 

Faced with the difficulty of finding the precise coordinates of some newly-found islands 
in the Far East, Fra Mauro, a 15th-century Venetian cartographer, gave up all efforts of 
putting them in his tnappamondo. He wrote on his map, in the general area of the sea 
southeast of China: "In questo mar oriental sono molte insule grande e famose, le quaU non 
ho posto, per non haver loco"; and repeated the same idea in the area of the "Oceano 
Cataico": "In questo mar sono molte insule, le quah non met[t]o, per non haver loco" 
(Placido Zurla, // mappamondo di Fra Mauro. Venezia, 1806, p. 38). 

149. La Cosmographie universelle (Paris: L'Huillier, 1575), n, 907. For more on the 
tension between a cosmographer (Thevet) and a philosopher (Belief orest), see Normand 
Doiron's essay "De I'epreuve de I'espace au heu du texte: Le recit de voyage comme 



46 LUIGI MONGA 

Some historians write about things they hardly know. Censuring the lack of 
direct personal experience (avTOTrddeia), Polybius opened a path that Lucian would 
eventually pursue with particular vehemence in his De historia conscribenda: a 
denunciation of writers who possess a plethora of historical faults, writers geo- 
graphically ignorant, stay-at-home individuals who put into writing "such tittle-tattle 
[they heard] in a barber's shop" (ch. 24). But it is an unavoidable dichotomy, as 
this is the same Lucian who related tall tales about the horrible dipsad, "a snake 
not particularly big, resembling a viper," adding: "I myself never saw anyone so 
affected and pray I may never see a human being tormented in this way; but then 
I have never set foot in Lybia, I am glad to say" (Dipsads, 6). For history 
essentially follows witnessing; the rd Xeyoixeva (what one has heard) have to be 
discarded for the hard facts (rd yevonepa), and this is, or should be, the domain 
of a traveler: _ 

Historia est narratio rei gestae, per quam ea quae in praeterito facta sunt digno- 
scuntur. Dicta autem graece historia ocirb tov lOTopdv, id est a videre vel cogno- 
scere. Apud veteres enim nemo conscribebat historiam, nisi is qui interfuisset, 
et ea quae conscribenda essent vidisset. Melius enim oculis quae fiunt deprehendi- 
mus, quam quae auditione colligimus. . . . Haec disciplina ad granmiaticam pertinet, 
quia quidquid dignum memoria est litteris mandatur. 

(Isidore of Seville, Etymologice , I, 41, 1-2) 

Writing, one of the "dons singuliers que les hommes de par deg^ (the-so called 
'civilized'] ont regu de Dieu,'"* enhances travel and gives this experience an 
extended life and usefulness. 

A character in Saint-Evremont's comedy Sir Politick Would-Be provides a 
slightly humorous look into what was already considered a habit of fastidious 
German travelers; conscientiously keeping their travel journals. 

Nous avons aussi un journal ou nous ecrivons nos remarques, a I'instant meme 
que nous les faisons: rarement nous attendons jusqu'au soir; mais jamais voyageur 
allemand ne s'est couche sans avoir mis sur le papier ce qu'il a vu durant la 
joumee.'^' 

The choice of what is worth remembering in a journey is a subjective one. Any 
second-guessing is a dangerous exercise in flitility; an anonymous 19th-century 
critic denounced Montaigne's yoM/Tia/, the quintessential modern travelog, as "un 
manuel des eaux min6rales d' Italic, un relevd des pierres que leur vertu a fait 



genre," in Bernard Beugnot (ed.), Recits et immaginaire. Actes du Collogue de Montreal 
(Paris-Seattle-Tubingen, 1984), pp. 15-31. 

150. Jean de Lery, Histoire d'un voyage en terre de Bresil, ed. F. Lestringant (Paris: Le 
Livre de poche, 1994), ch. xvi, p. 362. 

151. Saint-Evremont, Sir Politick Would-Be, cit., p. 57. 



Travel and Travel Writing 47 

rendre k I'auteur. '"'^ The reasons why a traveler writes about travel are germane 
to the motivations for traveling. In the Renaissance a man often engages in 
traveling for "il desiderio di emergere dalla mediocrity e il bisogno di aflFermare 
la propria personality" :'^^ a proof of his pride and virtii, particularly if he has 
undertaken a painful and long trip,'^ a challenge of glory and/am^.'** Ameri- 
go Vespucci wrote from the islands of Capo Verde to Lorenzo di Pierfrancesco 
de' Medici on June 4, 1501: 

lo ho perduti molti soiini e ho abreviato la vita mia dieci anni; e tutto tengo per 
bene speso, perche spero venire in fama lungo secolo, se io torao con salute di 
questo viaggio: Idio non me lo reputi in superbia, che ogni mio travaglio e 
adirizzato al Suo santo servizio.'^* 

Back in Florence in 1606, after his tour around the world, Francesco Carletti 
regrets the loss of his notebooks as much as that of his commercial wares, stolen 
by Dutch pirates. The memory of his advenmres has partly vanished: having given 
up a career, first as a businessman then as a writer, he can only hope to entertain 
Ferdinando I de' Medici with whatever he remembers of his stories from far away 
countries: 



152. As wrote the anonymous editor of a "Journal d'un voyage en Provence et en Italic" 
in Revue retrospective, ou Bibliotheque historique, ser. 2, t. 7 (1836), 196. 

153. Uaria Luzzana Caraci (ed.), Scopritori e viaggiatori del CinquecerUo e Seicento (Milan- 
Naples: Ricciardi, 1991), p. ix. 

154. "Si via sit dura, licitum est tibi scribere plura," wrote Andreas Gartner in his 
collection of proverbs, Proverbialia dicteria (Frankfurt am Main: C. Egenholph, 1578). 
A modem French proverb ("A beau mentir qui vient de loin") is rooted on the ancient topos 
of the mistrust for the person who comes from afar: "One must expect to hear Ues from 
a traveler" (Sa'di, GuUstan [ca. 1258], I, apol. 32); "Pilgrymes andpahners . . . hedden leue 
to lygen" (WiUiam Langland, Piers the Plowman [ca. 1362], prologue); "Three sortes of 
men may lye by auctoritie, a Phisition, an Olde man, and a Travayler" (John Florio, First 
Fruites [1578], fo. 75). 

155. To observe the world without sharing its knowledge, for Pascal, is only idle vanity: 
"Curiosite n'est que vanite. Le plus souvent on ne veut savoir que pour en parler; autrement 
on ne voyagerait pas sur la mer pour ne jamais en rien dire et pour le seul plaisir de voir, 
sans esperance d'en jamais communiquer" (Lafuma 77). See Jean Mesnard's preface to Les 
Recits de voyage (Paris: Nizet, 1986), pp. 9-11). 

156. // Mondo Nuovo di Amerigo Vespucci: scritti vespucciani e paravespucciani, a cura 
di Mario Pozzi (Alessandria: Edizioni dell'Orso, 1993), p. 76. Antonio Pigafetta ackow- 
ledged in the dedication of his Relatione delprimo viaggio intorno al mondo that his journey 
was undertaken with the goal of "far esperienza di me e andare a vedere quelle cose che 
potessero dare alguna satisfazione a me medesmo e potessero parturirmi qualche nome 
apresso la posterita." Moreover, he has put in his written account ("questo mio hbreto") 
"tute le vigilie, fatiche e peregrinazione mie" (in Nuovo Mondo: Gli Italiani [1492-1565], 
cit., pp. 325-326). 



48 LUIGI MONGA 

li scritti che di cio avevo messo copiosamente insieme si sono persi, per mia 
disgratia, insieme con tutti li mia beni di fortuna, che I'averli ora, mi sarebbono 
carissimi per potere con essi maggiormente dilettare Vostra Altezza Serenissi- 
ma.'" 

Carletti's immediate goal, his patron's diletto, is only one of the numerous benefits 
that a travel account can oflFer the specialists in the disciplines involved: anthropolo- 
gists, historians of ideas, art historians, economists, just to name a few. 

The relationship between cosmography and history had already been empha- 
sized in Jean Bodin's Methodus ad facilem historiarum cognitionem (1566): 

hujus [cosmography's] enim tanta est cum historia cognatio et afBnitas, ut altera 
alterius pars esse videatur. ... Historici geographicis descriptionibus utuntur, et 
historici terrarum regiones semper describunt, ut si ars ulla historico necessaria 
sit, profecto geographia siramie necessaria videatur.'** — ^- 

Without being elevated to the rank of ancilla historice, as philosophy had been for 
theology, cosmography is an essential part ("summe necessaria") of the historical 
writing. And even the recit of individual travelers are important components: 

Ces sortes d'observations faites avec intelligence, et exactement recueiUies depere 
en fils, foumissent les plus grandes lumieres sur le fort et le foible des peuples, 
les changemens en bien ou en mal qui sont arrives dans le meme pays au but d'une 
generation, par le commerce, par les lois, par la guerre, par la paix, par les 
richesses, par la pauvrete, ou par de nouveaux gouvemeurs.'*' 

Hippolyte Taine underscored clearly the significance of diaries and accounts 
of foreign visitors for the history of France: 

Des lettres et des joumaux de voyageurs etrangers controlent et completent, par 
des peintures independantes, les portraits que cette societe a traces d'elle-meme. 
EUe a tout dit sur son propre compte, sauf ce qui lui semblait technique, ennuyeux 
et mesquin, sauf ce qui concemait la province, la bourgeoisie, le paysan, I'ouvrier, 
I'administration et le menage."* 

Hodoeporics, as a narrative "^ tendance encyclop6dique," is a laboratory in which 
all human experiences can find their expression: history, geography, all natural 
and human sciences.'*' 



157. Francesco Carletti, Ragionamenti del mio viaggio intomo al mondo (Milan: Mursia: 
1987), p. 97. 

158. (Euvres philosophiques (Paris: Presses Universitaires de France, 1951), ii, 118. 

159. Encyclopedie [1765 ed.j, xvii, 477 (s.v. "Voyage"). 

160. Les Originesde la France contemporaine, I: L 'Ancien Regime (Pans: Hachette, 1894), 
p. VI. 

161. Claude Reichter, introduction to A. PasquaU's Le Tour des horizons, p. xvn. 



Trawl and Travel Writing 49 

10. Taxonomy of Hodoeporics 

If we agree with Kellogg and Scholes'^^ that the epic, the chief ancestor of 
modem fiction, has developed into the empirical (i.e., historical and mimetic) and 
fictional (i.e., romantic and didactic) novel, we may be tempted to put travel 
narrative at the very foundation of the modem novel. Yet there is no need to 
review here the complex debate that has divided the critics over the definition and 
origin of the novel. Ralph Freedman points to roots that "reach down to difl'erent 
layers of soil" in the modem novel,'" Northrop Frye's definition of novel as 
a sort of meta-genre has inferred the presence of a main character engaged in a 
"quest involving religion, war, a golden or social Utopia, exploration, monetary 
gain, a person, a knowledge of the world or oneself," in a word, "a marvelous 
journey."'^ 

All said, novel still remains a vague term and indicates, alas, almost as 2i flatus 
vocis, an all-encompassing genre capable of greater extremes than any other artistic 
form of art, so elastic, in fact, as to be almost undefinable. Frye's "marvelous 
joumey," however, seems the essential component of the epic of Homer and Virgil, 
the Greek and Latin works of Lucian and Apuleius, up to the medieval roman, the 
pastoral tale, and the modem novel. 

Although one may agree that any narrative, to a certain extent, involves 
hodoeporics, as we have postulated above, the enormous, amorphous material that 
constitutes travel narrative begs a definition and classification, albeit temporary 
and blurry. Adrien Pasquali 's explanation as a "parcours g^ographique , r6f6rentiel, 
verifiable"'*' seems quite satisfactory; as far as a taxonomic definition, however, 
the task is much harder, witness the negative conclusion of Percy G. Adams's 
seminal work on travel literature: 

The recit de voyage is not just a first-person journal. ... It is not just in prose. 
... It is not necessarily a story with a simple, uncontrived plot. ... It is not just 
a set of notes jotted down each day or whenever the traveler has time. ... It is 
not just an objective report. ... [It] is not a branch of history any more than it is 
of geography. ... [It] is, of course, not just an exploration report. ... It is not a 



162. R. Kellogg and R. Scholes, The Nature of Narrative (New York: Oxford University 
Press, 1966). 

163. "The Possibihty ofa Theory of the Novel," inP. Demetz.Th. Greene, and L. Nelson, 
Jr. (eds.), The Discipline of Criticism (Ntv/Ha\cn: Yale University Press, 1968), pp. 57-79. 
See also Percy G. Adams's clear analysis in Travel Literature and the Evolution of the Novel 
(Lexington: The University Press of Kentucky, 1983), pp. 1-37. 

164. The Anatomy of Criticism (Princeton: Princeton University Press, 1957). 

165. Le Tour des horizons, p. 85. 



50 LUIGI MONGA 

complete record of a journey. ... It is not "subliterature."'^ 

The distinction between recit de voyage and novel appears rather tenuous: it 
is a question "de degre, non de nature," as A. Pasquali points out.'" As positive 
as it may seem, Louis Marin's definition of travel narrative remains vague, for 
the common denominator of the various forms oi recit de voyage is obviously very 
large: 

un type de recit ou I'histoire bascule dans la geographie, ou la ligne successive 
qui est la trame formelle du recit ne re lie point, les uns aux autres, des evene- 
ments, des accidents, des auteurs narratifs, mais des lieux dont le parcours et la 
traversee constituent la narration elle-meme; recit, plus precisement, dont les 
evenements sont des lieux qui n'apparaissent dans le discours du narrateur que 
parce qu'ils sont les etapes d'un itineraire. Sans doute ces etapes peuvent-elles 
etre marquees pas des incidents, des accidents et des rencontres, c'est-a-dire par _ 
I'autre espece d'evenements qui constituent le materiau du recit historique.'^ 

There is, obviously, no set form ox genre of hodoeporics, for the travel writer "has 
a thousand forms and formulas from which to choose when writing the account 
of a trip, whether he intends to publish his account or not."'*^ To understand 
the difficulty of establishing a "generic" taxonomy of hodoeporics, we could just 
look at some of the oldest examples of travel narrative in Greek literature, the 
Odyssey and the Anabasis: respectively, a poetic narrative of a fictional journey 
and an historical account in prose of Xenophon's return to Greece after the demise 
of the expedition from Persia. 

We may attempt a classification according to a taxonomic spectnmi based on 
subjective/objective elements in a hodoeporic text.'™ At one extreme we have 



166. Percy G. Adams, Travel Literature and the Evolution of the Novel, pp. 280-281. 

167. Le Tour de horizons, p. 94; "La double nature— narrative et descriptive— du recit de 
voyage ... revele surtout Tambigiiite d'un genre partage entre les exigences souvent 
contradictoires de la documentation et du recit" (J. Chupeau, "Les Recits de voyage aux 
lisieres du roman," Revue d'histoire litteraire de la France, LXXvn, 1977, p. 544). 

168. Louis Marin, quoted by A. Pasquali, Le Tour des horizons, p. 94. Francis Affergan 
offered another attempt to organize the multifarious models of hodoeporics by joining 
linguistics and rhetoric. Postulating a complex four-model system ("recit metonymique, 
synecdochique, metaphorique," and, finally, a recit of real travel and discovery), he is 
eventually forced to acknowledge that "tout recit de voyage appartient aux quatre genres 
a la fois, a des degres divers, ou plutot il y participe de fait, puisque le rapport sur le voyage 
effectue ou non est inverifiable completement" (cf. A. Pasquali's chapter "Une typologie 
narrative des recits de voyage: urgence ouimpossibilite?" \nLe Tour des horizons, pp. 139- 
143). 

169. Percy G. Adams, Travel Literature and the Evolution of the Novel, introduction, 

170. Underscoring the difficulty of analyzing these elements, A. PasquaU rightly calls them 
"pseudo-subjectif" and "pseudo-objectif" {Le Tour des horizons, p. 91). 



Travel and Travel Writing 51 

the guidebook: an objective description, often trite, but basically accurate and 
thorough, an indispensable tool for the next generation of travelers. Examples of 
this form span from Herodotus's History, "the tourist's perfect companion,"'^' 
and ?2i\xs2im2is's Description of Greece (a.d. ca. 150), the Baedeker of the ancient 
world, to the Mirabilia urbis Rotnce, from Estienne's Guide des chemins de France 
(1553) and Richard Rowland's The Posts of the World (1576) to the Guida del 
Touring Club Italiano and the Guide Michelin. At the other extreme of the 
spectrum in this classification there is an unmanageable number of narratives of 
personal remembrances , often written for the purpose of instructing friends who 
are about to undertake the same journey. This private narrative is often mingled 
with objective descriptions; in fact, the first draft of a travel journal may be 
rewritten— for the purpose of publication— and completed with entire pages taken 
from guidebooks. '^^ 

Naturally, the traveler's intellectual preparation remains the essential condition 
that creates an intelligent report or an entertaining narrative, since writing, from 
Gilgamesh on, is the most objective prise de conscience of the event by the person 
who has lived through it. When the traveler writes a recit, the threshhold of 
passivity has been left behind and the reflection on a personal experience is already 
taking place. '^^ True, the superficial tourist will always observe only the most 
frivolous details of a human geography, be it in writing or through the impassible 
eye of a camera or a camcorder.'^'* Observations bare and betray the observer's 
character and prejudices: 



171. Lionel Casson, Travelin the Ancient World (London: Allen& Unwind, 1974), p. 111. 

172. Thomas Hoby, for example, used Leandro Alberti's Descrittione di tutta Italia, as 
did the 16th-century anonymous author of the Discours viatiques de Paris a Rome et de 
Rome a Naples et Sidle (Geneva: Slatkine. 1983). Sebastiano Locate Hi copied abundantly 
from de la Varenne's Voyage de France and Schott's Itineraria Italics rerumque romanarum 
(see my introduction to Locatelli's Viaggio di Francia). 

173. The travel journal is not the only literary product of this human experience: 
epistolography , memoirs , remembrances found in other literary expressions (essays , history, 
treatises, novels, etc.) can all be referred to the travel experience. For instance, the trip 
to Rome has created an abundant material, from the correspondence of Renaissance 
humanists (Petrarch, Guillaume Bude, Christophe de Longueil, Jean Lemaire, and many 
others) to poetic works (in France, we have Du Bellay's Regrets, De Magny's Soupirs, 
allusions in Jodelle and Belleau, Grevin's Gelodacrye, etc.). See Jean Delumeau, Rome au 
xvf siecle (Paris: Hachette, 1975); Eric Macphail, The Voyage to Rome in French Renais- 
sance Literature {SsLTatoga: ANMALibri, 1990); Jean-Pierre Lafouge, "Italy inTravelBooks 
of the 17th Century," Cahiers du Dix-Septieme : An Interdisciplinary Journal, m, 2 (1989), 
115-130. 

174. Sometimes, according to Ennio Flaiano's hon mot, a tourist "raccoghe docimienti che 
proveraimo il suo viaggio, ma sarebbe troppo facile provargh che non si e mai mosso" (his 
reportage, which appeared in // Corriere delta sera, September 23, 1960, is now in Opere: 
scritti postumi, ed. M. Corti and A. Longoni. Milan: Bompiani, 1988). 



52 LUIGI MONGA 

Some minds improve by travel, others rather 

Resemble copper wire, or brass, ^\ 

Which gets the narrower by going farther!'^* 

Moved by a desire to be objective, the traveler usually starts by taking notes during 
the journey, filling up tablets with the toponyms as he hears them pronounced by 
the locals. Sometimes the traveler just cannot jot them down fast enough, as Orazio 
Busino confessed, while riding on a boat down the Rhine: 

Vedevansi da una parte et I'altra molti bei siti, ripieni di ville, terre et castelli, 
che invero paiono piu frequenti et folti di quel che si veggono case et palazzi per 
la Brenta. ... In somma, tomo a repphcare che da ogni parte, a lunga vista et 
propinqua, h monti et le costiere sono cosi tempestate di varie et diverse fabriche 
ch'io et chi si voglia, stando con la penna in mano nel corso della barca veloce- 
mente scrivendo, non potrebbono perfettamente abbozzar i nomi loro.'^* ""^^ 

This first draft of the journal is then rewritten, once or more often, at the end of 
the journey, sometimes with added details (or elusive toponyms) with the help of 
a guidebook or somebody else's travel journal, for achieving objectivity is essential 
to travel narrative. At this point the written product can still be considered a true 
travel journal, one to be presented as a guidebook to others who aim at repeating 
the same journey. Such a journal is the documented proof of a journey really 
taken. Eventually, a desire for more objectivity may prevail. If the writer is 
interested in publishing his narrative, he must emphasize everything he has learned 
about people, places, monuments, local history. He may then heed the advice of 
the theoreticians who have created the so-called methodus apodemica, 2l mnemonic- 
based system of organizing the material that enjoyed a tremendous success from 
the end of the 16th century well into the 18th.'" We are slowly moving towards 
the creation of a guidebook in which the subjective element, the journey actually 
performed, disappears under a rather cimibersome collection of objective details. 



175. Thomas Hood, "Ode to Rae Wilson, Esq." in The Works ofT. H. (London: Moxon 
& Co.: 1862), VI, 231. 

176. I shall soon publish the travel journals of the Venetian Ambassador Pietro Contarini 
to Turin, London, Madrid, and Rome, written by his various secretaries (among whom 
Orazio Busino) between 1606 and 1623. 

177. See below my bibhographical essay, "Renaissance Hodoeporics: A BibUography of 
Theoretical Texts onM^//2C»<i«5a/7orfe/n/ca (1500-1700)," pp. 647-664. Cf. also my essays 
"Voyage et recit de voyage a la Renaissance," Montaigne Studies: Montaigne traducteur, 
Montaigne voyageur, v, 1-2 (1993), 109; and "Itineraires de Fran?ais en Itahe a I'epoque 
de Montaigne," in Montaigne e I'ltalia (Geneva: Slatkine, 1991), pp. 437-452. On Renais- 
sance methodological theories see Walter J. Ong, Method and the Decay of Dialogue 
(Cambridge: Harvard University Press, 1958); Neal W. Gilbert, Renaissance Concepts of 
Method (New York: Columbia University Press, 1966); Frances A. Yates, The Art of 
Memory (Chicago: Chicago University Press, 1966). 



Travel and Travel Writing 53 

Moving between two points, the traveler describes everything that is there, 
regardless of whether he saw such details or only read about them: above all, he 
seems interested in what he could see, or should have seen, had he had the time 
and leisure to move freely in the region. Louis Coulon's L'Ulysse frangois, ou 
le Voyage de France, de Flandre et de Savoye (Paris: G. Clousier, 1643) and Pierre 
Bergeron's numerous (and still unpublished) travel manuscripts are the most striking 
examples of this tendency. 

At the same time, the effort to emphasize a personal narrative continues. 
Sometimes the writer's goal is just to amuse his readers, like the epistolary 
tragicomoedia of Erasmus's journey from Basel to Louvain.'^^ The entertaining 
component is never totally absent, even from official reports, as in Vespucci 's letter 
to Piero Soderini in which the navigator summarizes his discoveries. Admittedly 
"presuntuoso" and "perotioso" in addressing a dignitary, Vespucci acknowledges, 
however, that "la verity del [suo] scrivere" offers his reader "cose che non si 
trovano scritte ne per li antichi ne per modemi scrittori" : Soderini should therefore 
bear the burden "di consumare un poco di tempo nelle cose ridicule e dilettevoli 
... per discanso di tante occupazioni."'^' In other cases, realizing that his recit 
may enjoy an unexpected success among friends and patrons who have perused 
it, the traveler will rewrite it, selecting amusing details to entertain his audience, 
like a storyteller who keeps adding on to and embroidering over the basic structure 
of a tale: 

Doppo d'aver terminata la non poca fatica di trascrivere i tre libri del presente 
viaggio, quando credevo di poter consolare il desiderio del mio buon fratello che 
11 [my journal] voleva per divertire se stesso et altri, soliti ad onorare il suo casino 
di campagna, ... non e stato possibile che alle replicate sue lettere di premurose 
istanze sappia rissolvermi ad inviarglielo. '^ 

The narrative now emphasizes curious events and favors details that aim at 
entertaining. The case of Sebastiano Locatelli's Viaggio di Francia is typical of 
this category: during thirty years, Locatelli rewrote his original narrative at least 
four times, adding new episodes (and leaving the reader more and more uncertain 



178. The tragicomic account of Erasmus's journey (letter n° 867 of October 1 518 to Beatus 
Rhenanus), composed while recovering from an illness, "was left open in the hands of the 
messenger, to be shown to those whom he would pass on the way to Basel" (Opus epistola- 
rum, ed. P. S. Allen. Oxford: Clarendon, 1906, m, 393). A copy was made to be sent to 
England, and many humorous details found their way in other letters Erasmus sent to other 
friends . 

179. Letter of September 4, 1504 from Lisbon, in Nuovo Mondo: Gli Italiani (1492-1565), 
pp. 234-235. 

180. Sebastiano Locatelli, Viaggio di Francia, p. 45. 



54 LUIGI MONGA 

as to the veracity of many of the facts reported).'^' 

At this point, however, we lose the travel narrative for a fictional development. 
But fiction is rooted in hodoeporics, for every travel writer, consciously or not, 
performs a mise en intrigue to underscore and reorganize elements that are not 
always essential to the factual journey. The result is a growing ambivalence 
between facts and fiction, a result which blurs the distinction between travel and 
fictional narrative, forthe narrator/ witness slowly has evolved into a character/actor 
whose goal is to become the center of interest. 

The Romantic writer could even make a parody of the process of inquiry that 
precedes the act of writing. Subverting the rules, in fact mocking the descriptive 
technique of traditional travel books, Heinrich Heine refuses to spend his time in 
Brescia just visiting the city. We find him, instead, feasting in a restaurant: 

I cannot say much about Brescia, for I took advantage of my time to have a decent ^ 
meal. ... But, before I got back into the coach, I was conscientious enough to ask 
my waiter for information about the city: so I found out, among other things, that 
Brescia has forty thousand people, a city hall, twenty-one coffee houses, twenty 
Cathohc churches, an insane asylum, a synagogue, a zoo, a jail, a hospital and 
a theater equally good, and gallows for thiefs who steal less than one hundred 
thousand tallers.'*^ 

Heine has made a definite choice between the guided tour of Brescia and the 
comfort and aromas of the table d 'hote. He has led his reader, in a full cycle, and 
tongue-in-cheek, to a recit de voyage fiilly based on hearsay and centered on the 
writer as actor. Gradually, travel narrative has been losing touch with travel. 
Should we still attempt to situate it in a complex taxonomy within de Certau's 
encompassing definition of recW. 

Vanderbilt University 



181. See Albert N . Mancini , " Autobiografia e autocoscienza narrativa nel Viaggio di Fran- 
cia di Sebastiano LocateUi," below, pp. 231-246. 

182. H. Heine, Reisebilder in Werke und Briefe (BerUn: Aufbau, 1961), m, 251-252 (my 
translation). 



Theodore J. Cachey, Jr. 



An Italian Literary History of Travel 



The Italian is arguably the most "well traveled" of the Western European literary 
traditions. Italian literature, since Marco Polo and Dante, has always displayed 
the greatest mobility across time and space in both geographical and literary terms. 
Yet, the "History of Italian Literature" does not include a chapter on the literature 
of travel.' While the national literary traditions of England, France, and Spain 
have long recognized the powerfully fecund relationship between travel and the 
formal and ideological development of their respective histories, the Italian literary 
canon and consequendy its historiography have remained largely impervious to Italy's 
splendid legacy of travel literature. I want briefly to explore here the implications 
of this paradoxically marginal status of travel in Italian literary history, and to 
suggest a new perspective from which Italy's unique contributions to the Western 
tradition of travel hterature, examined witliin the broader context of a general history 
of travel, might acquire greater focus. Indeed, the ostensibly peripheral issue of 
Italian travel engages fundamental questions about tlie nature and character of ItaUan 
literature in toto. 

If, as Eric J. Leed has argued, travel assumes as its premise "the territorializa- 
tion of a human group and the localization of place, "^ then it comes as no surprise 
that the Italian literary canon has lacked the category of travel literature. For the 
Italian tradition, both at its origins in the Due-Trecento, and at the tune of its 
consolidation during the high Renaissance, did not emerge from any one center 
but rather represented the creation, by a dispersed intellectual class, of a literary 
and linguistic ideal which was sought, pursued, and was present potentially in every 
geographical Italian center or locale, but original to none of them. Dante describes 
it as "the panther we are stalking" in the De vulgari eloquentia (I, xvi), "that animal 



1. "Nelle stone della letteratura [italiana] manca quindi un capitolo sui viaggi, e questo 
benche sia quella dei viaggi da ogni punto di vista una letteratura— quanto si vuole 
minore— composta di generi e sottogeneri, con piena intenzione testuale. ... Ci si puo chiedere 
dunque per qual motivo Timmensa potenzialita di dati ed idee nuove contenute nella letteratura 
di viaggio rimanesse senz'eco nella nostra letteratura, nella formazione del canone letterario, 
nel modellamento dei grandi temi ideologici" (G. R. Cardona, "I viaggi e le scoperte," 
Letteratura italiana: Le questioni, ed. A. AsorRosa. Torino: Einaudi, 1986, pp. 687-716). 

2. Eric J. Leed, The Mind of the Traveler: From Gilgamesh to Global Tourism (New 
York: Basic Books. 1991), p. 16. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



56 Theodore J. Cachey Jr. 

who scatters its fragrance everywhere and shows itself nowhere." Accordingly, 
Italian literature has from its founding "exiles," Dante and Petrarch, established 
itself as a tradition seeking to overc6me its lack of an original place, either to depart 
from, or to which return. 

Thus the ItaUan literary canon has no special category for travel simply because 
the entire tradition comprises a literature of travel, and more precisely a literature 
of exile/pilgrimage, into which the attachments of its authors to regional place have 
been sublimated, by means of what Carlo Dionisotti has termed "an industrious 
and delicate linguistic transposition."^ Accordingly, it has been through a series 
of idealized territories of language and literature that Italian literary identity has 
historically constituted itself, presenting a legacy which has been generally recognized 
to be uncannily disembodied and deterritorialized. The profound cultural and 
linguistic diversity that characterized the peninsula gave rise to a highly unified 
and refined, albeit narrowly conceived, Italian linguistic and literary cultural identity, 
devised to overcome not only the diversity from which it emerged and the violence 
of historical events, but also an original lack of geographical center, of territorial 
definition and integrity. 

All travel not directed toward Italy in this ideal linguistic and literary sense 
has represented a betrayal of the fundamental inspiration and trajectory of die Italian 
canon. Geographical travel itself goes against the very ideality, the placelessness 
at the heart of Italian literary identity. Indeed, the typical linguistic heterogeneity 
and regional cultural perspective of travel away from Italy points to the scandal 
that for most of its history Italy has existed as "no place" to leave from or return 
to. Meanwhile, Italian national identity jealously maintained itself as an essentially 
linguistic ideal and literary trope rather than a national political reality. Italian 
cultural anxiety about a lack of geographical center, about the territorial absence 
which is at the heart of its cultural construction, has led to the exclusion of travel 
literature from Italian literature's austere classicizing precincts. 

The apparent lack of communication between the Italian canon and travel thus 
masks a deeper interrelationship. There exists a proportional and, in some cases, 
inverse correlation between Italian literature conceived as literary travel and the 
canon's resistance to travel literature at any given moment along its chronological 
continuum. The importance of Italy's "excluded" legacy of travel literature for 
a general history of Western travel derives meanwhile from the estranged 
anthropological situation of the Italian subject sketched above. Estrangement from 
an idealized literary and linguistic place called "Italy" uniquely prepares the Italian 
subject to become through mobility a citizen of the world, as Dante has it, to "have 
the world as my fatherland just as the fish the sea" (De vulgari eloquentia, I, xn). 



3. Carlo Dionisotti, Geografia e storia della letteratura italiana (Turin: Einaudi, 1967), 
p. 44. 



An Italian Literary History of Travel 57 

It is this original heterogeneity of provincial identities and local attachments to place 
that renders Italian travel writing so compellingly paradigmatic and eminently 
exportable. For "Italians" have understood well both the pain and the pleasures 
of travel, having been strangers in their own land. The cosmopolitan character 
and easy translatability of Italian travel literature represent the facing page of the 
Italian canon's need to sublimate its lack of center, of place, into an Italian literary 
identity. Italian travel is thus central to both the history of travel and of Italian 
literature, for since Marco Polo and Dante, it has provided a unique perspective 
on the relationship between geographical and literary mobility in history. 



Most discussion by literary historians takes Italian travel writing as a marginal 
hterature or "historical" genre. Most recendy the multi-volume Einaudi Letteratura 
italiana included in its volume dedicated to "Le questioni" a brief chapter that treated 
this hterature as essentially "other" with respect to ±e high or "auhc" Itahan hterary 
tradition.** 

Another way of approaching the problem however would be to speak of "minor" 
literature rather than the marginal. It ought to be possible, that is, to reconceive 
of Itahan hterature in terms of "minor" hterature as that concept has been elaborated 
by Deleuze and Guattari in a well-known essay. ^ The theoretical issues involved 
will require further clarification in another context. For the moment, let us say 
that their project in terms of Italian literary history will entail taking travel not as 
a marginal genre, nor simply as one literary theme among others, but rather in some 
way or other as constitutive of Italian literary discourse itself. 

The notion of the Italian as a "minor" literature is not so heretical as it might 
seem at first glance to those imbued with admiration if not reverence for the 
monumental edifice of "Italian literature." This monumentality itself is a distortion 
of retrospect, a view of literary history filtered through the results of processes 
of canonization enacted by Italian philological and historiographic institutions that 
were at some deep level engaged in overcoming and compensating for the scandalous 
lack of Italian national unity and political identity underlying Italian literary history 
(for a "modem" example, see Bruno Mighorini's classic Storia delta lingua italiana). 



4. "Eppure la letteratura italiana non inquadra volentieri nel suo canone i viaggi, di cui 
pure e ricca; quasi che i molti dati materiali e concreti di cui essi sono necessariamente 
costruiti inquinino in qualche modo un ideale di disinteressata e disincamata letterarieta; 
quasi che paesi e costumi ed eventi possano diventare riconosciuta provincia letteraria solo 
quando li marchi il segno dell'invenzione, del fantastico" (Cardona, "I viaggi e le scoperte" , 
p. 686) 

5. "The possibility of setting up a minor practice of major language from within allows 
one to defme popular literature, marginal literature, and so on" (Gilles Deleuze and FeUx 
Guattari, "What is a Minor Literature?" in Kajka: Toward a Minor Literature, transl. by 
D. Polan. Minneapolis: University of Minnesota Press, 1986, pp. 16-27). 



58 Theodore J. Cachey Jr. 

A measure of the success of this operation has been the marked tendency to view 
the ItaUan canon as a boundaried, centered and contained set of enduring monuments 
(to such an extent that it is extremely difficult to imagine, within an Italian context, 
the kind of debate about the canon familiar to those of us working in North 
America). By taking travel as central rather than peripheral to the formation of 
the Italian canon, it ought to be possible to see that creation not as a somehow pre- 
established site, but rather as the skeletal remains of countless journeys, just as 
the stones of Venice, or the architecture of Rome are but crystalizations of past 
arrivals, encounters, associations, and departures. It is from this vantage point 
that Italian literature can be conceived of as "minor," and its historical force can 
be recognized, for "the glory of this sort of minor literature [is] to be the 
revolutionary force for all literature" (Deleuze/ Guattari, 19). 

Father Dante himself was painfully aware of the "minor" status of Italian 
vernacular literature of his time when considered in relation to both the as yet 
undisputed hegemony of Latin as the language of high culture and French literary 
dominance in the vernacular field. Dante's Convivio, De vulgari eloquentia, (and 
now it appears, his Fiore^) represent self-conscious polemical attempts to counteract 
the dominance of these "major" traditions and to create an opening for Italian 
national vernacular practice. Petrarch's vernacular "fragments" on the other hand, 
what the poet termed in the proemial sonnet, his "rime sparse," or as he calls them 
in a famous letter to Pandolfo Malatesta, his nugellae (poesy), represent by their 
author's own definition a "minor" poetic practice with respect to his investments 
in Latin. Both Dante and Petrarch operated within what Deleuze and Guattari have 
called "the genial conditions of a minor literature": their subsequent impact upon 
western literary history represents an eminent illustration of the critics' assertion 
that "there is nothing major or revolutionary except the minor" (26). 

Meanwhile Italian vernacular poetry continues in the century following 
Petrarch's death to represent a "minor" literary practice with respect to the Latin 
of humanism during what Benedetto Croce famously described as the "secolo senza 
poesia. " Emerging from the decentered and policentric geographical and political 
context of the Italian court system at the end of the 15th century, Italian literature 
becomes undisputably "major" within a European context at roughly the same time 
that it is codified as a "national" linguistic and literary practice (Bembo'sLe prose 
della volgar lingua, 1525), a literary consolidation that was in response to the 
political breakdown of the court system under the pressures of foreign incursions 
by France and Spain. Significantly however, the Italian classics that become models 
for European vernacular literary practice at this time, works like Saimazaro's 



6. Zygmunt G. Baranski, "Lettura dei sonetti I-XXX," Letture classensi: Lettura del 
"Fiore", 22 (1993): 13-35; and see also the forthcoming volume dedicated wholly to he 
attribution question edited by Baranski and Patrick Boyde, The Fiore in Context: France, 
Tuscany, Dante (Notre Dame: University of Notre Dame Press, 1996). 



An Italian Literary History of Travel 59 

Arcadia, Ariosto's Furioso, and Castiglione's The Courtier, were all products of 
the "minor," extremely mobile literary practice of the Italian court. The revolution- 
ary import of this minor literature would only bear fruit abroad. From the end 
of the 16th century to the time of political unification in the mid-nineteenth century, 
the Italian returns to its status as a "minor" literature, and here I am speaking in 
the more or less traditional sense. Metastasio is the only Italian poet from the period 
after Tasso who has anywhere near the kind of European impact that Boccaccio, 
Petrarch, Ariosto, and Tasso had had.^ And both the nature of the art of the 
greatest poet of the musical theatre of his time, and the geographical trajectory of 
his career, which saw him move from Rome to Naples to Vienna where he was 
the celebrated poet of an imperial court, active outside of Italy between 1730 and 
his death in 1782, provide illustrations of travel's centrality to the fundamentally 
deterritorialized constitution of Italian literature. 

In fact, beyond the relatively external historiographic considerations just 
rehearsed, Italian literature corresponds to the definition of a "minor" literature 
proposed by Deleuze and Guattari to the extent to which it is "affected with a high 
coefficient of deterritorialization" (16). I want to suggest, briefly for now, how 
the "founding" vernacular practices of Dante and Petrarch effect a deterritorialization 
of poetic language in two different ways, establishing two different paradigms for 
a literature faced with the challenge of overcoming its constitudonal lack of an 
original place either to depart from or to which return. In both cases, again 
following Deleuze and Guattari who observe that "the second characteristic of minor 
literatures is that everything in them is political," I want to consider how these 
alternative literary paradigms coimect the individual to a political immediacy. And 
finally, I want to consider in the cases of both Dante and Petrarch how their 
divergent practices take on a collective value, for as Deleuze and Guattari have 
argued: "if the writer is in the margins or completely outside his or her fragile 
community, this situation allows the writer all the more possibility to express another 
possible community and to forge the means for another consciousness and another 
sensibility..." (17). 

Dante's vernacular practice was characterized by ongoing experimentalism 
and radical shifts in rhetorical models, perhaps nowhere better exemplified than 
in his turn from the neo-classical or vernacular humanistic rhetorical model promoted 
in the De vulgari eloquentia to the revolutionary poetic plurilingualism of the 
Commedia. What remained constant however was the informing aspiration to a 
hnguistic and literary unity which might in some way overcome the political, cultural 
and linguistic fragmentation of late-medieval Italy. The hope that an imperial court 
might provide a "hinge" that would orient the literary practice of an aristocratic 



7. Carlo Dionisotti, "Regioni e letteratura," in Storia d'ltalia: Idocumenti, V, ii (Torino: 
Einaudi, 1973), p. 1392. 



60 Theodore J. Cachey Jr. 

group or school of Italian poets (cf. Dante's nostalgic evocation of the Sicilian school 
at the court of Frederick II) is what underlies the "tragic" rhetorical model of the 
De vulgari eloquentia. But the effective lack of a geographical and political center 
for the elaboration of an illustrious Italian vernacular is precisely what eventually 
drives the "de-centered," Florentine exile to adopt a comedic poetics which is 
antithetical to the tragic neo-classical rhetoric outlined in the De vulgari eloquentia. 
Dante's own political status as an exile, and the effective historical lack of an 
authoritative political (or spiritual) point of reference, leads him to assume in the 
Commedia a prophetic and plurilinguistic spiritual and literary authority. He 
expresses in the poem "another possible community," if you will, writing for an 
emerging vernacular public which have in common "la lingua del si." 

It was Longfellow who first recognized that Dante's "illustrious vernacular" 
theorized in the pages of the De vulgari eloquentia (the language common to all 
Italian cities, but peculiar to none) existed "everywhere in parts, but no where as 
a whole, save in the pages of the classic writer."* Dante, while writing the De 
vulgari eloquentia (which he never completed) realized that rather than write the 
rhetoric of a poetic school that would never be, he himself had to write the classic 
text that would itself stand in the place for the absent Italian political center. The 
literary breakthrough of the Commedia' s polilingualism, which binds together and 
sustains "the various and discordant discourses of the tribe, "^ is accordingly 
paralleled by and interwoven with Dante's reterritorialization of "ItaUa" in the poem. 
I refer to the more than two hundred loci in the poem, more or less evenly 
distributed, in which Dante re-presents the Italian landscape, beginning with the 
first glimpse of Italy in the poem: 

Di quella umile Italia sia salute 
per cui mori la vergine Cammilla, 
Eurialo e Turno e Niso di ferute. {Inf., I, 106-107) 

The allusion contained in the expression "low-lying Italy" to Virgil's description 
of the shores of Italy as they first appeared to Aeneas and his companions from 
their ships (III, 522-3: "humilemquem videmus Italiam") foreshadows the way in 
which Dante will attempt to establish Italy as a territory in the poem. Italy is 
glimpsed here at the poem's outset as a kind of promised land to be restored to 
peace. The mention of the names of heroes who died in the wars fought by Aeneas 
and the Trojans in their conquest, without distinguishing between the victors and 
the vanquished has the effect of rendering sacred the Italian soil, by virtue of the 



8. "Dante's language" in Dante in America: The First Two Centuries, ed. A. Bartlett Giamatti 
(Binghamton: Medieval and Renaissance Texts and Studies, 1983), p. 42. 

9. Giuseppe Mazzotta, "Afterword," Dante's Inferno: Translations by Twenty Contemporary 
Poets, ed. D. Halpem (Hopewell, N.J.: The Ecco Press, 1993), p. 162. 



An Italian Literary History of Travel 61 

blood of its martyrs from whatever faction. Dante will effect in the poem some 
of the basic techniques by which groups root themselves in landscape, that is, by 
linking myth and history to place, through its peopling with gods and ancestors, 
their deed and battles. Dante's representation of Italy as holy ground is effected 
through the deterritorialization and reterritorialization of Italian geography in the 
poem. An Italian literary history of travel might well read Dante's Italy in the poem 
not as an established site (as in Revelli's L 'Italia nella Divina Commedia or Alinari's 
Ilpaesaggio italico nella Divina Commedia) but as a process of literary deterritoriali- 
zation/reterritorialization designed to create a holy site in ways related to the 
processes by which historical sites of pilgrimage and tourism have been historically 
created. '° Dante's intense mapping and boundary making, his architecturalization 
of poetic spaces, the peopling of his poem with Italian cities and their inhabitants, 
represents an obsessive compensation for what he experienced as a lack of Italian 
national identification and political integrity, and has the cumulative effect of 
establishing Italy as a contemporary literary cultural territory. From a political 
perspective, what made this possible was the culminating moment of the crisis of 
die Italian conmiunal culture (direatened by France, caught between the collapse 
of imperial and papal authority). The capacities of the Italian Due-Trecento for 
transcendence beyond the narrow confines of its municipal system (and here the 
geographical mobility of Marco Polo's // milione finds its perfect counterpart in 
Dante's literary travel narrative) allowed Dante to glimpse the substantial cultural 
unity underlying a surface diversity of cultures on the peninsula, and to sublimate 
it in the form of a national epic, albeit for a nation that would not come into 
existence for another half a millennium. 

But Dante's paradigm of poetic deterritorialization creates the possibility for 
even broader worldwide reterritorializations in the tension it establishes between 
die accumulafion of geographical and topographical detail in all their materiality, 
and spiritual mobility or transcendence, a tension that will be extremely productive 
for subsequent literary history. The spiritual motion of transcendence, that is, the 
negation or overcoming of the limitations of space and time, is rooted by Dante 
in the materialities of local habitation. The very datedness and placedness of his 
text renders it timeless and universal. Dante gives us eternity's Michelin guide, 
which is essentially a guide-book to Italy. It is in this kind of immersion in local 
place as a means of transcendence of time and space in Dante that will be 
fundamental for subsequent literary deterritorializations from Romantic poetry to 
James Joyce's Ulysses (Seamus Deane has recently traced Joyce's poetics in diis 
regard to William Hazlit's "Jacobean poetics," but Dante might just as well have 
given Joyce the cue for the kind of universalization through the local which Joyce 



10. For example, as described by Dean MacCannel in his pioneering work The Tourist 
(New York: Schocken Books, 1972 and 1989). 



62 Theodore J. Cachey Jr. ;. 

undertakes in Ulysses). 

In fact it is a profound irony of Italian literary history that Dante's influence 
upon Italian literature is very marginal, and that as Dionisotti has noted it would 
be difficult to demonstrate not only Dante's preeminence but even the continuity 
of his reception itself within the framework of Italian literary history." The 
revolutionary force of Dante's poetry is only grasped by the Romantics, and 
arguably, Dante has to be reintroduced into modem Italian literature from abroad 
by Anglo-American modernists like Joyce, Eliot, Pound. To some extent, this is 
the result of the fact that Dante's travel narrative, like Italian travel literature itself, 
could only renew Italian cultural anxiety about a lack of geographical center and 
territorial unity and integrity within the context of a subsequent Italian tradition 
that was designed to overcome that anxiety. Just as travel away from Italy points 
to the embarassment of the fact that Italy as a place did not exist as a place to depart 
from and return to, so Dante's national epic remained an unfulfilled promise and 
a sign of that lack. Almost immediately the municipal period of the communes 
gave way to the seignorial parti tionings and later to the foreign dominations of Italy 
that would be its legacy for the next five hundred years. The transcendence of 
political and linguistic violence that the poem performs could not become a model 
for the poet of Italy's future who would be Petrarch, nor for subsequent Italian 
literary history that would be fundamentally Petrarchist. 



Mention of Joyce brings immediately to mind the alternative example of Beckett 
as a means of illustrating the paradigm of deterritorialization enacted by Petrarch 
in the Canzoniere. Like Beckett, or Kafka for that matter, as characterized by 
Deleuze and Guattari, Petrarch can be said to "oppose a purely intensive usage of 
language to all symbolic or even significant or simply signifying usages of it" (19), 
Like Beckett, Petrarch can be said to have proceeded by "dryness and sobriety, 
a willed poverty, pushing deterritorialization to such an extreme that nothing remains 
but intensities" (19). Landscape itself for example in Petrarch is notoriously stylized 
and devoid of naturalistic description. Moreover, Petrarch's language creates the 
impression of a complete absence of movement. The extreme deterritorialized status 
of Petrarch's language renders the rare place names devoid of that kind of materiahty 
they possessed in Dante, that would potentially root poetry to place. Politically, 
Petrarch, the son of a white Guelph exiled from Florence together with Dante was 
no exile but an "apolide" or person without a homeland. Educated between Avignon 
and Bologna, Petrarch's adult life was characterized by extreme mobility (even 
greater than Dante's) but no political or spiritual attachment to Italian place in the 



U. See Carlo Dionisotti, "Varia fortuna di Dante," Geografia e storia della letteratura 
italiana. 



An Italian Literary History of Travel 63- 

municipal sense. Moreover, the consolidation of territorial state powers on the 
peninsula during Petrarch's time increasingly absorbed the old maneuvering room 
of the intellectual in exile, and according to one historian of the period "this new 
situation called for acceptance and resignation,'"' attitude which typify Petrarch's 
response to both his own dislocated state and his treatment of the theme of exile 
inhis works. Moreover, for this "irrequieto turista" (Contini), the concept "patria" 
has primarily personal resonances. Italy is primarily an affective homeland, the 
land of his fathers, a sentimental homeland that one reaches crossing the frontiers 
from France, as in the famous letter describing the poet's ascent of Mont Ventoux, 
when having achieved that mountain's simimit, the vision of Italy brings to mind 
the memory of his student days in Bologna and bitter reflections on his moral 
failings. 

Petrarch's homeland in the deepest sense however is the solitude of otium 
studiorum.^^ His true "patria" is the literary tradition of the Latin classics and 
accordingly his politics are those of a great humanist intellectual, who cannot be 
municipal or merely Italian. Petrarch's solution to the problem of the lack of Italian 
national identity is to imagine another possible community, that of cosmopolitan 
Latin humanism above the fray of contingent political reality. Petrarch's humanism 
is supranational and cosmopolitan, and his vernacular literary practice proceeds 
along the same deterritorialized trajectory. It was this Petrarchan paradigm of 
deterritorialization that will serve the needs of the Italian intelligentsia forced to 
elaborate during the political crisis of the high Renaissance a deterritorialized 
linguistic and literary statute for modem Italian literature. Thus for Petrarch, as 
for the Italian canon generally speaking, the literary experience of distant shores 
through a humanistic pilgrimage to the sanctuaries of classical antiquity involves 
a triumph over time and space accompanied by a substantial lack of interest in 
geographical travel. Literature itself, understood as travel across physical, temporal 
and spiritual frontiers will subsequently represent the Italian tradition's privileged 
form of mobility, its preferred means of transportation. 

From this perspective, the significance of Italy's excluded legacy of travel 
literature aquires greater focus. For example, it becomes possible to understand 
what has been termed the oddly muted impact of the New World discoveries in 
Italy and by extension in humanistic Europe generally.'" It becomes possible to 



12. See Randolph Stam, Contrary Commonwealth: The Theme of Exile in Medieval and 
Renaissance Italy (Berkeley: University of California Press, 1982), p. 136. 

13. See Maria Serena Sapegno, "'Italia', 'Italian!', " in Letteratura italiana: le guestioni, 
ed. A. Asor Rosa (Torino: Einaudi, 1986, p. 207), who cites Fam. xm, 6: "Equidem solitudo 
sine Uteris exilium est, career, eculeus; adhibe literas, patria est, libertas, delectatio." 

14. A problematic best stated by J. H. Elliott inhis The Old World and the New (Cambridge 
University Press, 1970), especially in the chapter on "The uncertain impact." 



64 Theodore J. Cachey Jr. 

understand the Florentine obsession with measuring the site, shape and size of 
Dante's hell which manifests itself at the same time as the discovery of America, 
not as a curious coincidence but as a form of compensation for Florence's lack of 
direct participation in real geographical exploration. The linguistic sensibility 
informing Antonio Pigafetta's remarkable Malay and Phihppine vocabularies included 
in his account of Magellan's circumnavigation will appear inversely proportional 
to Pietro Bembo's classicizing closure of the Italian linguistic and literary statute 
inLe prose delta volgar lingua. '^ Verrazzano's letter to Francis I offers meanwhile 
not only the promise of a new American territory for colonial appropriation but 
at the same time the literary promise of an Arcadian Italian literary territory to the 
French sovereign. And Giambattista Ramusio's monumental translation of travel 
literature from all of Europe into "Italian" as codified by Bembo will appear as 
yet another form of compensation for Italy's lack of national political identity and 
territorial integrity, as the ideal form of Italian participation in the conquest and 
colonization of the New World. Taking travel as no mere marginal genre, but as 
constitutive of Italian literature makes possible an Italian literary history of travel 
that will enable a deterritorialization of Italian literary history itself. 



University of Notre Dame 



15. See the introduction to my edition of Pigafetta's account of the first circumnavigation, 
The First Voyage Around the World (1519-1522) (New York: Marsilio. 1995), especially 
pp. xxviii-xxx. 



Jaime Ferran 



Viaje y literatura 



El viajero y el escritor tienen destines paralelos. La preparaci6n para el camino 
es hermana de la de quien se dispone a escribir. Ambos se preparan para una aven- 
tura que les obliga a hurtarse a la cotidianeidad. 

Caminante, no hay camino, 
sino estelas en la mar. 

Dice bien el buen poeta. S61o estelas en la mar, que contemplamos cuando hemos 
pasado, como el escritor ve crecer su escrito en esta, en toda p^gina cuando ha 
dejado de escribir y se ha ido a sus ocios — como predicaba Azorin. 
Y dice, aun mejor, el mismo Machado: 

caminante, no hay camino, 
se hace camino al andar. 

Y ello vale igualmente para el escritor, que tiene que escribir escribiendo y al cual 
la p^gina en bianco ofrece como al caminante, como al navigante, sus caminos 
infinitos, entre los que 61 tendr^ que escoger uno, el que nos legara a sus lectores. 
No es extrano que toda la andadura machadiana se inicie y se resuma en el 
poema inicial de Soledades, que es un poema inici^tico: 

(El viajero) 

Esta en la sala familiar, sombria, 

y entre nosotros, el querido hermano 

que en el sueno infantil de un claro dia , . , 

vimos partir hacia un pais lejano. 

Si este poema encierra toda la andadura machadiana, esta estrofa resume todo el 
poema. En ella advertimos como la evocaci6n del viaje — del viajero — esta 
indeleblemente unida a la memoria. El viaje incita al recuerdo. 

El primer periplo que conocemos bien, 61 de Odiseo, nos ofrece la esencia de 
la literatura viajera, especiahnente cuando el h6roe recuerda una y otra vez — ante 
el rey Alcinoo y los nobles feacios, ante Penelope — su accidentado viaje... Y 
cuando lo evoca el ministril del rey, al final del libro vm, Odiseo empieza a llorar 
como una mujer frente al cadaver de su esposo, muerto en la batalla. El recuerdo 
de sus aventuras le afecta a 61, como nos afectard — etemamente — a los lectores 
de su Odisea. 

Heureux qui, comme Ulysse, a fait un beau voyage. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



66 Jaime Ferran 

pero deseemos, con Kavafis, que el camino sea largo, lleno de aventuras, lleno 
de conocimiento. Porque s61o entonces seremos capaces de recordarlo y de 
evocarlo para los dem^s. S61o entonces podremos traspasar la esencia del viaje 
a expresi6n literaria y el viaje ser^ completo: el viaje fi'sico e el espiritual. 
Cuando, en el siglo xx, Ezra Pound se enftenta con el periplo de la Humanidad 

— "el cuento de la tribu" — empieza con el viaje por antonomasia para todo poeta 

— segun 61 mismo precisa — : el descenso al Hades, traduciendo del latin renacen- 
tista de Andreas Divus los versos del libro onceno de la Odisea, haci6ndolos 
renacer, o resucitar, por segunda vez. 

Porque para resucitar hay que haber muerto y haber sido enterrado. Es decir, 
hay que haber olvidado: 

Se canta lo que se pierde, 

ha dicho el poeta, que empezaba su poema ("El viajero") precisamente despu6s 
de viaje, cuando la familia recibe al ausente y oimos la voz del benjamin, entre 
los hermanos: 

I sing what was lost, 

dice Yeats, igual que Machado, y s61o entonces, al cantarlo, lo vuelve a recuperar. 

El descenso al Hades es el viaje primordial — segiin nos confia el mismo 
Pound — y esti al origen de nuestra obsesi(3n con el viaje, como la ciudad nace, 
en su dia, como necr6polis, como ciudad para los muertos y s61o despu6s se toma 
como modelo para los vivientes. 

Pero despu6s de este viaje en el primer cantar, y de la evocaci6n de la meta- 
morfosis en el segundo, empieza el desfile de los hdroes poundianos con el destierro 
de Mio Cid. 

La Chanson de Roland, nuestro cantar, las aventuras de Sigismundo Malatesta 
se erigen en modelos de los viajes 6picos, pero entre ellos tenemos tambi6n el viaje 
de F61ix, de Ramon lo Poll, "per erms, per poblats e per princeps e per cavaliers" , 
recorriendo el Llibre de meravelles que es nuestro mundo. 

Entroncadas con 61, con ellos, encontramos nuestras cr6nicas mediterrdneas, 
con las gestas de nuestros almogivares evocadas por Desclot y por Muntaner, 
nuestro "hombre de Imperio" , como le llamara Carles Riba. Porque de Imperio 
se trataba, del primero que tuvimos y que sirvi6 de modelo al que inmediatamente 
lo extenderia a todo el orbe. 

La aventura mediterr^nea del Reino de Arag6n es la base, no s61o para las 
cr6nicas hist6ricas, sino para la flor de la literatura, porque de ellas nace uno de 
los libros fundamentales que cierra el ciclo de los periplos mediterrineos: el Tirant 
lo Blanc. 

Joanot Martorell, buceando en el pasado, inspirdndose en el Libro de la Orden 
de Caballerfa de Ram6n Llull y el Guy de Warwick, que traduce en los primeros 
xxvii capitulos de la obra, resucita literaria y fant^sticamente el mundo de las 



Viaje y literatura 67 

crbnicas catalanas, que continua en la misma lengua, una de las razones, probable- 
mente, de su oscurecimiento durante siglos, como aduce su reciente traductor al 
ingles, el malogrado David H. Rosenthal.' 

La transmutaci6n del caudillo Roger de Flor, al frente de sus almoglvares, 
en el li6roe Tirant lo Blanc comporta la transposici6n de las aventuras mediten4neas 
a un mundo que tiene el mismo marco, pero en el que la fantasia se empareja con 
un realismo que hace exclamar al cura del Quijote, en su escrutinio, que es el mejor 
libro del mundo. 

Y junto al caballero, el escudero. En el breviario luliano de caballeria, en el 
de Don Juan Manuel... El escudero se transforma en el picaro, nuestro antih6roe 
por antonomasia, el que tiene danios cuenta de su viaje, porque nadie lo har^ por 
61. Viaje, por otra parte, que se constituye en la m6dula de su propio vivir, porque 
la narraci(3n de su vida se estructura en las distintas jomadas de su caminar. Asi 
acompanaremos a L^aro, a Guzman, como antes habiamos acompanado a los 
Amadises y a los Palmerines. 

Y de la mano de ambos Uegamos al segundo gran viaje de la trubu, 61 que 
empalma con las conquistas mediterrdneas del reino de Arag6n y traslada a otro 
mar los afanes del hombre renacentista: nos hallamos ahora ante el Diario de a 
bordo, la cr6nica alucinante del Almirante Letraherido, que refleja en sus p^ginas 
los suenos y descubrimientos de antano, empezando por los de Marco Polo, 
viviendo el presente en funci6n del pasado y descubriendo Otro Mundo, al que 
llamara, sencillamente, las Indias, con uno de los nombres de la tribu. ... Los 
caminos de los preregrinos europeos "con rituales itinerarios, altos y posadas" se 
habian detenido, durante siglos en Finisterre, pero ahora continuaban allende el 
mar y como habia occurrido en el Camino de Santiago, continuaban viajando "las 
ideas, las noticias, los valores, y se esparcian a todo lo largo de la ruta, y regre- 
saban trocados, incrementados, enriquecidos".^ 

A lo largo de la Edad Media y al comienzo de la Modema, Espafia continuaba 
siendo la encrucijada imprescindible para que Europa alcanzara su identidad y para 
que aprendiera a sonar con el infinito. Santiago, en la lejana Galicia, habia sido 
la meta de los peregrinos, las Indias serian la de los descubridores y conquistadores 
que desbrozaban incansablemente nuevos caminos entre los que "los m^s importan- 
tes viales indianos (que podriamos denominar axiales) resultaron ser en gran medida 
una prolongaci6n terrestre de las grandes rutas maritimas del Imperio".^ 

Una vez m^s la geografia determinaba la historia y ambas se pom'an al servicio 



L Joanot Martorell and Marti Joan de Galba, Tirant lo Blanc (New York: Schocken 
Books, 1984), p. 9. 

2. Eugenio d'Ors, Novisimo Glosario (Madrid: Aguilar, 1946), p. 277. 

3. Ramon Maria Serrera, Trdfico terrestre y red vial en las Indias espanolas (Madrid: 
Ministerio del Interior, Direccion General del Trafico, 1992), p. 14. 



68 Jame Ferran 

de la literatura que por aquellos caminos echaria a andar de la mano de los nuevos 
cronistas, como de las del Periquillo Sarniento y sus amigos. "For the wealth that 
the New World gave to Spain, Spain paid the Old in song", como ha dicho bella- 
mente Ezra Pound." 

Y en el centro de aquel Siglo de Oro, que la peninsula ya comparte con 
America, el Caballero y el Escudero vuelven a recorrer el camino m^gico, anorante 
y fant^stico de la vieja Mancha en una de las aventuras trascendentales de la 
Humanidad, la cual combina la anoranza del pasado con la clarividencia del 
sonador, templada por la visi6n a ras de tierra de su acompaiiante complemen- 
t^ndose y confundiendose de tal manera que entre ambas nos ofrecen el mejor 
espejo en el que reconocemos para siempre... 

Y a medida que la novela va renunciando a la peripecia exterior, vemos como 
el viaje se erige en eje de meditaciones que lo toman como una alegoria que preside 
las "guias" espirituales, que hasta el nombre toman de sus hermanas, la geogr^fi- 
cas, y que, como ellas, implican siempre "un viaje, unitinerario entre dificultades 
y escollos de diverso g6nero en virtud de una acci6n que ha de ser llevada a cabo 
y que se presenta como la unica salida posible, de una situaci6n insostenible, tanto 
m^s visible y angustiada a medida que el hombre se va librando — al parecer, al 
menos — de los decretos del Destino, qued^ndose solo en medio de la selva, esa 
selva selvaggia que es el mundo ante el hombre solo que se despierte".^ 

El viaje se ha convertido en el m^ximo paradigma de nuestra existencia y en 
el medio de este viaje el mundo es s61o "una mala noche en una mala posada" , 
para evocar las palabras de nuestra Patrona de escri tores y de viajeros, Teresa de 
Jesus, que por algo la Ilamaron femina inquieta y andariega. 

Ahora vendrin los ge6grafos y botinicos — o simplemente viajeros del siglo 
xvm — y la literatura de viajes del siglo xix, que culminar^ en nuestro siglo, 
cuando nos acompaiiar^ esta manera de ver el mundo, sobre todo cuando 6ste se 
achica — como antes se habia agrandado con los descubrimientos — , cuando 
desertan nuestras provincias ultramarinas y Espana tiene que mirar "adentro", como 
le recomienda Unamuno, practic^ndolo con sus "Andanzas y visiones espanolas" 
y "Por tierras de Portugal y Espana". 

La conciencia del "desastre" — como le Ilamaron los espanoles — amenece 
en el alma de Angel Ganivet, tanto en sus Cartas finlandesas como en sus caminos 
granadinos, preside las cronicas librescas de Azorin, que reviven sus lecturas de 
nuestros cMsicos y recorre laobrabarojiana, desde suinicial Camino de perfeccidn , 
alcazando a los escritores posteriores al 98, como Jos6 Ortega y Gasset, y su alter 
ego Rubin de Cendoya, mistico espaiiol por Tierras de Castilla, las mismas tierras 
que habia recurrido incansablemente la poesia de Antonio Machado. 



4. The Spirit of Romance, viii ("The Quality of Lope de Vega"), p. 222. 

5. Maria Zambrano, Obras reunidas: estudios literarios (Msidhd: Aguilar, 1971), p. 362. 



Viaje y literatura 69 

M^s significativo es el caso de Gabriel Mir6, que no habiendo podido viajar 
personalmente nos muestra los vagabundeos de Siguenza y su nostalgia viajera, 
que le hace exclaniar: 

Siguenza no pudo viajar; pero el prurito viajero, el ansia de lejama continuaba 
llevandole a las orillas de los muelles. Amaba el silencio de algunos barcos que 
semejaban abandonados; oia conmovido el gemir de las planchas de los pasadizos ; 
miraba el cordaje de los veleros, que en medio del mar sonaria como una lira 
imnensa. Se rmagino pasando por el horizonte, bajo las blancas alas de las velas, 
envuelto el las gozosas claridades contempladas desde sus balcones. iOh, hasta 
veia lejos otros barcos y entonces apetecia ir donde no iba!* 

"jApetecia ir donde no iba!" Solo encuentro otro ejemplo de invitaci6n al puro 
viaje — en el que la meta ya no importa — en un miembro de la generacion 
mironiana: en el portugu6s Fernando Pessoa, o, mejor dicho, su heter6nimo Alvaro 
de Campos: 

Ac VOLANTE DO CHEVROLET 

Ao volante do Chevrolet pela estrada de Sintra 

Ao luar e ao sonho, na estrada deserta, 

Sozinho guio, guio quase devagar, e um pouco 

Me parece, ou me for?o um pouco para que me pare?a, 

Que sigo por outra estrada, por outro sonho, por outro mundo, 

Que sigo sem haver Lisboa deixada ou Sintra a que ir ter, 

Que sigo, e que mais ha vera em seguir senao nao parar mas seguir?^ 

No podemos olvidar tampoco las letras catalanas, que desde su Renaixenga ya nos 
habia ofrecido las andanzas apasionadas de su m^ximo poeta, Jacint Verdaguer, 
por Tierra Santa o por Andorra, y a semejanza de este ultimo viaje, tenemos que 
mencionar la obra ingente de Josep Pla, que desde el inicial Viatge a Catalunya 
de 1934 — y antes, en sus Coses vistes — nos presenta el caleidoscopio de un 
viajero que tanto puede evocar sus viajes lejanos a Russia, por ejemplo (1925), 
como los que el llama "vuelos galliniceos" sobre todo por su pais. Su exegeta 
Albert Manent nos recuerda que, en el Viatge a Catalunya, 

en el prologo confirma su admiracion por tres itinerarios clasicos: el Reisebilder 
de Heine, The Bible in Spain de Borrow, y Memoirs d'un touriste de Stendhal. 

Tras el esfiierzo tit^nico de Pla, debemos consignar los libros de viajes de nuestra 
posguerra — dentro de la que Pla sigue escribiendo libros fundamentals, como 
su Cadaques (1947) — entre los que non pueden faltar los caminos de vuestra 



6. Gabriel Miro, Obras completas (Madrid: BibHoteca Nueva, 1969), p. 595. 

7. Fernando Pessoa, Antologia de Alvaro de Campos, edicion bilingiie preparada por J. 
A. Llardent (Madrid: Editora Nacional, 1978), pp. 256-257. 



70 Jaime Ferran 

Arcadia, de nuestra Alcarria recorridos, por Camilo Jos6 Cela, que tambien daria 
buena cuenta de otros itineraries en la Espana Noroestal — Del Mino al Bidasoa 
— y Nordestal — Viaje al Primeo de Lerida — que tambien recorreria, en catalln, 
Josep Maria Espin^s, tras el cual vendrian los Campos de Nijar de Juan Goytisolo 
y los periplos de Salinas, Ferres, Camicer, que desbrozarian, entre otros, los 
rec6nditos caminos hurdanos, abri^ndolos a nuestro tiempo. 

Centra de Estudios Hispdnicos — Syracuse University 



Adrien Pasquali 



Recit de voyage et autobiographic 



Dans notre histoire litt6raire, r6cit de voyage et autobiographie pourraient etre 
associ6s par le fait que tous deux suscitent concurremment m6fiance et attrait. Ainsi, 
"heureux qui coninie Ulysse a fait un beau voyage" (Du Bellay) peut se retourner 
en "A beau mentir qui vient de loin" (Diderot); parall^leraent, si pour beaucoup 
"le moi est haissable" , tout aussi nombreux sont ceux qui disent ne connaitre bien 
que ce moi, et ne pouvoir parler que de lui, ou k partir de lui. 

M^taphoriquement, et mettant momentan6ment entre parentheses le recit du 
r6cit de voyage et la graphic de 1' autobiographie, le terme voyage peut s'appliquer 
et k la vie (qui est un long voyage) et k la mort (qui est le dernier voyage). 

Si nous r6introduisons le r6cit, le voyage constitue "I'une des intrigues les plus 
anciennes et les plus universelles" ;' par generalisation de la notion de ddplacement 
de personnage, "tout r6cit est un r6cit de voyage" ,^ qu'il soit factuel ou fictionnel, 
la possibility de glisseraents constants entre I'un et 1 'autre r6gime narratif dtant 
illustr6e parl'aisance avec laquelle Pierre Loti peut arranger en "romans exotiques" 
des chroniques de voyage parues pr6c6demment dans des magazines ou des revues 
comme moments ou tableaux autobiographiques. 

Sym^triquement, tout voyage est une machine k produire du r6cit; en regime 
fictionnel, sa fonction de proc6d6 de composition est reperable dans r"enfilage" 
des contes et nouvelles, k I'exemple duDecameron ou des Canterbury Tales: "Dans 
ce cas, plusieurs nouvelles, chacune formant un tout, se succddent et elles sont unies 
par un persoimage commun ... tr^s tot, le voyage est devenu la motivation la plus 
frequente de I'enfilage."^ A quelques nuances prbs, il en va de meme pour le roman 
picaresque. En regime factuel, la n6cessit6 ou la pulsion conduisant k raconter 
un voyage est massivement mise en Evidence, que ce soit en reponse k une demande 
ext6rieure (institutionnelle ou amicale), que ce soit pour restituer au monde par 
le langage ce qui fut prodigu6 au voyageur en fait d' experience sensible, comme 
le rappellent, dans des registres tr6s diff6rents, Michel Butor ou Nicolas Bouvier. 

Si nous r6introduisons la graphic, I'^lan et le geste d'6crire, celle-ci est 



1. R. Welleck & A. Warren, La Theorie Utteraire (1942) (Paris, Le Seuil, 1971), p. 304. 

2. M. de Certeau, Arts defaire. I. L'lnvention du quotidien (Paris, UGE, 1980), p. 206. 

3. V. Chlovski, "La Construction de la nouvelle et du roman", in Theorie de la litterature, 
T. Todorov (ed.) (Paris, Le Seuil, 1965), p. 193-194. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



72 Adrien Pasquali 

largement tenue pour une modalit6 paradoxale de voyage, depuis Montaigne ("Je 
ne peins par I'etre, je peins le mouvement") jusqu'^ Roland Barthes au moins 
("Quand j'ecris, je suis ailleurs"). 

Dans les pages qui suivent, je m'appuierai sur une definition operatoire du recit 
de voyage que mon propos tachera de nuancer et de problematiser. En termes 
gen6riques, le recit de voyage ne constitue pas un genre fixe et codifie (que ce soit 
au niveau macro-textuel ou micro-textuel), mais plutot un genre mouvant et 
multiforme pouvant accueillir des m6moires, des fragments de journal, des portraits, 
des choses vues, des podmes, et des narrations. 11 met en sc^ne un sujet (individuel 
ou collectif) dans un espace-temps d61imit6 et construit par le texte selon un ordre 
qui serait tout k la fois lin6aire et digressif. Le r6cit de voyage factuel auquel je 
m'attache se rapproche de I'autobiographie si je considdre que Auteur/Narrateur/Per- 
sonnage sont identiques mais fonctionnellement et textuellement distincts. De Paul 
de Man k Derrida, les plus recents travaux sur le langage ont insiste sur le caractdre 
illusionniste et aveuglant du discours (et notamment du discours sur soi); mais, et 
c'est mon hypothdse de travail, le recit de voyage pourrait representer une 
alternative, une "procuration" (J. Derrida), une "simulation" (L. Marin) et un 
simulacre positifs qui permettraient au discours sur soi de passer de Taveuglement 
au supplement, un supplement qui comble et supplee k la fois: 

II (=le supplement) ne s'ajoute que pour remplacer. II intervient ou s'insinue a-la- 
place-de; s'il comble, c'est comme on comble un vide. S'il represente et fait image, 
c'est par le defaut anterieur d'une presence. Suppleant et vicaire, le supplement 
est un adjoint, une instance subalteme qui tient-lieu. En tant que substitut, il ne 
s'ajoute pas simplement a la positivite d'une presence, il ne produit aucun relief, 
sa place est assignee dans la structure par la marque d'un vide. Quelque chose 
pent, quelque chose ne peut se remplir de soi-meme, ne peut s'accomplir qu'en 
se laissant combler par signe et procuration. Le signe est toujours le supplement 
de la chose elle-meme.'' 

Comme si le d6tour par le monde et I'espace permettait au sujet psychologique et 
textuel de trouver, non une identity mais une consistance, non un heritage mais 
un lieu d'etre et de parole, non une langue apprise mais une langue habitee, non 
un destin retrospectif mais un nom prospectif: comblant parce que suppleant, il 
permet d'entendre, notanmient, la transformation de Henri Beyle en Stendhal, 
milanese certes, mais k la manidre d'un Ecossais ou d'un Prussien.^ 



4. J. Derrida, De la grammatologie (Paris, Minuit, 1967), p. 208. 

5. S'il faut en croire I'hypothese de Pierre Augrand qui fait de "Stendhal" I'anagramme 
de Shetland, hommage de Henri Beyle envers I'Ecosse qu'il aunait tant? Voir Revue de 
litterature comparee (Avril-Juin 1956). Pour sa part, Jean Starobinski signale que "Stendhal 
... est le nom d'une ville prussienne." ("Stendhal pseudonyme". L'Oeil vivani. Paris, 
GaUimard, 1961, p. 193) 



Recit de voyage et autobiographie 73 

I. SUR LES CONTENDS 

Les plus r6cents travaux sur I'autobiographie mentionnent rarement les r6cits de 
voyage k titre d'exemples, sauf incidemment, comme avec V Afrique fantOme de 
Michel Leiris (cf. Philippe Lejeune, LireLeiris, Paris, 1975). Cependant, la critique 
historique des r6cits de voyage a justement mis en 6vidence la progressive 
transformation des modaht^s 6nonciatives et des contenus d'un genre qui, au toumant 
du XK^ si^cle, tend vers une plus forte "autobiographisation" , avec glissement de 
r"auktorialer Erzahler" vers le "personaler Erzahler". L'influence de Sterne et 
du "voyage sentimental" ou excentrique est connue, tout comme celle du romantisme 
ambiant qui induit k voir le monde k travers un temp6rament: "Je ne pretends pas 
dire ce que sont les choses, je raconte la sensation qu'elles me firent ...," declare 
Stendhal dans Rome, Naples et Florence (1826) (note du 3 decembre 1816 ); quelques 
ann6es plus tard, et non sans emphase, George Sand 6crit k son ami Herbert, dans 
la dixi^me des Lettres d'un voyageur (Paris, 1837): 

Ne lis jamais mes lettres avec I'intention d'y apprendre la moindre chose certaine 
sur les objets exterieurs; je vois tout au travers des impressions persomielles. Un 
voyage n'est pour moi qu'un cours de psychologie et de physiologic dont je suis 
le sujet, soumis a toutes les epreuves et a toutes les experiences qui me tentent, 
condamne a subir toute 1' adulation et toute la pitie que chacun de nous est force 
de se prodiguer alternativement a soi-meme, s'il veut obeir naivement a la 
disposition du moment, a I'enthousiasme ou au degout de la vie, au caprice du 
califourchon, a l'influence du sommeil, a la qualite du cafe dans les auberges, 
etc., etc. 

Au r6cit d'exploration d'un monde de moins en moins inconnu se substituerait le 
r6cit d'une experience individuelle qui repose sur 1 'ambivalence entre r6vasion hors 
des contraintes d'un lieu de depart et la formation d'une nouvelle identite du sujet 
au contact du monde, comme pour Stendhal ou Nerval, et plus tard H. Michaux 
ou N. Bouvier. 

Le sujet est un monde. Si la prdsence du sujet dans le monde s'affirme de plus 
en plus, le sujet lui-meme en vient k se penser comme univers par une forme de 
spatialisation du corps physique et des donn6es de la conscience. Sans doute est-il 
rdducteur de ne consid6rer le r6cit de voyage que conune compte-rendu d'un parcours 
ou suite de choses vues. Scandd par les 6tapes de son itin^raire, le Journal de 
voyage en Italie 1580-1581 {111 A) de Montaigne n'est peut-etre pas consid6r6 comme 
im journal intime, mais la critique est en peine de d6finir I'intimit^ d'un sujet malade; 
les Essais proposeront une 6criture du corps k I'oeuvre d6j^ dans le Journal de 
voyage si attentif k tous les regimes de I'eau, qu'elle soit hydrographique ou 
thermale, k tel point que le corps de Montaigne pent etre pergu comme un r6seau 
interne de circulation des eaux bues par le curiste. Plus tard, I'usage des 
psychotropes ou le relai de la psychanalyse permettront k un xx^ si^cle fatigu6 de 
tous les exotismes, de reprdsenter "I'espace interieur" (H. Michaux) comme un 



74 Adrien Pasquali 

domaine intime k parcourir et k explorer; cette attitude est decelable chez Lorenzo 
Pestelli, la tragddie intime en plus: 

Je ne vols pas pourquoi on me condamnerait a etre recrivain du voyage! Je reste 
immobile et je choisis de comiaitre et de penetrer I'Autre. L'automne me force 
a rentre dans le terrier pour creuser tout seul cet immense labyrinthe, ces nombreux 
tunnels tentaculaires par lesquels j 'essaierai d'atteindre le centre intime de la terre.* 

D'un unique recit de voyage, k son inscription dans une autobiographie. II 

est d'autre part significatif de constater que les auteurs d'un unique recit, qui plus 
est un recit de voyage, font le plus souvent preceder celui-ci d'un expose des raisons 
qui les ont conduits k entreprendre leur voyage et a en publier le r^cit, mais surtout, 
dans notre perspective, d'un resume de leur vie anterieure au voyage. Ainsi, Rene 
Caill6, dans son Introduction au Journal d'un voyage a Tombouctou et a Jenne, 
dans I'Afrique centrale (Paris, 1830), fait-il le recit resume de son enfance, recit 
orient^ et enti^rement marque par le d6sir precoce de voyager: 

Ayant eu, des ma plus tendre enfance, un gout prononce pour la carriere des 
voyages, j'ai toujours saisi avec empressement les occasions qui pouvaient me 
faciliter les moyens d'acquerir de I'instruction; mais, malgre tous mes efforts pour 
suppleer au defaut d'une education soignee, je n'ai pu me procurer que des 
connaissances imparfaites. ... 

Je suis ne en 1800, a Mauze, departement des Deux-Sevres, de parens pauvres; 
j'eus le malheur de les perdre dans mon enfance. Je ne re^us d'autre education 
que celle que Ton donnait a I'ecole gratuite de mon viUage; des que je sus lire 
et ecrire, on me fit apprendre un metier dont je me degoutai bientot, grace a la 
lecture des voyages, qui occupait tous mes moments de loisir. L'histoire de 
Robinson sur-tout enflammait ma jeune tete; je brulais d'avoir comme lui des 
aventures; deja meme je sentais naitre dans mon coeur 1 'ambition de me signaler 
par quelque decouverte importante. 

On me preta des livres de geographie et des cartes: celle de I'Afrique, ou je 
ne voyais que des pays deserts ou marques inconnus, excita plus que toute autre 
mon attention. Enfin ce gout devint une passion pour laquelle je renongai a tout: 
je cessai de prendre part aux jeux et aux amusemens de mes camarades; je 
m'enfermai les dimanches pour lire des relations et tous les livres de voyages que 
je pouvais me procurer. Je parlai a mon oncle, qui etait mon tuteur, de mon desir 
de voyager: il me desapprouva, me peignit avec force les dangers que je courrais 
sur mer, les regrets que j'eprouverais loin de mon pays, de ma famille; enfin il 
ne negligea rien pour me detoumer de mon projet. Mais ce dessein etait irrevocable; 
j'insistai de nouveau pour partir, et il ne s'y opposa plus. 

Je ne possedais que soixante francs; ce fut avec cette faible sonmie que je me 



6. L. Pestelli, Pour une decollation de Saint-Soi-meme (Geneve, Zoe, 1984), p. 27; Pestelli 
est I'auteurnotamment d'un admirable recit de voyage (LeLo/zg£:/^. Lausanne, CRV, 1971, 
en 2 volumes). 



Recit de voyage et autobio graphic 75 

rendis a Rochefort, en 1816. Je m'embarquai sur la gabare la Loire, qui allait 
au Senegal (p. 1-3). 

Ces notations et leur n6cessit6 al6atoire sont bien sur motiv6es par le statut 
probl6matique du r6cit de voyage qui h6site entre le tableau (^ vis6e encyclop^dique) 
et le compte-rendu d'une experience subjective (forc6ment incomplet), k la fagon 
dont les Tableaux de Paris (Paris, 1781-1790) de L. S. Mercier se diff^rencient 
des Nuits de Paris (Paris, 1788-1793) de Restif de la Bretonne. L' introduction 
de R. Caill6 a une fonction de rattrapage des informations et surtout de motivation 
du voyage; elle se prdsente comme un r6sum6 r6trospectif, alors que, malgr6 son 
intitule de Journal. . . , le r^cit du voyage est r6gi par une 6nonciation retrospective 
qui repr^sente un indice de r66criture diff6r6e. 

Dans un tout autre contexte, une attitude similaire est adopt6e par le P6re Hue 
qui met une 6nonciation singulidre exemplaire au service d'un nous ^ valeur 
collective. Ainsi, dans une pr6face tardive ^ ses dtyk cdl^bres Souvenirs d'un voyage 
dans la Tartaric et le Thibet pendant les annees 1844, 1845 et 1846 (Paris, 1868), 
apr^s une captatio benevolentiae convenue, donne-t-il le r6sum6 de sa vie anterieure 
aux voyages missionnaires; cette vie devient exemplaire (et fictivement collective) 
d6s qu'elle s'inscrit dans I'ordre religieux, moment qui doit etre compris comme 
celui de la veritable naissance du sujet, bien mieux que celui de sa naissance 
biologique: 

Plusieurs de nos amis ont bien voulu nous faire observer que notre recit commen?ait 
beaucoup trop brusquement, et que le lecteur devait se trouver un peu deconcerte 
en se voyant tout d'un coup transporte en-dehors de la grande muraille, et dans 
un certan royaume d'Ouniot, dont peut-etre les geographes les plus erudits ne 
connaissent pas meme le nom. Les personnes qui ne lisent pas avec beaucoup 
d'assiduite les Annales de la Propagation de la Foi, ont du, en effet, eprouver un 
grand etonnement, en voyant des Missionnaires frangais au milieu des steppes de 
la Mongolie, et elles eussent ete bien aises de savoir comment nous y etions 
parvenu. II en coute toujours de parler de soi; mais puisqu'en lisant un voyage, 
il arrive quelquefois qu'on s'interesse au voyageur, nous essayerons volontiers 
de remplir la lacune qui nous a ete signalee. et de tracer un rapide itineraire pour 
ceux qui auront le devouement et la patience de noiis suivre parmi les tribus errantes 
de la Tartaric et du Thibet. 

Au mois de fevrier 1839, Monseigneur de Quelen nous imposa les mains, et 
nous dit au nom de Jesus-Christ: "Allez, et enseignez toutes les nations. . . " Quelques 
jours apres, nous nous trouvions dans le port du Havre, sur le pont d'un navire. 
(pp. v-vi) 

Dans les deux cas, la place strat6gique occup6e par le r6sum6 r6trospectif de 
la vie ant^rieure au voyage indique une reorganisation et une r6orientation de 
I'existence ^ partir et en fonction du voyage. Rien n'interdirait au voyageur de 
mentionner ou de r6sumer cette partie de sa vie dans le recit mime de son voyage, 
introduisant une analepse dans le cours plus ou moins lin6aire de sa narration; rien 



76 Adrien Pasquali 

sauf ^ supposer ime reticence k I'egard de la digression personmlisee qui perturberait 
un ordre et une chronologie qui sont ceux du recit de vie. 

Les r^cits de voyage ins^rfe dans les autobiographies. Ceci 6tant, outre les textes 
que rtiistoire littdraire range sous 1' appellation de r6cits de voyage, la mention d'un 
voyage est fr6quente dans les ecritures de type autobiographique. Parmi les grandes 
entreprises autobiographiques devenues classiques, rappelons le livre vi des 
Confessions de Rousseau, les livres vi-vn-viii, xviii des Memoires d'Outre-tombe 
de Chateaubriand ou le volume Fibrilles de 1' ensemble de la Rdgle dujeu de Leiris; 
ces textes sont regis par une narration ult6rieure, alors que, ecrit en narration quasi 
simultan6e, le Journal de Michelet contient de nombreuses notations sur les voyages 
en Allemagne. 

Certaines correspondances ontdte constituees en volumes de lettres de voyage, 
de George Sand (comme nous I'avons vu) k Teilliard de Chardin (Lettres de voyage, 
Paris, 1956), sans parler des volumes ex traits de la correpondance globale d'un 
6crivain, comme pour les Voyages en Europe (1829-1854) de Balzac (1899). 
Lorsque 1 'Edition de ces volumes de correspondance plus ou moins s6par6s est 
publiee du vivant de, et sous la responsabilite parfois habilement d6ni6e par I'auteur, 
la fonction du destinataire premier des lettres s'efface devant celle du lecteur du 
livre: le confident 6pistolaire primitif se mue en ce temoin inconnu que convoque 
non sans embarras G. Sand dans le prologue aux Lettres d'un voyageur. 

Quand le recit de voyage glisse vers rautobiographie. De mani6re assez massive, 
le recit de voyage glisse vers 1' autobiographic d^s lors que les p6rip6ties du voyage 
paraissent s'estomper. A la faveur d'une navigation maritime lente et monotone, 
le Journal d'un voyage fait aux Indes orientales (1690-1691) (1979) de Robert Challe 
rappelle de nombreux moments d'existence anterieurs: quand rien ne se passerait 
autour de lui, ramen6 k I'intime par defaut et par depi, le narrateur peut cependant 
continuer k ecrire.^ Plus dramatique est le cas de M. Leiris bloqu6 a la fronti^re 
abyssiniemie par des tracasseries douani^res, mais rebut6 d^s le d6but de la "mission 
Dakar-Djibouti" k I'idee de publier soncarnet de route, ^ M. Leiris voit sonecriture 



7. C'est precisement ce "danger" de rimmobilite en voyage que condamne Auguste Gilbert 
de Voisins et auquel il ne veut pas ceder dans son Ecrit en Chine 1909-1910 (1917), redige 
pendant un voyage effectue avec Victor Segalen (voir surtout p. 168-169). 

8. Cf. L'Afrique fantome (1934) (Paris, Gallimard, 1981), p. 267 (4 avril 11931]). De 
multiples notations pouvaient surprendre le lecteur attendant un camet de route ethnogra- 
phique; un exemple, en date du 22 avril [1932]: "A quelle algebre invraisemblable ma vie 
est-elle livree? Si je voyage, c'est pour tenter de donner corps a cette image que je porte 
accrochee au firmamanent de mon esprit, comme I'etoile des rois mages: deux prunelles, 
deux levres, deux seins... Et pour rien d'autre!" (p. 288). J. Clifford propose du texte de 
M. Leiris une lecture qui n'est pas sans s'apparenter a celle d'un journal ou ecrit intime, 
et ennuyeux: "What remains most inexplicable is the strange childlike innocence emerging 
somehow, each time, after experience. It is incredible that Leiris keeps on writing, and that 



Recit de voyage et autobiographie 77 

replonger dans le registre de I'intime, une 6criture europ6enne et bourgeoise tant 
d6test6e. Par une inversion paradoxale cependant, la publication pr^vue contractuel- 
lement avant la depart convainc M . Leiris de laisser paraitre ce qui est r6sult6 etre 
un large pan de journal intime, qu'il n'avait jamais cess6 d'6crire tout en le 
prot6geant farouchement du regard d'autrui.' De mani^re analogue mais selon 
des modalit6s discursives diff6rentes, I'^criture de Stendhal traverse les pseudo-rdcits 
de voyage pour glisser, par le relai de figures fictives, vers le registre intime qui 
n'exclut pas la fictionalisation de soi, conmie dans les Promenades dam Rome (Paris, 
1826).'° 

Les exemples de Stendhal et M. Leiris pourraient en outre offrir un appoint 
th6orique int6ressant. Si Ph. Lejeune est revenu sur ses premiers travaux (cf. La 
memoire et I'oblique. Georges Perec autobiographe, Paris, 1991), sa definition 
restreinte de 1' autobiographie est inseparable d'un pacte contractuel: ^cartant les 
questions li6es ^ Tanalyse interne des textes, celui-ci associe les conditions de 
publication et les lectures signifiantes des oeuvres. Si fait que, dans le cas de Sartre 
dont la nature fictionnelle du moi est part enti6re de sa biographie, est requis 
I'adoption d'un pacte fantasmatique rattach6 ^ la constitution par certains 6crivains 
d'un "espace" autobiographique. Parmi d'autres, Stendhal et M. Leiris le laissent 
supposer: c'est parfois I'absence meme de pacte autobiographique qui conduit, soit 
^ I'ecriture, soit k la publication du texte autobiographique. Comme dans le r6cit 
de voyage ou le carnet pseudo-ethnographique, c'est parfois 1^ ou elle n'est pas 
attendue que 1' autobiographie (res)surgit: sur le mode confidentiel comme pour 
Stendhal et M. Leiris, ou sur le mode hdroique comme pour Chateaubriand et son 
Itineraire de Paris a Jerusalem (Paris, 1811)." 

Le recit de voyage dans I'oeuvre globale. A tenir, ^ la suite de Val6ry, tout texte 
pourpartie d'une entreprise d' autobiographie generalisee, I'experience du voyage 
et/ou le recit du voyage pent s'inscrire diff^remment dans I'oeuvre globale d'un 
6crivain, que ce soit thematiquement ou formellement. 

Le r6cit ^conduit du voyage en Orient (1849-1851) contaminera de ses images 



we keep on reading, dipping in and out of these pages. [...] No moment of truth: Afrique 
fantome is only a pen starting up each day." ("Tell about your trip: Michel Leiris," The 
Predicament of Culture : Twentieth-Century Ethnography, Literature, and Art. Cambridge, 
Harvard University Press, p. 172). 

9. Voir a ce sujet I'art. de Catherine Maubon, "Evasion et melancolie dans L'Afrique 
fantome," in S. Teroni (ed.), L'Occhio del viaggiatore (Florence, Olschki, 1986), p. 156. 

10. Voir : Jean Prevost (La Creation chez Stendhal, 1951) et Beatrice Didier (Stendhal 
autobiog raphe, 1983) 

11. Voir, entre autres, J. -CI. Berchet, "Un Voyage vers soi", Poetique, n° 53 (1983), p. 
91-108. 



78 Adrien Pasquali 

I'oeuvre romanesque ult6rieure de Flaubert.'^ 

Al'inverse, dans unentretien demai 1961 avec Madeleine Chapsal, M. Leiris 
6voque en ces termes son travail en cours, la suite de Bijfures (Paris, 1943) et 
Fourbis (Paris, 1955): 

M. L. - ... J'ai fait un voyage en Chine populaire qui m'a enchante, et au retour 
j'ai voulu ecrire un livre sur la Chine populaire. Pas vraiment un livre: je n'y ai 
sejourne que cinq semaines, et comme je suis ethnographe il m'apparaissait 
impossible evidemment d'ecrire un ouvrage sur la Chine, raais enlm je voulais 
faire un petit quelque chose sur la Chine populaire, et je me suis aper^u que je 
ne pouvais absolument pas, j'etais completement barre ! et c'est de ?a que je suis 
parti dans Fibrilles. 

M. C. - Du voyage ou du fait que vous etiez barre? 

M. L. - De I'idee que j'etais barre. Enfm, pourquoi est-ce qu'il se trouve que c'est 
le plus beau voyage que j'aie fait, que j'etais comme un poisson dans I'eau, que je ne 
me suis, je crois, jamais aussi bien senti de ma vie, et puis, quand meme, une fois rentre, 
que je ne peux pas arriver a m'expliquer sur ce voyage?" 

De fait, nous trouverons mention de ce voyage en Chine k I'ouverture de Fibrilles 
(Paris, 1966).'"' Au r6cit econduit du voyage va se substituer I'examen des raisons 
qui ont fait se rompre le "chamie" , se d6sagr6ger "ce qui m'avait paru doue d'une 
solidit6 de roc": 

Comment ces cinq semaines de plenitudes , . . . se sont-elles videes de leur substance 
a tel point que je me demanderais pour un peu si je ne les ai pas revees? (p. 8) 

Nous pouvions lire V Afriquefantome comme un r6cit de substitution k une cure 
psychanalytique, k laquelle M. Leiris s'6tait prete anterieurement et qu'il poursuivrait 
d'une autre mani^re. Mais ce camet de route contient aussi I'embryon de la m6thode 
ult6rieurement syst6matis6e par le travail autobiographique et po6tique de M. Leiris: 
en date du 19 juin [1932], nous trouvons une liste melant souvenirs personnels et 
images culturelles: 

Imagerie africaine: 

L'Africaine, 1' opera de Meyerbeer ...; 

la casquette du pere Bugeaud et la smala d'Abd el Kader; 

Aida, ... ; 



12. Voir Giovanni Bonaccorso, L'oriente nella narrativa di Gustave Flaubert (Messina, 
EDAS, 1979). 

13. Madeleine Chapsal, Quinze ecrivains. Enlretiens (Paris, JuUiard, 1963), p. 83-84. 
Mentionnons que le Journal de Chine de M. Leiris vient de faire I'objet d'une publication 
separee (Paris, Gallimard, 1994). 

14. Par superpositions et gUssements successifs d'images, tout le volume de Fibrilles pent 
etre tenu pour un recit de voyages, celui de Chine, mais d'autres aussi (en Suisse, Egypte, 
Grece, Itahe, etc.) qui ont ponctue I'existence de I'ecrivain. 



Recit de voyage et autobiographie 79 

I'histoire du pretre Jean; 

la mort de Livingstone; 

Fachoda; 

Arthur Rimbaud vendant des armes a Menelik; ... (p. 365) 

A partir du module discret de la liste entrevue dans V Afrique fantome et du 
travail elabor^ d^s 1 943 pour les voliunes de La Rdgle dujeu, Fibrilles va soumettre 
le voyage en Chine, la plenitude rencontree en Asie et son desarroi faisant suite 
au retour en Europe k un exanien de type psychanalytique. Le recit d^s lors 
multipliera les 6chos et les recoupements avec la totalite saisissable de la vie 
psychique, non sans que M. Leiris fasse un usage metaphorique du terme voyage 
pour qualifier, et son nouveau travail et son ecriture: 

Sans m'attarder par trop a faire preceder la Chine de toute ma "pre-Chine" et ne 
cedant qu'a moitie a cette manie qui m'est restee d'aborder par un biais - le plus 
souvent apres maints detours - une question a quoi j'attache de I'importance, je 
hvrerai ici des chinoiseries tirees de mon passe proche ou lointain et notees presque 
toutes (comme si I'enonciation de ce que j'ai a dire exigeait ce prodrome) alors 
que le voyage en Chine etait deja derriere moi, et devant moi une etape nouvelle 
du voyage non locaUse que j'effectue avec pour tapis volant ma table de travail, 
(p. 8) 

Ainsi, la Chine de M. Leiris n'est pas seulement le pays d'un voyage, et la 
mati^re d'un (im)possible recit; elle devient ce qui retrospectivement organise tout 
un pan de la vie psychique de I'individu, de telle sorte que la dispersion des 
"chinoiseries" acquiere sens et necessite. Le recit de voyage se mue en exploration 
des multiples couches temporelles qui constituent I'histoire d'une vie, une exploration 
plus structurale que chronologique. 

Pluraiite et diversite des temps vecus, cette modalite de I'archeologie intime 
du sujet autobiographique (existentiel et textuel) trouve peut-etre avec le voyage 
une figuration sensible adequate, d6s lors qu'"un voyage fait songer k une campagne 
archeologique. Chaque kilometre nous enfonce dans le temps, comme dans une 
poussi^re, desenfouit des heures anciennes, des heures en mines."'* Nous 
retrouvons I'importance accordee ^ la composante temporelle, du voyage et du recit 
de voyage, maintes fois soulignee par les voyageurs de Diderot a Levi-Strauss, qu'il 
s'agisse du temps historique, avec Volney qui insiste sur le caract^re veridictif de 
sa relation: "Je me suis interdit tout tableau d' imagination, quoique je n'ignore pas 
les avantages de 1' illusion aupres de la plupart des lecteurs; mais j'ai pense que 
le genre des voyages appartenait a I'histoire, et non aux romans." ("Preface" au 
Voyage en Syrie et en Egypte, Paris 1787), ou Chateaubriand: associant temps 
historique et intimite du sujet, les "Memoires d'une annee de ma vie" ("Preface" 
k la premiere Edition de Vltineraire...) sont en meme temps "le livre de postes des 



15. G. Lapouge, Equinoxiales (Paris, Flammarion, 1977), p. 11. 



80 Adrien Pasquali 

mines" ("Preface" k i'6dition des CEuvres completes). A sa fagon, N. Bouvier 
reprendra ce module chateaubrianesque avec Chronique japonaise (Lausanne, 1975) 
ou se melent la "longue dur6e" de la chronique mythologique et historique, et le 
"temps bref de I'intimitd du voyageur, son exploration ayant 6t6 pr6cedeminent 
d6crite par N. Bouvier dans les termes d'une veritable "arch^ologie" (cf. L'Usage 
du monde, Geneve, 1963). 

De Tauto- k la pseudo-biographie dans les r^cits de voyage. Du Journal de 
voyage en Italie de Montaigne, nous savons que la premiere moiti6 est r6digee de 
la main de son "secr6taire" : en effet, jusqu'^ Rome, Montaigne apparait comme 
h6ros-persoimage du r6cit; il prend alors la plume et assume personnellement la 
suite du r6cit: "Ayant donn6 cong6 k celui de mes gens qui conduisait cette belle 
besogne, et la voyant si avancee, quelque incommodit6 que ce me soit, il faut que 
je la continue moi-meme " (Folio, p. 208). L'dcriture autobiographique de 
Montaigne relaie un discours que nous pouvons qualifier de biographique, dans 
la mesure o\x le "secretaire" adopte le point-de-vue d'un narrateur-t^moin dont 
Montaigne est le personnage-acteur privil6gi6. Nous pourrions tenir cette premiere 
partie du Journal de voyage pour une pseudo-biographie ou autobiographic d616gu6e, 
assum6e par le "secretaire" et autorisee par Montaigne. Comme le souligne Fausta 
Garavini, 

La plume du "secretaire" a beau etre precise et patiente, ses remarques ne nous 
apprennent, a la limite, rien de nouveau. Mais — et c'est ainsi que la dualite des 
sujets de Tecriture prend tout son sens — , au-dela de la quantite et de la qualite 
des renseignements qu'elle nous foumit, la premiere partie du Journal nous apporte 
un autre genre de temoignage, fondamental en tant que verification objective de 
I'equivalent subjectif de la deuxieme partie, en plus d'echos du registre egotiste 
des Essais: une biographic qui garantit 1 'autobiographic et qui etabUt la Uaison 
avec le reel (Introduction a I'ed. Folio, p. 22). 

Non sans un brin de provocation th6orique, nous pourrions considdrer que la 
fonction autobiographique d'un r6cit de voyage est perceptible dans le texte- 
t6moignage de Fautre, un discours pris en charge par un auteur-narrateur- 
personnage/t6moin pas forc6ment anonyme comme le "secretaire" de Montaigne, 
mais tenu pour secondaire, et dans le contenu du r6cit et dans I'histoire litt6raire 
ou culturelle. Perceptible dans ce passage "de la pseudo-biographie ^ F autobiogra- 
phic, de la memoire de Fautre k la memoire de moi, k la faveur de la scission du 
'je' 6nonciatif','^ ou la "scission" prend la figure du redoublement des instances 
textuelles. 

Nous pourrions d^s lors ranger dans cette categoric certains voyages entrepris 
k plusieurs, et dont deux ou plus protagonistes ont donn6 un ou des r6cits dans 



16. Louis Marin, La Voix excommuniee (Paris, Galilee, 1981), p. 41, 



Recit de voyage et autobiographic 8 1 

lesquels les diverses figures apparaissent conime personnages des r^cits de I'autre. 
De ces r6cits de voyages crois6s, nous pouvons dire qu'ils contiennent des traits 
6nonciatifs autobiographiques de I'un et des faits biographiques de I'autre, ces 
demiers pouvant faire partie de ce que nous ddfinirions comme une autobiographie 
d616gu6e k fonction d' attestation, et qui donne k voir et met en sc^ne 

cet intervalle entre moi et raoi qui fait que je dois m'adresser a moi-meme comme 
a un autre. C'est dans cet intervalle que la parole trouve a se deployer. Chaque 
phrase recommence I'ouverture et la reduction de cet ecart interlocutoire qui est 
aussi un ecart temporel. ... Une phrase ... c'est done la variation continue d'une 
distance imaginaire a I'autre, la modulation indefmiment recommencee d'un divorce 
interlocutoire (d'ou seul peut emerger du representable) et d'une reconciliation 
ponctuelle.'^ 

Le "secretaire" et Montaigne se relaient, le premier quittant la sctne quand 
le second prend la plume; ce cas est assez rare, sauf dans sa variante inverse lorsque 
le maitre ou le chef d'une expedition (qui jusqu'alors commandait son recit) meurt 
et que son second prend la plume pour terminer le r6cit du voyage; c'est notamment 
le cas du Voyage en Calif omie pour V observation du passage de Venus surledisque 
solaire (1769) (Paris, 1772) commence par Chappe d'Auteroche, et poursuivi par 
M. Cassini; ou du Voyage awe terres australes... 1800-1804 (Paris, 1807-1816) 
commence par F. Peron et, k la mort de ce dernier, poursuivi dans les larmes par 
L. CI. de Freycinet. 

D'autres figures duelles sont possibles. Durelai ^ I'altemance d'ecriture, nous 
avons le texte Par les champs et par les gr^es dont les chapitres ont ete ecrits 
altemativeraent par Flaubert (impairs) et par Maxime Du Camp (pairs), meme si 
nous ne connaissons que le texte de Flaubert rassembie en un volume posthume 
(Paris, 1885).'' 

Le cas le plus frequent cependant est celui d'un double recit k partir d'un unique 
voyage effectue k deux ou plus personnes. Parmi ces recits de voyages croises, 



17. Laurent Jenny, La Parole singuliere (Paris, Belin, 1990), p. 177. 

18. Le voyage en Bretagne semble avoir ete accompli en parfaite entente, alors que ce ne 
sera pas le cas plus tard, lors du voyage commun en Orient. Recevant de Du Camp un 
chapitre refondu de leurs notes sur la Bretagne, Flaubert ecrit a son ami: "Ah! cher Max, 
j'aietebienattendri, va, en lisant une certaine page de regrets, et en y resongeant a ce pauvre 
bon petit voyage en Bretagne. Oui, il est peu probable que nous en refaisions un pareil; Qa 
ne se renouvelle pas une seconde fois. II y aurait meme peut-etre de la betise a I'essayer. 
Ah! conune il m'en est venu tantot une volee de souvenirs dans la tete! De la poussiere, 
des toumants de route, des montees de cote au soleil, et encore, comme il y a un an, des 
songeries a deux au bord des fosses! Et dire que lorsque tu iras boire I'eau du Nil, je ne 
serai pas avec toi!" (Cite par M. Du Camp, Souvenirs litteraires. Paris, 1882, 1, 363-364). 
La suite du texte de Du Camp montre bien quel degre d'envie posthume animait celui-ci 
a regard de son ami, alors qu'a I'epoque du voyage en Bretagne, tous deux semblaient avoir 
les memes chances face a la celebrite. 



82 Adrien Pasquali 

mentionnons a litre indicatif: 

— Chateaubriand, Itineraire de Paris a Jerusalem. . . (Paris, 1 8 1 1), et le recit du 
meme voyage demande par Chateaubriand a son serviteur Julien Potelin, apr^s 
publication de V Itineraire, et dont Chateaubriand se servira pour les chap. I 
et II du livre xvni des Memoires d'Outre-tombe; 

— M. DuCamp, Le Nil (Paris, 1853), et Flaubert, Voyage en Orient (reste k I'etat 
de notes, et publie apres la mort de Tecrivain): dans son recit, Du Camp neglige 
la figure de Flaubert dont il est encore k cette 6poque une sorte de rival intime 
et litteraire, alors qu'il lui rendra un hommage presque trop appuye dans ses 
Souvenirs litteraires (Paris, 1882-1883) ou il assume le role de gardien de la 
memoire de son ami; 

— Victor Segalen et Auguste Gilbert des Voisins, Ecrit en Chine (Paris, 1917), 
qui voyagent en amis et en complices, meme si A. G. des Voisins fait figure 
d'armateur du voyage et V. Segalen de connaisseur de la Chine: "Alors Segalen 
me parle de cet empereur du temps jadis. Je I'ecoute pieusement, car il sait 
corner, il sait faire revivre." (^ Ming, 29 juillet 1909); 

— Paul et Minnie Bourget, Journaux croises (1909) d'un voyage en Italie ou 
Tadmiration conjugale de I'epouse se glisse dans les pas de Fepoux; 

— Andre Gide, Voyage au Congo (Paris, 1927), et Marc Allegret, Camets du 
Congo (1925-1926). 

Ces exemples pourraient etre multiplies; ils soulignent combien la dimension 
autobiographique d'un texte peut faire k moins d'une relation contractuelle avec 
ses lecteurs-destinataires, et recourir au detour soit du recit de voyage, soit de 
Fautorite d'un temoin h6t6ro-biographeur. 

n. SUR LA FORME 

Quant a renonciation, des indices d'une enonciation personnelle sont souvent 
presents dans les recits de voyages, explicite avec les occurrences d'unye pratique 
ou lyrique, ou implicite quand tout discours emane d'mi sujet: celui-ci peut s'effacer 
conmie personne, mais non conmie producteur de discours, si nous pretons attention 
aux dispositifs rhetoriques et pragmatiques de 1 'enonciation, ou aux diverses 
modalites de la description redevable k un savoir et k un vocabulaire disponible 
toujours specifique, que ce soit celui du religieux, du diplomate, du marchand, du 
navigateur, ou du savant specialise dans telle ou telle discipline academique. Le 
caract^re particularisant du discours semble soumis k des modules qui nous induisent 
k le lire comme exemplaire et representatif d'une certaine classe de voyageurs dont 
ce meme discours 6manerait et auxquels il serait plus sp6cifiquement adresse, comme 
les marchands de Jean Th6venot (Voyage du Levant, Paris, 1665). 

Ainsi, le recit de voyage se doit de determiner une posture discursive, 
doublement rh6torique dans la mesure oii elle s'61abore par convergence des elements 
lies a I'enonciation (quel que soit le degr6 de presence explicite d'un enonciateur 
dans son propos, tout discours 6mane de quelqu'un et est adresse a quelqu'un) et 



Recit de voyage et autobiographie 83 

de ceux li6s k la construction d'un objet de discours. Jusqu'^ la fin du xviii* sidcle, 
cette n6cessit6 6tait pr6sent6e, discutde de fagon privil6gi6e et selon des trat^gies 
diverses, dans I'appareil paratextuel (avertissement, introduction, preface, etc.)- 
Ainsi, comme le rappelle J. -CI. Berchet," la Pr6face au Voyage en Syrie et en 
Egypte de Volney commence par des indications autobiographiques, met en sc6ne 
un narrateur personnalis6 et responsable qui souligne le caract^re scientifique et 
objectif de sa relation, et revendique une entifere credibility par son refus de la fable 
("le genre des voyage appart(ient) ^ I'histoire, non au roman"). Mais, pass6 le 
seuil de cette Preface, le narrateur va devenir omniscient, et op6rer la fusion de 
ce qu'il a vu lui-meme et de ce qu'il a lu ou entendu dire, selon un module historique 
qui remonte ^ Herodote: le Voyage en Syrie ne sera pas, en effet, un r6cit lin6aire, 
historicis6, mais une synthase demonstrative. 

Ce module de strategic et de legitimation discursives et narratives connait de 
multiples resurgences jusqu'^ la fin du XIX^ siede. Mais plusieurs elements ont 
favorise paralieiement Tinscription explicite d'une enonciation personnelle, puis 
autobiographique, dans les recits de voyage, surtout k partir de la seconde moitie 
du xvra^ siecle. Dans notre perspective, le plus important de ces elements est sans 
doute le fait que le recit de voyage pouvait amener son auteur k presenter comme 
verite generale une simple anecdote particuliere, k donner credit k, et k se laisser 
abuser par des informateurs locaux au sujet d'eiements de la vie et des moeurs des 
pays visites. Ainsi, dans son requisitoire Des mensonges imprimes (1749), Voltaire 
fait-il la part belle aux illusions et mensonges colportes par les recits de voyages 
et contestes, ou dementis par d'autres voyageurs. La reponse k ce dilemne pouvait 
emprunter deux voies: soit le voyageiu" etait invite k mobiliser en chaque circonstance 
tout son esprit critique, c'est-^-dire pour I'epoque k voyager en philosophe-ecrivain; 
soit, le critere de verite se muant en crit^re de sincerite, le voyageur devait insister 
sur le caractere absolimient subjectif, personnel de son propos, un propos dont le 
serieux souvent incontestable pourra se degrader jusqu'^ la toumure anecdotique 
parodiee par les "recits excentriques" (Daniel Sangsue) dans la posterite de Sterne. 

Le voyageur qui ecrit est attache k la singularite des choses et des evenements; 
le philosophe-ecrivain qui voyage serait plus apte k lier/relier cette singularite des 
faits k des ensembles (historiques, sociologiques, etc.). Mais si, selon Aristote 
(Poetique, 51b 5-10), le general relive de lapoesis alors que le particulier est du 
domaine de I'histoire et de la chronique, I'autorite critique du philosophe-ecrivain 
se double d'une competence discursive: il sait voir, il sait ecrire, il sait done etre 
vrai. Mais, verite ou mensonge des faits rapportes, le rapport de I'ecriture a la 
sincerite demeure enigmatique, d'autant plus si le critere de sincerite est mesure 
en fonction d'un naturel stylistique, susceptible de produire des effets de verite. 



19. "La Preface des recits de voyage au XK^ siecle," in Ecrire le voyage, textes reunis par 
Gyorgy Tverdota (Paris, 1974), p. 3-15. 



84 Adrien Pasquali 

Sous couvert de transparence discursive, cette querelle stylistique reconduit une 
illusoire incompatibilite (etre vrai vs savoir ecrire) et une ideologic de F immediate 
et simple innocence, que de nombreux ecrivains (de Stendhal a N. Bouvier) 
travaillent comme un sommet de I'artifice. 

Subjectivite explicite, personnalisation enonciative qui irait de pair avec une 
sincerite du propos: c'est sans doute la vogue des Lettres edifiantes et curieuses 
des J6suites du xvni^ si^cle, ou des Relations un sidcle plus tot, qui ont focalise 
les discussions sur une poetique du r6cit de voyage tenue, d^s Frangois-Maximilien 
Misson et son Nouveau voyage en Italie (1691), pour inseparable de la forme 
epistolaire redevable ^ des modalit6s d'6criture autobiographique: Fillusion 
d'immediatete devait redoubler le ton de la conversation sans appret a I'adresse 
d'un destinataire prive auquel il ne servirait a rien de mentir ou de dissimuler. 
Ce souci de I'effet de lecture etait si predominant qu'il autorisait la reecriture 
ulterieure des notes d'un calepin en lettres de voyage: jouant ainsi de la mimesis 
formelle, un acte enonciatif autobiographique fictif d61ivrant un contenu factuel, 
la verite du contenu pouvait fort bien s'acconmioder de la convocation d'un 
destinataire feint. Les lettres de voyage du Pres. de Brosses, de Bemardin de St- 
Pierre, Astolphe de Custine, Fromentin paraissent d'autant plus authentiques que 
Facte d'enonciation mis en scene est artificiel, I'identite textuelle et narrative du 
sujet prenant le pas sur son identite personnelle; I'opportunisme mondain de Maxime 
DuCamp s'y coulera ais6ment, lorsqu'il r6ecrit ses notes et d6die les pseudo-lettres 
du Nil (Paris, 1853) ^ Theophile Gautier. 

Nous pouvons alors dire que Fautobiographisation des recits de voyage au 
tournant du XIX^ si^cle r6pond aussi, partiellement du moins, a une exigence 
formelle. 

Du point de vue de la syntaxe narrative, diverses modalites analogiques et 
formelles rapprochent recit de voyage et autobiographic, dans leur globalit6 ou leur 
fragmentation. Si, pour Fautobiographie, la naissance et la mort impossibles a 
raconter constituent des bornes th6matiques, pour le recit de voyage, le depart et 
Farriv6e en seraient les Equivalents mediateurs: contournant Farbitraire du debut 
et de la fm du recit, ils pemiettent de "simuler" et done de raconter une naissance 
et une mort, mais aussi bien de mettre en sc6ne toutes les figures d'arrachement 
et d'attachement: 

a la fafon de I'autobiographie, le recit [de voyage] tend a donner un rythme, un 
sens a une aventure, a faire de details hasardeux une totalite. Celui qui ecrit et 
celui qui voyage peuvent etre aussi distants qu'un vivant et qu'un defunt, comme 
dans I'exercice autobiographique qui consiste a tenir sa vie pour chose morte.^" 



20. J. Roudaut, "Quelques variables du recit de voyage," Nouvelle revue frangaise, n" 377 
(Juin 1984), 59. 



R^cit de voyage et autobiographie 85 

Flaubert en a pleinement conscience lorsqu'il essaie de r6diger les notes des caraets 
d'Orient; la mention de r"arriv6e k Paris" apr^s la separation ddchirante d'avec 
sa m^re est 1' occasion de cette notation: "Entre le moi de ce soir et le raoi de ce 
soir-la, il y a la difference du cadavre au chirurgien qui I'autopsie." Le narrateur 
d'un recit de voyage pouvait se representer en "arch6ologue" du temps v6cu et de 
la m6moire; la figure du "chirurgien" lui ressemble, avec ce tranchant suppl6mentaire 
du scalpel fouillant le corps du sujet, et non plus seulement sa conscience. 

Mais la citation prec6dente sugg^re autre chose. Du point de vue formel, le 
recit de voyage est associe ^ plusieurs types generiques (lettre, joiuiial, memoire,etc.) 
reperables aussi bien dans un texte considere dans sa globalite que dans la suite 
et I'agencement de ses morceaux; nous I'avons vu: ses modalites discursives peuvent 
de ce fait etre multiples. Si Bourlinguer (Paris, 1948) de Cendrars joue sur une 
diversitd notable des series temporelles non lin6aires, un recit de voyage comme 
L 'Usage du Monde (Geneve, 1963) de Nicolas Bouvier redouble la narration d'un 
voyage de Suisse en Afghanistan par I'insertion de pages d'un journal intime, de 
chroniques historiques et reUgieuses, de "choses vues", de dialogues ou de portraits, 
de poemes, etc. , voire de propos meta-discursifs ("Ecrits six ans apr^s") de I'auteur 
occupe a rediger une premiere couche de notes prises sur un calepin. Ainsi, veritable 
"polylogue" ou chef de choeur, le narrateur du recit de voyage doit 

jouer de la discontinuite et de la fragmentation des temps, des lieux et des matieres, 
meler anecdotes rapportees et recits de reves, legendes et rapports de lecture. A 
la faQon du journal, le recit de voyage associe les styles et pent glisser de la prose 
au vers. Sa qualite majeure est une disparate, qui serait recusee ailleurs.^' 

in. Conclusion 

Ainsi, tant au niveau des formes que des contenus, les recherches sur I'autobiogra- 
phie pourraient trouver par le detour des recits de voyage matiere a nuancer, voire 
k redefinir certaines positions theoriques restreintes. Sans compter le benefice qui 
pourrait resulter du rapprochement non contraint entre une ecriture du sujet 
consideree trop souvent comme autarcique, voire autiste, et le recours a une 
configtu-ation spatiale qui ouvre k ime representation symbolique du sujet individuel. 
Des avant Ecuador (Paris, 1929), H. Michaux est "revenu" de tout voyage et de 
tout exotisme, conmie il semble projete dans im au-del^ moins posthume que lateral, 
decentre;^^ il n'a cesse cependant de considerer I'ecriture comme une raodalite 
du voyage: "J'ecris pour me parcourir" {Passages, Paris, 1950). 

Dans la plupart de ses manifestations, I'ecriture autobiographique vise a affirmer 



21. J. Roudaut, "Le Voyage," in Lieu de composition (Paris, Gallimard, 1989), p. 171. 

22. Le court texte au titre significatif de Qui je fits (1924) parait alors que H. Michaux n'a 
que 25 ans; il ne propose pas le bilan d'une vie, mais signale que tout ce qui suivra sera 
vecu, ecrit comme a-c6te, ou ailleurs. 



86 ' Adrien Pasquali 

une identity du sujet, la "tension" (J. Sturrock) de I'autobiographie se marquant 
par la volont6 ambigue de singularisation de Tindividu (je suis la mati^re d'un 
texte...) et d'appartenance k la communautd des hommes (... qui en appelle k toi, 
lecteur); en d'autres termes, I'dcriture autobiographique tente de remplir un signifiant 
vide (le nom) de signifi6s r6f6renriels et existentiels, de le remplir par le trajet qui 
peraiettrait de concilier un sujet scinde existentiellement et fonctionnelleraent en 
personnage et narrateur, double "je" aussi n6cessaire qu'intenable dans Timmobilite 
feinte du lieu d'6nonciation: quand un surplus d'existence est recherch6, seul un 
surcroit de langage est atteint, "le fait biographique, textuel) s'aboli(ssant) dans 
le signifiant". ^^ L'originalit6 de M. Leiris aura et6 de substituer k cette affirmation 
de soi, une construction de soi qui emprunte ses precedes tout k la fois k 
I'ethnographie, au surrealisme et k la psychanalyse: en termes 6vocateurs, la 
substitution favorise le glissement d'une talking cure k une writing cure,^ 
glissement dont nous avons vu qu'il avait sa source dans certain moment d'inactivite 
consignes dans VAfrique fantome. 

D6ployant un moment d'existence dans I'espace dumonde, I'horizon ultime 
du r6cit de voyage ne constitue pas une volonte d'affirmation ou de r6appropriation 
du sujet individuel; mais un d6sir de decentrement, de transformation et de 
construction du nom dans lequel se li(e)rait une exp6rience et des virtualit6s: "Le 
nom: valeur d'apr^s coup, et de longue experience, "^^ remarque H. Michaux. 
Quittant I'univers des heritages et des contraintes, le voyageur est invit6 k vider 
le signifiant du nom de ses signifies antdrieurs, k passer du nom impos6 au nom 
qu'il ne savait pas porter intimement, comme un double que Ton poursuit dans la 
mobilit6 permanente du sujet et la constante diff6rance du lieu d'6nonciation. Promis 
par I'espace parcouru, ce d6sancrage est une manidre de dire la difficult^ d'habiter 
le temps, si ce n'est de I'abolir: 

Voyager, c'est toujours chercher a lacher son ombre, se fuir pour survivre. Ce 
n'est done pas par souci du pittoresque que Ton traverse le monde. On voyage 
pour se desancrer. Pour changer de vie.^* 

Sur les hauts plateaux du Tibet, Victor Segalen rencontre cet Autre fantomatique 
qui le hante conmie un enfant;^^ dans les montagnes abyssiniennes, M. Leiris livre 
bataille au fantome qui le ronge d'impuissance, alors que son espoir, semblable 
k celui de Chateaubriand, est celui du chevalier mddidval voulant se ddfaire du vieil 



23. Roland Barthes par Roland Barthes (Paris, Le Seuil, 1980), p. 60. 

24. John Sturrock, The Language of Autobiography (Londres, Cambridge Univ. Press, 1994), 
surtout le ch. 10. 

25. Ecuador (1929) (Paris, Gallimard/L'Imaginaire, 1990), p. 28. 

26. J. Roudaut, "Le voyage", p. 171. 

27. Cf. Equipee (1929) (Paris, Gallimard/L'Imaginaire, 1983), p. 40, 120. 



Recit de voyage et autobio graphic 87 

honime, pour etre digne de sa danie: "Le retour a pour moi la fomie d'un seul visage 
sans lequel il y a beau temps qu'il n'aurait tit pour moi question de rien, - pas 
question, en tout cas, de retour apr^s un tel depart" {L'Afrique fantome, en date 
du 14 fevrier 1933). 

Franchir un col alpin permet k Henri Beyle de devenir "Stendhal", et nous 
entendrons desormais dans ce nom une conception du bonheur et de I'dcriture; k 
Tahiti, les suivantes de la reine Pomar6 font de Julien Viaud un Pierre Rroti ILoti 
qui ecrit k sa soeur: "J'ai maintenant deux patries, Tahiti et la Saintonge" (Lettre 
du 19 mai 1872). Et la Paques a New York (Paris, 1912) embrase et transmue 
Fr6deric Sauser en "Blaise Cendrars" . Car 

le nom est tout a la fois generateur de texte et de destin ..., inversement la 
prescience du destin (I'histoire fantasmee par le sujet qui s'actualise en destin), 
determine le choix du nom. ... Le nom (propre) est une matrice; de lui emanent 
non seulement des formes et des images, mais une structure signifiante. Par son 
entremise peuvent done etre tisses ensemble (racontes en un texte) des enonces 
autrement incompatibles.^^ 

Mais trouver un nom, transiter de la patrie r6ferentielle du nom k sa matrice 
linguistique, c'est aussi parfois passer de sa comprehension contrainte k une 
acceptation sereine, une re-connaissance (dans un sens presque claudelien) inseparable 
d'un travail interne sur le nom; ainsi de N. Bouvier, que le nom renvoie aux verts 
paturages de la langue et du pays natals. Ses voyages auront (entre autres) permis 
de depouiller le nom de son importance, de son "enflure" europeennes; progressive- 
ment reconcili6 avec le "boeuf ' qui le hante^' comme pour "avoir tout k fait raison 
de ce moi qui fait obstacle k tout,"^ N. Bouvier se place sereinement sous la tutelle 
d'animaux d'accompagnement, ou animaux-totems tels Le Hibou et la Baleine 
(Geneve, 1993) offerts par le Japon, un pays significativement vecu comme une 
cure d'amaigrissement: "le voyage n'est pas un moyen d'evasion. II ne lui est pas 
non plus demande d'apporter un savoir, mais une gu6rison. Comme I'ecriture 



28. Fran?oise Gaillard, "Le Nom du poete," Cahiers de la recherche du S.LD., n° 7 
(Automne 1980), 37-39. 

29. Voir Chroniquejaponaise (1915) (Paris, Payot, 1991), p. 41, 251. Demaniereamusante 
et indicative, le "boeuf reapparait lorsque Bouvier evoque la necessite du gagne-pain (cf. 
Routes etderoutes. Entretiens avec Irene Lichtenstein-Falls. Geneve, Metropolis, 1992, p. 
73). Mais le "boeuf" permet aussi d'indiquer, par reference a la fable de La Fontaine, le 
danger d' explosion qui guette le voyageur trop rempli d' experiences {Ibid., p. 152); d'oii 
la necessite mesuree de pratiquer I'ecriture comme une saignee sur soi {Ibid. , p. 87, 210). 

30. Le Poisson-Scorpion (1980) (Paris, Payot, 1990), p. 46. Ainsi, face a un groupe d'enfants 
qui lui demandent des signatures: "Mais je deteste signer: donner comme de la bonne monnaie 
a ces gamins si confiants ce nom que le voyage a vide de toute substance me fait I'effet d'une 
imposture. J'ecris done 'scarabee,' 'cavalcade,' j'ecris 'farine,' bref! des mots qui portent 
un peu la musique et la chance'" (p. 253). 



88 Adrien Pasquali 

permet une survie."^' 

Dans la tradition occidentale du voyage et de I'dcriture consid6r6s comme quete, 
la m6taphore du voyage-6criture est omnipr6sente. Fr6queniment invoqu6e, elle 
insure un contemporain comme N. Bouvier dans une tradition qui va au moins de 
Montaigne k Butor: 

Je trouve qu'entre le voyage et I'ecriture il y a un point commun, pour moi tres 
important. Dans les deux cas, il s'agit d'un exercice de disparition, d'escamotage. 
Parce que quand vous n'y etes plus, les choses viennent... Et du fait que I'existence 
entiere est un exercice de disparition, je trouve que tant le voyage que I'ecriture 
sont de tres bonnes ecoles.^^ 

Voyage-effecement et 6criture-disparition: cette analogic associe la mise k I'dpreuve 
physique du sujet et la mise k I'^preuve de son moyen d'expression, le corps propre 
du sujet et sa representation comme corps de langage(s)," hyperboliquement 
figur6(s) dans le nom. Comme si I'effacement du moi patriarcal permettait une 
r6appropriadon, une reformulation du nom qui devienne matriciel. Tout r6cit de 
voyage pourrait invoquer les mots de Jab6s: "Je ne suis que parole. II me faut un 
visage" , ce visage dont la figuration textuelle et litt6rale serait le nom. Un nom 
enfin propre: non celui de 1' autobiographic, mais du projet d'existencc et de la 
rencontre possibles; non celui des signifies pass6s, mais du signifiant ouvert. 

En somme, si le r6cit de voyage fait siennes certaines modalites de r6criture 
autobiographique, c'est pour ne pas y demeurer et changer une suppl6ance en 
supplement: au r6cit (retrospectif ou simultand) d'une vie qui n'est souvent recit 
que par carence de vie, il substitue la recoimaissance d'un nom qui, du pass6 et/ou 
du pr6sent toujours diff6r6 du sujet, propose une promesse de vie, I'anticipation 
de ce qui dchappe encore k 1' autobiographic, d'un referent k venir. 

Fond National Suisse de la Recherche Scientifique 



31. J. Roudaut, "Le voyage," p. 172. 

32. Routes et de routes, p. 153. 

33. Ibid., pp. 85-87, 210. 



Michel Bideaux 



Le Voyage d'ltalie, 

instrument de la connaissance de soi 

par la frequentation d'autrui 



II n'est gudre de voyageur du XVP sidcle qui ne s'accorderait avec Montaigne, 
quand ce dernier estime qu"'il se tire une merveiileuse clart6, pour le jugement 
humain, de la frequentation du monde" . Sans partager ndcessairement sa passion 
pour la connaissance, toujours inachev6e, du moi, la plupart souscrirait encore k 
Taffirmation selon laquelle "ce grand monde, ... c'est le mirouer ou il nous faut 
regarder pour nous connoistre de bon biais"' . Ainsi, dans I'activit^ qui consiste 
k "frotter et limer notre cervelle contre celle d'autruy" (I, p. 153), la relation k 
I'autre apparait comme un moment essentiel de I'acquisition de la connaissance. 
II est significatif que ces formulations illustres apparaissent dans unchapitre intitul6 
"De r institution des enfants", que Montaigne livre au public quelques semaines 
seulement avant de partir pour I'Allemagne et I'ltalie. La rencontre confirme une 
fonction essentielle de cette demi^re destination. A c6t6 de la pi6t6 qui pousse aux 
pdlerinages dans les Lieux Saints, de I'esprit de lucre ou d'aventure qui lance les 
Europ6ens vers les terres nouvellement d6couvertes, il y a le d6sir de formation 
intellectuelle et humaine qui conduit leurs pas vers une Italic souvent controvers6e, 
mais toujours reconnue, jusque dans le spectacle de ses faiblesses, comme une 
incomparable institutrice. A "I'automne de la Renaissance", alors que I'^blouisse- 
ment devant les decouvertes de I'humanisme a 6te bien temp6r6, par une relative 
satiate d'abord, par la crise meme des valeurs humanistes ensuite, I'ltalie continue, 
pour deux si^cles encore, k accueillir des visiteurs, le plus souvent jeunes, desireux 
de parachever leur formation et de mieux se connaitre en s'6prouvant au contact 
d'un pays qui dicte le ton de la civility. 

Sur quels plans la d6couverte et la connaissance de I'autre parviennent-elles 
k informer, k modeler le comportement et les id6es du visiteur? Nous voudrions 
r examiner ici k travers un corpus k la fois homog^ne dans le temps et I'espace et 
vari6 dans les signatures: celui que constituent les relations de voyages effecm6s 
entre 1580 et 1606 par I'illustre essayiste, curiste et touriste que nous venons 
d'6voquer, par le chevalier de Villamont, dont les Voyages serviront de guide k 



1. Essais, I, 26, ed. ViUey-Saulnier (Paris, P.U.F., 1988), I, 157. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics , edited by Luigi Monga. 



90 Michel Bideaux 

plusieurs gen6rations, par trois anonymes enfin, dont les relations longtemps in^dites 
ont 6t6 r^cemment publiees^. Etudiant "la probl6matique de Talterit^" dans les 
textes relatifs k la colonisation de TAmdrique, T. Todorov proposait r^cemment^ 
de reconnaitre trois plans: successivement axiologique (des jugements de valeurs), 
praxeologique (rapprochement, eloignement ou indifference par rapport ^1' autre), 
6pistemique ("je connais ou j'ignore I'idendte de I'autre"). Sans discuter ici la 
pertinence de ce module pour F etude du monde amerindien ou d'autres univers 
lointains, on peut en proposer, pour le corpus consid6re, I'adaptation suivante: un 
plan epistemologique, oii se trouvent definies les conditions d'acces k la connaissance 
de I'autre, et que la praxis (I'enquete sur le terrain) explore plus ou moins 
m6thodiquement, le plan praxeniique du rapport k I'autre (oii se precise, pour le 
visiteur, sa propre identite), un plan axiologique enfin, ou se confrontent et se 
redefinissent les valeurs morales. Des passerelles existent, sans doute: la m6thode 
s'affine au contact du pays et des hommes, on ne saurait rejeter, accepter autrui, 
accentuer sa propre difference sans que le jugement intervienne. 



Sur les moyens dont se dote le voyageur de la Renaissance pour apprehender 
les realia italiennes conmie sur le regard qu'il porte sur elles, on a deja beaucoup 
6crit''. On preferera s'en tenir ici aux cadres majeurs de I'acquisition de la 
connaissance et de I'exercice de 1 'appreciation critique. Deux caract6ristiques 
paraissent marquer Vepisteme du voyage en Italic: discemement dans la perception, 
6quite dans le jugement. 

Nos voyageurs ont a leur disposition des instruments livresques, anciens ou 
plus recents. lis ne dedaignent pas de retire Pline et de montrer qu'ils le font, de 
recourir aux monumentales cosmographies du premier demi-sidcle: on sait que 
Montaigne regrettera de n'avoir pas emport6 un Miinster ou quelque autre "dans 



2. Toutes trois dans la collection "Textes" du C.I. R.V.I. , a Geneve, Slatkine; successive- 
ment: Voyage d'ltalie (1606) (ed. Michel Bideaux, 1981), Discours viatiques (1588) (ed. 
LuigiMonga, 1983) et Voyage de Provence et d'ltalie (1588-1589) (ed. L. Monga, 1994). 
Nous citons le Journal de voyage de Montaigne dans I'edition de Fausta Garavini (Paris, 
FoUo, 1983). 

3. La conquete de I'Amerique. La question de I'autre (Paris, Seuil, 1982); repris dans la 
Collection Points, 1991, p. 233. 

4. Voir I'ouvrage fondamental de Ludwig Schudt, Italienreisen im 1 7. undl8. Jahrhundert 
(Wien-Munchen, Schroll Verlag, 1959). Consulteregalement M. Bideaux, intr. a I'ed. cit. 
du Voyage d'ltalie (1606); Luigi Monga, "Itineraires de Fran^ais en Italic a I'epoque de 
Montaigne", in Montaigne el 'Italia (Moncalieri, C.I.R.V.I., 1991), p. 437-449 et ses intr. 
aux ed. cit. des Discours viatiques et Voyage de Provence et d'ltalie, ainsi que son etude 
"Voyage etrecitde voyage a la Renaissance", MoA2/a/gne5mcfi>5, V, 1-2 (1993), p. 97-111. 



Le Voyage d' Italic, instrument de la connaissance de soi 91 

ses cofftes"^ lis leur pr^ftrent toutefois de plus maniables auxiliaires: guides et 
routiers. Albert! et Schott-Capugnano sont les plus soIlicit6s^ avant que Villamont 
n' impose, pour un si^cie, son autorit6. 

Mais ils connaissent aussi les vertus de Texp^rience directe et de la communica- 
tion personnelle: de l^ce gout pour les conversations, facilit6 par une maitrise assez 
r6pandue parmi eux de la langue italienne, pour les rencontres sollicit6es, de 
c616brit6s ou de puissants personnages. Des requites sp6cifiques ou des considera- 
tions strictement sociales peuvent les motiver, mais le plus souvent on sent poindre 
chez les visiteurs une passion toute modeme pour I'entretien dirig6, 1' interview: 
elle n'est nulle part si apparente que chez Montaigne quand il veut s'enqu6rir des 
questions religieuses qui se soulfevent partout en Europe et quand il s'irrite de ne 
pas trouver un interlocuteur qualifi6. De Ik 6galement leur gout pour les spectacles 
et les c6r6monies dont est prodigue une Italic pass6e maitresse de la mise en sc^ne 
urbaine: ils flattent le regard, sans doute, par leur pittoresque, mais surtout ils 
donnent k lire, sous I'apparat de la manifestation, les inclinations les plus profondes 
du pays: nature de la d6votion, formes du respect k regard des pouvoirs en place, 
poids des traditions ou des fantasmes (camaval, executions publiques). La rue, 
la route, le restaurant: tout est occasion pour apprendre. 

II existe meme une topographic de I'apprentissage, qui s'exprime dans la 
recherche des hauts lieux d'ou le visiteur jouira d'une perspective iddale pour 
appr6hender la contr6e^: la richesse et la hardiesse de I'architecmre civile et 
religieuse d'ltalie lui foumit k cet 6gard d'incomparables points d'observation. 
L'auteur des Discours viatiques monte les "trois cens degrez" du Dome de Milan, 
pour voir "de tons costez la ville et, sans les brouillars", il eut "peu voir encores 
Bergame et Pavie" (p. 57). Meme strategic k Florence*: "cinq cens degrez" cette 



5. Ed. cit. , p. 114. Montaigne posedait la Cosmographie universelle de Sebastien Miinster 
(edition de Bale, 1568). 

6. Ainsi de I'anonyme auteur du Voyage d'ltalie (1606), rendu a Milan: "J'ay verifie les 
choses qui y sont plus remarquables sur le livre itineraire de Fran9ois Schot et Hierosme 
Capugnan, qui disent tout ce que j 'en pourrois dire et qui se peut s?avoir en general et en 
particulierdel'Italie, plus recents que Leandre Albert" (p. 50). LsiDescrittioneditutta Italia 
date de 1550, I'ouvrage de Schott-Capugnano de 1600-1601. 

7. Methode dont, bien sur, les voyageurs de la Renaissance, n'ont pas I'exclusivite: Huguetan 
la preconise a Rome (Voyage d'ltalie, 1681, p. 54) et Montesquieu s'en reclame: "Quand 
j'arrive dans une ville, je vais toujours sur le plus haut clocher ou la plus haute tour, pour 
voir le tout ensemble, avant de voir les parties ; et, en la quittant, je fais de meme, pour 
fixer mes idees." (Voyages, ed. A. de Montesquieu, Bordeaux, 1894, I, p. 208). Pour le 
President de Bordeaux en voyage, voir et com-prendre ne font qu'un. 

8. Exemple que suivra Villamont, pour y compter "cinq cens soixante et huict degres". 
Montaigne egalement avait entrepris la montee de ces escahers (Journal de voyage, ed. cit. , 
p. 178-179. Sur les variations des voyageurs dans les mesures et les decomptes rapport^s, 
voir la riche note de L. Monga (ed. Discours viatiques, p. 212-213). 



92 Michel BiDEAUx ./ ' 

fois, "et ainsy du hault de la tour se voit la ville, toute ronde et grande" (p. 73). 
Sa foi dans les vertus de I'escalade de reconnaissance s'exprime jusque dans la visite 
du port de Genes: "nous ... feusmes voir les galleres au port et les navires dehors, 
dans I'une desquelles, par une eschelle de corde, je monte jusques au hault de 
I'arbre" (p. 68). L'anonyme voyageur de 1606, quand il gravit a Bologne la tour 
des Asinelli, apprend que cette pratique peut etre dangereuse {ed. cit. , p. 58); mais 
il n'en a pas moins, visitant Milan, affirme sa legitimite: 

C'est une chose naturelle de monter haut pour voir de plus loing, et une coustume 
qui est bone pour considerer d'une seule veue toutes les diverses choses dedens 
et dehors d'une ville, son paysage, son plan, sa situation, sa closture, ses cartiers, 
ses rues, de monter en quelque eminent Heu avec homme qui sache deviser de 
ce qui se voit: ainsy en fait-on a Paris du haut des tours Nostre Dame, et a MUan 
de la sommite du Dome. (p. 46) 

On aimerait enfin etre assur6 qu'existe bien chez nos voyageurs le d6sir de 
ne pas compromettre leurs chances de satisfaire la curiosite qui est en eux par une 
frdquentation trop assidue de leurs compatriotes, qui les detoumerait d'autant de 
I'acc^s aux naturels du pays. Meme si, dans la pratique, on les sent friands de 
telles rencontres oii s'accroit la comiaissance veritable, on ne voit gu^re que 
Montaigne pour avoir claire conscience du danger et "se jeter aux tables les plus 
espesses d'estrangers"^ 

Dans le traitement des donnees fournies par ces diverses voies d' information 
paraissent prevaloir des liabitudes revelatrices de certaines preoccupations d'hygi^ne 
intellectuelle. Enunage qui commence ^ prendre ses distances avec le p6dantisme, 
nos auteurs, meme s'ils mettent volontiers leurs pas dans ceux de leurs guides, ont 
scrupule k les recopier trop servilement. Montaigne lui-meme, pourtant curieux 
d' inscriptions, refuse d'en rapporter une qui "se trouve dans plusieurs livres 
imprimes, ou il est parle des bains de Lucques" (p. 282). "Ce seroit chose trop 
longue", avertit I'auteur des Discours viatiques'\ 

de raconter touttes les antiquites qui se voyent a Rome, comme aussi les excellentes 
choses qui y ont este nouvellement faictes par le pape Sixte Ve d'a present, 
lesquelles estant touttes rediggees par escrit, tant les antiquites comme aussi ce 
qui a este faict de nouveau, je ne m'y arrestere plus longuement, joinct que seroit 
chose suffisant pour amplir ung gros volume, (p. 171). 

A Pavie, il s'6tait dej^ depeche cavali^rement envers son lecteur de I'obligation 
de decrire: "Va veoir fra Leandro Alberto et ce qu'il en rapporte en son livre de 
la description de toute I'ltalie" (p. 65)'°. La derni^re page de son manuscrit, laisse 



9. Essais, III, 9, p. 985. Sur le sujet, precieuses analyses et references de L. Monga dans 
son edition du Voyage d'ltalie et de Provence, p. 12-15. 

10. C'est encore de cet ouvrage que se reclament I'auteur du Voyage de Provence et d'ltalie 



Le Voyage d 'Italic, instrument de la connaissance de soi 93 

inachev6, ne contient pas moins de trois renvois au raeme ouvrage, sur lequel finit 
par se reposer un voyageur dont T^nergie narrative parait d^sormais 6puis6e. 

Mais nos voyageurs, exploitant les guides les plus autoris6s, continuent de s'en 
laisser compter par eux, accueillant docilement les Etymologies fantaisistes qu'ils 
leur proposent: "Vercelles, dicte selon ayans ainsy de la "celle de Venus" ou 
"Novare, dicte sita nova ara"". En revanche, leur esprit critique s'exerce 
davantage aux d6pens des legendes ou des bourdes que d6bitent les guides qu'ils 
rencontrent'^; toutefois I'auteur des Discours viatiques ne parait pas douter d'avoir 
vu k Pise "les cendres du p6re de Julles C6sar"'^ et notre voyageur de 1606 parait 
avoir pris pr^s de Mod^ne pour argent comptant (p. 54) la 16gende du tableau de 
Pietro da Coreggio pour lequel a 6t6 refus6e une offre fabuleuse, et ceci en depit 
de la mise en garde de Villamont: "Dans toutes les villes, il y a toujours quelque 
tableau dont un voyageur a voulu donner autant de pistoles qu'il en pourrait tenir 
dessus; de ce tableau on a voulu donner son pesant d'or: c'est toujours la meme 
histoire." {Voyages, 230a). Mais souventilsusent des resources stylistiques of fertes 
par les indefinis pour exprimer leur defiance devant des assertions qui leur paraissent 
suspectes: "on nous montra", "on nous asseura", "aucims disent"; "les autres ...'"''. 
De ce gout pour I'experience, pour le regard critique, pour la pratique de ce que 
Montaigne venait d'appeler r"art de conferer" {Essais, III, 8), I'anonyme auteur 
du voyage de 1606 founiit une heureuse expression speculaire quand, k Bologne, 
il cel^bre sur le mode lyrique la sup6riorite des academies qui s'y multiplient sur 
les connaissances "apprises et pratiquees scholastiquement (qu'on appelle a la 
pedantesque et aux escoUes" (p. 57). On pent considerer qu'^ cette date se 
rencontrent, eparpilles sans doute, tons les elements pour un discours de la methode 
du voyageur, auquel concourent guides et recits quand ils lui proposent des voies 
qui tracent aussi pour lui les chemins de la connaissance. 



(p. 62) et celui du Voyage d'Italie(1606) 

1 1 . Discours viatiques, p. 55 et 56, exploitant Leandro Alberti. 

12. Ils soupQonnent vite les limites de leur savoir. De sonmaitre, le secretaire de Montaigne 
ecrit: "de vivre a la merci d'un belitre de guide, U y sentait une grande incommodite" (Journal 
de voyage, p. 114). 

13. Elles lui sont montrees "en un coing du Dome, dedans ung vaze sur une colonne" (p. 
84 et n. 242) par un guide autodidacte et illettre... II est vrai que, selon Pline (VII, 181), 
le pere de Cesar etait mort a Pise et que Pflaumem (Mercurius Italicus, 1625) evoquera 
lui aussi cette "particuUarite". 

14. A noter que les miracles echappent generalement a cette inquisition critique. Sauf, bien 
sur, Chez les libertins et les reformes: J. -J. Bouchard, devant la liquefaction du sang de saint 
Janvier a Naples (Voyages, ed. E. Kanceff, p. 199-202 et 435-436), avant Addison, 1722 
("C'est un tour le plus grossier que j'aie jamais vu"). 



94 Michel Bideaux 

L'alt6rit6 italienne 6chappe d'autant moins k nos voyageurs qu'ils disposent 
d6j^, k leur entr6e dans la p^ninsule, d'amples informations sur un pays dont ils 
parlent g6n6ralement la langue et que courent depuis quelque temps sur le compte 
de leurs voisins d'innombrables lieux communs, verites d' Evidence distordues par 
le pr6jug6 ou par les antipathies politiques et religieuses. Disceraer les composantes 
de cette alt6rit6 conduirait ainsi k des d6veloppements, sur les realia et sur les images 
nationales, qui exc6deraient le cadre de cette 6tude'^ En revanche, le s6jour en 
Italie permet au Frangais de la fin du XVF si^cle d'affirmer au contact de cet Autre 
sa perception de sa propre identite, et de multiples mani^res. Quelques exemples 
seulement. 

"Arrigo Beyle milanese": I'exp^rience des annees vdcues en Italie, le travail 
du souvenir, la repugnance que lui inspirait la France des restaurations bourbonnienne 
et louis-philipparde avaient amen6 Stendhal ^ proclamer ce changement d'identit6. 
"Michel de Montaigne, romano"? Personne n'oserait le soutenir, pas meme lui, 
en d6pit de I'attraction exerc6e par la Ville et de la bulle de citoyennet6 qu'elle 
lui a accord6e par privilege. Qui avait 6t6 t^moin des bouleversements et des 
recompositions qui venaient d'affecter 1' Europe, et qui profitait de la banalisation 
du passage en Italie, par les routes nouvelles du Mont-Cenis et du Simplon pouvait 
bien se sentir chez lui k Milan plutot qu'^ Grenoble ou k Paris. II n'en allait pas 
de meme au XVF si^cle, quand tout voyage est aussi une expedition, quand toute 
frontidre franchie rappelle de mille fagons au voyageur qu'il a cess6 d'etre chez 
lui. 

Libre aux philosophes Lery ou Montaigne de rever sur 1 'existence cannibale, 
voure k un Europ^en de partir pour I'Amerique et de s'y "ensauvager" effectivement 
en adoptant le mode de vie indigene. La distance infinie entre les deux civilisations, 
la rupture representee par le depart, I'obligation meme de survivre en un milieu 
radicalement different peuvent conduire k chercher le salut dans de nouveaux 
comportements. Mais quand le Frangais du XVP siecle s'engage en Italie, il entre 
dans un pays fratemellement different et proche k la fois, dont les vicissitudes de 
I'histoire contemporaine ont fait un module culturel, une proie convoitee, unallie 
versatile en ses diverses composantes. Tout lui rappelle ainsi son identite nationale. 

Et d'abord des servitudes administratives doubiees de tracasseries. A Ferrare, 
note Montaigne, "^ toutes les portes des chambres de rhotellerie, il y a ecrit: 
Ricordati della bolletta" (p. 171-172): la fameuse "bollette" garantissant que le 
visiteur ne provient pas d'un lieu oii la peste a ete signaiee. Sans doute I'app 
rehension devant la contagion est egalement partagee, mais les etrangers font, comme 
il se doit, I'attention d'une surveillance plus suspicieuse. L'auteur des Discours 



15. Sur I'image des Italiens en France a la fin du XVP siecle, consulter la these recente 
de J. Balsamo, Les rencontres des Muses: italianisme et anti-italianisme dans les lettres 
frangaises de la fin du XVr siecle (Geneve, Slatkine, 1992). 



Le Voyage d'ltalie, instrument de la connaissance de soi 95 

viatiques 6voque, en prose et en vers, la "miserable quarantaine" qui attend ceux 
qui ne seraient pas pourvus d'un irr6prochable document et se f^licite d'y avoir 
echapp6 grace aux "bonnes bulks" dont il 6tait pourvu: "Nous feusmes exemptz 
de ce delay, pour la seuret6 de noz bulles, et nous furent confirmees par le 
commissaire k ce depput6 de son Altesse, qui confessa n'en avoir oncques veu de 
mieulx faites." (p. 49). 

Quand bien meme leur perfection atteint k cette dimension esthetique, les bulles 
ne dispensent pas pour autant de devoir acquitter diverses taxes de police et la 
paronomase dont use le meme auteur pour 6voquer le "general des bailleurs de 
beuvettes dit de bullettes" traduit 61oquemment la contagion metonymique qui, dans 
I'ordre du r6el, conduit du document sanitaire au laisser-passer accorde contre argent. 
Plus difficile done au voyageur etranger d'oublier son origine quand il doit affi'onter 
un fonctionnaire "friand" de ses ecus, qui use de tout son pouvoir pour le faire 
demeurer 1^ et "pigliar un teston". Une incommodite multipliee par le morcellement 
politique de I'ltalie, ainsi que s'en plaint le voyageur de 1606 k son entree dans 
le Milanais: 

Les gardes, encor qu'elles nous creussent au premier mot disants que nous n'avions 
aucune chose en nos valises qui deut douane, ne laisserent pas d'avoir une couple 
de reales de courtoisie passee en ordinaire et toumee en coustume aux estrangers; 
par toute I'ltalie on peut s'eschaper a toutes entrees et issues de villes avec subside 
qu'ilz appellent ben andata, miz sus par le charlatanisme et importunite". (p. 44) 

A son entree dans les 6tats pontificaux, pres de Bologne, il lui faudra encore 
passer "par les impudentes mains des gabeleurs, cette sorte de larrons impunys" 
k qui il doit "jetter I'os a la gorge k cause de Tincivilite de leur abord." (p. 54) 

La troisi^me epreuve, elle aussi passablement attendue, confirmatrice d'identite 
nationale, se vit k I'heure du change: elle suscite moins de recriminations, peut-etre 
parce qu'elle parait plus legitime et qu'elle n'est I'oeuvre que de personnes privees. 
Plus ais6e k surmonter 6galement: il suffit, declare I'anonyme de 1606, de se munir 
de doublons d'Espagne, qui ont cours partout, et de discuter ferme sur les prix 
reclames et les prestations foumies: pour un touriste, c'est "matiere de breviaire". 

C'est le lot, dira-t-on, de tout visiteur etranger. Mais le Frangais, si curieux 
soit-il de moeurs peregrines ou si d6sireux de quitter quelque temps un quotidien 
d6cevant, trouve ais6ment sur le sol italien de quoi lui rappeler les fortunes diverses 
de sa nation qui, dans la premiere moiti6 du si^cle, y conduisit tant d'expMitions 
militaires. A Pavie, Montaigne fait un d6tour "pour voir la plaine ou Ton dit que 
I'armee du roi Frangois I" fiit defaite" , mais surtout pour y admirer "la Chartreuse, 
qui passe avec raison pour une tr^s belle 6glise" (p. 361). Rien sur Marignan, oil 
il couche cependant le 24 octobre 1581 , ni sur Fomoue, ou il avait dormi la veille, 
et ou il n'est question que des m6comptes du visiteur avec ses botes. Feinte 
indifference ou confirmation du desir de prendre du champ vis-^-vis des choses 
de France? Ses contemporains paraissent beaucoup plus int^resses: si I'auteur du 



96 Michel Bideaux 

voyage de 1606 ne dit rien de Pavie, qui est pourtant sur sa route, il cel^bre Fonioue 
et Charles VIII "combatant tres valeureusement de sa persone contre toutes les forces 
d'ltalie assemblies pour lui empescher le passage" (p. 52) et "Marignan, ville titr6e 
de marquisat, mais plus encore de la bataille gagn6e par le grand Roy Frangois 
sur les Suisses" et medite sur Tissue du conflit, s'interroge: "Dois-je plaindre la 
France d'avoir fait perte d'une telle piece?" II impute la perte aux inconsequences 
de la politique de sa nation, se demande s'il serait bien sage de recommencer 
I'aventure et r6v^le en conclusion le prix le plus amer de la d6faite des siens: 
"seuleraent que I'Espagnol nostre eimemy ne le tint pas, il me suffiroit" (p. 51). 
L'auteur dts Discours viatiques ne se satisfait pas de cette pes6e politique et confSre 
k son Evocation de Milan une coloration plus affective, en s'adressant ^ son pr^sumd 
narrataire: 

Amy, sy tu fais oncques le voiage, je t'adverty de monter aussy hault que nous -- 
y feusmes, affin que tu voies la citadelle et dessuz et dessoubz, des plus fortes 
que tu as jamais veue, et en la voyant ne retiens tes larmes pour une telle perte 
que nous avons faicte, et sy c'est peche que de desirer, peche en desirant le 
recouvrement d'une sy belle et grande ville. (p. 57) 

A Pavie, il s'arrete devant "les sepulchres d'aulcuns notables seigneurs qui 
... estoient mortz au service de sa Majesty Chrestieime" et traduit une dpitaphe ^ 
leur m6moire'^. 

D'evidence, pour les uns et les autres, la blessure est trop grave et trop r6cente 
pour pouvoir etre oubli^e tout k fait: de crainte d'essuyer un refus des Espagnols'^, 
le jeune noble de 1606 renonce ^ demander ^ visiter le chateau Sforza, qui 
commande la possession de Milan, et s'excuse aupr^s de ses lecteurs avec le 
proverbe: "Ce que coeur ne voit, coeur ne decrit" (p. 49). 

Hormis ces hauts lieux ou s'est joue le destin de la presqence frangaise en Italic, 
tant d'autres sites sont 1^ pour rappeler au visiteur le statut de sa nation et de ses 
repr6sentants. Si les Espagnols se montrent assez courtois ^ Naples (Discours 
viatiques, p. 110-111), ils n'en interdisent pas moins I'acc^s k Gaetta: "le roy 
d'Espaigne y fait faire une garde fort exacte et n'y entrent gueres d'estrangiers" 
(Voyage de Provence et d'ltalie, p. 78). L'auteur des Discours viatiques confirme 
une prohibition si enti^re (p. 88) que les visiteurs de 1606 se contenteront de voir 
"Gaiette k trois milles" (Voyage d'ltalie, p. 77) et que lui-raeme avait du, de plus 



16. Curieusement, evoquant Richard, due de Suffolk, mort au service de Francois I", il 
omet I'epithete de "tyran" que le texte latin appliquait a Henri VIII et, en compensation, 
a propos de l'auteur de I'epitaphe, Charles Parker, qu'Elizabeth avait expulse d'Angleterre, 
affuble la reine d'un "inique" al^sent de 1' original (p. 64). 

17. Visitant Milan en 1600, le due de Rohan avait du se declarer Lorrain pour obtenir de 
le visiter: "comme Francois, il est tres difficile et presque impossible de la voir, a cause 
que les Espagnols craignent plus ce nom qu'ils ne I'ayment" (Voyage . . . faict en I 'an J 600, 
Amsterdam, 1646, p. 42). 



Le Voyage d 'Italie, instrument de la connaissance de soi 97 

, essuyer des affronts: "nous trouvasmes une compagnie d'Espagnolz qui s'en alloient 
^ Gaiette, desquelz nous receunies beaucoup d'indignit6s de paroUes, nous appellans 
Luteriens et aultres injures" {Discours viatiques, p. 88). 

II n'est gu^re qu'une seule vilie ou s'abolissent les identit6s nationales, ou ne 
s'escomptent point les ressentiments accumul6s par les guerres d'ltalie: Rome, patria 
comunis, "ville metropolitaine de toutes les nations Chrestiennes" (Montaigne, Essais 
, III, 9, p. 997). Tous nos visiteurs s'y trouvent chez eux en raison d'une double 
appartenance: leur foi chr6tienne et leur statut d'h^ritiers de la romanit^. C'est 
k ce sentiment profond, autant qu'^ la curiosit6 16gitime de d^couvrir enfin une 
ville incomparable qu'il faut rapporter leur impatience d'arriver k Rome, autant 
que r^motion qui les 6treint lorsqu'ils la d6couvrent. Montaigne, bien sur, qui, 
pour y arriver plus tot, se leva "trois heures avant le jour, tant il avait envie de 
voir le pav6 de Rome" (p. 187). Mais aussi I'auteur des Discours viatiques qui, 
'"pour y arriver plustost", quitte Sienne et brule les 6tapes en une haletante 
chevauch6e touristico-narrative'^ etcelui du Voyage d'ltalie (1606) qui laisse libre 
cours k son enthousiasme quand il decouvre "la fameuse Rome": "Qui est celuy 
qui ne tressaillit de joye et ne rende graces k Dieu, se voyant k chef d'un grand 
voyage arrive au desire lieu ou il vouloit parvenir?" (p. 72) 

Mais c'est Montaigne qui, involontairement sans doute, revile I'impossibilite 
pour le Frangais d'oublier en Italie son identite nationale. Meme k Rome, ou il 
pourrait se fondre dans la masse des citoyens de la double Ville, antique et 
chr^tienne, il lui faut rencontrer partout des t6moins de ses origines: le secretaire 
vient k peine de narrer I'arrivde ou ils sont bien log6s et dont son maitre dira tout 
k I'heure qu'elle "lui representait plus Paris que nulle autre ou il eut jamais 6t6", 
qu'il en d6couvre la premiere tare: M. de Montaigne se fachait d'y trouver si grand 
nombre de Frangais qu'il ne trouvait en la rue quasi personne qui ne le saluat en 
sa langue" (p. 189). Une "incommodit6" qui egale Rome k Padoue (p. 160) et 
lui interdit de satisfaire pleinement la soif de nouveaute qu'il confiera bientot aux 
Essais: "Je peregrine trds saoul de nos fagons, non pour chercher des Gascons en 
Sicile, j'en ai assez laisse au logis; je cherche des Grecs, plutot, et des Persans". 
(Ill, 9: p. 986) Comment peut-on ne pas etre Frangais? Ou, surtout? A Cracovie, 
peut-etre, "s'il eut 6te seul avec les siens" (Journal de voyage, p. 153). Cette 
hypothdse du secretaire, alors que Montaigne vient d'entrer en Italie et se dispose. 



18. Elle vaut d'etre citee: "Le 22 novembre, "nous partismes de Sienne pour suivre notre 
chemin de Rome, d'ou, pour y arriver plus tost, les sieurs de la Vofve et Vandancourt 
coururent la poste, avec lesquelz nous, passe Lusignano, Bon Couvent, disne a Coueris, 
souppe a la Faille, le jour d'apres disne a Sainct Laurens, passe en poste avec les sieurs 
du Fresnoy et Le Febvre Dourcello, veu son lacq long de douze mil, couru le long de 
Montefiascon jusques a Viterbe, la couche, et le jeudy matin, veu ses fontaines, passe le 
mont difficile, disne a [ ] et souppe a Baccan, ou ma ceinture fut perdue et notre chambre 
fort mouillee de la pluye et du vent qui dura toute nuict, enfm nous arrivasmes a Rome" 
(p. 85). 



98 Michel BiDEAUX 

apr^s tant d'autres, k prendre la route de Rome, qu'il desirait d'autant moins voir 
que les autres lieux, qu'elle dtait connue d'unchacun" (p. 154), eclaire sur le statut 
trds particulier du voyage en Italie aux temps modemes. Comme tout autre voyage, 
sans doute, ils satisfait un app6tit raisonnable de nouveaut6 et contribue, conmie 
il lui est demand^ de le faire, par la legon et I'exemple des p6dagogues du temps, 
k la formation morale et intellectuelle. Mais en meme temps il est vecu sur le mode 
du ressourcement, du p^lerinage, de la confirmation, dans I'acception quasi 
sacramentelle de ce terme: la perception et la prise en charge, par un individu 
desormais autonome, d'une identity culturelle non choisie, conf6r6e par la naissance 
et I'education. Dans ces ann6es ou Montaigne, s6joumant en Italie, s'irrite de voir 
qu'il est "bonnettd" comme Frangais — et ne pent s'empecher de reconnaitre qu'il 
Test — , en depit de la distance qu'il souhaitait prendre avec son pays'^ s'impose, 
grace aux traces litt6raires de I'aventure brdsilienne de la France, la d6couverte 
de moeurs radicalement "estranges", de "fagons de vivres merveilleusement distantes 
de la notre". Et I'auteur des Essais caresse une reverie cannibale, cependant que 
L6ry, vingt ans aprds son retour, s'enchante encore au souvenir des rythmes et des 
coutumes des Tupinamba dont il partagea I'existence. L'ltalie ne saurait ouvrir au 
concept de la difference. EUe r6pond tout k fait k la fonction que Claudel assignera 
a I'eglise de Rome: catholique, elle reunit^^ k la double enseigne de VUrbs et 
de la Papaut6, des singularit6s nationales qu'elle tente d'accorder dans un jeu 
complexe d'6quilibre des pouvoirs. Une et diverse: ainsi le veut I'iddal de la Contre- 
R6forme et 1 'affirmation contemporaine d'une anthropologic sensible k la "diversite 
des habits", de temperaments nationaux, voire "d'antipatliies" explicables par la 
theorie des climats", en ses multiples versions. 



Si I'approche praxeologique ouvre avant tout, pour le voyageur frangais en 
Italie, sur une confirmation de sa propre identit6, si elle ne lui r6v^le pas d' autre 
alterit6 que celle de ce voisin proche par la culture, k la fois admir6 et jalouse, on 
pent s'attendre k ce qu'elle ne d6bouche pas sur un bouleversement axiologique. 
Et c'est bien ce qui advient. 

Franchir les monts ne foumit pas k Montaigne, Villamont et aux autres, 
I'occasion de ces remises en cause qu'imposait, depuis un si^cle, le spectacle, par 
exemple, de ralt6rit6 am^rindienne. Aucune de ces sommations k 1' introspection 
culturelle que repr6sentaient le spectacle de la nudit6 ou de I'anthropophagie rituelle. 



19. Dans les jugements portes par Montaigne au cours de son voyage, se melait, selon le 
secretaire, "un peu de passion du mepris de son pays, qu'il avail a haine et a contrecoeur 
pour autres considerations" (p. 1 14). L'auteur des Essais sera plus explicite en 1588, quand 
il evoquera sa "disconvenance aux moeurs presentes de notre etat" et les "demembrements 
de la France et divisions ou nous sommes tombes." (Ill, 9) 

20. Soulier de satin. Ill, 1. 



Le Voyage d 'Italic, instrument de la connaissance de soi 99 

et auxquelles Montaigne lui-meme avait r6pondu sans reticence, dans les deux 
chapitres "Des Cannibales" et "Des coches". Pas meme les interrogations moins 
radicales, mais inconfortables tout de meme, auxquelles conviaient les relations 
de voyage dans I'empire ottoman, quand elles r6velaient dans I'lnfid^le s6culairement 
d6test6 et combattu, des vertus de tolerance et de charit6, I'existence d'une police 
civile ^ laquelle n'atteignaient qu'imparfaitement les Etats les plus modemes de 
I'occident chrdtien. Seuls les pol6mistes r6form6s pouvaient assurer qu'un honnete 
luth6rien ou anglican revenait d'ltalie "diavolo incamato", ou que "cheval ni homme 
/ ne s'amende d'aller ^ Rome" (H. Estienne). Pour I'essentiel, le voyageur frangais 
rentrait chez lui plus convaincu de la v6rit6 de sa foi (catholique ou non, d'ailleurs), 
plus assurd de son identit6 nationale. A peine avait-il abandonn6 au passage quelques 
unes des id6es regues les plus paresseuses qui couraient sur le compte de ces Italiens 
dontil avait, aucontraire, appr6ci6 en general I'affabilite envers les etrangers, I'art 
de vivre, cette civilit6 que lui pronaient Castiglione ou Guazzo. 

Est-ce k dire qu'il rentrait chez lui n'ayant, ^ I'exemple futur des Emigres de 
la contre-R6volution, rien oubii6 et rien appris? Ce n'est pas tout ^ fait exact. II 
a voyag6, non contraint par les 6v6nements, mais de son propre chef; il a accompli 
le programme de formation qu'il s'6tait fix6; comptons ici pour rien le plaisir procure 
par son ex6cution. Mais les principaux enseignements que lui aura apportes ce 
voyage sont de I'ordre de la confirmation, de I'affinement d'un savoir preexistant. 

Au point, parfois, de ne pas se donner la peine de le consigner. Qu'a bien 
pu apprendre, sur le sujet de la foi, 1' Italic de la Contre-R6forme ^ certains de ces 
voyageurs que Ton devine catholiques intransigeants, suspects meme de fid61ites 
ou d'accointances ligueuses? L'anonyme voyageur de Provence et d'ltalie (1588- 
1589) refuse de decrire Rome. Certes, des guides y pourvoient: mais n'est-ce pas 
aussi parce que sa foi ne s'en est trouv6e ni chang6e ni approfondie? II est attentif 
^ la diversity des costumes, qu'il d6couvre, et ne nous laisse rien ignorer de leur 
bigarrure. Mais il ne nous livre aucun commentaire moral et, s'il decrit avec 
precision la suite pontificale dans certaines ceremonies, evite de nous entretenir 
de la personne du chef de la chr6tient6. Pour notre bonheur, Montaigne sera moins 
reticent a le faire et ne cachera pas I'admiration qu'il vous k un pape grand batisseur 
et sage administrateur ... tout en reservant aux Essais sa reprobation devant la 
r6forme du calendrier entreprise par le meme Gr^goire XIII. Le statut des juifs, 
generalement tol6r6 dans la p6ninsule, a frappe des voyageurs appartenant k un 
royaume qui les a chasses depuis longtemps, mais ^ titre de curiosite, et sans que 
I'observation d6bouche surune interrogation plusprofonde; il est toutefois 16gitime 
de penser que I'int^ret porte par Montaigne ^ leur presence et ^ leurs ceremonies 
correspond k une perception plus fine du statut qui leur est fait dans I'occident 
chr6tien. 

Une Italic plus c6remonieuse que d6votieuse, des 6glises ou se donnent des 
rendez-vous, ou Ton bavarde pendant les offices: tout cela est bien connu, mais 
note comme en passant, signe parmi d'autres de superficialite, sans que soit jamais 



100 Michel Bideaux 

posee la question de la conciliation du paganisme renaissant et de la devotion contre- 
reform6e. Toutefois, Villamont voitbienl'intdretargunientatif quepresente Notre- 
Dame de Lorette pour les controverses qui agitent alors la Chr^tiente: "Que diray 
je plus de ce sainct et admirable lieu (sinon qu'il s'y faict chaque jour des miracles 
quasi incroyables) et principalement k eux qui se devoyans de I'Eglise, ne croyent 
I'intercession des saincts, et de la Vierge sacree: lesquels s'ils avoient visit6 ce sainct 
lieu, k I'adventure changeroient ils d'opinion, quelque coeur obstine qu'ils aient" 
(73a). 

Une authentique spiritualite tridentine affleure parfois sous une plume inattendue: 
celle de cet anonyme auteur de 1606, qui voyage pour son plaisir en compagnie 
de jeunes gens de sa condition, qui est sujet aux etourderies ou aux fanfaronnades 
de son age, mais que certains spectacles eveillent a de plus graves consid6rations: 
la vue des corps "non encore du tout degel6s" qu'il observe k la chapelle des Transis, 
en franchissant le Mont-Cenis (p. 39) lui est "image de la mort et miroir de nostre 
cheftivite humaine": memento mori que ne lui fera oublier qu'en partie la descente 
echevel6e du col, ou il decouvrira avec humility les risques inconsid6r6s pris en 
cette occasion. C'est encore lui qui, rendu k Milan, se livrera k un vif 61oge du 
cardinal Borrom^e, que toute la ville r6v6re: "Voila conmaent les amys de Dieu 
sont exaltes, sa haute majest6 se complaisant d'estre louee et beniste en ses saincts. " 
(46) Un 61oge qui est loin d'etre de circonstance puisque c'est k propos de I'Hotel- 
Dieu que le cardinal avait fait batir k Milan que notre jeune auteur se lance dans 
un hymne k la charity un peu ampoule peut-etre, mais dont la sincerit6 ne parait 
pas douteuse. Plus loin, les nombreuses inscriptions qu'il rencontre sur la via Appia 
lui inspirent ce conmientaire: 

Je ne sgay pourquoy les anciens eslisoient ainsy leurs sepultures sur les chemins, 
si ce n'est par vanite et desir affecte de renommee et conservation de la memoire 
de leur nom. S'ilz avoient este chrestiens, je ne m'en esbahirois pas tant, car on 
pourroit croire que 9'auroit este afin d'emporter une priere et souhait chrestien 
de bon repos, ou bien pour doner avis aux vivants et les faire ressouvenir qu'ilz 
ne sont que viateurs en ce monde, n'ayants a se reposer sinon en la mort en laquelle 
est le repos appelle Patria; mais que ... nous allons toute nostre vie a la mort, 
esperants de revenir en vie pour resusciter en estat bien-heureux. (p. 77) 

On ne trouve pas de semblables accents chez les voyageurs frangais contempo- 
rains. Est-ce k dire pourtant que la rencontre de la vertu chr6tienne de charit6 telle 
que I'exprimaient certaines institutions italiennes n'a eveille aucun echo chez eux? 
La r6ponse n'est pas assur^e, et il faut en rendre responsable le satut incertain de 
ces textes dont on ne sait trrop s'ils etaient destines k la publication ou s'ils 
constituaient de simples carnets de route, en vue d'une r661aboration ult6rieure, 
k des fins domestiques ou publiques. A d6faut de commentaires axiologiques 
explicites, I'int^ret porte par le voyageur k ces institutions est r6velateur: si notre 
anonyme de 1606 consacre une bonne vingtaine de lignes k d6crire le fonctionnement 
du mont-de pi6te de Naples, qu'il juge "admirable", confirmant en cela le regard 



Le Voyage d Italic, instrument de la connaissance de soi 101 

qu'il avait port6 sur I'Hotel-Dieu de Milan, le m6me espace est accord^ par 
I'anonyme qui visite Boulogne en 1589 (p. 99-100) aux quatre "Monti di pietil" 
institu6s en cette ville "pour le soulagement des pauvres": "occasion, estime-t-il, 
pourquoy il se trouve fort peu de pauvres, nonobstant que la ville soit grande et 
peupl6e": cette conclusion vaut bien une 6pith^te laudative, semble-t-il. Ajoutons 
que de telles observations invitent k nuancer fortement le reproche de superficialit6 
qui est fait par les voyageurs, frangais, notamment, aux pratiques religieuses de 
ritalie. 

La meme gravitd transparait dans les commentaires inspires par le spectacle 
de la vie politique de la p6ninsule. Mais il est rare qu'elle s'6panouisse en discours 
suivis: une discretion que peuvent expliquer la prudence politique et des 6gards 
diplomatiques pour des 6tats amis regis par des families alli6es k la monarchic 
frangaise. L'auteur du Voyage de Provence et d'ltalie, qui visite Venise au 
printemps de 1589 6voque longuement (p. 105-108) les institutions de la R6publique 
dont il souligne, en I'exagerant sans doute, la quality democratique: une aspiration 
6galitaire que Ton pent rapporter, avec prudence, aux sympathies ligueuses d'un 
femiher des Guises. Mais plus generalement, ce qui retient I'attention des voyageurs, 
c'est le crepuscule des libertes communales en Italic. Un pareil interet permettrait 
peut-etre de taxer d'inconsequence les fiddles sujets d' une monarchic frangaise qui, 
en depit des troubles civils et religieux, evolue resolument vers I'absolutisme. Ce 
serait oublier que sur la mine de ces democraties locales s'installent des principats 
oil predomine 1' influence du rival espagnol et que nos voyageurs ont regu une culture 
humaniste qui exaltait les vertus r6publicaines des citds antiques. Si, de passage 
k Sienne, I'anonyme voyageur de 1606 se contente de noter que la ville est "rengee 
k present et assujettie de bon gre k Florence qui la domine doucement" (p. 70), 
avant d'evoquer la resistance tenace des "anciennes families" de Pise, Montaigne, 
tout en confirmant cette moderation du pouvoir florentin, 6voque k Sieime "les 
ancieimes marques et devise de cette ville, qui sonnent partout Libert6" (Journal 
de voyage, p. 184). Mais en d6pit de cette sympathie perceptible pour les valeurs 
vaincues, il ne sera pas dupe du ceremonial derisoire auquel recourent les Lucquois 
quand ilscel6brent des institutions r6publicaines d6sormais videes de leur contenu. 
L'anonyme visiteurde 1589estime, lui, qu'il "y a grande difference" entre Sienne, 
oij Ton voit "escrit Libertas" sur les portes de la ville et des palais, mais qui paie 
tribut k Florence, et Lucques, dispensee de toute redevance k I'dtranger. (Voyage 
de Provence et d'ltalie, p. 57). Cette demifere est pour lui "republicque et en la 
protection de roy Philippe" (p. 55): affirmation depourvue de commentaire et qui, 
dans sa candeur, permet de prendre mesure de ce que vaut cette libert6-l^. Au total, 
des observations eparses mais qui convergent neanmoins vers une irrecusable 
conclusion: I'ltalie de la fin du XVP si^cle vit k I'heure espagnole. Une raison 
suffisante pour que le Frangais ne se sente pas tout k fait k domicile chez le voisin 
transalpin, qu'il y 6prouve mieux la realite de son etre national et de ce qui le 
distingue du rival encombrant. 



102 Michel Bideaux 

Face k tant d' observations recuites, k des visites qui ne donnent lieu qu'cl des 
transcriptions oiseuses, les analyses consacr6es par nos voyageurs k une meilleure 
connaissance de 1 'autre et de soi-meme paraitront peut-etre Idgdres de substance. 
Ce serait oublier que ce si^cle, apr^s avoir dispos6 tous les termes de 1 'addition, 
n'est pas toujours soucieux de tirer la somme, que Montaigne lui-meme n'est pas 
Montesquieu. Perdre de vue aussi les modes d'6nonciation de la plupart de ces 
r6cits: camets de notes plutot que textes achev6s, narrations abr6g6es par une 
circonstance impr6vue (1' Election de Montaigne k la mairie de Bordeaux) ou 
abandonn6es pour une raison qui nous 6chappe. 

S'ils nous paraissent si souvent se r6p6ter; c'est, bien sur, parce qu'ils portent 
sur le meme objet, mais c'est, bien davantage, parce que les voies de connaissance 
qu'ils pr6conisent conduisent k une perception globalisante de cet objet. Montaigne, 
lui-meme, malgr6 son penchant pour les parcours k "sauts et gambades", pour les 
"gaillardes escapades, ne s'6carte pas sensiblement des itineraires majeurs et se 
trouve amend, quoi qu'il en ait, k mettre ses pas dans ceux de ses devanciers. "Je 
sais bien ce que je fuy, mais non pas ce que je cerche": cette autre formule illustre 
de Fart de voyager de Montaigne (Essais, III, 9, p. 972), en revanche, situe mieux 
son originalit6, du moins dans son propos. Alors que ses contemporains sont en 
quete d'une Italic si d6sir6e et d6j^ passablement connue d'eux, quand enfin ils ont 
accompli le p61erinage, c'est de leur sp6cificit6 nationale qu'ils ont pris une plus 
juste mesure: sur les fragments de I'oecum^ne humaniste 6clat6 on d6veloppe le 
sentiment d'une appartenance nationale qui paraissait appel6e k se dissoudre sur 
les routes de 1' Italic. 

JJniversite Paul-Valery, Montpellier 



Eugene TeSelle 



Looking for Home: 

Travel As Metaphor in Augustine 



Wandering, homecoming, exile, journey are pervasive metaphors in Augustine's 
writings. He did not romanticize them. He did not even say much about his actual 
journeys. Travel, by either land or sea, was usually an uncomfortable necessity 
in his day, undertaken not for its own sake but to arrive at the destination.' It 
could encompass the activities of kidnappers and slave-traders, as we learn from 
one of the recently discovered letters of Augustine.^ Precisely because of its 
discomforts and hazards travel was a source of readily understood metaphors. They 
are integral to the presentation of his own journey in the Confessions and elsewhere. 
But they also belong to his understanding of the Christian life. And they are 
fundamental to his theory of finite being in all its modalities. Let us consider these 
in sequence. 

I. Augustine's Journey 

For Augustine and his world the term "conversion" was primarily positive, a 
turning toward, and specifically toward God. It was a turning toward something 
worth having, a "supreme value" we would say today, which promised to be the 
source of happiness. Thus a self-reference was also involved— there was something 
in it for oneself, too.^ It was like finding a home, or coming into port, or getting 



1 . See Othmar Perler, Les voyages de saint Augustin (Paris: Etudes Augustiniennes, 1969), 
pp. 25-115, for the kinds of routes, means of transport, weather conditions and times of 
year, dangers, and accommodations along the way— and Augustine's use of various details 
as metaphors, especially in his sermons. 

2. Ep. 10* in the collection newly edited by Divjak(CSEL 88). The following abbreviations 
of the works of Augustine are used in this article: C. Ac: Contra Academicos (CC 29); 
De b.v.: De beata vita (CC 29); De cat. rud.: De catechizandis rudibus (CC 46); De civ. 
Dei: De civitate Dei (CC 47-48); Conf : Confessiones (CC 27); De Gen. c. Man. : De Genesi 
contra Manichaeos (PL 34); De ord.: De ordine (CC 29); De Trin.: De Trinitate (CC 50- 
50A); De mor.: De moribus (PL 32); De ver. rel.: De vera religione (CC 32); En. Ps.: 
Enarrationes in Psalmos (CC 38-40); Ep.: Epistolae (CSEL 34, 44, 57, 58, 88); In lo. ev.: 
In lohannis evangelium (CC 36); Serm.: Sermones (PL 38-39); Serm. Den.: Sermones a 
M. Denis editi (MA 1); Sol.: Soliloquiae (CSEL 89). 

3. "We all desire happiness," he said, following Cicero. And happiness must mean having 
what is worth having, and being secure about one's situation {De mor. I, iii, 4). See Harald 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



104 Eugene TeSelle 

to one's true country. But his voyage toward the haven of "philosophy" (De b. 
V. i, 1; C. Ac. II, i, 1) or "wisdom" (C. Ac. II, ii, 2) was a confused one. There 
were, as R. A. Markus says, "other ports of call" along the way."* 

In reflecting on the various ways in which people move toward the haven, 
Augustine comments that some sail tranquilly toward it; some wander far from the 
shoreline and are blown off course but then find the way once again. But there 
is a third kind of voyage, and Augustine classifies himself here, among those who 
remember their homeland, who know very well about it, are not blown off course 
by violent storms, but still delay, because they have been gazing at the stars, 
wandering in the mists, hearing the enticements of sirens {De b. v. i, 2).^ 

How, then, did he get back on course? The story is told in two short narra- 
tives written a few months after what we call the conversion (De b. v. i, 4-6; C. 
Ac. II, ii, 5), and at much greater length eleven years later in the Confessions. 
Several major factors appear in succession. In his nineteenth year, Augustine 
says, he read Cicero's Hortensius and was aroused to the life of philosophy, which, 
as we know, means the quest for wisdom. This, he suggests, is the moment when 
he stood up straight— became autonomous, the modem world would put it— and 
stopped bending his neck to the yoke of authority.^ Throughout his career 
Augustine will evoke the restless and indeterminate quest of the human spirit, traced 
so well by Blondel and a host of twentieth-century Catholic philosophers: a quest 
that is restless— but indeterminate, able to rest on any object.^ 

Convinced that he should follow the path of reason, he turned away from the 
authoritarianism of the Catholic Church of North Africa.^ He fell in with the 



Hagendahl, Augustine and the Latin Classics (Goteborg: Acta Universitatis Gothoburgensis, 
1867), pp. 486-97. 

4. R.A. Markus, Conversion and Disenchantment in Augustine's Spiritual Career, Saint 
Augustine Lecture 1984 (Villanova: Villanova University Press, 1989), p. 6. 

5. Travel metaphores and geographical allusions abound in a poem addressed to Augustine 
by his pupil Licentius, who was associated with Augustine in the months following his 
conversion. The most recent scholarly discussion is Danuta Shanzer, "'Arcanus Varronis 
iter': Licentius's Verse Epistle to Augustine," Revue des etudes augustiniennes , xxxvii 
(1991), 110-143. 

6. Robert J. O'Connell, S.J., "On Augustine's 'First Conversion': Factus Erectior (De Beata 
Vita 4)," Augustinian Studies 17 (1986) 15-29 highlights this phrase in Augustine's 
autobiographical account. O'Connell shows that the term is used in a positive way, as 
representing a step forward, for it has resonances with Psalm 144:14 and with the parable 
of the Prodigal Son. 

7. In the famous passage at the beginning of the Confessions, we must emphasize the 
statement "Our hearts are restless," then the conclusion, "until they rest in you." It is never 
self-evident that "You have made us for yourself." Similarly he talks about "loving love, 
seeking something to love" {Conf. Ill, i, 1); if there was a desire for God, it would be only 
implicit. 

8. He speaks of superstitio in several autobiographical passages (De b. v. i, 4; De util. cred. 



Travel As Metaphor in Augustine 105 

Manichaeans, who claimed to base their religion on reason rather than authority. 
Eventually he was led to question this metaphysics (more accurately, this myth 
masquerading as science) under the influence of the Academics, who questioned 
all claims to certain knowledge and thought of life as a series of ventures in which 
we must act on the basis of probability. First excessive expectations, then a 
sobering. These are predictable features of the quest for wisdom. 

Like Aeneas fleeing Dido, Augustine left his mother in Carthage and sailed 
to Rome.^ After a year he went to Milan— recommended by Symmachus, the last 
great champion of Roman paganism {Conf. V, xiii, 23). Thus he lent himself to 
the resistance to Catholic Christianity, even as it was being given the weight of 
law by the emperor Theodosius. Physically he had been traveling north; now he 
looked north figuratively, too. In Milan, he says, he began to learn about a more 
credible guide, a Big Dipper which would point to the Polestar {De b.v. i, 4). Soon 
after the events he emphasizes three things: conversations with the bishop Ambrose, 
reading some "books of the Platonists," and reading the apostle Paul {De b.v. i, 
4). This sequence corresponds roughly with books VI, VII, and VIII of the Confes- 
sions. The process took some time. Let us look at the major stages. 

1. Acknowledging Authority. Augustine speaks of having been imbued with 
the Christian religion from infancy (C. Ac. II, ii, 5). He often mentions his 
disappointment that, in the writings of the philosophers, the name of Christ is not 
mentioned {Conf. Ill, iv, 8; VII, ix, 13-15). On arriving in Milan he paid a 
courtesy call to Ambrose, the bishop who had just been engaged in controversy 
with Symmachus, and Ambrose, he says, "received me like a father" {Conf. V, 
xiii, 23). He enrolled as a catechumen, having decided to adhere to Christianity 
unless or until something better appeared. 

We may consider these reliable autobiographical statements, for there is no 
reason for him to falsify the matter. He is acknowledging an arbitrary influence 
upon himself, sheer conditioning by his environment. And yet he turns it to 
advantage. He recognized, he says, the role of authority— OMCtonYas, which in 
Cicero meant relying on the word of those who had prior possession of the truth 
and knew better than oneself. 

But this by itself was not enough. It would have been a surrender to authority, 
good enough for simple believers but not for someone who had become inflamed 
with the philosophic quest. Authority and belief may be the way, but the goal is 
to possess truth through reason. Now another decisive factor enters the picture. 



i, 2). While the suggestion has given offense to some readers, he is probably referring to 
Catholic Christianity. Relevant passages are discussed in James O'Donnell's Confessions 
(Oxford: Clarendon, 1992), II, 175-77. 

9. The parallels with the Aeneid are discussed in O'Donovan, II, 307-8. 



106 Eugene TeSelle 

Augustine read what he calls "a few books of the Platonists," and these certainly 
included several treatises from Plotinus' Enneads. 

2. The Books of the Platonists. To the scandal of many, the French scholar 
Alfaric commented that Augustine was converted not to Christianity but to 
Platonism.'° Others, alarmed at this dramatic statement, have tried to rephrase 
it: perhaps he was converted to Christianity under Platonist auspices— and, 
conversely, to Platonism under Christian auspices." We know, in any case, that 
there was a "circle" of Platonists in Milan, and even Ambrose's sermons in this 
very year of 386 were pervaded with Platonist themes. It might be most accurate 
to say that Augustine was converted first to Platonism, and then (some months or 
weeks later) to Christianity. The Christianity with which he grew up had been 
intellectually inadequate, driving him into a long detour; now he comes to see 
Christianity in a new light, thanks to the Platonism which he acquires along with 
it. 

But how? In the Confessions he evokes his experience on reading these "books 
of the Platonists" {Conf. VII, x, 16; xvii, 23; xx, 26). Perhaps misreading 
Plotinus, he expected a vision or contemplation which would give happiness or 
beatitude, not in a momentary or intermittent way, not under conditions beyond 
earthly life, but, if all went as it should, on an everyday basis, a "life in happiness" 
because one's consciousness would contantly be bathed in the divine light. What 
he hoped for was not ecstasy; Mandouze has coined the more accurate term "en- 
stasy."'^ This "life in happiness" would be both contemplative and active at 
once— an expectation that he would be "at home" within himself and dwell there 
witli God. There is a parallel in Meister Eckhart's bold declaration that the highest 
life is represented not by Mary, who relaxed in contemplation, but by Martha, 
whose care for many things is approved as long as she remembers the "one thing 
necessary," God and constant unity with God, even in the midst of activity. It is 
a noble aspiration— but for security and stability, not adventure and uncertainty. 

Augustine would remain convinced, throughout his lifetime, that the Platonist 
philosophers had glimpsed the goal and gained a fairly accurate perspective on it, 
though Biblical revelation is needed to correct them at some points. The difficulty 
is that the philosophers are not able to get there {Conf. VII, xxi, 27; De Trin. IV, 



10. Prosper Alfaric, L'Evolution iniellectuelle de saint Augustin. I. [the only volume 
printed] Du manicheisme au neoplantonisme (Paris: E. Nourry, 1918), p. 399. 

11. The counter-attack was mounted by Charles Boyer, S.J., Christianisme et neoplatonisme 
dans la formation de saint Augustin (Paris: Beauchesne, 1920), and the controversy is 
summarized by Pierre Courcelle, Recherches sur les Confessions de saint Augustin (Paris: 
De Boccard, 1968), pp. 7-12. 

12. Andre Mandouze, Saint Augustin. L 'Aventure de la raison et de la grace (Paris: Etudes 
Augustiniennes, 1968), pp. 690 ff. 



Travel As Metaphor in Augustine 107 

xvi, 21 - xvii, 23; In Ev. lo. 2, 2-4; De civ. Dei VIII, 10). That seems to have 
been his own experience at the time. "I babbled like an expert, " he says in looking 
back (Conf. VII, xx, 26). He thought of himself as part of a spiritual elite, one 
of those who have been seized by the quest for truth and must carry through with 
it (De ord. I, viii, 24; Sol. 1, xiii, 23). But somehow— probably through failure 
to achieve a steady vision of the divine— he gained humility. "I learned the 
difference," he says, "between presumption and confession" (Conf. VII, xx, 26). 
What he had achieved was only a glimpsing, not a dwelling; but, as Evelyn 
Underbill paraphrases it, "The mystic need is for a Home, not for a Vision."'^ 
How was he to "raise anchor" and sail into the haven (De b. v. i, 4)? 

3. Getting Under Way. Augustine could have entered the church as an average 
Christian, through what A.D. Nock has termed "adhesion" rather than "conver- 
sion,""'' as many people were doing. That was all the more reason to become 
a Christian not conventionally but heroically; if he delayed it was precisely because 
of the heavy demands which he placed on himself.'** He would lead the celibate 
life— an ideal in which two traditions converged. The single, undistracted state 
was honored not only by fourtli-century Christians but by philosophers as well. 
Augustine and his friends had already talked about living together in a life of 
contemplation, and the communities which he later established (first on the family 
farm in Tagaste in 388, then in the bishop's residence in Hippo) were heavily 
influenced by the philosophic tradition (C. Ac. II, ii, 4; Sol. I, xii, 20; Conf. VI, 
xiv, 24). And yet he also used the language of the monastic movement, which 
characterized itself as "divine servitude" (servire Deo). It was a flowing together 
of the two streams, and the result was different from either one of them in 
isolation. 

A few years later it was through the monastic life that Augustine, against his 
intentions, stumbled into the clergy. He had avoided any place that was without 
a bishop, but when he came to Hippo Regius, whose bishop was aging, he was 
recognized and was forcibly detained to become a presbyter and bishop-designate. 
He would have preferred contemplation; now he assumes different responsibili- 
ties—to our benefit, for his public becomes much broader than the educated 
intellectuals for whom he had been writing, his interests more varied, his language 
more to the point. 



1 3 . Evelyn Underhill , The Mystic V/ay: A Psychological Study in Christian Origins H-ondon: 
J.M. Dent & Sons, 1913), p. 301, paraphrasing Confessiones VII, xx, 26. 

14. A. D. Nock, Conversion: The Old and the New in Religion from Alexander the Great 
to Augustine of Hippo (Oxford: Oxford University Press, 1933), pp. 6-7. 

15. The point is made with special force by Mandouze, p. 176. '. 



108 Eugene TeSelle 

And so, by the time Augustine writes an account of himself in the Confessions 
eleven years later, tliere have been many discontinuities. '* There was discontinuity 
with his past. He was now a bishop, with new responsibilities. The Empire itself 
had undergone the political crisis of the 390s, the last pagan uprising, staged as 
a battle of the gods, and crushed under what seemed miraculous circumstances by 
Theodosius in the battle of the Frigidus. Pagan morale collapsed. SoonTheodosius 
and his sons will ban sacrifices, smash idols, and convert temples into churches.'^ 

Thus Augustine, only eleven years later, is living in a different world and 
playing a different role. The Confessions do not merely narrate his past but 
contend with it, offering better and wiser interpretations, debating with himself and 
refuting himself just as he refuted his opponents in more public debates— and, in 
the process, instructing and exhorting others by leading them through his own self- 
criticism. 

There was also discontinuity with his present, even with liis own abilities. He 
was now in his early forties, the time of "midlife crisis" when people begin to sense 
their finitude, ask whether they are fulfilling their expectations of themselves, and 
perhaps accept their limitations with tranquility. As a result of his renewed study 
of Paul, Augustine came to a fresh appreciation of the bondage of the will, inward 
conflict, and the need for grace. "I labored in behalf of the free choice of the 
human will," he recalled about these years, "but the grace of God prevailed."'^ 
More and more, it seemed, he had to acknowledge human frailties— against the 
Donatists, who thought they could create a pure church; against the Pelagians, who 
thought tliat a sinless life was possible; against "Christian times" themselves, when 
the sack of Rome made it clear that even the Christian establishment was no 
guarantee of peace and happiness. 

There was even discontinuity with the future, the hoped-for fulfillment. The 
vision of God, which Augustine had expected to achieve any day through intellec- 
tual exercise and disciplining his affections, is now deferred. He begins to say that 
one comes home, gains beatitude and rest, merely in spe but not yet in re.'^ He 



16. The notion of discontinuity is emphasized— not, of course, for the first or last time— by 
R.A. Markus, Conversion and Disenchantment and The End of Ancient Christianity 
(Cambridge and New York: Cambridge Univ. Press, 1990), pp. 28-36, 50. 

17. These events and their impact on Augustine are discussed in R. A. Markus, The End 
of Ancient Christianity, pp. 112-123. There is an especially important series of articles, 
surveying and analyzing this entire "transition period," in // Cristianesirno nella storia 
(1990), republished (and translated into Italian) in L 'intoUeranza cristiana nei confronti dei 
pagani, a cura di Pier Franco Beatrice (Bologna: Ed. Dehoniane, 1993). 

18. Retr. II, 1 , referring to De div. q. ad Simpl. , I, q. 2, where he adopts a predestinarian 
position on the basis of Romans 9:10-29. 

19. The formulaic use of this contrast begins to appear about 398-400 in Conf X, xx, 29 
(the moment of discovery?), C. Fau. XI, 7-8 and XII, 1, C. litt. Petil. II, vii, 14 and III, 



Travel As Metaphor in Augustine 109 

begins to talk about being in via, on the way toward a goal that has not yet been 
reached. 

We have come some distance from the "early Augustine." There has been 
a sobering— perhaps, Peter Brown suggests, because he "could not withstand the 
terrific weight of his own expectations."'" With it comes a broadening of 
perspective— a recognition that he is not basking in the divine light but is only on 
the way and will reach it only under very different conditions. Augustine gives 
us permission, in other words, to have second and third thoughts about conversion 
narratives, in the confidence that they may come to be interpreted more fully as 
time discloses more adequately what is involved in the way that was chosen. He 
invited his readers to engage in further examination, asking only that they display 
the same spirit of inquiry, of comprehensiveness, and of readiness to re-learn that 
he demanded of himself. 

n. The Christian Journey 

We may be struck by the richness of experience in the Confessions. But the 
journey is not self-explanatory. Augustine sets it within a wider framework— the 
cosmos, human history, God's purposes for both of them. But of course there must 
be a pattern of interpretation, and the one that is most recurrent is that of wandering 
and homecoming. 

There are some obvious ways in which it was a homecoming— to the faith of 
his mother Monica, which he had fled; to North Africa, which he had left and to 
which he then returned under quite different auspices; perhaps also to the irascible 
mamier of his father Patricius, whom he had not liked much; certainly to God, 
who, he discovered, was always present even when his own attention was dispersed 
among the things of the world. 

But was it also a homecoming in a more cosmic sense? Robert O'Coimell has 
spent his career demonstrating that the Platonist theme of the preexistence of the 
soul had more of a place in Augustine's thought than we would like to suppose. 
I am not so sure that Augustine affirmed preexistence; but he did give it credence 
as one of the possible theories of the origin of the soul, indeed, the most proba- 
ble.^' He was more firmly convinced that the soul is set between God as pure 



V, 27, and De bapl. I, iv, 5. 

20. Peter Brown, Augustine of Hippo: A Biography (Berkeley and Los Angeles: University 
of California Press, 1967), p. 147. 

21 . Augustine's practice is to list four classic theories explaining how the soul gets into the 
body: propagation from one generation to another, separate creation of each by God, sending 
of the soul into the body by divine will, and spontaneous movement of the soul into this 
particular body and destiny {De lib. arh. Ill, xxi, 62; Ep. 143, 6; Ep. 166, 7), or, more 
schematically (reversing the order of the first two), "either God, or nature, or necessity, 



no Eugene TeSelle 

Being, in whom alone one finds true happiness, and the world of changing matter, 
in which the soul is dispersed and loses all coherence. The problem, then, was 
how to be restored to a life— perhaps an actual life, perhaps only a possibili- 
ty—from which one has somehow drifted away. 

Augustine understands his own wandering and homecoming on the model of 
the Prodigal Son, allegorized with imagery drawn from Plotinus' Enneads (I, vi, 
6-8). His journey to the far country is not with horses, carriages, or ships, not 
with visible wings or churning knees, but with misdirected desire {Conf. I, xviii, 
28), just as his return is not travel in space, not with ship or chariot or feet, but 
with an act of will {Conf. VIII, viii, 19). Augustine's was a "hierarchical" 
universe, with degrees of being everywhere— in the heavenly bodies, among living 
things, in the political world— and these, when properly understood, functioned 
as "steps" by which to ascend, stage by stage. ^^ The external world with its 
degrees is a sign and reminder, then, of a different journey, turning from outward 
things to one's inner self, and then rising toward God {Conf. VII, xvii, 23; IX, 
X, 25; X, vi, 9; In lo. ev. 20, 12; En. Ps. 41, 7). 

Long before he abandoned the hypothesis of preexistence, Augustine abandoned 
his excessive expectations for the present; he deferred them to the future, saying 
that fulfillment is now possessed only in spe but not yet in re. As a bishop, 
furthermore, he found himself becoming much more social in his thinking. He 
began to speak of the "two cities" constituted by two different loves (either of God 
or of finite things), and he saw them stretching throughout human history, begin- 
ning with Cain and Abel. 

Human beings who should have moved toward the heavenly city are now bom 
citizens of the earthly city, in the lineage of Cain; but some are reborn citizens of 
Jerusalem, the city of God celebrated in the Psalms. The so-called "Psalms of 
Ascent" (Pss. 1 19-133 in the Greek and Latin numbering) are allegorized to evoke 
an ascent to the heavenly Jerusalem. And Augustine follows Paul (Gal 4:25-26) 
in understanding the earthly city as a sign of the Jerusalem above. But where Paul 
emphasized the difference, Augustine adds continuity. The earthly Jerusalem, the 
people of Israel in its cultic assembly, points in both directions: as part of the 



or our own will" (De b. v. i, 1). In his discussion of these theories he imphes that the 
sequence is in ascending order, from the less to the more probable. The question of the 
origin of the embodied soul became a matter of more intense discussion after 415, and in 
417 he seems to have rejected the theory of personal preexistence for a vaguer theory of 
the sin of all "in Adam." See Robert J. O'Connell, S.J., The Origin of the Soul in St. 
Augustine's Later Works (New York: Fordham University Press, 1987), pp. 179-200, 300- 
319. 

22. For a convenient summary see Suzanne Poque, Le langage symbolique dans la 
predication d'Augustind'Hippone. Images heroiques (Paris: Etudes Augustiniennes, 1984), 
pp. 311-23. 



Travel As Metaphor in Augustine 111 

earthly city, with its own earthly "presence, " it is temporal, destined to pass away; 
but it is called to be a "figure" of the heavenly Jerusalem, toward which the elect 
are traveling (De civ. Dei XV, 2). 

These citizens of the heavenly Jerusalem now dwell in the midst of the earthly 
city SiS peregrini— not pilgrims in the later sense, but resident foreigners, the gerim 
of ancient Israel, the -KapoiKot, of the Greek cities, free persons who nonetheless 
were not citizens because they did not have property or belong to one of the official 
clans or share in the civic cult or have places in the theater. They also constituted 
the poor and most vulnerable portion of the cities, facing exclusion or expulsion 
during food shortages. ^^ The connotations are negative, relieved only by the 
hospitality or tolerance of those among whom the foreigner dwells. 

For Augustine the negative connotations of "peregrinus" are pervasive. He uses 
the term in referring to foreign languages or peoples. In writing letters to fellow 
bishops who are away from their homes, the salutation reads "coepiscopo peregri- 
no." Early in his intellectual development he uses the metaphor of dwelling in a 
strange land to refer to the soul, wandering on earth, away from its tranquil home 
with God (De an. quan, xxxi, 63). 

The semantic field of biblical terms (in the Vetus Latina, of course) was even 
stronger. It referred to the people of Israel during their servitude in Egypt (Gen 
11:32), or to the homeless stranger who is to be given shelter. The term also 
referred to the Gentiles, "alienati a societate Israel et peregrini testamentorum et 
promissionis" (Eph 2: 12)— a situation reversed by Christ, who preached peace to 
those who were far away as well as those who were near, so that the Gentile 
Christians are no longer "peregrini et inquilini" but "cives sanctorum et domestici 
Dei" (Eph 2:19). But they have changed their citizenship; in becoming fellow 
citizeas with the saints and members of the household of God, they become 
strangers in this world. 

Augustine's favorite text, which he paraphrases at least eighty times, is Paul's 
statement (II Cor 5:6-7), "quamdiu sumus in corpore peregrinamur a Domino; per 
fidem enim ambulamus, non per speciem." All the essential points are there. 

1. It is sojourning away from ("a," "de") God, Christ, the heavenly city, die 
vision of God, often reinforced by suggestions of separation ("inde," "unde") or 
distance ("longe," "a longinquo"). This is true not only of individuals but of the 
peregrina ciuitas, the city of God— more precisely, that portion of it which wanders 
on earth, away from its true home. 

2. It is sojourning in the body, or in the world, as in strange territory, quite 
different from what one who is suffering and struggling hopes for. A person who 
enjoys living in a foreign country does not love the homeland. If one loves the 



23. BemhardKotting, PeregrinatioReligiosa. WallfahrleninderAntikeunddasPilgerwesen 
in der alien Kirche (Miinster: Regensberg, 1950), pp. 7-11. 



112 Eugene TeSelle 

homeland, life in a foreign country will be bitter; one will not find security; and 
every day will be tribulation (En. Ps. 85, 11 and 16). It is travel as travail. 

3. Despite these negative overtones, Augustine avoids using certain terms to 
describe the situation of the wanderer or exile. "Exile" suggested banishment. 
"Alien" and "alienation" applied to what belongs to another or is hostile; to alienate 
property was to make it another's, so that is no longer one's own. These terms, 
then, suggest either contradiction (alienation from God and salvation, or from one's 
authentic being [De Trin. XI, v, 9]) or difference in kind (e.g., the Manichaean 
"good" and "evil" principles). The peregrinus, by contrast, sojourns in a country 
whose "difference" from the city of God is neither an exile nor a difference in kind 
nor a direct opposition to that proper destiny. For example, in a concluding a long 
chapter on Cain, the ancestor of us all and the founder of the earthly city, Augus- 
tine says that fleshly desires are to be "healed as our own, not rejected as alien" 
(De civ. Dei XV, 7). The "far country" in which we sojourn, in other words, does 
not exclude the possibility of rebirth; yet it is full of temptations to evil. Alienation 
occurs through our own consent to temptation— when, through our own decision, 
we depart from God. Then the consequence of alienation is exile. Thus we must 
translate peregrinus with "stranger," "foreigner," "sojourner," "traveler," but not 
"alien" or "exile." We may chart tlie terms as follows: 

Location 
Personal Proprium Peregrinatio 

Relationship Alienum Exs ilium 

4. Because one is in a foreign but not an alien setting, there can be the positive 
movement of walking by faith, and all of life can become the vehicle by which to 
reach the goal. God is distant, to be sure, from those who are in exile, and yet 
has also prepared a way (En. Ps. 66, 5).^'* The way is Christ, more precisely, 
his humanity, which is the way to his divinity: through Christ, to Christ. 

[The Word] became man so that one who is God might be the man, the mediator 
between men and God (I Tim 2:5), and reconcile those who were far away, and 
join those who were separate, and call back the alienated, and lead back the 
sojourners (En. Ps. 100, 3). 



24. Augustine usually speaks of the way that definitely leads to the goal as a via, while an 
iter is more neutral, needing to be qualified as good or bad, erratic or fatiguing. He does 
not use the word "itinerarium," although it was beginning to be used during the fourth 
century. He does use "viator," but still metaphorically, not yet as a technical term for the 
ChhsticLn peregrinus . The theme of "la patrie bienheureuse et la voie pour y parvenir" is 
summarized in Olivier du Roy, L' Intelligence de lafoien la Trinite selon saint Augustin. 
Genese de sa theologie trinilaire jusqu'en 391 (Paris: Etudes Augustiniennes, 1966), pp. 
96-106. 



Travel As Metaphor in Augustine 113 

Walk through the man, and come to God. You go through him, you go to him. 
... I do not say, "Seek the way." The way itself has come to you. Rise and walk 
{Serm. 141, 4). 

If the way is lacking or unknown, what good is it to know the goal? There is only 
one way, guarded against all errors, when the same one is both God and man. 
Where you go is God, the way you go is the man [quo itur Deus, qua itur homo] 
(De civ. Dei XI, 2). 

The walking begins witli faith and is completed by love, caritas, poured into human 
hearts by the Holy Spirit (Rom 5:5). The gift of the Spirit is an arrha, a "down 
payment" or "earnest" (II Cor 1:22, 5:5), already the beginning of what is 
sought." 

What did Christ promise? Eternal life, as an earnest of which he gave the Holy 
Spirit. Eternal hfe is possessed by those who already dwell there; the earnest 
consoles those who are stUl away from home. ... We already have the earnest; 
but we thirst for the fountain from which it flows (Serm. 378). 

Because it is a beginning, even to be a viator is to have a certain kind of "perfec- 
tion. " 

There is perfection and perfection. One can be perfect in traveling but not yet 
be perfect in arriving. The perfect traveler starts well, walks well, holds to the 
way, but, while stUl a traveler, does not yet arrive at the goal. And yet the 
traveler who walks, and walks on the way, is walking somewhere, trying to arrive 
at some destination (Serm. Den. 18,2-3). 

There are other complexities. In walking a "way," one wills many things; but 
some of them are willed for the sake of other things which are sought for their own 
sake. Therefore Augustine says in a striking passage: 

the joining of these right acts of willing constitutes, as it were, a path (iler) for 
those who are ascending toward beatitude, a path traveled by definite steps. ... 
Blessed are those who, by their acts and their character, sing the Songs of Ascent 
(De Trin. XI, vi, 10). 



25. The Phoenician and Hebrew word (arrabon) was taken into Greek (appa^dv) and then 
into Latin (usually arrha), and via Old French has become transformed into the English word 
"earnest." At one point in a sermon delivered in Carthage (Serm. 23, 8-9) Augustine 
comments that those in the congregation who have understood the difference between a 
"pledge" (pignus), which is returned when the promise is fulfilled, and an "earnest" (arrha), 
which is part of the fulfillment, are explaining it to the others— not surprising in a commer- 
cial city with Phoenician roots! While we are mentioning commercial metaphors, Augustine 
spoke of ahnsgiving as transferring one's treasures to heaven (Mt 6:19-21), and the poor 
as the porters (laturarii, a vernacular rather than literary term) who carry it to a different 
bank and enable one to "migrate" to a new home (Serm. 18, 4; 25A, 4; 38, 9; 60, 8; 107A, 
2; 114A, 4). 



114 Eugene TeSelle 

The point is made with a bit more philosophical rigor in an earlier passage {De 
ver. rel. lii, 101 - Hi, 103): curiosity seeks knowledge, pride seeks power (or ease 
of acting), desire seeks rest; but all of these are fulfilled in God, and what they 
most love in this life can be perfected only after this life. 

Even when the journey is under way, with awareness of the goal and the 
beginning of what is sought, it is beset with hazards. Journeys can be by land or 
by sea, and in Augustine's imagery the land journey seems safer and more secure; 
it is on solid ground, after all, and himian agency is involved, although the 
achievement is "not of the one who wills, or the one who runs, but of God's 
mercy" (Rom 9: 16), a walking "not after the flesh but after the Spirit" (Rom 8:4). 
A sea journey, by contrast, connotes danger and insecurity. In one passage 
Augustine suggests that all who dwell in this world are travelers tossed by waves 
and storms, and Christians are different only in wanting to remm to the homeland 
and sailing in the ship of the church, which, while storm-tossed, is the only way 
of salvation, with sailors who have abandoned human means and pour out their 
voices to God (Serm. 75, 4). It is only by the "wood of the cross" (usually lignum 
crucis) that the church is kept from being submerged in stormy seas, and even then 
by a narrow margin and with great difficulty (Conf. I, xvi, 25; In lo. Ev tr. 2, 2-4; 
De cat. rud. xix, 32; Serm. 75, 2; Serm. 252, 2). The sea is a dangerous place, 
described this way in a classic passage {En. Ps. 64, 9): 

The sea is a figure of this age, bitter with salt, tossed by gales, where, by their 
perverse and depraved desires , people have become like fish devouring each other. 
Look at this evil sea, this bitter sea raging with waves; see the kind of people with 
which it is filled. Who wants an inheritance without the death of another? Who 
wants gain without another's loss? How many seek to climb through the fall of 
others! How many want others to sell their goods so that they may buy them! 
How they oppress each other and devour those they can! And when a bigger fish 
has devoured a smaller one, it is devoured by a still larger one. 

Augustine speaks of the "waves of temptation" which beat upon him from childhood 
on {Conf. I, xi, 18), the "torrent of custom" which sweeps the children of Eve into 
the vast sea {Conf. I, xvi, 25), the "bitter sea" of humanity {Conf. XIII, xvii, 20) 
tossing with conflicting desires. 

Even the journey by land is beset with difficulties. Perhaps one can see the 
homeland in the distance, from a wooded hilltop, but not see the way and be 
confronted by sinister beasts {Conf. VII, xxi, 27)— is this the source of the opening 
canto of Dante's Commedial Because of the power of evil one must be led there, 
like the Magi, "by another way" {De Trin. IV, xii, 15) which cannot be blocked 
by the powers of evil— is this the source of Dante's "altro viaggio," the way of 
Inferno and Purgatorio and Paradiso? 

Despite the strength of their conviction about the goal and the way that leads 
to it, Christians still understood thtir peregrinatio as "sojourning," not yet as 



Travel As Metaphor in Augustine 115 

"pilgrimage" in the medieval and modern sense. To be sure, they were beginning 
to make journeys to Jerusalem and other holy places,^* and io\m<\mg xenodocheia 
for the assistance of travelers and the poor." But Augustine was uninfluenced 
by these first beginnings of "pilgrimage." In North Africa the Christians looked 
more like liminal outsiders. They celebrated the martyrs on their "birth days"— the 
days of their leaving earth for heaven— at their tombs, made more impressive 
during the fourth cenmry with basilicas which could hold large crowds. ^^ No 
wonder Julian the Apostate ridiculed the "Galilaeans" for deserting the celestial 
deities and worshiping corpses and relics {Ep. 52 [114] to the Bostrians). The 
Christian community gathered en masse at the tombs of the martyrs, a different 
locale than the cathedral; on these occasions they were especially reminded of the 
transiency of life, and their social differences were left behind in the city.^^ But 
there was not yet anything like a religious procession to these places, since it would 
have looked too much like the pagan pompa which Christians had renounced at 
baptism.^ 

In "liminal" rituals, as Turner describes them, the conventional "structure" 
of society is negated in the "anti-structure" of communitas , breaking free, in a 
socially approved way, from the differentiations and inequalities of everyday life.^' 
This communitas fills several different roles: it makes the usual inequalities bearable 
by giving occasional opportunities for status reversal; it makes "structure" serve 
the common good by reminding those who have power and privilege that they are 
not essentially different from the others and that they have responsibilities for alP^; 
it even creates new demands, for communitas itself may be institutionalized in 



26. Kotting, Peregrinatio Religiosa, pp. 80ff.; Marcel Simon, "Les pelerinages dans 
I'antiquite chretienne," Les pelerinages de I'antiquite biblique et classique a I 'Occident 
medievale (Paris: Geuthner, 1973), pp. 97-115; E. D. Hunt, Holy Land Pilgrimage in the 
Later Roman Empire AD 3 1 2-460 (Oxford: Clarendon, 1982); Pierre Maraval, L/^ia5a/n/5 
et pelerinages d 'Orient. Histoire et geographic des origines d la conquete arabe (Paris: 
Editions du Cerf, 1985); Robert L. Wilken, The Land Called Holy: Palestine in Christian 
History and Thought (New Haven and London: Yale University Press, 1992), pp. 101-25. 

27. Kotting, pp. 376ff. 

28. The customs of the time, and Augustine's attitudes to them, are summarized in Fredrik 
van der Meer, Augustine the Bishop, transl. by Brian Battershaw and G. R. Lamb (London 
and New York: Sheed and Ward, 1961), pp. 471-526. 

29. Peter Brown, The Cult of the Saints: Its Rise and Function in Latin Christianity 
(Chicago: University of Chicago Press, 1981), p. 42. 

30. Kotting, Peregrinatio religiosa, pp. 386-88. 

31. Victor Turner, The Ritual Process: Structure and Anti-Structure (Chicago: Aldine 
Publishers, 1969), pp. 106-11. 

32. V. Turner, The Ritual Process, pp. 102-105, 177-78. 



116 Eugene TeSelle 

highly ritualized ways.^^ The Christian Church in Augustine's day played all these 
roles. It had begun as an exception to, a rebellion against, the religion and culture 
and even the politics of the Roman Empire. It exhorted high officials to see their 
office as a responsibility. But it also offered a new set of ritualized practices 
which, even while pointing above themselves, could seem to many to be just as 
conventional and oppressive as the old ones. 

But a difference remained. The city of God, Augustine pointed out, is founded 
upon faith; Rome, the earthly city par excellence, was first founded and only later 
gave divine honors to Romulus {De civ. Dei XXII, 6). This may explain why the 
pagans were fighting a losing battle against Christianity. Frangois Paschoud notes 
that the traditional rituals of the civic cult must be performed by officials and be 
publicly financed, for their whole purpose was to guarantee the health of the state; 
Christianity, however, had grown without state support, had a self-sustaining life 
of its own, and could live with a "secular state. "^ It taught people to transcend 
their earthly community, looking not only above it to a God who was not a function 
of the earthly city, but within themselves to a new freedom that enabled them to 
dissent from its religious practices and become peregrini, and below it to the poor, 
the other group of peregrini who also became part of the entourage of the Christian 
bishops. ^"^ 

III. The Ontological Journey 

We have been looking at the Christian journey, the way which leads to fulfillment. 
But Augustine knew that it is possible to lose the way, even to lose orientation or 
any sense of the goal. As a moralist, then, he must inquire into the causes of 
wandering away, and he finds them in the multiplicity of /w^^ej— sensory, 
intellectual, culmral— that encounter human beings and the conflicting impulses that 
arise within tliem. As a philosopher he must go even farther and inquire into the 
very nature of finite existence, for it is the presupposition, the condition of 
possibility, for the bad as well as the good things that can happen in the journey 
of life. As a consequence he develops what we might call a metaphysics of travel. 
Augustine understood not only corporeal but spiritual things to be intrinsically 
formless, changeable, fluid— to be, in a word, rooted in "matter," awaiting 
formation by God.^^ 



33. V. Turner. The Ritual Process, pp. 137-38. 

34. Francois Paschoud, "L 'Intolerance chreteienne vue et jugee par les paiens," // cristiane- 
simo nella storia, 11 (1990), pp. 554, 565, 574; reprinted in L'intolleranza cristiana, pp. 
161, 174, 185. 

35. Peter Brown, Power and Persuasion in Late Antiquity: Towards a Christian Empire 
(Madison: University of Wisconsin Press, 1992), pp. 91-103. 

36. The metaphor of soul as "matter" is found in Plotinus (Enneades V, i, 7; V, ix, 4), 



Travel As Metaphor in Augustine 1 17 

The "fluidity" of finite spirit has at least three basic connotations: (1) indeter- 
minacy as life "of some sort," characterized only by its "wavering liquidity "^^; 
{2) potentiality , the capacity for something better, since it is "not yet" what it can 
become; and (3) corruptibility, whose lack (its darkness and fluidity) begins only 
a descriptive difference, a "non-culpable darkness" (De civ. Dei XI, 20), but may 
also issue in acts of evil. 

Thus finite being— let us use the term "existence," since already in Augustine 
existentia is set in contrast to God as esse or essentia— \s intrinsically unstable. 
The world "ex-sists" in its otherness from God; it has "being" in its returning 
toward God or being more like God. Thus existence is the principle of dispersive- 
ness and alterity, keeping things both alter, mutually other, and aliter, existing 
"otherwise" from one moment to another {Conf. VII, xx, 26). This is not tragic. 
If there is to be a world distinct from God it must exist differently than God. It 
has its own minimal degree of being and goodness— but only minimal; matter is 
a nihil aliquid, an est non est {Conf. XII, vi, 6); as Plato had said, it is "always 
becoming and never is" (Timaeus 28A). 

The Platonist tradition was fascinated with Plato's discussion (Politicus 269C- 
274D) of the possibility that the World Soul might spontaneously reverse its actions 
and the world, "storm-tossed," sink into the "infinite region of dissimilarity," 
except that the supreme God puts a hand to the tiller and restores the delicate 
balance of the cosmos. ^^ This is "cosmic anxiety" with a vengeance, a sense that 
there is contingency and fallibility at the very root of things, analogous to our 
contemporary anxiety that the planet as a whole is threatened with nuclear or 
ecological disaster, but with this difference: we ourselves have now become the 
unstable World Soul. It is not surprising, then, that the Platonists can describe 
the world as a storm-tossed sea, and Augustine follows the tradition. 

With all its insecurity, there is an aesthetic grandeur about the human situation. 
Augustine notes a characteristic of human behavior and of countless narratives, 



who ultimately got it from Aristotle, for whom sensory and intelligent life has no nature 
of its own but is susceptible of being formed by what it experiences (De anuria. III, 4-8 
[429a9-432al0]). This same understanding of soul as indeterminate life, not "essentially" 
good or bad but capable of both, is found in Origen (De principiis I, v, 3; III, iv, 2). I 
have traced Augustine's use of this motif in "Nature and Grace in Augustine's Expositions 
of Genesis I, 1-5," Recherches Augusliniennes V (1968), 95-137, and Augustine the 
Theologian (London: Burns & Gates, 1970), pp. 197-223. 

37. Augustine uses expressions like "quaUscumque vita" (Conf. XIII, iii, 4), or, more 
ambiguously, "vagabundadeliquia" (Conf. XIII, v, 6). "Deliquia" was rarely used by Latin 
writers. It had overtones of "flowing down," "deliquescence," and "delight" (deliquiae 
= deliciae); see the commentary on the Confessions by James J. O'Donnell, III, 351 for 
references to the scholarly discussion. 

38. I have explored this in "'Regio Dissimilitudinis' in the Christian Tradition and Its 
Context in Late Greek Philosophy," Augustinian Studies VI (1975), 153-179. 



118 Eugene TeSelle 

Biblical as well as secular: we rejoice more when there has been danger and loss 
than when things have remained stable and calm; we impose on others a period 
of testing lest they win the prize too cheaply; we even impose pain or privation 
on ourselves so that the pleasure at the end will be greater {Conf. VIII, iii, 6-7). 
We could go on to mention the lurid curiosity about violence and injury, the 
prurient interest in sex, which are so often criticized in the mass media and popular 
culture and yet are so successful in the marketplace. We are fascinated with the 
agonies, the temptations, the excesses of others, because we know that these are 
human possibilities; we wonder how we would react under similar circumstances, 
and we want to live them vicariously. At such moments Augustine adopts the Stoic 
view of evil: the tensions and reversals, the dark places along with the light, make 
finite life more "interesting," aesthetically more complex. 

The world in which we live is "interesting," too, filled with dangerous things. 
We are like visitors to a forge, he says, surrounded by unknown implements which 
can hurt us, and yet they are indispensable to the smith's work {De Gen. c. Man. 
1, xvi, 25-26); we complain about buzzing flies and crawling insects, when we 
should appreciate their intricacy and the balance of the ecosystem, entirely apart 
from our own convenience {De civ. XII, 4). In passages like these, Augustine 
begins to sound like the modem explorer, the natural scientist, the tourist who can 
take an interest in the journey and the colorful sights along the way. Does Pliny's 
Natural History tell about pygmies or dog-headed people or "shadow-footed" 
people? If they are descendants of Adam and Eve they are our brothers and sisters, 
and share the same possibility of salvation that Christians have {De civ. Dei XVI, 
8). Are there fantastic "life forms" like those that appear in the cantina scene in 
Star Warsl Augustine would say that they also share the same Creator and the 
same intellectual and spiritual possibilities as earthlings. 

He also makes a place for open-ended searcliing for the human good. As a 
philosopher he affirmed the dictum that "we all seek happiness. "^^ But we do 
not know in what happiness consists, and as a philosopher he goes through all the 
possibilities; somewhat facetiously he mentions that Varro found 288 permutations 
and combinations in views of the human good {De civ. Dei XIX, 1-4). Of course 
Augustine is convinced that true happiness is found only in the contemplation of 
God, for only there can we find that which is worth having, can be attained, and 
with security. But he acknowledged at least the theoretical possibility of alterna- 
tives.''" He also entertained the hypothesis that, even if one cannot attain the 
truth, one can be happy in seeking it (C. Ac. I, iii, 7). In the same spirit, modems 
have loved Lessing's statement. 



39. See n. 3, above. 

40. Most of these are explored in Gerard O'Daly , Augustine 's Philosophy of Mind (Berkeley 
and Los Angeles: University of California Press, 1987), pp. 163-64, 166-67, 181, 184. 



Travel As Metaphor in Augustine 119 

If God held in his right hand all truth, and in his left the always changing quest 
for truth, although with the proviso that I would always lose my way, and told 
me, "Choose!" I would fall humbly on the left, saying, "Father, give this one; 
the pure truth is for you alone!'"" 

Even if there were no hope of achieving happiness, we would prefer the pain of 
conflict rather than be dominated by vice {De civ. Dei XXI, 15). Or perhaps there 
is a diversity of highest goods, appropriate to different individuals; but even then 
there would be a shared wisdom, a shared insight into the diversity {De lib. arb. 
II, ix, 26-27). In moods like these, Augustine might agree with Aristotle and his 
modem commentators, who suggest that, "just as one swallow does not make a 
summer, " the good and happy life is one which is varied and balanced, self-chosen 
and self-executed."^ 

To him, of course, these are only theoretical possibilities, for he has abandoned 
this merely human wisdom and dedicated himself to God, on the principle that one 
finds one's life only by losing it. And yet he never forgets the temporality of 
everything, cosmic or human or angelic. Whatever stability is gained, even in 
contemplation of the unchanging God, it only "restrains" but does not cancel the 
intrinsic instability of the human spirit {Conf. XII, ix, 9), which remains temporal 
in its nature, rising above time only psychologically or existentially, no longer 
desiring something different in the future or regretting what it has lost to the past 
(Conf. XIII, xi, 12; xv, 19). 

Augustine could never have hoped, furthermore, for a perfectly satisfying state 
of affairs at the end of human history, for life would soon lose its interest and time 
would still go on. He would understand John Stuart Mill, who, at a time of 
despair, 

put the question directly to myself, "Suppose that all your objects in life were 
realized; that all the changes in institutions and opinions which you are looking 
forward to, could be completely effected at this very instant: would this be a great 



41. Gotthold Lessing, "Eine Duplik," in Werke (Munchen: Hanser, 1979), viii, 33. The 
Romantic and IdeaUst transformation of Platonist and Christian travel metaphors is discussed 
inM. H. Abrams, Natural Supernaturalism: Tradition and Revolution in Romantic Literature 
(New York: Norton, 1971), and in "Spiritual Travelers in Western Literature," in B. 
MagUocchetti and A. Verna, eds.. The Motif of the Journey in Nineteenth-Century Italian 
Literature (Gainesville: University of Florida Press, 1994), pp. 1-20. 

42. Aristotle, Eth. Nic. I, 7 (1098al7-1098b7). An influential modem essay, arguing in 
favor of an "inclusive" rather than a "dominant" end, isW. F. R. Hardie, "The Final Good 
in Aristotle's Ethics," Philosophy 40 (1965), 277-95, reprinted in Aristotle: A Collection 
of Critical Essays, ed. by J. M. E. Moravcsik (Notre Dame: University of Notre Dame 
Press, 1968), pp. 297-322. 



120 Eugene TeSelle 

joy and happiness to you?" And an irrepressible self-consciousness distinctly 
answered, "No!'"*' 

One had to be careful of this even in loving God. Origen suggested that the reason 
for the fall of finite spirits was exhaustion or satiation or boredom (kopoq) in 
contemplating God (De princ. II, ix, 2).'^ The modem world is convinced that 
it would indeed be boring. Kant liked to quote verses from Albrecht von Haller, 

... die Welt mit ihren Mangeln 

Is besser als das Heer von willenlosen Engein 

(The world with all its failings still 

Is better than a host of angels void of will)/^ 

But Origen already suggested an alternative: maintain the eagerness of loving desire 
(De princ. I, iii, 8; II, vi, 3-5; ix, 2; xi, 7). Gregory of Nyssa, in order to avoid 
any suggestion that God might be finite or the vision of God uninteresting, stressed 
what is still lacking, the "darkness" that remains even in the presence of divine 
light, and thus the need for infinite progress (Vita Moysis, ii, 219-255). Augustine 
similarly ends his long work on the Trinity by advising us to seek the incomprehen- 
sible, and to continue as long as we make progress in the inquiry, for "it is sought 
in order that it be found more sweetly, and found in order that it be sought more 
eagerly" (De Trin. XV, ii, 2). 

Augustine's age was a limited one, culturally and geographically; and bureau- 
cracy from within and barbarians from without were steadily narrowing its 
possibilities. And yet he knew the infinitude of the human spirit, restlessly moving 
forward and outward, looking within and outside and above itself for orientation 
and for fulfillment, hastening on, capable of change for the better— and for the 
worse. Despite the limitations of his world, and perhaps because of them, he 
encouraged his contemporaries not to be premature when they felt the thrill of 
discovery and fulfillment. In that same spirit he gave permission to later centu- 
ries—and to ourselves— to broaden our horizons and continue venturing forth. 

Vanderbilt University 



43. John Stuart Mill, Autobiography (London: Humphrey Milford, 1924), p. 113. 

44. Marguerite Harl, "Recherches sur rorigenisme d'Origene: la 'satiete' (Kopoq) de la 
contemplation comme motif de la chute des ames," Studio Patristica 8: Texte und Unter- 
suchungen, 93 (1966), 373-405, shows that this was not Origen's own view, and later 
accusations came in part from changes in the connotations of Kopoq. 

45. Albrecht von Haller, "Uber dem Ursprung des Ubels," II, 33-34, quoted in Kant's Die 
Religion innerhalb der Grenzen der blossen Vernunft and Die Metaphysilc der Sitten, in the 
"Akademie-Ausgabe," Immanuei Kant's Gesammelte Schriften, hrsg. vonderPreussischen 
Akademie der Wissenschaften (Berhn: Reimer, 1900-1955), VI, 65n. and 397n. The 
translation is from Religion Within the Limits of Reason Alone, transl. by Th. M. Greene 
and H. H. Hudson (New York: Harper & Brothers, 1960), p. 58n. 



Tom Conley 



Virtual Reality and the Isolario 



In 1485 the city of Venice witnessed the publication of Bartolomeo dalli Sonetti's 
Isolario, a portolan atlas that depicts the major islands of the Aegean sea. Forty-nine 
maps are placed on the recto side of pages that are accompanied, on the verso of 
the preceding sheets, of sonnets that depict the pertinent traits of every island. In 
the history of cartography the slim volume, of which only 46 copies are extant, 
marks a major turning point. Until then, scholars agree, the detailed depiction of 
shores and islands had been common to portolan charts, that is, to hand-drawn maps 
of the Mediterranean that had been used by navigators and sailors. These had been 
practical views of the sea and coastlines, that had been located both on ships and, 
too, in places destined to house rare and valuable objects. The portolan chart attested 
to the viability of maps for the practice of commerce and travel. 

Sonetti's Isolario departs from the tradition on at least two grounds. First, 
it is the first mechanically reproduced work of its kind, a work that copies 
manuscript-images of the Aegean archipelago as it had first been represented by 
Christoforo Buondelmonte 'm\\\s Liber insularum Archipelagic a manuscript dating 
to about 1520.' Second, the book sums up a crucial part of the tradition that it 
establishes. It shares much with concurrent reeditions of Ptolemy's Geographia 
in that although it seems to be based on the experience of travel in the Aegean (and 
die accompanying text underscores the eye-witness account on the part of the writer), 
the reality it projects is not something that is represented, but that is entirely 
simulated. It is a book of real islands that are the product of the labors of a poet 
and a woodcutter. The reader of the book experiences the history and the space 
of the archipelago as he or she never would be able to do within the limiting and 
unreliable process of travel and notation of a world seen. 

The virtue of Sonetti's virtuality was not lost on later editors. In 1528, when 



1 . The history and sources of Sonetti's work are outlined in Frederick J. Goff's introduction 
to the fac-simile edition of the Isolario (Amsterdam: Theatrum Orbis Terrarum Ltd, n. d.). 
See also Tony Campbell, The Earliest Printed Maps (Berkeley: University of California 
Press, 1987) and J. B. Harley and David Woodward, eds., The History of Cartography , 
I (Chicago: The University of Chicago Press, 1987), in which the isolario and iheportolano 
are studied in historical detail. All references to Sonetti's work will be made to the fac-simile 
edition. References to Benedetto Bordone are taken from R. A. Skelton, ed., fac-simile 
edition of Libro ... de tutte I'isole del mondo (Venice 1528; Amsterdam: Theatrum Orbis 
Terrarum, 1966). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



122 Tom Conley 

Benedetto Bordone copies the outer form of Sonetti's Isolario to produce an island- 
book that extends chapters to include the discovery of the New World, he fills 
the space allotted to description with ample amounts of prose. The poems that had 
accompanied the images of the islands in the work of 1485 are jettisoned, and an 
ample body of prose fills the blank space that had suggested an equivalence of a 
poem to an island. In Sonetti's work the juxtaposition of an insular unit of writing 
to a fragment of land was clear. Mapped out with rhumblines and with an 
encompassing wind-rose depicting the placement of the island in respect to cardinal 
points, with a scale of leagues, and signs marking the winds that blow over the 
masses of land and water, Sonetti offers images and poetic legends that appear to 
be both "real" and of practical use for travelers. The sea, the land, and the 
properties of the each site in the Aegean are available to be seen in a glance. 

By contrast, Bordone's creation, a book diat would witness increased popularity 
throughout much of the sixteendi century (if four later editions— 1534, another about 
1537, another between 1534 and 1567, and a last printing in 1547— are taken into 
account),^ fills the vacant space with information. Descriptive prose occupies the 
space that had been located between the map and the sormets. The printed 
information becomes an environing sea that surrounds 104 woodcut images of not 
only Aegean islands but those of the world at large. A sense of the grounding of 
space is established in the block-like aspect of islands in rectangular frames that 
are aligned with a long colunm of prose that the images seem to interrupt. The 
compass-lines appear as if they were conjugated witli the comers of the frame that 
is given a bevelled aspect, appearing thus to fall into a space deeper than the surface 
of the page. A greater feeling of grounding is obtained, and so too is a sense of 
the control of the relation between what is known about the island and its visual 
form. 

A glance at Sonetti's and Bordone's renderings of the same islands yields a 
wealth of pertinently minimal differences. In the two pages devoted to the Island 
of Psara, Sonetti contains the major island and its adjuncts within most of the ambient 
diagram that charts the cardinal points. North is indicated by the arrowhead that 
appears to point to the west, while the latin cross at the top of the map aims east. 
The center of the circle, at which meet eight lines that divide the circle into as many 
pie-like sections, is situated midway between Psara proper, "Psara piccolo," and 
two islands between. The woodcut places dots along two peninsulas, indicating 
shallows by which sailors ought to steer clear. The design of the image puts the 
island on a sort of wheel, a branloire, like that of fortune, that makes the figure 
liable to be seen from any given angle. Three tufts of schematic trees verify what 
the sonnet declares about the presence of rich forests. Near the upper coast, in 



2. Robert W. Karrow, Jr. , Maptnakers of the Sixteenth Century and Their Maps (Chicago: 
The Speculum Press, 1993), pp. 92-93; see also R. A. Skelton (1966), p. x. 



Virtual Reality and the Isolario 123 

line with the vector aiming to tlie East, a sketch indicates that the remains of a castle 
can be seen ("Ebe gia questa un castel pelegrino dal lato de oriente e ruinato se 
vede adesso aterrato e meschino"). The smaller island has nothing inscribed in 
its borders, the blank space suggesting the uninhabited space that Bordone will 
underscore in his description ("6 nominato psara piccolo, & ogni cosa t deserta, 
senza habitatione algune, ma de cavalli, afini, lepre, & cotomi ne ha habondante- 
mente & soppra ognaltra cosa ha bonissime acque"). Sonetti's poem uses its 
descriptive virtue to link the space produced in the adjoining woodcut to the other 
islands in the book, the final tercet noting that the line established by the garbino 
wind would lead the voyager directly to the redoubtable Chaloiero island that had 
been the topic of the image and text nine folio pages above ("Ma chi da questa fussi 
separato miglia quaranta inver ostro e garbino serebe col chaloiero atrovato"). 
The poem suggests that a pliable extension of space comprises a matrix in which 
the islands are placed. Yet, as each is enclosed in the diagram, its relation to other 
islands is enhanced by use of analogy, spatial description, or even narrative itinerary 
in the sonnet. 

Bordone literally fills out what is suggested through the relation Sonetti 
establishes with the image and the poem. Drawing on Ptolemy and Strabo, he 
situates Psara and its environing island in relation to Lesbos. His burin cuts a 
signature (resembling in fact that of Valerio Adami) in the place-names that are 
inserted into the image: Psara is named below one of its forests, its central island- 
port is named at the middle of the picture, and Psara piccolo is cut into the sea just 
below the vacant island of its name. Nonetheless, Sonetti's outline of the coasts 
offers the illusion of greater detail with a more jagged rendering. The book of 1485 
seems to say more with its visual innuendo and the elliptical tone of its sonnet than 
does Bordone with his more careful project of nomination. 

Comparison of the two renderings of Limonia and Carchi, two adjacent islands 
in the same area, leads to sHghtly different conclusions. In Sonetti's map nine islands 
are portrayed, only one of which protudes the containing circle. Two of the three 
islets between the major bodies of land are cut by the lines designated by the garbino 
and scirocco winds. The compass-Une to the north follows a trajectory that is exactly 
northwest on the printed page, yielding a disposition of Limonia set below its 
counterpart. The jagged, almost "cogwheeled" shoreline is rendered in greater 
detail in the 1485 depiction than that of 1528. The estuaries of die principal rivers 
on each island are drawn to designate a broad and extensive mouth that opens below 
sources taken to be situated in forests that are indicated by stylized groups of two 
(Limonia) or three (Carchi) trees. 

Schematic figures are drawn to signal the presence of a castle and a monastery 
on Carchi, and some evidence of habitation in the central highlands of Limonia. 
Bordone, by contrast, simplifies the outline of the two islands but emphasizes their 
"floating" aspect by putting the rhumblines beneath the land masses that are drawn 
with a high degree of relief. The mountains and trees are etched with such fine 



124 Tom CoNLEY 

parallel hatchings that a latent topography begins to emerge from the outline of the 
island, thus offering two different (but simultaneous) perspectives on the given space. 
Bordone's depiction of the rivers is more reminiscent on cursory glance of the style 
of Ptolemiac maps that offer longer lines and origins (as in the case of the Nile) 
in circles (designating lakes) or points where the line seems to end in the landscape. 
The place-names that are drawn within the containing shapes of the islands give 
a literal "definition," in both name and in spatial effects, to each of the masses. 
Most important, Bordone turns the islands to make their length become visible on 
a vertical axis. 

The textual legends seem to conform to a pattern of difference visible elsewhere. 
The islands, both authors note, are rugged and not very hospitable. They are known 
for their figs (hence the presence of the trees in the images), and the inhabitants 
enjoy a local custom worthy of note: the dowry that young women bring to the 
men they shall marry consists in hoes and shovels. The space is sanctified in both 
Sonetti and Bordone through the story of San Niccolo, who led the inhabitants to 
salvation and for whom the isolani built a church in his honor. Bordone locates 
the pair of islands on the greater map of the Aegean, whereas Sonetti uses the poem 
both to describe the site and to narrate the tale of travel about the area. The earlier 
text has a living and moving aspect that Bordone replaces with a quasi-touristic, 
quasi-objective treatment in an ample paragraph of description. 

The two treatments diverge most notably in the way the islands are spatialized. 
For Sonetti, the areas seem to turn about the navigational circle and hence are 
inscribed in a reiterative structure, a diagranmiatic rendering of a rondeau or a 
ritournelle, the sign of eternal movement and return. Set in a far more scenographic 
frame in Bordone's picture, Limonia and Carchi nonetheless "release" themselves 
much more readily to die spectator's imagination than in Sonetti 's time-space allegory 
determined by die circle and the accompanying navigational apparatus. The increased 
emphasis on relief turns the islands into andiropomorphic forms, into faces of bodies 
seemingly competing for the crumb of an islet set between them. Limonia is more 
likely to swallow the torso-like island than its counterpart that seems to shriek at 
what it sees taking place. Or else, the islands are cells that have just undergone 
mitosis, and are now extending their pseudopodia in the shape of peninsulas, as 
if they were to engulf the blank matter that surrounds them. Bordone brings out 
a biological latency that seems to simulate the very process that the enterprise of 
the isolario embodies in its intellectual and commercial vision: digestion of a world 
that can never be completely explored or broken down into assimilable units. 

In this way the work of Sonetti and Bordone can be read as harbingers of an 
extraordinary voyage into and about a world of infinite possibility that we obtain 
from the ideology that circulates in the kingdom of computer technologies. Akin 
modem artists who use computers in tandem with video images and mixed medias, 
the authors of die earliest isolani show us that the essay of space and language brings 
forth what advanced teclmology can never control, but which supports the best and 



Virtual Reality and the Isolario 



125 




-H* 




126 Tom Conley 

worst of their ideology, and that inhabits us from our very origins and that 
accompanies us with the continuity of a laser beam: the relation with the unknown. 
What technologies rediscover in their regression, and what they want to repress, 
seems to reside in all that remains unnamed but very concretely drawn within the 
detail and outside of the frame of these woodcuts that simulate the authenticity of 
portolan charts of the Aegean.^ 

The point can be adduced if we note, first, that the isolario has a very brief 
life span in the history of cartography . In the incunabular age it begins with Sonetti, 
is developed with telling changes in Bordone, and then acquires a different aspect 
when printed with maps drawn on copperplate in Tommaso Porcacchi's Isolario 
of 1574. It becomes the basis of Andr6 Thevet's great "breviary" of ethnography 
(the famous description belongs to Claude L6vi-Strauss) in Les Singularites de la 
France antarctique (Paris, 1557 and Antwerp, 1558) and La Cosmographie 
universelle (Paris, 1575) and his unpublished Grand pilotage et insulaire (circa 
1584). The genre then disappears under the advent of the far more veracious shape 
of the Ortelian atlas that commands the European market as of 1570. 

Second, the space of time in which it lives attests to its ethnographic virtue, 
to its viability as a form that can move toward alterity without assimilating or 
allegorizing the strangeness it confronts. "^ If we take as a correlative creation Alonso 



3 . Time and again Jean-Frangois Ly otard remarks that computers are impoverished because 
they have never been children. They have never had the good fate of being stupid, 
recalcitrant, lazy, thoughtful, listless, passionate, in utter frustration for lack of words or, 
in a term that has currency in criticism; dialogic. Computers have not had to take into 
account "this double fact of death and birth on the one hand and sexual difference on the 
other" ("Oikos," in Political Writings, tr. Bill Readings and Kevin Paul Geiman. Minneapolis: 
University of Minnesota Press, 1993, p. 102). The innocuous maps by Sonetti and Bordone 
put forward the relation to the unknown that is tied to childhood, and to birth, death, and 
difference as well. Their islands allow to be made manifest "something that has not become 
public, that has not become communicational, that has not become systemic" (103), in other 
words, something vitally ecological. 

4. Frank Lestringant has repeatedly shown that a brief "ethnographic" moment exists in 
the odd shape of Andre Thevet's oeuvre, and that its way of opening itself onto to difference 
contrasts with later ethnographic literature, such as that of Jean de Lery or Theodore de 
Bry, that puts new information into pre-molded allegories. Lestringant verifies in material 
and compelling ways that seems to be on the part of Levi-Strauss (in Tristes Tropiques) an 
allusive perception. In "Fortunes de la singularite a la Renaissance: le genre de T'lsolario'," 
x&i)rmi&d'\n Ecrire le monde a la Renaissance {Csitn-. Paradigme, 1993, pp. 17-48), he notes 
that "the island on the map appears closed upon itself; it might enclose, in the frame thus 
drawn by its limits, a singular object accompanied by its legend. Through a simple 
juxtaposition of singular units, the island engenders the archipelago, that in the sixteenth 
century becomes one of the forms best able to contain the infinite and repetitive constellation 
of objects of science" (41). The author of this paper would like to underscore that nonetheless 
the relation with the unknown still inheres in the fascination generating both the form and 
process (and not just the scientific results) of the isolario and, as a topic for future work, 
that the sonnet can also be a candidate for treatment of ethnography by way of the industry 



Virtual Reality and the Isolario 127 

de Santa Cruz's Islario general de todas las islas del mundo, which was written 
in manuscript and completed before 1548, probably 1542, for Charles V of Spain, 
we discover a no less composite creation of texts and 1 12 maps.** For the modem 
reader, affirms Frangoise Naud6, the manuscripts have the look of a semiotic soup, 
a minestrone of shapes that defy easy transcription. "Un lecteur modeme a besoin 
d'une certaine presentation typographique pour lire le texte, alors que le manuscrit, 
au contraire, ne distingue ni phrases, ni paragraphes. De meme le souci modeme 
de distinguer, classer, ordoimer, se heurte au fait qu'^ I'^poque toutes les 
informations avancent de front: histoire de la conquete, connaissance des habitants 
et du pays, reconnaissance des lieux conquis, etc..." (46), unlike what is far more 
ordered in the work of Fernandez de Oviedo. Although Santa Cruz, a virtual traveler 
who "simulated" the findings of Oviedo by copying them in Spain, hardly saw what 
he depicted, he nonetheless entirely changes the style of the account of conquest 
that he receives, casting adrift his author's "dramatization" in favor of objecfivity. 
"Ce qui est remarquable, c'est la sobriete des moyens qui permettent de presenter 
les faits dans un esprit different, plus objectif, r6aliste, impartial" (56), and above 
all, it can be added, despite the circumstances of the writing of the Islario, in a 
tone that is hardly imperial. 

At this point we are probably beginning to wonder what Sonetti, Bordone, or 
even Alonso da Santa Cruz, have to do with what the title that this paper has 
announced a "virtual reality". The point is disamiingly simple. It is merely that 
that the altered consciousness of space that we gain from increased use of "webs," 
"internets," "websites," and "interactive" apparatus allows us a means of looking 
at what has been taken to be stable and historically complete documents— in this 
case the isolario — in unforeseen ways. 1 am not arguing that by putting Sonetti 
or Bordone on a CD Rom or by interfacing images from these different isolarii 
we can be in a better position to understand the impact of the vision of the world 
as an infinity of islands, or that the fragmented relation of land and sea extends 
us, as so many advertisements wish to make us believe, into a thousand points of 
light in an infinity of things large and small. Nor would I like to suggest that we 
can travel by virmal means through the islands more quickly with new technology 
than in the past, with a technology that purveys the romance, that seemed to inhere 
in age of travel, about what at that time had been lost by Christendom to the Turks 
(that therefore a space eroticized and desired), or what in the New World was under 
the throes of colonial mismanagement, despite hues of a Golden Age in which the 
nations bathed. 

Rather, what is being advanced is close to the conmionplace of a future past. 



of its form. 

5. Frangoise Naude, Reconnaissance du Nouveau Monde et cosmographie a. la Renaissance 
(Kassel: Reichenberger, 1992), pp. 31-45 dind passim. 



128 Tom Conley 

but not a future that the past, many historians seem confident in believing, that has 
already been able to account for. For amateurs of maps and historians of space 
the computer brings out dimensions that in any event had been latent but always 
present in incunabular and early modem print culture. The correlation of advanced 
technology of our age with the experimental map in printed cartography in the 
Renaissance, shows that for the last five hundred years we are liable to be 
reconfiguring space in ways that can be tested by analogy, at once the worst and 
the best of methods of trial, error, and experiment. What was taken to be a 
"spatialization" of the world in the Renaissance, that is made manifest in the printed 
isolario before the advent of Ramist logic, is already famiUar to the computer-hacker 
or "surfer."^ For us the island-book that Bartolomeo dalli Sonetti heralds in 1485 
seems to be congruent with several components of spatial process that we are now 
taking to be axiomatic when "interfacing," "internetting," and so forth become 
a crystallized fact. 

First, information is made frangible, its alterity is pulverized and emulsified 
into readily assimilable, digestible units or "bytes" that can be seen, comprehended, 
memorized, vectored, and turned about in the flash of an instant. The concept of 
the 'island' that supersedes the 'continent' revives an archaic geography (Macrobius 
and Lucretius, among others) in which wholes and parts become coextensive, but 
endowed with an infinite possibility of difference. As a result, second, modular 
thinking comes with the isolario, but it comes forward in our imagination of the 
past no doubt because computors have fostered the conditions allowing us to think 
of them in that way. What Michel de Certeau called the "le pensable" is altered 
to a degree on superimposed maps of space and time.^ The latter require movement 
in and about a virtual world that simulates on computer-screens the sum of 
knowledge, space, language, and desire, but they also encourage regression in ways 
that capture an imagination that dwells with dialogical intensity on forms, such as 
minimal cartographic signs, that seem to be either impoverished or of limited 
meaning, prior to the moment they display how much they belong to a process of 
meaning discerned as transformation. 

Thus, second, huge forms that defy the imagination, such as new worlds or 
new universes, can be assimilated by a supple taxonomic process that coordinates 



6. In the preface to the 1983 reedition of Ramus, Method, and the Decay of Dialogue 
(Cambridge: Harvard University Press), Father Walter J. Ong notes that Ramus's binary 
dichotomized charts bear strong resemblance to "digital computer programs . Like computer 
programs, the Ramist dichotomies were designed to be heuristic: they belong to the part 
of logic known as 'invention,' that is, finding" (viii), in other words, "retrieving" something 
lost or unknown that cannot be classified, that is subject to a "search" far more laborious 
than what a user of a Macintosh obtains by simultaneously striking the "control" and "F" 
keys before typing into a box the item that needs to be located. 

7. L'Ecriture de I'histoire (Paris: Gallimard, 1982), p. 131. 



Virtual Reality and the Isolario 129 

visible and discursive formations (island-pictures and legends) that can extend at 
will. For Sonetti, the Aegean itinerary comprises the only limit, but its borders 
are entirely provisional and is thus liable to be extended as time, information, and 
energy permit. By contrast, for Bordone, a much more careful delineation of two 
endpoints, Venice and Mexico City, allows the infinite range of singularity— strange 
customs, historical quirks, miracles, effects of chronicle and legend, new 
information, and so on— to fall within a design depicted by inversely articulated 
city views. Venice, the site of the publication of the text, is the city of " 1 ,000 
islands" (hence an infinity), is opposed in the first book to Temistitan, the City 
that is an island surrounded by a lake and a whole new world. In between we 
discover an alluvial extension, an unfolding of infinite type and shapes. For the 
viewer of both Sonetti and Bordone virtually anything can be contained within the 
jagged oudine of a figment of the imagination that takes the spatial form of an island. 
Each unit, however, becomes something of an "island-byte," or a quantum of 
information, like an enzyme, that can be drawn to fit into complementary and 
contiguous islands or to establish contrasts and congruences over the entire globe 
and within the body itself In a historical sense, the idea is close to the infinity 
of possibilities that were suggested by islands beyond the range of the experience 
of Marco Polo, but in the ideological frame in which we live (and through which 
we have the pleasure of being condemned to study the isolario), the idea is translated 
into the very virtuality of infinite combination and circulation of contained "bytes" 
of desire (in other words, epistemophilia, the erotic drive to contain the world in 
a disk, but also to get strangled in the web that also determines what one can desire 
to know). 

Most important is what, so far, has gone unmentioned but remains glaringly 
clear in the brief comparison of the two island-books. Sonetti tells his reader that 
an island is coextensive with a sonnet. The reiteration of the "form of the content" 
of each island and its description shows that an infinity of knowledge can be mapped 
out by virtue of the sonnet. "No man is an island...": but a sonnet, a production 
of "man," intends to be the container or vehicle that can assimilate all human drive 
to know and to register the world. In both the Petrarchan tradition and the Isolario 
the writing of the sonnet becomes a practice that spatializes knowledge in terms 
of a drive to contain the world within an infinity of variation on the same form. 
The erotic dimension so characteristic of the genre is revealed to be a function of 
space: to love is to move into and about a space whose limits, that whet desire, 
are both island-shores and the constraints of a lyrical model. The sonnet and the 
island become a field of difference and variation that allows science and drive to 
become indistinguishable. 

It leads, too, to the strange process, so modem and so archaic, that inaugurates 
the experimental process in Montaigne's remarks about le desir de connoisance, 
which is based on a blending of difference and resemblance. The process engages 
the logic of bifurcation or "bussing," essential to computers, that is everywhere 



130 Tom Conley 

obvious in the "visible" and "discursive" formations of the Essais: 

II n'est desir plus naturel que le desir de connoissance. Nous essayons tous les 
moyens qui nous y peuvent mener. Quand la raison nous faut, nous y employons 
I'experience, 

Per varios usus artem experientia fecit: 

Exemplo monstrante viam, 
qui est un moyen plus fiable et moins digne; mais la verite est chose si grande, 
que nous ne devons desdaigner aucune entremise qui nous y conduise. La raison 
a tant de formes, que nous ne sQavons a laquelle nous prendre; Texperience n'en 
a pas moins. La consequence que nous voulons tirer de la resemblances des 
evenemens est mal seure, d'autant qu'ils sont tousjours dissemblables: il n'est 
aucune qualite si universelle en cette image des choses que la diversite et variete.* 

In this view, the "event" that produces knowledge "happens" to be the apprehension 
of a singularity (that is, an island or an insularity) that can, like variation on a given 
form, be sublimely superficial in its reproducibility. The "experience" offered by 
the proximity of the island-book to the sonnet demonstrates that what Montaigne 
is defining as a desire for knowledge in no way sustains the myth that surrounds 
him and other figures of the Renaissance about Humanistic relativism. Difference 
may be ordered in a register of islands or a cycle of sonnets, but it cannot be 
redeemed by any overriding similarity of a triumphal anthropomorphism. Difference, 
like the islands of Sonetti and Bordone, that were at once amebae and human faces, 
monsters and profiles of strange, unnameable things, can only be charted or 
"webbed" in a taxonomy that cannot contain them. 

What we are discovering in the electronic world affirms, as does the verbal 
and the cartographical relation that the well-named Bartolomeo da Sonetti crafts 
between the sonnet and a book of singularities, pertains to what the late Gilles 
Deleuze called philosophy as a mode of "surfing." It does not exactly mean the 
activity that is called "surfing the net, " but of moving over and about an "archipela- 
go" of concepts, conceived as "absolute surfaces or volumes, inchoate [dijforme] 
and fragmentary," while contemplation, the condition in which alterity can be 
welcomed, involves the simultaneous perception of infinite "singularities" or 
spaceless points "concentrated in one surface and disseminated into another."' 
If our imagination of the drive of philosophy that Gilles Deleuze and Felix Guattari 
offer through this figure is driven by the current force of the computer, the latter 
is also related to the isolario. 

Harvard University 



8. Essais, ed. Albert Thibaudet (Paris: Gallimard/Pleiade, 1950), pp. 1194-1195. 

9. Gilles Deleuze and Felix Guattari, Qu'est-ce que la philosophie (Paris: Minuit, 1991), 
pp. 39 and 203. 



Enrique Pupo-Walker 



El libro de viajes, la ficcion y sus legados 

en los Naufragios 

de Alvar Nunez Cabeza de Vaca 



Puede consignarse, con alguna certeza que, en el mundo hisplnico, los libros de 
viajes casi siempre han suscitado nociones contradictorias. Al valorarlos no hemos 
sabido, a punto fijo, qu6 hacer con ellos'. Reconocemos, eso si, sus multiples 
enlaces con la historiografia y m^s aun con las letras de creaci6n pero en todo caso 
seguimos calibrdndolos como materia descentrada. For otra parte, habitualmente 
se ha confirmado— en t^rminos cuantitativos— la riqueza que esa modalidad narrativa 
alcanz6 en Espana y America, sobre todo a partir del siglo XV^. Mds adelante, 
tendremos oportunidad de comprobar esas aseveraciones. Pero como saldo 
preliminar convendremos en que es poco lo que en verdad sabemos sobre la hechura 
evasiva de esos textos. Sospecho que es asi porque de ordinario las pesquisas 
centradas en las narraciones de viajes no han superado los esquemas del resumen 
de la noticia bibliogr^fica. Inevitablemente la carencia a que aludo se hace mds 
patente cuando descubrimos la variedad de tratados que sobre esos libros se han 
escrito en Italia, Francia o en el mundo de habla inglesa^. Acaso para contrarres- 
tar— en proporciones muy discretas— el vacio que he subrayado, comentar6 un libro 
que a lo largo de siglos ha complacido a lectores de toda indole. Me refiero a los 
Naufragios (1542) del andaluz Alvar Nunez Cabeza de Vaca''. Concretamente, 
en las notas que siguen aclaro la ubicaci6n de este curioso texto asi como los casi 



1. Con admirable erudicion Angel Gomez Moreno describe en una obra reclente Espana 
y la Italia de los humanistas (Madrid: Credos , 1 994), las fortunas y vicisitudes de la narrativa 
viajera en la Espana renacentista, pp. 296-332. 

2. Consiiltese Barbara W. Pick, El libro de viajes en la Espana medieval (Santiago de Chile; 
Editorial Universitaria, 1976). 

3. Ese legado se suscita, por ejemplo, en dos obras seminales que versan sobre los 
descubrimientos americanos. Antonello Gerbi, La naturaleza de las Indias nuevas: de Cristobal 
Colon a Gonzalo Fernandez de Oviedo (Mexico, Fondo de Cultura Economica, 1978. Hay 
ediciones italianas e inglesas . Ver tambien John H . Elliott, El viejo y el nuevo mundo (1492- 
1650) (Madrid, AUanza Editorial, 1970). 

4. Ver mi edicion critica de este texto (Madrid, Castalia, 1992). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics , edited by Luigi Monga. 



132 Enrique Pupo-Walker •, / 

surepticios vinculos que existen entre la narraci6n de Cabeza de Vaca y el legado 
ret6rico que acumularon la prosa de ficci6n y la historiografia renacentista. 

Sorprender^, en alguna medida, que me interese elucidar convergencias de esa 
naturaleza en el texto de Alvar Nunez. Lo afirmo asi porque tradicionalmente se 
ha celebrado la redacci6n escueta y descarnada que resalta en los Naufragios. Al 
parecer, lo mejor de este libro se cifra en la representaci6n de los m^s elementales 
regocijos, o en la observaci6n capaz de revelar lo que pueda haber de excepcional 
en el m^s est61ido hecho cotidiano^ Ciertamente, la escritura de Nunez refleja 
las vivencias de un ser humano que conoci6 todos los ayunos imaginables y que 
como tal celebraba, con pueril alegria, el logro de una miserable vitualla^ No 
obstante, tras la impavidez y lisura de sus testimonies yacen niveles de elaboracidn 
que mds de una vez confirman la atenuada calidad y finura de sus escritos. Pero 
antes de calar en esas dimensiones del texto conviene esbozar lo que en este libro 
se relata. En treinta y ocho breves capitulos, los Naufragios refieren las vicisitudes 
de una expedici6n que en 1 527 desembarc6 en la Florida con el af^n de conquistar, 
para Castilla, aquellas casi miticas regiones^ De las 600 personas que participaron 
en esa aventura sobrevivirian cuatro; un marroqui y tres espanoles. Casi una decada 
vivieron estos n^ufragos entre tribus n6madas que a duras penas bregaban en la 
penumbra del paleolitico americano^. Asi, maltrechos y desnudos los cuatro 
atravesaron las hin6spitas ireas comprendidas entre la costa oeste de la Florida y 
la capital de Nueva Espana (M6xico). Ese inusitado acontecer fue relatado 
principalmente por Alvar Nuiiez^ 

La informaci6n que hoy conocemos sobre Cabeza de Vaca y sus antepasados 
parece vincularle, hist6ricamente, con un amplio horizonte de navegaciones 
espectaculares, conquistas y leyendas'°. Lo que seguramente 61 no sospech6 es 
que sus escritos breves se convertirian, con el paso de los afios, en importante hito 
de una tradici6n narrativa de aventuras y viajes: tradici6n que se remonta a la 
antigiiedad cl^sica y al mundo semitico, y que reapareceria con inusitada vitalidad 



5. Ver, por ejemplo, el cap. XXII. 

6. En los caps. X, XI y XII, Nunez ofrece testimonios de esa indole. 

7 . Ver David Weber. The Spanish Frontier in North America (New Haven, Yale University 
Press, 1992). 

8. Me refiero a las tribus coahuiltecas y carancaguas que habitaron las costas e inmediaciones 
del Golfo de Mexico. Ver mi edicion, pp. 59-65. 

9. La relacion de Cabeza de Vaca sufrio por lo menos tres versiones. Las dos primeras 
fueron redactadas colectivamente. Ver en mi edicion el apartado sobre la evolucion del 
texto, pp. 125-132. 

10. Recordemos que antepasados de Alvar Nuiiez estuvieron involucrados en la aventura 
maritima y conquistadora que supuso la conquista de las islas Canarias. Ver mi edicion, 
el apartado que resume la semblanza biografica de Cabeza de Vaca, pp. 82-87. 



El libro de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufragios 133 

imaginativa en los siglos XV y XVI". Resumir aqui ese vasto legado de textos 
seria inoportuno y me obligaria a una serie amplisima e injusta de omisiones. Sin 
embargo, algunas precisiones pueden hacerse, que nos servir^n para constatar, ante 
todo, a la inmensa riqueza de esas modalidades narrativas, y tambien para senalar 
las dificultades que esos textos suponen cuando se intenta una gesti6n clasifica- 
dora'^. Sin abordar obras cl^sicas como la Odisea, la Eneida y las Metamorfosis, 
asi como los linajes que derivan de esos textos seminales, advertiremos que buena 
parte de la historiografia grecoromana tambi6n esti estrechamente vinculada a esa 
casi infinita narrativa de viajes. Al describir, por ejemplo, los paisajes de Lidia 
y sus regiones adyacentes, Herodoto se detiene con la curiosidad propia del viajero, 
para delinear "monumentos y costumbres de los lidios" (I, 93.2)'^. Alii, al 
descifrar el contenido de epitafios e inscripciones, una vez mis se dejarl llevar por 
su imaginaci6n para recopilar datos que emanan de sus propias suposiciones'"*. 
Igualmente astutas e interesantes pueden ser las especulaciones que, en otros 
momentos, le llevan a discemir los confines del mundo occidental'^ 

Comentarios muy similares podrian hacerse sobre las "embajadas a Roma" 
que, con el habitual tes6n de sus escnipulos, nos relata Polibio en el libro XXIV 
de su Historias^^; y otro tanto puede anadirse sobre las descripciones que Orosio 
ofrece en sus Historias nada menos que sobre "la situaci6n de todo el orbe y del 
nombre y extension de las regiones en que estl dividido"'^. En la tradici6n romana 
el mismo Cicer6n, en su De Oratore habia indicado que "la elaboraci6n de una 
obra historiogrlfica se basa en el contenido y en la forma, pero el contenido exige 
la descripci6n minuciosa de sitios y regiones" {Legitus I, 5). El repaso brevisimo 
de esos textos primordiales nos interesa, no como mero respaldo erudito de la gesti6n 



11. La resonancia internacional de los Naufragios se registra en numerosas obras antes 
citadas y mas recientemente en dos importantes estudios. Entre ellos destacan: Samuel Eliot 
Morison, The European Discovery of America: The Southern Voyages, 1492-1616 (New 
York: Oxford University Press, 1974), pp. 516-528 y Boies Penrose, Travel and Discovery 
in The Renaissance: 1420-1620 (Cambridge: Harvard University Press, 1952). 

12. La disparidad inherente a ese material se aprecia en la conocida obra de Phillip B. Gove, 
The Imaginary Voyage in Prose Fiction (New York: Columbia University Press, 1941). 
Esta obra repasa casi todos los estudios clasicos sobre la narrativa de viajes. 

13. Historias (I-VI). Ed. de Carlos Schrader (Madrid: Credos, 1977). Todas las citas 
provienen de esta edicion. No olvidemos que los metodos historiograficos de Herodoto eran 
tema muy discutido en el siglo XVI. Ver: A. D. Momigliano, "The Place of Herodotus 
m the History of Historiography", History, viii (1958), 1-13. 

14. La transcripcion que Herodoto ofrece de los textos que aparecen en las piramides egipcias 
son, como es sabido, elucubraciones suyas (ibid., VI 53 (6.D.3). 

15. Ibid., Ill (115, 212). 

16. Historias, XXIV. 1, 230, ed. de Manuel Balash Recort (Madrid: Credos, 1983). 

17. Historias (I, 2, 86), Ed. de E. Sanchez Salor (Madrid: Credos, 1982). 



134 Enrique Pupo- Walker . 

investigadora, sino porque pone en evidencia la importante raiz historiogr^fica de 
la narrativa de viajes. Al evocar aqui las proporciones inmensas de esa tradici6n 
narrativa, que se reafirma en los Naufragios, queda sugerida otra vertiente de libros, 
en gran parte imaginarios, que exhibe, entre sus mejores ejemplos, textos de 
Jenofonte, Erat6stenes y Mariano de Tiro. Con ellos, y con las amplias visiones 
de una geografia imaginaria— tambi6n defendida por Plat6n— se ensanchaba casi 
ilimitadamente la oikumene alejandrina (235-323 a.C); ampliaci6n que se llev6 
a cabo sobre todo en las rutas que ban marcado, desde entonces, tanto la actividad 
exploratoria como los libros de viajes. En Roma, Estrab6n continuaria ese proceso 
amplificatorio que elucidaba, a la vez, espacios geogr^ficos y culturales, pero hoy 
sabemos que el alcance de su labor descriptiva se vio superada por la Historia natural 
(79 a.C.) de Plinio el Viejo. Este ultimo es uno de los libros mis sugestivos de 
su tiempo; libro, ademls, que tan profundo impacto tendria sobre la narrativa de 
viajes y la historiografia novomundista del siglo X VI'^. Todo ese trasunto noticioso 
e imaginativo se reescribiria en America, s61o que siempre con la mezcla de 
ansiedades y fervor que de ordinario puede suscitar lo que nos es totalmente 
desconocido. 

Contra lo que podria suponerse, el declive que trajo consigo la decadencia 
romana y la baja Edad Media no atenuaron radicalmente la producci6n de relates 
en tomo a viajes y sitios fabulosos. Si bien el estudio de la geografia se vio 
disminuido en sus aspectos cientificos, tambi6n debe seiialarse que la senalada 
autoridad de la patristica cosmogrlfica marc6 nuevos derroteros imaginarios para 
la relaci6n geogrlfica. Hoy sabemos que las ilusorias visiones del mundo fi'sico 
que concebi6 el Medioevo engendraron un numero cuantioso de leyendas que se 
manifestaron en tratados y libros muy disimiles, asi como en una pr6diga narrativa 
hagiogrlfica de raiz popular. Aquel mundo discemido en tomo a Jerusal6n, y 
fertilizado por rios que fluian desde zonas paradisiacas, ciertamente no seria 
confirmado en todos sus aspectos por San Agustin, Alberto Magno o San Isidro'^, 
pero SI lo fue por muchos otros que estaban mis afectados por la devoci6n 
proselitista que por el limitado saber que poseian^°. 

As admirable, al mismo tiempo, que ese vasto trasunto de fantasias geogrlficas 
tuviese una considerable influencia en proyectos de navegaci6n y descubrimientos 
que se iniciaron en el Renacimiento; proyectos que se ejemplifican en las gestiones 



18. El historiador ingles John H. Elliott ha seiialado el impacto de Plinio en la Historia 
general y natural de Indias de G. Fernandez de Oviedo. Ver: El viejo y el Nuevo Mundo: 
1492-1650 (Madrid: Alianza Editorial, 1970), p. 46. 

19. Penrose, p. 7. 

20. Son famosos, en ese orden, los desmanes descriptivos del monje misionero Cosmas 
(540 d. D.). Es curioso que entre 1290 aproximadamente y 1400 apenas aparecen tratados 
de geografia como tal (Wid., p. 8). 



El libro de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufragios 135 

que inicia la Corona portuguesa, a partir de los reinados de Juan II y Enrique el 
Navegante^'. Parad6jicamente, m^s influencia tendrian sobre Col6n que sobre 
los pragm^ticos marinos Portugueses aquellas imaginarias descripciones y c^culos 
que contenian la famosa Imago mundi, del obispo francos Pierre d' Ailly, asi como 
la Geografla de Tolomeo: esta ultima, probablemente en la edici6n traducida por 
Jacobus Angelus (1310-1406)^^. Pero sin desvirtuar el alcance indiscutible de 
los libros antes citados, la sintesis m^s atrevida y popularizada de mitos cMsicos, 
biblicos y medievales— sobre geografias imaginarias— se habia reunido en los 
afamados Viajes de Juan de Mandeville; libro 6ste que tambi6n figur6 entre las obras 
y tratados que consult^ Col6n^^ Habrian de pasar muchos anos antes que ese 
voluminoso contingente de ficciones cosmogrificas fuese desvirtuado por las 
revelaciones f^cticas que hicieron posible los descubrimientos americanos^. 

Pero antes de seguirle la pista a hechos y a personajes que exacerbaron la 
imaginaci6n europea de fines del siglo XV, y principios del XVI, me parece 
necesario aludir— en una pesquisa de esta indole— a un vasto legado de libros y 
narraciones que se produjeron en aquel contexto hist6rico y que hoy aparecen como 
un sugestivo teI6n de fondo para la historiografia de Indias. Los que ahora recuerdo 
son, casi todos, libros espanoles que apenas se ban estudiado a fondo pero que, 
indirectamente, anticipan muchas de las proyecciones imaginativas y de los recursos 
expositivos que se utilizarian para describir el Nuevo Mundo^'. En conjunto, se 
trata de narraciones inspiradas, a distancia, en el ambular caballeresco, en la 
hagiografia del Medioevo, en la novela bizantina y en acontecimientos hist6ricos 
que retenian un sesgo heroico^^ Asi, Andr6s Bem^ldez (7-1513) (el Cura de los 
Palacios) en su Historia de los Reyes Catdlicos ... (edici6n de 1856), enlaza ya las 
morosas relaciones habituales de los reinados castellanos con el despertar casi 



21 . Para el resumen mas liicido sobre ese periodo, ver: Daniel J. Boorstin The Discoverers 
(New York: Random House, 1985), pp. 256-289. 

22. La tortuosa trayectoria de la Geograjia, la elucida Penrose, p. 10. 

23. Los que hayan leido con cuidado las descripciones de China y reinos nordicos que expone 
Mandeville, podran verificar que Colon le leyo con mas fascinacion que minuciosidad. He 
consultado la edicion inglesa de A.W. Pollar (Londres: McMillan & Co., 1923), pp. 139-162. 

24. Los avances tecnologicos y de complicada artesania que se Uevaron a cabo en los siglos 
XVI y XVII los expone Carla Phillips en su excelente estudio Six Galleons for the King of 
Spain (Baltimore: The Johns Hopkins University Press, 1986). 

25. Se ha estudiado el impacto de la historiografia clasica, medieval y renacentista sobre 
las cronicas de Indias. Pero no se ha explorado la posible relacion de esos libros de 
viajes— tan conocidos en el siglo XV— con las relaciones de historiadores novomundistas. 

26. Sobre la dimension heroica e imaginativa de la historiografia medieval espaiiola consiiltese 
el muy valioso estudio de Robert Tate, Ensayos sobre la historiografia peninsular del siglo 
XV (Madrid: Editorial Credos, 1970). Hay edicion inglesa. 



136 Enrique Pupo-Walker 

alucinado que produjo el descubrimiento del Nuevo Mundo. Es unmomento aquel 
en que la fabulaci6n hist6rica cuenta con no pocos ejemplos". Propios de esa 
tradici6n castellana son los Hechos del condestable Miguel Lucas de Iranzo y la 
Crdnica de don Pedro Nino. Pero mucho mis interns tiene la narraci6n de Ruy 
Gonzalez de Clavijo, autor de la famosa Historia del Gran Tamorldn. En ella se 
narran las supuestas gestiones que hace Enrique III de Castilla para engraciarse 
con el gran Tamorlin de Persia. Casi todo su asunto deriva en un libro de viajes 
y en curiosas vinetas de ciudades y reinos entre los que figuran Gaeta, Mesina, 
Roda y Constantinopla. La narraci6n se demora, particularmente, en la descripci6n 
de costumbres y peculiaridades culturales de diferentes sociedades, anticipando de 
esa manera elementos formales de la picaresca, asi como los registros temiticos 
y expresivos de la cr6nica de Indias^^. Pero todavia mis significativas, por su 
coraplejidad y refinamiento expositivo, son las Andanzas y viajes de Pedro Tafur 
por diversas partes del mundo (1435-1439). 

En los relates de Tafiir abundan descripciones muy logradas de ciudades 
egipcias, griegas, alemanas, turcas e italianas. En Italia, Tafiir se encontrari nada 
menos que con el pr6digo Niccolo Conti, veneciano de familia ilustre y viajero 
incansable por el Cercano Oriente, quien a su vez compartio un cumulo muy amplio 
de noticias con Tafur. Conti, al parecer, se interes6 principalmente por la 
descripci6n muy vivida que el espanol habia logrado sobre la decadencia de 
Constantinopla^'; ciudad sobre la que Tafiir intercala varias leyendas, entonces 
en boga, pero mis alii del deleite que le producen esas ficciones, Tafur expone 
el criterio utilitario y retdrico en que deben basarse los libros de viajes. Son textos, 
segun 61, que a todos benefician ya que en ellos puede alcanzarse un nivel 
cognoscitivo muy amplio de realidades geogrificas y culturales. En su interesante 
pr61ogo, Tafiir nos dice que mediante estos libros podremos "venir en conocimiento 
de lo mis provechoso de la cosa publica e establecimiento della"^. Vinculados 
a esas perspectivas y a esa tradici6n narrativa aparecen en Castilla otros libros como 
Seguro de Tordesillas, de Pedro Rodriguez de Velazco, y tambi6n el conocido Libro 
del Pas so Honrosso de Suero de Quinones, original de Pedro Rodriguez de Lena. 
Los sucesos de estirpe caballeresca que se relatan en esta ultima obra estin 



27. Destacan, entre esos textos, las arengas imaginarias y las descripciones hiperbolicas 
de acciones militares que aparecen en la Crdnica de los Reyes Catolicos (1935) de Alonso 
Flores (-1476). 

28. Ver: Stephen Oilman, "Bernal Diaz del Castillo and Amadis de Gaula", en Homenaje 
a Ddmaso Alonso (Madrid: Credos, 1970), pp. 99-114. 

29. Penrose, entre otros, comenta esa relacion, casi de caracter novelesco, p. 23. 

30. Andangas e viajes de Pero Tafur por diversas partes del mundo auidos, ed. de Jose 
Ramos (Madrid: Asociacion de Libreros, 1934). Observemos cuan proximos estan los 
razonamientos de Tafur a las matizaciones que Niiiiez hace en su proemio a los Naufragios. 



El libro de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufragios 137 

parcialmente documentados en la Crdnica de Juan II y en los conocidos anales de 
Zorita^'. 

La que he resumido aqui es una secuencia de textos— m^s amplia de lo que 
podria suponerse— que anticipan el deambular picaresco y los vericuetos de la cr6mca 
Indiana. En ellos se proponen, ademis, formas de la verosimilitud hist6rica que 
en el siglo XVI motivaron pol6micas bien conocidas entre Antonio de Guevara (1481- 
1545), Pedro de Rua (1480-1558), Ambrosio Morales (1513-1591) y otros humanistas 
e histori6grafos de la 6poca'^. Particularmente en los libros de viajes se formulaba 
toda una nueva epistemologia del viajar, concebida 6sta como actividad simb61ica 
de una existencia cifrada en el af^ de conocer y revelar; avidez que por duplicado 
se revela en el Quij'ote^^). Otros libros de aquellos siglos, minuciosamente 
estudiados por Angel Delgado G(3mez^, como el Aromatum de G. Garcia Orta— que 
a su vez habia traducido el naturalista portugu6s Carlos Clusio— reaparecerdn con 
notable frecuencia en el contexto literario del siglo XVP'. La necesidad de viajar 
era propugnada por la filosofia natural, elucidada, en parte, por Hip6crates, segun 
la cual el conocimiento cientifico s61o es firme si se apoya en una inspecci6n 
meticulosa del entomo^*. Se vivia entonces un momento hist6rico en el que, con 
obvia inquietud renacentista, muchos se interesaban por desvelar los misterios 
infinitos del mundo que los rodeaba. En 1555 exactamente el mismo ano en que 
se publican— en segunda edici6n Vallisoletana— los Naufragios de Alvar Nunez, 
tambi6n saldr^ a la luz un libro de suma importancia que pertenecia a esa larga 
tradici6n de relatos de viajes que he esbozado. Se trata del Viaje de Turqufa (1555) 
obra de autor desconocido, dedicada a Felipe 11, y en la que se comenta explicita- 
mente la actividad viajera. Apartindose de las acciones heroicas que tanto 



3L Ver: Ralph H. Vigil, Alonso de Zorita: Royal Judge and Christian Humanist, que en 
breve publicara la University of Oklahoma Press. 

32. Ver: La vocacion literaria del pensamiento historico en America: siglos XVI-XIX (Madrid: 
Credos, 1982), pp. 15-80. 

33. Aludo no solo a las andanzas del protagonista como acto cognitivo, sino ademas a la 
duplicacion interior de esa curiosidad, ejempUficada de otra manera en los relatos inlerpolados 
de "El curioso impertinente" y "El cautivo". 

34. "El viaje como medio de conocimiento: el Viaje de Turquia", trabajo que se pubUcara 
en las Actas del VIII Congreso de la Asociacion Intemacional de Hispanistas. 

35. La edicion mas asequible del fascinante Aromatum es la de Lisboa: Junta de Investigacio- 
nes de Ultramar, 1964. Este libro guarda relaciones -en cuanto a sistema descriptivo de 
flora y fauna- con obras como la Historia general de Fernandez de Oviedo y los Comentarios 
reales del Inca Garcilaso, entre otras. 

36. De interes en este contexto es la obra de Christian K. Zacher, Curiosity and Pilgrimage 
(Baltimore: Johns Hopkias University Press, 1976); obra que se discute en el ensayo antes 
citado de A. Delgado. 



138 Enrique Pupo-Walker 

interesaban a Tafur, en el Viaje de Turquia se expone la necesidad de poseer otros 
tipos de conocimientos. En la dedicatoria leemos: 

Aquel insaciable y desenfrenado deseo de saber y conoscer que natura puso en 
todos los hombres, Cesar invictisimo, subjetandonos de tal manera que nos fuerza 
a leer sin fructo ninguno fabulas y fictiones, no puede mejor executarse que con 
la peregrinacion y ver de tierras extraiias, considerando en quanta angustia se 
enzierra el animo y entendimiento que esta siempre en un lugar sin poder extenderse 
y especular la infinita grandeza de este mundo, y por esto Homero, unico padre 
y autor de todos los buenos estudios, habiendo de proponer a su Ulixes por perfecto 
dechado de virtud y sabiduria, no sabe de que manera se entona, mas alto, que 
con estas palabras: "Ayudame a cantar o musa! un varon que vio muchas tierras 
y diversas costumbres de hombres" '^ 

Otro viajero, Pierre Belon, se trasladar^ a Turquia para hacemos, desde alii, 
revelaciones similares; y en su relato titulado Les observations, abogar^, con la 
curiosidad del naturalista, en favor de esa labor cognoscitiva que encierra el 
viajar'^. Sabemos que desde el siglo XV— y anteriormente— existi6 toda una 
documentada tradici6n apolog6tica de la narraci6n viajera; tradici6n que en la Edad 
Media se vio intensificada por los ciclos narrativos inspirados en las cruzadas y 
las peregrinaciones a los santos lugares. Pero mis que ratificar ese hecho, 
ampliamente reconocido por la historiografia literaria, quiero destacar ahora una 
modalidad singularizada de ese discurso de viajeros que alcanz(3 gran difusi6n en 
la narrativa renacentista mediterrinea, y que ocupa numerosos sectores de las 
cr6nicas indianas. Me refiero ahora a los relatos de naufragios^^ y en particular 
a las relaciones aniericanas que prepararon navegantes, soldados, bur6cratas y 
cronistas. Textos que, hasta bien entrado el siglo XIX, se leyeron en Europa con 
el deleite y hasta el espanto que producian los episodios mis grotescos de la novela 
bizantina y de caballerias. Recordaremos en seguida que ese trasunto inagotable 
de informes y narraciones sobre desastres de la navegaci6n se retoma, con espl6ndida 
ingeniosidad, en La tempestad (1610) de Shakespeare; y reaparece con otras 
caracteristicas en la Historia general de las Indias (1552) del hmnanista Francisco 
L6pez de G6mara; encontraremos en ella descripciones ex6ticas de la conquista 
de Yucatin, de la ciudad de Tenochtitlin, de bailes, idolos y nigrominticos; 



37. Viaje de Turquia, ed. de Fernando Garcia Salinero (Madrid: Catedra, 1980), pp. 87-88. 

38. El titulo complete de la obra es Les observations des plusieurs singularitez el choses 
memorables trouvees en Grece, Asie, Judee, Egypte, Arabie etautres pays estranges (155S). 

39. Fernando Braudel, en su obra clasica The Mediterranean and the Mediterranean World 
in the Age of Philip IL vol. II (New York: Harper Torch Books, 1966), ha documentado 
el impacto economico y la importancia que en general tem'a el tema de los naufragios y la 
pirateria en el area mediterranea. I, pp. 276-293; II, pp. 967-1004. Braudel enumera y 
comenta numerosas fuentes bibhograficas sobre estos temas. 



El libro de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufiragios 139 

narraciones que fueron leidas con la fascinaci6n que podfan despertar entonces los 
m^s descabellados relates de ficci6n'". Dentro de la secuencia tan desigual de 
hechos y datos que G6mara nos ofrece, destacar^n las alusiones a naufragios y 
desastres que experiment6 la navegaci6n espanola en las intenninables rutas 
americanas. 

El mismo G6mara aparatosamente relata "La hambre, dolencias, guerra y 
victoria que tuvieron los espanoles por defender sus personas y sus pueblos"; al 
mismo tiempo que nos refiere datos sobre "cocuyos, niguas, animalejos pequenos 
y de lo bueno y lo malo'"", asi como sobre pron6sticos de destrucci6n que afligian 
a La Espanola. Del mismo modo, tambi^n se detendr^ para relatamos, con especial 
dramatismo, las vicisitudes de "La famosa nao Vitoria" y las desgracias ocurridas 
en el comercio de las especias"*^. En otros capitulos, ya pr6ximos a la conclusi6n 
de su hermosa historia, G6mara nos describiri "La espantosa tormenta que hubo 
en Cuauhtemall^, donde muri6 dona Beatriz de la Cueva""'. 

Tomando en consideraci6n los avatares de esas narraciones que tanto prosperaron 
en el siglo XVI'", conviene hacer ahora algunas aclaraciones sobre el cambio de 
titulo que sufri6 la relaci6n de Cabeza de Vaca. El profesor chileno Pedro Lastra, 
en un valioso estudio''^ indica que el vocablo "naufragios"— que ya aparece en 
el primer capitulo de la edici6n de 1555— venfa sugerido en el encabezamiento 
del indice donde se lee: "Tabla de los capitulos contenidos en la presente relaci6n 
y naufragios del gouemador Aluar Nunez Cabeza de Vaca" . El nuevo titulo de 
Naufragios debi6 ser aprobado por el autor cuando 6ste hizo las numerosas 
correcciones y cambios que aparecen en la edici6n de 1555'"^. Creo que el cambio 



40. Veanse, entre otros, los siguientes capitulos: "Milagros de la conversi6n», p. 53; 
«Conquista de Yucatan", pp. 77-78; "Frutas y cosas que hay en el Darien", pp. 14-106. 
Cito por la ed. de Jorge Garcia Lacroix (Caracas: Biblioteca Ayacucho, 1978). 

41. Ibid., pp. 41-49. 

42. Ibid., p. 149. 

43. Ver: Jose Luis Martinez, La pirateria y Naufragios en Pasajeros de Indias (Madrid: 
Alianza Universidad, 1983), pp. 1 1-123; 126-130. Otra obra de interes general sobre este 
topicoes: T. Desperthes y M. Duromensil, Histoire des naufrages , Vol. II (Paris: Thieriot 
Libraire, 1855). 

44. Recordemos que el tema de los naufragios aflora con facilidad en los Comentarios reales 
del Inca Garcilaso; concretamente en el conocido episodio novelesco acerca de Pedro Serrano 
(I, I, VII); elmismoasuntohabiaaparecidoenlaE/^gwtie varane5//M5/re5(i^/n<i/a5 (1522- 
1607) segiin lo ha seiialado Jose Luis Martinez, p. 121; y tambien aparece en el famoso 
Camera (1637) de Juan Rodriguez Freyle; concretamente en el conocido episodio sobre 
Juana Garcia. Vease mi Vocacion..., No. 2, pp. 123-154. 

45. "Los espacios de Alvar Nuiiez; las transformaciones de la escritura", Cuademos 
Americanos, CCLIV, 3 (1984), 150-163. 

46. La evolucion del texto la comento en el apartado (I,d) de mi edicion. 



140 Enrique Pupo-Walker 

de titulo de Relacidn a Naufragios remite directamente al contexto literario e 
historiogr^fico de la 6poca que he descrito en estas p^ginas. Segun lo hemos visto, 
el viaje, como actividad que comporta una multitud de revelaciones, ya era uno 
de los grandes temas de la literatura espanola y europea del siglo XVI''^. Al 
considerar la aceptaci6n de que disfrut6 esa suerte de narraciones, creo que el titulo 
de Nau/ragios fue adoptado— probablemente en consultas con el editor— para insertar 
el texto de Nunez en esa categoria exitosa de narrativa viajera a la que sin duda 
pertenecia. Como lo veremos a continuaci6n, los Naufragios asimilan varios recursos 
expresivos propios de la prosa de ficci6n y, en particular, de relatos y novelas sobre 
viajes ficcionalizados. Mi parecer es que ese cambio de titulo, un tanto oportunista, 
era todavia m^s efectivo si se toma en cuenta el sentido, a la vez literal y metaf6rico, 
que el vocablo "naufragios" retiene globalmente en la narraci6n de Cabeza de Vaca. 

ECOS DE LA TRADICI6N LITERARIA EN LOS NAUFRAGIOS 

Sabemos muy bien que el prop6sito de Cabeza de Vaca no fiie escribir ficci6n como 
tal. En otras partes de este estudio he subrayado que el marco de su relate se atiene, 
en general, a las codificaciones formalizadas de la relaci6n como modalidad del 
discurso forense. Pero, al transformar su informe a la Corona en libro que 
alcanzaria alguna difusi6n, los moldes estrechos de la relacidn se ver^ superados 
por las exigencias que impom'an al texto la directriz autobiogr^fica y la natural 
inclinaci6n del relator por vincular sus testimonios a los c6digos que disfrutaban 
entonces de mayor vigencia entre susposibles lectores; de ese empeno es testimonio 
el cambio de titulo que se adopt6 ya en la edici6n de 1555. Hasta donde el cotejo 
lo permite, se puede identificar, en la edici6n original de 1542, una ligera 
aglutinaci6n de f6rmulas expresivas y t6picos que pertenecian principalmente a la 
narrativa de ficci6n. Pero antes de referirme a ellos, reconoceremos que al "hacer 
memoria" (en su Proemio) y construir una narraci6n autobiogr^fica, los Naufragios 
se transforman gradualmente en met^fora de la existencia de Nunez; es decir en 
"el libro de una vida""*. Quisiera destacar en este contexto la manifiesta 
circularidad que la narraci6n exhibe en su peniiltimo capitulo''^. Nunez no s61o 
retoma a su espacio de origen, sino que al abandonar Nueva Espana, como le ocurri6 



47. Eso se corrobora en textos importantes como el de Cristobal Gutierrez de Medina, Viaje 
del virrey de Villena (1640), ed. de Manuel Romero Terreros (Mexico: Imprenta Universitaria, 
1947); y Antonio de Guevara, De muchos trabajos que se pasan en galeras (1539). Ese 
texto, bastante raro, se ofrece como apendice en la obra antes citada de Jose L. Martinez, 
pp. 123-234. 

48. Veanse las referencias que hace sobre este conocido topico J. Cirlot en su Diccionario 
de simbolos (Barcelona: Nueva Coleccion Labor, 1982), p. 463. 

49. En la apreciacion analitica del texto, y de cara a su reflexividad interior, es de especial 
interes la interpolacion que hace Niiiiez de los relatos que le proporciono Esquivel, cap. 
xvm. 



El libra de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufragios 141 

antes de salir de Cuba, se ver^ amenazado por tempestades y huracanes (Cap. I 
y Cap. XXXVII)*. Principalmente en el primer tercio de los Naufragios las 
tormentas— con el sesgo apocaliptico que tuvieron en la novela bizantina y aun en 
relatos antiquisimos de origen semftico— aparecen y reaparecen como marco inestable 
que preconiza la trayectoria desastrosa que Ueva la expedici6n. Lo tenebroso ocurre 
como elemento integral de la borrasca y tambi6n como emanaci6n del que la 
contempla. "En esta tempestad y peligro anduuimos toda la noche sin hallar parte 
ni lugar donde media hora pudi^ssemos estar seguros. Andando en esto oymos 
toda la noche, especialmente desde el medio della, mucho estruendo y grande ruydo 
de bozes, y gran sonido de cascaueles y de flautas y tamborinos y otros instrumentos 
que duraron hasta la maiiana que la tormenta cess6" (Cap. I). 

El navegar precario que podia lograrse con barcas improvisadas culmina 
finalmente en la isla del Mai Hado; isla que tan f^cilmente evoca las islas hom6ricas, 
entre otras, pero, sobre todo, la isla maldita mencionada en el Lai de Jos6 de 
Arimatea, y en la que tambien se producen peligros y tormentas*'; es, si se quiere, 
el opuesto, o la inversi6n de la isla bienaventurada: es decir, "la isla de joyas" que 
figura en los mitos griegos y que era el punto afortunado de Uegada en la 
peregrinatio . Es esa precisamente la isla que busc6 Ponce de Le6n y cuya supuesta 
ruta le llev6 a la Florida. Asi tambien, la sugestiva "heuilleta de talabarte de espada" 
que Alonso del Castillo tom6 de un indio (Cap. XXXII) nos remonta al "sentido 
de protecci6n" que tradicionalmente se habia asociado con la hebilla como reducci6n 
del escudo y resorte que ata extremos imaginativos de toda secuencia. En este caso 
tambien la veremos como expresi6n de una alucinante trayectoria que se configura 
a un avatar circularizado*^'. Ecos del locus amoenus, segun los formulismos 
identificados por Curtius, y muchos otros, se insinuan mis de una vez en los 
Naufragios. Hacia el final de su camino, cuando Nunez ya anticipa jubilosamente 
que ha de verse rescatado, el proceso de evocaci6n le hace aproximarse a visiones 
de tenue corte clisico*^ 

les mandamos que se assegurassen y assentassen sus pueblos y sembrassen y 
labrassen la tierra, que de estar despoblada estaua muy llena de monte, lo qual 
sin dubda es la mejor de quantas en estas Indias ay e mas fertil y abundosa de 
mantenimientos, y siembran tres vezes al ano. Tienen muchas frutas y muy 



50. La reincidencia del topico parece indicar su uso deliberado. Ver: caps, i-iv, vi, x, 
XXXVII, entre otros. 

51. Cirlot, p. 122. 

52. Ibid., p. 122. 

53. Ver: Curtius, pp. 106, 192. Con eUo no quiero inferir que Niinez hubiese alcanzado 
una formacion humanistica como tal. Me refiero, mas bien, a la reaparicion de una formula 
descriptiva que tuvo una vigencia notable en el siglo XVI y en obras muy dispares. 



142 Enrique Pupo-Walker 

hermosos rios y otras muchas aguas muy buenas. Ay muestras grandes y senales 
de minas de oro e plata (Cap. XXXIV). 

Aun en pasajes que se apartan de toda construcci6n hiperb61ica, el texto de Cabeza 
de Vaca incorpora otros convencionalismos que ya habian aparecido en el proemio 
de sus Naufragios, y que se repiten con matices diferenciados. Asi, el t6pico de 
lo inexpresable o no recuperable— que tan honda raigambre cl^sica tiene^— reapa- 
rece m^s de una vez en los Naufragios. "Destos nos partimos y anduuimos por 
tantas suertes de gentes y de tan diuersas lenguas que no basta memoria a poderlas 
contar ..." (Cap. XXIX). Pero m^s efectivo es el uso de la brevitas como 
formulismo condensado^^. En el proemio nos dird Nunez que al relatar "antes 
soy en todo m^s corto que largo". Cierto es que esta f6rmula tenia, desde la 
antigiiedad, igual vigencia en las narraciones hist(3ricas que en la ficci6n. No 
obstante, en los Naufragios el uso de la bre^Atas evoca la aplicaci6n que de esa 
f6rmula se hacia en textos literarios: "Los trabajos que en esto pass6 seria largo 
contarlos, assi de peligros y hambres como de tempestades ..." (Cap. XVI). A 
prop6sito de lo que les ocurri(3 en la isla del Mai Hado, Nunez dir^: "mas yo he 
contado las m^s principales y m^s senaladas [vicisitudesl por passar adelante y contar 
lo que m^s nos suscedi6" (Cap. XV). 

Si esos detalles ilustran una incorporaci6n mesurada y a veces exigua de 
codificaciones literarias en los Naufragios^^ , es, sobre todo, la subita aparici6n 
en el ultimo capitulo de una nigromante y de profecias lo que mis directamente 
vincula a los Naufragios con la tradici6n literaria como tal. La Mora de Homachos 
pertenece, con toda claridad, al linaje de las celestinas", que representan "Fabia" 
en el Caballero de Olmedo de Lope de Vega, "La Camacha" de Cervantes, "Juana 
Garcia" de Rodriguez Freyle y la "Sycoray" de Shakespeare*^. Homachos era. 



54. Ibid., pp. 120, 159. 

55. A otro nivel, existe siempre la posibilidad de sugestivas analogias con textos reconocidos. 
Sobre todo cuando advertimos que el contenido de los Naufragios se aproxima a las secuencias 
episodicas de narraciones clasicas. Asi, por ejemplo, la construccion de barcas, hechas por 
la expedicion de Narvaez, con arboles que encontraron en el norte de la Florida, se vincula 
a episodios similares que recordaremos en obras celebres . Antonello Gerbi en La naturaleza 
de las Indias nuevas (Mexico: Fondo de Cultura, 1978), ha puesto de relieve la vigencia 
del topico de "los arboles que se conviertenen naves", asi como las relaciones de esos giros 
metaforicos con pasajes de la Eneida IX, 77-80; de las Metamorfosis de Ovidio, XIV, 50; 
y del Orlando Furioso de Ariosto, XXXIX, 26-28; obra esta ultima en que la fronda, al 
ser milagrosamente lanzada a las olas, se transformara ("in un tratto diventaro navi", p. 
31). 

56. Esa tradicion la explicita Maria Rosa Lida de MaUciel en Lm originalidad artistica de 
la Celestina (Buenos Aires, E.U.D.B.A., 1968), pp. 242 y sigtes. 

57. Ver mi: Vocacion..., pp. 142-143. 

58. Agradezco esos y otros datos historicos que me facilitaron, en ocasiones diversas, el 



El libra de viajes, laficcidn y sus legados en los Naufragios 143 

en el siglo XVI, pueblo extremeno habitado por numerosos monscos entre los que 
se suponia la existencia de nigrominticos. La profecia fatidica e inesperada de la 
Mora desciende, con variantes idealizadas y escatol6gicas, desde Virgilio a 
Cervantes, pasando por Tasso y reapareciendo en Milton. Es particularmente 
reveladora la elucidaci6n que de este t6pico ofrece Alban Forcione en su an^lisis 
del Coloquio de los perros y otros textos cervantinos^'. Pero, m^s all^ de esos 
vinculos y asociaciones, si vidramos el texto de Nunez como la encarnaci6n de una 
profecia— emitida enestecasoporunanigrom^tica— entonces propiamente cabria 
iniciar una valoraci6n literaria del texto; lectura que tambidn podria apoyarse en 
el acontecer novelesco que se insinua en el regreso de Nunez a Espafia. Nos 
sorprende que, en alta mar, la embarcaci6n en que navega Cabeza de Vaca se vea 
amenazada por corsarios franceses. De esa aventura t\ reconstruye imaginativamen- 
te, y en su hispanizado portugues, las exclamaciones de un capitin lusitano que 
se expresa con la soltura pintoresca de sus equivalentes ficcionalizados (Cap. 
XXXVIII). Recordemos por ultimo, y proyect^ndonos hacia textos posteriores a 
los Naufragios, que n^ufrago es el efebo de la Primera soledad (161 1) de G6ngora, 
y tambi^n lo serdn, en el Nuevo Mundo, Antonio y su hijo en La tempestad (161 1) 
de Shakespeare, asi como el don Juan de Tirso en El burlador de Sevilla (1630). 
Todos ellos, como Alvar Nujnez, recalan en playas desconocidas y habitadas por 
gente humilde; gente cuya presencia alude a un proceso de inversiones sutiles que 
a lo largo de siglos se ban ritualizado en la narrativa de naufragios y catistrofes 
similares^. Al exponer en estas p^ginas algunos nexos leves que la narraci6n de 
Cabeza de Vaca mantiene con una dilatada tradici6n literaria, no he querido inferir 
que todo ello se deba a una elecci6n deliberada por parte de Nunez. Al comentar 
esa dimensi6n del texto he intentado verlo como una construcci6n narrativa en la 
que naturalmente van quedando atrapados t6picos, motivos y alusiones que derivan 
de un espont^neo proceso anal6gico. Los Naufragios concluyen, como recordaremos, 
con una identificaci6n precisa de los supervivientes, de sus linajes y procedencias; 
pero junto a ese pequeno inventario, que parece ser cerrojo final del texto, 



conde Canilleros y Juan Perez de Tudela. Ver, ademas: Julio Caro Baroja, Algunos mitos 
espaholes (Madrid: Espasa Calpe, 1941). 

59. Cervantes and the Mystery of Lawlessness: A Study of "El casamiento engahoso "y "El 
coloquio de los perros" (Princeton: Princeton University Press, 1984), pp. 59-88. 

60. Las implicaciones de esos rituales, codificados segun aparecen en una vasta tradicion 
mediterranea, se expone en los siguientes estudios: John Freccero, "The River of Death: 
Inferno H, 108", en The World of Dante: Six Studies in Language and Thought, ed. de S. 
B. Chandler y J. A. Molinaro (Toronto: Toronto University Press, 1966); Richard H. Lansing, 
"Two Similes in Dante's Commedia. The Shipwrecked Swimmer and EUjah's Ascent," 
Romance Philology, XXVIU, 2(1974), 162-163. Unaexposicionmasampliadelasposibles 
relaciones de los Naufragios con la narrativa de viajes aparece en Hallazgos de la lectura: 
homenaje a Miguel Enguidanos (Madrid: Edit. Pomia, 1989), pp. 63-83. 



144 Enrique Pupo-Walker 

parad6jicamente— y en ese mismo capitulo— se abre la grieta que suscita la revelaci6n 
prof6tica. Asi, el acto de premonici6n, con toda suposible arbitrariedad, se inserta, 
para siempre, en el texto de Nunez como una apertura creativa que posibilita lecmras 
diversas de los Naufragios. Finalmente, al distinguir esa rica vertiente imaginativa 
del texto tarapoco olvidemos que, implicito en la afamada narraci6n de Cabeza de 
Vaca, tambi6n aparece el otro viaje del que nunca suele hablarse. Me refiero al 
cruento itinerario, no ya fisico, sino cultural que padeci6 Alvar Nunez. Es decir, 
el trayecto regresivo que media entre la cultura renacentista— que este relator conoci6 
en Italia y al servicio de la casa de Medina Sidonia— y el otro mundo que representan 
en los Naufragios aquellas tribus paup6rriraas que en el siglo XVI aun vivian en 
las tinieblas del bajo paleolitico americano. Pero esa Jornada, casi indecible, 
obligadamente tendr^ que ser tema para otra ocasi6n. 

Vanderbilt University 



Nancy A. Walker 



Stepping Out: Writing Women's Travel 



One of the earliest forms of women's travel writing in America has come to be 
called the "captivity narrative. " A true travel tale of travail, it was the first-person 
account of capture by Native Americans during conflict with colonial settlers, 
movement with one's captors through their terrain, and eventual rescue or release. 
Forced travel; travel as hostage, prisoner. Yet travel as some sort of captive was 
a common experience for many women before the nineteenth century. Consider 
the Puritan poet Anne Bradstreet, who wrote that her "heart rose" against the 
prospect of crossing the Atlantic Ocean with her father and husband in the seven- 
teenth century. Even in the nineteenth century, women who wrote letters and 
diaries during the cross-country trek to the promise of California often recorded 
their sense of being captives of their fathers' or husbands' asspirations for gold 
or fertile land. The captivity narrative thus seems an apt metaphor for much of 
women's travel in earlier centuries. 

Stepping out has different requirements, a different set of possibilities: going 
of one's own volition, returning to tell the tale, and in the telling claiming the right 
to create a self to do the traveling and the telling. 

In Good Bones and Simple Murders, Margaret Atwood steps way out: she 
travels, in her characteristically ironic way, from one planet to another; she 
becomes other species— a bat, a moth from a planet where moths are the dominant 
creatures. Her point in all of this is to show us to ourselves, to give readers a 
vantage point on being human. How foolish looks the man swatting at the bat with 
the broom from the perspective of the bat, who wants only to get out where he 
came in and return to his cave. To the potential interplanetary visitor to Earth, 
Atwood describes human beings and their habits, such as eating: "I destroy and 
assimilate certain parts of my surroundings and change them into myself (133). 
In "Cold-Blooded," the she-moth who has managed to communicate with humans 
on earth reports to her "sisters, the Iridescent Ones, the Egg-Bearers," on the 
strange customs of the "blood creatures" : females do not devour their male partners 
after mating, and the fact that most of their leaders are male explains why humans 
live in a state of "relative barbarism" (81). 

Atwood travels to be feminist and parodic; her destination is critique, not just 
description. Yet she does what any travel writer does: interprets the unfamiliar 
to the folks at home through the medium of herself. Bats understand that the 
Broom is Bad and the Cave is Good; for humans, the broom is a site of domestici- 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



146 Nancy A. Walker 

ty, but for bats the human-feared cave is home, "with bodies rounded and soft as 
furred plums clustering around" (115). Assuming the "I" of the bat or the moth 
is the means of mediating between their unfamiliar worlds and our familiar ones, 
and in the process we must see ourselves anew. 

But the "I" is female. That we know from the title page, but we might know 
it as well from Atwood's emphasis on procreation, on bodies, on the relationship 
between the sexes. We might know it from her wry comments on male dominance. 
Whatever the evidence, the woman-as-traveler has a different eye and a different 
"I." In whatever century she inhabits, even the late twentieth, she is stepping out: 
out of the house, out of the frame, away from home where she belongs. Ruth and 
Sylvie, in Marilynne Robinson's novel Housekeeping, not only leave home and 
declare "an end to housekeeping" (209). The ever-transient Sylvie and her niece 
Ruth cannot be imagined by the neighbors as perpetual travelers, and so are 
presumed to be dead; such presumptions give them a curious permission, freeing 
them from the obligation to return from the trip. In not returning, however, Ruth 
and Sylvie deny us a report of the travel, a translation of the world beyond the 
frame. In this post-modem circumstance, it is up to us to supply our various 
narratives of their journey— what matters to Robinson is the road to the stepping 
out, not what happens afterward. 

How different were the circumstances of the women whose travels Richard 
Mullen describes in Birds of Passage, Englishwomen who visited America in the 
first half of the nineteenth century. In contrast to Ruth and Sylvie's unfettered, 
will-o'-the-wisp existence, these women were bound solidly to the trunks full of 
possessions necessary for weeks and months of travel on shipboard and in carriages. 
And they were bound, too, by the twin awareness of being English and female. 
Even Rebecca Burlend, who with her husband and five of her seven children came 
to homestead, not just visit, in America, seems always to have considered herself 
an Englishwoman living in America, not an American, even though she lived in 
Illinois until her death in 1872, when she was nearly eighty. Rebecca Burlend, 
the first of the "Five Englishwomen in Search of America"— the book's subti- 
tle—that Mullen discusses, does differ from the others in some significant ways. 
As the least economically and socially privileged of the five— which is precisely 
why homesteading in America had its appeal— she and her family traveled in 
steerage on the voyage to America, and, once here, experienced only rural life in 
a small farming community rather than the cities of the Northeast and South visited 
by her more affluent peers. 

Yet she shares with these women— Frances Wright, Frances TroUope, Lady 
Enmieline Wortley, and Catherine Hopley— the eye and "I" of the woman traveler, 
noticing and noting those aspects of human existence that life had trained them to 
observe: manners, food, family life, fashions. As Mullen notes in the introduction 
to Birds of Passage, "men may have learned more about commerce, science or 
politics, but women learned more about life" (3). Thus Rebecca Burlend records 



Stepping Out: Writing Women's Travel 147 

the difficulty of cooking meals while traveling on the crowded ship, sharing a 
cooking fire with many others; upon arrival in New Orleans, she was horrified by 
slavery but charmed by the beauty of the plantation homes that slavery sustained. 
Once in Illinois, Rebecca's husband, John, negotiates for land while Rebecca seeks 
the advice of neighbors about housekeeping on the frontier. Attuned to the 
domestic, she describes a neighbor's cabin in some detail— noting the amounts of 
both honey and tobacco that were kept on hand. Like other female travelers on 
the American frontier, she described the night sky in deeply romantic terms. 

Or did she? Rebecca Burlend, it mms out, did not acmally write about her 
travel to and life in America; indeed, she might not have been literate. She told 
her story to her eldest son during a visit to England in 1846; Edward wrote the 
story, which was published in 1848 with the wonderful dtle A True Picture of 
Emigration; or Fourteen Years in the Interior of North America; Being a Full and 
Impartial Account of the Various Difficulties and Ultimate Success of an Engish 
Family Who Emigrated from Barwick-in-Elmet near Leeds, in the Year 1831. While 
there is no reason to believe that son Edward invented incidents or even altered 
the angle of his mother's vision, the fact remains that Rebecca's "I" is filtered 
through the consciousness and the pen of another. Richard Mullen is entirely 
uncritical about this fact, reporting that "Edward was faithful to his mother's story" 
(30) without pausing to consider how differences in vocabulary, phrasing, and 
emphasis can alter the nature of "truth." It is only the evidence of other traveling 
women of the same period that inclines us to believe that Rebecca Burlend did 
indeed stand transfixed beneath the stars of a winter Illinois night. 

Mullen is on far less shaky ground with the other women travelers in Birds 
of Passage, all of whom wrote their own accounts of travel to and in nineteenth- 
centiuy America. The best-known of these is Frances TroUope's Domestic Manners 
of the Americans, which announces in its very title that Mrs. Trollope was more 
drawn to the details of everyday life than to broad political or economic issues. 
The fact that she was disdainful about many of America's "domestic manners" 
created the book's celebrity: American readers were incensed by her blunt 
criticisms of American food, means of travel, and behavior, while many English 
readers were confirmed by it in their belief that Americans were a barbarous lot 
who spit tobacco juice, threw their garbage into the street, and lacked both 
sufficient servants and taste in clothing. In contrast to her sometime traveling 
companion, Frances Wright, Trollope recorded her impressions of a society in 
which the leveling effects of democracy removed some of the insulation against 
gritty reality that those of her social class expected as their due. 

The difference between Frances Wright's 1821 Views of Society and Manners 
in America and TroUope's 1832 Domestic Manners illustrates the debate raging 
in nineteenth-century England about the merits and dangers of democratic political 
organizafion. Although both of these women travelers observed most closely what 
we might generally call the "domestic" side of American life— with Frances Wright 



148 Nancy A. Walker 

positive and enthusiastic about what she encountered and Frances Trollope highly 
critical— their travel narratives formed part of a deeply political controversy in 
which American society was the testing ground for a democratic experiment which 
attracted some in England and frightened others. These women's personal 
narratives thus quickly left the realm of the personal and stepped out into political 
debate. Whether one's fellow travelers were excellent conversationalists, as Wright 
found them to be, or rowdy and rude, as Trollope felt was the case, was not merely 
a matter of individual taste, but pointed to a fundamental difference in attitudes 
about personal freedom. 

The women travelers whom Mullen considers seem in fact determined to break 
out of the gendered mold he announces for diem. While it is true that they were 
more conscious than tlieir male contemporaries of the acconmiodations on steam- 
boats and the decor of houses, with the exception of Rebecca Burlend these women 
had— and expressed— decided opinions on various American institutions, particularly 
slavery. Even Lady Enmieline, who announced early in her Travels in the United 
States Etc. that "for the politician or philosopher these pages will, 1 fear, have little 
or no interest," had much to say about American concepts of progress (although 
she deplored the race for the dollar that unrestrained capitalism seemed to breed), 
the justice of the American Revolution, and the complicated nature of the issue of 
slavery. Even closer to slavery was Catherine Hopley, the fifth of Mullens' 
"birds," who worked for a time as a governess on a Virginia plantation. Although 
not an ardent abolitionist, Hopley was, like most antebellum English visitors, 
initially opposed to the "peculiar institution"; she had read Stowe's Uncle Tom's 
Cabin, and was pleasantly surprised to find the treatment of slaves at her place of 
employment far less harsh than that depicted by Stowe. Hopley 's 1863 book. Life 
in the South, supported the cause of the Confederacy, and she later wrote a short 
biography of Stonewall Jackson, one of its major heroes. Although Catherine 
Hopley wrote more out of a loyalty to those who had treated her kindly in Virginia 
than from a deep-seated political philosophy, she nonetheless saw fit to enter 
publicly (if anonymously) into the major debate of the day. 

That travel writing offered a sanctioned venue in which a woman could take 
a stand on politics and social institutions is one of the points that Mary Suzarme 
Schriber makes in her introduction to Telling Travels: Selected Writings by 
Nineteenth-Century American Women Abroad: "The commodiousness and elasticity 
of the genre offered a public space in which women made their voices heard on 
national and international issues" (xxv). As the title suggests, Schriber's collection 
contains the record of women moving in the opposite direction from- crossing paths 
with, as it were— those profiled in Birds of Passage. The sixteen women whose 
travel writing is excerpted here did not go just to England or Europe; some went 
farther afield to Africa, Algeria, and Russia, and more than one went around the 
world. Some of these women traveled for expressly political purposes: reformers 
such as Emma Willard, Margaret Fuller, and Harriet Beecher Stowe went abroad 



Stepping Out: Writing Women's Travel 149 

in large part to study institutions and movements that might assist them in their 
efforts to improve the lot of American women and slaves. 

Yet the travel writing of these three unusually public women differs consider- 
ably in subject matter and tone, and the difference has to do more than anything 
else with audience. Most people who comment on travel writing give insufficient 
attention to the writer's assumed reader, and yet, as a form of autobiography , travel 
writing is shaped to a significant degree by whom the "eye" and the "1" are 
translating the experience for. Willard, Fuller, and Stowe all use the letter 
form— surely the most common form of travel writing over the centuries— but 
whereas Willard and Stowe wrote personal letters to specific individuals. Fuller 
wrote public letters to anonymous readers of the New York Tribune, for which she 
was a foreign correspondent. Thus Willard, writing to her sister, chats about the 
room she is staying in while in Paris, and discourses upon French fashions, and 
Stowe, addressing her children, describes the rigors of her voyage to London. 
Fuller, in contrast, assails the European class system for her Tribune readers in 
the 1840s, and has to acknowledge that by maintaining slavery, America is failing 
to set a good example for other nations. Each writer shapes her report— and the 
presumed self that delivers it— with an eye to who will open the envelope, the 
newspaper, the published book. 

Despite such differences, one similarity unites the sixteen selections in 
Schriber's collection, which were published from the 1830s through the 1890s: an 
attitude of delight in being away, an almost mischievous sense of freedom from 
the ordinary, the expected. Thus Sarah Rogers Haight, traveling from Odessa to 
Turkey, exults, "in two days 1 found myself in Turkey, with everything differing 
so materially from what I had ever before seen" (51). Julia Ward Howe remem- 
bers leaving Italy "with infinite reluctance" after her second visit: "America seemed 
the place of exile, Rome the home of sympathy and comfort" (158). One of the 
most exuberant of travelers is Elizabeth Cochrane Seaman, better known as Nellie 
Bly, setting out to beat Phileas Fogg's speed record for traveling around the world: 
"if 1 had found the elixir of life I should not have felt better than 1 did when 1 
conceived a hope that a tour of the world might be made in even less than eighty 
days" (223). Catharine Maria Sedgwick takes pleasure in the orderliness of 
England: "Coming from our head-over-heels land, it is striking and beautiful to 
see the precise order that prevails here" (84). Such joy in being somewhere other 
than home may be in part attributed to the requirement that the travel writer 
entertain her reader; even seasickness is made by Stowe into an adventure to relate 
to her children. The book-buying public, increasingly interested in travel narratives 
as the nineteenth century progressed, would want the exotic to be pleasurable. But 
in addition to these demands of readership, one has the sense that for many of these 
women travel to other countries was a metaphor for breaking free of the constraints 
with which the culture bound them— ranging from clothing styles to legal restric- 
tions. 



150 Nancy A. Walker 

At the same time that women travel to find the unrestrained "I," they are also 
quick to forge bonds with those they meet. When Caroline Kirkland considered 
the experience of homesteading in Michigan in the 1830s in A New Home— Who 'II 
Follow? (1839), she stressed— as male frontier writers did not— the interdependence 
of people pioneering in new territory, not only for social interaction, but more 
importantly for survival. For women travelers, the objects of greatest fascination 
are other people, not monuments and geography. In the excerpt from Agnes 
McAllister's A Lone Woman in Africa, this Methodist missionary struggles to 
understand the customs and values of the African women she lives among. What 
seems to be a preoccupation on the part of many travelers with dress and social 
ritual may be seen not as an emphasis on the superficial but as an effort to connect 
on a human level. Helen Hunt Jackson, visiting Rome in the 1860s, professes 
amazement at the stoicism of a Roman acquaintance who enters a convent each 
year for eight days of silence. "Think of that!" Jackson writes, "Not one word 
to a human being for eight days! There are some of us who would go mad on the 
seventh, if not sooner" (175). 

When we move ahead a century, much has changed in women's travel. No 
longer, at least in most countries, is a woman unescorted by a man vulnerable to 
doubts about her virtue; changes in clothing and health allow women's travel to 
be far more active and athletic than before; and travel itself is far faster, more 
comfortable, and less dangerous than a century ago. Women frequently travel on 
business and political errands, as men have always done. And yet to read the 
narratives in Travelers ' Tales: A Woman 's World is to find oneself on familiar 
ground. These fifty-six brief personal accounts of women stepping out demonstrate 
that leaving home still serves the purpose of self-discovery for contemporary 
women. The nineteenth-century woman sought a space for herself outside the 
frame of the domestic; the late-twentieth-century woman may be leaving behind 
her voice-mail instead of her dishpan, but the experience is otherwise much the 
same. Lynn Ferrin, for example, spends "eleven months of the year blinking into 
a computer screen, " then goes on a horseback trip through Inner Mongolia to return 
to her desk with a "new way of seeing" (121). Alison DaRosa fishes for marlin 
in Mexico as a way of becoming part of the generations of male professional 
fishermen in her family; returning, she symbolically joins the world of her father 
and his forefathers, heir to their experience. Marianna Gosnell takes a three-month 
leave from her job with a news magazine to fly solo across America so that she 
could be "situng in some nameless cube of air, or standing, an anonymous human 
being, on the grounds of some unidentified little airport" (300). 

Far more often than in earlier centuries, women's travel can be a solo flight, 
but more often than not, the traveler emphasizes the importance of relation- 
ships—recognitions of common humanity across cultural differences. In "Five 
Pounds of Almonds," Jo Broyles Yohay recounts her trip alone to India, during 
which she delivered a gift of almonds to the brother of a friend. For Yohay, the 



Stepping Out: Writing Women's Travel 151 

trip is "a midlife, self-confrontational adventure" to prove to herself that she is the 
explorer that as a child she dreamed of being. But more important than what she 
proves to herself is her role as catalyst for the stepping-out of her host's wife: the 
shopping trip the two women take one day without a male escort is as large a step 
for the Indian woman as is Yohay's six-week trip across India. Frequently, travel 
with other women is a way of both carving out a female space and maintaining 
connection. A narrative that serves as a paradigm for this is Mary Beth Sinmions' 
"Women at the Well." Arriving in Cameroon as a Peace Corps volunteer, 
Simmons was told a cautionary tale about cultural difference: a former Peace Corps 
worker, concerned that the village women had to walk five miles to get water, 
arranged for a well to be dug in the village; when the women continue to make 
the long trek to fill their water barrels he is finally told that these trips are valuable 
to them as time to be away from their husbands, to gossip and to laugh. There 
are distinct parallels between this story and Cathy N. Davidson's account of the 
communal women's bath in Shirakama, Japan, and Betsa Marsh's narrative of her 
and her friends' annual shopping pilgrimage to the factory outlet stores in Pigeon 
Forge, Tennessee. 

The rollicking humor of Marsh's "A Spree in Tennessee" marks it as contem- 
porary, but the humor is on a continuum with the joy so often expressed by earlier 
women travelers. The women whose narratives comprise A Woman 's World are 
capable of an irony and even at times a self-mockery largely unavailable to 
nineteenth-century women travelers, who were more likely to write ritualistic 
apologies for daring to appear in print. Nonetheless, women's travel writing tends 
to be infused with realizations of power, often quite simply told, as in Judith 
McDavid's "Learning to Walk," when she recalls the lesson of her first long Girl 
Scout hike: "If 1 could walk five miles, 1 could go anywhere in my world" (77). 

Margaret Atwood might add, "or in any world you can imagine. " 

Vanderbilt University 



Works Cited 

Atwood, Margaret. Good Bones and Simple Murders. New York: Doubleday, 1994. 
Bond, Marybeth, ed. Travelers ' Tales: A Woman 's World. San Francisco: Travelers' Tales, 

Inc., 1995. 
Mullen, Richard. Birds of Passage: Five Englishwomen in Search of America. New York: 

St. Martin's Press, 1994. 
Schriber, Mary Suzanne, ed. Telling Travels: Selected Writings by Nineteenth-Century 

American Women Abroad. DeKalb: Northern Illinois University Press, 1995. 



Alfonso Paolella 



Petrarca: peregrinus an viator? 



1.1. Inseguire Petrarca nei suoi continui spostamenti e, soprattutto, ricordarne 
le frequenti peregrinazioni richiede una memoria non comime.' D'altronde anch'egli 
si sentiva "peregrinus ubique" (Epyst. Ill 19, 16) e, come ricordava nella prima 
lettera delle Familiari confrontando il proprio destino con quello di Ulisse, tutta 
la sua vita "in peregrinatione transacta est" {Fam. I 1, 21). Ambedue hanno 
vagabondato a lungo e in paesi lontani, ma il paragone con il personaggio antico, 
nel tentativo di elevare la propria esperienza biografica su un paradigma di 
esemplarit^,^ come, del resto, h peculiare della mentality medievale e, in particolare, 
delle opere di Dante, fornisce anche una chiave interpretativa non solo dell'e- 
pistolario, ma di numerose altre opere. 

Tutta la produzione petrarchesca si ispira, in qualche modo, alia visione della 
vita come itinerario^ che si svolge sia nel tempo sia nello spazio fisico e geografico 
sia nello spazio interiore nella forma dclV itinerarium mentis verso la perfezione 



1. Diversi sono stati gli studi sui viaggi e sulle conoscenze geografiche del Petrarca: F. 
D'Ovidio, "Questioni di geografia petrarchesca", Atti della R. Accademia di Scienze Morali 
ePolitichedi Napoli, xxu(l8S9), 125-156; E. Penco, II Petrarca viaggiatore (Genova-Sam- 
pierdarena, Tip. don Bosco, 1932); E. H. Wilkins, "Peregrinus ubique". Studies in Philology, 
XLV (1948), 445-453; A. Sacchetto, II pellegrino viandante. Itinerari italiani ed europei 
di Francesco Petrarca (FvcQiac, LeMonnier, 1955); G. Margiotta, "Studio illustrativo degli 
itinerari italiani ed europei del Petrarca" , Rassegna di cultura e vita scolastica, xi, 1 (1957), 
6-7; P. Lelis, "Petrarca turista ante-litteram", Historia (giugno 1962), 56-57, ma inquesto 
saggio si intende approfondire altri aspetti non considerati nei precedent! lavori. 

2. La lettera all'amico Guido Sette {Sen. X, 2) e una sorta di autobiografia cadenzata 
simbolicamente su un ritmo quadriennale: quattro anni a Montpellier; viaggi in Europa per 
quattro anni dopo 1 'esperienza bolognese; visita a Roma dopo quattro anni e a Napoli dopo 
lo stesso nmnero di anni: "Sic tunc vitam quatemario partiebar". 

3. "Ut multorum dierum navigatio, sic multorum annorum vita est: non unum celo sidus, 
non una tempestas pelago; sepe flectendus clavus, sepe contrahenda sunt carbasa, et sepe, 
quo nil periculosius habet ars nautica, pro ventorum varietate flectenda sunt. Numquam 
expectes ut diu sit immota tranquillitas aut maris aut vite; mutantur assidue renim facies, 
et sepe serenissimus mane dies nubUo fme concluditur". Le citazioni sono dell'edizione 
nazionale: Familiares, a cura di V. Rossi e U. Bosco (Firenze, 1933). Per le Seniles si e 
utilizzato il volgarizzamento di G. Fracassetti (Firenze, 1869-1870); per il Secretum I'edizione 
acuradiG. Martellotti (Milano-Napoli, Ricciardi, 1955); ptr \& Epistolae Metricce \a. siessa. 
edizione delle Familiar es\ infme, per il Canzoniere, I'edizione di G. Contini (Torino, Einaudi, 
1964). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



Petrarca: peregrinus an viator? 153 

umana e cristiana. E tuttavia il modello dantesco costituisce un referente dinamico 
e polemico con il quale continuamente misurarsi: lo stesso concetto della vita, pid 
volte ricordato da Dante come itinerario, sia nel celebre incipit della Commedia, 
che successivamente (Inf. X, 130-132 "quando sarai dinanzi al dolce raggio / di 
quella il cui bell'occhio tutto vede, / da lei saprai di tua vita il viaggio"), diventa 
in Petrarca un leit motiv letterario ed esistenziale su cui modellare la propria 
esistenza. 

1. 2. Ricostruendo a grandi linee la biografia petrarchesca, emerge che i viaggi 
del Poeta possono essere raggruppati, tematicamente, secondo tre tipologie: a) i 
viaggi inconsapevoli e imposti dalle ineluttabili necessity familiari, durante I'infanzia, 
dove prevale il tema dell'esilio come dimensione psicologica ed esistenziale; b) i 
viaggi della giovinezza, il cui fulcro fu Bologna, che rappresentarono le basi per 
lo sviluppo dell'educazione e della formazione intellettuale; c) i viaggi della maturity 
e della vecchiaia che lo videro come V orator corteggiato dai principi, I'ambasciatore 
che serviva i principi in assoluta liberty, ma anche I'intellettuale che ricerca una 
utopica dimora tranquilla e serena. 

L'apparente contraddizione tra I'uomo pubblico che insegue onori e incarichi 
di prestigio alia corte papale e presso i potenti signori e I'uomo di studio che, nella 
sua dimensione interiore, aspira alia serenity e alia tranquillity si risolve in una 
inquietudine che lo spinge sempre alia ricerca dell'ttZ?/ consistam fisico e spirituale. 

Tuttavia I'immagine che emerge dai dati biografici h lontana dal monumento 
che Petrarca erige a se stesso e intende affidare ai posteri. L'epistolario, in altri 
autori accreditabile come autentica testimonianza biografica, diventa con il Petrarca, 
all'indomani della scoperta delle lettere di Cicerone, un'opera letteraria, un lusus 
utile solo parzialmente a ricostruire dati storicamente veritieri. 

2. 1. La memoria, consapevole o indotta dal racconto altrui, delle disawenture 
affrontate findall'infanzia {Fam. 1 1, 23-24; XIV 5, 23-24) lo ha segnato e rimarr^ 
viva per molti anni, se h vero che ritom6 piu volte sulle redazioni dell'epistolario. 
All'et^ di sette mesi, nel 1305, h databile il primo incidente: nell'attraversare TAmo, 
mentre la madre tomava allTncisa presso il nonno, ser Parenzo, il cavallo del 
servitore cui era stato affidato il bambino cadde nell'acqua e ambedue rischiarono 
di annegare nel fiume; a sette anni, invece, rischid la vita andando per mare a 
Marsiglia a causa di una tempesta: 

Meminit baud ignobilis Italic civitas, Aretiura, quo pulsus patria pater magna cum 
bonorum acie confugcrat. Inde mensc scptimo sublatus sum totaque Tuscia 
circumlatus prevalidi cuiusdam adolescentis dextera; qui . . . linteo obvolutum, nee 
alitcr quam Mctabus Camillam, nodoso de stipitc pcndentem, ne contactu tenerum 
corpus offenderet, gestabat. Is, in transitu Aniifluminis, lapsuequieffusus, dum 
bonus sibi creditum servare nititur, violento gurgite prope ipse periit. Finis tusci 
erroris, Pise; unde rursus etatis anno septimo divulsus ac maritimo itinere 
transvectus in Gallias, hibemis aquilonibus baud procul Massilia naufragium passus, 



154 Alfonso Paolella 

parum abfui quin ab ipso rursus nove vite vestibule revocarer. 

II Petrarca b un osservatore attento della citt^ che vede per la prima volta: a 
Parigi, ad esempio, cammina di giomo e, quando non gli basta, anche di notte per 
esperire se effettivamente corrisponda a verity la fama di questa grande citt^ (Fam. 
14, 4); a Colonia, celebre per la posizione geografica e per la sua gente, e 
meravigliato come tra i barbari possa essere sorta tanta civilt^, bellezza di edifici 
ed eleganza femminile (Fam. I 5, 1-4)/ 

Sul tessuto urbano di Avignone, la prima citt^ nella quale dimora piu a lungo, 
generalmente tace. Sede del papato dal 131 1, le spericolate operazioni finanziarie 
della corte pontificia avevano attirato in citt^ un certo numero di banchieri che 
praticavano I'usura e il cambio in una sfrenata logica affaristica. Cardinali e vescovi, 
assetati di potere, di prestigio e di denaro, svilupparono nel lusso piu appariscente 
una forte politica nepotista. Per tali motivi essa b la nuova Babilonia, la Babilonia 
occidentale, terra crudele e infemale strepito (Fam. XI 6, 5; XI 9, 2; XII 8, 1, 
10-11; XII 10, 2, passim), empia (Canz. CXIV), ma anche "meta nostre peregrinatio- 
nis" (Sen. X 2) perch6 luogo d'esilio suo e della Chiesa. Piu diffusamente parla 
della citt^ in una lettera a fra Bartolommeo, vescovo di Thiene, ma sempre in termini 
moraUstici poco lusinghieri (Fam. XII 11, 6-8); in un'altra lettera a Zanobi da Strada 
del 1353 affemia che non esiste nessuna citt^ piu torbida o piu raalvagia (Fam. XVI 
10, 1-3). Spacchi di vita quotidiana emergono invece in una epistola metrica al card. 
Bernard d'Albi (Epyst. II 3, 10-43) dove, sulle orme della descrizione di Roma 
fomita da Giovenale nella III Satira, presenta una reaM cittadina frequentata da 
persone di ogni razza, gente rissosa e indaffarata, carri che avanzano su strade 
fangose e anguste, dove gli artigiani lavorano ed esibiscono i loro prodotti. 

Per trasferirsi ad Avignone, la famiglia aveva affrontato il viaggio via mare 
ed aveva sostato a Genova, che cosi viene ricordata in una lettera del 1 novembre 
1352 al doge e al Consiglio di quella citt^, dove la sequenza dei loci amoeni produce 
una dimensione letteraria che cela in qualche modo I'effettiva reaM: 

Infans ego tunc eram, et vix velut in somnis visa commemini, quando sinus ille 
vestri litoris, qui et solis ortum respicit et occasum, non terrena sed celestis 
habitatio videbatur et qualem apud Elysios campos memorant poete, iuga collium 
amenis tramitibus virentesque convalles et in convallibus felices anime. Quis non 
ex alto turres ac palatia mirabatur atque arte perdomitam naturam, rigidos colles 
cedro Bromioque atque olea vestitos, et sub altis rupibus edes marmoreas nulli 
secundas regie, nullis urbibus non optandas? quis non spectabat attonitus latibula 
ilia letissima, ubi inter scopulos atria auratis trabibus stabant et equoreis sonantia 
fluctibus et tempestate rorantia, que specie sua navigantium in se ora converterent 
oblitumque remi nautam spectaculi novitate suspenderent? at si terra iter ageres. 



4. A. Sottili, "Tracce petrarchesche a Colonia", in Koln und Italien (Colonia, Istituto Italiano 
di cultura, 1966), pp. 109-20. 



Petrarca: peregrinus an viator? 155 

quem non stupor animi maximus habebat augustissimos et plusquam humanos 
virorum matronarumque habitus ceraentem? quis non viator medio calle torpebat, 
nunquam visas in urbibus delitias inter silvarum latebras et remotissima rura 
conspiciens? (Fam. XIV 5, 23-24) 

Sebbene i contatti con questa citt^, soprattutto per la sua realty politica, militare 
e sociale fossero frequenti, il Petrarca fomisce ben pochi dati sulla reaM geografica: 
a proposito dell'assedio del 1318 da parte dei Visconti, ricorda che sulla riva vi 
erano numerose e magnifiche ville; dopo il blocco dei milanesi, fiiggiti gli abitanti, 
esse erano diventate spelonche di ladri, che incutevano paura ai passanti. 

Scarse anche le notizie su Carpentras e Montpellier fomite essenzialmente dalla 
gi^ menzionata Senile X 2 inviata aU'amico d'infanzia Guido Sette nel 1368. 

Squarci di vita quotidiana si recuperano, invece, nella stessa lettera, per gli 
anni bolognesi, quando andava di sera a passeggiare nei campi con gli amici. 
L'incidente di uno studente, che aveva coinvolto la classe dei notai, provocd nella 
citt^ dei tumulti e, per solidarietA con lo studente, I'Universit^ si trasferi ad Imola: 
i fratelli Petrarca seguirono i docenti, ma poi passando per Rimini, Venezia, Pisa 
(o Genova ?) ritomarono ad Avignone.^ 

Altra citt^ piu volte ricordata b Lombez, citt^ della Guascogna, sede episcopale 
dell'amico Giacomo Colonna, fratello del card. Giovanni,^ che lo voile al suo 
seguito, insieme a Ludovico Santo di Beringen e Lello di Pietro Stefano dei Tosetti 
(rispettivamente il Socrate e il Lelio delle Familiari) nel prendere possesso della 
diocesi nel 1330:^ il viaggio, compiuto per terra e per mare, sia per la stagione 
avversa, sia per I'asprezza della regione, sia per una guerra in corso, fu pieno di 
dure fatiche e di disagi per un uorao di lettere dalla vita sedentaria. In questo periodo 
colse, tuttavia, I'occasione per visitare anche Tolosa, la valle della Garonna e i 
Pirenei sotto un cielo tempestoso {Sen. X 2). 

Nei primi mesi del 1333, alia maniera dell'Ulisse dantesco, ansioso di conoscere 
nuovi paesi e nuovi confini ("visendi tantum studio et iuvenili quodam ardore", 
Fam. I 4, 1) intraprende un lungo viaggio verso la Germania renana, la Francia 
settentrionale, il Brabante e la Fiandra.^ II fine dell'escursione fu conoscere e 



5. C. Calcaterra, "Francesco Petrarca e lo Studio di Bologna", in Alma mater studiorum. 
L 'universita di Bologna nella storia della cultura e della civiltd (Bologna, Zanichelli, 1948), 
pp. 115-124; A. FoTcsti, Aneddoti della vitadiF. Petrarca, acuradiA. Tissoni Benvenuti 
(Padova, 1977), pp. 24-26. 

6. A. Cretoni, "II Petrarca e i Colonna", Studi romani, IX (1961), 629-646. 

7. P. Ronzy, "Sur les traces de Petrarque", Annales de I'Universite de Grenoble, vi, 1 
(1932), 23-27; R. Lannes, "A la memoire de Petrarque a Lombez", Rassegna di studi 
francesi, v (1937), 157-158; C. Toumer, "Le sejour de Petrarque a Lombez", Revue de 
Gascogne, xxxii (1937), 97-112. 

8. G. Billanovich, "Tra Italia e Fiandre nel Trecento (Francesco Petrarca e Ludovico 
Beringen)" , in The Late Ages and the Dawn of Humanism Outside Italy. Proceedings of the 



156 Alfonso Paolella 

studiare i costumi degli abitanti che vengono continuamente confrontati con quelli 
della propria patria che, in ogni caso, risultano sempre i migliori. II continuo 
raffronto con personaggi o episodi dell'antichitA d^ la misura di quanto le sue 
conoscenze siano imprescindibili dalla visione storica, umana e immanente della 
reaM. 

Viaggiatore attento, annota che Gand e grande, ma soprattutto ricca, e che le 
regioni della Fiandra e del Brabante sono abitate da gente operosa, attiva nel 
commercio come nel lavoro artigianale della lana e dell'industria tessile. Ad 
Aquisgrana d^ spazio ad una storiella su Carlo Magno non prima di aver pero 
awertito il suo destinatario, il card. Giovanni Colonna, di rinviare I'onere della 
autenticit^ esclusivamente agU autori della "fabella". La sua curiosity non b ingenua 
come nella maggior parte dei viaggiatori contemporanei: egli accetta come credibile 
solo cid che pu6 esperire nella vita quotidiana sceverando il fatto dal mito: 

Gandavum quoque, ut media sileam, eodem conditore superbum vidi, amplum 
oppidum et opulentum vidi et ceteros Flandrie Brabantieque populos lanificos atque 
textores; vidi Leodium, insignem clero locum; vidi Aquensem Caroli sedem et 
in templo marmoreo verendum barbaris gentibus illius principis sepulcrum. Ubi 
fabellam audivi non inamenam cognitu a quibusdam templi sacerdotibus, quam 
scriptam michi ostenderunt et postea apud moderaos scriptores accuratius etiam 
tractatam legi; quam tibi quoque ut referam, incidit animis, ita tamen ut rei fides 
non apud me queratur, sed, utaiunt, penes autores maneat. Carolum regem, quern 
Magni cognomine equare Pompeio et Alexandre audent, mulierculam quandam 
perdite et efflictim amasse memorant (Fam. I 4, 5-7) 

Nella lettera seguente, inviata alio stesso card. Giovanni, annota che ad 
Aquisgrana ci sono famose acque temiali come a Baia e, successivamente, che a 
Colonia, altra citt^ dove sgorgano acque termali, nel mese di giugno assolata e 
polverosa, ha assistito ad un rito propiziatorio compiuto da donne che pronunciavano 
parole incomprensibili suUe rive del Reno. E lo stupore di fronte all'episodio gli 
fa riflettere su una, ormai banale, sentenza delle TusculanoB di Cicerone (5, 40, 
116) secondo cui "inter linguas incognitas omnes propemodum surdos ac mutos 
esse" {Fam. I 5, 4). A Colonia visita la citt^ con occhio incantato e curioso, ma 
sempre consapevole della storia e attento alle pratiche devozionaU: ricorda Agrippa, 
fondatore della colonia; nota che il Campidoglio h costruito ad imitazione di quello 
di Roma; vede un tempio, ancora incompiuto, chiamato "Massimo"; venera le 
reliquie dei corpi ritenuti dei Magi e le ossa delle vergini martiri che seguirono 
S. Orsola e d^ credito anche alia strana credenza popolare di un terreno che rifiuta 
di seppellire i cadaveri dei delinquenti. Nel mantenere la promessa, fatta in 
precedenza aU'amico, di riferire solo ci6 che vedeva e sentiva, prosegue questo 



International Conference (Louvain, May 11-13, 1970) (Lovanio, Leuven University Press; 
The Hague, Nijhoff, 1972), pp. 19-30. 



Petrarca: peregrinus an viator? 157 

viaggio verso la foresta deH'Ardeiina in maniera temeraria, trascurando i pericoli 
di una guerra in corso. Nel medesirao viaggio a Liegi scopri il codice contenente 
la Pro Archia di Cicerone. 

2. 2. Nel 1335 affronta il suo primo viaggio per Roma, la citt^ tanto vagheggiata 
e sognata, ma prima si femia a Capranica, ospite di Orso dell'Anguillara, 
imparentato ai Colonna, che nel '41 lo incoroner^ "poeta laureatus". In un paesaggio 
idilliaco dove il clima b saluberrimo e la regione circondata di colli, ruscelli e boschi 
abitati dalla fauna piu varia, offre la seguente vivace descrizione dell'ambiente 
guastato dai ladroni e del clima quotidiano di paura che vige nella regione e nella 
fortezza: 

Pax una, quonam gentis crimine, quibus cell legibus, quo fato seu qua siderum 
vi ab his terris exulet, ignoro. Quid enim putas? pastor armatus silvis invigilat, 
non tam lupos metuens quam raptores; loricatus arator, hastam ad usum rustici 
pugionis invertens, recusantis bovis terga solicitat; auceps retia clipeo tegit et 
piscator hamis fallacibus herentem escam rigido mucrone suspendit; quodque 
ridiculum dixeris, aquam e puteo petiturus rubiginosam galeam sordido fune 
connectit. Denique, nichil sine armis hie agiuir. Quis ille pernox ululaUis vigilum 
in menibus, que voces ad arma conclamantium, que michi in sonorum locum quos 
blandis e fidibus exprimere consueveram, successere? Nichil incolis harum 
regionum inter se aut tutum videas, aut pacatum audias, aut humanum sentias; 
sed bellum et odia et operibus demonum cunta simillima. {Fam. II 12, 5-6) 

Giunto a Roma,' la sua ammirazione per la citt^ "caput mundi" h infinita e 
numerose sono le attestazioni d'amore {Fam. II 9, 24-28; II 12, 8; II 14; VII 1, 
4; XI 16, 1, 8; XV 8, 6, 17-19; XV 9, 2, 27; XVI 8, 2; XXII 4, 8). Essa b la 
citta dell'antichit^ classica e dei Papi, di cui si puo dire solo che 

nulla [civitas] simihs fuit, nulla futura est ... Neque nunc ego romanas prosequor 
laudes: maior res est quam ut possit a transcurrente tractari; sed hec cursim attigi, 
ut intelligeres non parvipendere me regine urbis aspectum, de qua infinita perlegi 
et ipse multa iam scripsi, plura forte scripturus, nisi primordia mea precipitata 
dies mortis abrumpat. Finge me his nequaquam tangi; quam dulce tamen est 
cristiano animo cernere celi instar in terris, sacrosanctis martyrum nervis atque 
ossibus consertam et veri testium preciosa cede respersam; videre verendam popiUis 
Salvatoris imaginem et in saxo durissimo etemum gentibus adoranda vestigia. {Fam. 
II 9. 26-28) 

II brano riecheggia un tema accennato anche nel Canzoniere 

Et viene a Roma, seguendo '1 desio. 

Per mirar la sembianza di colui 

Ch'ancor lassii nel ciel vedere spera. (XVI) 



9. B. Testa, "Francesco Petrarca a Roma", Giornale d'ltalia, 11 novembre 1942. 



158 Alfonso Paolella 

La prima lettera inviata da Roma (Fam. II 14) b al card. Giovamii Colomia 
il 15 marzo 1337, scritta dal Campidoglio, un luogo emblematico per la storia di 
Roma, dove voile, quattro amii dopo, essere incoronato poeta: sopraffatto dalle 
meraviglie di Roma, resta attonito alia vista delle bellezze di una citt^ che, nonostante 
le rovine, b nella reaM molto piu affascinante deirimmagine che si era costruita 
dai libri; ma la descrizione di Roma non pu6 essere disgiunta dalla storia che I'ha 
resa grande e magnifica. Ritomer^ a Roma nel '41 , nel '43 e nel '50, in occasione 
del Giubileo, come ricorda nella lettera a Boccaccio del 2 novembre 1350 (Fam. 
XI 1): la prima volta, dice, era andato solo per vedere le meraviglie della citt^; 
la seconda per essere incoronato poeta; la terza e quarta volta per il desiderio di 
essere utile ai Colonna. E, successivamente, piu volte, nel '52, nel '56 e nel '62, 
manifestd il desiderio di stabilirsi nella citt^. L'ammirazione per Roma t suscitata 
dai monumenti pagani come gli archi trionfali (Fam. IX 13, 37), quelli di Camillo 
(Fam. VIII 1, 22), di Pompeo (Fam. VI 2, 11) o di Augusto (Fam. VI 2, 13), il 
Campo Marzio (Fam. V 15, 1; VI 2, 7), il carcere Mamertino (Fam. VI 2, 10), 
la casa di Anco Marcio e di Tarquinio Frisco (Fam. VI 2, 6), la casa di Publicola 
(Fam. VI 2, 8), i palazzi dei Cesari (Fam. IX 13, 37), il bosco della Ninfa Egeria, 
il Palatino (Fam. VI 2, 5), il Pantheon (Fam. VI 2, 12), le Terme di Diocleziano 
(Fam. VI 2, 15), ecc. Ma il motivo principale delle sue diverse visite alia citt^ 
fii frequentare i luoghi cari alia cristianit^: le reliquie del Salvatore, i sepolcreti 
di martiri (Fam. IX 13, 35), le molte chiese: S. Agnese, S. Lorenzo (Fam. VI 2, 
13), S. Silvestro in Capite (Fam. IX 13, 35), SS. Silvestro e Martino ai Monti, 
(Fam. VI 2, 13; IX 13, 36) la pietra con le orme del Signore o le sue reliquie 
(Fam. II 9, 28; IX 13, 34-35). 

Innamorato della citt^, tenta di risollevame anche il destino poUtico e culturale: 
Roma, per essere all'altezza della divina missione di capitale del mondo, deve 
liberarsi dall'oppressione, tirannia e ingiustizie della vecchia classe nobiliare e 
senatoria e ricondurre nella sede voluta da Dio il papato attualmente in esilio ad 
Avignone. Per tali motivi coglieri tutte le occasioni (Epist. 1 2 e I 5) per ricordare 
ai papi Benedetto XII e Clemente VI il loro stato di prigionieri del re francese e, 
sul piano politico, appoggia il breve esperimento govemativo di Cola di Rienzo. 
Singolare b la visita della citt^ che racconta al domenicano Giovanni Colonna nella 
lettera del 30 novembre 1337; I'improbabile passeggiata per Roma b registrata sul 
filo della raemoria dove il vissuto insegue la storia antica della citt^: 

hie Evandri regia, hie Carmentis edes, hie Caei spelunea, hie lupa nutrix et 
ruminaUs ficus , veriori cognomine romularis , hie Remi transitus , hie ludi cireenses 
et Sabinarum raptus, hie Capree palus et Romulus evanescens, hie Nume eum 
Egeria eoUoquium, hie tergeminorum aeies. Hie fuhnine vietus vietor hostium 
artifexque mihtie Tullus Hostihus, hie rex arehiteetor Aneus Martius, hie diseretor 
ordinum Priseus Tarquinius habitavit; hie Servio eaput arsit, hie earpento insidens 
atrox Tulha transivit et seelere suo vieum feeit infamem. . . . Hie minax Porsenna, 
et etruseus exereitus, et infestus erranti dextre Mutius, et tyranni filius eum libertate 



Petrarca: peregrinus an viator? 159 

concurrens, et hostem urbe depulsum ad inferos sequens consul, et fractus a tergo 
viri fortis Pons Sublicius, et Horatius natans, et Tyberis revehens Cloeliam. Hie 
erat Publicole nequicquam suspecta domus, hie Quintius arabat dum fieri meruit 
de aratore dictator, hinc abductus Serranus ad consulatum venit... {Fam. VI 2, 
5-8) 

Rimase profondamente addolorato quando venne a conoscenza del terremoto, 
che devastd la citt^ nel 1349, i cui effetti catastrofici in seguito cosl descrisse: 

Cecidit edificiorum veterum neglecta civibus stupenda peregrinis moles; turris 
ilia toto orbe unica que Comitis dicebatur, ingentibus rimis laxata dissiluit et nunc 
velut trunca caput, superbi verticis honorem, solo effusum despicit; denique ut 
ire celestis argumenta non desint, multorum species templorum, atque in primis 
Paulo Apostolo dicate edis bona pars humi collapsa et Lateranensis ecclesie delectus 
apex, lubilei ardorem gelido horrore contristant; cum Petro mitius est actum. ... 
Stomacentur et murmurent qui sibi aliquid videntur: mundi caput est Roma, et 
licet obsoletum impexumque, terrarum caput omnium hauddubie Roma est. {Fam. 
XI 7, 5-6) 

2. 3. Anche Napoli gioco un ruolo importante nella memoria dei viaggi del Petrarca: 
in questa citt^ voile essere esaminato da Roberto d'Angio nel 1341 e vi soggiomd 
unmese; approfittando di quella occasione visitd i maggiori monumenti tra cui S. 
Martino, la chiesa di S. Chiara, gli affreschi di Giotto nella cappella reale di Castel 
Nuovo, luoghi che ricorder^ tutti noiV Itinerarium Syriacum del 1358. 

Solo due anni dopo, nel novembre del 1343, torno a Napoli, dopo un lungo 
viaggio compiuto in parte per terra e in parte per mare, come ambasciatore per 
conto dei Colonna e del papa, per trattare la liberazione di tre membri della famigUa 
dei Pipini che avevano ordito una congiura contro re Roberto, che ormai era gii 
morto. In questa seconda circostanza, Timpatto con la citta, dove trovd alloggio 
nel convento di S. Lorenzo, nella cui chiesa Boccaccio avrebbe collocato I'incontro 
con Fiammetta, e la corte angioina non fu dei migliori: rimase cosi impressionato 
dall'arroganza, dalla sfrontatezza e dalla influenza di un monaco "spirituale" , fra' 
Roberto da Mileto, sugli arabienti di corte, da giudicare la nobile Partenope una 
prostituta ("Compatior tibi, mea nobilis Parthenope; vere tu harum quelibet facta 
es"): del resto alia corte ed in citt^ non esiste "nulla pietas, nulla Veritas, nulla fides" 
{Fam. V 3, 8). Compie la suamissione, che tuttavia non ha alcun esito, visitando 
i prigionieri nel carcere di Castel Capuano e contattando i personaggi piu influenti. 
Intende approfittare del soggiorno nella capitale meridionale per raggiungere il 
Gargano e visitare Brindisi, ma vi rinunzia per volere della regina Sancha e visita 
solo i dintomi di Napoli con gli amici Giovanni Barrili e Barbato da Sulmona. '° 
Tali luoghi costituivano per lui un grande interesse soprattutto per le suggestioni 



10. M. Feo, "Inquietudini filologiche del Petrarca: il luogo della discesa agli Inferi. Storia 
di una citazione", Italia medievale ed umanistica, xvii (1974), 115-183. 



160 Alfonso Paolella 

mitologiche e classiche, ma anche per la singolarit^ di fenomeni natural! come la 
Solfatara e i Bagni di Pozzuoli o la grotta Napoletana, la cui costmzione era stata 
attribuita dalla tradizione a Virgilio, reputato nel Medioevo come mago," fama 
che il Poeta aveva confutato durante I'esame sostenuto due anni prima al cospetto 
di re Roberto: 

Vidi loca a Virgilio descripta; vidi Avemi et Lucrini lacus, Acherontis quoque 
stagnantes aquas; piscinaminfelicis, nati sevitia, Auguste; Gaii Calligule superbam 
olim, nunc obrutum undis iter, et lulii Cesaris iniectum pelago frenum; vidi Sibille 
patriam ac domum, et horrificum illud specus, stultis irremeabile, doctioribus 
inaccessum; vidi Falemum montem famoso palmitem conspicuum, et hie aridam 
tellurem, morbis salutarem fumum perpetuo exhalantem, illic cinerum globos et 
ferventes scatebras, aeni instar undantis, confuso murmure eructantem... (Fam. 
V 4, 5) 

Tali meraviglie, ed altre ancora, colpirono il Petrarca che trovava sempre piu 
motivi per esaltare la civilt^ romana: il ricordo di Pompeo e di Cesare, di Scipione 
r Africano combinato con la bellezza del paesaggio permetteva la ricostruzione di 
un ambiente storico e culturale ormai perduto, ma che conservava ancora il suo 
fascino sebbene idealizzato. Scipione b definito "vir incomparabilis" , Pompeo e 
Cesare sono "humanis moribus altiores", ma accanto a questi eroi deH'antichit^ 
h introdotta la strana avventura di una eroina dei suoi tempi: una virago, di nome 
Maria, fa il mestiere d'armi ed b piii forte di molti soldati al punto che riesce a 
spostare una pietra enorme dopo aver assistito alia debacle di quelli che avevano 
tentato la stessa impresa. And6 anche a Baia'^ ed avrebbe voluto visitare la villa 
di Scipione a Litemo, ma nessuno seppe indicargli il luogo. 

II soggiomo nella capitale angioina gli permise di partecipare anche ad alcuni 
episodi che contribuirono a fargli conoscere meglio la realty socio-culturale della 
citt^: a Napoli, dice, come in un folto bosco, h pericoloso camminare di notte perch6 
si rischia di essere aggrediti anche dai nobili e sfrenati rampolli deH'aristocrazia 
armati di tutto punto. Tuttavia si beffa, ma solo fino ad un certo punto, della 
credulity popolare a proposito di un vescovo astrologo che aveva previsto per il 
25 noverabre del 1343 un forte terremoto a Napoli {Fam. V 5). La gente, compresa 
la regina, mossa dal terrore, si sparge per le strade per fare penitenza e affolla le 
chiese per la paura dell'imminente disastro. II Petrarca, parziahnente impressionato 
da tale clima di paura, aspetta fino a mezzanotte per osservare il tramonto della 
luna; appena coricato, un terribile frastuono lo sveglia e scende con gli altri monaci 
nella chiesa, mentre ftiori sopraggiimge ima paurosa tempesta. Al mattino, attenuato 



11. D. Comparetti, Virgilio nel Medioevo (ristampa anastatica: Firenze, La Nuova Italia 
1981); L. Petrucci, "Le fonti per la conoscenza della topografia delle terme flegree dal XII 
al XV secolo", Archivio storico per le province napoletane. III s. (1979), 99-129. 

12. E. Pontieri, Baia nel Medioevo (Napoli, Societa napoletana di storia patria, 1977). 



Petrarca: peregrinus an viator? 161 

il temporale, si avvia alia riva del mare dove trova tutte le navi del porto frantumate 
ad eccezione di una con i naufraghi ormai morti: 

Decrepit! naute rem sine exemplo asserunt. In ipso portus medio, fedum ac triste 
naufragium; sparsos equore miseros et vicinam terram manibus prehendere 
molientes, unda saxis impegerat et, ceutotidem tenera ova, disiecerat. Totura elisis 
etadhuc palpitantibus refertum cadaveribus litus erat; huic cerebrum, illi precordia 
fluebant. Hec inter, tantus virorum strepitus tantaque mulierum eiulatio, ut maris 
celique fragorem vincerent. Accedebat edium ruina, quarum multas funditus 
violentior fluctus evertit; cui nuUus, die illo, limes, nulla vel humane manus 
reverentia vel nature: statutos fines et litora consueta transcenderat. (Fam. V 5, 
12) 

Avendo assistito, negli ultimi giomi di novembre, ad un cruento spettacolo 
gladiatorio nei pressi di Nola dove un giovane mort pugnalato ai suoi piedi tra gli 
applausi della gente, decise di allontanarsi da una cittA cosi barbara e non voile 
piu tornarci. 

2. 4. Da Napoli, nel 1343, Petrarca si awid a Parma dove rest6 circa un anno. 
Nel febbraio del '45, mutate le condizioni politiche, tentd di fiiggire da Parma per 
dirigersi a Valchiusa in Provenza e raccont6 Tavventura in una lettera a Barbato 
da Sulmona {Fam. V 10). Al tramonto del 23 febbraio esce con pochi compagni 
dalla citt^ attraversando i posti di guardia; verso mezzanotte arrivano a Reggio non 
prima d'aver affrontato una banda di ladroni. Nello sfuggire all'agguato, il cavallo 
inciampa, sbalza da sella il Poeta che resta tramortito mentre infiiria un temporale 
di acqua mista a grandine. Petrarca riprende a stento le forze e risale a cavallo; 
le guide, perso I'orientamento, si trovano in un punto fuori strada da dove, per6, 
si sentono le voci delle sentinelle nemiche. Trascorrono la notte all'addiaccio, 
usando i cavalli come tende ed esponendo alia tempesta le loro schiene. Al chiarore 
dell 'alba, scoperto un sentiero, si avviano a Scandiano dove apprendono con grande 
sollievo che una squadra di cavalieri nemici li avevano cercati tutta la notte, ma 
poi avevano desistito. Fasciato il braccio in maniera precaria, attraverso le montagne 
giunse a Modena e a Bologna. Dopo qualche tempo si avvid a Verona, nella cui 
biblioteca capitolare scopri, nella primavera del 1345, i sedici libri dell'epistolario 
di Cicerone ad Attico e le lettere al fratello Quinto e a Bruto. L'ammirazione per 
Cicerone, gi^ grande, si accresce con la scoperta di questo epistolario e I'autore 
latino diventa un modello forte da imitare: h il perfetto uomo di lettere che riesce 
a conciliare I'azione politica con la meditazione filosofica. 
Da Verona, nell'autimno del '45, intraprese il viaggio verso la Provenza con I'amico 
Guglielmo da Pastrengo,'^ che lo accompagn6 solo fino al lago di Garda, al confine 



13. A. Avena, "Guglielmo da Pastrengo e gli inizi dell'umanesimo in Verona", Atti e 
memorie deU'Accademia di agricoltura, scienze, lettere, arti e commercio di Verona (1901), 
288-289. 



162 Alfonso Paolella 

tra Verona e Brescia, dove ci fu un tenero addio. Attraverso il passo di Resia, 
seguendo I'Adige, arrivd nel Tirolo e da li prosegui per Avignone attraversando 
le Alpi.'^ 

Era di nuovo a Verona nel 1348 quando un forte terremoto lo impression6 
profondamente: senti il pavimento muoversi sotto i piedi, i libri cadere dagli scaffali; 
la gente, impaurita, affollava le strade e tutti erano scossi dal fenomeno che poteva 
avere conseguenze catastrofiche (Sen. X 2). 

Alia met^ del 1349, mentre la famosa peste nera, che infuriava da due anni in 
Europa, veniva attenuandosi, parti da Parma, dove aveva trascorso tutto il '48, per 
recarsi a Padova e poi si mosse tra Carpi, Ferrara, Verona, Mantova, Suzzara. 

Durante il pellegrinaggio'^ a Roma, nel '50, si fermd a Firenze dove incontr6 
Giovanni Boccaccio. Per alleviare la noia del viaggio, secondo un diffuso uso 
testimoniato anche dalla novella di madonna Oretta (VI, 1) del Decameron, e dalla 
cornice dei Racconti di Canterbury di Chaucer, e per i pericoli connessi ai ladroni 
che infestavano le strade, taglieggiando i malcapitati pellegrini, che numerosi, 
all'indomani della peste, accorrevano nella citt^ santa, parti per Roma con alcune 
persone tra cui un anziano abate dall'aspetto venerando, buono e dotto parlatore 
(Fam. XI 1, 3). Tuttavia un grave incidente colse il Petrarca: uscita la comitiva 
da Bolsena, il cavallo dell 'abate si imbizzarri e colpi violentemente con un calcio 
la gamba sinistra del Poeta, al punto di spezzarla; colto da violentissimi dolori, 
si fermd a Viterbo, dove i medici riscontrarono un'infezione alia ferita e gli 
consigliarono quindici giomi di riposo. Al ritomo da Roma and6 ad Arezzo per 
visitare i luoghi della sua infanzia, qui apprese che i concittadini avevano voluto, 
per riguardo a lui, omiai famoso, che la casa di nascita rimanesse intatta. 

2. 5. Ma il luogo a lui piii caro e dove sogna sempre di tomare b la sua casa di 
Valchiusa sulla riva del Sorga, luogo di meditazione, di riposo e di fruttuosa 
produzione letteraria. Numerose sono le dichiarazioni d'amore ed entusiasmanti 
le lodi per questa locality che ritiene sublime (Fam. V1,5;V10,3;VI3, 68-71; 
VI 5, 18; VIII 3, 9-14; VIII 3, 18; X 4, 10-11; XI 6, 4; XI 9, 2; XI 12, 1-6; XI 
12, 10-11; passim). II luogo, piii volte definito, I'Elicona transalpino, ebbe 
descrizioni trasognate e idilliache (Fam. VI 3, 68-71; VIII 3, 6; X 4, 11; XI 12, 
1, 3, 5, 10; XII 8, 2; XIII 8, 13-16; XV 3, 11; passim); la casa era circondata da 
orti (Fam. XI 12, 10; XIII 11, 13-14; XVI 1, 2) e da colline coperte di boschi dove 
il Poeta era solito passeggiare (Fam. Ill 19, 4-5; XIII 8, 14-15; XXII 5, 18). Tra 
il 1345 e il '47 scrisse in questo posto incantevole il De vita solitaria, il De otio 
religioso e il Bucolicum carmen; dal 1351 al '53, anno in cui decise di tomare 



14. A. Foresti, Aneddoti della vita di Petrarca, cit., pp. 170-77. 

15. H. Massoul, "Un Pelerin de Tannee sainte MCCCL: Francois Petrarque", Mercure 
de France, CLXXVi (1924), 577-603. 



Petrarca: peregrinus an viator? 163 

definitivaraente in Italia, vi continu6 il De viris illustribus, scrisse VInvectiva contra 
medicum e le Epistole sine nomine, e compose una parte delle poesie destinate al 
Canzoniere. Famoso t repigramma che invi6 a Philippe de Cabassoles nel 1351: 

Valle locus Clausa toto michi nullus in orbe 

Gratior aut studiis aptior ora meis. 

Valle puer Clausa fueram iuvenemque reversum 

Fovit in aprico vallis amena sinu. 

Valle vir in Clausa meliores dulciter annos 

Exegi et vite Candida fila mee. 

Valle senex Clausa supremum ducere tempus 

Et Clausa cupio, te duce, Valle mori. (Fam. XI, 4) 

2. 6. Dal '53 al '61 il Petrarca visse a Milano, ospite dei Visconti'* fino a quando 
la peste che imperversava nella citt^ lo costrinse ad andar via. Sembra che il Poeta 
volesse solo stabilirsi in Italia e che per un caso fortuito si fosse fermato a Milano 
(Fam. XVI 11, 9). 

Fino al 1359 abitd in una casa accanto alia chiesa di S. Ambrogio da dove 
godeva di uno splendido panorama con scorci sulla citt^ dominata dalle Alpi gi^ 
bianche di neve a fine estate: 

Habito interim in extreme urbis ad occiduam plagam secus Ambrosii basilicam. 
Saluberrima domus est, levum ad ecclesie latus, que ante se plumbeum tempU 
pinnaculum geminasque turres in ingressu, retro autem menia urbis et frondentes 
late agros atque Alpes prospicit nivosas estate iam exacta. (Fam. XVI 11, 11) 

anche se per lui lo spettacolo piii bello, che osservava da una finestra, era una 
scultura "viva e spirante" di S. Ambrogio collocata nella navata destra della chiesa. 
Successivamente si trasfert in una casa nei pressi del monastero benedettino 
di San Simpliciano dove diceva di voler condurre una vita appartata e solitaria. 
Nell'autunno dei '54, durante il soggiomo a Milano, I'imperatore Carlo IV di 
Lussemburgo scese in Italia per essere incoronato, I'anno seguente, a Roma dal 
card. Pierre Bertrand de Colombier. Giunto I'imperatore a Mantova, il Petrarca 
voile incontrarlo e rimase in quella citt^ una decina di giomi. I colloqui con Carlo 
rv fiirono raccontati poi, nei particolari, nella lettera XIX 3 delle FamiUari, la stessa 
nella quale aveva narrato in maniera assai vivace le difficolt^ e i disagi affrontati 
durante il viaggio per raggiungere la citt^: 

lam hiems miris modis indurerat ... Ad II Idus Decembris hinc movi, neque tam 
terreum quam adamantinum atque chalybeum iter erat et glaciei metus non nisi 



16. G. Galbiati, "Sulle orme lombarde di Francesco Petrarca", Annali della cattedra 
petrarchesca, rv (1933), 89-136; C. N. Gadda, "II Petrarca a Milano", Smeraldo, xm, 2 
(1959), 7-16; U. Dotti, Petrarca a Milano. Documenti milanesi (1353-1354) (MUano, 
Ceschina, 1972) e Vita di Petrarca (Ban, Laterza, 1987), pp. 318-356. 



164 Alfonso Paolella 

nivis solatio levabatur, que ipsa etiam preter morem nescio quid horrificum habebat. 
Captabamus tamen omni studio ubi nequicquam armati in glaciem equorum pedes 
utcunque consisterent, et mine pavor assiduus vie laborem fecerat non sentiri. Ad 
hec ct brume et algori nebula, qualis in memoria hominum non est, et celo immiti 
terrarum vastitas accesserat et solitudo horrida . . . Strate passim domus, habitator 
nullus fumosaque tecta villarum et dumosa novalia et hinc illinc erumpentes e 
latebris armati, quanquam sine noxa, ut qui nostri essent, non tamen sine horrore 
quodam, presentisadhuc belli vestigia preferebant. ... Mediolanoautemdigressus, 
quarta luce, imo vero quartis seu certe continuis tenebris, Mantuam veni, ubi ab 
illo nostrorum cesarum successore plusquam familiaritate cesarea et plusquam 
imperatoria lenitate susceptus sum. {Fam. XIX 3, 8-11) 

Ospite dei Visconti, fu inviato da loro, insieme a Sagremor de Pommier, in 
missione diplomatica presso Timperatore che pensavano si trovasse a Basilea.'^ 
I due ambasciatori rimasero un mese intero in quella "non grande, ma bella citt^ 
e solidamente fabbricata" (Sen. X 27), ospiti del vescovo, in attesa deirarrivo di 
Carlo IV, ma poi, avendo saputo che I'imperatore era a Praga, si diressero 1^ e 
vi rimasero per tutto il mese di luglio. Un gruppo di Familiari del XXI libro (1-2, 
5-8) sono dedicate a questa missione diplomatica e al resoconto degli incontri con 
I'imperatore. 

Un'altra descrizione di Milano si legge nella lettera 14 del XX libro delle stesse 
Familiari a proposito di un rigidissimo invemo che colse la citt^ nel '58, quando 
si accumuld tra le Alpi e I'Appennino tanta neve e gelo che nessuno ricordava cosi 
abbondanti. II freddo superd anche il menzionato invemo di quattro anni prima 
che gi^ era stato giudicato terribile. In citt^ croUarono case ed alberi sotto il peso 
della neve, la gente se ne stava rintanata nelle case per il freddo cosi rigido che 
gelava addirittura I'inchiostro del Poeta. 

Nell 'invemo del '61 affrontd una nuova missione diplomatica a Parigi per conto 
dei Visconti: durante il viaggio verso la citt^ ebbe modo di constatare le rovine 
e la distruzione che la lunga guerra anglo-francese aveva prodotto: Parigi, piu volte 
incendiata, ne risultava detiupata al punto che la Senna sembrava piangere le miserie 
della citt^ {Fam. XXII 14, 3-4). Anche il viaggio di ritomo fu disagevole per il 
passaggio delle Alpi in pieno inverno e in mezzo al ghiaccio. Scrisse una lettera, 
che poi non spedi se non a settembre, a Pietro di Poitier, priore di S. Eligio a Parigi 
dalle "disadome e scomode camere degli alberghi" (Fam. XXII 13, 10). 

2. 7. Allontanatosi da Milano a causa della peste, dopo im breve soggiomo a Padova 
(cittit del resto splendida e antichissima, ma diventata un porcile perche questi 
animali, lasciati scorazzare liberamente per le strade, insozzavano e deturpavano 
il tessuto urbano: Sen. XIV 1), abit6 pita o meno stabilmente a Venezia, ospite dei 



17. G. Binz, "Petrarca in Basel", Basler Nachtrichten, Sonntagsblatt, 14 (1933). 



Petrarca: peregrinus an viator? 165 

dogi, nel palazzo Molin sulla riva degli Schiavoni dal 1361 al '68.'* La cittA, 
bella, tranquilla e accogliente, h grandissima e costituisce un regno potente {Sen. 
IX 1); per la folia di mercanti di ogni razza essa h il "porto deirumanit^" {Fam. 
XXIII 14, 4). Ma la lode piu estesa a Venezia ricorre nella lettera a Pietro da 
Moglio:'^ essa h il rifiigio dei buoni, il luogo della liberty, della giustizia e della 
pace; ricca d'oro, ha palazzi rivestiti di marmo ed b circondata dal mare che la 
protegge meglio delle mura; ma ci6 che h piu importante, essa h govemata da uomini 
saggi. Recentemente ha recuperato la signoria su Candia e ora pud festeggiare 
ravvenimento con grande sfarzo: una galea omata di verdi rami annuncia, 
avvicinandosi a gonfie vele, la lieta notizia agitando bandiere nemiche come trofei, 
mentre la gente si affolla sui lidi. Scendono a terra gli ambasciatori che narrano 
nei particolari la vittoria sui ribelli che tentavano di sottrarre Candia al dominio 
veneziano. Si organizzano subito fastosi e magnifici spettacoU, giostre, tomei, giochi 
e feste che durano diversi giomi. Piazza S. Marco b gremita di persone fino 
airinverosimile: viene eretto un palco sulla destra della piazza da cui quattrocento 
gentildonne elegantissime assistono di pomeriggio agli spettacoli e di mattina e di 
sera partecipano ai conviti {Sen. IV 3). Tuttavia mentre a Venezia una volta 
approdavano navi cariche di frumento, ora, invece, mutati i tempi, sono piene di 
schiavi venduti dagli stessi genitori {Sen. X 2). In quella citt^ fu raggiunto nel '63 
dagli amici Giovanni Boccaccio e Leonzio Pilato che restarono con lui tre mesi; 
insieme a Donato Albanzani e al cancelliere Benintendi Ravagnani spesso di sera 
andavano in gondola per la laguna {Sen. Ill 1). Altro squarcio di vita quotidiana 
b raccontato in una lettera a Francesco Bruni: mentre redigeva la missiva, udi 
improvvisamente delle grida di marinai; salito sulla parte piu alta della casa, da 
dove si scorgeva il porto, vide, nel mare in tempesta, una enorme nave, che fino 
ad allora era stata alia fonda, salpare lentamente verso il medio Oriente: lo spettacolo 
gli procurd una grande piet^ per i marinai che rischiavano la vita ("Quanto la vita 
b cara agli uomini e in quanto poco conto essa b tenuta da loro" Sen. II 3). 

Nel '67 risali in un viaggio il Po e il Ticino da Venezia a Pavia {Sen. XV 8) 
e il lento scorrere dei fiumi gli permise addirittura di scrivere sulla barca una risposta 
a quattro averroisti che si proclamavano suoi amici, ma non lo tenevano in gran 
conto perch6 il Poeta non condivideva le loro teorie. 

Un secondo viaggio sui Ticino e sui Po, in altemativa alia poca sicurezza offerta 
dalle strade e per un forte dolore alia tibia, fli effetmato dal Petrarca da Pavia (del 
resto mirabilmente descritta e inserita nella propria regione nella lettera al Boccaccio, 



18. A. Foresti, "Per la storia dei rapporti del Petrarca con Venezia", Archivio veneto 
tridentino, x (1926), 188-202. 

19. G. Billanovich, "Petrarca, Pietro da Moglio e Pietro da Parma", Italia medioevale e 
umanistica, xxn (1979), 367-412 e "Giovanni del Virgilio, Pietro da Moglio, Francesco 
da Fiano", Italia medioevale e umanistica, vi (1963), 203-234; vii (1964), 279-324. 



166 Alfonso Paolella 

forse, del 22 dicembre 1365:^° Sen. V 1) a Padova in occasione di una missione 
diplomatica nel maggio 1368: stentd piu di un mese a trovare un barcaiolo che 
potesse traghettarlo fino a destinazione a causa della guerra in corso e molti 
giudicarono temerario quel viaggio. Petrarca e i servi incontrarono lungo il tragitto 
flottiglie di armati e mentre i servi tremavano e impallidivano, egli, fiducioso nella 
sua notoriety, riusci sempre a superare ogni ostacolo, anzi laddove lagente comune 
sarebbe stata assalita e depredata dai soldati, egli invece riempi la barca di bottiglie, 
di cacciagione, di frutta e di ogni specie di regali. Arrivato a Padova fu accolto 
da Francesco Carrara, che lo aspettd nonostante la pioggia (Sen. XI 2).^' 

Fu lo stesso signore di Padova che don6 al Poeta un terreno ad Arqu<l, dove 
costrui una casa nella quale poi sarebbe morto. Da questa dimora, nel 1372, scrisse 
due lettere (Sen. XIII 12 e XVI 4) a Philippe de Cabassole, ormai cardinale di 
Sabina, nelle quali ricordava gli antichi tempi di Valchiusa, la dolcezza delle 
passeggiate nei boschi, quando sfuggivano ai servi che li cercavano ed essi stessi 
si meravigliavano di essere arrivati al tramonto senza prendere cibo; ma ormai era 
anziano e non riusciva a percorrere nemmeno un miglio a cavallo e si rammaricava 
che la salute scemasse di giomo in giomo. La morte lo colse il 19 luglio del 1374. 

3. 1. II Petrarca affrontd la maggior parte dei viaggi per terra, pochi per mare 
e per via fluviale. 

L'insicurezza delle strade per la presenza di bande annate di ladri e per le 
numerose guerre locali che scoppiavano all'improvviso costituivano i pericoli 
maggiori che un viaggiatore era costretto ad affrontare nel medioevo; a questo 
bisogna aggiungere che ci si spostava a cavallo o su earn che, specialmente nella 
cattiva stagione, non offrivano molto riparo. Temporali, forte vento e neve 
costringevano spesso i viaggiatori a soste prolungate anche di parecchi giomi e 
bisognava essere ben fomiti di danaro (Fam. XVI 8, 5) per una permanenza forzata 
oppure essere ospitati gratuitamente con lapromessa di restituire I'ospitalit^ oppure 
confidare nell'ospitalit^ di un personaggio importante (Fam. XV 2). Tuttavia i rischi 
del viaggio non spaventano il Poeta: d'altra parte egli, ormai famoso e persona di 
riguardo, non cammina come I'umile viaggiatore che affronta un itinerario 
sconosciuto e denso di pericoli o privo delle comodit^ offerte dai suoi tempi. Per 
tali evenienze il Poeta a Valchiusa aveva incaricato un contadino di preparargli ogni 
volta il preventivo di spesa prima di un viaggio: esso si rivelava cosi esatto che 
il servo gli sembrava addirittura suo compagno di viaggio pronto ad annotare in 
ogni albergo la lista della spesa. Nella stessa lettera il Petrarca confessa che il 
continuo girovagare gli aveva procurato molta esperienza e che sarebbe andato anche 



20. Per la datazione di questa lettera cfr. E. H. Wilkins, Petrarch's Eight Years in Milan 
(Cambridge, Mass., 1958), pp. 81-91 e 312. 

21. G. Bongiovanni, Sulle orme di Francesco Petrarca (Milano, Gastaldi, 1955). 



Petrarca: peregrinus an viator? 167 

nell'estremo Oriente, se non lo avesse firenato lo studio e I'amore per i libri e la 
ricerca di una vita solitaria e contemplativa. Tuttavia spesso i libri gli hanno 
permesso di fare con rimmaginazione lunghi viaggi e "in un'ora andare e tomare 
non solo sano e salvo, ma anche senza sforzi, senza incomodi, senza spese, senza 
fastidi di bronchi, di spine, di fango, di polvere" (Sen. IX 2). 

3. 1. 1. Viaggiando in compagnia di amici o dei servi, come del resto era usanza 
nel Medioevo, per organizzare un viaggio bisognava prepararsi per tempo: era 
necessario comprare cavalli, che d'invemo andavano ferrati con speciali ferri "a 
ghiaccio" (Fam. XIX 3, 8-11), predisporre le masserizie, che qualche volta 
consistevano anche in bagagli di libri che correvano il rischio di essere danneggiati 
(Fam. XV 2, 9; XV 3, 4). II Petrarca aveva una buona esperienza di cavalli: 
conosceva quelli robusti che hanno bisogno di buon cibo (Fam. VI 3, 62); quelli 
pigri a correre e a salire, paurosi nel combattimento e insofferenti di compagnia 
(Fam. VI 6, 2) oppure cavalli che evidenziano i loro difetti solo in presenza di 
cavalieri inesperti (Fam. XXII 2, 5). Procurarsi cavalli non era impresa facile, 
perch6 dovevano essere numerosi e resistenti per affrontare talvolta centinaia di 
miglia: in una lettera del dicembre del '69 a papa Urbano V lo informa che si sta 
gi^ preoccupando di acquistare i cavalli da usare in primavera e dovranno essere 
numerosi perch6 cosi vuole "la vanity, I'orgoglio, il lusso" dei tempi e sarebbe 
sembrato "disdicevole se una nuvola di polvere non si alzasse da una numerosa 
schiera di cavalli e di servi"; e mentre ordinariamente egli ne ha bisogno solo di 
due, sarebbe poco prestigioso andare a Roma dal pontefice con un numero cosi 
esiguo di cavalcature (Sen. XI 16). In gioventu il Poeta aveva affrontato lunghi 
viaggi a cavallo, ma dal '72, come abbiamo gi^ riferito, si lamentava con Philippe 
de Cabassoles di non riuscire a stare a cavallo per piu di un miglio. 

Questo mezzo di trasporto era stato di gran lunga preferito dal Petrarca, tanto 
b vero che nel viaggio intrapreso per mare nel novembre del '43 da Nizza a Napoli, 
colto all'altezza di Porto Maurizio da una tempesta che lo costrinse a sbarcare a 
causa del mal di mare, continu6 il viaggio via terra dopo aver trovato suUa spiaggia 
un albergo con una cuccetta da marinaio e acquistato dei cavalli tedeschi, mentre 
lasci6 viaggiare per mare i servi e i bagagli (Fam. V 3, 2-3). Ma un cavallo poteva 
inciampare in una buca, su un tronco o in un sasso e il cavaliere cadere e ferirsi 
anche in maniera grave; talvolta il cavallo poteva fungere da riparo durante un 
temporale, come awenne nella fuga da Parma nel '45 (Fam. V 10, 5 e 7).^^ E 
potevano accadere altri tipi di incidente: nel gik menzionato viaggio a Roma per 
il giubileo nel 1350, durante una sosta presso Bolsena, il cavallo del vecchio abate 
lo colpi con un calcio alia tibia al punto da fratturarla (Fam. XI 1, 7-10). 

3. 1.2. Si viaggiava per sentieri e su strade che, a causa delle condizioni climatiche, 



22. E. Bevilacqua, "Parma e il Petrarca", Aurea Parma, xm, 3-4 (1929), 20-32. 



168 Alfonso Paolella 

d'estate erano polverose e d'inverao allagate {Fam. XV 2, 8) con enormi disagi 
dei viandanti e, poich6 erano facilmente soggette a usura per il passaggio di cam, 
cavalli ed altri animali avrebbero dovuto essere affidate, auspicava il Poeta, anche 
per il loro valore strategico, non solo alia cura dei cittadini, ma soprattutto dei 
governanti e signori delle citt^ {Sen. XIV 1). Esse potevano, per cause di guerra, 
anche essere chiuse o impedite come quando il Petrarca fu costretto a scendere sul 
Po da Pavia a Padova nel '68. 

Molto importante e prestigioso era ritenuto il viaggio per conto di un potente 
oper motivi politici: inun'altra lettera all'imperatore Carlo IV, raccomandandogli 
Famico Sagremor de Pommier, ascrive a suo merito I'aver viaggiato per conto 
dell'imperatore e dell'Impero molte volte, affrontando piogge e calori inopportuni 
e attraversando le Alpi in tutte le condizioni atmosferiche {Fam. XXI 7, 2-10). 

Nella disawentura dell'incontro con i predoni incorse anche il Petrarca: abbiamo 
gi^ visto {Fam. II 12, 5-7) come la presenza di ladroni presso Capranica potesse 
trasformare un paesaggio idilliaco in un inferno; aU'indomani dell'incoronazione 
a poeta sul Campidoglio, nel 1341, fuassalito, appena uscito da Roma, da ladroni 
armati che lo costrinsero a rientrare in citt^ e usci soltanto il giomo seguente protetto 
da una scorta amiata {Fam. IV 8, 3). Anche nel febbraio del '45, quando tent6 
la gi^ descritta sortita da Parma, giunto nelle vicinanze di Reggio, fu minacciato 
da terribili grida di morte di predoni che assalirono lui e i compagni impreparati 
ed inermi: unico scampo fu la fuga con il favore delle tenebre {Fam. V 10, 4). 
In una lettera al famoso Socrate del 22 giugno 1349 {Fam. VIII 9, 17-20), racconta 
come sia venuto a conoscenza della morte deH'amico Mainardo Accursio per mano 
di ladroni sull' Appennino mentre si dirigeva verso Firenze: quando la comitiva fu 
presa d'assalto, camminavano in fila indiana non sospettando di nulla; il primo a 
cadere fii Mainardo perch6 avanzava in testa; Olimpio con la spada sguainata accorse 
sul luogo e da solo teime testa a piu di dieci ladroni e, sebbene ferito, si salv6. 
I predoni si impossessarono del bottino, ma temendo di essere a loro volta presi 
dai contadini, protetti da alcuni nobili del luogo, si rifiigiarono nei loro castelli. 
La piaga dei ladri era diffusa in tutta FItalia: infestavano il regno di Napoli {Fam. 
XV 7, 9) come i valichi alpini {Fam. XXIII 8, 8) e sebbene il Petrarca esortasse 
i Fiorentini a liberarsi di loro soprattutto nel tratto appenninico e nell'imminenza 
del giubileo del 1350 {Fam. VIII 10, 29), questo flagello non sar^ mai estirpato 
fmch6 ci saranno i ricettatori {Fam. VIII 10, 32). 

3. 1. 3. Per la navigazione, soprattutto d'invemo, aveva una grande awersione 
perch6 il mal di mare gli scatenava la nausea {Fam. IV 6, 3); aveva lo stomaco 
in subbuglio (esperienza raccontata anche in Sen. IX 2 a proposito di viaggiatori 
in partenza da Venezia) quando nel '43 approd6 a causa di una tempesta a Porto 
Maurizio {Fam. V 3, 1-3; Epyst. XV 1-5, 19-24); prende a pretesto il mal di mare 
per nonaccettare Finvitodi Giovannolo Mandello di accompagnarlo inTerrasanta 
{Itin. 1,3). Esperienze di naufragio ne ebbe fin da piccolo quando per poco rischid 



Petrarca: peregrinus an viator? 169 

di morire (Fam, I 1, 23); aveva appreso, per conoscenza diretta o indiretta, che 
in pericolo di naufragio i piloti non devono lasciare le sartie, i remi o il timone, 
i passeggeri non devono abbandonare la prora e affoUarsi sulla poppa e volersi 
sostituire a tutti i costi al timoniere (Sen. VII 1), che le navi si possono spezzare 
sul lido a causa di una furiosa tempesta (Fam. VI 9, 2), come accadde quando nel 
golfo di Napoli vide navi marsigliesi sommerse dalla tempesta cui abbiamo gik fatto 
cenno (Fam. V 5, 16). Nella conclusione della medesima lettera manifesta a 
Giovanni Colonna tutto il suo fastidio per il mare: 

Hec hesterae historic summa est, que ne frustra digitos meos auresque tuas 
detinuerit ... hoc unum michi certe prestiterit, ut te obsecrem ne me unquam 
amphus vitam ventis ac fluctibus credere iubeas. Hoc enim est in quo neque tibi 
neque Romano Pontifici neque patri meo, si ad lucem redeat, parere velim. Aerem 
volucribus, mare piscibus relinquo; terrenum animal, terrestre iter eligo. Dum 
pes mens terram calcet, nee pharetratum Sarmatam, nee ludentem in hospitibus 
Maurum adire renuo; mitte me quo vis, ne Indos quidem excipio; ahoquin - parce 
confesso - nondecembribus tantum Satumalibus, sed toto anno hbertate utar. Quid 
enim, oro, michi amphus suadeas, aut quibus me unquam verbis aggrediaris, ut 
navigem? 'Firmam puppim, doctos nautas ehge'? At his utrunque contigerat. 'Cum 
sole portum pete, noctu anchoram demitte, hostis occursum cave, lege Uteris oram'? 
At hi, diumis horis, in portu anchora arenis tenacibus affixa, et pene htus ipsum 
remigio tangentes, inter tot milia miserantium amicorum, periere. Hec ego non 
legi, non audivi, sed ocuhs meis vidi. Itaque desine iantandem; et in hoc saltem 
pavori meo pudor tuus ignoscat. Scio quid adversus hec a doctioribus disputetur; 
ubique par periculum, etsi in man clarius appareat. Sit ita; tu tamen ingenue feceris, 
si in terris ortum in terris mori permiseris. (Fam. V 5, 19-21) 

Inline una indiretta, ma dolorosissima esperienza di tempesta fii la notizia della 
morte, raccontata poi nella lettera a Boccaccio (Sen. VI 1), dell'amico Leonzio Pilato 
(da cui sperava di avere una traduzione in latino ddVIliade e ddVOdissea) colpito 
da un fulmine mentre, terrorizzato, si stringeva all'albero della nave durante il 
viaggio di ritomo da Bisanzio. Quando il mare si calm6, il cadavere fu gettato 
a mare. 

Nonostante tutta la sua avversione per il mare, era consapevole dei problemi 
connessi alia navigazione:^^ una nave non pud essere caricata oltre il necessario 
altrimenti diventa poco agile e rischia di affondare (Fam. XIX 17, 5) e un pilota 
abile deve saper fermare e legare la nave con la fime o con I'^ncora vicino alia 
riva o in un porto (Fam. VI 3, 58) ed, eventualmente, tirarla in secco e metterla 
al coperto (Fam. XV 8,15): egli guarda tranquillo il mare agitato perche tante volte 
b riuscito a mettersi al riparo sotto il fianco di un'isola (Fam. X 5, 25) o ha 
ricondotto nel porto la nave sconquassata e disarmata (Fam. X 3, 4). Un buon 



23. P. S. Orsi, "Passi marinareschi nelle lettere di Francesco Petrarca", Rivista di cultura 
marinara, n". 11-12 (1948), 77-85. 



170 Alfonso Paolella 

nocchiero non deve avere cicatrici sul dorso (Fam. X 3, 14) e per raccogliere gli 
ultimi soffi del vento che cade deve diminuire il seno della vela (Fam. XV 1, 3); 
cosi come i marinai non si affliggono, anzi sopportano serenamente di dover 
seppellire i loro niorti in mare (Fam. II 2, 7 e 11). 

3. 1.4. Come si b gi^ visto, ebbe anche esperienza di navigazione fluviale: avrebbe 
viaggiato in barca sul Rodano in alternativa alle strade nel 1333 tornando da 
Aquisgrana (Fam. 15, 18), ma sa pure che il Rodano confluisce con I'Arar nella 
regione della Saona (Fam. I 5, 16). In una lettera del 30 novembre 1337 (Fam. 
VI 3, 67-68) avverte il card. Giovanni Colonna che, per alleviare i fastidi della 
podagra di cui soffre, t di gran lunga preferibile un viaggio sul fiume e gli indica 
la via per arrivare ad Avignone: 

Inter servorum manus ad Anienem, Tiburtina menia prelabentem, perges; ibi 
navicule impositos prono alveo descendes, donee ad dexteram Tybris occurrerit; 
inde, iam latiori amne, per ipsius urbis Rome menia, ad mare pervenies; inde etiam 
dextrorsum, sed fortiori alno creditus, Thirreni sinus equoris obibis; donee, longe 
relicta Massilia, rursus ad dexteram, rate fluminea Rodani ostio subvehare, qua 
vetus Arelas palustribus vadis et lapidosa planitie, mox in rupe horrida tristis sedet 
Avenio olim, nunc Avinio ... inde, semper adverso flumine, tribus passuum miUbus 
aut paulo amplius ascendens, argenteum gurgitem obvium habebis ad dexteram; 
flecte iter: Sorgia est, placidisssimus fluviorum, cuius aquis quindecim autcirciter, 
passuum milia conscendens, nuUi secundum fontem, lucidissimi amnis originem, 
videbis, et incumbentera scatebris prealtam rupem, ut iam transiri ulterius nee 
possit nee oporteat. 

Ha visto il Reno a Colonia e alia sorgente e sa anche che si divide in due (Fam. 
XIX 13, 2-3), ma suUa sua navigability dice poco o nulla. II Tevere b menzionato 
piu per la sua valenza storica (Fam. I 5, 8; VI 2, 8, 12; VIII 1, 22 passim), ma, 
come abbiamo visto, anche per la sua navigability. A Luzzara ha assistito alia piena 
del Po ed ha visto la pianura allagata, fenomeno che avviene, dice, quando soffia 
lo scirocco e si sciolgono le nevi delle Alpi. In tale occasione le acque nemmeno 
per i cavalli sono potabili (Fam. IX 10, 1-3). 

3. 2. Nonmancano descrizioni di luoghi "dal vivo" come la contemplazione delle 
Alpi che vedeva dalla casa di Milano o come la seguente vivace immagine della 
catena montuosa osservata dalle pendici: 

Videbimus impendentes lacubus Alpes aerias ac nivosas, estate gratissimum 
spectaculum, et silvas astra tangentes, atque inter concava rupium querulos rivos, 
summisque de montibus magno cum sonitu cadentia flumina, et quocunque te 
verteris, avium murmur ac fontium (Fam. VIII 5, 11); 

o lo sgomento per doverle attraversare (Fam. VIII 2, 1; XVII 6, 3; XVII 7), ma 
viene citato anche il passo del Monginevro (Fam. XI 9, 2), il passo degli Appeimini 
(Fam. IV 13, 3, VIII 10, 31) dove fii ucciso il suo amico Accursio; la descrizione 



Petrarca: peregrinus an viator? 171 

di Genova (Fam. XIV 5, 23-24), il racconto del viaggio fino a Napoli nel 1341 
(Fam. V 3, 1-7) ecc. Anche la curiosity di sapere, mettendo in discussione le 
"auctoritates" che pongono a occidente, molto lontana dall'oriente e dal mezzogiomo, 
I'isola di Thule, "ultimam terrarum", deve essere soddisfatta "partim visupartim 
assiduo commeantium testimonio" non diversamente da come si possa conoscere 
ritalia o la Francia (Fam. Ill 1, 1).^ Questa stessa tendenza e volenti di prestare 
fede solo a cid che "ante oculos est" e di voler riferire "hec quantum potuimus 
scrupolosius inquirentes, tam apud scriptores presertim cosmographos quam in 
descriptionibus terrarum et quibusdam cartis vetustissimis que ad manus nostras 
venerunt" enunciata nella glossa al Virgilio Ambrosiano" in margine ad /En. Ill, 
530-531, d^ la misura che in Petrarca si ravvisa un modo nuovo, si direbbe 
filologico, di concepire la conoscenza del mondo. Con lo stesso metodo discute 
nel De Vita soUtaria I'ubicazione delle popolazioni piu lontane della terra (Iperborei, 
Arinfei, ecc.) fondandosi su Mela, Solino e Plinio. 

Abbondano le descrizioni o definizioni topiche dei luoghi o di singoli elementi: 
il Danubio, apprende dalle opere di Elio Sparziano o di Volcazio Gallicano, scorre 
tra "asperrimis ripis" {Fam. VII 1, 4), d grande come il Nilo {Fam. IX 13, 32) 
e bagna luoghi selvaggi {Fam. XVII 7, 4); il Nilo, invece, ha fertili foci {Fam. 
Ill 15, 1) e costituisce il confine della terra insieme con I'lstro, il Gange, I'Ebro 
e il Tanai {Fam. XXIV 4, 15) e le espressioni come "Syria mollis, ... Gallia dura, 
loquaxque Grecia, et Illiricum" {Afr. 1 290-92) si confondono, in una visione ibrida, 
con concezioni ritenute veritiere come la configurazione dell'orbe terraqueo, owero 
il mondo concepito come una piccola isola circondata dall'Oceano {Afr. 1 361-406). 
Le fonti principali di infomiazione, per i luoghi non visitati, sono gli autori classici 
geografi come Pomponio Mela e Vibio Sequestre che recupera ad Avignone nel 
1335 e successivamente consultati anche dal Boccaccio,^^ mentre a Mantova nel 
'50 acquista la Naturalis Historia di Plinio. ^^ In seguito i codici di queste opere 



24. F. Lo Parco, '"L'ultima Thule' nell'intuizione e nella divinazione di Francesco Petrarca", 
Rivista geografica italiana, xvm (1912), 25-34. 

25. Francisci Petrarcae, Vergilianus Codex ad Publii Vergilii Maronis diem natalem bis 
millesimum celebrandum quam simillime expressus atque in lucem et Regia in Insubribus 
Accademia studiis doctrinae litterisque provehendis . Praefatus est Johannes Galbiati. Ascita 
etiam Achillis Rattis (nunc Pii XI Pont. Max.) de hoc codice commentatione. Mediolani 
Anno Natali, 1930. In aedibus Hoeplianis. (Riprod. Facsim.) 

26. G. Billanovich, "Dall'antica Ravenna alle biblioteche umanistiche", Annuario 
deU'Universita Cattolica del Sacro Cuore (1955-1957), pp. 71-107 (gia in /Evum, xxx [1956], 
319-353); P. Parroni, ed., Pomponii Melae De Chorographia (Roma: Storia e Letteratura), 
pp. 58ss. 

27. C. M. Gormley, M. A. Rouse, R. H. Rouse, "The Medieval Circulation of the De 
Chorographia of Pomponius Mela", Medieval Studies, XLVi (1984), 266-320; M. Milanesi, 
"La rinascita della geografia dell'Europa: 1350-1480", in S. Gensini, Europa e Mediterraneo 
tra Medioevo e prima Eta Modema: I'osservatorio italiano (San Miniato, 1992; Collana 



172 Alfonso Paolella 

ebbero una vasta diffiisione e furono largamente citati dagli amici e discepoli del 
Petrarca o comunque da scrittori influenzati da lui come il De originibus rerum 
libellus di Guglielmo da Pastrengo (redatto tra il 1345 e il 50); il De montibus, silvis, 
nemoribus, fontibus, lacubus, fluminibus, stagnis et maribus di Boccaccio (tra il 
1355 e il '74); il De insults di Domenico Silvestri (tra il 1385 e il 1406); il Fons 
memorabilium universi di Domenico Bandini da Arezzo (fine del XIV secolo).^^ 

Una copiosa utilizzazione del materiale classico, in maniera topica, si ritrova 
nel cosiddetto Itinerarium Syriacum redatto dal Petrarca nel 1358^' che ebbe una 
notevole diffusione in particolare nel XV secolo.^ Altre fonti sono Solino e, in 
maniera indiretta, VEneide di Virgilio, la Guerra giugurtina di Sallustio, le 
Metamorfosi e gli Amori di Ovidio, gli Annali di Tacito, la Farsaglia di Lucano, 
le Antichita Giudaiche e la Guerra Giudaica di Giuseppe Havio, la Tebaide di Stazio, 
la Consolazione delta filosofia di Boezio, ecc. 

Nelle descrizioni geografiche, dal punto di vista discorsivo, si possono notare, 
grosso modo, due tipi di esposizione: a) una narrazione, dove t preminente la 
funzione referenziale, che conceme il paesaggio urbano, civile, con le sue 
contraddizioni, incoerenze e dove sono espresse anche valutazioni etiche di 
comportamenti sociali piu o meno strani o accettabili, giudizi sulle persone o su 
fenomeni sociali (ladroni, avidity del personale ecclesiastico, guerre, ecc); b) una 
descrizione di paesaggi naturali dove si osserva, invece, la prevalenza della funzione 
lirica in paesaggi trasognati e convenzionali oppure la mistione degli elementi 
referenziali e topici con gli elementi lirici. 

4.1. In realty si pud dire che la sua esistenza si sia svolta in una continua altemanza 
tra la ricerca di una vita contemplativa e ascetica, anche se profondamente laica, 
e in una sorta di aristocrazia dello spirito, nella solitudo e uQWocium, e i viaggi 
dettati in gran parte da contingenze storiche e politiche personali o dagli interessi 
di qualche potente per il quale, in quel momento, prestava servizio. Molto raramente 
fece viaggi per suo personale ed esclusivo piacere, come, ad esempio, I'ascensione 
al monte Ventoso con il fratello Gherardo {Fam. IV 1), oppure i diversi ritomi al 
suo soggiorno di Valchiusa alia ricerca della sospirata solitudine. Certamente 



di Studi e Ricerche del Centro Studi suUa Civilta del Tardo Medioevo, n''4), pp. 35-59. 

28. M. Pastore Stocchi, "La cultura geografica dell'Umanesimo". in AA. VV. Optima 
Hereditas. Sapienza giuridica ronuma e conoscenza dell'ecumene (Milano, 1992), pp. 561-586 
e Tradizione medievale e gusto umanistico nel 'De montibus ' del Boccaccio (Padova, 1 963). 

29. L'" Itinerarium" del Petrarca, acuradiG. Lumbroso, in Rendiconti della R. Accademia 
deiLincei, classe scienze morali, storiche efilologiche, iv(1888), 390-403 (ora in Memorie 
del buon tempo antico. Torino, 1889, pp. 16-49). 

30. Volgarizzamento meridionale anonimo di Francesco Petrarca Itinerarium breve de lanua 
usque ad Jerusalem et Terram Sanctam, ed. crit. di A. Paolella (Bologna, Commissione per 
i Testi di Lingua, 1993). 



Petrarca: peregrinus an viator? 173 

metteva in tutti i viaggi una notevole dose di curiositas intellettuale. 

Ma come si delinea la sua concezione del viaggio? II Poeta afferma che si 
compiono viaggi per terre e per mari innanzitutto per il desiderio di conoscere, 
per ragioni di studio, per coltivare la mente o curare la salute, accrescere il 
patrimonio, per necessity di guerra o per motivi politici (ambascerie o esilio) {Fam. 
II 3, 6-8), ma se diventa smania, indica solo il bisogno e la voglia di fuggire la 
noia delle usanze, delle abitudini e delle fatiche quotidiane per cui b spesso segno 
di leggerezza e di incostanza d'animo {Fam. Ill 2, 3). Un autentico elogio del 
viaggio h la bellissima lettera al doge di Venezia, Andrea Dandolo, di incerta 
datazione, ma probabilmente redatta intomo al 1352 {Fam. XV 4), il cui tema 
centrale b TutilitA e necessity dei viaggi soprattutto per lui che, a causa di una 
profonda inquietudine esistenziale, non riesce a trovare una dimora fissa: t vero 
che una persona sana deve sapere stare bene con se stessa, ma ci6 non puo voler 
significare che il viaggio impedisca questa condizione psicologica; molti, invece, 
che non sono mai usciti dal loro paese e sono andati, con il pensiero e I'inmiaginazio- 
ne, vagando per il mondo, hanno cercato questa situazione per sfuggire a se stessi. 
Ma per I'uomo forte ogni terra h patria: egli h cittadino del mondo e la verity abita 
nel mondo per chiunque abbia voglia di conoscere e di imparare, come awenne 
per Democrito, Pitagora e Platone {Fam. IX 13, 10-13). 

Tuttavia b sciocco il viaggiatore che si lascia distrarre dalle bellezze o dalle 
amenity del luogo, ma prudente b colui che, proteso direttamente alia meta, attraversa 
molti paesi, non fermandosi piu del necessario {Fam. 17, 14 e XII 3, 19), e rimedia 
al ritardo accelerando il viaggio {Fam. 1 2, 1 1; V 13, 2; XIII 2, 6). Talvolta mentre 
alcuni viandanti, avvicinandosi alia meta, accelerano il passo {Fam. XV 1,3; XIX 
16, 4; XX 8, 22), altri, al contrario, lo rallentano {Fam. XXIII 12, 24), ma la 
maggiore preoccupazione del viaggiatore b trovare ospitalit^ per la notte {Fam. VIII 
4, 3); al Petrarca invece il viaggiare proprio perche comporta I'astensione dalla 
lettura dei libri permette di meditare "multa" e "grandia" {Fam. 11,3). 

4. 2. Una testimonianza delle larghe conoscenze geografiche del Petrarca b la lettera 
a Stefano Colonna, preposito di Saint-Omer, suUa inquietudine di tutto il mondo 
{Fam. XV 7) dove passa in rassegna una buona parte delle regioni dell'Europa, 
del Mediterraneo e, inparticolare, dell'Italia; ma una ampia e robusta prova della 
vastit^ delle sue informazioni b il gi^ menzionato Itinerarium Syriacum, una sorta 
di baedeker, dove consiglia all'amico Mandello I'itinerario per raggiungere la 
Terrasanta. II libello b nettamente diviso in due sezioni: nella prima parte, che 
costituisce il percorso costiero Genova-Napoli, attinge le notizie alia propria 
personale esperienza; nella seconda parte del viaggio, a lui ignoto, le fonti sono 
diverse: VEneide virgiliana per la parte di viaggio comune anche ad Enea, Plinio 
per I'Asia minore, il racconto evangelico per la Palestina e I'Egitto, anche se per 



174 Alfonso Paolella 

quest'ultimo il Petrarca si lascia guidare prevalentemente dalla Farsaglia di 
Lucano.^' II Poeta costruisce quindi questo testo con una rete cosi fitta di echi 
e di testimonianze classiche e cristiane da sembrare quasi un centone. II passato 
b pertanto appiattito nel presente e la narrazione degli antichi viene percepita, 
comunque, come descrizione di paesaggi reali, mentre il racconto, a sua volta, 
diventa il pretesto per assemblare, come del resto h topico, fini diversi: la salvezza 
deiranima, le notizie scientifiche e mitologiche, lamemoria storica dei luoghi da 
visitare. II viaggio 6, per certi aspetti, metafisico, come una vera e propria guida 
turistica. Gli spazi, a differenza della pratica diffusa di contare gli spazi a giomate 
di navigazione, sono cadenzati da espressioni vaghe, tipiche del navigatore medievale 
non molto esperto, come "non longe", "ad dexteram", "inde", "post hoc", ecc. 
e le descrizioni di paesaggi urbani si susseguono in continua altemanza a paesaggi 
elegiaci. 

D'altronde nella concezione medievale esistono luoghi per definizione positivi 
(e sono quelli sacri o consacrati dai testi divini o da fenomeni miracolosi) come 
Gerusalemme, Roma, Santiago de Compostela, solo per citare i piu noti, che 
diventano meta di pellegrinaggi, e quelli negativi, dove regna il peccato e domina 
la sensuality, come I'isola di Cipro, i cui abitanti sono sensuali e libidinosi a causa 
del calore del sole {Itin. 12, 6) o come Avignone, la "nuova Babilonia", da cui 
bisogna stare lontani. 

II viaggio quindi b familiare al Petrarca sia per le numerose e continue 
esperienze personali di viator sia per la sua avventura intellettuale e spirituale. 
Spesso nel Canzoniere ricorre la metafora della nave e del viaggio che si effettua 
sia in senso orizzontale ("Passa la nave mia colma d'oblio", "Movesi il vecchierel 
canuto et biancho", "Di pensier in pensier, di monte in monte", "Non d'atra et 
tempestosa onda marina", "Non da I'hispano Hibero a I'indo Ydaspe", ecc.) sia 
in senso verticale come ascesa spirituale, desiderio di perfezione mistica che b anche 
viaggio elitario e parzialmente esoterico, inseguendo le ormai esili tracce del trobar 
clus di pertinenza provenzale: la stessa Laura infatti che ha "belle membra ... bel 
fianco e angelico seno" per la cui bellezza il Petrarca naviga nel mare "periglioso" 
e "tempestoso" dell'amore, lentamente si trasforma con \xnjeu de mots, insieme 
al sentimento del Poeta, neir"aura" che, con discreto climax, si fa "serena", 
"soave", "celeste" , "sacra" ("Erano i capei d'oro a I'aura sparsi", "L'aura serena 
che fra verdi fronde", "L'aura celeste che 'n quel verde lauro", "L'aura, che '1 
verde lauro e I'aureo crine" , "L'aura mia sacra al mio stanco riposo"), trasfiguran- 
dosi da simbolo dell'amore terreno a simbolo dell'amore mistico per la Vergine 
("Vergine bella, che di sol vestita"), tappa importante di (\\xt\V Itinerarium mentis 



31. A. Paolella, "Petrarca e la letteratura odeporica del medioevo", Studi e problemi di 
criticatestuale,XLW (1992), 61-85. Oltreairitinerariosuggeritodal Petrarca, sipraticavano 
anche altre rotte: si partiva da Venezia o da Ancona per Alessandria d'Egitto da dove si 
risaliva il Nilo fino al Cairo e di la, attraverso il deserto del Sinai, si raggiungeva la Palestina. 



Petrarca: peregrinus an viator? 175 

in Deum vissuto e proposto dai mistici e, in particolare, da Bonaventura da 
Bagnoregio ("Padre del ciel, dopo i perduti giorni"). Ma non dobbiamo trascurare, 
in questo itinerario intellettuale e spirituale, Fimportanza di altri elementi come 
la salita fisica ed allegorica sul Monte Ventoso con il fratello Gherardo e, sulla 
vetta, I'incontro con le pagine di Agostino, che saii poi Tinterlocutore del Secretum, 
e nemmeno il continuo desiderio di una vita solitaria: se ritorna il concetto del 
viaggio allegorico dell'eremita, che viaggia solo con la mente e con lo spirito, prende 
I'avvio anche, nella dimensione neoplatonica, il significato esoterico del viaggio 
che si svilupper^ in particolare neirUmanesimo fiorentino (Marsilio Ficino, L. B. 
Alberti, Pico della Mirandola, ecc.) e lametaforica inquietudine dell 'intellettuale 
laico all'assidua e pemianente ricerca della verity e del sapere. 

Mentre il pellegrino si muove in viaggio per penitenza o per pratiche devozionali 
e associa a questa avventura fisica I'avventura di una interpretazione del mondo 
dove la natura va letta ed osservata allegoricamente "sub specie aetemitatis", secondo 
la piij diffusa topica simbolica, il Petrarca, che tende comunque a ricondurre la 
propria esperienza su un piano di esemplarit^ e di letterarieta, anche se va da 
pellegrino a Roma nell'anno santo, costruisce la sua immagine come quella di un 
pellegrino mistico all'ambigua ricerca di una donna-madonna su un piano psicologico 
e spirituale al punto che il Torelli ha creduto di poter celebrare una "vittoria del 
misticismo"^^. Anche il Secretum h un invito alVitinerarium mentis verso la virtu 
(Seer. I), la narrazione di mi viaggio ascetico e di un'esperienza intellettuale e mistica 
verso la perfezione umana, intellettuale e divina. Cosi, citando Virgilio, fa dire 
verso la fine del III libro a S. Agostino: 

quamobrem non secus quam magister frigie classis, neque enim tutius fretus 
navigiis, media nocte consurgens 

Sidera cunta nota tacito labentia celo 
que, dum ad cxxidentem festinare circumspicis, scito te cum illis impelli nullamque, 
nisi in Eo, qui non movetur quique occasum nescit, superesse fiduciam subsistendi. 

D'altra parte il Petrarca, cittadino del mondo e apolide, ha solo generici 
rimpianti per I'ltalia e per Firenze: se i fiorentini, nel 1351, non manifestano un 
reale e concreto interesse a restituirgli i beni patemi confiscati, a differenza di Dante, 
non se ne fa un grande cruccio. Egli presta la sua opera, ovvero la sua capacita 
retorica e il proprio prestigio, al migliore offerente; i numerosi benefici ecclesiastici 
in Italia e all'estero gli assicurano un benessere economico e un'agiatezza che "gli 
consentono di indagare da un privilegiato osservatorio sull'esigenze della liberty 
dello spirito e di costruire un'immagine di se unica e irripetibile". Egli riesce in 
maniera encomiabile ad "asservirsi al potere e di teorizzare nello stesso tempo la 



32. L. TonelU, Petrarca (Milano, Corbaccio, 1930), pp. 157-228. 



176 Alfonso Paolella 

liberty dell'uomo di cultura".^^ In ogni caso egli non b mai organico al potere. 
A differenza di Dante, di Virgilio e di Omero non ha una visione teleologica del 
cammino del quale, soprattutto per Dante, la superbia e la presunzione di Ulisse 
costituiscono il polo negative. 

In reaM la dimensione reale e storica del Petrarca possiede tutte le caratteristiche 
del viator curioso che, tuttavia, a differenza dei suoi contemporanei t consapevole 
di essere il fondatore di un raodo nuovo di concepire la realty geografica: operate 
la distinzione tra I'esperienza del vissuto e la conoscenza della documentazione 
indiretta, del "sentito dire"; tuttavia t spinto ad interpretare tale status, per la 
tendenza della cultura medievale a porre ogni esperienza su un piano allegorico 
e a rendere esemplare il proprio vissuto, nella visione mistica del pellegrinaggio. 
A differenza della cultura e degli ideali raercantili, che andavano affermandosi in 
quel periodo, il suo viaggiare non t finalizzato alia ricerca di una mera accumula- 
zione del capitale, ma alia ricerca di onori e di compensi economici che gli 
permettano di trattare i potenti alia pari; mentre il mercante solo nel XV secolo 
comincia ad entrare, ad eserapio in Francia, nel Consilium principis e, utilizzando 
il potere politico, ad accrescere il proprio potere economico, Petrarca, vendendo 
la sua lettura del mondo filtrata dalla raediazione dell'antichit^ classica, acquisisce, 
in qualche modo in anticipo sui tempi, un invidiabile potere presso i politici, di 
cui egli t fortemente consapevole. 

Istituto Universitario di Magistero 
"S. Orsola Benincasa ", Napoli 



33. F. Gaeta, "Dal comune alia corte rinascimentale" in Letteratura Italiana. i: // letterato 
e le istituzioni, a cura di A. As or Rosa (Torino, Einaudi, 1982), p. 198. 



Marcello Ciccuto 



L'odeporica di Ciriaco d'Ancona 
fra testi e immagini 



Anche in un secolo variamente interessato alia collaborazione fra discipline come 
il Quattrocento, b raro trovare rilievi coerenti e organici circa il valore conoscitivo 
del "viaggio archeologico", tali dot da potersi collocare al pari delle circostanze 
addensate attomo alia figura, oggi pressoch6 mitizzata, di Ciriaco d'Ancona. E' 
vero che, perduti gli originali, preziosissimi Commentaria nell'incendio della 
biblioteca pesarese (1514),' solo a sparsi frammenti o a indirette testimonianze 
h consentito attualmente riferirsi, si da doversi destreggiare fra le incertezze della 
quasi totality deipointsde reperage cui il tracciato deU'odeporica classica dovrebbe 
apprendersi per potersi costituire in esperienza di viaggio.^ Eppure, ripeto, sono 
infrequenti quadri tanto fitti di integrazioni fra paro la e immagine nell'insieme di 
una periegesi testuale che, b assodato oramai, venne a fondare i presupposti 
culturali dell'itineraria antiquariale quattro-cinquecentesca. Si ricordi altresi che 
proprio da un'epistola ciriacana era scaturito uno dei modelli letterari della "gita 
archeologica",^ superbamente fissato da Felice Feliciano — storico possessore di 
molti testi di Ciriaco'* — nel racconto circa la gita sul lago di Garda compiuta da 



1 . Cfr., in proposito, la classica ricostruzione di E. W. Bodnar, Cyriacus ofAncona and 
Athens (BruxeUes, 1960), pp. 69-72. 

2. Per un'informazione dettagliata suUa biografia di Ciriaco de' Pizzicolli e soprattutto circa 
i suoi viaggi orientali (escludendo per adesso la bibliografia relativa alia storia dei suoi 
manoscritti), cfr. almeno i consueti studi Cyriacus of Ancona's journeys in the Propontis 
and the Northern Aegean, 1444-1445, edited by E. W. Bodnar and Ch. Mitchell 
(Philadelphia, 1976); P. Mac Kendrick, "A Renaissance Odyssey: The Life of Ciriac of 
Ancona", Classica et Medicevalia, xiii (1952), 131-145; C. C. Van Essen, "Cyriaque 
d'Ancone en Egypte", Mededelingen der Koninklijke Nederlandse Akademie van 
Wetenschappen, afd. Letterkunde, xii (1958), 293-306; R. Weiss, Ciriaco d'Ancona in 
Orient e, in Venezia e I'Oriente fra tarda Medioevo e Rinascimento, a cura di A. Pertusi 
(Firenze, 1966), pp. 323-37; J. Colin, Cyriaque d'Ancone. Le voyageur, le marchand, 
I'humaniste (Paris, 1981); nonche la ricerca di P. W. Lehmann, Cyriacus of Ancona's 
Egyptian Visit and its Reflection in Gentile Bellini and Hieronymous Bosch (Locust Valley, 
1977), per piii aspetti coesivo alia presente ricerca. 

3. Cfr. C. Mitchell, "Archaeology and Romance in Renaissance Italy", in Italian 
Renaissance Studies, edited by E. P. Jacob (London, 1960), pp. 475-80. 

4. Vale rammentare qui che codici preparati da Feliciano per gli amici della gita gardesana 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



178 Marcello Ciccuto 

Giovanni Marcanova, Andrea Mantegna, Samuele da Tradate e lo stesso Feliciano 
nel settembre 1464:^ qui alia concentrazione di alcune testimonianze delle civilt^ 
mediterranea aveva fatto seguito il riconoscimento di plura antiquitatis vestigia 
disposto entro un breve odeporico lacustre; quella Jubilatio appunto che vale si da 
riflesso altamente stilizzato della reale peregrinatio archeologica,^ ma che Ciriaco 
medesimo sin da subito voile agganciata a precise immagini-simbolo, capaci di 
concentrare spazio e tempo in un'unica evidenza, e di accreditare altresi, col 
prestigio latente dell'autopsia, il valore documentale ddVimrnagine cui I'Umanesimo 
stava riconoscendo garanzie rappresentative forse impensate prima dell' eta 
tardogotica. 

Di fatto risulta in primo piano proprio I'importanza della circostanza visiva 
in sede di esperienza viatoria;^ ci6 che pare confermato, e non contraddetto, dagli 
abbondanti inserti epigrafici per cui va celebre la tradizione ciriacana: segnali essi 
stessi di una ricostruzione archeologica del passato dove I'aspetto simbolico- 
figurativo si sovrappone e si commisura ai valori puramente filologici o testuali.^ 
L'immagine, e con essa insomma I'intero campo della produzione figurata, viene 
ad assumere nel Quattrocento parecchie delle funzioni documentali un tempo 
riferibili alia sola scrittura; e gli avvisi piCi consistenti sembrano partire giusto dal 
tipo di referto, eminentemente affidato a fattori visuali, che Ciriaco intese 
comporre, e che i contemporanei seppero cogliere nel senso esatto. Non t un caso 
che Cristoforo Buondelmonti, viaggiatore effettivo in Oriente, abbia acquistato un 



contenevano ample sezioni di scritti di Ciriaco, evidentemente preziosi al punto da doverae 
tramandare la memoria inchiave rigorosamente umanistica: mi riferisco al codice di Treviso 
(Biblioteca Capitolare, I 138); alle due copie residue deH'originale donato a Mantegna, una 
ancora alia Capitolare Veronese e I'altra in Marciana; e alia celebre Collectio Antiquitatum 
di Giovanni Marcanova, ora all'Estense di Modena, nell'esemplare di dedica a Novello 
Malatesta. 

5. Importanti a riguardo gli appunti di lettura dell'intera vicenda raccolti da G. Romano, 
"Verso la maniera modema: da Mantegna a Raffaello", in Storia dell'arte ilaliana, VI, 1 
(Torino, 1981), pp. 2-26; e da C. R. Chiarlo, "'Gli fragmenti dilla sancta antiquitate': studi 
antiquari e produzione delle immagini da Ciriaco d'Ancona a Francesco Colonna, in 
Memoria dell'antico nell'arte italiana, a cura di S. Settis, I: L'uso dei classici (Torino, 
1984), pp. 271 sgg. 

6. Al punto che di recente Myriam Billanovich ha messo in dubbio la realta storica 
dell'episodio: "Intomo alia 'lubilatio' di Felice Feliciano", Italia medievale e umanistica, 
XXXII (1989), pp. 351-58. 

7. Lo ha documentato ampiamente anche il recente studio di C. Smith, "Cyriacus of 
Ancona's Seven Drawings of Hagia Sophia", The Art Bulletin, LXIX, 1 (1987), 16-32. 

8. Si ricordi I'iscrizione piii specificamente "letteraria" recuperata da Ciriaco sul timpano 
settentrionale dell'Hagia Sophia, serbataci dal codice Palatino 1 191 , secondo la lettura della 
stessa Smith, art. cit., pp. 22-23. 



L 'odeporica di Ciriaco d 'Ancona 179 

codice di Horapollo' ritenendolo conogni probability uncorrispettivo documentale 
di una scrittura circa luoghi dei quali egli aveva, come t nolo, una visione mitica 
e niente affatto archeologica: quei geroglifici sussumevano ogni possibile funzione 
informativa, nell'icona raccolta su strade lontane si condensava ormai I'intero arco 
deU'esperienza conoscitiva. Cos! Ciriaco intomo al 1435, poco prima della 
partenza per I'Egitto, si "prepar6" sugli stessi Hieroglyphica in vista di quanto la 
sua enciclopedia stava per assorbire sul piano delle dotazioni figurate (le tracce di 
questa attivit^ sono consistenti e interessanti nell'attuale codice Napoletano V E 
5);'° tanto anzi da farci supporre che persino la lettera sull'Egitto — perduta — 
a Filippo Maria Visconti dell' 1 gennaio 1443 dovesse recar segni di interventi 
grafici o iconizzazioni affini a quelle conservate dal codice Canonici misc. 280 della 
Bodleian Library per la lettera a Mariano," conformemente ai gusti viscontei per 
i testi illustrati or non b molto ripercorsi in chiave di adeguata sistemazione 
storiografica. '^ Fu suH'onda di questa restaurata concezione del documento 
epigrafico a farsi strada del resto il genere della personale registrazione di antichit^ 
sigilla historiarum, come voleva Ciriaco;'^ n6 il conseguito, consapevole 
ricambio fra immagine tprassi itineraria manc6 di insistere su altre fondazioni della 
antica cultura archeologico-antiquaria, se e vero ad esempio che ancora Ciriaco 
pote riflettere precise circostanze fiorentine di personale documentazione sull'effetto 
di rappresentazione grafica della struttura di Hagia Sophia.''' 

A voler intendere quanto le immagini dell'Anconetano rendano un progetto 
filologico in seno alia tradizione odeporica, basterebbe usame per un rapido 
confronto con gli album di Jacopo Bellini, pure alle sillogi di Ciriaco talvolta 
awicinati in forza di un idea di viaggio archeologico neH'immaginario urbano 
delFantichita.'^ Ma dove queste soccorrono ai testi integrandone molte valenze, 
i "viaggi pittorici" belliniani e le sue collezioni monumentali altro non sono che 



9. R. Weiss, art. cit., pp. 324-25. 

10. Cfr. le osservazioni di M. Cortesi - E. V. Maltese, "Ciriaco d'Ancona e il De virtutibus 
pseudoaristotelico," Studi medievali, XXXIII, 1 (1992), pp. 136-137. 

11. C. Mitchell, "Ex libris Kiriaci Anconitani," Italia medievale e umanistica, V (1962), 
285. 

12. Specie dagli studi di M. Zaggia, "Appunti sulla cultura letteraria in volgare a Milano 
nell'eta di Filippo Maria Visconti," Giomale storico della letteratura italiana, CX (1993), 
fasc. 550-551, pp. 161-219, 321-82. 

13. Cosi secondo i documenti prodotti da G. P. Marchi, "Due corrispondenti veronesi di 
Ciriaco d'Ancona," Italia medievale e umanistica, XI (1968), 322. 

14. Cfr. C. Smith, art. cit., p. 25. 

15. GU insiemi e le questioni pertinenti al loro rapporto sono esaminati ora anche da P. 
Fortini Brown, "The Antiquarianism of Jacopo BelUni," Artibus et Historiae, 26 (1992), 
pp. 65-84. 



180 Marcello Ciccuto 

testimonialize risolutamente pittoriche,'^ sostanziaimente alterative e alternative 
rispetto alia registrazione grafica di taglio filologico: in questo coerenti dunque ai 
modelli intemporali delle compilazioni universali illustrate quali la Cronaca 
Colvin,^^ o se voglianio ai piu veri album di "disegni d'anticliita" quali la Collectio 
Antiquitatum di Marcanova o il taccuino di Marco Zoppo (che soggiacciono per6, 
come detto, alia dipendenza da un testo),^^ ma sempre e comunque distanti dalla 
fervida lega documentale ciriacana. In essa, al luogo di partenza testuale — che 
possono essere i Fasti ovidiani per il sito di Filippi o la Naturalis Historia per la 
visita a Cizico'^ — sottentra notevole I'apporto informative infigura, essendosi 
ormai ad esso appreso I'immaginario periegetico: si veda come alia pur rilevante 
completezza del testo di Ditti Cretese consegnato all'Ottoboniano lat. 1586^ 
Ciriaco voglia aggregare a incremento di esattezza un'illustrazione dell'episodio 
del cavallo dinanzi alle mura di Troia (cc. 94v-95r), quasi la scrittura non bastasse 
ai fini del recupero di un documento 'storico', e I'immagine a sua volta potesse 
allegare la superiore freschezza di una prassi conoscitiva realizzata in situ. 

Insomma, quel che appare da queste brevi tracce i contemporanei colsero nella 
pienezza del suo valore fondante. A Ciriaco si riferiva la capacity di accreditare, 
per verba et per imagines, le condizioni autoptiche riconosciute intime alia 
circostanza del 'viaggio conoscitivo', meglio se del taglio antiquario-archeologico 
piu gradito all'estetica umanistica. Ecco il motive per il quale si mostrarono 
alFocchio esperto dell'Anconetano i quadri delle Muse e pure un organo a torre 
destinati alio Studio lo di Leonello d'Este,^' nella prospettiva eventuale di una 
registrazione dell'evento che ne fondasse una sorta di consistenza storica nel corso 
di unitinerario che aveva condotto Ciriaco dunque anche nell'iperartistico contesto 



16. Eadem, p. 70. 

17. Cfr. L. Whitaker, "Maso Finiguerra, Baccio Baldini and 'The Florentine Picture 
Chronicle'," in Florentine Drawing al the Time of Lorenzo the Magnificent, Papers from 
a Colloquium held at the Villa Spebnan, Florence, 1992, edited by E. Cropper (Bologna, 
1994), p. 187. 

18. Ibidem, pp. 187-88, e L. Armstrong, "Marco Zoppo e il Libro dei Disegni del British 
Museum: riflessioni sulle teste 'all'antica'," in Marco Zoppo e il suo tempo, a cura di B. 
Giovannucci Vigi (Bologna, 1993), pp. 79-95. 

19. C. R. Chiarlo, art. cil., pp. 275-76. 

20. II significato di quest'opera a fronte delle competenze storiche dell'eta post-classica 
e chiarito ad esempio da W. Lapini, "L'archetipo d&WEphemeris di Ditti-Settimio", Atti 
e Memorie dell'Accademia La Colombaria di Firenze, LVll (1992), 43-104, a seguito di 
quanto accertato a suo tempo da S. Timpanaro, "Sulla composizione e la tecnica narrativa 
delV Ephemeris di Ditti-Settimio", in Filologia e forme letterarie. Studi offerti a Francesco 
Delia Corte (Urbino, 1987), iii, 169-215. 

21. C. R. Chiarlo, art. cit., pp. 279-80. 



L'odeporica di Ciriaco d'Ancona 181 

estense." E a voler estendere la portata della circostanza quaglierebbe senz'altro 
ridea per cui I'intera attivitil ciriacana veniva a funzionare al servizio di un 
complesso travelogue ampliato a molti linguaggi e di essi comprensivo, non ultimo 
certo quelle figurato. Si veda a proposito come, ad esempio, lo stesso Giuliano 
da Sangallo ebbe a partire, per alcuni importanti fogli del codice Vaticano 
Barberiniano lat. 4424 (raffiguranti il Partenone, 1' Arco e 1' Acquedotto di Adriano, 
la Torre dei Vend, i Monumenti di Lisicrate, Trasillo e Filopappo), proprio dai 
documenti figurati di Ciriaco quali registrazioni autoptiche e realistiche, onde 
procedere alia ricostruzione di modelli figurativi in chiave di condensati visuali 
dell'antico." Tanto piii che la dominanza del mezzo iconico necessita anche qui, 
come in Ciriaco, del sostegno coesivo di affini linguaggi, non foss'altro che in 
ragione del fatto per cui Sangallo, soltanto per la parte del suo libro ricavata dai 
Commentaria, chiese ad altri^'' di aggiungere le epigrafi, insonmia la scrittura, 
alio scopo evidente di rendere cosi completa tanto I'informazione quanto la 
situazione, diciamo, ermeneutica dell'insieme. Del resto, a conferma deU'odeporico 
reso anche in carte con la dovuta integrity, viene il dettaglio dell'inverosimile 
aggiunta sangalliana di alcune metope meridionali del Partenone alia zona dell'attico 
propriamente detto,^^ conformemente in reaM e ancora a un'indicazione 
proveniente da quello stesso esemplare di cose ciriacane che, secondo Bodnar, 
avrebbe usato pure il compilatore del codice Parmense 1191 come b noto preparato 
per un corredo illustrato poi non eseguito.^^ Se percio si dar^ anche un caso di 
dominanza della scrittura sulla figura in un codice di Ciriaco quale I'Hamilton 254, 
fol. 87r (la Torre dei Venti ad Atene),^^ sar^ soprattutto per via di un'intrinseca 



22. Sulla complessita deU'evento ha scritto convenientemente S. Settis, "Artisti e 
committenti tra Quattro e Cinquecento," in Storia d' Italia Einaudi. Annali, iv, Intellettuali 
epotere, (Torino, 1981), pp. 708-12. 

23. Cfr. B. L. Browne D. E. E. Kleiner, "Giuliano da Sangallo's Drawings after Ciriaco 
d'Ancona: Transformations of Greek and Roman Antiquities in Athens," Journal of the 
Society of Architectural Historians, XLII, 4 (1983), 321-35. 

24. II figlio Francesco (?). Questi senz'altro per B. Degenhart, "Dante, Leonardo and 
Sangallo," Romisches Jahrbuch fiir Kunstgeschichte, vii (1955), 202-204. 

25. B. L. Brown e D. E. E. Kleiner, art. cit., pp. 325 sgg. 

26. E. W. Bodnar, op. cit., pp. 114-17. Detto esemplare potrebbe identificarsi con parte 
dei materiali ciriacani raccolti da Bartolomeo Fonzio, a ricordo anche del fatto che il 
fonziano Codex Ashmolensis (Oxford, Bodleian Library, ms. lat. misc. d. 85) costituisce 
una delle fonti decisive alia conoscenza del viaggio egiziano dell'umanista. Cfr. F. Saxl, 
"The Classical Inscriptions in Renaissance Art and Politics," The Journal of the Warburg 
and Courtauld Institutes, iv (1940-1941), 19-46. 

27. Qui il mezzo testuale assume quella funzione costruttivo-ordinativa che le esihssime 
coordinate grafiche non si erano assunte nella circostanza: cfr. ancora Brown-Kleiner, art. 
cit., p. 329. 



182 Marcello Ciccuto 

debolezza — ma appunto palpabile questa sola volta — della resa grafica, pronta 
tuttavia a riconquistare a pieno i personal! diritti quando di nuovo Sangallo adegua 
ai disegni ciriacani sul Monumento di Filopappo e Torre dei Venti la propria 
osservazione diretta, effettuata nel corso dei suoi viaggi a Napoli e in Provenza,^^ 
trattandosi dunque di una continuity fra i mezzi in gioco cosi latente quanto 
definitivamente riconosciuta.^^ 

Alia luce di tali interpretazioni contemporanee del travelogue ciriacano non 
parr^ azzardato individuare nel suo esempio I'ideale fusione del modello di taccuino 
di viaggio artistico-architettonico, fondato sulla trascrizione grafica delle personali 
esperienze visive, e del taccuino di viaggio umanistico-antiquario destinato a 
raccogliere le testimonianze letterarie degne di attenzione: a impersonare forse 
I'ideale artistico deH'Umanesimo tratteggiato nei termini piu convenienti a questi 
dall'Alberti del De re aedificatoria (IX, x).^ La stessa lettera di Leonardo Bruni 
a Ciriaco, cosi attenta al rapporto inmiobilit^: viaggio, ci conferma che grazie alia 
diffrazione cartacea dei Commentaria il viaggio umanistico si e identificato al 
concetto di conoscenza visiva e ispessimento conseguente della dimensione 
culturale; proprio come b dato raccogliere nel corpo della Jubilatio di Feliciano, 
da cui sonpartiti questi nostri appunti, visto anche e specialmente il valore di quella 
come affermazione di una conquista definitivamente storicizzata. Quando Marin 
Sanudo il Giovane venne a determinare la validity documentale del suo viaggio di 
ispezione sulla Terraferma veneta (1483), richiam6 giusto quella chiesa della 
Vergine sulle rive gardesane su cui sfumava il testo di Feliciano.^' 11 cerchio si 
chiude: Ciriaco figura accreditato nel giro di una cultura che ha assunto le 
testimonianze visive della sua odeporica come dati storici, ci6 che doveva essere 
lo scopo piu esatto cui rnirava la sua stessa costruzione per frammenti di una imago 
mundi archaeologica. 

Universita degli Studi, Pisa 



28. Ibidem, p. 332. 

29. Del resto, il fatto medesimo che Sangallo accordasse scarsa importanza alle iscrizioni 
vale a confermare per converse quanto rilievo intendesse riferire alio spessore documentale 
della grafica ciriacana. E cfr. dunque ancora Brown-Kleiner, art. cit., p. 333. 

30. Giusta I'edizione L. B. Alberti, L'architettura (De re aedificatoria), a cura di G. 
Orlandi (Milano, 1966), ii, 852-63. 

3L L'edizione consultata reca 11 titolo Itinerario di Marin Sanuto per la terraferma 
veneziana nell'anno MCCCCLXXXIII (Padova, 1847), p. 88. 



Francesco Sberlati 



Esplorazione geografica e antropologia; 
esperienze di viaggio tra '400 e '500' 



Tra la fine del XV secolo ed il primo Cinquecento I'assunzione di un orizzonte 
geografico di tipo modemo abbatte gli assetti topografici caratteristici del Medioevo. 
Le monarchie europee a base mercantile-plutocratica coordinano un progetto globale 
di espansione territoriale conducendo a piena maturazione la loro supremazia 
politica ed economica su di un'area vastissima. Un'area che non mi sembra 
improprio definire planetaria, poich6 appunto ampliata nel giro di pochi anni 
secondo una dilatazione degli spazi geografici che non ha eguali nella storia della 
civiM occidentale. 

I. "... in questo luogo albergaV* 

Le aperture delle nuove vie raarittime consentono grandi rivoluzioni commerciali, 
ma impongono anche I'esigenza di una ridefinizione della geografia letteraria. Gli 
itinera del Rinascimento rautano la concezione dello spazio geografico e la sua 
visualizzazione-. I cambiamenti di struttura e di contenuto che essi attuano rispetto 
ai modeUi geografici preesistenti si comprendono adeguatamente solo a partire dalla 
prospettiva del viaggio letterario, perlopiu inteso come inventio affabulatoria basata 
sull'esotismo meraviglioso o favolistico, e dislocato lungo il consueto tragitto per 
mirabilia poli . Le scoperte geografiche del Rinascimento riducono drasticamente 



1 . Esprimo la mia riconoscenza a Theodore J. Cachey, Jr. per i preziosi consigli e suggerimenti 
che mi ha cortesemente fomito. La sua attiva collaborazione ha reso possibile questo contribute. 

2. Cfr. G. R. Cardona, "I viaggi e le scoperte", Letteratura italiana, V. Le Questioni, ed. 
A. Asor Rosa (Torino: Einaudi, 1986), pp. 687-716, cui si rinvia per il motivo dello 
"sguardo antropologico". M. Milanesi, Tolomeo sostituito. Studi di storia delle conoscenze 
geografiche nel XVI secolo (MH^no: UnicopU, 1984). M. Zancan, "Venezia e il Veneto", 
Letteratura italiana. Storia e geografia, II/I. L'eta modema, ed. A. Asor Rosa (Torino: 
Einaudi, 1988), pp. 619-741, in part. pp. 623-57 ("Spazio geografico e spazio mentale. Le 
relazioni di viaggio"). E' ancora utile L. Olschki, Storia letteraria delle scoperte geografi- 
che. Studi e ricerche (Firenze: Olschki, 1937). In part, per I'America cfr. A. Gerbi, La 
natura delle Indie Nove. Da Cristoforo Colombo a Gonzalo Fernandez de Oviedo (Mila- 
no-Napoh: Ricciardi, 1975); e il classico (recentemente ristampato) R. Romeo, Le scoperte 
americane nella coscienza italiana del Cinquecento (Roma-Bari: Laterza, 1989). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



184 Francesco Sberlati 

la validity e I'efficacia— in termini di ricezione— di questo modello di geografia 
letteraria, conducendo ad un precoce azzeramento delle connotazioni favolistiche 
e mitografiche che ne rappresentavano forse i tratti piu caratterizzanti. La 
migrazione verso territori lontani viene pertanto descritta tramite I'ausilio di 
procedure non direttamente riconducibili entro I'orizzonte retorico del viaggio 
"testuale" e della geografia letteraria. I paesi favoleggiati in tanti romans esotico— 
awenturosi del Medioevo latino e volgare, verso i quali peraltro si indirizzavano 
gi^ le mire espansionistiche e gli interessi economici degli Europei, non appartengo- 
no piij alle mitologie collettive. Tra XV e XVI secolo, precise testimonianze 
riescono ad oggettivare con misura critica la quasi fisica impressione dei territori 
visitati e, soprattutto, frequentati. II tema del viaggio, gi^ ampiamente elaborato 
nei canali della scrittura dalla civiltA mercantile-comunale fra Due e Trecento, viene 
sottratto alia materia letteraria d'evasione e diventa uno strumento di conoscenza 
empirica della realty. L'esplorazione dei "paesi novamente retrovati", tramite 
appunto I'esperienza diretta del viaggiatore che vede con i suoi propri occhi cid 
che racconta, garantisce al testimone oculare ogni autorit^ interpretativa e diegetica. 

Purse legato all'assunzione di un ordinamento concettuale di stampo espressa- 
mente antidogmatico e scientifico, almeno nelle dichiarate intenzioni degli autori, 
il racconto di viaggio si scandisce secondo una distribuzione di timbri espositivi 
che non rinunciano a motivi tendenzialmente narrativi. Eineffetti, abenguardare, 
il libro di viaggio del Rinascimento si dimostra ancora parzialmente permeabile 
"air influenza di certi motivi letterari cavallereschi"^, ben evidente nella forte 
tensione simbolica che individua nell'esploratore unnuovo cavaliere errante, la cui 
quete avventurosa in terre ignote e mai descritte prima, popolate da genti scono- 
sciute e aliene rispetto ai parametri mentali degli uomini del tempo, inaugura un 
nuovo ciclo mitico in cui il progetto antropologico della conoscenza deWaltro 
subentra storicamente (e letterariamente) alia modulata crescita per entrelacement 
delle vicissitudini dell'eroe. Alle spalle del libro di viaggio va dunque riconosciuta 
la consolidata prassi della letteratura: ma la sua idea di letteratura apre gli spazi 
della modernity. In essa si distinguono per ragioni di contenuto e di completezza 
notazioni d'utilitA economico-sociale, cataloghi di toponimi che segnalano luoghi 
importanti per lo scambio commerciale, osservazioni di primo piano su questioni 
inerenti alle strutture politico-civili dei paesi visitati, appunti, descrizioni, quantifi- 
cazioni, resoconti riprodotti nonsenza fondamentali ragioni epistemologiche prima 
ancora che informative. 

Non stupisce pertanto rilevare che il libro di viaggio h riconoscibile con 
sicurezza tra i prodotti piu diffiisi del nuovo mercato editoriale del Cinquecento. 



3. T. J. Cachey Jr., "Le Isole Fortunate nella storiografia di scoperta del Cinquecento", 
Le Isole Fortunate. Appunti distoria letteraria italiana (Roma: L"'Erma" di Bretschneider, 
1995), p. 184. 



Esplorazione geografica e antropologia 185 

Anzi, gi^ nella seconda met^ del XV secolo le pubblicazioni di recits de voyage 
sono difftisissime ed abbracciano, per il loro carattere divulgativo piu che compilati- 
vo, ampi strati di lettori, in particolare, com'^ ovvio, "borghesi", vale a dire 
mercanti viaggiatori epigoni di Marco Polo. Tuttavia va precisato che anche la 
classe intellettuale degli umanisti contribuisce ad un decisive rinnovamento della 
geografia e della sua utilizzazione letteraria. 

Proprio ad un grande umanista, Poggio Bracciolini, si deve infatti la cognizione 
storiografica e testuale del primo viaggiatore modemo dopo il medievale Marco 
Polo. Niccol6 de' Conti (1395 ca.-1469)\ veneto (di Chioggia) e mercante come 
Polo, parte giovanissimo per tomare solo dopo molti anni. Nel 1414 b gii a 
Damasco e da qui parte per I'Estremo Oriente (Asia meridionale e insulare) ove 
si tratterr^ per ben venticinque anni. Niccol6 h nel Deccan, a Ceylon, a Sumatra, 
in Cina, a Giava, a Malacca; naviga sul Tigri e suH'Eufrate sino a Bassora, poi 
raggiunge I'Oceano Indiano. Parla correntemente il persiano, si converte per un 
certo periodo all'islamismo e frequenta etnie fino ad allora sconosciute agli Europei, 
come gli Accinesi di Sumatra settentrionale e i Batacchi delle Isole Andamane. 
Diviene profondo conoscitore dell' Oriente, avviando a soluzioni mature il processo 
di conquista dello spazio ignoto iniziato da Marco Polo. Lo spagnolo Pedro Tafur 
(1410 ca.- 1484), ufficiale dell'esercito di Luis Gonzdles de Guzman, nelle 
Andanzas e viajes por diversas partes del mundo (1439) ricorda in Niccol6 de' 
Conti una preziosa ed esperta gu(a durante le sue peregrinazioni nell' Asia minore. 
Del resto lo scrupolo di completezza informativa di Niccol6 non lascia adito ad 
equivoci: quando non riesce a raggiungere talune locality, egli riferisce su di esse 
notizie avute da altri osservatori e raccolte presso gli autoctoni nelle zone limitrofe. 
A differenza dell'autore del Divisament dou nwnde, che opera ancora aH'intemo 
di una mentality schiettamente medievale, ben awertibile nell'impianto complessivo 
del libro poliano in quella insistita velleit^ da genere enciclopedico oltre che in una 
allocutio che rammenta le procedure stereotipate della letteratura didattico-morale, 
Niccol6 de' Conti pare gi^ pronto per attivare invece una narrazione che definirei 
"autodiegetica", vale a dire coscientemente sganciata, anche sul piano dell'enuncia- 
zione, dalla necessity del ricorso alle dichiarazioni di pretesa veridicit^, dalle 
esigenze di autenticazione. Tutta I'informazione mediata da Niccol6 h riferibile 
ad una modality di scrittura biografico-realistica, e in quanto tale corresponsabile 
nell'ambizione ad un ruolo di mero servizio documentaristico, facendola spiccare 
pertanto non come materia di un trattato scolastico, ma come materia di un libro 
narrativo. Detto in drastica sintesi. Polo si preoccupa di persuadere il lettore alia 



4. Cfr. F. Surdich, "Conti, Niccolo de'", Dizionario biografico degli italiani, vol. XXVIII 
(Roma: Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1983), pp. 457-60. R. Cusmai Belardinelli, 
"Discorso sopra il viaggio di Niccolo Di Conti veneziano" , Accademie e biblioteche d 'Italia, 
LIII (1985), pp. 155-70. 



186 Francesco Sberlati 

verisimiglianza del suo resoconto, mentre Niccold espone serenamente la narrazione 
delle sue esperienze senza lasciar trapelare il timore di essere ritenuto noncredibile. 

Assecondando la propria funzione di intellettuale organico ad un progetto 
culturale in cui si perseguono finality e obiettivi ordinati in senso modernista (ciot 
antimedievale), Poggio Bracciolini dedica ai viaggi di Niccol6 de' Conti il libro 
IV (intitolato India recognita) del De varietate fortunce, composto nel 1447 e 
dedicate a Nicol6 V, edito a Cremona da Ulrich Scinzenzeler il 5 febbraio 1492. 
Da questa edizione cremonese venne in seguito ricavata la traduzione portoghese, 
dovuta a Valentin Fernandez, pubblicata a Lisbona nel 1502, che servi a sua volta 
per la prima edizione in lingua italiana approntata nel 1554 da Giovan Battista 
Ramusio. II recit di Niccold invita ad aprirsi progressivamente ad orizzonti 
geografici (ed etnologici) assai piu larghi di quelli dislocati nella cosmologia 
medievale e scholastica. Egli fugge gli eccessi del teologismo scientifico innome 
di un ideale di misurata acquisizione empirica che sembra preludere all'epoca 
colombiana e a quella nuova immagine del Mondo e della Natura che di li a poco 
si manifester^ nella pienezza dei suoi esiti epistemici. Sullo sfondo del recit di 
Niccol6 si intravede una stratificazione letteraria nonestranea alia retorica dell'eso- 
tismo\ ma assorbita nella mobility dell'occhio vedente in quanto punto di forza 
dell'osservatore, epertanto nonriusata sul registro diegetico delle opzioni affabula- 
torie. Per di piii, ad accrescere il valore emblematico della testimonianza contiana, 
va riconosciuta con esattezza la credenziale della prospettiva antropologica—di 
osservazione se non ancora di frequentazione— impostata secondo dimensioni tali 
da assimilare informazioni relative non solo alia society ed al commercio, ma estese 
all'abbigliamento, ai costumi sessuali, ai nuclei familiari, alFalimentazione, 
all'igiene e alia cosmesi. 

Una volta collocato nel concreto paradigma intellettuale, il messaggio geogra- 
fico imprime un profondo rinnovamento all'intemo delle strutture funzionali e 
operative della letteratura legata alFimmaginario, che si vede costretta a rinunciare 
al formulario ricorsivo dei loci esotico-fabulosi in favore di un progetto topografico 
Concorde e solidale alForganismo della Natura. Fra otium e negotium, il non ben 
definito paese di Angelica e Galafrone (Orlando Innamorato II, m, 29; Orlando 
Furioso VIII 43), patria dell'onesto Natan {Decameron X, 3) ricordata dal Solino 
ubertiano (Dittamondo i, 9), 6 ora ricondotto in questa lezione di scienza geografica 
riscattata dalle fantasticherie letterarie e, secondo il modulo di sobrieta stilistica 
della sermocinatio cesariana {De bello gallico 1,1), riofferto al pubblico in termini 
di richiamo al principio di reaM: 



5. Anzi, ad una radente lettura comparativa, non sara senza importanza notare che il binomio 
duecentesco Polo-Rustichello, rispettivamente auctor e scriptor del Divisament-Milione , 
trova un suo preciso corrispondente quattrocentesco in quello di Niccolo-Poggio, se non 
altro nella qualifica di editor del cancelliere fiorentino. 



Esplorazione geografica e antropologia 187 

L'India tutta e divisa in tre parti: la prima si distende dalla Persia sino al fiume 
Indo; la seconda da questo fiume sino al Ganges; la terza e quella che e oltre al 
detto fiume, e questa e la migliore, la piii ricca e piu civile, perche nel vivere, 
govemo e costumi sono simili a noi altri. ... Sono mercatanti, e i piii di loro sono 
ricchi quanto si possa dire, perche se ne trovaranno molti, che un solo sara atto 
a caricar del suo proprio 40 navi di mercanzia, di tal valuta che I'una di queste 
sara stimata 50 mila ducati. ... Non portano barba, ancora che abbino i capelli 
lunghi, distesi sopra le spalle; usano i barbieri come facciamo noi altri, e quando 
vanno in guerra, legano li capeUi dietro al coUo con una cordella di seta. . . . L'uso 
del vestire e vario, secondo la diversita delle regioni e de' luoghi. Commune- 
mente non hanno lana, ma lino, gottone e seta in gran copia, de' quah ne fanno 
vestimenti, cosi gU uomini come le donne. Portano intomo alle parti vergognose 
alcune traverse di lino, longhe sino alle ginocchia; portano una veste sola, o di 
tela o di seta, sopra la traversa, gU uomini sin al ginocchio, le donne sin al 
calcagno .... Le donne pubbhche, in ciascun luogo che I'uomo le vuole, le trova 
immediate, perche sono sparse per tutta la terra e hanno case proprie, nelle quali 
tengono olii, unguenti, profumi e altre cose odorifere; e con molte lusinghe e 
parole accarezzano mirabilmente gh uomini, ciascuno secondo I'eta loro, e sono 
molto accorte e gran maestre a provocar gU uomini ai lor diletti: e di qui nasce 
che tra gl'Indiani non si sa cio che sia quel vizio abominevole.^ 

L'occhio vedente di Niccol6, forse sul piano storiografico primo autentico 
segnale dello sguardo antropologico^, conduce I'osservazione verso punte estreme 
di obiettivit^. Nel brano che ho riportato b dato cogliere infatti gi^ molti dei motivi 
di fondo che si ritroveranno nelle relazioni di viaggio successive. In primo luogo, 
accanto al ricoscimento deU'alterit^ radicale di etnie lontanissime dall'Europa e 
dal bacino del Mediterraneo, v'^ Tattenzione, a mio avviso straordinariamente 
rilevante, per le affinity e le analogic tra Occidente ed Oriente ("sono simili a noi"; 
"come facciamo noi"), sigillo esclusivo di una volont^ che punta anche ad affer- 
mare una uguaglianza equanime tra civiM paritetiche seppure fortemente eteroge- 
nee. In secondo luogo si coglie nel resoconto di Niccol6 una assecondata vocazione 
per le condizioni socio-economiche delle regioni visitate ("sono ricchi quanto si 



6. Cfr. il Viaggio di Nicold di Conti veneziano, scritto per messer Poggio fiorentino. 
Narrazione di Nicold di Conti delta vita e costumi degli uomini dell' India e di tutto ilpaese 
d 'Oriente, fatta a richiesta di molte persone che lo interrogavano, pubbhcato in G. B. 
Ramusio, Navigazioni e viaggi, ed. M. Milanesi (Torino; Einaudi, 1978-1988), II (1979), 
808-809. Preciso che gottone e settentrionalismo per "cotone", mentre il vizio abominevole 
e la sodomia. 

7. Per la pregnanza metodologica e per affinita di disamina rammento: M. De Certeau, 
"Ethnographic. L'orahte ou I'espace de I'autre: Lery", L'Ecriture de I'histoire (Paris: 
Galhmard, 1978), pp. 215-248. F. Affergan, Exotisme etalterite. Essai sur les fondements 
d'une critique de I 'anthropologie (Pahs: P.U.F., 1987). F. HsLXiog, Le moroir d'Herodote. 
Essai sur la representation de I'autre (Paris: Gallimard, 1980). 



188 Francesco Sberlati 

possa dire"), entro unquadro d'insieme incui b dato lecitamente cogliere malcelate 
approvazioni per un sistema sociale che sembra nella maggioranza dei casi 
preferibile a quello della Cristianit^ europea. In terzo luogo la puntuale distinzione 
dei caratteri delle diverse aree territoriali ("secondo la diversity delle regioni e de' 
luoghi"), che si sviluppa sul registro argomentativo nella attribuzione a ciascuna 
di essa delle proprie peculiarity climatiche, ambientali, sociali, in netto e palese 
contrasto col principio della reductio ad unum tipico della cultura cosmologica 
d'estrazione scolastico- enciclopedica e ancora saldamente attestato aU'interao della 
civiM tardomedievale. Infine, last but not least, la fortissima tensione della 
suggestione erotica ("accarezzano mirabilmente gliuomini"; "sonoraoltoaccorte 
e gran maestre a provocar gli uomini a lor diletti"), la quale si esplica nella 
evidente opportunity di facili esperienze accessibili achiunque, secondo unaprassi 
di vita che pare capovolgere I'irreggimentata struttura repressiva, inibitoria e 
proibitiva della morale religiosa europea. ^ 

Sono, questi, motivi e suggestioni che incontreremo di frequente durante la 
pur rapida disamina di altre testimonialize. 11 tratto peculiare delle relazioni e 
narrazioni di viaggio t una tendenza modernista che mette in opera una descrizione, 
vale a dire una circostanza in cui un agente cognitive, un osservatore, veicola un 
mondo diverso, altro dallo schema geo-etnografico della tradizione letteraria. La 
descrizione del mimdus novus implica la rimozione delV espace tradizionale. Nessun 
modello teorico offerto dalla riflessione tardomedievale e preumanistica t in grado 
di aderire rigorosamente dXVeclosion delle nuove tensioni informative: nel circuito 
reiterato delle codificazioni non c'e "spazio" per I'eplicitazione semplicemente 
disordinata dell'occhio vedente, nonostante le sue proprieta di coerenza con 
I'indagine della realta. 

Con tratti piij antropologici, secondo lo stile esotico-awenturoso, proprio il 
rapporto con lo spazio straniero come servitium intellettuale organico alia prassi 
operativa nel mondo, connota nel veneziano Giosafat Barbaro (1413-1494) la 
metamorfosi definitiva delle prove geografiche gi^ consolidate dai viaggiatori 
precedenti. Anch'egli dedito alia mercatura, Barbaro^ sancisce con la propria 
biografia una concezione tipicamente umanistica ddVingenium, aperto come si 
dimostra a forgiare un parametro didattico adeguato alle circostanze. Con la sua 
esperienza di viaggio, egli rappresenta I'archetipo di un bagaglio ricchissimo di 
esperienze assorbite in loco, segnato da undesiderio conoscitivo oltre i limiti della 
tradizionale erudizione scolastica. Niccold de' Conti riproduce puntualmente nella 
scrittura la realty che osserva, meiitre Barbaro partecipa di quella realta: questi 
oltrepassa il confine visuale dell'osservazione per divenire parte integrante di un 
mondo originariamente a lui estraneo. 

Nel 1436 Giosafat t alia Tana, emporio veneto sul Mar d'Azov. Resta ben 



8. R. Almagia, "Barbaro, Giosafat", Dizionario biografico, cit., VI (1964), 106-109. 



Esplorazione geografica e antropologia 189 

sedici anni in Europa Nord-orientale percorrendo la Crimea e tutta la regione 
intomo al Mar Nero: soggioma a Mosca, a Costantinopoli e a Trebisonda. Passa 
il Caucaso spingendosi sino a Tiflis ed Astrachan. Ha lunghe frequentazioni con 
etnie semisconosciute: Tatari, Alani, Cumani. Tra il 1450 e il'Sl torna a Venezia, 
ma gi^ nel 1463 documenti d'archivio lo dicono "ufficiale" per conto della 
Repubblica in Dalmazia e in Albania. Nel settembre del 1472 il neoeletto doge 
Nicolo Tron lo nomina ambasciatore della Serenissima presso lo scia di Persia 
Uzu'n Hasan, col delicatissimo incarico di riuscire ad attrarre il restaurato impero 
entro lo scacchiere diplomatico delle alleanze veneziane. E il grande viaggio di 
Giosafat. Da Rodi giunge a Famagosta e di qui prosegue per 1' Asia minore; visita 
Korghos, Tarso e Adana, varca il Seyhun e il Tigri, attraversa il Kurdistan fino 
a Tabriz, residenza dello scii. Visita citt^ del tutto sconosciute ai geografi 
tolemaici d'Europa come Sultanieh, Sciraz, Isfahan (dove incontra il collega 
Ambrogio Contarini), Laz, Kum, Hormuz, Erzingian. Erudito di prima mano su 
questioni d'antiquaria, h il primo ad indicare all'attenzione degli archeologi europei 
le grandiose rovine di Persepoli: e nasce il topos del viaggio geografico come 
itinerario a rebours nella storia. 

Nel Viaggio di Giosafat Barbaro (non senza fluttuazioni e squilibri) la 
conoscenza del luogo geografico h un processo che si costruisce nel segno del sito 
etnico e sociale. Esso viene compiuto tramite una partecipazione sperimentale 
dell'occhio vedente e sviluppato grazie al maturo confronto del "vivere insieme" 
("in questo luogo albergai"), ben lontano dalla quasi-feticistica e monastica 
solitudine dello studioso medievale (per fare un solo esempio illustre, si pensi 
all'aspirazione petrarchesca di vita solitaria). Un tale processo conoscitivo b 
efficacemente espresso in questo brano del racconto di viaggio di Barbaro: 

Giugnemmo poi alia radice di un monte, il qual e sopra un altro monte, e ha una 
citta chiamata Merdin, alia quale non si puo andar se non per una scala fatta a 
mano, i gradi della quale sono di pietra viva, di passi quattro I'uno con le sue ^ 
bande, e dura per un miglio; al capo di questa scala e una porta, e poi la strada 
che va nella terra. II monte d'ognintomo cola acqua dolcissima, e per tutta la 
terra sono fontane assai. E nella terra e un altro monte, il quale quasi tutto 
intomo e una rocca alta da passi cinquanta in suso, nell 'ascender del quale si 
trova una scala simile alia sopradetta. Non ha questa terra altre mura che quelle 
delle case; e lunga un terzo di un migho; ha da fuochi 300 dentro, e in essi 
popolo assai. Fa lavori di seta e gottoni assaissimi, ed e similmente del signore 
Assambei. Soghono dire i Turchi e i Mori che tanto e alta che coloro h quaU 
vi abitano non veggono mai volare uccelh sopra di se. In questo luogo albergai 
in un ospitale il quale fu fatto per Ziangirbei, fratello del signore Assambei, e 
dove tutti queUi che vi vanno hanno da mangiare; e se sono persone che paiano 
da qualche conto, gh vengono messi sotto ai piedi tapeti da piii di ducati cento 



190 Francesco Sberlati 



I'uno.^ 



Attraverso una minuziosa descrizione realistica, che contrasta quasi con certe 
connotazioni da favola immaginaria del luogo descritto, Barbaro media una 
conoscenza che egli ha acquisito per diretto contatto con quella regione impervia 
edisagevole. Ormai sottratto all'affabulazione deU'esotismo letterario, lo scenario 
nel contempo favoloso e reale di due monti sovrapposti uno sull'altro t lo spazio 
incui abita un popolo assai civile'", tanto abile neirattivit^ manifatturiera quanto 
ospitale ("tutti quelli che vi vanno hanno da mangiare"). 

L'orgoglio della conoscenza empirica sposta la prospettiva dal paradisus 
ckmstralis al paradisus australis, dalla solitudine dell'occhio leggente alia partecipa- 
zione al mondo dell'occhio vedente. II vis-a-vis del narrante coll'oggetto peculiare 
della sua disamina, col luogo, non pu6 che consistere nella riproduzione del luogo 
nella parola, postulando nel contempo una esclusivista aspirazione di verity della 
scrittura. Lo spazio geografico nella scrittura, dunque, da mero deposito letterario 
assume la fisionomia saldamente affermata di ricognizione coerente ed omogenea 
su un'area specifica e circoscritta del mondo fondata sull'assunto dQlVid quod video. 
D'ora in poi V index locorum^^ non potr^ piu riferirsi ai loci, ma solo ed esclusiva- 
mente ai loca. II paesaggio noto che offre la geografia letteraria, fondato sullo 
stereotipo del locus amoenus, scompare di fronte all'estensione concreta della 
Natura. La funzione evocatrice delFordine topico-estetico non basta piu a garantire 
un repertorio dall'ampia disponibilit^ di inmiagini da riutilizzare retoricamente. 
II rapporto piu inmiediato e coinvolgente con la materia "ecologica" che le relazioni 
e narrazioni di viaggio sperimentano ed amplificano, offre all'inmiaginario uno 
scenario eccezionalmente dissimigliante da quello noto, che muta pagina dopo 



9. Cito da Di messer losafa Barbaro, gentiluomo veneziano, il viaggio della Tana e nella 
Persia, incluso in G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi cit., Ill (1980), pp. 485-574: p. 
528 ("Della citta di Merdin, e mirabil sito e altezza di quella"). 

10. Per un esauriente quadro storicosociale cfr. H. Islamoglu-Inan, "Les paysans, le marche 
et I'Etat en Anatolie au XVP siecle", Annales. Economies Societes Civilisations, XLIII 
(1980), 1025-1043. 

11. Nella sua Lezione di Geografia Charles Fourier (1772-1837), filosofo ed economista, 
mette adeguatamente in evidenza la stretta correlazione che sussiste tra il carattere allegorico 
del toponimo e I'acquisizione geografica: "I nomi allegorici si applicheranno come sistema 
generale a tutta la storia naturale". Nella scrittura di Fourier, che giustamente Roland 
Barthes ha A&Txmio d'exces, i toponimi sono infatti "lezioni pittoresche applicate a montagne 
e capi, laghi e paludi, fiumi e sorgenti, porti e scogli, arcipelaghi e vulcani". Essi inoltre 
esprimono antropologicamente le "relazioni collettive" con lo "spazio", poiche stabihscono 
"legami" tra I'osservatore e "queUi che ne abitano i dintomi": - Le citazioni sono da C. 
Fourier, Lezione di Geografia, trad, it., ed. M. Quaini (Genova-Ivrea: Herodote Edizioni, 
1982), pp. 80-8 1 . II rinvio e a R. Barthes, Sade, Fourier, Loyola. La scrittura come eccesso, 
trad. it. (Torino: Einaudi, 1971). Sultemacfr. G. Dt Mait&is, La geografia come melafora 
(Milano: Feltrinelli, 1985). 



Esplorazione geografica e antropologia 191 

pagina (cio6 da luogo a luogo) e che nel processo mentale non pu6 non ridursi in 
caratterizzazione iconica, talvolta metaforica. 

n. "Homo viator" 

Alle nuove acquisizioni geografiche fa seguito precocemente una graduale manipola- 
zione ermeneutica dello spazio naturale. Essa avviene raediante una reiterata 
estrapolazione allegorica che assume una piu forte suggestione evocativa qualora 
la si pensi assimilabile alia sofisticata intellettualizzazione del mundus in quanto 
visualizzazione spaziale del cosmo-theatron sottoposto a decodifica'^. Si tratta 
della formulazione di un'idea filosofica asserita con reiterata insistenza dalla piu 
accreditata speculazione teoretica del Rinascimento, la quale non mancher^ di 
imprimersi, conservando intatta la sua cifra induttiva, sul complesso sostrato 
simbolico che sottende aU'esperienza esistenziale del viaggio. La conoscenza che 
deriva dal viaggio corrisponde esattamente al ricorso spregiudicato agli strumenti 
metaforici di cui si serviva quella speculazione, e talora al loro innesto sperimentale 
nella coordinata autonoma dell'osservazione empirica. "L' homo viator b sempre 
un animal symbolicum, e analogicum, continuo produttore di metafore che hanno 
come tenor il nuovo e I'ignoto e come vehicle il vecchio e il familiare. Sono 
metafore che esorcizzano V horror vacui , facendo conoscere il dissimile col simile: 
la storia delle scoperte si configura ... come un'assirailazione o appropriazione 
metaforica del mondo'"^ 

II bolognese Lodovico de Varthema (1465/70-1517) e homo viator che 
addomestica la reaM esotica attraverso processi di identificazione referenziale con 
elementi di mediazione attinti dalla propria incubazione culturale e biografica in 
Oriente. Dopo aver soggiomato ad Alessandria, al Cairo, a Tripoli di Siria e a 
Damasco, nel 1502 Lodovico'"* si unisce ad una carovana di pellegrini mussuhnani 
in marcia verso La Mecca. Una ottima conoscenza dell'arabo gli consentir^ di 
descrivere nel suo Itinerario (1511) con minuzioso interesse antropologico riti 
religiosi o sacrali e cerimonie liturgiche dell 'Islam. In compagnia di altri pellegrini 
si dirige in Persia e poi, primo tra gli Europei, percorre in profondit^ lo Yemen. 



12. Si noti che il mondo e "teatro" anche per un geografo decisamente proto-modemo come 
Abraham Ortelius (1527-1598): cfr. infattiA. Ortelius, Theatre deVUnivers, contemntles 
Cartes de tout le Monde. Avec una brieve declaration d'Icelles (An\eTS3i: C. Plantin, 1587). 

13. G. Folena, "Prime immaginicolombiane dell' America nel lessico italiano", ///mgwagg/o 
delcaos. Studi sul plurilinguisrnorinascimentale(T or'mo: BoUatiBoringhieri, 1991), p. 103. 

14. Cfr. P. Amat di San Filippo, Gli illustri viaggiatori italiani con una antologia dei loro 
scritti (Roma: StabilimentotipograficodeU'Opinione, 1885), pp. 125-42. A. DeGubematis, 
Storia dei viaggiatori italiani nelle Indie Orientali (Livomo: Vigo, 1875), pp. 19-21, 120-26, 
291-94, 305-08, 339-42. A. Bacchi Della Lega, "Lodovico de Varthema viaggiatore 
bolognese del secolo XVI", Atti e memorie della R. Deputazione di storia patria per le 
province di Romagna, serie IV, VII (1916-17), pp. 271-92. 



192 Francesco Sberlati 

Stringe amicizia con un mercante persiano a Shiraz e con questi passa in India. 
Approda a Ceylon, poi risale fino a Palicat, attraversa il golfo del Bengala e con 
ininterrotte navigazioni prosegue la sua esplorazione dell' Asia Orientale. Si spinge 
a Malacca e Sumatra, tocca le Molucche, soggiorna nel Borneo e a Giava. Lascia 
rindia il 6 dicembre 1507 ed impiega I'intero anno successive nella circuninaviga- 
zione dell 'Africa. 

Come replica dello sconfinato quadro geografico che Lodovico ha visto e 
abitato, Vltinerario sembra ribadire I'idea di un'esaltazione della realty dclValtro, 
resa praticabile e relazionabile mediante la conquista personale di umi frontiera e 
degli interminati spazi dilcldaquella. All'immediatezza dell'esposizione narrativa 
fa non a caso riscontro una conquistata obiettivit^ etnologica. Le res complesse 
dell'Oriente arabo e indiano trovano ampia legittimazione nella mens di Lodovico, 
che ne giustifica dal didentro la pregnanza concettuale o devozionale, e ne esprime 
I'ostensione sociale ddV artificium senza nulla concedere al pregiudizio occidentale 
della stravaganza. Per meglio chiarire I'atteggiamento di de Varthema di fronte 
all'esercizio delle ritualit^ fideistiche orientali, richiamo qui unbrano che mi pare 
opportunamente in grado di fomire indicazioni precise circa la serena disponibilit^ 
dell'osservatore nei confronti di una confessione spirituale remotissima da quella 
della Chiesa cattolica. Nel suo resoconto, Lodovico descrive I'insorgenza di 
emozioni e di immagini connesse a talune pratiche devote induistiche senza 
minimamente interferire con V ethos che le anima. Egli le traduce in discorso per 
gli Occidentali rispettando la prassi disciplinatoria del rito senza alcuna compara- 
zione con i riti liturgici cristiani n6 presunzione di superiority. Vediamo dunque 
in che modo Lodovico racconta nel suo Itinerario I'idolatria braminica e le 
successive fasi della celebrazione del rito: 

Loro confessano che un Dio ha create il cielo e la terra e tutto il mondo, ed e 
la prima causa in tutte le cose ...: essi lo chiamano il Deumo .... E questo Deumo 
il re di Calicut lo tiene nella sua cappella ... Ogni mattina h Bramini, cioe 
sacerdoti, vanno a lavare il detto idolo tutto quanto con acqua odorifera, e poi 
lo profumano e, come I'hanno profumato, I'adorano. E alcuna volta fra la 
settimana li fanno sacrificio in questo modo: hanno una certa tavoletta fatta e 
omata in modo di uno altare, alta da terra tre palmi, larga quattro e lunga cinque, 
la qual talvolta e molto bene omata di rose, fiori e altre gentilezze odorifere, 
sopra la quale mettono sangue di gallo e carboni accesi in un vaso d'argento, con 
molti profumi di sopra; hanno poi un turibulo col quale incensano intomo al detto 
altare, e una campanella d'argento la qual sonano molto spesso. Tengono in mano 
un cortello d'argento, col quale hanno ammazzato il gallo, e quello intingono nel 
sangue, e lo mettono alcuna volta sopra il fuoco, e alcuna volta lo pigHano, e 
fanno alcuni atti come colui che vuol giocare di schirmia: e fmabnente abbruciano 
tutto quel sangue, stando continuamente candele di cera accese.'^ 



15. Cito da Itinerario di Lodovico de Varthema in Arabia, in India e nell 'Asia sudorientale , 



Esplorazione geografica e antropologia 193 

Oltre agli aspetti rituali della religiositil orientale, lo sguardo antropologico 
di Lodovico de Vartheraa mira a dislocare nel reticolo informativo indicazioni 
molteplici a proposito dei costumi sessuali dei popoli da lui conosciuti e frequentati 
con assiduity. Come si b g\k visto in Niccolo de' Conti, quella che chiamerei 
disponibilit^ delle donne autoctone a concedersi al viaggiatore occidentale diviene 
rapidamente un corroborato topos in grado di esercitare una seduttiva parentesi a 
favore dell'Oriente. Questo topos, gi^ ampiamente attestato nel Milione di Marco 
Polo, nonmanca di percuotersi suH'orizzonte d'attesa del destinatario occidentale, 
indotto (e direi anzi costretto) questi sul piano sociale e culturale ad un ordinamento 
repressivo, se nonad una drastica rimozione, delle pulsioni vitaliste. NQlVItinera- 
rio di de Varthema le notizie riguardanti le abitudini sessuali di talune etnie 
dell 'Asia centrorientale sono ben sedimentate nell'impostazione generale del 
racconto, e sembrano quantitativamente presenti in copia inusitata rispetto alle 
relazioni precedenti. In esse si possono idendficare appieno le modality dello 
"scambio" e della toUeranza, caratteristiche dominanti nell'orizzonte mentale di 
viaggiatori come Lodovico. Nel passo che riproduco di seguito, dedicate all'argo- 
mento eticamente delicate della deflorazione delle giovani illibate, Lodovico esprime 
senza pudori e sensi di colpa un'esperienza autebiografica la cui alterit^ radicale 
ha effetti stridenti se rapportata al mondo psicologico dell'individuo occidentale, 
e in primis del mercante borghese, all'interno del quale i motivi fondamentali 
dell'esistenza vanno ravvisati nel legame di famiglia, nella prosapia e nella 
discendenza, nell'educazione dei figli demandata alle donne, nel rispetto delle 
norme della morale religiosa, nel vincolo quasi di possesso sancito dullo jus primae 
noctis. Questo I'essenziale della narrazione devarthemiana: 

II re di detta citta [Tamassari] non fa sverginar la sua moglie alii Bramini come 
fa il re di Calicut, anzi la fa svirginare ad uomini bianchi, o siano cristiani o 
mori, pur che non siano gentiU. I quali gentili ancor loro, innanzi che menino 
la sposa a casa sua, trovano un uomo bianco, sia di che lingua si vogha, e lo 
menano a casa loro pur a questo effetto, per far svirginare la moghe. E questo 
intravenne a noi quando arrivammo alia detta citta. Per buona ventura scon- 
trammo tre o quattro mercatanti, li quah cominciorono a parlare .... E cosi uno 
di queUi mercatanti disse: "Venite a casa mia, che noi siamo grandi amici di 
forestieri"; e noi udendo questo andammo con lui. Giunti che fummo a casa sua, 
egh ci dette da far coUazione e poi ci disse: "Amici miei, da qui a venti giomi 
vogUo menar la donna mia, e uno di voi dormira con lei la prima notte e me la 
svirginera". Intendendo noi tal cosa, rimanemmo tutti vergognosi; disse allora 
il nostro turcimaimo: "Non abbiate vergogna, che questa e I'usanza della terra". 
... F*ur pensavamo d'esser dileggiati.'* 



raccolto in G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi cit., I, pp. 761-892: pp. 824-25 ("Del re 
di Calicut e della rehgione"). Chiarisco che nel testo citato schirmia sta per "scherma". 

16. Ibidem, p. 849 ("Come il re fa svirginare la sua moglie, e cosi tutti gh altri gentih della 



194 Francesco Sberlati 

L'idea di una contiguity fra Occidente ed Oriente, fra Vhomo viator e Valtro, 
si esprime anche al livello elementare della natura fisica e delle attivit^ umane 
mediante la consumazione erotica, vero e proprio trait d 'union in un microcosmo 
psicologicamente plurietnico che sembra parodia agli occhi dell'Europeo ("pensa- 
vamo d'esser dileggiati"). In realty quel microcosmo familiare e plurietnico nel 
contempo si inscrive in una consuetudine ("questa 6 I'usanza della terra") dipen- 
dente da una alterita mentale sulla quale I'osservatore occidentale b chiamato a 
riflettere mediante la conquistata opportunity della convivenza, del "vivere insie- 
me". 

Con la sua relazione di viaggio, zeppa di sapide notizie antropologiche, 
Lodovico de Varthema offre all'Europa curiosa e allibita uno spaccato fedele, e 
dunque ancora piueccitante, del lontano Oriente. Sul piano sociologico dell'imma- 
ginario collettivo e sul registro della ricezione ad esso coUegato, nell'Europa del 
primo Rinascimento Vhabitus mentale doWaltro risulta perci6 coinvolto in una 
particolare fortuna. E questo perch6, tra le altre ragioni, 'm(\\xQ\V habitus straniero 
era senza eccessive difficolt^ rawisabile un'evidente posizione d'apertura nei 
confronti dei rapporti fra i sessi, nonch6 una indulgenza al piacere fisico radicata 
in maniera esplicita nelle istanze pubblicamente ammesse di vita comune. Sono 
testimonianze, questa ed altre fornite dallo sguardo antropologico di de Varthe- 
ma'^, che andrebbero rilette tenendo benpresenti lemodeme acquisizioni etnologi- 
che, ed ancor piu soffemiandosi ampiamente sullo iato culturale tra Oriente ed 
Occidente cosi ben presente nelle epidittiche pagine dtlV Itinerario. 

Tuttavia il riconoscimento di una simile idiosincrasia tra civilt^ orientale e 
civiM occidentale presuppone anche I'ormai conquistata capacita di abitare il 
Mondo, vale a dire I'opportunit^ di scegliere in quale parte di esso vivere la propria 
esistenza. Grazie appunto al confronto diretto con Valtro, b ora possibile definire 
gli svariati ed eterogenei paesi nel loro significato di contesti etnici e geografici 
specifici, e decidere di conseguenza verso quale di essi direzionare la propria 
traiettoria di marcia. 

Al di 1^ degli orizzonti antropologici meramente letterari, vorrei qui ampliare 
brevemente il tracciato distributive delle argomentazioni richiamando quel fenomeno 
di intensa migrazione individuale verso Oriente i cui dati quantitativi assommano 
nel corso del XVI secolo a parecchie decine di migliaia di individui (congettural- 
mente giacche sinora sono mancati studi corredati da un esaustivo apparato di dati 



citta"). 

17. Come quella, per fomire un ulteriore esempio che mi pare assai efficace, della "tal 
consuetudine" fra "li gentiluomini e mercatanti gentili" per la quale essi "alcuna volta 
scambiano le loro mogli": Ibidem, p. 828 ("Come li gentili alcuna volta scambiano le loro 
mogli"). 



Esplorazione geografica e antropologia 195 

statistici)'^. II flusso migratorio diretto nei territori appartenenti all'Impero 
Ottomano (\m alter mundus "americano" piu vicino e conosciuto del Nuovo Mondo 
appena scoperto su cui Fernand Braudel" ha scritto pagine di storiografia sociale 
magistral! per metodo e contenuto) coincide al suo apice non a caso col momento 
di crisi reazionaria della Controriforma. Ma soprattutto un tale spostamento 
antropico pu6 essere letto quale concreto passaggio cronologico-culturale ammissi- 
bilmente determinante nella progressiva crescita numerica di Europei che scelgono 
di abbandonare I'Occidente per TOriente. E si tratta di soggetti sociali assai meno 
allineabili o riducibili ad euldj e xabequeros di quanto la cronachistica seicentesca, 
da Simone Contarini a De Haedo e Pierre Dan, abbia schematicamente ritenuto, 
evidenteraente manipolando le biografie dei "rinnegati" a fini devozionali ed 
edificanti, com'6 ovvio secondo coscienziosi intenti di profilassi preventiva e 
disciplinare. 

Negli stati barbareschi ed Ottoman! tra 1580 e 1630 erano piu di ventimila gli 
Europei stabilmente inseriti inruoli socio-economici che i rispettivi paesi d'origine 
non avrebbero potuto loro offrire. 11 calabrese Ulug All, detto Occhiali, figlio di 
un povero barcaiolo, guida in veste di ammiraglio la flotta turca nella battaglia di 
Lepanto (1571), mentre agli inizi del Seicento su 43 rais almeno 20 sono di origine 
occidentale. Dal 1631 troviamo come bay di Tunisi il ligure Osta Morato, 
proveniente da una famiglia di carpentieri, a cui si affianca nelle funzioni giurisdi- 
zionali ed amministrative un altro euldj itaUano, tale Mamy Ferrarese. Ma gi^ nella 
prima met^ del Cinquecento I'ex pastore sardo Hassan Ag^ era divenuto govema- 
tore di Algeri. 11 fascino deH'orientalismo non investe solo le classi socialmente 
meno abbienti, ma persuade e coinvolge anche illustri esponenti dei ceti superiori. 
La nobile veneziana Cecilia Baffo (morta nel 1583), figlia illegittima di Niccol6 
Venier, si converte all' Islam prendendo il nome di Nur Banu e sposa il sultano 
Selim 111, a cui d^ il primogenito, erede al trono col nome di Murad 111. Rientra 
nel medesimo quadro di fecondi scambi tra Occidente e Oriente il fatto che nel 1599 
Tommaso Campanella era in stretto contatto col rinnegato messinese Cigala, 
divenuto illustre notabile della classe funzionariale ottomana. 

Persino aH'intemo del mondo ecclesiastico il paese deU'a/rro fa avvertire la 
suggestione di una radicale liberty sconosciuta alle interdizioni omologanti che 
connotano il tessuto connettivo dei paesi europei nell'et^ della Controriforma. 
L'episodio piii eclatante e scandalistico che i document! coevi trasmettono risale 



18. Cfr. N. L. Green, "L'histoire comparative etle champ des etudes migratoires",/l«n<3/e5. 
Economies Societes Civilisations, XLV (1990), pp. 1335-50, in part. pp. 1339-44 ("Emigrer 
et comparer"). P. -A. Rosental, "Maintien / rupture: un noveau couple pour I'analyse des 
migrations", ibidem, pp. 1403-31, in part. pp. 1407-10 ("Espace vecu et espace investi") 
e pp. 1422-28 ("Deracinements et reenracinements"). 

19. F. Braudel, Civilta e imperi del Mediterraneo nell'etd di Filippo II, trad, it., 2 voU 
(Torino: Einaudi, 1976). 



196 Francesco Sberlati 

al giugno 1631, quando i frati spagnoli Giovanni Lopez da Madrid e Giovanni 
Fecondo Vigna da Barcellona tentano di disertare dall'esercito della Chiesa 
introducendosi travestiti damercanti nel Fondaco dei Turchi a Venezia coU'intento 
di fuggire a Costantinopoii ed abbandonare la Cristianit^. Circa un decennio piu 
tardi, inoltre, cronache di contemporanei affermano che a Costantinopoii due ex 
minori conventuali calabresi, dopo I'apostasia, ricoprono cariche di alta dignity 
religiosa presso la gerarchia dell'Islam^". 

Anche daH'approssimazione schematica di questi dati sommari, t tangibile la 
vitale sovrapposizione e I'incrociarsi frenetico degli scambi antropologici e sociali 
che senza contraddizioni arricchirono la civilt^ rinascimentale di un' identity 
progressista e culturalmente aperta a soluzioni di convivenza multirazziale e 
plurietnica. Non b piii il senso letterario dell 'aventure a suggerire la frequentazione 
deirOriente. Prevale ora un proliferare di fattori economico-sociali che spingono 
a trasferirsi ed adattarsi in aree straniere e tuttavia piu proponibili come ipotesi 
di ascesa sociale dopo la rifeudalizzazione in senso signorile dell'ltaUa tardo-cinque- 
centesca, ai quali si aggiunge I'ulteriore spinta dell'energia di inesperite acquisizioni 
intellettuali. N6 vanno sottovalutate, lo si t visto con Niccol6 de' Conti e Lodovico 
de Varthema, matrici piii vitaliste o aspirazioni ad una maggiore libertil di costumi. 

Con perfetta coscienza dello scarto culturale e religioso, la conversione 
airislamismo e I'abiura del Cristianesimo era consuetudine largamente praticata 
una volta al sicuro dall'lnquisizione^' . Pertanto I'opzione antieuropeista persuade 
anche in termini di liberty ideologica i fuoriusciti occidentali, i quali, aU'intemo 
del lungo e complesso processo di sostituzione-adattamento, identificano nel paese 
dQWaltro il luogo della liberty individuale e dell'eguaglianza collettiva. Natural- 
mente agiscono qui parametri che i dislivelli della tradizionale e prestabilita 
gerarchia europea non sanno n6 possono ancora condividere, pena una grave 
scissione degli strati detentori dell'ordine. Va tuttavia precisato che siffatta 
immagine <\t\V alter mundus fortemente connotata in senso demotico e anti-oligar- 
chico deriva agli Europei non dalla effettiva inesistenza, in Oriente, di caste sociali 
o pregiudizi legati alia genealogia, bensi dalla facility con cui gli Occidentali erano 
ammessi a ricoprire cariche superiori, grazie ad una accorta politica di "fusione" 
condotta non senza scopi propagandistici dagli Ottomani. 

La letteratura di viaggio, col suo scrupolo informativo che veicola notazioni 
sociah, economiche, religiose, culturah, persino sessuali e igieniche, b riconoscibile 



20. Cfr. L. Rostagno, Mifaccio turco. Esperienze ed immagini deU'lslam nell'Italia modema 
(Roma: Istituto per 1' Oriente "C. A. Nallino", 1983); P. Preto, Venezia e i Turchi (^irtvao.: 
Sansoni, 1975); L. Scaraffia, "II riimegato. Fra Cristianita e Islam", Promeleo, IV, n. 14 
(1986), pp. 38-47. 

21. Cfr. B. Bemiassar, "Conversion ou reniement? Modalites d'une adhesion ambigiie des 
Chretiens a I'lslam (XVP-XVIP siecles)", Annates. Economies Societes Civilisations, XLIII 
(1988), 1349-1366. 



Esplorazione geografica e antropologia 197 

con sicurezza quale ineliminabile fase suasoria e parenetica che necessariamente 
sta all'origine del flusso migratorio cinquecentesco (verso le Indie Orientali) e di 
quelle seicentesco ben piii consistente diretto nelle Indie Occidentali dopo che le 
relazioni degli esploratori hanno garantito I'indispensabile bagaglio di dad e di 
informazioni su cui si basa Teducazione propedeutica al viaggio del colono. 
All'ordine individuale del dire— informare, raccontare, precisare, ragguagliare, 
specificare— succede rordinecollettivodeH'agire— partire, trasferire, colonizzare, 
commerciare, fondare. All 'esplorazione del marcheur solitario succede la massa 
migratoria dei coloni. Vhomo viator si muta in homofaber. 

in. "... buscar el levante por el ponerUe" 

Alle spalle del rdcit de voyage va dunque riconosciuta la presenza di criteri 
letterariamente strutturanti e di ordinamenti espressivi consolidati dalla serialit^ 
retorica e formale. Strettamente connesso a questa organizzazione del recit, il 
paesaggio geografico inizia a comporsi in spazialit^ localizzate. E la conoscenza 
di un ordine di luoghi visibili, pronunciabili in un toponimo e fissati nella tipologia 
scientifica modema in quanto distinguibili secondo determinazioni topografiche. 

Nel Cinquecento la relazione di viaggio che piu si adegua alle nuove esigenze 
scientifiche e letterarie b senza dubbio il diario di bordo. Ispirato ad un originale 
senso del realismo, il diario di bordo diviene da Colombo in poi un vero e proprio 
"genere" letterario^^. Nel raggiungimento graduale delle tappe che si susseguono, 
il Diario di Colombo postula in definitiva lo statuto modemo del viaggio. Esso 
rappresenta la testimonianza scritta del percorso effettuato ed il resoconto minuzioso 
autorizzato daH'occhio vedente: dunque veritiera testimonianza dell'epica naviga- 
zione relativa alle gesta scientifiche. 

Sin daU'esordio del Diario, le incipitarie dichiarazioni programmatiche di 
Cristoforo Colombo tendono ad assicurare il lettore su di una garanzia di obiettivit^, 
facendo pure leva sull'accrescimento non irrilevante delle cognizioni scientifiche, 
non solamente cartografiche bensi anche climatiche, metereologiche, nautiche. 
Vediamo assieme un breve ma significative passo delD/anocolombiano, dal quale 
emerge a sufficienza una tale impostazione di metodo descrittivo: 

E per questo pensai di scrivere tutlo questo viaggio motto punlualmente , di giomo 
in giomo tutto quello che io facessi e che vedessi e che accadesse, come avanti 
si vedra. Inoltre, Signori Principi, oltre a scrivere ogni notte quello che awerra 
nella giomata e durante il giomo quello che navighero di notte, ho I'intenzione 



22. Va tuttavia precisato che la selezione quahtativa degh istituti topico-retorici risulta essere 
compiuta sin dal Viaggio a Gerusalemme di Nicold da Este, scritto nel 1413 da Luchino 
Dal Campo. In attesa di un'edizione filologicamente awertita lo si legga ancora in L. Dal 
Campo, "Viaggio a Gerusalemme di Nicolo da Este", Miscellanea di opuscoli inediti e rari 
dei secoli XIV e XV, I: Prose (Torino: Unione Tipografico-Editrice, 1861), pp. 99-161. 



198 Francesco Sberlati 

di fare una nuova carta nautica nella quale collocherd tutto il mare e le terre del 
mare Oceano, nelle loro esatte posiiioni, sotto la loro direzione di vento ed 
inoltre di comporre un libro e porvi tutto come per pittura a seconda della 
latitudine dall'equatore e longitudine dall'Occidente (miei corsivi).^^ 

La curiosity intellettuale del navigatore conserva intatta il senso narrativo 
delVavennire oltre le Colonne d'Ercole, ma la quete si arricchisce ora di un'inedita 
quality stilistica. Quella di trasmettere i contenuti scientifici (acui Colombo dedica 
una spontanea, profondissima attenzione) con un calco capace di conservare le 
sfiunature fabulose^'', corrivamente inteso ad una circolazione libraria verso un 
pubblico sempre piu vasto e composito. Come testimonianza sul piano storiografico 
e come fase d'esordio della vicenda coloniale, il Diario colombiano sembra 
enucleare una forma letterariamente matura e assai compatta dal punto di vista 
stilistico e formale, immessa nella serie dei generi letterari tra la cronaca e il 
romance. Essa elabora infatti nei canali della nuova scrittura scientifica il vecchio 
tema del viaggio, che come abbiamo vistorisulta saldato alle aspettative mitico-leg- 
gendarie radicate neH'immaginario europeo sin dal Medioevo, eppure consentendo 
altresi di individuare con relativa puntalit^ i motivi piu esplicitamente pratici e 
tecnici, svolti talora con finality insegnative. Questa mescolanza di tratti fabulosi 
o comunque strettamente connessi ad un ruolo non subaltemo dei materiali 
immaginari, e di tratti direttamente riconducibili all'edificazione di unparametro 
scientifico modemo rappresenta I'aspetto forse piu suggestive del Diario di 
Colombo". 

Colombo si muove aH'interno di unparadigma culturale che tende ad autorici- 
clarsi. Egli accompagna grandissime scoperte di notevole valore scientifico ad una 
iterata coUeganza con la concezione tradizionale dtW auctoritas . Con sicuri 
riscontri linguistici, Gianfranco Folena ha giustamente vagliato con insistenza la 
filigrana erudita di credit^ medievale e di stampo scholasticus alia quale si rivolge, 
sentendola ancora come memoria viva, I'esploratore ligure nello svolgere i suoi 
interventi epidittici. "Con la Bibbia o Tolomeo alia mano— spiega Folena—, 
Colombo appare come ima specie di nuovo Adamo 'onomaturgo', in un Eden ignoto 



23. Cito da C. Colombo, Diario di hordo. Libro della prima rmvigazione e scoperta delle 
Indie, ed. G. Ferro (Milano: Mursia, 1985), pp. 20-22. 

24. Cfr. L. Formisano, "Appunti sullo stile narrativo di Colombo", Rivista di letterature 
moderne e comparate, XLII (1989), 223-233. 

25. Si veda ad esempio uno dei brani central! di tutto il Diario, quello in cui Colombo 
descrive in terza persona il primo awistamento della terraferma dopo molti mesi di 
navigazione. Nella sua descrizione, accanto ad una sorvegliatissima esposizione dei dati 
nautici e cartografici, si coglie pure in sottofondo la dimensione romanzesca che permea 
di se I'intero racconto colombiano, puntando con scaltrezza retorica da esperto narratore 
a tenere ben desta la curiositas del lettore, tramite procedimenti di sospensione e prolessi 
della narrazione. 



Esplorazione geografica e antropologia 199 

e sfiiggente: di fronte alia realty che lo circonda, e neH'imporre nomi alle cose, 
egli assume spesso un atteggiamento sacrale, biblico"^*. 

Specialmente rilevante, a proposito di una nuova trasposizione iconologica della 
Natura, mi sembra I'importantissimo diario di bordo di Antonio Pigafetta (1480 
1491-1534 ca.). Anche Pigafetta b veneto (di Vicenza), imbarcato sulla nave 
di Magellano durante il tragico viaggio di circumnavigazione tra il 1519 e il 1522, 
fu fra i soli diciotto superstiti tornati in Europa. Di quel viaggio Pigafetta hx attento 
e scrupoloso cronista ed il suo diario-red? costituisce forse il testo piu significativo 
del "ciclo" delle scoperte geografiche. 11 resoconto di Pigafetta senza difficolt^ 
si immagina fruttificato su di un terreno in cui prevale decisamente I'amplificata 
coordinazione degli aspetti tecnici e latu sensu scientifici. AH'interao di esso la 
registrazione delle terre ignote toccate ed esplorate b resa attraverso I'ausilio di 
una soUecitante compresenza di notazioni geo-astronomiche, nautiche, metereologi- 
che, climatiche, ambientali nonch6, con una insistenza mai prima cosi largamente 
caratterizzante, etnologiche. 

Ed addirittura etno-linguistiche se Pigafetta ritiene di dover repertoriare lunghi 
e copiosi elenchi di voci indigene^\ ovvero "vocabuli de li giganti pataghoni". 
A questi elenchi egli allega persino dei precisi avvertimenti fonetici circa la loro 
pronuncia, avvertimenti mutuati dalla fisica e viva voce degli autoctoni: "tuti questi 
vocabuli se pronuntiano in gorgha perch6 cussi li pronuntiavano loro". E una 
testimonianza, anche questameramente linguistica, assolutamente primaria, poiche 
si riferisce alia frequentazione antropologica del "vivere insieme", risolta nell'im- 
presa ardua di una comunicazione linguistica con un idioma remotissimo dai 
linguaggi europei e percid segnale preciso e non contraddittorio della volont^ di 
un auspicabile allacciamento culturale: "me disse questi vocabuli quel gigante, che 
havevamo nella nave"^^. 

Parecchio lontano da quelle di Colombo "onomaturgo", il diario di bordo di 
Pigafetta si modula su una forte tensione di scrittura immersa in un rivoluzionario 



26. G. Folena, Prime immagini colombiane, cit., p. 117. 

27. Cfr. G. Soravia, "Pigafetta lessicografo dei nuovievecchimoncii",LWat/^//e5co/?er/^ 
geografiche nei suoi riflessi Hnguistici in Italia. Atti del Convegno di studi. Firenze, 21-22 
ottobre 1992 (Firenze: Accademia della Crusca, 1994), pp. 67-95. Agli interessi linguistici 
di Pigafetta dedica un approfondito esame T. J. Cachey Jr. nell'introduzione all'edizione 
da lui curata di A. Pigafetta, The First Voyage Around the World (1519-1522). An Account 
of Magellan's Expedition (New York: Marsilio, 1995), pp. xxviii segg. 

28. Cito da A. Pigafetta, La mia longa et pericolosa navigatione. La prima circumnaviga- 
zione del globo (1519-1522). Trascrizione dal codice della Biblioteca Ambriosiana, ed. L. 
Giovannini (Milano: Edizioni Paoline, 1989), p. 91 . La succinta campionatura degli elenchi 
di voci indigene raccolte da Pigafetta, e, credo, il primo esempio di documentazione relativa 
alle lingue amerindie meridionali e pertanto essa assume valenza decisiva sul piano delle 
testimonianze storiografiche. 



200 Francesco Sberlati 

modello culturale le cui caratteristiche dominanti sono individuabili neU'orizzonte 
d'interesse antropologico^'. La frequentazione doWaltro b coestensiva alia 
partecipazione ideologica e mentale al modus vivendi di genti sconosciute che 
abitano terre ignote, mai descritte prima e totalmente aliene rispetto ai parametri 
civili degli Europei. Non b I'Oriente di Polo e Niccol6 de' Conti, di Barbaro e 
Lodovico de Varthema, parzialmente assimilabile (se non talvolta perfino preferi- 
bile) alia vecchia Europa. E un Nuovo Mondo radicalmente diverse in cui viri a 
diis recentes limitano la propria esistenza alia mera fruizione ecologica e naturalista 
del paradisus australis. 

II contatto e la curiosity etnologica vanno dunque individuati come elementi 
determinanti della narrazione di Pigafetta. Egli non perde occasione per sottolineare 
la precoce familiarity stabilitasi tra i navigatori europei e gli indigeni amerindi, 
ancora in questa fase iniziale sigillo di una pacifica e serena convivenza. Sono 
frequent! frasi di questo tipo: "grande familliaritade pigliarono con nui questi 
popoli"; "pigliascemo gran piacere con questi, perch6 eranno asay piacevoli et 
conversabili"^. Da questa familiarity, cxoh ancora una volta, dalFesperienza del 
"vivere insieme", Pigafetta estrae un progetto che b nello stesso tempo didattico 
e narrativo, arricchito inoltre da scrupolose documentazioni antropologiche. Un 
progetto che, una volta trasposto neirimmaginario letterario degU Europei, evocher^ 
nelle strutture mentale di essi motivi riferibili a fantasticherie spesso coincident! 
con le immagini affabulatorie della prassi diegetica occidentale. 

Pigafetta b homo viator che si integra nello spazio che percorre e garantisce 
sempre Vintentio didattica ed espositiva che costituisce il sostrato concettuale e 
metodologico delle sue descrizioni. Egli riferisce circa le distanze: "In questi tre 
mesi et vinti giomi andasemo circa de quatro millia legue in un golfo per questo 
mar Pacifico"; "andando a cinquanta dui gradi, al medesimo Polo, trovassemo nel 
giomo delle undici millia vergine uno streto". Offre estese campionature di 
toponomastica indigena ( "la ysola dove erano se chiama Humunu") e precisa 
quando b in grado di farlo "li nomi de algune ysole, che se vedevano"^'. Ma 
soprattutto egli consuma una pratica visiva che fa appello 2\V auctoritas dell'occhio 
vedente, secondo una metodologia ormai divenuta topica ma empiricamente 
condivisa anche dalla scrittura di Colombo. Anche nel Diario colombiano Tinqua- 
dratura dello sguardo occupa un ruolo di primo piano, ed emerge evidente sul piano 
retorico e lessicale dell'esposizione narrativa. L'importanza attribuita alia fimzione 
dell'occhio vedente, strumento di autorit^ che non ha piii bisogno di ricorrere alia 
citazione o alia memoria libraria per rendere credibile la descrizione che formula. 



29. Cfr. G. Gliozzi, La scoperta dei selvaggi. Antropologia e colonialismo da Colombo a 
Diderot (Milano: Principato, 1971). 

30. A. Pigafetta, La mia longa et pericolosa navigatione , cit., pp. 104-105. 

31. Ibidem., rispettivamente pp. 94, 82, 104-105. 



Esplorazione geografica e antropologia 201 

si coglie benissimo in questo passo del Diario di Colombo, e in particolare nella 
insistita reiterazione del verbo vedere: 

E tutti quelli che vidi erano tutti giovani e non ne vidi nessuno di piu di trenta 
anni, molto ben fatti, di corpo molto bello e di volto molto gradevole. ... lo ne 
vidi alcuni che avevano segni di ferite ... Essi devono essere buoni servitori e 
di buon ingegno, poiche vedo che molto presto ripetono tutto quello che lore 
dicevo. ... Nessuna bestia, di nessuna specie, salvo pappagalli, vidi in quest'iso- 
la.'^ 

Se le condizioni ambientali lo consentono, il voyageur-voyeur soggiorna e 
frequenta, prende contatto: abita un luogo antropologico. L'occhio vedente 
accresce il valore di queste spinte e direzioni di marcia, mentre la misura delle 
energie culturali coinvolte si accentua in modo direttamente proporzionale alio 
sviluppo della sensibility etnografica. Colombo e Pigafetta superano la prassi 
quattrocentesca e precoloniale della mediazione mercantile (caratteristica denotativa 
in Niccol6 de' Conti e Lodovico de Varthema) e rendono non improponibile 
ripotesi realistica e positivamente remunerativa dello sfiruttamento dello spazio 
dolValtro. Ali'etica dello scambio subentra il diritto alia conquista". Occorre 
percid, da questo monento in poi, impadronirsi, appropriarsi dello spazio territoriale 
e geografico delV altro. Si avvia cosi di fatto il processo di dissoluzione delle 
strutture concettuali e socio- economiche dell'universo mercantile tardomedievale 
e quattrocentesco, al cui interao I'incrociarsi e il variegato conftontarsi delle forme 
di esistenza diverse aveva dato vita, lungo un asse di continuity plurisecolare, alle 
istanze "borghesi" della tolleranza e della solidariet^, gi^ civilmente mature per 
essere integrate in un orizzonte di reciproco riconoscimento delle alterita. 

Come per Pigafetta (e a differenza di Colombo), anche per Filippo Sassetti 
( 1 540- 1 588) il sito colonizzato implica una fase culturale di acquisizione geografica 
che ruota intomo alia novitA di un'esperienza coimettiva e di un interesse etnografi- 
co. La vicenda biografica di Sassetti^ b esemplarmente rappresentativa di un'idea 
pedagogica ed insegnativa che rifiuta il monopolio dell'educazione letteraria e 
I'isolamento della vita solitaria. Al contrario, per Sassetti il conoscere e I'appren- 



32. C. Colombo, Diario, cit., pp. 46-47. 

33. Cfr. F. Jtrmings, L'invasione deU'America. Indiani, coloni emiti della conquista, trad. 
it. (Torino: Einaudi, 1991). 

34. Cfr. V. Bramanti, "Filippo Sassetti e il viaggio della scrittura", Atti e memorie 
deU'Accademia toscana di scienze e lettere "La Colombaria" , LIV (1989), pp. 343-59. M. 
Milanesi, "Fihppo Sassetti e la geografia del Cinquecento", ibidem, pp. 324- 42. G. 
Nencioni, "Filippo Sassetti sulle rotte della cultura e degli oceani", ibidem, pp. 287-316. 
II numero della rivista e interamente dedicato a Una giomata di studi su Filippo Sassetti 
nel IV Centenario della morte: ad essa pertanto si rinvia per dati biografici ed ulteriori 
indicazioni bibliografiche. 



202 Francesco Sberlati 

dere dipendono necessariamente dal viaggiare, da un incessante itinerario, soprat- 
tutto dal "vivere insieme" e dalla condivisione delle esperienze. 

Nel 1578, quale sovrintendente dell'azienda commerciale dei Capponi, Sassetti 
lascia la Toscana per recarsi a Siviglia, a Madrid e a Lisbona. Alia sue spalle 
lascia la prospettiva piccolo borghese dello studio quale strumento di emancipazione 
sociale (orache I'eredit^ deH'Umanesimo garantisce unanuova^/^n/to^airintellet- 
tuale). Davanti a s6 e ai suoi occhi vede la prospettiva intercontinentale "d' India 
e di tutte I'altre navigazioni scoperte da cent'anni in qua"^^ Una prospettiva 
materialmente assicurata dai porti iberici, i quali garantiscono nella seconda met^ 
del Cinquecento un ormai pressoch6 regolare ponte marittimo con le piu remote 
regioni di interesse coloniale e commerciale. Entrato a servizio presso un ricco 
mercante portoghese, Filippo lascia Lisbona e si imbarca alia volta dell'India. L'8 
novembre 1583 sbarca sulla costa del Malabar, e qui tra Coccino e Goa rester^ 
sino alia morte, avvenuta solo cinque anni dopo, il 3 settembre 1588. 

Incessantemente tra il 1583 e il 1588 le Lettere sassettiane sono latrici di 
notizie di eccezionale importanza e assoluta novit^. Esse sono perlopiii indirizzate 
al cardinale Ferdinando de' Medici e al granduca di Toscana Francesco I (1574— 
1587), dei quali Sassetti diviene prezioso informatore circa la movida di Spagnoli 
e Portoghesi nelle Indie Orientali. Ma molte delle epistole, qualora trattino di 
questioni piu intellettuali e scientifiche che politico-diplomatiche, sono destinate 
a due personality di primo piano della cultura fiorentina della seconda met^ del XVI 
secolo come Bernardo Davanzati e Pier Vettori. Sono epistole dalle quali si evince 
senza difficolt^ I'aspirazione scientifica di comunicare all'uditorio europeo un 
quadro di notizie generali riguardanti le vicende di una society altra, e che proprio 
nell'approfondito interesse rivolto ai costumi e alia cultura di unpaese lontanissimo 
dairOccidente richiamano alia memoria per analogia ed affinity Tepistolario di 
Andrea Berengo'^ mercante veneziano in Levante dal 1553 al 1556, simile anche 
sul piano formale a quello sassettiano. 

Al pari di Pigafetta, Filippo Sassetti ha spiccati interessi etnolinguistici e le 
sue osservazioni in merito mostrano un'articolazione scientifica decisamente 
modema. Nella lettera del 17 gennaio 1585 a Pier Vettori, Sassetti sembra aver 
gi^ compreso, con la sua tipica capacity d'elaborazione intuitiva, la costituzione 
fonetica del sanscrito, della quale egli conta ben 53 fonemi (definiti da Sassetti 



35. Le citazioni sono da F. Sassetti, Lettere sopra isuoi viaggi nelle Indie orientali dal 1578 
al 1588, ed. R. F. Esposito (Bari: Edizioni Paoline, 1962), 6 marzo 1582, p. 52. 

36. Cfr. Lettres d'unmarchandvenitien: Andrea Berengo (1553-1556), ed. U. Tucci (Paris: 
S.E.V.P.E.N., 1957). Esemplare dal punto di vista retorico-letterario e pure il libro di 
lettere di Amerigo Vespucci, sul quale evito di soffermarmi in questa sede per comprensibili 
ragionidispazio: cfr. A. Vtspucci, Lettere diviaggio, ed. L. Formisano(Milano: Mondado- 
ri, 1985). G. Ugolini, "Paesaggio e societa delle Indie Occidentali nelle Lettere di viaggio 
di Amerigo Vespucci", Archivio storico italiano, CXLIV (1986), pp. 197-238. 



Esplorazione geografica e antropologia 203 

"elementi"). Insistendo sulla "grammatica" intesa dagli Indian! come "scienza", 
Filippo registra i tipi di variazione formale della parola (gli antichi grammatici 
indiani usavano il termine sandhi, poi diffusosi come tecnicismo presso i linguisti 
moderni) e intuisce la parentela del sanscrito con le antiche lingue europee. Si 
legga quella che a me pare la parte piu significativa della lettera indirizzata a Pier 
Vettori: 

Costoro hanno la grammatica e se ne servono. La lingua in se e dilettevole, e 
di bel suono, per li molti elementi ch'egli hanno fmo a 53; de' quali tutti rendono 
ragione, facendoli nascere tutti da diversi movimenti della bocca .... Traducono 
nella loro facilmente tutti i concetti nostri, e stimano che noi non possiamo fare 
il medesimo de' loro nella lingua nostra, per mancare della meta degli elementi, 
o piu. E il vero che a proferire le parole loro con U loro suoni ed accenti (che 
e quello che e' vogUono dire) si ha molta difficulta.'^ 

Sassetti offte qui una prima prova scientifica del valore semantico di certi tratti 
fonematici in quelle che la modema linguistica definisce lingue a toni. Egli si 
mostra inoltre in grado di risalire etimologicamente a valori semiotici connotativi 
nell'analisi di una catena morfemica. Per fare solo un rapido esempio, richiamo 
il caso del nome dei bramini (sempre socialmente "riveriti e ben trattati" dichiara 
il nostro acutissimo informatore), a proposito del quale Sassetti, dawero primo 
europeo a tentare la traduzione dal sanscrito, precisa che 

del loro nome composto la prima parte Bra nella loro antica lingua significa 
Iddio, e la seconda mene specolare; sicche in tutto gh potremo chiamare teolo- 
gi.'« 

II punto di vista qui adottato da Sassetti^', anche se prowisoriamente traccia- 
to, richiama per analogia la descrizione del contenuto linguistico fomita da Louis 
Hjebnslev, "come essenziahnente spettante in parte dWdifisica e in parte all'a^/ropo- 
logia (sociale)'"^. E tutto cid esattamente due secoli prima della "scoperta" del 
sanscrito ad opera di Sir William Jones, orientalista e giurista britannico, che nel 
1786 fu il primo ad enunciare su base comparatistica il legame storico e genetico 



37. F. Sassetti, Lettera XX. A Pietro Vettori da Santacroce di Coccino, 17 gennaio 1585, 
mLettere, cit., p. 128. 

38. Ibidem, p. 126. Sassetti fu segnalato come "primo europeo traduttore del sanscrito" gia 
nel 1875 da quell'attento indoeuropeista che fu A. De Gubematis, "La lingua sanscrita 
secondo i nostri viaggiatori", Storia dei viaggialori italiani, cit., pp. 321-33, in part. p. 
330. 

39. Per precisare il quale serve anche la rilevantissima testimonianza della Lettera XXXIL 
A Bernardo Davanzati da Coccino, s. d. (febbraio 1588), pp. 220-24 dell'ed. citata. 

40. L. Hjebnslev, I fondamenti della teoria del linguaggio, trad, it., ed. G. C. Lepschy 
(Torino: Einaudi, 1987), p. 84. 



204 Francesco Sberlati 

del sanscrito col latino, il greco antico e il geraianico (ma solo nel 1808 la 
sensazionale rivelazione giunse alia comunit^ scientifica d'Europa). 

Ancora una forte presenza di scientificit^ connota quello che chiamerei il 
registro geo-astronomico dell'osservatorio sassettiano. Permane tuttavia una 
cosciente mediazione scholastica in Filippo, la quale deriva dalla sua educazione 
universitaria ("come diceva il mio padre metafisico di Pisa'""), pur prevalendo | 
tuttavia un'impostazione di metodo generale arditamente aperta alia sperimentazione 
poich6 proiettata tutta nello spazio "esteriore" doWaltro. Sassetti fomisce al 
curioso e ricettivo uditorio occidentale combinazioni analitiche intese ad offtire una 
seletta informazione tecnica, vale a dire anche in questo caso inerente alia strumen- 
tazione nautica, metereologica, climatica, ambientale, cartografica, marittima, 
giudiziosamente sempre notevolissima perfino nel lessico senza che si ecceda in 
rigorismi o schematismi settoriali. Tuttavia, ed anzi ancora piu significativamente, 
nelle sue descrizioni Filippo asseconda, al pari di Colombo, una misura diegetica 
che parla a favore di certe permanenze d'estrazione letteraria. Ecco allora evocato 
I'eroe eponimo deU'awentura cavalleresca, richiamato proprio in quanto espressione 
del viaggio inteso prima di tutto come emulazione e imitazione, sotto la spinta 
ancora una volta dell'occhio vedente (corsivi miei): 

... m'immagino che nessuno, o ben pochi si metterebbono a voler pure veder 
rindia a spese di tanto disagio. Ma cosi e, che si fa come Orlando, che visto 
quel battello, gh venne desio di andare in barca."*^ 

La suggestione romanzesca della quite avventurosa ed oltramarina non 
impedisce a Filippo di curare minuziosamente la collocazione geografica dei 
fenomeni atmosferici e climatici. Conscio di trattare temi in prevalenza ancora 
estranei alle forme istituzionali del dibattito scientifico occidentale, Sassetti tenta ; 
di elaborare su basi empiriche un reticolo serrato di moduli informativi ed epidittici. 
II richiamo alia esperienza diretta dell'osservazione si coglie nelle frequenti 
asserzioni di questo tipo: "per la sperienza che io dird appresso..." (Lett, vil, pp. 
52-53), nelle quali b evidente la solidariet^ contenutistica e pragmatica col principio 
operativo dell'occhio vedente. 

Dopo la scoperta del Nuovo Mondo anche gli orizzonti esotici ben noti alia 
geografia letteraria del Medioevo e del Rinascimento sono immessi, e direi anzi 
"allocati" , nello spazio della modernity. L'India dei romanzi cavallereschi, abitata 
dapopolazioni ostiliallaCristianit^ occidentale ancora neW Innamorato diBoiardo, i 
per il quale "6 de India una gente infinita: / tutti son negri la brutta canaglia" (I, 
VI, 63, 3-4), non appartiene alia realty geografica "narrata" dalle relazioni e dai 



41. F. Sassetti, Lettera IV. A Francesco Valori da Libona, 15 giugno 1580, in Lettere, cit., 
p. 41. 

42. Id., Lettera XX cit., p. 122. 



Esplorazione geografica e antropologia 205 

racconti di viaggio. L'esperita conoscenza geografica, traraite una strategica 
operazione culturale, sviluppata diacronicamente per "tappe" da Niccol6 de' Conti 
a Filippo Sassetti, cio^ dalla prima met^ del Quattrocento alia seconda met^ del 
Cinquecento, sottrae quei luoghi {loca) al canone immaginario dell'Oriente {loci 
o topoi). Gli stessi loci esotici, riconoscibili come costanti essenziali sul piano 
topico-retorico della prassi diegetica romanza dal medievale Roman d' Alexandre 
al rinascimentale Orlando Furioso, vengono ora vincolati ad un progetto didattico 
(e dunque non piu di evasione favolistica) le cui caratteristiche dominanti sono 
orientate, almeno sino alia fine del XVI secolo, in senso antropologico. 

La letteratura di viaggio per mirabilia poli e la geografia letteraria ad essa 
connessa, compromesso di opzioni narrative tra invenzione e realty, si persuade 
durante il Rinascimento a divenire genere "scientifico", in un modo che, come si 
t visto, non t n6 velleitario n6 autoreferenziale, pur se talora contraddittorio. Un 
genere che ha perfetta coscienza dello scarto fi-a uso fabuloso-romanzesco della 
geografia ed identity sperimentale di questa. Un genere maturato lungo un asse 
cronologico plurisecolare e al cui intemo, secondo "un rapporto che t alio stesso 
tempo metonimico di contiguity e metaforico di identit^"''\ mitografia e geografia 
rinviano I'una all 'al tra immagini speculari. 

Universita degli Studi, Bologna 



43. T. J. Cachey, Jr., "Le Isole Fortunate...", cit., p. 125. 



Marziano Guglielminetti 



La forma dell' America 



La causa che qui intendo perorare t probabilmente vinta in partenza e ci5 che dird 
b forse gi^ universalmente accettato senza difficolt^; tuttavia, mi rimane Timpres- 
sione che tutti quelli che si occupano della letteratura di viaggio all'epoca del 
Rinascimento conservino qualche dubbio su di un fatto per me evidentissimo: che 
si tratta di letteratura, e che occorre parlame come si parla di poesia, di tragedia, 
ecc. 

Ci5 che importa prima di tutto non t lo studio della mentality dell'autore ma 
quello della forma che di volta in volta la relazione di viaggio assume; in un 
secondo tempo si potr^ parlare di linguaggio, di idee, ecc. Tutti sanno - e mi si 
perdoni di enunciare una banality - che i testi disponibili sono sempre delle lettere, 
dei diari di bordo, dei racconti, a quanto risulta da un primo sguardo lanciato su 
un materiale che rischierebbe di sembrare eterogeneo per la sola ragione che 
potrebbe essere assunto come rappresentativo della mentality spagnola o italiana 
o francese o inglese, oppure perch6 verrebbe prima o dopo la Riforma protestante 
la Controriforma cattolica. Queste osservazioni, certamente interessanti, apparten- 
gono all'antropologia o alia storia religiosa, non alia letteratura. Non t mio 
intendimento proporre una semplificazione, ma piuttosto delimitare un campo di 
lavoro, nel quale occorre ulteriormente distinguere le grandi categoric formali cui 
ho accennato. 

E questo metodo di lavoro che voglio applicare prendendo come soggetto del 
mio intervento il corpus degli scritti suUa scoperta dell 'America, quale t stato 
costituito da Paolo Collo e Pier Luigi Crovetto in un grosso volume dal titolo 
importante, // Nuovo Mondo. Gli italiani, pubblicato da Einaudi nel 1991 (nella 
stessa serie si trovano anche un volume sugli spagnoli e un altro sugli inglesi). 
Questa distinzione secondo la nazionalitil dei relatori non ha niente a che vedere 
con definizioni letterarie, mentre gli autori di questa serie di volumi avrebbero 
avuto la meravigliosa possibility di classificare i testi secondo le forme del racconto 
di viaggio adottate in Italia e fuori d'ltalia - cosi meglio unificata politicamente 
- per vedere se esistevano, a questo livello, delle variazioni di uno stesso modello. 

Ho scelto, dunque, questo corpus italo-americano perch6 b il piu maneggevole 
e il piu aperto, poich6, come ho detto, abbiamo a nostra disposizione dei testi 
letterari, delle forme differenti, ciascuna delle quali deve essere individualizzata 
e analizzata. Per di piu, se 1' America t, in quel momento, la noviti per eccellenza, 
ci si pu6 domandare se le forme del viaggio in America sono a loro volta nuove 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



La forma dell' America IQTI 

e, nel caso contrario, se modificano piu o meno delle forme preesistenti. 

Detto cid, per limitarci ai testi del corpus prescelto (e in mancanza del tempo 
necessario per trattare testi che non vi figurano), bisogna riconoscere alia lettera 
di viaggio il primato fra le forme che stiamo cercando di definire. Michele de 
Cuneo, neH'amio "1495, die octobris", scrive da Saona, un'isola vicina ad Haiti, 
una lettera ad un amico di Colombo, nella quale inserisce un diario del secondo 
viaggio dell'esploratore (1493-1495), diario che inizia, nello stesso tempo, con 
la descrizione dei costumi degli Indiani. Ci si pu6 domandare quale rapporto ci 
sia tra queste tre forme: la lettera propriamente detta, il diario e la relazione 
antropologica. L'autore stesso risponde a questa domanda fondamentale, dopo 
averci offerto wnexcursus sulle piante, gli animali e gli uomini incontrati nelle isole 
deir America centrale (gli uomini, beninteso, sono quasi animali, perch6 sono 
antropofagi). 

Parendome ora avere satisfatto a le richieste vostre - cioe del destinatario -, per 
mia contemplazione vi diro il viagio ch'io feci insieme cum el signer annirante 
per andare a cercare altre isole e terra ferma. 

La lettera b dunque, nella pratica, la forma estema di questo documento, intendo 
parlare della materiality del testo, mentre il diario appartiene ben piia strettamente 
al mittente della lettera, che si divide fra due ruoli: quello dell'autore e quello 
dell'attore del viaggio; h il primo di questi ruoli che egli recita sulla scena della 
scrittura con unpiacere sicuro, se interpreto bene laparola "contemplazione" che 
fa riferimento alia memoria. D'altra parte gli scrittori del XVI secolo non erano 
sprovvisti di questo piacere: penso ai ricordi dello scultore Raffaello da Montelupo 
che racconta I'assedio di Roma del 1527, alia Vita di Cellini. Ma per tomare alle 
forme letterarie, conviene aggiungere subito che Michele de Cuneo unifica le tre 
forme dando un titolo unico al racconto del viaggio, a mezza strada fra il diario 
di viaggio e il trattato di botanica e di zoologia. La cosa piu sconcertante b che 
questo titolo b in latino: De novitatibus insularum oceani Hesperii repertarum a 
don Chris toforo Columbo Genuensi. II manoscritto di quest 'opera si trova a 
Bologna, e il mio indimenticabile amico Luigi Firpo, che ha pubblicato Michele 
e I'ha molto gustato, non ha fatto osservazioni a questo proposito. A mio parere 
si pud persino pensare che il titolo sia stato aggiunto in un secondo tempo. Questa 
ipotesi nasce dalla constatazione che, alia data del 1495, vi erano gi^ due testi 
dedicati all' America, edentrambi redatti in latino: VEpistola Christofori Colombi, 
cui etas nostra multa debet, de insulis in Mari Indico nuper inventis, tradotto dallo 
spagnolo da "Aliande de Cosco" nel 1493, e la traduzione di Nicolas Scillacio, 
professore a Pavia, della relazione di Guglielmo Coma, su una parte del secondo 
viaggio di Colombo, con un titolo molto simile: De insulis meridiani atque Indici 
mari nuper inventis. 

UEpistola b una lettera che informa il tesoriere del re Ferdinando I il Grande 



208 Marziano Guglielminetti 

del successo militare e politico della spedizione che ha peraiesso a Colombo e 
airarmata spagnola di impadronirsi di Haiti (Hispaniola) e di altre isole vicine; 
vi b fatta molto chiaramente allusione alia possibility di impadronirsi, entro breve 
tempo, deH'oro, delle spezie, e, perchd no, dei selvaggi da convertire. La lettera 
in latino di Colombo b quasi una lettera suasoria (persuasiva), che rischia di 
travisare la realty. Per esempio: i selvaggi non sono degli antropofagi, ma al 
contrario "gentes [...] amabiles admodum et benigne"; gli uccelli esotici sono dei 
philomelce oioh degli usignoli; quanto ai mostri tipici delle Indie, come li avevano 
descritti Odorico da Pordenone e John Mandeville, Colombo non li ha visti affatto: 
"monstra aliqua non vidi". 

II problema che si pone non b di sapere se Michele de Cuneo dice le stesse 
cose di Colombo tradotto da Cosco (per quanto si riferisce a Scillacio, ne parlerd 
al trove quando mi occuperd dei testi esclusi da questo corpus). Si tratta piuttosto 
di valutare le ben differenti possibility di raccontare in un quadro piu articolato, 
come b quello che adotta Michele de Cuneo, in riferimento al quadro molto fisso 
della suasoria. In effetti redigere una lettera daH'America, non b in primo luogo, 
scegliere lo stesso modo di raccontare gli avvenimenti delle prime spedizioni di 
Colombo; e Colombo non ha alcun diritto di essere considerato come il piii veritiero 
di qualsiasi altro che lavori per lui. Inoltre si consegue piu facilmente I'obiettivo 
di persuadere se si scrive in latino, lingua della storia ufficiale e universale; 
Michele de Cuneo b probabilmente piu libero, ma ha meno autorit^. La scelta della 
lingua volgare si accorda bene con la scelta di una struttura di racconto che gioca 
su diversi piani di rappresentazione del reale senza escludere il piacere del racconto, 
che nasce dal ricordo e non lo oltrepassa. 

Tutto ci6 che ho detto non conduce alia conclusione che scrivere la scoperta 
in volgare sia in fin dei conti meglio che scriverla in latino, n6 che di conseguenza, 
se si vuol trovare il testimone piu vicino alia mentality modema, bisogni scartare 
quelli che raccontano la storia in latino. Un testo ci impedisce di avanzare in questa 
direzione: si tratta del celebre Mundus novus di Amerigo Vespucci, pubblicato per 
la prima volta a Firenze nel 1502 o 1503, e pochissimo tempo dopo, a Venezia, 
Parigi, Anversa e sopratmtto in numerose citt^ della Germania. Questo successo 
enorme sigiustificherebbe secondo Luciano Formisano, editore rigorosodel corpus 
vespucciano, sia per la scelta del latino, un latino ancora scolastico ma sufficiente- 
mente comprensibile per garantire la diffusione intemazionale dell 'opera, sia per 
la volont^ dell'autore di dare un'esposizione quasi scientifica della materia 
geografica ed etnologica; a questo proposito, Formisano ci invita ad osservare nel 
Mundus novus I'utilizzazione dei paragrafi per dividere la materia e I'inserzione 
di immagini per descrivere il cielo meridionale. Tutto cid b esatto, ma se si guarda 
piu attentamente al testo, si ricevono alcune sorprese: per esempio alia fine del 
Mundus novus, Vespucci ci fa sapere che I'ha composto sotto forma di lettera, 
fatta poi tradurre per meglio farla conoscere ai suoi contemporanei. Egli li esorta 
anche a restare nei limiti deli'intelligenza umana stabiliti da Dio {b pressappoco 



La forma dell 'America 209 

ravvertimento di Dante nel terzo canto del Purgatorio: "State content!, umana 
gente, al quia''): 

Ex Italica in Latinam linguam iocundus interpres banc epistolam vertit, ut Latini 
omnes intelligant quam multa miranda Indies reperiantur, et eorum comprimatur 
audacia, qui celun et maleslatem scrutari et plus sapere quam liceat sapere volunt, 
quando a tanto tempore quo mundus cepit ignota sit vastitatis terre et que continean- 
tur in eo. 

Mario Pozzi, rigoroso editore del corpus vespucciano, ha dato di questa 
traduzione una versione in lingua volgare pubblicata da Ramusio in cui tutte queste 
indicazioni finali sono scomparse. In cambio si fa dire a Vespucci che si sta 
preparando per un altro viaggio, con questo scopo: "a laude e gloria di Dio, a 
utility della patria, a perpetua memoria del mio nome, e principalmente a onore 
e alleviamento delle mia vecchiezza, la quale h gicl quasi venuta" . E un impegno 
che egli prende nei confronti del destinatario della lettera, Pietro Soderini, "gon- 
falonier della magnifica repubblica di Firenze" nella versione di Ramusio, mentre 
il Mundus novus b indirizzato a "Laurentio Petri de' Medicis", cio^ Lorenzo di 
Pier Francesco de' Medici (aggiungo che il "iocundus interpres" sarebbe Giovanni 
del Giocondo, architetto e umanista di Verona, ma "iocundus" potrebbe essere un 
aggettivo e la sua interpretazione avrebbe allora un aspetto divertente, come I'ha 
in effetti quando si pensa alle informazioni sulle abitudini sessuali dei selvaggi). 

In ogni modo, il Mundus novus b una lettera che, nel suo sviluppo, non diventa 
soltanto il trattato privilegiato da Formisano, ma anche un giomale di bordo bench6 
succinto, com '6 facile constatare e come il traduttore latino e Ramusio, o qualcuno 
al posto suo, lo notano molto puntualmente. 

Succinte tantam re rum capita scribemus et res digniores annotatione et memoria, 
que a me vel vise vel audite in hoc novo mundo fuere; [...] poste da parte le 
piccole cose, racontaremo solamente le grandi che siano degne di esser intese, e 
quelle che noi personalemente avemo vedute over abbiamo udite per relazione di 
uomini degni di fede, e inoltre di queste parti adunque nuovamente ritrovate ora 
ne diremo piii cose diligentemente e senza alcuna bugia. 

La conclusione viene quasi da sola, paradossale a livello di lingua e di mes- 
saggio ideologico: Michele de Cuneo e Amerigo Vespucci scrivono la scoperta nella 
stessa forma letteraria, una lettera che si apre immediatamente o che si trasforma 
eventualmente alia fine in diario, in relazione scientifica o se si preferisce in 
trattato. 

Tengo a fare ancora una precisazione a proposito della tesi di Formisano sulla 
Lettera delle isole nuovamente trovate in quattro suoi viaggi, pubblicata a Firenze 
nel 1505 e dedicata a Soderini. Formisano sostiene che si tratta di una lettera che 
mescola abilmente diario di bordo e trattato scientifico. Secondo me bisogna tener 



210 Marziano Guglielminetti 

conto del fatto che Vespucci, in questa lettera, vuole prima di tutto offrire un 
ritratto idealizzato di se stesso, che non sia un ritratto astratto, al fine di provare 
ai Fiorentini che non t piu un mercante ma che t diventato un sapiente. In 
conseguenza di ci6, questa lettera diventa una lettera apologetica, quasi un'auto- 
biografia parziale, o per meglio dire un ritratto di se stesso nel momento delle 
conversione non dal peccato (Vespucci non t un discepolo tardivo di sant'A- 
gostino), ma piuttosto dalla pratica dei "beni caduci e transitorii" della fortuna ("la 
mercanzia", gli affari dei mercanti fiorentini) alia sperimentazione di una "cosa 
piu laudabile e ferma: ... andare a vedere parte del mondo e sue maraviglie". 
Nulla di simile accade nella altre tre lettere che ci sono pervenute di Vespucci, 
datate fra il 1500 e il 1501, per le quali io sottoscrivo ben volentieri le note di 
Formisano che le chiamano "lettere familiari", non nel senso ciceroniano o 
petrarchesco del termine, ma piuttosto pensando agli scritti dei mercanti fiorentini, 
i mercanti umanisti di un eccellente libro di Christian Bee. Vespucci ci da dunque 
qui I'esempio di una scrittura paratattica, come nei "libri di ricordi" (il libro di 
Marco Polo e le note dei portolani portoghesi sono anche citati da Formisano). La 
prima di queste lettere, inviata da Siviglia il 18 o il 28 luglio 1500 a Lx)renzo di 
Pier Francesco de' Medici, contiene purtuttavia alcune note personali che si 
accordano meglio con il ritratto apologetico della lettera a Soderini. Penso al 
ricordo degli studi astronomici intornoalle stelle del poloantartico, eall'identifica- 
zione delle quattro stelle del Purgatorio di Dante con la Croce del Sud nell'emi- 
sfero australe: 

Io, come desideroso d'esser Tatore che segnassi a la Stella del firmamento dello 
altro polo, perde' molte volto il sonno di notte in contemplare il movimento delle 
stelle dello altro polo, per segnar qual d'essi tenessi minor movimento et che fussi 
pill presso al firmamento; e non potetti, con quante male notti ebbi, e con quanti 
stnimenti usai - che fu il quadrante e I'astrolabio -, segnar istella che tenessi men 
che X gradi di movimento a rintomo del firmamento; di modo che non restai 
satisatto in me medesimo di nominar nessuna essere il polo del meridione a causa 
del gran circulo che faceva del firmamento. 

Potrebbe essere un'osservazione del Convivio, ma Vespucci pensa piuttosto 
alia situazione iniziale del Purgatorio: 

E mentre che in questo andavo, mi ricordai d'un detto del nostro poeta Dante, 
del qual fa menzione nel prime capitolo del Purgatorio, quando finge di salir di 
questo emisperio e trovarsi nello altro. 

Ecco la ragione del raffronto: 

secondo che mi pare, il Poeta "voile" descriver per le 'quattro stelle' el polo dello 
altro fuTnamento, e non mi diffido fino a qui che quello che dice non saiga verita: 



La forma dell' America 211 

perche io notai 4 stelle figurate come una mandorla, che tenevano poco movimento; 
e se Dio mi da vita e salute, spero presto toraare in quello emisperio, e non tomar 
sanza notare il polo. 

Piu di vent'anni dopo, 1'8 luglio 1524, dal porto di Dieppe, mentre si trovava 
ancora sul bastimento della "Dauphine" , Giovanni da Verrazzano scrive una lettera 
a Francesco I, per informarlo del suo viaggio nell' America settentrionale, dalla 
baia di Hudson, in cui h sbarcato, alle coste del Massachussets, alia regione del 
Maryland e all'isola di Terranova. La relazione ha la forma di una lettera, inviata 
a due mercanti fiorentini che vivevano a Lione, ma il destinatario b il re. E 
pressappoco la situazione formale del Mundus novus, e io rimpiango di dovermi 
fermare qui, vittima della mia scelta metodologica; una volta definita la forma, devo 
passare ad altro argomento, mentre questo testo delizioso meriterebbe di essere 
studiato a parte (ne esiste una versione pubblicata nel corpus e annotata dall'autore 
stesso: queste note ci trasportano direttamente nel laboratorio culturale che gli b 
proprio). Mi limiter6 dunque a precisare la ragione del mio giudizio molto 
favorevole: la lettera di Verrazzano non b in latino, ma ci fa comprendere, quando 
si tratta del battesimo dei luoghi nuovi dell 'America del Nord, che anche per un 
uomo che non possiede una cultura classica b molto importante poter dire il nuovo 
impiegando non il vecchio ma I'etemo, dob il linguaggio della mitologia pagana. 
In breve, T Arcadia esiste persino in America, "per la bellezza de li arbori", e 
poco importa che si trovi 1^ un uomo selvaggio che non b un pastore modellato 
sui versi di Virgilio o di Teocrito. Ecco perch6 Verrazzano non b un epigono di 
Vespucci (b un cosmografo come il suo predecessore fiorentino). Non si pu6 dire 
la stessa cosa, sempre sul piano formale, dei mercanti toscani che sono andati piu 
tardi nelF America del Sud, in Peru soprattutto, affascinati per la maggior parte 
dall'oro. Cito gli autori delle lettere "familiari" - sarebbe meglio dire 
"domestiche" - di Giuliano Fiaschi (Lettera dal Venezuela, 1-2 giugno 1534), 
dell'autore anonimo che scrive da Zhaval (25 settembre 1535), di Giovanni 
Nicolozzi (Lettera dal Messico, 10 giugno 1536), di Niccol6 del Benino (Lettera 
\ dal Peru, 15 maggio 1564). Quest'ultima, tradotta in tempo utile dallo spagnolo 
all'italiano (cid che non avviene per le traduzioni del diario di Colombo e la 
relazione del francescano Marco da Nizza, che si trovano nelFopera di cui sto 
i parlando), b indirizzata ad un altro fiorentino, Galeotto Cei, che dopo essersi visto 
I confiscare il patrimonio, si era fatto mercante di schiavi in Africa e poi era parti to 
I per I'America del Sud. Quando scrive, NiccoI6 non dimentica che si indirizza ad 
un lettore per il quale la relazione di viaggio (si potrebbe parlare del libro di 
Galeotto) b diventata uno strumento del cambiamento di stamto dell'autore, che 
non b piu mercante ma uomo di lettere, come se Io sarebbero forse augurati 
Vespucci e Verrazzano. Niccold fa allora il piu grande spazio alle osservazioni che 
Io concernono, lui e i suoi affari; parla prima di tutto della guerra che b scoppiata 
fra gli Spagnoli all'arrivo del vicer^ Blasco Nunez, e che egli stesso ha descritta 



212 Marziano Guglielminetti 

in una Verdadera relacidn del 1549. 

Non si pud in alcun modo poire, fra queste lettere fiorentine, due lettere del 
nostro corpus, firmate da due uoraini di chiesa: i Fratelli Minori Osservanti Fran- 
cesco del Busco e Francesco A116, che entrambi si sono recati nel Messico per 
predicare il Vengelo agli Indiani e che esprimono tutti e due i loro timori di non 
essere all'altezza deH'enormit^ del compito di evangelizzazione. Vi b tuttavia una 
grande differenza fra i sue osservanti: il primo racconta nel 1531 cose verosimili, 
vicine a cid che h stato scritto fino ad allora sui selvaggi e i loro costumi, mentre 
il secondo, alcuni anni dopo, capovolge i dati abituali dei racconti dei missionari 
cercando di far credere ai suoi confratelli che i selvaggi sono delle brave persone, 
i paesaggi americani raeravigliosi, e cosi via. Piu che una lettera suasoria, la lettera 
di Francesco A116 diventa una lettera di imbonitore. Diventare scrittore della 
scoperta e essere riconosciuto come tale non t il solo scopo di Galeotto Cei. 
Mariarosa Masoero ha ragione di far notare che questo ruolo t stato ricoperto 
all'epoca di Colombo da Pietro Martire d'Anghiera, lo scrittore per eccellenza 
dell'impresa di Colombo, colui che conosce gli artifici del mestiere e che impiega 
la lingua piu ricca di retorica, il latino. Se si studia la versione volgare dei primi 
capitoli dell 'opera di Pietro Martire (De orbe novo, 1516), traduzione fatta dal 
diplomatico veneziano Angelo Trevisan (del quale Angela Caracciolo Aricd ha da 
poco pubblicato le Lettere sul Nuovo Mondo, Granada 1501), ci si accorge che b 
sufficiente cambiare lingua o, se si preferisce, abbandonare il latino per perdere 
immediatamente in preziosismo letterario. 

Restiamo nel campo di Mariarosa Masoero e, prima di passare al caso sor- 
prendente di Galeotto Cei, fermiamoci sulla Relazione del viaggio intomo al mondo 
di Antonio Pigafetta (1523-1524): mi domando se sia o non sia un'opera redatta 
da uno che b diventato a buon diritto scrittore, al ritomo dell'impresa di Magella- 
no. Dedicando il libro a Philippe de Villiers, gran maestro dell'ordine monastico 
e militare dei Cavallieri Ospedalieri di Rodi, Pigafetta definisce il suo pubblico in 
questo modo: 

molti curiosi [...], che non solamente se contentano de sapere e intendere li grandi 
e admirabili cose che Dio me ha concesso de vedere e patire ne la infrascripta mia 
longa e pericolosa navigazione, ma ancora voghono sapere h mezi e modi e vie 
che ho tenuto ad andarvi, non prestando quella Integra fede a I'exito, se prima 
non hanno bona certeza de Tinizio. 

Mentre scrive dunque, egli pensa ad un pubblico che non si soddisfa piu dei 
racconti di viaggio pieni di nurabilia (Mandeville, ecc.) ma che vuole rivivere 
dettagliatamente I'itinerario del viaggio, al fine di poter accordare la sua fiducia 
all'autore del libro di viaggio. Pigafetta sa bene di avere di predecessori, ma pensa 
di poter avere un posto al loro fianco e di poter conquistare la gloria che b il 
principale motivo che spinge un uomo di formazione umanistica a scrivere: 



La forma delV America 213 



Avendo io avuto gran notisia per molti libri letti e per diverse personne, [...] de 
le grandi e stupende cose del mare Occeanno, deliberai, con bonna grazia de la 
Magesta Cezaria e del prefacto signor mio - monsignor Francesco Chieregato -, 
far experienza di me e andare a vedere quelle cose che potessero dare alguna 
satisfazione a me medesmo e potessero parturmi qualche nome apresso la posterita. 

Si potrebbe tuttavia non essere pienamente convinti che questa giustificazione, 
simile a quella di Vespucci nel Mundus Novus, sia alForigine della scrittura - 
origine corrente del diario di bordo -; ci6 non toglie che Pigafetta, ricomponendo 
il suo diario per trasformarlo in libro, ha dovuto accorgersi che era passato nella 
categoria degli scrittori quasi ufficiali, scriptori, per tornare al termine impiegato 
da Niccold per Galeotto e per se stesso. E bench6 faccia professione di modestia 
riguardo al suo libreto voluto dal papa Clemente VII ("dissemi che li sarebbe grato 
li copiasse tute quelle cose aveva viste e passate nella navigazione"), tutto cid fa 
parte del gioco letterario. 

Per ci6 che conceme la natura di questa relazione, ciod la questione di sapere 
se essa b storica o autobiografica, bisogna tenet conto del fatto che Pigafetta, alia 
fine della sua dedica, riafferma il principio che si tratta del suo "piccolo libro", 
di "tute le vigilie, faticche e peregrinazioni mie", e non d'altri, in particolare di 
Magellano. Ma non ci sarebbe alcuna giustificazione per poter parlare di autobio- 
grafia a questa data: il solo modello possibile, I'epistola Posteritati di Petrarca 
b evidentemente tutt'altra cosa (il suo itinerario latino a Gerusalemnie b abilmente 
tessuto di altre relazioni di pellegrinaggio e nond dunque unmodello per Pigafetta). 
Che si pu6 diinque proporre per la forma della Relazione di Pigafetta? Credo che 
sia la novit^ della materia americana che ha provocato il cambiamento del ruolo 
dello scrittore, cosi come 1' impossibility per Pigafetta di restate aH'intemo della 
lettera piu o meno "allargata". Non b n6 mercante n6 fiorentino e si ^ trovato al 
fianco di uncapitano eccezionale per vivere un'esperienza anch'essa eccezionale. 
Ha tentato di dotarsi di una forma che fosse perfettamente conveniente a tutto ci6: 
se si guarda da vicino la Relazione, si constata che Pigafetta inserisce, apparente- 
mente come b d'uso in un diario di bordo, delle informazioni sui costumi dei 
selvaggi, sui vegetali e gli animali; in effetti fino alia morte di Magellano, cio^ 
fino alia meta del libro, ci6 che anima la narrazione dei fatti raccontati nel giomale, 
b il carattere religioso e militare della spedizione quasi una crociata, il cui "capita- 
nio generale" b il protagonista assoluto, poiche destinato a sacrificare la propria 
vita; la prospettiva della prima parte del libro b dunque religiosa. La croce e il 
simbolo che stabilisce un legame potente fra Magellano e Cristo. Dopo la morte 
del capo della crociata, il tono sublime che il diario aveva, quando il protagonista 
era in vita, si attenua e le informazioni fornite potrebbero ora essere apprezzate 
dai mercanti fiorentini. 

Per terminate con questo atgomento, consiglio di leggete come pietta di pata- 



214 Marziano Guglielminetti 

gone per comprendere la Relazione di Pigafetta, il testo in latino - e non la sua 
traduzione approssimativa proposta nel nostro corpus -, dell' Itinerarium ad re- 
giones sub aequinoctiali plaga constitutas, redatto dal primo vescovo di Santo- 
Domingo, Alessandro Geraldini. Questo libro viene pubblicato quasi un secolo 
dopo, nel 1631 a Roma, all'epoca della contro-riforma, e nonsenza motivo poich6 
si tratta di una storia santa in cui lo scrittore fa intervenire Dio e i demoni senza 
risparmiarsi personalmente, come si vede nel discorso del libro XIII contro gli 
antropofagi, comparati al personaggio mitologico di Tieste; ma occorre notare che 
tutto questo accade durante la mattinata quando gli infedeli sono gi^ lontani, dopo 
un banchetto nel corso del quale il buon vescovo non b riuscito a convincerli e li 
ha visti per di piu ubriacarsi senza ritegno del suo vino! 

La storia santa presuppone una storia profana, ed ecco ora il testo comple- 
mentare a quello del vescovo di Santo Domingo: le Istorie del figlio di Colombo, 
Fernando, "nelle quali s'ha particolare e vera relazione della vita e de' fatti 
delFAmmiraglio D. Cristoforo Colombo, suo padre, e dello scoprimento ch'egli 
fece delle Indie Occidentali, dette Mondo Nuovo" (Venezia, 1571). Questo libro 
sarebbe la versione in lingua volgare di un originale spagnolo scomparso, attribuito 
a Alfonso de Ulloa, che d'altra parte aveva gi^ composto in italiano una biografia 
deirimperatore Carlo Quinto e che lavorava da lungo tempo per gli editori 
veneziani. Valeria Bertolucci Pizzorusso, la cui autorit^ negli studi sulla letteratura 
di viaggio b ben fondata, e da lungo tempo (il suo lavoro sul Livre de Marco Polo 
b il punto di partenza di qualsiasi studio sulla forma delle relazioni di viaggio), 
sostiene che le Istorie sono senza alcun dubbio, la biografia umanistica di un uomo 
illustre: "la vita di un uomo illustre", una forma nuova nella tipologia di scrittura 
dei viaggi. Sono del tutto d'accordo con lei e aggiungo questa osservazione: sulla 
biografia del padre si innesta sicuramente un'autobiografia parziale del figlio. Ci 
sarebbe dunque un gioco di scambi che meriterebbe di essere studiato piu in 
profondit^ e tenendo conto del parere di Bachtin, secondo il quale la biografia 
risponde essa stessa a un bisogno di autobiografia. 

Prima di trarre delle conclusioni definitive, bisogna notare che nel "Proemio" 
delle Istorie Colombo junior tiene a precisare che rispetter^ la verity delle cose, 
cio^ che egli non h come la maggior parte degli storici i quali "aggrandiscono 
alcune cose o tacciono quelle che giustamente dovevano scrivere con molta 
particolaritA". Egli non seppellir^ la verity dopo averla ristabilita grazie alle carte 
di suo padre e alia sua propria esperienza. Sotto questo riguardo, VIstoria del 
Mondo Nuovo di Girolamo Benzoni, il Las Casas italiano "si parva licet componere 
magnis" (Venezia, 1565 e 1572), lascia molto a desiderare. Ma la questione non 
b qui di sapere se certuni dei nostri scrittori dicono la verity (lascio ben volentieri 
questa cura agli storici di questo periodo storico); mi limito a constatare che 
Benzoni si riferisce, come Colombo junior, alia propria esperienza (ci6 che lascia 
spazio air autobiografia), ma anche agli "uomini degni di fede", parlando delle 
"molte cose rare e nove" accolte nel suo libro (non tutte, solamente le "piu 



La forma dell' America 215 

notabili"). La novitA risiede piuttosto nel ricorso alle immagini ("figure"), per 
illustrare, per esempio, come gli Indian! "fanno il pane, senza frumento, e vino 
senza uva" (un paradosso che annuncia il Barocco). In questo modo un'altra verity 
si sovrappone a quella delle parole, contrariamente ai giudizi di colore che a piu 
riprese, hanno accusato Benzoni di aver copiato da opere anteriori, soprattutto 
spagnole, come quelle di G6mara, Oviedo, ecc. Andr6 Th6vet, denunciatore ac- 
canito dei fiirti letterari di Benzoni, fa nello stesso tempo notare I'accanto anti- 
spagnolo del suo libro. Come ha scritto Rosario Romeo in un libro sempre attuale, 
Le scoperte americane nella coscienza italiana del Cinquecento (1954), Vlstoria 
del Mondo Nuovo si costruisce attomo ad una tesi polemica, quella del fallimento 
della conversione spirituale degli Indiani, tentata dai frati e dai preti inviati dai so- 
vrani spagnoli al fianco dei conquistadores . E il vero to dell'autore che prende 
allora posto nella storia e modifica i rapporti tra il racconto storico piu o meno 
personale (cio^ garantito dalla persona dell'autore), e le informazioni sugli uomini, 
le piante, gli animali, ecc. 

Confesso alia fine di aver costruito tutto questo discorso per permettere ad un 
uomo sconosciuto fino ad oggi, Galeotto Cei, mercante di schiavi e scriptor di cui 
ho annunciato I'apparizione, di occupare degnamente il suo posto fta gli scrittori 
della scoperta. Francesco Surdich, che ha pubblicato i suoi scritti autobiografici 
esumandoli dai British Museum, si b soprattutto occupato di sottolineare la sua 
importanza nella storia delle esplorazioni. In effetti Galeotto, tra I'anno 1537 e 
I'anno 1553, ha attraversato quasi tutta I'America spagnola, da Santo Domingo 
a Bogot^: partito povero, ne h ritomato povero malgrado I'oro, le perle, la fattoria 
e il numeroso bestiame che aveva posseduto. Per comprendere la personality di 
Galeotto, bisogna uscire dall'antologia della sua relazione di viaggio, che Surdich 
ha preparato per il nostro corpus, perche si corre il rischio di scambiarlo per uno 
scrittore naturalista che si interessa di prodotti esotici, di frutti, di pesci, ecc. 
Certamente b uno scrittore naturalista, capace di disegnare gli oggetti delle sue 
notizie alimentari, botaniche, zoologiche, ma b ben piu di questo. Per convincerse- 
ne, h sufficiente leggere la raccolta completa dei suoi scritti, pubblicata sempre 
da Surdich presso Bulzoni, partendo dai "libro di famiglia" che Galeotto eredita 
dall'uso dei mercanti fiorentini del XIV e del XV secolo. Penso a Buonaccorso 
Pitti, tradotto recentemente da A. Fiorato, a Giovanni di Pagolo Morelli, edito da 
V. Branca, a Goro Dati che piaceva a D' Annunzio, a Giovanni Rucellai pubblicato 
da A. Perosa; in una parola penso ai mercanti scrittori evocati in precedenza. Ma 
devo subito precisare che questo fiorentino, mercante di prodotti di un conamercio 
nuovo, b talmente cosciente di essere lo scrittore di questo libro di famiglia che, 
quando ha terminato di raccogliere le informazioni sui suoi avi e i suoi parenti, 
si ferma un istante, passa provvisoriamente alia terza persona per presentarsi in 
data della sua nascita: "Galeotto di Giovanbaptista Cei, scriptore di queste cose, 
nacque come si h detto, a 29 d'aprile 1513, a ore nove, che secondo li astrologhi 
che contano il giomo da mezzodi nacqui a 28 d'aprile". E pur vero che egli ritoma 



216 Marziano Guglielminetti 

ben presto alia prima persona, proseguendo cosi il suo racconto personale malgrado 
la tentazione molto forte di considerarsi come soggetto di una storia esemplare. 
A questo proposito, dopo averci per la quinta volta ripetuto che aveva perso tutto 
il denaro imprestatogli dal re di Francia Carlo IX, Galeotto scrive ancora: 

Yddio voglia che ve le cavi et lo pongo qui per memoria, perche si vegha la 
tragedia della vita mia come e passata et perche ciascuno pigli essempio dal- 
Timpacciarsi com principi andando dricto a guadagni grossi e forse grassi. 

In questo libro di famiglia, il viaggio in America alia ricerca della ricchezza, b rias- 
sunto e i lettori (dot i figli, secondo il patto autobiografico tipico di questi rapporti) 
sono pregati di far riferimento al "libretto fatto di detto viaggio", dove "le cose 
viste e passate in questo [...] viaggio d'India sono scripte per minuto 
particularmente". Galeotto t dunque considerato, e si considera lui stesso come 
scriptor grazie a questo libro che contiene, come abbiamo detto, le "cose minute", 
ciod la relazione dettagliata del viaggio, come solo chi I'ha vissuto pu6 farla. In 
questo caso preciso si h fuori dalla storia, al modo di Colombo junior e di Benzoni, 
senza per questo tomare alle lettere di Vespucci, oppure alia relazione di Pigafetta 
(quanto alle lettere e ai libri dei missionari, vi b un abisso da colmare, data la poca 
stima che le loro funzioni ispirano a Galeotto). 

Nella dedica, il nostro scriptor confessa francamente che al suo ritomo dalle 
Indie, non soltanto le persone malevole e i suoi nemici, ma persino i suoi amici 
lo biasimano o ridono di lui perch6 6 ritomato povero dal Peru. Essi ignorano che 
numerosi sono coloro che sono rimasti e resteranno sempre laggiu in condizioni 
di vita miserevoli: 

vi affermo che de cento vamio a India se ne perdono novantocto, di modo che mi 
contento di essere tomato nel numero de dua per cento con la mia poverta, 
mangiando per vivere. 

Di conseguenza scrivere sar^, prima di tutto, 

porre scripte quelle cose mi sono accadute in processo di 14 anni che con Pietro 
Aretino - e la prima volta che uno scrittore famoso viene citato nella nostra 
letteratura di viaggio - posso dire avere gittati via, secondo al giuditio di quelli 
che giudicono el tutto dalle richeze et che senza esse si morrieno di fame in fomo 
di stiacciate. 

II sarcasmo di questa dichiarazione deriva dal repertorio degli argomenti uma- 
nistici utilizzati per la difesa della poesia, a partire da Petrarca e da Boccaccio, 
bench6 qui si parli meno degli uomini e piii delle piante, degli animali, dei monti, 
delle campagne, dei fiumi dell' America del Sud. A questo proposito Galeotto 
rimpiange di essere partito senza alcuno strumento, n6 carta, nt mappamondo, n6 



La forma dell 'A merica 217 

sfera, nt Tolomeo, "che ogni poco di pratica ne avessi auto, arei possuto fare un 
compendio di molte cose utile et dilectevole". Ci6 che rimane b un protocollo di 
ci6 che conserva nella sua memoria, vale a dire un'annotazione abbreviata ma 
completa delle cose che sono accadute. Allora e per rultima volta, la relazione 
del viaggio di Galeotto prende la forma di un racconto autobiografico, quello delle 
sue peripezie in cui entrano in successione brani probabilmente ricavati da un diario 
e notizie scientifiche o pseudoscientifiche, osservazioni suUa botanica e lazoologia 
dei paesi d' America attraversati. 

Bisogna sottolineare che non vi b demarcazione molto netta fra queste due parti 
del testo: per esempio sul raccolto di Santo Domingo, che racchiude una denuncia 
molto chiara del modo di vivere pigro e violento dei colonizzatori, delle loro donne 
e dei meticci, s'innesta senza alcun legame evidente nt alcuna volontaria interru- 
zione, un lungo passaggio sulla "iucca radice" e gli altri semi, radici e erbe di 
quest'isola e delle isole vicine (mais naturalmente, patate, ecc). Piu avanti 
I'autore parla delle mucche, degli asini, delle pecore, dei pesci, ecc, ma anche 
della canna da zucchero e di molti altri alberi esotici; infine evoca le perle e il 
modo di pescarle. Si ritoma allora al diario di viaggio che prosegue per numerose 
pagine fino all'arrivo in Peru; 1^, I'autore ricomincia a parlare delle erbe, degli 
alberi, ecc, ma anche di religione e di medicina, secondo 1' esempio che stavano 
dando gli storici spagnoli, in particolare Oviedo. II diario si conclude la domenica 
delle Pahne dell 'anno 1553. 

Approfitto di questa conclusione opportuna per chiudere anch'io la mia 
relazione. 

University degli Studi, Torino 



BiBLIOGRAFIA 

I testi di viaggio citati si leggono nell'antologia Nuovo Mondo. Gli Italiani 1492/1565, 
a cura di P. CoUo e P. L. Crovetto, Torino, Einaudi, 1991. Altre edizioni tenute presenti 
sono le seguenti: L. Firpo, Prime relazioni di navigatori italiani sulla scoperta dell 'America 
(Colombo, Vespucci, Verazzano), Torino, Utet, 1966; A. Vespucci, Il Mondo Nuovo, a cura. 
di M. Pozzi, Milano, Serra e Riva, 1984; A. Pigafetta, Viaggio attomo al mondo, a cura 
di M. Masoero, Rovereto, Longo, 1987; G. Cei, Viaggio e relazione delle Indie (1539- 
1553), a cura di F. Surdich, Roma, Bulzoni, 1992; A. Trevisan, Lettere sul nuovo mondo, 
Granada 1501, a cura di A. Caracciolo Arico, Venezia, Albrizzi, 1993. I saggi critici citati 
sono i seguenti: R. Romeo, Le scoperte americane nella coscienza italiana del Cinquecento, 
Milano-Napoli, Ricciardi, 1954; Ch. Bee, Les marchands ecrivains: affaires ethumanisme 
a Florence: 1375-1434, Paris-La Haye, Mouton, 1967; M. Guglielminetti, Memoria e 
scrittura. L'autobiografia da Dante a Cellini, Torino, Einaudi, 1977. 



Daria Perocco 



Le parole di un cartografo: 

Giacomo Gastaldi e 

la Universale descrittione del mondo 



Al contrario degli uomini del Rinascimento, quelli del Medioevo non sanno 
guardare, ma son sempre pronti ad ascoltare e a credere tutto cio che si dice loro. 
E cosi, nel corso dei loro viaggi, si danno loro a bere racconti meravigliosi, ed 
essi credono di aver visto cio che hanno appreso, sul posto certamente, ma per 
sentito dire. Soprattutto, nutriti in partenza di leggende che ritengono verita, portano 
con se i loro miraggi e la credula immaginazione materializza i loro sogni in scenari 
che U allontanano quanto basta dal loro ambiente perche, piu ancora che a casa 
loro, siano quel sognatori ad occhi aperti che sono stati gh uomini del Medioevo. 
(Le Goff, p. 261) -- - 

In questa diversity di atteggiamento, di maniera di "guardare" (o, meglio di 
"ascoltare") ci6 che circonda il viaggiatore si pud riassumere tutta la diversity tra 
la relazione di viaggio medievale e quella rinascimentale. E di qui, come conseguenza 
prima, viene Tenorme differenza che si manifesta nella stesura delle piante, delle 
carte dei mondi lontani, che rappresentano graficamente il prodotto piu immediate 
e reale degli atteggiamenti di coloro che ritoruano e raccontano. Una cartografia 
che cominci a somigliare a quella moderna, che voglia cio^ registrare una realty 
in maniera coscientemente vicina all 'obietti vita, comunque essa sia, b possibile solo 
di fronte ad un atteggiamento disincantato, frutto di una narrazione di chi ha "visto" 
e non "sentito". Si tratta di un atteggiamento che sar^ adottato solo per gradi, se 
ancora in pieno Rinascimento noi troviamo le tavole geografiche concepite 
essenzialmente per dar notizia di locality conosciute e rinomate, di luoghi famosi 
e di posti celebri: b da ricordare il caso del Ruscelli, che nella sua Geografia (1561), 
aggiungendo a quelle tolemaiche tavole incui sono descritte le "Nuove terre", si 
scusa se queste ultime sono cosi povere di locality note o famose. Gli spazi 
coattamente lasciati bianchi dalFassenza delle citt^ sono riempiti da scene frutto 
della fantasia e delle descrizioni dei viaggiatori, scene di villaggi e di riti 
cannibalistici (Tucci, p. 34). Una specie di horror vacui sembra pervadere certi 
cartografi di fronte alia descrizione di terre prive di locality o monumenti celebri 
(o perlomeno noti), mentre paiono particolarmente entusiasti quando disegnano e 
registrano i nomi delle citta e dei paesi italiani, riempiendo tutto lo spazio che i 
confini del paese possono contenere. 

E quindi in una condizione descrittiva in cui il cartografo b ancora a met^ tra 
I'obiettivo e freddo amiotatore che espone i risultati dei calcoli matematici e I'uomo 
di cultura che vuole esprimere le sue conoscenze che si coUoca la produzione 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 219 

cartografica veneziana del medio cinquecento. Situazione di estremo interesse per 
chi studi la cultura del tempo, farcita e ricchissima di comiessioni tra una disciplina 
e I'altra. Ma una situazione in cui I'elemento fondamentale pare essere la ricerca 
di un vero che non contrasti con la cultura g\k assodata, gi^ sicura, data dalle 
conoscenze degli antichi: tutto cid che viene registrato deve accordarsi con i testi 
classici, Tolomeo e Strabone in primis. Siamo infatti negli anni in cui ancora i 
cartografi, pur registrando notizie delle Americhe, si trovano di fronte al grave 
problema di come inserire queste terre nell' Asia di Tolomeo, negli stessi anni che 
vedono apparire, da una parte un alto numero di ristampe di Tolomeo e di Strabone, 
dall'altra un altrettanto accentuato interesse per le relazioni e le notizie che 
provengono dalle terre nuove. Sede dello sviluppo di questi interessi t Venezia, 
che, a met^ del Cinquecento, si trova ad essere il piu importante centro tipografico 
e cartografico d'Europa'. In questa Venezia viene ad operare Giacomo Gastaldi, 
provenendo dal Piemonte {b lui stesso a darci indicazione della sua regione d'origine 
"firmando" una delle prime carte che di lui ci sono rimaste, quella della Spagna 
del 1544). Sarebbe di estremo interesse riuscire ad appurare quali siano state le 
basi culturali del nostro prima del suo arrivo a Venezia: ma le attivita negli anni 
piemontesi, nonostante le ricerche di Stefano Grande (pp. 1-5), rimangono molto 
misteriose, al punto che non si t riusciti ad accertare con precisione neppure la 
data di nascita. L'unico frutto delle ricerche del Grande b dato da elementi negativi, 
che obbligano quindi a dichiarare I'assenza di documentazione per il Gastaldi per 
tutto il periodo piemontese, sia da un punto di vista strettamente archivistico e di 
ricerca che di fonti piu legate al mondo culturale e letterario. E invece, fortunatamen- 
te, abbastanza ricca la documentazione per quel che riguarda il periodo veneziano, 
periodo che in realty risulta quello di maggior interesse, dato che t a Venezia che 
il Gastaldi esplica e sviluppa ogni sua attivita, stabilendosi e lavorando nella citt^ 
lagunare fino alia morte. Che per6 continuasse, pur dopo numerosi anni di 
permanenza veneziana, a tenere molto alia sua origine t dimostrato dall'uso 
frequentissimo deH'appellativo Piemontese che egli fa seguire alia firma. La 
segnalazione regionale viene attestata dalle prime carte a lui attribuibili fmo alle 
ultime relazioni redatte come funzionario alle acque e alle lagune. In assenza, 
dunque, di attestazioni sicure sulla sua prima formazione, ricopre importanza 
notevole la frequenza, a Venezia, dell'ambiente "geografico" incentrato intomo 
al Ramusio. Anzi, proprio in casa del Ramusio egli viveva, assoldato non solo 
comecartografo, ma soprattutto come istruttore dell 'unicofigliodiGiovanBattista, 



1 . E importante ricordare che Venezia in questo periodo risulta essere il centro verso cui 
convergono le notizie politiche di prima mano (soprattutto per i paesi orientali). Conveniva, 
infatti, anche economicamente, mandare "messi" che prendessero informazioni presso la 
Repubblica piuttosto che inviarli direttamente nei luoghi interessati (Cfr. R. Bragantini, // 
riso sotto il velame, Firenze, Olschki, 1978, p. 139). 



220 Daria Perocco 

Paolo. Lacasa era frequentata anche dapersonaggi come Fracastoro e, soprattutto, 
Bembo, ormai divenuto per fama una auctoritas letteraria e consacrato dalla 
Serenissima con la nomina a storiografo ufficiale della Repubblica. Anche se non 
si pud appurare una frequentazione sicura e costante tra il vecchio, importante 
personaggio Bembo ed il piu giovane, piu umile e, per tanti lati, cosi diverso 
Gastaldi, b assolutamente certa la conoscenza e la stima non solo da parte del 
Gastaldi, ma anche e soprattutto del ben piu famoso Bembo. Cio si dice perche, 
a voler essere ostinatamente pignoli, la prima data che appuri una sicura presenza 
del Gastaldi a Venezia e una richiesta di privilegio per la stampa di un "lunario 
perpetuo" effettuata nel 1539. E ben vero anche che Bembo proprio in quest'aimo 
viene nominato cardinale e trascorre gran parte del suo tempo a Roma, dove si 
trasferisce da Venezia nell'ottobre, lasciando la cura della casa, dei suoi interessi 
e, soprattutto, dei due figli rimastigli, al fedele Cola Bruno. E se, pur dopo la morte 
di quest'ultimo (maggio 1542), egli pu6 affidare la gestione generale dei suoi interessi 
ad un altro amico sicuro e fidato, Flaminio Tomarozzo, b per6 costretto a seguire 
I'educazione dei figli piu da vicino; ed infatti, nell'estate del 1543, dopo aver seguito 
Paolo III a Bologna per I'incontro del papa con I'imperatore, riesce ad ottenere 
da questi il permesso di ritomare a Venezia e di rimanervi alcuni mesi. Egli deve 
infatti, tra le altre cose pratiche che lo attendono, concludere inmaniera adeguata 
al suo rango il matrimonio della figlia Elena, che proprio in quel 1543 va sposa 
a Pietro Gradenigo, un nobile veneziano amante delle lettere che continuer^ ad avere 
strettissimi rapporti con il suocero fino alia morte del cardinale. E certo che in questo 
ultimo periodo veneziano le frequentazioni di Bembo con il Ramusio, I'amico di 
sempre, erano state particolarmente fitte: di conseguenza non 6 difficile ipotizzare 
anche una serie di incontri con il giovane cartografo che a casa di Ramusio viveva 
e che Giovan Battista teneva in considerazione ed amava come persona di famiglia: 
ed infatti nell'epistolografia bembesca degli anni seguenti le allusioni a Gastaldi 
sono fatte come a persona con cui aveva assoluta familiarita. Ma a noi interessa 
particolarmente sottolineare che, al di la della conoscenza diretta e della frequent- 
azione del personaggio Bembo da parte del Gastaldi, cosa che h assolutamente 
appurata ed accertata, cio che riteniamo fondamentale h rilevare la presenza di una 
impronta culturale di stampo bembesco che impregna e che riempie la casa e la 
cultura di Ramusio e nella quale viene "allevato" il Gastaldi stesso. Questa compare 
soprattutto nei testi scritti lasciati da Gastaldi , che sono (purtroppo) numericamente 
pochi e devono spesso essere cercati a latere (in senso letterale oltre che figurato!) 
delle carte geografiche. Gastaldi, in poche parole, non si presenta mai, giustamente, 
come un letterato, si sente un cartografo e come tale opera; ma e un cartografo 
nuovo, che ha capito benissimo Timportanza fondamentale e quasi la necessity della 
parola per illustrare la pianta, dell'elenco dei nomi di fianco ad essa, delle 
spiegazioni il piu esatte e filologicamente corrette possibile delle denominazioni 
geografiche che sulla carta vengono riportate. Certo b che anche il Ramusio, che 
pure a Gastaldi affida (in un certo qual modo) la stesura visiva ed illustrativa dei 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 221 

suoi testi scritti, non nomina molto spesso il nostro nella parte che delle Navigazioni 
e viaggi t in realty totalmente sua: le introduzioni alle diverse narrazioni ed il 
discorso sul comniercio delle spezie. Gastaldi non compare nel testo ramusiano 
come diretto responsabile di idee ed opinioni che pure gli sono universalmente 
riconosciute, come il problema dello stretto di Anian che "si riteneva dividesse il 
Nuovo Mondo dal continente euroasiatico, dando accesso all'Oceano Pacifico da 
settentrione. . . La coincidenza con lo Stretto di Bering b del tutto casuale. Lo stretto 
doveva aprirsi a circa 60° N, e doveva il suo nome ad una erronea lettura del Libro 
di Marco Polo" (Milanesi, in Ramusio, vi, 1179, n. 24). 

II Ramusio continua a stimare e ad "usare" sempre di piu il suo cartografo, 
aumentando, di volume in volume, il numero delle piante allegate ai testi. Ed inoltre, 
nel^'introduzione al terzo volume delle Navigazioni, dedicato a Gerolamo Fracastoro, 
egli ricorda la richiesta del destinatario affmche lui, Ramusio, presentasse delle 
"tavole" che, generate dalla inteUigente e colta unione delle conoscenze di portolani 
redatti dai vari piloti spagnoli e francesi e delle relazioni sulla scoperta (prima fra 
tutte quella di Oviedo) dessero finahnente un resoconto visivo della realty geografica, 
cosi come aveva fatto Tolomeo per I'antichita. Ora non e chi non veda la presenza, 
in queste parole, di due dei topoi tra i piu frequentati nelle presentazioni dei libri, 
la giustificazione della esistenza dell 'opera stessa come esaudimento di una richiesta 
del destinatario ed il richiamo all'esempio portato dai grandi classici dell'argomento. 
Inoltre troviamo, nella seconda edizione dell'opera (1565) una dichiarata afferma- 
zione della esigenza di presentare delle carte geografiche anche nonperfette; anche 
se non presentabile sicuramente come prodotta direttamente dalla penna di Ramusio, 
questa aggiunta si rivela in realta come un piccolo manifesto della poetica dell'autore 
nei confronti delle nuove conoscenze: e meglio dare notizie parziali, sapendo di 
essere impossibilitati a dark esaustive o sicure, che attendere fmo a quando non 
si avra la certezza assoluta dei nuovi dati culturali. Non e certo un caso, io credo, 
che queste affermazioni, che compongono la parte finale dd Discorso, scompaiano 
dalla stampa del 1606, quando o, da una parte, i nuovi editori potevano pensare 
che il ciclo delle scoperte fosse omiai concluso, o, anche, che affermazioni di 
"perfettibilita" del testo potevano solo nuocere ad una sua difflisione: il quarantennio 
che separa le due edizioni b testimone infatti del piu grande fenomeno di involuzione 
culturale (ed anche, di conseguenza, editoriale) della nostra civilta (Dionisotti, pp. 
227-254). 

Hora queste tavole delle parti di questo mondo si danno fuori tali quali elle sono 
si per ubidire alle commissioni di Vostra Eccellenza come per sodisfare al desiderio 
degli studiosi non gia percioche le veggiamo del tutto perfette e compiute come 
si richiederebbe, ma per dare al presente una caparra, o vogliam piu tosto dire ^ 
stimolo a quelli che verranno di far che in quello che noi non habbiamo havuto 
fmora eglino piii copiosamente supplischino, percioche confessiamo che inmolte 
parti, e massimamente fra terra, le medesime sono manchevoh e imperfette, onde 
molte fiate siamo stati d'animo di non le pubblicare se il desiderio che abbiamo 



222 Daria Perocco 

grande di far piacere a quelli che si dilettano di simil lettione non ci avesse fatto 
lasciar da canto ogni rispetto, e metterci piu tosto a rischio di essere accusati di 
neglige nza che di poco amorevoli o ufficiosi. E quelli che forse non sanno che 
le prime tavole che furono mai fatte di cosmografia non furono cosi perfette come 
quelle che dapoi uscirono, legghino Tolomeo che disputa molto copiosamente contra 
Marino Tirio mathematico, il quale avea date fuori molte tavole di geografia piene 
d'errori, le quali poi esso Tolomeo va piii commodamente racconciando neUe sue 
proprie. Questo istesso speriamo che habbia a divenire un giomo di queste nostre, 
che infra qualche anno di questa parte del mondo debbino esser date fuori tavole 
per qualche eccellente e diligente uomo, ad imitazione di questa nostra fatica, e 
piu particolari e forse piii copiose che non sono queste, ne solamente le marine, 
ma etiandio il paese fra terra che al presente e per la maggior parte incognito. 
II medesimo e da sperar che possa a qualche tempo avenire di queste relazioni, 
che abbiamo avute infinitamente incorrette. Piglino adunque i benigni lettori quel 
poco che diamo loro allegramente, tenendo per certo che, se piu ne fosse venuto 
alle mani, lo avremmo ancora dato loro molto piii volentieri^. 

L'importanza della presenza di carte illustrative dei testi geografici era gi^ stata 
sottolineata da Ramusio sin nella lettera dedicatoria del primo volume: t dot 
praticamente impossibile capire testi geografici sui mondi nuovi o anche su quelli 
antichi e gi^ conosciuti senza poterae presentare una illustrazione grafica: ma e 
anche altrettanto impossibile avere una vera iramagine delle reaM senza che questa 
rappresentazione cartacea sia validamente supportata e chiarita daila parola. Ora 
t questo concetto portante che interessa peculiarmente in questa sede: se poi le carte 
che accompagnano i testi raccolti e rielaborati da Ramusio e a noi pervenute siano 
in realty quelle disegnate alio scopo da Gastaldi o se siano state da queste riprese 
b argomento che, pur di notevole interesse, non appare qui fondamentale, tanto 
piu che t gik stato illustrato da geografi, studiosi competenti in questa materia 
(Caraci, pp. 129-131). 

L'appurare invece che, proprio per I'edizione ramusiana del terzo volume delle 
Navigazioni Gastaldi abbia direttamente create le carte del continente americano 
senza ispirarsi ad altro materiale grafico ma solo alle descrizioni presenti nei testi 
di Gomara dice molto sulla cultura e la preparazione del nostro cartografo (Caraci, 
p. 131). Se non avesse pomto basarsi su delle competenze come quelle che ritrovava 
in Gastaldi, difficilmente il Ramusio avrebbe potuto scrivere proprio nella 
presentazione del primo volume della sua raccolta: 

Ma la cagione che mi fece affaticar volontieri in questa opera fu che, vedendo 



2. Ramusio, Navigazioni e viaggi (Vcn&zia, Giunti, 1565), cc. 16-17. L'edizioneeinaudiana 
che qui abitualmente si cita e che riproduce non la princeps, ma la ristampa anastatica 
olandese (1967) dell'edizione del 1606, riporta in nota il passo citato come presente nella 
princeps del terzo volume. Ci si trova quindi, per precisione, in questo caso costretti a citare 
direttamente dall'edizione cinquecentesca. 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 223 

e considerando le tavole della geografia di Tolomeo, dove si descrive I'Africa e 
la India, essermolto imperfette rispetto alia gran cognizione che si ha oggi di quelle 
regioni, ho stimato dover essere caro e forse non poco utile al mondo il mettere 
insieme le narrationi degli scrittori de' nostri tempi che sono stati nelle sopradette 
parti del mondo e di quelle han parlato minutamente; alle quali aggiugnendo la 
descrittione delle carte marine portoghesi, si potrian fare altretante tavole che 
sarebbero di grandissima satisfazione a quelU che si dilettano di tal cognitione, 
perche sarian certi dei gradi, delle larghezze e lunghezze almanco delle marine 
di tutte queste parti, e de' nomi de luoghi, citta e signori che vi habitano al 
presente, e potrian conferirle con quel tanto che ne hanno scritto gh auttori antichi. 
(Ramusio, I, 4-5 n. n.) 

Non h certo casuale, dunque, che Ramusio sottolinei rimportanza delle carte 
in ambedue le introdnzioiii generali che ci sono rimaste (rispettivamente al volume 
primo e terzo della sua opera); e noto infatti che il secondo volume, gi^ in corso 
di stampa, si perse nell'incendio che distrusse la casa editrice Giunti nel 1557, per 
cui i legni dovettero essere ripreparati ed esso fu stampato solo nel 1559, tre anni 
dopo il terzo e postumo di due all'autore. Quella che e generalmente considerata 
la lettera dedicatoria del secondo volume b in realta solo I'introduzione al testo di 
Marco Polo che, per la venezianit^ e I'orgoglio campanilistico del nostro autore, 
viene presentato in maniera piii accurata e lunga di altri testi (si veda solo la 
descrizione dell'esatta ubicazione delle case dei Polo nel trecento e all'inizio del 
cinquecento o la specificazione della fonte diretta da cui Ramusio dichiara aver tratto 
determinate informazioni pervenutegli per via orale). Se (come appare estremamente 
probabile) ci fii una lettera introduttiva a tutto il secondo volimie essa, come quelle 
che compaiono negli altri due tomi di cui e costituita I'opera, doveva parlare di 
argomenti teorici e che, soprattutto, riguardassero il voliune nella sua complessit^. 
Questa lettera doveva essere dedicata (come appunto accade negli altri due volumi) 
al Fracastoro; la scama evocazione di dedica che appare aH'inizio della prefazione 
al Milione deve verisimilmente essere stata collocata proprio in quel luogo dal 
curatore dell'edizione defmitiva (nondimentichiamo, postuma), per uniformity con 
le altre due; un altro dato, non cogente, ma certo significativo, b possibile poi leggere 
nelle date: Fracastoro mori improvvisamente nell'agosto del 1553 e quindi, se 
I'introduzione al testo di Marco Polo e la lettera dedicatoria del secondo volume 
si dovessero identificare in un unico testo, quest'ultima e quella per il terzo volume 
sarebbero state scritte a circa quindici giomi di distanza (rispettivamente il 20 giugno 
[terzo volume] e 7 lugho [secondo volume]; Caraci, p. 126), mentre la preparazione 
e la rielaborazione dei testi che compongono i due diversi volumi aveva implicato 
uno spazio di tempo pluriennale, ed una marcata scansione, tra I'uno e I'altro. E 
dunque altamente verisimile che il problema delle carte geografiche inserite nel 
secondo volume sia stato toccato dall'autore nell'introduzione ma che di questa, 
come delle carte stesse, non ci rimanga traccia. 

Per quanto riguarda il Gastaldi non b difficile capire che le discussioni degli 



224 Daria Perocco 

studiosi modemi si siano sempre accentrate sulla produzione strettamente cartografica 
e sulla entitA delle conoscenze di cui poteva essere in possesso, nelle diverse (se 
pur relativamente ravvicinate) altezze cronologiche in cui ogni diversa mappa era 
prodotta. Non mi risulta invece esistere alcun tipo di indagine sui "libretti"^ che 
qualche volta accompagnano le carte, sugli elenchi di nomi geografici stilati a lato 
alle carte stesse, sulle traduzioni inparallelo e quindi sulle corrispondenze dei nomi 
geografici non solo nelle diverse lingue moderne, ma soprattutto nel confronto con 
le dichiarazioni degli antichi. A quel che risulta da uno spoglio rapido e veloce del 
testo di Karrow, il Gastaldi pare essere uno dei pochissimi, se non Tunico cartografo 
che sente I'esigenza di unire il testo alia carta, di compiere cio6, se pur in modo 
piu relativo e dimesso, un'operazione chiasmica rispetto a quella di Ramusio. 

Dobbiamo quindi rivolgerci ai testi gastaldini, pur con la assoluta consapevolezza 
che le maggiori ability del nostro non si erano esplicitate nel campo letterario. Una 
prima, credo fondamentale osservazione, riguarda il tipo di lingua (meglio sarebbe 
specificare, di volgare) che egli usa. Solo uno dei suoi testi, il piu ampio e forse 
I'unico che questo nome possa portare con assoluta dignity, viene tradotto in latino, 
ma non vi t dubbio che la stesura originale sia stata fatta in volgare. Stiamo parlando 
della Universale descrittione del mondo la cui prima edizione vede la luce nel 1 561 , 
in un testo ora divenuto rarissimo, ma certo non nella misura in cui b stato dichiarato 
anche in anni relativamente recenti''. Pur nella relativa esiguit^ delle carte che 
compongono questa scrittura si pu6 notare che il nostro autore tenta di adoperare 
con una certa diligenza un tipo di linguaggio che e estremamente simile a quello 
utilizzato da Ramusio nella sua estesa produzione. Abbiamo potuto analizzare la 
dinamica del farsi della lingua del veneziano proprio partendo dagli originali dei 
testi inseriti nelle Navigazioni e studiando le linee correttorie della riscrittura 
ramusiana^ non si vuole qui riassumere gli estremi di un problema in realta 
sfaccettato nella sua complessit^, si vuole solo ricordare la linea di tendenza 
correttoria che, riassunta in modo estremamente sintetico, indica il tentativo di 
adeguarsi, in modo quasi pedissequo, alle normative indicate dal Bembo nel terzo 
libro delle Prose della volgar lingua. Non b quindi da meravigliarsi se anche il 
Gastaldi segue questa linea, "vincente" del resto in mtta Italia, soprattutto se si 
considera che egli, piemontese di nascita e di educazione, doveva coattamente 



3. II termine, estremamente appropriato, e ripreso da Almagia, p. 8. 

4. R. Rainero, "Attualita ed importanza dell'auivita di Giacomo Gastaldi 'cosmografo 
piemontese' , " in Bollettino della societa per gli studi storici, archeologici ed artistici della 
provincia di Cuneo, Lxxxvi (1982), 5-13 (ma vedi quanto detto su questo contributo in D. 
Perocco, p. 220, n. 2; nella stessa stede sono elencati anche i vari esemplari del testo di 
Gastaldi presenti in biblioteche pubbliche). 

5. Faccio riferimento al mio saggio "Scrivere o/e riscrivere il testo: Ramusio e Bembo" 
(in corso di stampa). 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 225 

rivolgersi ad una lingua che sentiva non materna per quel che riguardava la scrittura 
"alta". Se ci fosse bisogno di un'ulteriore conferma, la lingua del Gastaldi 
ingloberebbe in s6 la prova di una attenta frequentazione deH'ambiente profondamente 
influenzato dalle teorie linguistiche bembesche. Ci6 non toglie certo la possibility 
di incontrare termini abitualmente ricorrenti anche nel linguaggio piii strettamente 
scientifico, come la doppia coppia di aggettivi che si trovano in apertura del testo 
e che definiscono gli elementi che compongono il globo terrestre: "La universal 
machina della terra & dell'acqua, elementi densi e gravi, i quali sono inferiori aH'aria 
e al fiioco, elementi piu rari e lievi..." (Gastaldi, c. 2r); b forse anzi a proposito 
sottolineare che i primi due aggettivi {densi e gravi) ricorrono con lo stesso 
significato e nello stesso ordine in testi leonardeschi. 

Per quanto riguarda poi strettamente i contenuti dell'operetta la prima cosa 
che si impone alia lettura e la necessity percepita dall'autore di sottolineare le 
fondamentali differenze che intercorrono tra "cosmografia", "geografia", 
"corografia" e "topografia", in una graduazione che vede sempre piu restringersi 
le dimensioni dell'oggetto descritto: dalla totaht^ del "cielo come della terra et Mare" 
della cosmografia, alle parti unicamente della terra e del mare "con le divisioni 
delle provincie, regni, regioni...citt^, castelli, monti fiumi, laghi, mari, golfi, porti, 
capi et isole" della geografia, fino a restringersi, per il mare alle carte da navigar 
e per la terra alia "descrittione particolar de territori delle citt^, con le strade, castelli 
e ville, fiumi, torrenti, rivoli, canali, bosclii, monti, valle fra monti, campagne, 
passi et confini..." fatta dalla corografia per finire con la topografia che illustra 
un luogo pa^ticolare^ E quasi ovvio notare che, pur essendo evidente che il testo 
scritto da Gastaldi rientra appieno fra quelli di "geografia" (per usare la sua 
distinzione) egli e particolamiente attento neirinformare delle differenze tra i vari 
settori della sua materia, cosi come sottolinea la necessity e la difficolt^ per il 
costruttore di carte di ridurre il corpo sferico della terra ad una rappresentazione 
grafica suun piano. Premessa, dunque, laconoscenza dei limiti, egli afferma, pero, 
di avere la consapevolezza di essersi avvicinato, con il suo mappamondo, al 
"verisimile del spherico" piu di ogni carta geografica in circolazione che avesse 
la volont^ di riportare ambedue gli emisferi, e cioe piu di qualunque carta di tutto 
il globo terraqueo^ 



6. Gastaldi, cc. 2v-3r. Le citazioni riportano il testo della princeps, uniformato all'uso 
moderao solo nell'uso delle maiuscole, della punteggiatura e della distinzione tra u e v. 

7. Argomento estremamente affascinante, ma non affrontabile in questa sede, e quello dei 
globi (cioe i mappamondi terrestri e celesti veri e propri, che Fracastoro chiama sempre, 
venezianamente, "balle"), cui pare abbia lavorato anche Gastaldi, almeno per quel che 
riguarda il problema della resa grafica. Questi oggetti, molto preziosi ma non ran, ricorrono 
nelle discussion! geografiche di Bembo, Ramusio, Fracastoro ecc. (cfr. come esempio la 
lettera di Fracastoro a Ramusio 1534) e sappiamo che essi ne erano in possesso (uno, di 



226 Daria Perocco 

L'orgogliosa consapevolezza di aver compiuto un qualche cosa di veramente 
nuovo si riflette anche, al di 1^ della descrizione piu minuta delle varie parti in cui 
t divisa la terra, nella certezza di star correggendo errori traraandati da secoli 
attraverso le auctoritates degli antichi: non ci troviamo di fronte airaccertamento 
effettuato dal viaggiatore che riferisce con un atteggiamento che pu6 variare tra 
la perplessa incredulity e la tracotanza data dalla certezza del riscontro effettuato 
di persona, ma alle conclusioni dello studio di un dotto che si trova necessitato a 
dedurre la necessity dell'errore: 

Questo suo discorso imaginato per il corso del sole et per la luntananza del detto 
dalli Zenit che sono in tal parte, non verifica la ragione che dicono, non essendovi 
mai alcun di loro trasferito in simil parte. Se havessero havuto cognitione di detti 
paesi, non haveriano detto simili ragioni; come si verifica daUi moderni per il 
desiderio di sapere, hanno praticato e negociato in diversi paesi, principalmente 
sotto il circolo artico, e distendendosi verso il polo artico insino a gradi 80 di 
latitudine, o voglia dire la larghezza, li quali hanno ritrovato diverse region! 
habitatissime; ne mi estendero a scriverle... (Gastaldi, cc. 3v-4r) 

E poi ancora: 

GU antiqui hebbero per opinione che sotto a questa zona non vi fosse abitatione 
alcuna, e che fosse luoco inhabitabile; la ragione loro era questa. E dicevano: se 
il sole riscalda i luochi che sono fuori di questa zona cosi gran calore e di necessita 
tenere per fermo che sotto questa zona passandoli il sole due volte all'anno per 
zenit che sia riscaldata la terra di sorte che non la puo frutare et e luoco infruttioso 
et inhabitabile. Questa sua opinione era opinione senza prattica,^ perche non 
hebbero mai cognitione di quelli luochi, dove alii tempi nostri molti mercanti e 
marinai et huomini che scrivono historic I'hanno discoperta quasi tutti per mare 
e per terra... (Gastaldi, cc. 5r-5v). 

Siamo negli anni delle grandi teorizzazioni: il valore deU'esperienza pratica, 
pero, sembra, in testi come questi almeno, avere un valore probatorio ben piu alto, 
valore riaffermato (ed t qui I'importanza di Gastaldi), non solo nelle "prove 
pratiche", come le carte geografiche, che le nuove realty riportavano dalle narrazioni 
di coloro che avevano avuto esperienza diretta, ma anche e soprattutto nei testi 



proprieta del Bembo, fu comprato da Giacomo Faletti, oratore del duca Alfonso II d'Este 
a Venezia, nel 1561). Spesso la loro costruzione materiale era affidata ad artisti di grande 
valore, come (e parhamo dell'ambiente veneto) il miniaturista Francesco dei Libri che, come 
ci racconta Vasari, ne costrui ahneno tre (sui mappamondi di F. dei Libri cfr. D. Perocco, 
"Bandello corregge Vasari", Saggi di linguistica e di letteralura in memoria di P. Zolli. 
Padova, Antenore, 1991, pp. 583-587 e "Medaglioni veneti di Matteo Bandello", Miscellanea 
di studi in onore di M. Pecoraro. I: Da Dante al Manzoni. Firenze, Olschki, 1991, pp. 179- 
193). 

8. II corsivo e mio. 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 227 

teorici: b solo dopo la produzione cartografica e teorica di Gastaldi, non prima, 
che comincia ad apparire illogica (nel significato di priva di senso) la pubblicazione 
di im testo tolemaico affiancato da carte geografiche che riflettono la realty del 
mondo cinquecentesco dopo le grandi scoperte; in altre parole, esasperando il 
concetto fino alle estreme conseguenze, dalle parole di Gastaldi affiora I'assurdit^ 
del voler a tutti i costi salvare il testo degli antichi quando parallelamente viene 
descritta una reaM tanto diversa rispecchiata dalle conoscenze dell'oggi. 

Alia fine della "miiversale descrittione", ciod della spiegazione in grandi linee 
del mappamondo, Gastaldi si ripromette di realizzare (e noi sappiamo che lo far^) 
anche I'illustrazione piu distinta e particolareggiata dei vari territori in cui a loro 
volta le quattro parti del mondo (Europa, Asia, Africa, Mondo Nuovo) sono divise: 

Similmente tutte le Provincie del mondo si divideno in regni, region], territori, 
con le lor citta, castelli et monti, laghi, fiumi, marl, golfi, porti et isole, la division 
delle quali non la descrivero qui altramente. Ma le risalvo a scriverle con le parti 
che daro in luce alia giomata, piu particolarmente che non sono descritte nel 
mapamondo: nel detto mapamondo vi e descritto qualche cosa in generale, per 
esser fatto a piccolo compasso, ma nelle parti che si danno fuori vi sara ogni 
particolare. (Gastaldi, c. lOv) 

Questa affermazione-promessa di un ulteriore prolungamento del suo lavoro 
viene usata a mo' di conclusione dal Gastaldi per la sua breve trattazione (e che 
si tratti veramente di una conclusione h prova il finalino tipografico presente in tutte 
le edizioni, compresa la traduzione latina). A questa segue, come "capitolo" a se 
stante, una disquisizione di assoluta novit^ ed attualit^: "La variation del tempo 
che ritrovano quelli che circondano attomo il mondo, da Levante verso Ponente, 
et cosi da Ponente verso Levante; come per ragione si dimostra la causa di tal 
variatione" e ciod la dimostrazione della perdita (o dell'acquisto) di ungiomo, nel 
compute finale di chi abbia effettuato la circumnavigazione del globo. Una 
illustrazione (di estrema curiosity e degna di attenzione particolare) fa parte integrante 
del trattatello: ma al di 1^ della curiosity che tutto I'insieme pud risvegliare, b 
interessante notare che Gastaldi b in assoluto il primo che, dopo averlo teorizzato, 
risolve il problema della "variation del tempo", problema che, negU anni precedenti 
era stato posto (e non una sola volta) da Ramusio, da Bembo, e da Fracastoro (ancora 
e sempre gli stessi amici interessati ai problemi geografici che il nostro Gastaldi 
frequenta assiduamente). E proprio Ramusio, nel Discorso sopra la navigatione 
fatta dalli Spagnuoli intomo 7 mondo^ da lui premesso al Viaggio di Antonio 
Pigafetta (che con la Narrazione di un Portoghese compagno di Odoardo Barbosa 
qualfu sopra la nave Vittoria dell'anno 1519 costituisce il contributo ramusiano 



9. Purtroppo neppure questo testo e stato inserito nell'edizione modema a cura di M. Milanesi 
e quindi le citazioni sono riprese dalla princeps, Venezia, Giunti, 1550. 



228 Daria Perocco 

alia narrazione della prima circuninavigazione del globo compiuta da Magellano), 
a narrare come perviene nella citt^ lagunare la curiosity e I'interesse sul problema. 
Quando il 6 settembre 1522 la nave Vittoria, dopo piu di tre amii di navigazione, 
entra nel porto di Siviglia con i marinai convinti che fosse il 7 settembre, 
ambasciatore veneziano alia corte di Carlo V era Gaspare Contarini. Si tratta proprio 
di quel Contarini che verr^ eletto alia porpora cardinalizia da Paolo III per preparare 
la convocazione del Concilio, anche in virtii delle sue doti politiche e diplomatiche 
e del credito che godeva presso Carlo V". Amico di Pietro Martire d'Anghiera, 
che era stato incaricato di redigere una relazione dai racconti dei superstiti della 
spedizione di Magellano, viene da questi informato della discrasia notata nel compute 
dei giorni e, come ci informa il Ramusio "gli dimostrd che a loro non poteva 
awenire altrimenti, havendo essi navigato tre anni continui sempre accompagnando 
il sole che andava in ponente. Et di piu gli disse, come gli antichi anchora essi 
havevano osservato che quelli che navigavano dietro al sole verso Ponente 
allungavano grandemente il giorno"". Si aprirebbe qui una parentesi troppo ampia 
parlando delle strette relazioni di amicizia tra Contarini e Ramusio, che quindi 
vengono date per assodate; ma si vuole ricordare che nella narrazione di questi 
dialoghi "geografici" deve essere inserito anche il Bembo, che, incuriosito dal 
problema e stimolato dal Ramusio, si premura di interrogare direttamente il 
Contarini, dopo che questo t ritornato dalle sue missioni diplomatiche; I'esito di 
questa conversazione viene narrato nella lettera che t inviata da Bembo a Ramusio 
il 10 maggio 1540 e che comincia direttamente cosi: , 

Ho parlato a Monsig. Contarino, e truovo esser vero quelle che dite del Maglianes, 
che ando per ponente e, tornato, trovo quel tempo esser cresciuto d'un giorao: 
che credendo quel di, nel quale egli giunsero in Ispagna esser mercore, verbi causa a 
esso era giobia. Ma cosi dico anco io: che si trovarono quelli tre anni esser d'un 
giorno cresciuti. E cosi riesce vero che aveano perduto un giorno, come dite. Pero 
che essendo quel di giobia, che essi credeano che fosse mercore, conviene che 
abbiano perduto un di. Ma pero quel tempo viene ad esser cresciuto d'un giorno, 
come io dico (Berabo, lett. 2187, 1-9). 

Ora b pura curiosity sottolineare che, da un punto di vista narrativo, I'angolo 
di osservazione del Bembo t quello di chi t rimasto a terra (che quindi trova che 
chi ha viaggiato conta un giorno di piu); ^ forse piu intrigante osservare che, mentre 
scrive al Ramusio, Bembo si dimentica di essere "bembesco" ed infila una serie 
di termini in veneziano. .. ; certo t che Targomento doveva interessarlo veramente 
molto se Io riprende, in fondo in un luogo che non implicava la necessita di 
spiegazioni di questo genere, anche nella Istoria viniziana: ,; 



10. Cfr. la voce "Contarini, Gasparo" di G. Fragnito in D.B.I. 

11. Ramusio, 1550, p. 373v. 



Giacomo Gastaldi e la Universale descrittione del mondo 229 

Perciocche tanto piu tosto al sole oriente occorrendo, quanto piu di via dopo se 
lasciato nel girare avesse; alia fine tutto il cerchio della terra rigirato, d'un giomo 
prima il sole a lei levarsi, che quando nella via si pose non faceva, avrebbe senza 
fallo veduto (Bembo 1729, iv, 363). 

Tutti i dotti citati fin qui, Pietro Martire, Contarini, Ramusio, Bembo, perd, 
pongono il problema, ma non danno la spiegazione matematica della questione che 
h invece finalmente illustrata e spiegata, come si diceva poc'anzi, proprio dal 
Gastaldi. Ancora una volta, sulla scia dei grandi amici-estimatori, il Gastaldi ha 
risolto, con le competenze tecniche che erano solo sue, uno dei problemi posti dalla 
nuova geografia. E bello per noi pensare a questa ideale society di dotti in cui il 
piu giovane (e forse il piu taciturno tra i suoi eruditi amici) degli accoliti riesce 
ad esplicitare e a "mettere in carta" le soluzioni che, mano a mano, discussione 
dopo discussione, venivano identificate. 

Universita Ca ' Foscari, Venezia 



Opere citate 

R. Almagia, La carta dei paesi danubiani e delle regioni contermini di Giacomo Gastaldi 

(1546) riprodotta dall'unico esemplare conosciuto, conservato nella Biblioteca Vaticana. 

Roma, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1939. 
P. Bembo, Lettere, edizione critica a cura di E. Travi. Bologna, Commissione per i testi 

di lingua, 1987-93. 
P. Bembo, Opere. Venezia, F. Hertzauser, 1729. 
G. Caraci, "Note critiche sui mappamondi gastaldini", Rivista geografica italiana, XLIII 

(1936), 120-137; 202-237. 

C. Dionisotti, Geografia e storia della letteratura italiana. Torino, Einaudi, 1967. 

G. Gastaldi, La universale descrittione del mondo descritta da Giacomo de' Gastaldi 

Piamontese. Venezia, M. Pagano, 1561. 
R. W. Karrow, Jr., Mapmakers of the Sixteenth Century and Their Maps. Chicago, Newberry 

Library — Speculum Orbis Press, 1993. 
J. Le Goff, L'Occident medieval et I 'ocean indien: un horizon onirique. Firenze, Olschki, 

1970; ora in Tempo della chiesa e tempo del mercante. Torino, Einaudi, 1977. 
S. Grande, Notizia sulla vita e sulle opere di Giacomo Gastaldi cosmografo piemontese del 

secolo XVL con prefazione di L. Hugues. Torino, C. Clausen, 1902. 

D. Perocco, "Giacomo Gastaldi", in Esplorazioni geografiche e immagine del mondo nei 

secoliXVeXVL Messina, Grafo, 1994, pp. 211-222. A questo articolo si rimanda per 

tutta la bibliografia sul Gastaldi. 
G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi, a cura di M. Milanesi. Torino, Einaudi, 1978. 
U. Tucci, "Atlante", in Enciclopedia. Torino, Einaudi, 1977. 



Albert N. Mancini 



Autobiografia e autocoscienza narrativa nel 
Viaggio di Francia 
di Sebastiano Locatelli* 



Un trentennio fa il maggiore specialista della letteratura di viaggio del Seicento, 
Marziano Guglielminetti, osservava con ragione che la mancanza di uno studio critico 
generale e sistematico era responsabile per la consuetudine della manualistica di 
concedere poco spazio agli scritti di viaggio.' Tuttora inevaso rimane I'ambizioso 
progetto di una rassegna comprensiva delle relazioni di viaggiatori italiani in Europa 
dalla met^ del Cinquecento alia fine del Settecento avanzato, e solo inpiccola parte 
realizzato , da Alessandro D' Ancona.^ Anche Benedetto Croce, storico attentissimo 
e paziente della civiltA letteraria del Seicento, accorda scarsa attenzione alia prosa 
di viaggio limitandosi a menzionare nella sua Storia dell 'eta barocca Pietro della 
Valle {Viaggi descritti da luimedesimo, 1650-1663) e Giovanni Francesco Gemelli 
Careri {Viaggi per V Europa, 1693 e Giro intomo at mondo, 1699-1700) e a 



*. Questo aiticolo rielabora ed araplia lo studio apparso come "Prefazione" alia edizione 
curata da Luigi Monga, Viaggio di Francia. Costumi e qualita di quei paesi (1664-1665) 
(Moncalieri: Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia, 1990). Si awerte 
che le pagine a cui si rimanda sia nella prefazione (pp. 9-18) che nella "Introduzione", 
firmata dal curatore (pp. 19-40), non corrispondono esattamente a quelle dell 'edizione 
stessa. Un'impaginazione successiva alia correzione delle bozze ha causato I'inconveniente 
che ho qui eliminato. Vorrei anche ringraziare la direzione del Centro per la gentile 
concessione di riproporre queste pagine e I'amico Monga, a cui devo la conoscenza 
dell'opera del Locatelli e I'invito generoso a studiarla. 

1 . Ottimo e il panorama della letteratura di viaggio che Marziano GugUehninetti ha premesso 
alia sua antologia Viaggiatori del Seicento (Tonno: UTET, 1967), pp. 7-60. Assai perspicaci 
sono i giudizi di Ezio Raimondi sulla produzione secentesca in Storia della letteratura italiana. 
V: // Seicento (Milano: Garzanti, 1967), pp. 242-257, 301-305. Con utilita si possono 
consultare anche i contributi di Franca AngeUni in La letteratura italiana. Storia e testi. 
V/2. II Seicento (Roma-Bari: Laterza, 1974), pp. 358-368; e Martino Capucci in Storia 
letteraria d 'Italia. II Seicento (Padova: PiccinNuovaLibraria, 1986), pp. 718-726, 746-751. 
Mi limito owiamente a un'informazione bibliografica essenziale, rimandando a studi aggiomati 
dai quah e possibile risalire all'intera vicenda critica dei temi qui toccati o interrelati. 

2. Viaggiatori e awenturieri (Firenze, Sansoni, 1974; P ed. 1912); di limitata utilita il contri- 
buto sul Locate Ui : " Un viaggiatore bolognese in Francia ( 1 664- 1 665) : Sebastiano Locatelli " , 
pp. 129-151 . II saggio era gia apparso in forma ridotta nel Giomaled' Italia deir8 novembre 
1905. Sul volume del D'Ancona, cfr. Ettore Bonora, "I 'viaggiatori e awenturieri' di Ales- 
sandro D'Ancona", Giomale storico della letteratura italiana, LXXXVIII (1971), 29-39. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 231 

confermare la popolarit^ delle loro relazioni di viaggio fra i lettori contemporanei.^ 
Vero t che, come lamentava Giorgio Raimondo Cardona, la storiografia letteraria 
italiana non ha mai incorporato volentieri la scrittura di viaggio, che pur vanta una 
lunga e gloriosa tradizione, nel canone "quasi che i molti dati materiali e concreti 
di cui essi sono necessariamente costruiti inquinino in qualche modo un ideale di 
disinteressata e disincantata letteriariet^; quasi che paesi e costumi ed eventi possano 
diventare riconosciuta provincia letteraria solo quando li marchi il segno dell'inven- 
zione, del fantastico."" 

La ricognizione deU'esperienza di vita di cultura del sacerdote bolognese 
Sebastiano Locatelli (1637-1693c.) consente di seguire micrologicamente , per cosi 
dire, da un osservatorio minore, non aperto a grandi eventi storico-artistici o ad 
esoterici paesaggi d'oltreoceano , I'evolversi della problematica del viaggio italiano 
all'estero del Seicento, avviato sempre piii a condiscendere , anzich6 alio spirito 
cosmopohta del navigatore, del mercante, del diplomatico o del missionario, ai gusti 
e alle attrattive del mero turismo, con i suoi topi d'obbligo (notizie di carattere 
geografico ed etnologico, paragoni tra i paesi visitati e le regioni italiane), 
indiflFerente o comunque poco sensibile aH'atmosfera di talune aree politiche e 
socioculturali (le controversie della Chiesa post-tridentina con i riformati e i 
giansenisti, i conflitti delle potenze egemoniche). All'interesse letterario del diario 
del Locatelli, tuttavia, si accompagna quello storico-sociologico, che vi trova un 
vero e proprio repertorio di motivi culturali (costumi, cerimonie Uturgiche e pratiche 
religiose) dominanti del secondo Seicento, come evidenzia I'apporto della scrupolosa 
ricerca condotta dal curatore sui nomi propri citati nel testo (pp. 469-474), i dati 
cronologici e topografici deU'itinerario (pp. 370-371), la fitta trama di riferimenti 
storici, luoghi, monumenti ed opere d'arte (pp. 372-448). II copioso apparato delle 
note procede col criterio interdisciplinare awiato nella non meno doviziosa 
"Introduzione," che contiene puntuali precisazioni sulla storia delle redazioni del 
Viaggio, sui criteri di edizione, sulla Ungua e sul tema del viaggio nel diciassettesimo 
secolo (pp. 19-40). Solo un lettore dotato di buona memoria e provvisto di 
un'eccezionale conoscenza della letteratura odeporica del Cinque e Seicento come 
Luigi Monga poteva essere sufficientemente qualificato per un lavoro del genere . 
In breve, il testo del Viaggio costituisce un'ulteriore tessera di quel quadro ancora 
in fieri della prosa di viaggio fiorita nel Seicento, una sollecitante operazione 
esplorativa in un territorio, dot, finora ancora non dissodato dai critici della 
letteratura. 

II 22 aprile 1664 Sebastiano Locatelli, giovane prete bolognese, lascia la citt^ 
natale e si dirige verso Parma, dove si era dato appuntamento con due fratelli di 



3. Storia dell'eta barocca in Italia (Bari: Laterza, 1957; 1' ed. 1929), p. 110. 

4. "I viaggi e le scoperte" mLetteratura italiana. V. Le questioni (Torino: Einaudi, 1986), 
p. 687. 



232 vv. Albert N. Mancini 

nobile femiglia per proseguire il viaggio che lo conduce a Parigi (10 novembre 
1664). Dopo un soggiomo di sei mesi circa nella capitale francese, I'S maggio 
il Locatelli riparte con un gruppo di nobili di casa Gonzaga e, seguendo il percorso 
Macon, Lione, Ginevra, Sempione, Milano, rientra a Bologna il 16 giugno 1665 
(o il 7 luglio), dove, secondo quanto Tautore stesso ci informa, inizia la redazione 
della prima versione del diario del suo viaggio su note prese nel corso del viaggio 
stesso. Negli anni seguenti, viene rivedendo e completando con notizie tratte da 
altre fonti quella prima relazione che viaggiando aveva stesa sotto forma di diario.^ 
Fino al 1980 si conoscevano soltanto due versioni dell'opera: una del 1675, 
conservata alia Biblioteca Universitaria di Bologna, dal Monga indicata con la sigla 
BU; e una seconda, in gran parte autografa, della Biblioteca Augustea di Perugia, 
terminata nel 1693, rultima redazione conosciuta del Viaggio (P). Nel 1980 Giorgio 
De Piaggi rese pubblico un terzo manoscritto, datato 1666, contenente il primo 
rifacimento del diario originale, e quindi la prima delle varie stesure dell'opera 
giunte a noi, in possesso della Biblioteca deH'Archiginnasio di Bologna (BA); ed 
Emanuele Kanceff ne ha scoperta nel 1 989 una quarta, custodita presso la Biblioteca 
Reale di Torino (T). II Viaggio rimase inedito fino a quando fu riesumato in buona 
parte e tradotto in francese da Adolphe Vautier nel 1905.* Wilfrid Blunt ne diede 
un adattamento romanzato in inglese nel 1956.' 

Le differenze tra la versione originale e le successive stesure sono considerevoli. 
L'ampliamento innovativo del testo rispetto alia prima redazione t costante: si passa 
dalle 284 pagine nella versione del 1666, alle 346 in quella del 1675, alle 518 di 
quella del 1693. Vengono introdotti nuovi episodi, si approfondiscono osservazioni 
e si ampliano precedenti descrizioni. L'edizione critica del testo presentava difficolt^ 
tecniche rilevanti e ha suggerito al curatore dell'edizione recente un compromesso 
plausibile e ftmzionale. 11 testo b stato stabilito sulla base del manoscritto del 1666 



5. Cfr. ravvertenza "Al Lettore" della redazione contenuta nel ms. BU della Biblioteca 
Universitaria di Bologna del 1675: "Per corrispondere co' fatti a' comandamenti de' miei 
lUustrissimi Padroni che prima di lasciar la patria m'obbligarono di scrivere a di per di, 
come ban fatto tant'altri, quello che era per accadermi nel Viaggio di Francia, prendo la 
penna e tiro giii alia peggio que' quattro strambotti ch'ogni sera prima d'andar a dormire, 
cosi lasso e stanco, notai in un piccolo Ubriciuolo, tanto nell'andare, dimora e ritomo. E 
perche volevo con un poco di quiete e col rinviare la consolazione slender giii aggiustatamente 
le cose tanto vedute come le sentite et operate prima di darle alle lor mani, gU stessi ora 
mi sforzano a trascriverle correnti calamo come apunto allora mi caddero giii dalla penna" 
(p. 362). 

6. Voyage de France. Moeurs et costumes frangaises (1664-1665). Relation de Sebastien 
Locatelli, pretre bolonais, traduite sur les manuscrits autographes et pubUee avec une introduc- 
tion et des notes par Adolphe Vautier (Paris: Picard, 1905). II D'Ancona esprime un giudizio 
positivo suU'operazione di recupero del Viaggio da parte del Vautier, lodandone I'ottima 
introduzione e il copioso apparato di note. 

7 . Sebastiano. The Adventures of An Italian Priest, Sebastian Locatelli, during His Journey 
from Bologna to Paris and Back (1664-1665) (London: James Barrie, 1956). 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 233 

(BA), il piu antico che si conservi, con le aggiunte e varianti dell 'ultimo del 1693 
(P) evidenziate in neretto. Per meglio rendere conto dell'evoluzione del testo il 
Monga documenta inoltre con ampie note a pie' di pagina alcuni passi dei codici 
intermedi della Biblioteca Universitaria di Bologna (1675) e della Biblioteca Reale 
di Torino (1691). Sarebbe estremamente interessante confrontare i van stadi della 
formazione del Viaggio per analizzare il tipo d'interpolazioni e di aggiunte nonch6, 
owiamente, di tagli eseguiti dal Locatelli. L'esame comparativo delle diverse 
stesure, aflrontato in via preliminare dal Monga (pp. 32-33), che permetterebbe 
di precisare nel lavoro correttorio alcune direzioni generali, dovr^ essere rimandato 
ad altra occasione. 

Chiaro per6 mi sembra che il continuo lavoro di revisione del Viaggio condotto 
dall'autore ha trasformato profondamente I'opera rispetto alle tre precedenti 
redazioni. Al punto che un esame, anche prowisorio e non esaustivo, dei mutamenti 
intervenuti non consente di sostenere che si tratta di un ulteriore compimento e 
perfezionamento dell'opera. Infatti quel che piii conta nell'evoluzione del testo 
mi pare essere I'aspetto di reazione personale al viaggiare, I'interpretazione 
dell'esperienza del viaggio da parte dell'autore, che diventa piu sfumata col passare 
degli anni e si precisa nell'esercizio della scrittura. Per il momento, comunque, 
m'interessano qui piu in particolare alcuni aspetti strutturali e formali dell'opera 
che si ricollegano alle piu recenti discussioni di ordine teorico, narratologico della 
letteratura di viaggio. L'intento non t per6 soltanto di analizzare le macrostrutture 
dell'opera del Lxjcatelli, e c\oh il contegno del viaggiatore, i modi narrativi adottati 
per ricostruire attraverso la scrittura gli incidenti occorsigli nel viaggio, ma anche 
di contestualizzare il testo aH'intemo del canone della prosa di viaggio secentesca. 

Un'impostazione di questo tipo apre, com'6 noto, alcuni problemi essenziali, 
e innanzitutto quelli delle molte e complesse relazioni che la letteratura di viaggio, 
cronaca, catalogo e scrittura al tempo stesso, intrattiene con forme contigue e affini 
ed eventuahnente quello della delimitazione di ambito che separa opere di carattere 
diverso, all'estremo una relazione di viaggio da una finzione di viaggio.* Le 
scritture di viaggio, che toccano in genere, senza apprezzabile penetrazione 
specialistica campi d'interessi disparati, dalla geografia alia storia alia politica e 



8. Molto illuminanti, a proposito, le fini considerazioni svolte da Georges May, L'Autobiogra- 
phie (Paris: Presses Universitaires de France, 1979); in specifico, la sezione "Le Recit de 
voyage," pp. 138-144. Validi chiaramenti metodologici e utili precisazioni esegetiche si 
trovano nei contributi di Claudia Micocci, "I libri di viaggio e i viaggi di Pietro della Valle," 
Annali dell'lstituto di Filologia Modema dell'Vniversita di Roma, II (1981), 125-154, e di 
Elvio Guagnini, "Letteratura di viaggio e storia della letteratura," Problemi, n. 83 (1988). 
Per una tipologia delle forme della prosa di viaggio, oltre che il citato saggio di G. R. 
Cardona nella Storia einaudiana, cfr. le raccoltQ La letteratura di viaggio. Storia eprospettive 
di un genere letterario, a cura di Maria Enrica D'Agostini (Milano: Guerini, 1987) e La 
letteratura di viaggio dal Medioevo al Rinascimento. Generi e problemi (Alessandria: Edizioni 
deU'Orso, 1989). 



234 Albert N. Mancini 

all'economia, obbediscono ai condizionamenti imposti dalle aspettative, di carattere 
informativo e cronachistico , ma anche immaginativo, dei destinatari, variabili da 
paese a paese, da epoca a epoca. Storicamente , ed t questo un dato acquisito della 
critica settoriale, nella letteratura odeporica assistiamo ad una svolta fondamentale 
al tempo delle grandi scoperte geografiche. Mentre nella prima fase le scritture 
di viaggi contengono ancora metafore, miti e topoi leggendari, tanto da circoscrivere 
a luoghi femosi per tradizione mitologica o storica Titer investigativo dei viaggiatori, 
in un secondo momento 1' alone fevoloso e I'abbandono all'esotico scompaiono e 
le sfere di concentrazione , descrittive e narrative, sono determinate da interessi 
politici ed economici piu specifici, anche se uno spazio maggiore viene accordato 
all dimensione personale, alia cultura e posizione sociale del protagonista del viaggio. 
Inaltre parole, attra verso laprocedura razionale del rilievo visivo, il viaggio diventa 
il metodo della conoscenza e il resoconto del viaggiatore la nuova fonte dei dati 
dell'esperienza. Al progressivo ampliamento deU'orizzonte geografico si accompagna 
un allargamento concettuale nella direzione dell'analisi geoantropologica. La 
letteratura di viaggio deve allora specializzarsi e rinunciare alia universality dei 
resoconti di un Sassetti e di un Pigafetta.^ 1 viaggiatori insorgono contro il libro, 
contro le conoscenze libresche dei cartografi e cosmografi di gabinetto; si richiamano 
direttamente all'esperienza, piu particolarmente a quella del luogo di cui parlano 
nelle loro relazioni. L'esperienza del viaggiatore s'oppone altresi all'autorit^ 
delFumanista sapiente, all'autorit^ fondata sugli interminabili commentari degli autori 
canonici. La prosa di viaggio t si ancora libro, scrittura, ma un libro che include 
il mondo.'° 

Nel canone della letteratura italiana del Seicento c'b ampio spazio per il viaggio 
mercantile , il viaggio religioso e il viaggio di evasione; per la sensibility spiccata 
ai progetti delle grandi potenze del mercante awenturiero (di un Francesco Carletti), 
per I'alacre attivismo del missionario intento a conciliare i nuovi costumi con 
rOccidente (di un Matteo Ricci) o interessato ad inchieste sociali (di un Giovanni 



9. Sulle sintetiche riflessioni qui esposte cfr. Paolo Getrevi, Dal picaro al gentiluomo 
(Milano: Franco Angeli, 1986), pp. 276-278, che riassume altre acute osservazioni di Hans 
Blumenberg, La leggibilita delmondo, trad. ital. a cura di R. Bodei (Bologna: II Mulino, 
1984), pp. 105 sgg. Ma sulla rivoluzione epistemologica, sul ruolo del passaggio da una 
mentalita "adesiva" mitopoietica, e cioe govemata dalla percezione olfattiva e auditiva ad 
una mentalita "visuale" sul clima intellettuale del Cinque e del Seicento, di rigore e il rinvio 
all'ormai classico lavoro di Lucien Febvre, Le Probleme de Vincroyance au XVT siede (Paris: 
Albin Michel, 1942). Su questo complesso di problem! e di temi si veda rilluminante messa 
a punto di Ezio Raimondi, "La nuova scienza e la visione degU oggetti," Lettere italiane, 
XXI, 3 (1969). 

10. Si vedano i riscontri, emergenti dall'esame di prove specifiche nell'area francese in 
Norman Doiron, "L'Art de voyager. Pour une definition du recit de voyage a I'epoque 
classique," Poetique, n. 73 (1988), 81-86; e, piu recentemente, mL'Artde voyager (Paris: 
Klincksieck, 1995). 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 235 

Antonio Cavazzi), per I'atteggiamento un po' da sciovinista dell'intellettuale in 
vacanza (di un Pietro Delia Valle). Si instaurano nuovi miti, che danno il valore 
del visto a quello che prima era solo immaginato. II viaggiatore si sovrappone al 
mercante, al diplomatico, al missionario e tende a diventare uno specialista. A 
cominciare dal Seicento le prospettive della scrittura di viaggio sono per questo 
diverse dal punto di vista della cultura. Alcuni autori sono pronti a ogni annotazione, 
quasi un prototipo giomalistico che privilegia la vista; altri non rinunciano al 
giudizio, ma lo riportano agli schemi del mondo da cui provengono; altri ancora 
tentano una mediazione critica. Si pud dire che la collocazione del libro di viaggio 
secentesco b a met^ tra il meraviglioso della scoperta e I'antropologico dell'acquisito. 
In ogni caso, esso rappresenta un momento decisivo del rapporto tra 1' Italia e 
I'Europa o il resto del mondo." 

Importante sotto I'aspetto teorico quanto si legge in un'interessante "apologia 
de' viaggi" del nostro Seicento, la lettera dedicatoria di Giovan Francesco 
Buonamico, autore di alcune Memorie de' Viaggi (1672), anch'esse inattesa di un 
curatore illuminato. 

Dica pure cio che vuole I'antica severita de' Lacedemoni — scrive il letterato e 
scienziato maltese — ch'io airincontro quando pur non v'avessi interesse ne 
parzialita veruna, saro sempre mai d'opinione che non v'e cosa piu utile e piu 
vantaggiosa al galantuomo ne che contribuisca maggiormente a renderlo tale, quanto 
i viaggi fatti con giudizio e matura riflessione, in Paesi principalmente ove non 
manchino cose che meritino essere osservate, e virtuosi degni d'essere imitati. 
Pretese Licurgo con proibire a' suoi Spartani il viaggiare preservarh da qualche 
vizi piu comuni ad altre Nazioni, ma con questo veniva egU senza dubbio a privarli 
in un punto di mille vantaggi importantissimi. 

La curiosity di vedere il mondo, di sapere, di un sapere inteso come perfezionamento 
morale e arricchimento della propria cultura, piuttosto che il divertimento o la 
necessity materiale b per il Buonamico la motivazione principale del viaggiare: 

Recano alia mente i viaggi ben istituiti una certa maturita senile avanti gli anni, 
ed un'anticipata robustezza e costanza d'animo, aprendo in un tratto I'intelletto 
alia cognizione di mille cose diverse, e ad un perfetto discemimento del vero dal 
falso col mezzo d'un'infinita d'osservazioni ed esperienze che a ogni momento 
li rappresentano [...]. Impongono a se medesimi una vil servitii coloro che non 
ardiscono mai perder di vista il suol natio, e di Uberi habitatori del Mondo, che 
Iddio gl'ha fatti, si rendono essi medesimi miseri prigionieri d'una piccola contrada. 



1 1 . Come giustamente ha osservato il Guglielminetti nella introduzione alia citata sua antologia 
della prosa di viaggio del Seicento: "Sono anni difficili per I'ltaha, allontanata dai conmierci 
intemazionah e destinata ad entrare sempre piu nell'orbita dell 'influenza spagnola prima 
e francese dopo; anni in cui andare all'estero significava molte volte credere subito che ItaUa 
e cattolicesimo (nei casi mighori Europa e cristianesimo) fossero diventati dei puri nomi, 
dietro i quaU si nascondeva solo volonta di sopraffazione e di dominio" (p. 9). 



236 Albert N. Mancini 

Piu altri e generosi pensieri c'inspira il nobilissimo morale (Seneca) esclamando: 
Non sum uni angulo natus; patria mea totus hie est mundus. Or quale insigne 
e crassa negligenza, anzi enorme sciocchezza sarebbe il non aver curiosita e 
desiderio di riconoscere la propria Patria [...]. Tolgono all'anima ragionevole 
una delle sue maggiori perfezioni, quelli che pretendono privarla del moto, e della 
libera facolta di trasportarsi da un luogo all'altro.'^ 

Sintomatico mi pare il fatto che la nozione che il Locatelli sembra avere del 
viaggiare, come attestano, non foss'altro, le tante suggestioni o notazioni di poetica 
rilevabili in tutta I'opera, non si discosta molto da quella qui illustrata dal 
Buonamico. Da un lato, b vero, nella dedica dell 'ultima stesura del 1693 al fratello 
Cristoforo, "Dottore Colegiato," viene da lui accordata lapreminenza alio studiare 
sul viaggiare come fonte di conoscenza: "O perch6 ne' nostri discendenti di tutto 
ci6 resti perpetua memoria ho voluto mettere in faccia di queste mie vagabonde 
leggerezze il vostro nome, per accrescere , quando mi fosse possibile, quella gloria 
che non viaggiando, ma studiando, vi siete guadagnata ben grande nella nostra 
patria." (p. 43; corsivo mio). E in un tono ancor piu esplicitamente apologetico 
ribadir^ a coramento di un accadimento spiacevole, sempre nella stessa stesura del 
1693: "E ci6 pensando, arrivai a detestare la mia troppo vana curiosita, ch'esposto 
ra'avea a tante spese et a tanti pericoli, quando sarebbe stato meglio badare alio 
studio e vivere con santa pace nella casa natia e con una vita esemplare servire a 
Dio et a' prossimi miei. " (p. Ill; corsivo mio). Da un altro, perd, lo spirito critico 
del viaggiatore Locatelli gli detta passi nei quali 6k al lettore istruzioni di questo 
tenore: "E buon consiglio a chi viaggia di cercar sempre di salire su qualche grande 
altezza, per potere in una sola occhiata dire con verita d'aver veduta tutta la citt^ 
senza aver bisogno di adimandar sovente ove sia I'alloggio; s'osservi particolarmente 
il sito della piazza, nella quale ordinariamente sogliono poner capo tutte le strade 
maestre; ed in tale occasione bisognerebbe aver seco una persona pratica del paese, 
et il forestiere fosse curioso in dimandare. A che servirebbe I'andar in volta, se 
non si cercasse di vedere e saper quello che t piii di rimarco ne' luoghi ov'un si 
trova?" (p. 75, BA, ma aggiunta in P per le ultime righe; corsivo mio). 

In ogni caso, I'opera del Locatelli pu6 dirsi esemplare del nuovo modo di 
viaggiare e di scriver relazioni di viaggio. II filo che lega ed ordina gli avvenimenti 
b quello tenue della successione dei giorni irapiegati per andare da Bologna a Parigi 
e viceversa, toccando I'ltalia settentrionale , la Savoia, la Svizzera; e tutto lo sforzo 
dello scrittore, disceso al livello di diarista, si concentra nel tentativo di segnalare 
i frequenti mutamenti di scena che si verificano nelle tappe di viaggio da una locanda 
all'altra, da una chiesa all'altra, da un palazzo all 'altro. Dappertutto il viaggiatore 
narratore, animato da un vivo senso di curiosity e di avventura, si guarda intomo 



12. Giovanni Mangion, "Giovan Francesco Buonamico, scienziato e letterato maltese del 
Seicento," Studi secenteschi, XII (1972), 300-303. 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 237 

' e commenta, loda o si lamenta dell'ospitalit^ delle case dei notabili locali o dei 

! conventi, gusta le delizie della cucina o dei vini regionali, distingue e apprezza le 

opere d'arte, I'architettura di citt^, chiese e castelli, osserva con sagacia i compagni 

di viaggio e quelli occasionali che incontra, con amore raccoglie quanto ad essi 

si riferisce, rileva con salace spirito d'osservazione le caratteristiche fisiche e ie 

abitudini di vita di nobiii e popolani. In breve, I'esperienza di viaggio, servita da 

1 non comuni doti di osservatore, da risultati interessanti anche se non c't nel Locatelli 

J nessun chiaro proposito di sistemazione filosofica del materiale.'^ Un capitolo 

a parte nell'economia del Viaggio pu6 considerarsi quello costituito dalle notizie 

curiose e interessanti sul culto e sulla liturgia nelle regioni visitate, con particolare 

I insistenza e gusto quando si tratti di monache e del loro mondo. L'antecedente 

italiano piu notevole di questo tipo di scrittura di viaggio b forse quello oflferto dal 

romano Bernardo Bizoni nella Relazione in forma di viaggio che corse per diverse 

provincie d'Europa il sig. V. Giustiniani, che il Locatelli non poteva conoscere, 

perche rimasta inedita e pubblicata integralmente per la prima volta da Anna Banti 

soltanto nel 1942. '" Appare estremamente diflScile escludere invece che il Locatelli 

non avesse letto il Viaggio in Ponente a San Giacomo di Galitia di Domenico Laffi, 

1 come lui sacerdote bolognese, apparso in prima edizione nel 1673 e ristampato ben 

sei volte fra questa data e il 1738.'^ 



13. Gia il D'Ancona concludeva che il Locatelli non era certamente uomo dotato di "molta 
coltura, ne ... forte neUa lingua francese", ma prowisto delle "qualita non comuni, che Gaston 
Paris riconosceva generalmente ai viaggiatori italiani: cioe molta curiosita di vedere, e molta 
attitudine a veder giusto" (p. 76). Sul LocateUi osservatore di luoghi e costumi hanno 
commentato con dovizia di particolari: Giorgio De Piaggi, "Curiosita e costumi della Francia 
secentesca tratti dal diario di Sebastiano LocateUi," Studi francesi , XXVIII (1984), 75-92; 
e Luigi Monga, "Pagine di vita milanese nel diario di un prete bolognese del Seicento," 
Libri e documenti, XIV, 1 (1988), 88-95; "Note sulla Genova secentesca nel diario di 
Sebastiano Locatelli (1664)," Genova Tre, XVII. n°63 (1988); "Torino secentesca indue 
redazioni del Viaggio di Francia di Sebastiano Locatelli (1666 e 1693)," Studi piemoniesi, 
XVIII, 1 (1989), 213-228. Piu in generale, sull' idea oimmagine della realtacittadinanell' eta 
premodema si veda I'acuto saggio di Alberto Tenenti, "L'immagine di Genova nella letteratura 
di viaggio: secc. XVII-XVIII" in Civilta della parola, a cura di Italo Bertoni (Milano: 
Marzorati, 1989), pp. 105-120. 

14. Europa milleseicentosei: diario di viaggio (Milano-Roma, Rizzoli, 1942). Bernardo 
Bizoni, segretario di Vincenzo Giustiniani, marchese di Bassano, compose nel 1606 
quest'opera, che ha un interesse speciale nell'ambito della letteratura artistica. 

15. A Santiago di Compostella il Laffi si reco ben tre volte: nel 1666 con don Morando 
Conti, Nicolo Mantuani e Francesco Magnani, nel 1670 col pittore Domenico Codici, da 
ultimo nel 1673 con fra Giuseppe Lipparini. L'edizione piu nota dell'opera e la terza: Viaggio 
in Ponente a San Giacotno di Galitia e Finisterre di D. Domenico Laffi, bolognese; aggiuntovi 
molte curiosita dopo U suo terzo viaggio a quelle parti. . . In Bologna: per gli eredi del Pisarri, 
1681 . Sulla vita e le opere del Laffi, si veda I'introduzione alia recente edizione del Viaggio 
in Ponente di Anna Sulai Capponi (Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane, 1989). Fu poeta 
dialettale, autore di numerose opere drammatiche e resocontista di viaggi di devozione. 
Interessanti puntualizzazioni sull 'opera off re Lucrezia Porto Bucciarelli, "Dal Viaggio in 



238 Albert N. Mancini 

Quanto alia trama del Viaggio di Francia, per economia di spazio, scorcio 
I'ordine delle suddivisioni piu importanti per dare un'idea del metodo di costruire 
che presiede alia stesura dell'opera e dello schema corapositivo seguito dall'autore 
nel ristrutturare i suoi appunti. II primo libro contiene, oltre la dedica, una guida 
storico-geografica, "Dell 'aria e di diverse cose che servono di mantenimento 
all'uomo nella Francia," divisa in capitoletti (pp. 6-16), e la relazione di viaggio 
neiritalia settentrionale (Pavia, Milano, Genova, Torino) e la Savoia fino a Lione, 
compresa fra le date 22 aprile e 7 ottobre 1664. II libro secondo b diviso in due 
sezioni. La prima consiste nel racconto del viaggio da Lione a Parigi (3 1 ottobre-24 
novembre 1664), per buona parte in barca (pp. 120-150). La seconda comprende 
la relazione della visita del cardinale Chigi, nipote di Alessandro VII, presentata 
in retrospettiva perche awenuta il 9 agosto 1664 (pp. 151-181; questa relazione 
viene eliminata nella redazione del 1693); e il racconto di quanto il narratore ha 
osservato "dentro e fuori di Parigi," con il titolo "Informatione di diverse cose che 
sono le piu belle e piuprincipali della citt^ di Parigi e suoi distretti" (pp. 159-196). 
II libro terzo racconta il viaggio di ritomo in Italia, fatto, in compagnia di altri 
viaggiatori, fra cui i raarchesi Prospero e Ludovico Gonzaga, I'abate Ludovico 
Vigarani di Reggio e il conte romano Giovan Battista Anguisciola. Viene ripresa 
la struttura diaristica (dair8 maggio al principio di luglio 1665, ma la redazione 
del 1693 porta la data 13 giugno), interrotta all'arrivo a Parigi (p. 198, BA). La 
preferenza per la forma diaristica viene sottolineata, oltre che con le necessarie 
indicazioni di data e luogo, con firequenti interpolazioni conclusive, a volte aggiunte 
neir ultima stesura ("Piij scriverei se il somio non mi sollecitasse al riposo, ma il 
capo, non avvezzo alio stridore del pagliariccio, non so se vorra domiire cosi 
facilmente come mi persuado, proviamolo un poco" (p. 70, P). "Concludo la 
presente giomata col dire che Milano b una gran citt^, abbondante di tutte le cose, 
ed anco di vino ...", p. 89, P).'* 

Vero b che nel Viaggio il metodo del diario-cronaca, desunto dalla sola 
esperienza diretta della realty, non riesce a prevalere completamente sulla pratica 
tradizionale della relazione di viaggio nella descrizione , cosi come non riesce a far 



Ponente: Gli itinerari ispanici del bolognese Laffi," Quademidifilologia e lingue romanze. 
Universita di Macerata. Supplemento Terza Serie, VII (1992), 206-240. 

16. "Premessa" a Leforme del diario. Quaderni di retorica epoetica, II (Padova: Liviana, 
1985), 8. Per il Folena la storia moderna di diario nella nuova accezione individual fino 
3.1 journal philosophique e a\ journal intime sembra cominciare nella letteratura italiana con 
I'Alfieri, che coi giovanili "Giomali" poi con gli "Annali", titoli peraltro non adoperati 
dall'autore, ci offrirebbe, in relazione con la Vita, uno dei casi piii suggestivi e illuminanti 
del rapporto fra diario e autobiografia. Sui rapporti fra il diario di viaggio e la lettera di 
ragguaglio va segnalato il saggio introduttivo "Vedere per il principe" di Maria Luisa Doglio 
in Lorenzo Magalotti, Diario di Francia dell'anno 1668 (Palermo: Sellerio, 1991). 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 239 

dimenticare le fonti d'informazione erudite.'^ In Italia, come osserva Gianfranco 
Folena, il termine diario, che peraltro il Locatelli non adopera, compare nel 
Cinquecento soltanto nell'accezione antica di registrazione quotidiana di eventi 
pubblici. "Come forma specifica di memoria e autoanalisi quotidiana di un individuo, 
e talora insieme o anche soltanto di society", precisa lo studioso, il diario riceve 
"la sua impronta moderna decisiva fra Sei e Settecento in stretto rapporto con la 
coscienza della personality e della costruzione dell'esperienza individuale analizzata 
dagli empiristi inglesi", quando nascono le forme letterarie pseudo-diaristiche , 
pseudo-epistolari e pseudo-autobiografiche che costituiraimo le stmtture portanti 
del romanzo modemo.'^ 

Insidiosi sono dunque i problemi posti dalla struttura composita dell 'opera del 
Locatelli. Cio nonostante, per limitarci in questa sede al solo rapporto fra diario 
e autobiografia, la risposta al quesito narratologico posto in limine deve tener conto 
della rilevanza di un principio ordinatore che organizza una serie di frammenti, 
del metodo seguito dall'autore nella selezione e nella sistemazione del materiale; 
avventure di viaggio e di locanda, osservazione sui costumi delle popolazioni, visite 
ai monumenti delle citt^ e dei borghi attraversati, specialmente chiese, conventi, 
musei. Colpisce la presenza costante dell'autore attivo con la sua ottica culturale 
e con i suoi aflFetti personali in ogni avventura vissuta e in tutte in modo specifico 
e assolutizzante. In ultima analisi, il diario di viaggio si scrive perche I'interlocutore 
del resoconto, il lettore, desunia da una prosa franta i segnali di una presenza 
ecumenica ed onnicomprensiva della coscienza dell'autore. Nella sezione dedicata 
alia visita a Genova si legge: "II torbido che sopportavo nel capo non mi lasci6 
gustare le delicie di quel giorao, ma non per questo lasciai di vederle e di ammirarle 
insieme e di notarle la sera giu alia peggio, com 'e solito mio" (p. 104, le parole 
in corsivo sono aggiunte in P). Ma gi^ nell'avvertenza al lettore della redazione 
del 1666 il Lx)catelli c' introduce nel suo laboratorio: 

Per corrispondere in qualche parte alle molte mie ubbligazioni, che professero 
mai sempre a quei benigni signori che tanto nell'andare a Parigi quanto nel ritornare 
alia patria si compiacquero di volermi in lor compagnia, da uno di low cosi 
comandato, mi sono disposto_/z« che ho la memoria fresca, a trascrivere cio che 
allora di giomo in giorno notai in un mio picciolo libriciuolo, ancorche la mia 
ignoranza e poverti di stile non sia per guadagnarmi che poca riputazione appresso 
coloro alle cui mani capiteranno questi miei scritti. (p. 362; le aggiunte di P in 
corsivo) 

L'autore b consapevole della complessit^ della prosa di viaggio, cronaca. 



17. Sulle fonti geografiche e guide per i viaggiatori utilizzate dal Locatelli, cfr. la dotta 
introduzione di Luigi Monga, in ispecie le pp. 33-34. 

18. Quest'awertenza al lettore, precisa Monga (p. 198, nota b), e ripresa nel ms P alia fine 
del primo incontro con Luigi XIV nella chiesa di Saint-Germain. 



240 Albert N. Mancdmi 

catalogo e scrittura al tempo stesso. Si legga, a scopo d'esemplificazione , questo 
commento del narratore alia visita di un monastero di Lione, eflFettuata in data 7 
ottobre 1664: 

Toraero a seguir la gioraata, dopo si lungo e geniale divertimento, ma compatisci, 
Lettore amorevole, se mi trovi andar saltando qua e la, perche non e mai stato 
mio mestiero di compor libri. E quando cominciai a scriver questo, pensavo di 
sbrigarmene con pochi piu fogli di quello [che] era il librettino dove notavo a di 
per di le cose che mi accadevano et andavo vedendo. Mi sono accorto ancora 
che vi e questo errore, et e che nell'aggiungere, per dir cosi, con piu chiarezza 
la cosa, non ho osservato che bisognava ragionare come di cosa passata, non piu 
presente, e mettendomi bene in testa il gia scritto, scrivere come dettava I'inteUetto 
e non capire la cosa come stava scritta nel libricino. (p. 165, P) 

Veridicit^ della diaristica di viaggio, dunque; autenticit^ degli eventi e attualit^ 
delle descrizioni, ma anche interpretazione della nuova reaM sperimentata attraverso 
e nel corso del viaggio. II narratore awerte continuamente il lettore dello stato 
artificiale della scrittura. Per esempio, citando quasi a caso dal conmiento autoriale 
al racconto di un incidente spiacevole: "Orsu, rimettiamoci a tavola e discorriamo 
di cose allegre, che piu allegre non dansi a chi ha bisogno di ristoro che una buona 
cena" (p. 188). O si veda con quanta spregiudicatezza il narratore d^ principio 
al resoconto del soggiomo parigino: 

Piii non mi regolaro a giomate, per non multipHcar senza proposito le ciarle: se 
occorrera; qualche cosa degna di memoria, la notero sotto quel giomo [che] I'avero 
osservata. Non vorrei pensassi, o Lettore, fosse stato mio pensiero amplificar 
quel tanto [che] vedro in Parigi, perche ormai a' nostri gentiluomini e cittadini 
saranno si note le cose di questa citta per la frequenza de' viandanti paesani, che 
facihnente potrei incorrere nel biasimo de' bugiardi. Credi dunque a quanto 
leggerai, perche poco sarebbe per compHrmi in scriver cose che dalla sera alia 
matina puoi venire in chiaro. (p. 198, BA) 

Ma tutto questo, in fondo, fa parte del costruire narrativo, e, se pud senz'altro 
disorientare il lettore meno esperto, presenta indubbiamente in modo efficace e 
immediato lo scontro delle forme narrative (nell'ultima citazione , diario e relazione 
di viaggio) o la sovrapposizione tra le diverse prospettive che operano in concrete 
nella composizione delle diverse versioni dell 'opera. Per I'ultimo problema, si 
legga almeno il commento conclusivo della gi^ ricordata sezione sul soggiomo 
parigino: 

Orsu, Lettore. io v6 accostandomi al fine di questo libro, piii breve d'ogni altro, 
e pud essere che finora io non abbia con tante dicerie incontrato il tuo genio, 
perche, rapito il cuore dalla fragranza amirabile de' bei gigh di Francia, desideravi 
di vedere il suo monarca com'un Ercole con la clava alia mano che domasse piii 
mostri inimici della sua corona, et io te I'ho quasi fatto vedere con la conocchia 
alia mano star filando vicino della dea della bellezza. Ma consolati, perche, 
arrivatimi al cuore i tuoi giusti lamenti, ora m'accingo a rappresentartelo quale 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 241 

appunto il desideri e quale spero il vedrai fra poco tempo vincitore dell'Idre piu 
formidabili con brando, non piu trionfante per Veneri sottomesse dalla sua 
generosita e rara bellezza. Leggi adunque con attenzione, non in fretta cio che 
segue, e spero che sara con tuo gusto (p. 245, BA). 

Su questo punto delle forme che assicurano una piu pronta e stabile recezione del 
pubblico, il Locatelli ha fiuto fine. 11 lettore b per lui una presenza complice e 
rassicurante . Come si pu6 rilevare dai seguenti stralci, le testimonianze pertinenti 
a tal proposito sono molto esplicite: "ma tomiamo due passi" (p. 97, P); "Ma 
tomiamo al nostro racconto" (p. 164, P); "Oh, quanto dovrei dire delle compassione- 
voli espressioni ch'udii dalla bocca della Madre Broglia per I'infermit^ del nostro 
cavaliere, ma lascer6 quest'uflStio a' doni che susseguirono, per non mostrarmi 
su le prime soglie della Francia restate senza cuore" (p. 130, BA); "Lettore, sar^ 
meglio per me, e forse per te ancora, che non dichi altro. Si discorse, si ride, e 
passarono due ore come un batter d'occhio. L'aver detto messa e ricevuta si bella 
impressione per la veduta d'Agnese, come per esser presente il compagno, credi 
pure che furono cose che obbligarono a stare in un modesto contegno la mia 
bestiality" (p. 130, BA).'' 

II narratore del Viaggio b responsabile dell'ordine, dell'uso del tempo e dei 
modi di percepire del lettore. La presenza preminente dell'autore b spesso awertibile 
nei libri di viaggio del Seicento; essa si spiega col sorgere di uno spirito critico, 
sviluppato poi nel Settecento, che tende a ridiscutere I'ampio bagaglio delle 
conoscenze acquisite attraverso I'esperienza del viaggiare. La voce dell'autore b 
una voce di conmiento; non b piu solo volta a dare veridicit^ al racconto. Nel 
Viaggio del Locatelli I'interpretazione della realty appresa trova espressione molto 
esplicitamente come scrittura o, meglio ancora, riscrittura. Nel passo seguente, 
stralciato dall'episodio del tentative di seduzione di una bella ostessa (2 novembre 
1664), I'autore del diario di viaggio rilegge, in traduzione francese per di piu, ad 
un personaggio quello che b andato scrivendo di lei. "Mentre i compagni s'andavano 
spogliando, serviti cortesissimamente dalla bella vedova cameriera, [...] io me ne 
stavo al tavolino, scrivendo (conforme al solito d'ogni sera prima d'andamiene a 
letto) quanto hai letto sin'ora; et entrati che furono in letto, assentatamisi a canto 
la bella, non volse partire fin tanto [che] io non ebbi compita questa faccenda, e 
poi con duplicata mia pena volse leggessi e dichiarassi in francese tutto Io scritto, 
compiacendosi molto, per quello [che] m'accorsi, della gran lode ch'avevo dato 
alia sua rara bellezza" (p. 178, P). Un posto a parte assume naturalmente il 
contegno imposto dal difetto di memoria invocato come attenuante dal resocontista: 



19. II passo e tratto dalla visita alia contessa Broglio di Torino, uno degli episodi piu audaci 
dell'opera. II Monga (p. 130, nota b) avverte che nel ras BA ci sono cinque righe 
accuratamente cancellate e che altri tagli sono apportati nel testo della redazione del 1693 
(p. 131. nota b). E' evidente che il LocateUi si preoccupa di dimostrare, anche a distanza 
di anni, di aver fatto del suo meglio per evitare le occasioni di peccare. 



242 Albert N. Mancini 

"II desinare fii buonissimo e di mio genio, perche in tutte le cose raettono I'erbe. 
La minestra poi fu cosi regalata che me ne feci dare un'altra, essendoci dentro certe 
radichette fresche aromatiche [...]. Dissero veramente come si chiamavano, ma 
ora che ne scrivo non ne ho memoria. Posso dire che sono simili alle radiche delle 
nostre carote selvatiche" (p. Ill, BA); "Mentre questi camina, io attendero a 
scrivere cosa che dovrebbe, o Lettore, raolto dilettarti, perche singolare. Mi scordavo 
di dire che i capuzzini nella Francia confessano e servono per capellani a molte 
confratemite , non per6 confessano donne" (p. 157, P). 

II narratore mutua dal repertorio di tematiche e tropi del genere odeporico ed 
entra perfino in sottintesa emulazione coi diversi modelli narrativi che la tradizione 
gli oflFre. Beninteso, si parte da ricordi letterari a grado zero, da formule decostruite 
e ricostruite secondo uno spaccato dominato da semplificazione , un modo di 
ricondurre la letteratura alia spazio vulgato delle formule quotidiane. Ne t un 
esempio il racconto dell'avventura occorsa in data 2 novembre 1664, durante il 
viaggio fra Lione e Parigi, emblematico per la molteplicit^ di spunti che oflFre, come 
pu6 desumersi anche dal seguente, per necessity riduttivo, schema riassuntivo: 
viaggio disagiato in barca; sosta in un villaggio disabitato, ma provvisto di una 
osteria eccezionale; descrizione grottesca di un intemo di chiesa povera e brutta, 
dove si sta celebrando uno strano fimerale; festa da ballo, rallegrata dalla presenza 
di due bellissime giovani ("Lasciato questo luogo di tanta mestizia, caminassimo 
per vedere tutto il paese: ma che? Appena fatti pochi passi, fossimo arrestati dallo 
stupore, facendoci inanzi due giovani che a due Veneri le assomigliarei, se tante 
ne avesse avute il cielo della gentility [...]. Ci pareva essersi avverato il racconto 
di qualcheduno di quei romanzi che descritti da penne eccellenti fan prova nella 
descrittione delle lor deit^ si belle da far languire i lettore o morir di spasimo per 
la voglia di vedere donne si vaghe", p. 176-177, BA). Le pagine meglio riuscite 
giocano con un certo virtuosismo su diverse forme narrative: diario e guida di 
viaggio, con rapide annotazioni degli eventi e degli incidenti occorsigli durante le 
successive tappe del percorso e modelli narrativi comico-burleschi: dialogo, 
"capitolo" o lettera burlesca, racconto autobiografico, ma soprattutto racconto comico 
e romanzo picaresco.^° 



20. Cfr. Paul Fussell. Abroad. British Literary Traveling between the Wars (New York- 
Oxford: Oxford University Press, 1980), pp. 206-209. II Fussell ascrive appunto al senso 
dell'avventuroso e del meraviglioso e alia deformazione comico/grottesca il fascino anche 
del libro di viaggio moderno . A monte dell 'esercizio stilistico di realismo comico del Locatelli 
e opportuno segnalare almeno le due lettere burlesche di Giovan Battista Marino suUe quali 
si veda il recente articolo di Angelo Colombo, "Torino-Parigi 1615. Periegesi mariniane," 
Philologica, II, 4 (1993), 71-89; e i "capitoli piacevoli" di Antonio Abbondanti ("11 viaggio 
di Colonia" e "II viaggio da Colonia a Treviri" (1627), per i quali si rimanda a Umberto 
Limentani, "In Germania e nel Belgio con un viaggiatore del Seicento," Studi secenteschi, 
II (1961), 1 19-144. Si veda inoltre sul diario del viaggio a Torino (1606) dell'ambasciatore 
veneziano Pietro Contarini, scritto in chiave umoristica da Benedetto Zorzi: Luigi Monga, 



Autobiografia e autocoscienza narrativa 243 

Fin qui I'io narrante non b ancora il me, e cio6 il personaggio create, 
rautoritratto che il Locatelli disegna nel Viaggio, problema critico fondamentale 
per ogni scrittura autobiografica. Come si t gi^ accennato , il Viaggio non t soltanto 
un "diario," il giornale retrospettivo di un viaggio, un resoconto di esperienze, 
osservazioni, incontri avvenuti, ma anche un'autobiografia. Come tale, infatti, 
rispetta ridentit^ di un autore-narratore-personag gio, vero centro "illocutoire" 
dell'autobiografia.^' Presenta cio^ una filza di awenture di viaggio, collegate 
unicamente dalla figura del narratore-protagonista posta quale filo ordinatore e 
principio di unificazione delle vicende. Nel Viaggio I'asse autobiografico si accampa 
nel senso che la narrazione viene filtrata per scelta esplicita attraverso la figura 
dell'autore. II narratore-protagonista, specie quello della terza stesura del 1693, 
si presenta come personaggio in possesso di maturity e coscienza che le esperienze 
di viaggio haimo arricchito non solo quantitativamente; lo spaccato eflficace della 
sua figura di uomo maturo che ha compiuto tramite la scrittura uno scarto cosciente 
dal giornale di viaggio all 'autobiografia, dunque, tra realty e finzione, novit^ ed 
esperienza di vita.^^ 

Di conseguenza, il narratore t sempre un accorto amministratore della sua 
immagine pubblica, una strategia che non esclude aflFatto una vena di divertita auto- 
ironia che basta a confermare come I'autore sia implicate a fondo nel costume 
secentesco, in una certa odeporica improntata a comico realismo. Si pensi solo 
alia scena di apertura del viaggio di ritomo: 

... lasciato il lido e di veder Parigi, ci trovassimo fra una spopolata citta che apunto 
sembrava ripiena delle semivive reliquie del fugitivo popolo troiano. Tra le grida 
delle donne e de' piccioli fanciuUi, fra i disordini delle amazzate genti che 
mendicavano un palmo di luogo, ci parea esser passati dalle delitie del paradiso 
alia funesta barca di Caronte, all'onde stigie. lo, pero, montato sopra certe balle 
di mercantie, quasi in trono, stando spettatore in un istesso punto di certe comedie 
che tutte ad un tempo si rapresentavano, apena potei compire all'obligo dell'uffitio. 
(p. 253, T) 



"L'Ambasciata a Torino di Pietro Contarini," Studi piemontesi, XXI, 1 (1992), 209-225. 

21. Cfr. E. Bruss, "L' Autobiographic consideree comme acte litteraire," Poetique, n.l7 
(1974). Per non appesantire I'apparato delle note si e omesso il riferimento ai piu noti studi 
metodologici recenti sul genere letterario dell 'autobiografia. 

22. Sui requisiti del racconto autobiografico si rimanda ad Andrea Battistini, "L'autobiografia 
e i modelli narrativi secenteschi" in Cultura meridionale e letteratura italiana. I modelli 
narrativi dell 'eta mode ma. Attidell'XI Congresso dell'AISLLI, a cura di P. Giannantonio 
(NapoU: Loffredo, 1985), pp. 145-190; ora in "I simulacri di Narciso," in Lo specchio di 
Dedalo. Autobiografia ebiografia(Bo\ogmL: IlMulino, 1990). Peril Battistini l'autobiografia 
impUca I'esistenza di un soggetto di narrazione come unica fonte e centro del racconto, ma 
il soggetto dell' autobiografia non e un'essenza a priori, ma una finzione culturale e linguistica; 
I'io dell 'autobiografia non si presenta come un dato oggettivo, ma come una costruzione, 
un'invenzione personale. 



244 Albert N. Mancini 

Per definire I'atteggiainento del Locatelli viaggiatore e autobiografo conta la sua 
origine aristocratica, la sua provenienza dall' Italia e soprattutto la sua condizione 
di sacerdote . Questa condizione impone un continuo riscontro critico della realty, 
raflxontata alia civiM della sua patria, grande e piccola. II motivo conduttore b 
la tendenza del protagonista del Viaggio di complimentarsi con se stesso per la 
resistenza del suo fisico alle intemperie e agli inconvenienti del viaggio, e per la 
resistenza opposta alle tentazioni ofFerte dalle innumerevoli seducenti donne incontrate 
(ostesse, cameriere, monache e dame deH'aristocrazia)." Predominante in 
situazioni simili h 1' identity fra il narratore e il protagonista della narrazione, tra 
I'io che ricorda e scrive e il me che vive ed t ricordato. Cosi come decisa e la 
prevalenza, in modo particolare nelle aggiunte all'ultima redazione, del progetto 
autobiografico su quelle odeporico. 

Dopo quanto s'6 detto, non pu6 sorprendere che il fondamento della scrittura 
e della lettura dell 'opera del Locatelli vada ricercato anzitutto in una motivazione 
autogiustificatoria, anche autoapologetica: I'autore-protagonista e degno del suo 
attuale status di religiose membro di una congregazione severa come quella 
deirOratorio. Nella redazione del 1693 il Viaggio si apre con la gia citata lettera 
dell'autore sessantenne al fratello, che presenta un bilancio in cui le considerazioni 
sui possibili errori commessi per inesperienza e ingenuity, piuttosto che per volonta 
trasgressoria, durante la trasferta in Francia di trent'anni prima, sono temperate 
dal bisogno di una autovalorizzazione del se. Opportuno a tal proposito h il rimando 
a talune polemiche dichiarazioni programmatiche deH'awertenza al lettore che 
conclude I'opera nella stessa redazione: 

Prima io dico che non so vedere dove cavino molti del popolaccio occasione di 
tanto scandalizzarsi, non essendo in sostanza il mio libro che seminato di sole 
chiarle e di pericoli di far ancor de' fatti in materie sensuali. . . . Fondano la ragione 
dello scandalo sul dire che la penna di un sacerdote non doveva stendere cose tanto 
lubriche su' fogli, sulla fidanza che I'eta di soli trent'anni fosse per renderlo 
incolpabile appresso i prudenti, perche Paolo non vuol ne meno concedere che 
con enigmi si parli di cose impure. ... Si puo concedere vi poss'essere qualche 
colpa leggiera, con tutto cio non mi si neghera che non aver potuto soddisfare 
all'integrita e nettezza del discorso chiestomi da un mio si riverito padrone (che 
per lo piu n'e stato testimone oculare), se avessi taciuto cio che puo scandalizzare 
i pusilli; e poi mi sarei creduto che le due copie ch'oltre di questa son fuori avesser 
dovuto capitare nelle mani d'ognuno, e fin contorsere i fatti piu lubrici per le 
piazze, perche se mi fossi cio imaginato avrei con prontezza eseguiti gl'impulsi 
dello Spirito Santo, quando mi sentii invitato a donarlo alle fiamme, subito che 
con le mie robbe mi giunse da Fossombrone a Bologna, (p. 358, P) 

Orbene, h certo che il Viaggio, cosi povero di spessore introspettivo, non b 



23. Cfr. "Introduzione" all'edizione di L. Monga, pp. 23-24. 



Autobiografia e autocoscienza narrative 245 

un' opera che possa rientrare nella prospettiva della letteratura autobiografica 
secentesca che privilegia il ripiegamento in senso intimista, moralistico-religioso 
deirautore-protagonista, del tipo, per intenderci, delle coeve Confessioni di un Carlo 
De' Dottori.^ In realty, ci6 che ne rende particolarmente afFascinante la lettura 
t proprio la tensione mai risolta tra il realismo del diario-cronaca di viaggio, genere 
squisitamente referenziale , e il progetto autobiografico deH'ormai anziano autore 
che mettendo mano a "questa terza copia" dell'unica, per quanto si sa, sua fatica 
letteraria non vuole piu soltanto raccontare quello che ha fatto e visto, ma dare una 
interpretazione piii lucida di un'esperienza che ha segnato una rottura profonda nella 
sua tranquilla, ma forse monotona, vita di prete di provincia; di una storia privata, 
inesauribile, esemplare nel sentimento dell'unicit^. 

The Ohio State University 



24. Confessioni di Eleuterio Duralete (Padova, per Serafino Spera, 1696). Cfr. la densa 
introdiizione alia ristampa anastatica dell'autobiografia dottoriana di Antonio Daniele (Padova, 
1987). 



Stefania BuccDsn 



Coerenza metodologica 

nel Giro del mondo 

di Giovanni Francesco Gemelli Careri 



II 13 giugno del 1693 Giovanni Francesco Gemelli Careri (1651-1725), gi^ noto 
ai contemporanei per i suoi viaggi e ricordato anche da Parini negli "Sciolti per 
un'accademia di geografia" (Parini 1:374)', si accinge a compiere il periplo della 
terra lasciandone testimonianza nel Giro del mondo, un reportage pubblicato a Napoli 
dall'editore Roselli nel 1699-1700. Tra le varie edizioni che nel corso di trent'anni 
seguono a quella napoletana, va certamente ricordata quella veneziana del 1719, 
riveduta e anipliata con quel ragguagli economici e comnierciali che al Gemelli 
era stato rimproverato di aver trascurato nelle precedenti^. L'autore, tuttavia, pur 
venendo incontro alle esigenze dei mercanti con questa redazione dell'opera, tiene 
aprecisare che I'autentica "vaghezza del viaggiare" nondeve essere inalcunmodo 
violata dalF "amor del guadagno": 

Egli e adunque non solo utilissimo, ma comodo, ed onesto il viaggiare alia 
mercantile; purche Tamer del guadagno non s'impadronisca si fattamente dell'animo 
nostro, che ne faccia trasandare il verace frutto, che deesi da somiglianti fatiche 
raccorre; e cioe la contezza de' riti, e della religione de' vari popoli; e la dilettevole 
osservazione delle cose naturali, e degli edifici, ed altre di simil fatta. (1:2) 

Calabrese, dottore in legge, govematore di alcune citt^ del viceregno di Napoli, 



1. "... Or, se piacevi,/mi domandate di quali provincie/sia composto ogni regno; e quai 
piii celebri/citta vi sieno; e che cosa significhi/stretto, istmo, golfo, seno, promontorio,/e 
capo e baia ed isola e penisola/e quant'altro vi par; che tosto udretemi/risponder franco piu 
che non potrebbevi/rispondervi Piero De la Valle o il celebre/dottor GemeUi, i quaU 
viaggiarono/piii tempo assai di me ..." 

^' "Avendo io neH'animo deliberate di ristampare il mio Giro del mondo, di cui le copie 
erano cominciate a divenire alquanto rare, piii di quello, che mai avrei dovuto, o potuto 
sperare; convenevol cosa emmi paruto, in questa seconda edizione soddisfare il desiderio 
de' curiosi, e di quei, che han vaghezza di viaggiare. I quali ogni cosa diceano trovarsi ne 
i miei libri, fuor che quelle notizie, che alle spese, alle strade, e alle mercatanzie si 
appartengono". (\:\1) 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



Coerenza metodologica nel Giro del mondo di Gemelli Careri 247 

Geraelli Careri inizia il giro del mondo circa un secolo dopo Francesco Carletti\ 
un po' per sfuggire all'ostilit^ di alcuni nemici, un po' per spirito di avventura, 
partendo dalla citt^ partenopea per I'Oriente. Dopo varie soste in Egitto, in Turchia, 
in Persia, in India e in Cina si imbarca per le Filippine e da qui per la Nuova Spagna 
dove rimane per circa un anno. Infine, dopo un lustro in cui si h ripetutamente 
esposto "al rischio di rimaner preda di pesci, o di fiere, o di uomini piu che 
selvaggi" {A chi legge 1:2), ritorna sano e salvo a Napoli nel 1698, dove b ricevuto 
dai suoi amici e congiunti con gli onori che si addicono ad un sopravvissuto: 

Finiti gli scambievoli e cari abbracciamenti, ci ponemmo in carrozza; e, fatte 
quattro altre miglia, entrammo nella tanto desiderata citta di Napoli: e cosi compii 
in fine il GIRO DEL MONDO, dopo cinque anni, 5 mesi e 20 giomi; appunto 
il di festivo di S. Francesco Saverio, Apostolo dell'Indie, e Protettore de' 
viaggianti. (VI:278) 

II Giro del mondo, diviso in sei volumi '', inizia con un dettagliato Catalogo 
de' viaggiatori e delle low opere (I, 15-19)^ seguito da un breve capitolo di 
avvertimenti ai mercanti e di consigli al lettore o ipotetico viaggiatore sui possibili 
itinerari da scegliere ^ Dei quattro percorsi raenzionati, qualora si voglia iniziare 
il viaggio da Oriente, Gemelli indica con precisione sia i vantaggi che le difficolta 
e finisce col raccomandare V ultimo, da lui parzialmente seguito perche meno 
rischioso: 

II quarto modo, e piu sicuro sara quello di andare in Costantinopoli, per via di 
Alemagna ed Ungheria; passando per Belgrado, Sofia, FiMppopoli, ed Adrianopoli, 



3. Riscoperti da Magalotti, i Ragionamenti del mio viaggio intorno al mondo di Francesco 
Carletti che nel 1594 aveva compiuto il giro del mondo, sono pubblicati a Firenze soltanto 
nel 1701. Sulla prima edizione dell'opera di Carletti cfr. Gughetaiinetti 54. 

4. Alcune edizioni sono divise in nove volumi, in quanto includono anche i Viaggi per 
I'Europa. 

5. LabibUografiaesistematicamentedivisain Vitagg/(i'£Mra/?a, Viaggid'Asia, Viaggidella 
Palestina, Viaggi di Siam, Cina & c, Viaggi d' Africa, Viaggi d America. 

6. "Dee percio sapersi, che in due modi, convien che si faccia il giro del mondo: per Oriente 
e per Occidente. Per Oriente puo intraprendersi in vari modi. ... II primo sarebbe, 
imbarcandosi sopra vascelh francesi, inglesi, ollandesi, e portoghesi, che vanno alle Indie 
orientali, se non fosse il troppo gran pericolo di perder la vita, o almeno la sanita tra orribih 
tempeste, epenosissimecalme, percuisiviveingrandissimospavento, odeel'uomo nutrirsi 
di cibi guasti e corrotti, e di acque verminose, cosi divenute dallo stare bene spesso trenta, 
quaranta giorni un vascello immobile sotto la linea equinoziale ... II secondo modo si e 
d'imbarcarsi in Livomo, oppure in Malta per Alessandria: quindi per lo fiume Nilo, andare 
al Cairo: nel Cairo trovare imbarco, e sopra uno dei sue vasceUh maomettani, che ogni anno 
partono dal mar Rosso, e vamio alia Mecca: e dalla Mecca imbarcarsi, il che sara molto 
agevole, per lo golfo persiano; e quindi passare all'Indie Orientah. ... II terzo modo, piu 
praticato dagh Europei, si e passare da Livomo ad Alessandretta, od Aleppo, coUa spesa 
al piu di dieci pezze da otto". (I, 2-4) 



248 Stefania Buccini 

e valicando il Mar Nero, e poscia proseguire il viaggio nello stesso modo che io 
feci, e partitamente in questo volume andero' divide ndo. (I: 4) 

La prima tappa del viaggio verso Oriente t Alessandria, dove Gemelli giunge 
dopo un breve soggiomo nell'isola di Malta. In Egitto visita le piramidi e le descrive 
con la curiosity, la minuzia e la precisione di un viaggiatore del secolo successivo. 
Si deve, infatti, riconoscere che anche se al Settecento illuminato e riformatore 
spetter^ la palma per I'indagine antropologica e culturale dei popoli esodci, 
un'esigenza di verifica e anche di revisione gi^ si avverte in un viaggiatore 
dell 'ultimo Seicento come Gemelli. Ad esempio, a parte le precise informazioni 
sulla storia, sullamisura e sullo stato delle piramidi, interessanti sono le congetture 
sulla statura degli antichi egizi, a giudicare dalla misura delle munmiie e dalla 
grandezza delle tombe: 

Scorgesi ancora dalla misura di questo sepolcro, che gli uomini d'oggidi sono cosi 
grandi, come erano quelli di tremiranni addietro; e che noi non siamo mica piii 
piccoh che si furono i nostri bisavoh. (1:72) 

Accanto alle piramidi, affascinano Gemelli anche le antichissime tecniche 
d'imbalsamazione e le mmnmie ritrovate nelle grotte sotterranee di Menfi, spesso 
profanate dagli arabi per impossessarsi di una lamina d'oro che gli egiziani erano 
soliti depositare sotto la lingua dei defunti^. 

La presenza di ladroni arabi e turchi rappresenta uno degli ostacoli principali 
per la continuazione del viaggio verso Gerusalemme. Qui anche il pellegrinaggio 
nei luoghi santi, dove il viaggiatore si reca con particolare devozione, non pud essere 
che breve ed angoscioso a causa dei predatori maomettani: 

Per ritornare al mio ragionamento, sono questi paesi santissimi, e degni d'infinita 
venerazione per essere innaffiati col preziosissimo sangue del redentore; ma da 
fuggirli all'incontro a cagion de' Turchi, e degU Arabi, che non lasciano 
maltrattamenti, o ladroneggi da porre in opera contra de' Cristiani: onde fa di 
mestieri, che il discreto peregrine, subito fatte le sue divozioni, soUecitamente 
si parta, per sottrarsi all'insolenze di que' barbari (1:17-18). 

L'insolenza dei turchi rende spiacevole il soggiorno sia a Costantinopoli che 
a Smirne dove Gemelli giunge nel gennaio del 1694. Qui ad aggravare i disagi 
provocati dalla diffidenza dei locali nei confronti dei visitatori stranieri, concorrono 
anche fattori climatici e ambientali come il caldo intoUerabile, I'aria malsana, le 
pestilenzie e i terribili terremoti ^ i quali inducono il viaggiatore a pronosticare 



7. "Si truova ordinariamente sotto la Ungua di questi corpi, una laminetta d'oro, del peso 
di due doppie; e percio gh Arabi guastano tutte le mummie (che poi vendono a' Turchi, 
e questi a' Cristani) benche alle volte non ci truovino niente". (1:78) 

8. "Ogni diJetto e passatempo, che mai si truovi in Smirne, vien contrappesato dall'amarezza, 
che cagiona I'abitazione dell'istessa citta, in cui la maUgnita dell'aria produce febbri 



Coerenza metodologica nel Giro del mondo di Gemelli Careri 249 

"che Smirae, la quale b stata rifatta sei volte, ha da essere finalmente da un 
terremoto rovinata". (1:149-150) 

Cosi come ad ogni nazione visitata, anche alia Turchia Gemelli dedica 
sistematicamente vane pagine sui costumi, sullo stato politico, sulla storia locale 
e sulla religione giungendo a delle conclusioni originali riguardo la questione della 
poligamia^ dei serragli e degli eunuchi della corte ottomana'°. Ma pur riproponen- 
dosi una certa asetticitil descrittiva e sforzandosi di rimanere imparziale nelle sue 
osservazioni perrispettare I'etica del buonviaggiatore, nonnasconde ildisappunto 
provocato da alcune sventure personali. E' imprigionato per equivoco perch6 si 
reca a visitare una necropoli senza autorizzazione (I: 251); t accusato di essere 
unimpostore perchd scambiato perunpoco onesto mercante messinese (1:229-232); 
infine, b perfino incolpato di essere un sadico negromante da un funzionario locale 
al quale offre della cioccolata" (1:153). Dopo queste contrariety, dichiara col 
suo straordinario umorismo, che non lo abbandona anche nei momenti piu tragici 
del viaggio: 

Tutte queste sciagure mi accaddero nella settimana di Passione : e certamente posso 
dire, che mai a' miei di' non ne ho avuta una piu dolorosa, e lagrimevole. (I: 251) 

II viaggio attraverso la Turchia t, dunque, un'esperienza negativa che rende 
Gemelli insoUtamente malinconico'^ e, varcato il fiume che separa I'impero ottomano 



pestilenziali, ne' mesi speziahnente di maggio, giugno e lugUo; e I'intollerabile caldo che 
si sente nella state, rende nojosa la stessa vita. S'aggiunge a cio la frequenza delle pestilenze 
e dei tremuoti: che, se mancano in uno, non lasciano di farsi sentire nel segue nte anno, 
seppellendo gU abitanti e spianando le case". (1:149-150) 

9. "D'altro canto appo' i Turchi, la pohgamia non accresce punto il numero dei fighoh: 
si per lo maledetto, ed abbominevol vizio, che essi hanno della sodomia; come per I'opera, 
che danno le gelose mogh, a far ciascheduna andare a male il parto della compagna, anche 
per via di veleni, e di fattucchiere". (1:257) 

10. "Cominciando dagli Eunuchi, che sono i piu stimati della corte, eglino sono di due spezie: 
neri e bianchi. I neri hanno in guardia il fonte delle delizie ottomane, che sono gU 
appartamenti delle donne; e percio si scelgono i piu difformi, che spaventano solamente 
a vedergU. ... GU Eunuchi bianchi sono semphcemente taghati, e stanno in custodia degli 
appartamenti del Gran Signore. Ma prima di passare innanzi, si e bene sapere, che dell'uno 
e dell'altro genere sono migliaia in Oriente, non essendovi Maomettano, mezzanamente agiato 
de' beni di fortuna, il quale non ne abbia molti in guardia delle sue donne. ... Gh uni, e 
gU altri sono superbi, e severi; meno pero i bianchi, che trattano piii umanamente coloro, 
che sono sotto la lor disciplina, ne sono cossi sospettosi, e diffidenti, come i neri". (1: 184-185) 

11. "Venne la mattina del Giovedi 10 1'Aga di Seyde a vedermi: al quale avendo fatto dare 
della cioccolata, il buon satiro, che mai avea assaggiato simil bevanda ... si lamento di me 
fieramente; dicendo che gli avea dato qualche Ucoro velenoso, per farlo impazzire, e perdere 
I'intendimento: e certo se I'alterazione continuava mi avria dato quel disgusto, che io meritava, 
per aver dato cioccolata a un asino". (1:153) 

12. "Cadde si gran quantita d'acqua il sabato (oltre a quella de' passati giomi) che in Italia 
si sarebbe detta tempesta; cio che mi tenne buona parte del di' confmato in casa, con una 



250 Stefania Buccini 

da quello persiano, confessa con sollievo: 

Non tanto fui daH'altra riva, che mi calai a baciare quel terreno, tanto da me 
sospirato, per vedermi fuori delle turchesche furberie. (I: 134) 

Dopo rinfemo ottomano, il regno persiano si presenta agli occhi del viaggiatore 
come un paradiso terrestre. Con precisione cronologica Gemelli descrive il suo 
itinerario, le tappe e le soste fino a Sultania e alia mitica Ispahan, citt^ cosmopolita 
e vivace '^. Da qui prosegue verso Sciras, che si distingue per la bont^ del vino 
e la leggiadria delle donne, e la vecchia PersepoU dove ha modo di visitare il palazzo 
di Dario. II fascino quasi magnetico di quest'ultimo, degno di essere annoverato 
tra le sette meraviglie del mondo, non pud essere paragonato a quello di altri prodigi 
umani, come, ad esempio, quello delle stesse piramidi egiziane: 

E se non fusse che di presente gli Europei fanno spessi viaggi in Egitto, e 
maravigliose cose narrano di quelle immense piramidi (che in fme altro non sono 
che gran mucchi di pietre, testimonj piii della potenza, e ricchezza, che degl'inge- 
gno degh autori) chi di grazia ne farebbe quel gran concetto, che se ne fa? Or, 
se uguahnente fusse la Persia dagli Europei frequentata, quai lodi non si dariano 
alle reliquie di questo veramente regal palagio, in cui pare, che I'arte abbia fatto 
I'ultime pruove in vincer la natura, colla bellezza degh intagli, e la natura dal suo 
canto in apprestar degna materia a si fatto lavoro? lo per me son di parere, ch'egli 
non solo dovria essere stato annoverato tra le sette maravighe, per cui tante parole 
spesero gh antichi, ma che non vi sia stata, ne sara mai maraviglia al mondo, che 
possa in alcun conto stargh a paragone. (11:262-263) 

Neanche la corte del Gran Mogol o il palazzo imperiale di Pechino saranno 
in grado di suscitare un simile entusiasmo nel viaggiatore, che si professa fervido 
ammiratore dei persiani inquanto "civili, mansueti, piacevoli, onesti, grati, nemici 
della frode, ed amatori de' forestieri" (II: 140). Aggiunge anche che essi "non 
odiano, come i Turchi, il nome e'l vestire de' Cristiani, anzi si mostrano loro 
benigni, ed affabili" (II: 140). 

Dopo una breve sosta nel Golfo Persico che offre spunto al Gemelli per una 
divagazione sulle perle e sulla loro natura (II: 283-284), inizia la burrascosa 
navigazione verso Goa su un vascello guidato da im "tabaccaro piloto", incompetente 
e oppiomane (II, 299-317). 

Con il terzo volume dedicate all'Indostan inizia il racconto del vero e proprio 
viaggio esotico, su percorsi non convenzionali ed ancora ignoti a viaggiatori europei. 
Qui, pur senza cedere a licenze barocche e rimanendo quindi fedele ai suoi principi 



malinconia da morire" (1:152). 

13. "Non solo per la salubrita deH'aria, ma per la comodita del traffico, e cosi popolata 
Ispahan che I'appellano mezzo Mondo; e non senza ragione si per la diversita di lingue, 
che vi si odono, come per I'immensa ricchezza de' suoi Bazar, e botteghe d'ogni genere 
di mercatanzie". (II, 64) 



Coerenza metodologica net Giro del mondo di Gemelli Careri 251 

di imparzialit^, Gemelli non nasconde il suo stupore nei confronti sia di visioni 
meravigliose, come il tempio del Canarin nell'isola di Salzette^'*, che di fenomeni 
prodigiosi come 1' impassibility dei fachiri'^ e I'agilit^ degli acrobati '^ 

L'India, forse anche piu della Cina, rapprsenta per il viaggiatore un'esperienza 
ambivalente, ponendosi come termine di confronto culturale per la diversity degli 
usi e dei costumi e sucitando quesiti sulle nozioni stesse di civilt^, religione e morale. 
Gemelli discute le superstizioni, le pratiche religiose, i rimali funebri vigenti presso 
i popoli indiani e, accamo al costume di omare le pagode con "figure di demonj, 
di serpenti, di scimmie e, di varj mostri, che famio orrore a miragli" (111:172), 
disapprova I'uso di sacrificare le spose ancora vive sul rogo dei mariti e la 
consuetudine di abbandonare i neonati cagionevoli nelle campagne del Bengala: 

La superstizione di tutti i gentili d'India, fa divenirgli micidiali de' loro proprj 
figli; imperocche hanno in costume, quando il fanciuUo non vuol poppare, portarlo 
in campagna; e quivi, sopra un panno (ligato in alto da' quattro capi) lo lasciano 
dalla mattina alia sera, per far loro beccar gli occhi da' corvi; e questa e la ragione 
per cui in Bengala si trovano tanti ciechi. (Ill: 172) 

Dopo aver intrapreso un pericoloso viaggio fino alia corte del Gran Mogol e 
dopo essere stato ammesso ad un' udienza speciale del sovrano per intercessione 
di alcuni missionari, Gemelli ritorna a Goa e da qui si imbarca per la Cina facendo 
scalo alle isole Maldive, a Malacca, nel Siam e a Macao. 

II quarto libro, dedicato alia Cina, rappresenta I'apice deiresperienza esotica 
e si distingue stilisticamente dagli altri per un rallentamento del ritmo cronachistico. 
Piu di una volta, dopo aver insistito sull'inadeguatezza della scrittura ad esprimere 
fenomeni cosi straordinari come quelli veduti nel Catai, Gemelli divide rigorosamente 



14. "La pagoda, o tempio del Canarin, di cui intendo dar veridica relazione, e una delle 
pill grandi meraviglie dell'Asia. . . . Quel che mi reca maggiore slupore, si e ch'ella sia quasi 
incognita agli Europei: giacche per molte diligenze, ch'abbia usate, non ho trovato che alcun 
viandante ultramontano, o Italiano ne abbia scritto: e spezialmente mi pare strano, che un 
uomo virtuoso, come il nostro Pietro Delia Valle, abbia lasciato di vedere, cosi questa pagoda, 
come il Palagio di Dario, coUe anticaglie di CELMONAR, poche leghe discoste dal suo 
cammino; quando egh viaggiava per gusto, e spendeva cosi faciknente le mighaia di scudi, 
per soddisfare la curiosita". (111:31) 

15. "Questi penitenti pero non si arrossiscono di andar nudi da per tutto, come sono usciti 
dal ventre delle loro madri. Le donne vanno a baciar loro, per divozione, quelle parti, che 
non e lecito nominare; ed eglino, prendendole elle con le dita, non sentono alcun movimento 
di sensualita; e senza riguardare girano gU occhi di una maniera spaventevole". (111:23) 

16. "La cosa piu maravigliosa a vedere si era un uomo, che si raggirava sopra una canna, 
sostenuta da un altro sulla cintola: quel, che destava maggiore stupore, era, che colui, che 
sosteneva la canna, andava camminando, senza reggerla con le mani, e I'altro, che v'era 
su, ne anche delle mani per ajuto si serviva: e pure il Bambu, o canna era alta trenta pabni. 
Alia fme, fatti due salti in aria, cadde sopra una trave molto alta, a questo fine piantata: 
non so, se tutto cio far potesse senz'ajuto soprannaturale". (in:27) 



252 Stefania BUCCINI 

"favola" e "storia", difendendo la veridicit^ del suo racconto e delle fonti: 

... delle cose future viviamo incerti, e delle passate appena a noi stessi prestiamo 
fede; cosi delle cose lontane stimiamo presso che tutti bugiardi i racconti; e favola 
cio', che al nostro modo d'intendere, e alia fallace scorta de' nostri sensi poco 
si adatta. Adunque io priego il mio discreto lettore a non voler stare in forse di 
queUo, che in questo volume andero' ricontando, la dove io diro', esseme stato 
testimonio di veduta; e a non voler dare orecchio alle ciance di coloro, i quah 
giudicano, che tutto il Mondo sia rinchiuso entro Io spazio, che gli occhi loro 
riguardano; e diffidano che altri abbia veduto quei paesi, dove essi si sgomentano 
di gire ne anche coH'immaginazione. (IV: 1) 

Sia la Cina che le Anieriche, almeno fino alle soglie deirilluniinismo, rimangono 
in sostanza spazi esotici favolosi, due mondi diversi accomunati dal medesinio destine 
"di far nascere idee romanzesche in ogni tempo" (Burke 11:41-42), la cui valenza 
mitica e proporzionale alia loro distanza dall'Europa. La modernita di Gemelli 
sta, comunque, nel respingere I'equivalenza di "lontano" e "favoloso" nontanto 
per la sua ingenuita, quanto per la sua matrice eurocentrica: 

Di qui nasce, secondo il mio giudizio, che molti stiman favoloso, cio' che vien 
detto dell'ampio, e ricchissimo imperio della Cina; falsamente credendo, che fuori 
d'Europa niente vi abbia di magnifico, di gentile, e d'ingegnoso. (IV: 2) 

I cinesi, cosi come i persiani, sono decisamente piii congeniali al viaggiatore 
di qualunque altro popolo incontrato nel giro del mondo. Da apprezzare non sono 
soltanto la loro cultura, il loro sitema politico e giuridico, ma anche la loro 
disposizione alia filosofia e la loro vivacity d'ingegno: 

Se coloro, i quah inventano megho, e piuprontamente, hanno I'ingegno piu elevato 
degh altri; denno i cinesi essere all'altre nazioni anteposti, perche sono stati i primi 
inventori dello scrivere, della carta, della stampa, della porcellana fma, e d'altre 
varie cose. Se mancano loro molte scienze cio' e nato dal non avere avuto 
comunicazione con altri popoh; ma con tutto cio' sono consumati nella moral 
filosofia, alia quale s'applicano molto; e per la sublimita dell'ingegno, s'intendono 
facilmente i hbri, composti da' missionari, di difficili e sottili quistioni matematiche, 
filosofiche, e teologiche. (IV: 177) 

Infine, il popolo cinese si distingue per la sua indole docile e per la sua 
impareggiabile cortesia: 

Finisco questo capitolo con dire, che una delle maggiori virtii cardinali, che sono 
infinite tra i Cinesi, e la cortesia, e la convenevolezza in ogni azione, che debba 
farsi; e cio' gia non riguardando la dignita, e '1 merito delle persone, che si 
onorano; ma piuttosto per soddisfare a una cotal vaghezza, che tutti hanno di 
mostrarsi la piu costumata, e gentil cosa del mondo. (IV: 257) 

Anche se bisogner^ attendere il secondo Settecento prima che il ben congeguato 
ordimamento politico dei cinesi - come quello scomparso degli Incas - diventi un 



Coerenza metodologica nel Giro del mondo di Gemelli Careri 253 

modello attuale di monarchia illuniinata, va ricordato che gi^ negli ultimi decenni 
del Seicento I'Europa inizia a subire il fascino del Catai. Grazie alia diffusione 
di opere di carattere informativo come China monurnentis illustrata (1667) di 
Athanasius Kircher e all'intensificarsi degli scambi coninierciali, i quali favoriscono 
la diffusione di tutte quelle "chinoiseries" che avrebbero decorato i salotti dell'alta 
societa settecentesca, la cultura cinese desta raniniirazione e la curiosita degli 
intellettuali. Infatti, con le sete, le porcellane e i profunii si diffondono anche i 
resoconti dei missionari e le traduzioni latine e francesi delle massime morali di 
Conflicio che sarebbe diventato uno dei "santi patroni" dell' illuniinisnio (Reichwein 
77). 

Dopo essere stato ricevuto dall'imperatore nel suo favoloso e labirintico 
palazzo'^ e aver visitato anche la grande muragUa, straordinaria impresa che mttavia 
lo sconcerta per la sua funzione difensiva'^ Gemelli lascia la Cina e s'imbarca 
per le isole Filippine, descritte nel quinto libro del Giro del mondo. Da qui il 29 
giugno del 1696 col galeone San Jose salpa per Acapulco dove giunge il 20 gennaio 
del 1697, dopo una difficile e lunghissima traversata sul Pacifico''. 

II sesto volume, interamente dedicato alia Nuova Spagna, rappresenta certamente 
uno dei testi secenteschi piu significativi di "archeologia americana" , in quanto 
contiene informazioni desunte da codici precedenti la conquista spagnola e varie 
illustrazioni di guerrieri aztechi. Insieme alia relazione dell'esploratore Enrico Tonti 
sulla zona dei grandi laghi e al celebre diario del francescano Louis Hennepin che 
nel 1678 aveva risalito con Lasalle il corso del Mississippi, il volume sul Messico 
di Gemelli rimane una delle poche testimonialize dirette sulle Americhe apparse 



17. "Stava I'imperatore in quellavaga loggia, sedutoallatartaresca, sopraunostratoo50j^, 
alto tre piedi, e coperto d'un gran tappeto, ch'occupava tutto il pavimento con la sua 
grandezza. ... La sua statura e ben proporzionata: I'aspetto grazioso; li occhi vivi, e alquanto 
piia grandi degli altri di sua nazione; il naso alquanto aquilino, e rotondo verso la punta: 
ha qualche segno, lasciatogli dalle vajuole; ne percio gli scema punto la grazia del volto". 
(TV: 84-85) 

18. "Questa opera fu una delle piu grandi, ed insieme delle piii forsennate, che fosser giammai 
fatte. La prudenza voleva, che i Cinesi chiudessero i passi di maggior rischio. Ma quel, 
che affatto mi sembro da ridere, fu a vedere il muro, tratto ancor fmo alle cime d'un altissimo 
e straripevol monte; ove appena vi sarebbero appiccati i pichi, non che montar vi potesse 
la cavalleria tartara, per entrar nel paese. E, se pur essi si persuadevano, che coloro 
aggrappandosi per baize, e per dirupi, vi potrebber passare, sciocca doveva esser poi la lor 
credenza a giudicare, che quivi da un si basso muro potrebbe la temerita di coloro essere 
arrestata". (IV: 92-93) 

19. "La piii terrribile e lunga navigazione, che sia al mondo, puo dirsi quella dalle Fihppine 
in America: si per grimmensi mari, che s'hanno ad attraversare, per la meta quasi del globo 
terraqueo, sempre col vento alia prora; come per le incredibili tempeste, che s'incontrano, 
I'una appresso I'altra; e per le infermita mortah, che soprawengono in un viaggio di sette 
in otto mesi, che dee farsi, ora per maggiore, ora per minore altezza di Polo; e per climati, 
ora freddi, ed agghiacciati, ora temperati e caldi: cio che baste rebe ad annientire un ferro, 
non che la complessione di un uomo, che alia fme in mare si nutrisce di cattivi cibi" . (V ; 1 50) 



254 Stefania Buccini 

in Italia nel secolo XVII. 

Nella Nuova Spagna Gemelli studia attentamente le piramidi, la cui affinity 
con quelle egiziane lo induce ad avallare la tesi platonica della trasmigrazione degli 
Egizi da Atlantide (VI: 120) e a credere che anche gli Ulmecchi, autori delle piramidi 
e "fecondi popolatori della Nuova Spagna" , siano "venuti da quell'isola Atlantica, 
di cui favella Platone nel suo Timeo'' (VI: 120). Si tratta di un'ipotesi alquanto 
diffusa nel Settecento che avr^ tra i suoi proseliti anche eruditi illuminati come Gian 
Rinaldo Carli, il quale nelle sue celebri Lettere americane (1780), avvalendosi di 
prove geologiche e linguistiche, giunger^ alia convinzione che i peruviani sono giunti 
nel Nuovo Mondo da Atlantide. La curiosity di Gemelli non si limita, 

tuttavia, alle sole piramidi, ma si estende alia cronologia e ai geroglifici aztechi, 
ai costumi e anche al carattere dei suoi attuali abitatori che descrive puntualmente: 

Naturalmente sono timidissimi gli Indiani. I vizi, che comunemente lore 
attribuiscono gh Spagnuoli, sono primamente di vivere senza onore .... mangiar 
senza nausea, dormire sulla nuda terra, e morire senza timore. Sono grandissimi 
ladroni, truffatori e bugiardi. (VI: 50) 

L'indolenza e I'assenza di autodisciplina sono dunque i tratti distintivi dell'indios 
messicano, e come si avr^ modo di constatare nel secolo successivo, i presupposti 
su cui studiosi di storia naturale, come Buffon e De Pauw, fonderanno la tesi 
dell 'inferiority delle Americhe, il cui processo di maturazione si sarebbe arrestato 
per una serie di motivi climatici e geologici. 

Gli indiani sono, dunque, costituzionalmente pigri e Gemelli ritoma su questo 
punto a proposito della tribu degli Ottomiti: 

Vivono questi meschini (come tutti gli altri della Nuova Spagna) piu tosto da bruti, 
che da uomini, tra orride montagne. Alimentansi la maggior parte dell'anno d'erbe, 
perche non hanno maiz: difetto che nasce si dal poco terreno, che coltivano, come 
per essere inchinati nell'ozio. Mi vennero le lagrime su gli occhi, vedendogli in 
tale miseria , che non avevano come coprire le parti vergognose , cosi maschi , come 
femmine. (VI: 116) 

Accanto alle popolazioni e alia cultura della Nuova Spagna, Gemelli riflette 
attentamente sulla geografia fisica e sulle risorse naturali del paese, soffermandosi 
sulle piante esotiche, come la vaniglia e il cacao, e sulle miniere d'argento "°. 

La vivacity di osservazione e la fiducia nel progresso costituiscono il Leit-motiv 



20. Gemelli ricorda con angoscia di essere restato per circa due ore in una voragine profonda 
per visitare una miniera d'argento: "Adunque, dopo esser istato circa due ore, ritomai su, 
con grandissimo timore, per I'infame cammino; e giunsi alia luce del giomo molto stanco. 
Parvemi in quel punto medesimo di rinascere al mondo; e in verita confesso che giammai 
a' miei di' non intrapresi azione piii temeraria, per non dir pazza; ne per cinque anni di 
viaggio fra barbare nazioni aver conosciuto simil timore". (VI:68-79) 



Coerenza metodologica nel Giro del mondo di Gemelli Careri 255 

del Giro del mondo che per una certa coerenza metodologica h gi^ un racconto di 
viaggio settecentesco (Guglielminetti 55). L'autorehapienacoscienza dellostatuto 
autonomo e della dignity didattica della letteratura di viaggio che consente "di 
acquistare onorato luogo nella Repubblica Letteraria, pubblicando poscia, a comun 
beneficio, le cose vedute, ed osservate" (VI:287). Merito, tuttavia, di pochi eletti, 
in quanto animati da una "natural vaghezza di gir per lo mondo . . . moltissimi al 
mondo viaggiano, per6 apochi riesce di farlo bene, e a pochissimi di sapeme render 
conto, e d'istruire il pubblico" (VI:287). La finalita pedagogica dei racconti di 
Gemelli si risolve, infine, in una serie di comandamenti indispensabili al viaggiatore 
modello, come: scrivere le proprie osservazioni ogni sera inun "giornale" e aveme 
due copie, qualora "andandone Tuna a male, colla valige, I'altra possa serbarsi 
inmano sicura di qualche amico" (VI:292); "avere qualche mezzana notizia delle 
cose amedicina appartenenti, e spezialmente alia chirurgia" (VI:287); conoscere 
molte lingue (VI: 289) e "contrarre amista con qualche letterato di vaglia, se ce n'ha 
nel paese, o co' vecchi piu intelligenti" (VI:289); saper disegnare "per servirsene 
quando si truova alcuna bella statua, edificio, anticaglia" (VI:292). Inoltre, scopo 
del viaggiatore rispettabile h quello di non "correr le poste da per tutto" VI:288) 
come i corrieri, di non attaccarsi alle "bagattelle" o a particolari di scarso rilevo 
e di "essere universale, se non per compiacere a se medesimo, per profitto degli 
altri, e della posterita (VI: 290). Tuttavia, il primo comandamento e rispettare la 
verita e saperla raccontare: 

E questo anche bisogna saperlo fare acconciamente: molte relazioni trovandosi, 
nelle quali non manca la verita, ma il modo di farla intendere, e di saperla bene 
esplicare. (VI: 29) 

II merito del Giro del mondo, ovvero la descrizione fedele dei paesi visitati, 
e sottolineato dal prefatore Giosef Antonio Guerrieri che distinguendo nettamente 
i viaggi reali da quelli inmiaginari, loda Gemelli per I'attendibilita della sua 
esperienza e biasima coloro che "viaggiano" sulle carte geografiche: 

Sa egli bene, che alcuni, non usciti dal proprio nido, solo per aver osservate poche 
carte geografiche, o letta qualche relazione, stimano di avere acquistato un perfetto 
conoscimento de' paesi stranieri; per lo che di leggieri addiviene, che gli altri 
rapporti, che non conformansi alio studio, che ne han fatto, chiamansi da costoro 
"sogni d'infermi, e fole di romanzi": come se il tratto d'immaginarie linee possa 
in pochi fogli esprimere al vivo, e gl'intrichi de' viaggi, e la stravaganza de' climi 
e le maravigUe della natura, dell'arte che tratto tratto nuovi arcani ci discuopre; 
pure come se unicamente da' libri, che han veduti, le verie cognizioni raccolgansi, 
ed ogni altro avviso non sia, che mero ritrovamento di chi scrive. (1:2-3) 

La rigorosa distinzione tra il resoconto di viaggio e il viaggio inmiaginario attesta 
il costituirsi di un genere che prende le dovute distanze dal racconto fantastico. Si 
tratta di una questione discussa dagli eruditi del primo Settecento, e in particolare 
da Muratori che esortera i viaggiatori ad una maggiore disciplina, notando come 



256 Stefania Buccdmi 

nei loro racconti possa "penetrare il genio romanzesco, che col finto maraviglioso 
adesca e diletta chi si pasce della superficie delle cose, e all'ombra del vero" 
(Muratori iii). 

P^ir non partecipando in pieno, come la letteratura di viaggio inglese e firancese, 
a quel turbamento esistenziale sorto tra i due secoli che Paul Hazard ha battezzato 
la "crise de la conscience europ6enne" (Hazard 46-47 ), il Giro del mondo offre 
il suo contributo alia storia culturale del tardo Seicento come documento di un 
processo di transizione dalla Weltanschauung barocca a quella razionalistica ed 
erudita del primo Settecento. Purtroppo, dopo il suo successo settecentesco, b restato 
e resta tuttora imraerso in un oblio da cui ci si augura possa finalmente uscire con 
una prossima edizione. 

University of Wisconsin at Madison 

Opere citate 

Burke, W. ed E., Storia degli stabilimenti europei in America, Venezia, Novelli, 1763. 
Carletti, P., Ragionamenti del mio viaggio intomo al mondo, Torino, Einaudi, 1989. 
Carli, G., Delle lettere americane, Firenze, Cosmopoli, 1980. 
Gemelli Careri, P.O., Giro del mondo, Venezia, Giovanni Malachini, 1719. 
Guglielminetti, M., "Introduzione" a Viaggiatori del Seicento, Torino, Utet, 1969. 
Hazard P., La crisi della coscienza europea (1680-1715), Milano, II Saggiatore, 1983. 
Hennepin, L. , Descrizione della Luigiana. Paese nuovamente scoperto neW America settentrio- 

nale, Bologna, Giacomo Monti, 1686. 
Kircher, A., China, monumentis, qua sacris, qua profanis, nee non variis naturae et artis 

spectaculis, aliarumque re rum memorabilium argumentis illustrata, Amsterdam, Jacobum 

a Meurs, 1667. 
Muratori, L. A., // cristianesimo felice nelle Missioni de' Padri della Compagnia di Gesit 

nel Paraguai, Venezia, Pasquali, 1743. 
Parini, G., Opere, a cura di E. Bonora, Milano, Editoriale Vita, 1967. 
Reichwein, A., China and Europe. Intellectual and Artistic Contact in the Eighteenth Century. 

New York, Alfred A. Knopf, 1925. 
Tonti, H., Demieres decouvertes dans I'Amerique septentrionale de M. de La Sale, Paris, 

Jean Guignard, 1656. 



Antonio Franceschetti 



Francesco Algarotti viaggiatore e letterato 



In uno studio pubblicato van anni or sono ho avuto I'occasione di soffermanni su 
alcuni aspetti dei rapporti che intercorrono fra il "Giornale del viaggio da Londra 
a Petersbourg" , un manoscritto di Francesco Algarotti che si trova alia British 
Library di Londra, e i successivi Viaggi di Russia che apparvero per la prima volta 
a stampa molti anni piu tardi, nel 1760, con il titolo Saggio di lettere sopra la Russia 
e la falsa indicazione di Parigi, Briasson (Franceschetti, "L' Algarotti").' Questa 
prima edizione comprende le otto lettere indirizzate a Lord John Hervey di Ickworth 
e una al marchese Scipione Maffei; nel 1763 apparve una seconda edizione rivista 
e ampliata dall'aggiunta delle ultime tre lettere al Maffei, con lo stesso titolo e con 
le stesse false indicazioni di citt^ e di stampatore.^ In questa sede vorrei riprendere 
I'esame di quei rapporti, sia per aggiungere particolari nuovi che sono emersi in 
ricerche successive, sia per precisare alcuni punti che allora non sono stato in grado 
di completare. 

Rileggiamo innanzi tutto una delle pagine che Giammaria Mazzuchelli ha 
dedicato all'Algarotti nei suoi Scrittori d'ltalia, una pagina riguardante direttamente 
il viaggio in Russia che b aH'origine dei lavori di cui ci stiamo occupando: 

Da Parigi ripasso a Londra, ove poche settimane dopo il suo arrivo invitato venne 
dal Lord Baltimore, che al presente e uno de' Signori dell'Ammiralita, di far seco 
per mare in un suo picciolo Vascello il viaggio di Petersbourg. Egli ne accetto 
con piacere I'invito, e tre giomi di poi fece vela vago di vedere cogli occhi propri 
quel rinomato paese. Dopo le tempeste piii lunghe e piu pericolose giunse a 
Petersbourg in tempo che faceva i maggiori sforzi, ed era nella maggior sua 
comparsa la magnificenza di quella Corte, cioe a dire mentre si celebravano le 
nozze della Principessa di Meklembourg col Principe di Brunsvik. Ebbe agio allora 
di conoscere il celebre Conte di Osterman, ed altri illustri Soggetti di que' Paesi. 
L'Accademia fu da lui particolarmente visitata, ed il Sig. dell'Isle tanto celebre 



1. Interessanti considerazioni sui rapporti fra i due testi si leggono ora in Arato 92-99; 
soprattutto sui Viaggi si veda il puntuale saggio di Spaggiari ("Un illuminista", rielaborato 
mL'Armonico Tremore 89-103 e, piii ampiamente, come "Introduzione" alia sua edizione 
dei Viaggi, vii-xxx). In generale sui problemi della letteratura di viaggio itaUana e sui suoi 
aspetti complessivi si vedano le importanti osservazioni di Guagnini. 

2. La falsita di queste indicazioni, gia segnalata dal Parenti (162), e ora ampiamente 
documentata dallo Spaggiari (cfr. la sua edizione dei Viaggi 1-lii); in realta i volumetti furono 
stampati a Venezia da Giambattista Novelli. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



258 Antonio Franceschetti 

per le scoperte Geografiche che si sono fatte e si vanno tuttavia facendo in quel 
vasto Imperio. Passate alcune settimane in Petersbourg, riprese col Lord Baltimore 
la via di Mare e venne a Danzica, donde si trasferi a Dresda, e veduta quella Corte, 
passo a Berlino, e di la ebbe I'onore di fare per lo spazio di otto giorni la Corte 
al Principe Reale ora Re di Prussia nella sua residenza di Reinsberg, il quale si 
come quegli a cui non era ignoto il suo nome gli fece onorevole accoglienza e 
lo voile seco in frequenti coUoqui, i quali sulle belle Lettere, sulla Filosofia, sul 
carattere, e sulla coltura delle varie Nazioni quotidianamente versavano. 

Di la passo in Amburgo dove nuovamente imbarcatosi ritomo in Londra. Ivi 
riprese i suoi studi e si pose di nuovo a correggere e a pulire i suoi Dialoghi, e 
incomincio un'altra Opera di genere Istorico, cui apprendiamo esser ora a buon 
tennine condotta. II Lord Hervey era il Signore, con cui viveva piii famigliarmente, 
trovando in questo tutte quelle piii chiare doti che si possono desiderare in un Uomo 
di Stato, ed in un Letterato. (482) ^ 

Inesatto e certo il particolare che la partenza avrebbe avuto luogo "tre giorni" dopo 
I'invito di Lord Baltimore ad accompagnarlo in quel viaggio, se dobbiarao prestar 
fede alia data di una lettera della Marchesa di Chatelet, la quale il 17 marzo 1739 
si complimentava con lui in previsione del "beau voyage" che egli stava per 
intraprendere;^ T Algarotti nel titolo del "Giornale" scrive di aver lasciato Londra 
il 20 maggio (e lo ripete nella prima pagina), e quindi un tempo assai piu lungo 
trascorse fra la data dell' invito e quella della partenza stessa. Quasi tutti gli altri 
particolari invece riflettono puntualmente notizie presenti nel manoscritto, spesso 
scomparse nella stesura definitiva dell 'opera a stampa: indizio evidente che tali 
informazioni al Mazzuchelli nonpotevano pervenire che dallo stesso Algarotti, se 
si tien conto anche del fatto che quel volume degli Scrittori d 'Italia fu pubblicato 
nel 1753, con notizie riguardanti il Nostro aggiornate almeno fino al 1749, vale 
a dire, a vari anni prima che i Viaggi di Russia vedessero la luce. 

Attira I'attenzione del lettore la notizia riguardante "I'Opera di genere storico... 
a buon termine condotta", che non sembra, nei termini di cui se ne parla, 
corrispondere a nessuna delle opere pubblicate dalF Algarotti. Sulla stessa il 
Mazzuchelli ritoma piu avanti nelle pagine dedicate alle opere composte dallo 
scrittore veneziano: 

nel suo soggiomo in Berlino, in Torino, e in Dresda, o piuttosto ne' suoi frequenti 
viaggi, egli ha condotto a fine varie Operette si in prosa, che in versi, cercando 
in tutte una certa novita, ed una scelta di non comuni notizie, che inviti il Lettore 
e lo trattenga con piacere [...]. Ma la principale Opera sua, intorno a cui tuttavia 
lavora, e Storica, pel compimento della quale, non poco gh e giovato I'avere avuta 
la sorte di vedere da vicino i grandi avvenimenti, che hanno agitata ultimamente 
I'Europa. (486) 



3. Lettera da Cirey (Algarotti, Opere 16.51). 



Francesco Algarotti viaggiatore e letterato 259 

Nessuna fra le opere note dell 'Algarotti, e niente fra i manoscritti incompiuti che 
di lui ci sono rimasti (almeno fra quelli di cui io sono riuscito a venire a conoscenza 
e a consul tare), sembra giustificare e spiegare quest 'ultima affermazione del 
Mazzuchelli; non ci rimane niente del Nostro che possa essere classificato come 
"Opera storica" per la quale la sua esperienza diretta e personale degli avvenimenti 
europei nel corso della sua vita gli avrebbe "non poco |...] giovato". Potremmo 
anzi forse aggiungere che tutto quello che ci rimane in campo di storiografia, e 
anche negli altri campi, messo su carta dall' Algarotti non sembra affatto confermare 
una simile prospettiva: autore brillante, e assai felice, di saggi, di lettere, di opere 
spesso relativamente brevi e non troppo impegnative (si accetti naturalmente questa 
limitazione nel significato giusto di prospettiva ideologica consapevolmente cercata 
e voluta, non in quello negative di sostanziale incapacita e immaturity o, ancor 
peggio, di costituzionale inability), non si vede bene a quale progetto e a quale opera 
le ftasi del Mazzuchelli dovrebbero alludere. L'allusione ai "grandi avvenimenti, 
che hanno agitata ultimamente I'Europa", puo riferirsi ai fatti della Guerra di 
Successione Austriaca che sconvolse I'Europa fra il '40 e il '48 e nella quale 
Federico 11 di Prussia e Augusto III di Polonia, con cui 1' Algarotti mantenne regolari 
contatti in quegli anni, ebbero parte assai di rilievo; ma fra i suoi scritti non c'e 
niente che lasci intravvedere I'intenzione di stendere una storia di tale guerra. 

Tuttavia bisogna riconoscere che la cultura settecentesca dei tempi in cui operava 
il Nostro non ignorava e non trascurava lavori di questo tipo; 1' Algarotti si trova 
in un certo senso circondato da scrittori (come un Muratori, un Maffei, un Voltaire, 
del quale la prima parte dtWHistoire de V empire de Russie sous Pierre le Grand 
vede la luce nel 1760, lo stesso anno in cui appare il Saggio di lettere sopra la 
Russia) che ad opere storiche assai impegnate dedicavano molto del loro tempo 
e della loro attivit^, e verisimilmente anche lui, prima o poi nel corso della sua 
vita, ha potuto pensare a qualcosa di questo tipo. Puo quindi senza dubbio aver 
fatto balenare al Mazzuchelli I'idea (per iscritto? in un coUoquio a voce?) che 
progettava o aveva in mente un'opera del genere; o pud anche essere che il 
Mazzuchelli stesso abbia deciso di attribuirgli un lavoro di queste proporzioni, per 
non far in qualche modo sfigurare un amico e uno scrittore in cui mostrava di 
credere. II risultato comunque non cambia: I'Algarotti non ci ha lasciato nulla di 
questo tipo; se lo ha lasciato, altre ricerche piu accurate di quante non ne siano 
state fatte finora saranno necessarie per identificarlo; se non lo ha lasciato, o se 
h andato distrutto, rimarr^ un problema che per i posted h assai difficile ricostruire. 

Ma per ritornare ai Viaggi di Russia, e il caso di riesaminarne alcuni aspetti 
che possono, in qualche modo, dirci qualcosa di quelle che forse erano le ambizioni 
del suo autore (oanche solodel Mazzuchelli). Si trattadi un'opera in cui I'Algarotti 
si presenta come diffusore presso il pubblico italiano di notizie e di informazioni 
che gi^ circolavano in altre lingue e in altri paesi d'Europa; i confini del mondo 
si allargavano non poco, e la curiosity di sapere di piu sugli altri popoli t una 
caratteristica fondamentale dei viaggiatori del Settecento, che spesso fanno i loro 
viaggi non solo per accrescere le loro esperienze personali, ma anche per 
comunicarle ai connazionali che quei viaggi non potevano, o non volevano. 



260 Antonio Franceschetti 

affrontare. In campo italiano si pensi ad esempio a Francesco Locatelli, le cui Lettres 
moscovites appaiono a Parigi nel 1736/ tre anni prima della data del viaggio 
dell'Algarotti, e che contengono tante informazioni simili a quelle che leggiamo 
nel "Giornale" e/o nei Viaggi del Nostro, suirimperatrice Anna Ivanovna, 
sull'Accademia delle Scienze fondata da Pietro il Grande, sul predominio delle 
personality straniere che controllano la politica dello stato, sulle finanze assai scarse 
dell'impero, sul numero insufficiente dei soldati dell'esercito, sulla loro impreparazio- 
ne e sulla loro mancanza di disciplina.^ Non escluderei quindi che il progetto 
accarezzato dall'Algarotti nel corso dei vent'anni che intercorsero fra la data del 
viaggio e la pubblicazione dell 'opera a stampa fosse proprio quello di fomire 
qualcosa di assai piu ampio ed ambizioso, cui in ultima analisi egli fini poi per 
rinunciare. 

Tracce di un simile progetto sono riconoscibili effettivamente in alcune delle 
lettere sulla Russia. Nell'articolo che ho ricordato aH'inizio avevo avuto modo di 
indicare per esempio che tutte le notizie riguardanti il commercio inglese con la 
Persia, attraverso la Russia e il Mar Caspio, risalivano in realty non ad informazioni 
orali avute dall'Algarotti nel corso del suo viaggio, ma a quattro grossi tomi 
pubblicati a Londra nel 1753 da Jonas Hanway, che pass6 dawero qualche tempo 
a Berlino nell'agosto del 1750, ma verisimilmente senza mai incontrare di persona 
il Veneziano e, soprattutto, senza dargli a voce i particolari che 1' Algarotti desunse 
dalla sua opera e non da coUoqui avuti con lui, come egli cerca di far credere verso 
la fine della nona lettera (163)/ Una situazione analoga awiene per quanto riguarda 
il resoconto sulla guerra fra la Russia e la Turchia iniziata nel 1736 e conclusa nel 
1739 con la pace di Belgrado, la cui descrizione appare nella settima lettera e nella 
prima parte dell'ottava. 

L'autore fa risalire le informazioni e le notizie che egli comunica a conversazioni 
cui egli sarebbe stato partecipe a Danzica nel salotto della "Palatina di Mazovia" 
(128); ma la mancanza assoluta di qualsiasi particolare del genere nel testo del 
"Giornale" nonpu6 non insospettire il lettore circa la vera origine di quelle pagine, 
dove i dati e i particolari sono troppi per poter essere basati solo sulla memoria 
di chi li ha ascoltati. Naturalmente i testi pubblicati nel corso del Settecento 
riguardanti specificamente quella guerra sono molti, e non b possibile dire con 
sicurezza quali siano stati noti all' Algarotti e di quali si sia servito per stendere 
le sue pagine. Fra quelli usciti prima del 1760, un lavoro abbastanza interessante, 



4. Nello stesso anno si ha un'altra edizione a Konisberg e, in traduzione inglese, a Londra. 

5. Per altre opere sulla Russia dei tempi deU'Algarotti, oltre a quelle segnalate in 
Franceschetti, "L'Algarotti," 323-24, si veda r"Introduzione" dello Spaggiari alia sua 
edizione dei Viaggi (in particolare xx-xxi). 

6. Per il testo dei Viaggi i rimandi e le citazioni si rifanno all'edizione dello Spaggiari. 
Ha mostrato successivamente il Goggi come molte informazioni, insieme a diverse altre, 
che I'Algarotti aveva ripreso dall'opera dello Hanway sono poi passate dai suoi Viaggi 
a]!' Histoire des deux Indes di G. T. Raynal. 



Francesco Algarotti viaggiatore e letter ato 2#t 

di un'ottantina di pagine, b ad esempio la Recherche des causes de la presente guerre 
entre Sa Majeste I'imperatrice de la Grande-Russie et la Porte ottomane, pubblicato 
anonimo all' Aja presso Jean van Duren nel 1737, che presenta varie idee analoghe 
a quelle prospettate dall' Algarotti sulle cause del conflitto, risalendo fino ai tempi 
di Pietro il Grande; ma fra i due testi non h possibile stabilire dei rapporti diretti. 
Rapporti che invece b assai facile rintracciare fra le pagine dei Viaggi e due 
opere messe a stampa vari anni dopo non solo la princeps del '60, ma anche la 
morte del Nostro nel '64. Si osservi ad esempio come inizia il racconto delle ostilit^ 
nella settima lettera: 

Nel trentacinque si raduno in Ucraina un esercito, e fu ordinato al generale 
Leonteff , che con ventimila uomini di regolata milizia e otto mila Cosacchi penetrar 
dovesse nella Crimea, e mettervi ogni cosa a fianama. Ma partitosi troppo tardi, 
non giunse che a Cammervisaton nel Boristene, dopo battute alcune orde o 
compagnie di Tartari, che scontro nel deserto. (104) 

Si confronti questo brano con quanto si legge nelle prime pagine ddV Histoire de 
la guerre des Russes et des imperiaux contre les Turcs di Louis de K6ralio, 
pubblicata per la prima volta nel 1780: in seguito alia morte di un generale e alia 
malattia di un altro 

le commandement passa au general Leontiev. Celui-ci eut ordre d'entrer dans les 
deserts des Tartares Nogais, de detruu"e cette nation, de penetrer jusques en Crimee, 
& de s'emparer de ce pays, tandis que le Kan marchoit vers la Perse. Leontiev 
entra dans ces deserts au commencement d'Octobre 1735, a la tete de vingt mille 
hommes, la plupart dragons, & de huit mille Cosaques. Ces troupes, ayent rencontre 
des hordes tartares, s 'emparerent de leurs bestiaux, & tuerent environ quatre mille 
hommes. (1.11) 

II freddo costringe quindi ad arrestare I'avanzata a "Kamm6noisaton" (1.12). La 
coincidenza del nome del comandante russo, dei ventimila soldati e degli ottomila 
Cosacchi a sua disposizione, dei suoi primi successi contro i Tartari e della citt^ 
dove r esercito fu costretto a fermarsi per via della stagione troppo fredda non 
possono essere solo casuali: i due brani hanno chiaramente una parentela fra loro, 
o una fonte comune. E quella fonte, non nominata dall' Algarotti, t invece indicata 
esplicitamente in una nota delle pagine introduttive del primo volume dell' opera 
del Keralio: "les principaux details [...] des mouvemens de I'armde russe ont 6t6 
tir6s des memoires du general Manstein" (l.v). 

Cristoph Hermann von Manstein, come sappiamo dalle notizie biografiche che 
precedono il testo pubblicato delle sue memorie, era nato I'l settembre 1711 a 
Pietroburgo, dove suo padre era al servizio di Pietro il Grande. Andato da giovane 
a Berlino a servire fra i cadetti del Re di Prussia, nel 1736 era tomato in Russia 
a militare per I'imperatrice Anna Ivanovna; sotto il comando del generale Miiimich, 
come capitano dei granatieri del reggimento di Pietroburgo, aveva partecipato alia 
guerra russo-turca che descrive nelle sue memorie. Alia morte di Anna nel '40 fu 
al servizio della nipote, la Principessa di Mecklemburg (quella stessa inoccasione 



262 Antonio Franceschetti 

del cui matrimonio nel '39 1' Algarotti aveva fatto il suo viaggio in Russia), reggente 
per il piccolo Ivan VI, e ottenne il grado di colonnello. Dopo aver compiuto vari 
atti eroici nella guerra contro la Svezia iniziata nel '41, gli fu fatale Tavvento 
deirimperatrice Elisabetta Petrovna che elimind dal suo govemo la maggior parte 
degli uomini politici stranieri, tedeschi in particolare, preferendo affidarsi a 
personality russe. Con la caduta di Munnich anche Manstein fini col perdere tutto 
quello che era riuscito ad assicurarsi; temendo non ingiustamente per la sua vita 
stessa, nel '44 si rifugio in Germania, dove I'anno successivo pass6 al servizio di 
Federico II, combattendo come volontario nella campagna di quell 'anno per la 
conquista della Slesia. Fu fatto generale nel '54 e cadde in una battaglia di minore 
importanza nel '57. Aveva scritto le sue memorie in data incerta fra il '48 e il '54; 
esse rimasero manoscritte per vari anni, fino alle stampe in traduzione inglese a 
Londra del 1770 (presso Becket and Houdt e presso Cass), in traduzione tedesca 
a Lipsia nel 177 1 (presso Weidemianns, Erben und Reich) e nell'originale francese 
a Parigi nel 1771 (presso Huniblot) e a Lione nel 1772 (curata da M. Huber, che 
stese anche il profilo biografico dell'autore). 

L' Algarotti non vide naturahnente nessuna di queste edizioni, ma non gU dovette 
essere ignoto il raanoscritto che era nelle mani di Federico II, il quale proprio nel 
1759 pensava a farlo pubblicare, forse per screditare in qualche modo la figura 
deirimperatrice Elisabetta, con cui stava allora combattendo nella Guerra dei Sette 
Anni e nei cui confronti il Manstein non si mostrava certo molto favorevole. Quello 
stesso manoscritto (che ora si trova alia Biblioteca Nazionale di Parigi, ms. francese 
12150, Supplement frangais 1885.1) non era ignoto neanche a Voltaire, che ne parla 
in una lettera del 3 marzo 1759 a Jean Henry Samuel Formey, Presidente 
deH'Accademia delle Scienze di Berlino, precisando che il Manstein "me monstra 
ses m^moires de Russie, que je corrigeai a Potsdam" (155). E' in quest'opera che 
leggiamo la pagina che t servita di fonte comune indipendentemente sia all 'Algarotti 
che al Keralio: anche qui nel 1735, in seguito alia morte di un generale e alia 
malattia di un altro, 

le lieutenant-general Leontew^ fut mis a la tele des troupes. Pendent ces allees 
et venues de Petersbourg on avail perdu pres de six semaines de temps, et ce 
general ne put se mettre en marche qu'au commencement d'octobre. Ses instructions 
portaient en substance, que la Cour, voulant tirer vengeance des invasions des 
Tartares, avail choisi, pour tomber sur la Crimee le temps, ou le chan en etait 
absent avec ses meilleurs troupes pour faire une invasion dans le Dagestan, province 
appartenant a la Perse; qu'elle enjoignait a son general d'y marcher avec toute 
la diligence possible, de mettre tout ce pays a feu et a sang, de delivrer les sujets 
russes, et de detruire entierement les Tartares naga'is, qui habitent les deserts ou 



7. A conferma indiretta che un rapporto esiste veramente fra le opere di Manstein, di 
Algarotti e di Keraho potremmo osservare che il nome di questo generale, che compare 
con varia grafia presso questi tre scrittori, non si legge invece, riguardo ai fatti raccontati, 
in altri testi che scrivono della guerra russo-turca, come quello del Laugier. 



Francesco Algarotti viaggiatore e letterato "Mk 

les steppes entre 1' Ukraine et la Crimee, et qui demeurent dans des huttes qu'ils 
transpoitent d'un endroit a I'autre. 

M. de Leontew avait pour cette expedition 20.000 hommes de troupes regies, 
dont la plupart etaient des dragons, et 8000 cosaques. II entra avec cette armee 
dans les steppes, au commencement d'octobre. Le debut de cette entreprise fut 
assez heureux; les partis de troupes legeres trouverent plusieurs hordes de ces 
Tartares nagais, dont ils massacrerent plus de 4000, n'en epargnant que fort peu. 
On leur enleva una grande quantite de bestiaux, surtout plusieurs milliers de 
moutons. 

Ces avantages couterent bien cher aux Russes. On avait entrepris cette expedition 
dans une saison trop avancee. (1.142-43) 

Anche per Manstein dunque la spedizione dovette interrompersi a "Camenoi-Saton" 
(1.144). 

Al di 1^ del gran nuraero di informazioni che si corrispondono perfettamente, 
risulta evidente I'abilit^ del Veneziano di sneilire la narrazione, lasciando stare tutta 
uiia serie di particolari non indispensabili per la chiarezza di quanto egli viene 
esponendo, soprattutto quando quel genere di dati avrebbero significato poco o nulla 
per il pubblico italiano. Lo stesso si pud ripetere a proposito di molte altre pagine 
in cui la presenza delle memorie del Manstein si fa sentire in maniera altrettanto 
evidente. Cosi ad esempio 1' Algarotti inizia il suo racconto: 

La ragion prima, o vogliam dire il pretesto della guerra, fu di gastigare i Tartari, 
che da molto tempo non cessavano d'infestare le frontiere meridionali dell'Imperio. 
(101) 

E poco piu avanti: 

Dopo molte doghanze e scritture inutih [con la corte di Costantinopoli] ebbe la 
Russia ricorso aUa ragione ultima posta da Dio in mano de' Principi. E per gastigare 
quel ladroni colse il tempo ch'erano in sul finire i torbidi della Pollonia, a cui 
essa avea gia dato il re, e che i Turchi erano tuttavia in Asia impediti da Koulicano. 
(103-4) 

Ed ecco quanto si legge nelle memorie del Manstein: 

Apres que les troubles de Pologne furent appaises, la Russie se crut obligee, 
d'entraprendre une nouvelle guerre contre la Porte. Les incursions que les Tartares 
avaient faites en differentes fois dans les provinces russes, servirent de pretexte 
a cette rupture; car la Cour de Petersbourg, ayant fait des plaintes a celle de 
Constantinople, n'eut pas de reponse satisfaisante [. . .] mais tout etant pacific dans 
le reste de I'Europe, elle [I'imperatrice Anna Ivanovna] crut le temps favorable 
de se venger des Ottomans, d'autant plus qu'ils etaient engages alors dans une 
guerre desavantageuse pour eux avec la Perse. (1.139-41) 

Analoghe sono infine le conclusioni che i due scrittori ricavano a proposito della 
fine della guerra con la pace di Belgrado per quanto riguarda la Russia: per il 



264 Antonio Franceschetti 

Manstein quest'ultima "commenga une guerre, qui lui couta des sommes immenses, 
et une infinitd de monde, sans qu'elle en tirat aucun vantage r^el" (139); per 
I'Algarotti tale guerra, 

se fu di gloria ai Russi, ne debilito rimperio smungendolo di denaro, d'uoimni, 
di marinaj, disertandone le piu belle Provincie, lasciandolo esposto alle medesime 
ingiurie di prima, e rendendolo meno atto a salire a quel segno di grandezza che 
era il fine ultimo della guerra. (134-35) 

Gli esempi potrebbero continuare, ma credo che quanto ho indicato sia 
sufficiente a confermare come I'Algarotti, piu che rifarsi a quanto lui aveva visto 
e sentito realmente nel corso del suo viaggio, abbia preferito nella stampa ricorrere 
a informazioni di altro genere, che ai suoi lettori italiani potevano risultare senza 
dubbio nuove e interessanti. Forse proprio nel contenuto della settima, dell'ottava 
e della nona lettera t da riconoscersi quanto ci rimane del piu ampio progetto 
vagheggiato dall'Algarotti di una storiache comprendesse i "grandi avvenimenti" 
dell'Europa dei suoi tempi. AI momento di pensare alia stampa, potrenuno dire 
che il letterato ha avuto la meglio sul viaggiatore e non ha esitato a sacrificare il 
ruolo e I'esperienza del secondo a vantaggio degli interessi e delle preoccupazioni 
del primo. Perche I'Algarotti b stato senza dubbio uno dei viaggiatori italiani che 
ha visto e vissuto tante delle vicende dell'Europa nel corso del suo secolo; ed t 
stato anche uno dei viaggiatori piu vivaci e attivi del suo tempo. 11 manoscritto della 
British Library - per quanto poco in ultima analisi egli ne abbia poi trasferito 
nell'opera a stampa - confemia nel suo stesso aspetto che I'autore intendeva 
utilizzarlo per ricavame un lavoro da pubblicare prima o poi in qualche modo. 

Ma se il testo dei Viaggi documenta dunque 1 'ability dell'Algarotti di 
semplificare, di abbreviare, di sintetizzare opere assai piuampie e diffuse, non per 
questo dobbiamo pensare che il suo lavoro di revisore si sia sempre svolto in tale 
direzione. Nonmancano pagine nel "Giomale" che, messe a confronto con quelle 
corrispondenti dei Viaggi, dimostrano il contrario: a volte il Nostro tende ad 
ampliare, ad allargare, a rielaborare qualcosa che aveva, originariamente, aspetto 
assai piu breve; e sempre lavorando con lo stesso atteggiamento, vale a dire quello 
del letterato piuttosto che quello del viaggiatore. Delle pagine che apparivano in 
maniera schematica nel "Giornale" diventano invece molto piu lunghe e complesse 
nei Viaggi; delle pagine che dimostrano il suo impegno in direzione fondamental- 
mente letteraria, dove I'esperienza vissuta autobiograficamente conta assai poco, 
e dove conta invece assai di piu il compito del letterato che lascia perdere le sue 
impressioni e le sue reazioni di testimone diretto per sviluppare ed estendere il testo 
con un altro orientamento. Osserva puntualmente a questo proposito lo Spaggiari 
che "I'approdo finale della riscrittura sacrificava, in sostanza, gran parte dell'origina- 
ria impostazione diaristica, con risvolti autobiografici e di cronaca, in favore di 
una prosa di tipo nettamente saggistico" (xii). 

Tuttavia t il caso di osservare da un lato che tali "risvolti autobiografici" non 
sono del tutto assenti nei Viaggi; essi compaiono anzi con una certa frequenza, ma 
sono spesso inventati ex novo e non corrispondono a quelli che si leggevano nel 



Francesco Algarotti viaggiatore e letterato 265 

"Giornale" . Su questa linea 1' Algarotti Simula molto bene la sua pretesa epistolare, 
immaginando di apostrofare Lord Hervey e Scipione Maffei assai di frequente nelle 
pagine delle lettere. DaU'altro lato il resoconto del viaggio nonaveva findaU'imzio 
un aspetto autobiografico e cronachistico, e presentava delle sezioni nelle quali 
I'aspetto saggistico era predominante; si pensi ad esempio alia descrizione 
dell'Accademia di Pietroburgo, che ho avuto I'occasione di pubblicare altrove 
(Franceschetti, "Francesco Algarotti"). Nontroviamo nel "Giornale" lo spazio che 
il Locatelli riserva invece nelle Lettres moscovites ai propri casi, al furto di cui 
fii vittima, al proprio imprigionamento, ai suoi disagi personali di viaggiatore per 
la mancanza di cibo, di medico, di barbiere e via dicendo: e il resoconto del 
matrimonio della Principessa di Mecklembourg non si sofferma su tutti i particolari 
di cronaca mondana che leggiamo invece nella descrizione che ne ha lasciato Jane 
Rondeau. 

Gli esempi di questo modo di procedere potrebbero essere molti; ma per 
rimanere nell'ambito della prima lettera, si veda questo brano del manoscritto: 

II giomo 4 [giugno] finalmente ebbimo calma. M/ King fece con molta destrezza 
la dissezione d'un occhio d'un montone che si ammazzo a bordo. La coroide di 
questo animale era verde. Egli mi disse che tale era il colore di questa membrana 
in tutti gU animaU che mangiano erba. Questo farebbe credere quanto possa I'abito 
nel cangiare perfmo il fisico e I'organicco [sic] del corpo. Una membrana si 
accostuma a non riflettere che i raggi verdi, e comincia mutando forse la struttura 
sua a non poteme riflettere altri. (9) 

Questo invece 6 quanto si legge nei Viaggi: 

Potrei dirle ancora che un giomo di cahna fece il Signor King con gran destrezza 
la notomia dell 'occhio di un castrone. II qual castrone fu poi cotto con egual 
dottrina dal nostro Martialo.* Ce ne mostro la coroide, ch'era verde; e verde 
parimente aggiunse essere il colore di cotesta tunica in tutti gU animah che pascono . 
Sarebbe forse, Mylord, che avesse la Natura formato in simili animaU quella tunica 
atta solamente a riflettere i raggi verdi, perche I'erba facesse una maggiore 
impressione sugli occhi loro, perche ci fosse come una maniera di attrazione tra 
essi e la cosa con che si nutrono e crescono? O pur sarebbe che per lo continuo 
riflettere che fa quella tunica i raggi verdi, atta soltanto divenga a riflettere quel 
raggi e non altri? Sappiamo le forze che ha I'abitudine anche sull'organico e sul 
fisico. II suo antecessore Demostene non divenne egh a forza di esercizio abile 
a pronunziar nettamente la P,' per cui era inabile da natura? E chi si mettesse 



8. Per I'identificazione di questo personaggio con Martial d'Auvergne si veda la nota 165 
dello Spaggiari, che si rifa a quella del Ruozzi nell'edizione dei Pensieridiversi, 46 n. 15. 
Non chdaro risulta comunque il motivo per cui il cuoco di bordo viene chiamato con il nome 
dello scrittore e magistrato francese del Quattrocento. 

9. Come annota lo Spaggiari, si tratta della lettera dell'alfabeto greco che equivale alia r 
di quello latino. . 



266 Antonio Franceschetti 

a non ripetere che una sola parola, diverrebbe forse muto per tutt'altre. (11-12) 

A parte I'elaborazione assai piumossa e variata del discorso, arricchito da una serie 
di domande retoriche ri volte a Lord Hervey, a parte la piu estesa e nutrita gamma 
di possibility elencate e suggerite per spiegare il fenomeno (vien subito da pensare 
ad un preciso commento del Ruozzi a proposito di un'altra opera del Nostro: "I 
Pensieri diversi nascono secondo un intento pedagogico e informativo e si 
caratterizzano piu come esposizioni che come giudizi ; all' Algarotti [ . . . ] sta a cuore 
la suggestione che puo far scaturire un interesse" [330]), colpiscono subito i 
riferimenti letterari al "nostro Martialo" (possibile che a tanti anni di distanza nel 
tempo egli ricordasse perfettamente 1' ability del cuoco di bordo circa la cottura di 
quel "castrone"?) e al ben noto caso di Demostene e del suo difetto di pronuncia. 
Lo scrittore sembra voler sfruttare I'argomento piu a fondo, per dargli un peso piu 
particolare, per enfatizzarlo in qualche modo mediante le estensioni; e finisce cosi 
col togliere a quelle righe I'aspetto di impressione e di riflessione immediata (per 
cui la data precisa del giomo, il 4 giugno, lascia luogo al piii generico e indetermi- 
nato "un giomo di cakna"), col dar loro invece il tono del testo impegnato, meditato, 
studiato - pur senza rinunciare al ritmo scorrevole e discorsivo, ricuperato dal 
possessivo "nostro" premesso al riferimento al cuoco e dall'identificazione di 
Demostene come "antecessore" del fittizio destinatario della lettera, al quale 
I'Algarotti finge di rivolgersi come in un vero colloquio. 

Un altro esempio assai significativo, sempre nelFambito della prima lettera, 
riguarda le due tempeste cui la nave fu soggetta nel corso della navigazione. In 
un diario, naturalmente, non conta quale sia stata la peggiore e quale abbia 
maggiormente impressionato il viaggiatore; ma in un' opera scritta ci deve 
necessariamente essere un crescendo: non b ammissibile che la prima esperienza 
sia piii sconvolgente della seconda. Ecco come la prima di queste tempeste, dopo 
tre giorni di un vento molto forte ormai al largo dall'Inghilterra, viene raccontata 
nel "Giomale": 

tutto cio non era che un preludio per Torribil tempesta che avemmo quasi tutto 
il giomo 28 [maggio] . lo credetti che il miglior partito in questo difficil frangente 
di cose fosse lo starsi ben corcato in letto per prevenire il male di stomaco che 
mi avrebbe dato la grandissima agitazione in cui era la nave, e raccomandare il 
govemo di lei a marinai e alia Provvidenza. Nulla e piii orribile in fatti di un tale 
spettacolo che io mi levava ad ora ad ora per contemplare. Ponto nox incubat atra 
praeruptus aquae mons di Virgilio mi veniva in mente in mezzo quell'orrore. Le 
onde erano veramente montagne alia merce' delle quali la nave ora ex summo 
pendebatfluctu, ora si trovava nell'abisso. Ogni persona era malata fuorche coloro 
che il lungo uso signore di tutte le azioni nostre ha indurito a tale pericoloso 
mestiero.'" (4-5) 



10. Nel brano I'Algarottti, o perche cita a memoria, o perche intenzionahnente modifica 
il testo originale di Virgilio per adeguarlo alia sua esperienza, o anche, ahneno in parte. 



Francesco Algarotti viaggiatore e letterato 267 

Ed ecco come la stessa pagina si presenta nella prima iettera: 

Chi va in mare, aspetti mal tempo. lo non le staro a far la descrizione di una 
burrasca che ci sbatte per sei giomi continui. La potra vedere in Omero o in 
Virgilio; ecredapure, Mylord, cht nonxnuncb ]\ terque quater que beati^QX color o 
ch'erano in terra. Ne manco il que diable allait-ilfaire dans cette maudite galere ? 
qixando io mi vedeva ora in cima, ora in fondo di una gran lama di acqua; quando 
io vedeva I'Oceano trasformato, per quanto arrivava I'occhio, in nove o dieci 
vastissime montagne bendifferenti dalle collinette, diro cosi, del nostro Mediterra- 
neo. Basta, che dopo aver navigato qualche tempo per afferrare Newcastle si muto 
consigUo, e il giomo trenta si venne fmahnente a surgere all'Isola di Schelling 
in OUanda. (8) 

Al di 1^ del piii succinto richiamo a Virgilio (che sari invece piu ampiamente 
sfruttato nella descrizione della seconda tempesta) e dell'aggiunta della citazione 
di Moli6re," sono scomparsi tutti i riferimenti personali all'esperienza dell 'Algarotti 
"ben corcato in letto per prevenire il male di stomaco" , del suo affidarsi ai marinai 
e alia Prowidenza, del mal di mare sofferto da tutti i viaggiatori, e via dicendo. 
D tono assai piu lieve e brillante pu6 certo documentare anche I'attenuarsi nel ricordo 
dell'emozione provata; ma pud ancor meglio essere giustificato dal fatto che poco 
piuavanti nell'ambito della stessa Iettera si legge un'altra descrizione di tempesta, 
assai piii impegnata. Nel "Giomale" I'autore se ne era sbrigato con poche frasi, 
si direbbe in forma quasi di appunti: 

Nessuna tempesta fu ne piu subita ne piii terribile di questa. II mare agitato da 
due venti entrava per tutto ed assaUva da ogni lato I'afflitta nostra navicella. Si 
trattava di tagliare la meta dell'albero di maestra. Ella calmo infme un poco verso 
la sera. L'agitazione del mare seguitava ad essere grandissima. 

II giomo 3 [giugno] la tempesta andava tuttavia cahnando, e il nostro vascello 
volteggiava da ogni parte. (8-9) ,, .. i 'f.; 

Nella Iettera la descrizione acquista un tono assai piii drammatico e letterario 
soprattutto per I'uso di una serie di termini tecnici desunti dalla vita marinaresca 
dei quali 1' Algarotti evidentemente si compiace come di unpezzo di bravura (e dei 
quali per altro non c'6 traccia nel "Giomale"): 

Quando in un subito, vegga anche qui Virgiho sul bel principio, 
. . . Stridens aquilone procella 
Velum adversa ferit; turn prora avertit, et undis 



perche non e detto che I'edizione da lui usata riportasse i versi come noi h leggiamo oggi 
nelle edizioni critiche modeme, riprende varie espressioni della burrasca che sconvolge la 
flotta troiana nel primo Ubro 6.Q.\VEneide: "ponto nox non incubat atra" (89); "praeruptus 
aquae mons" (105); "hi summo in fluctu pendent" (106). 

11. Cfr. ed. Bonora, 182 n. 6 e ed. Spaggiari, 8 n. 94-95. 



268 Antonio Franceschetti 

Dat latus, insequitur cumulo praeruptus aquae mons. '^ 
II mare combattuto da due venti entrava per tutto, e ci assaliva da ogni parte. Uno 
dei pezzi di ferro, di che e composta la zavorra , per la grande agitazion del navilio, 
era sdrucciolato a orza. Non ci era via di rimetterlo in suo nicchio; il bastimento 
orzava sempre, e riceveva piu acqua, che non se ne potea trombare. Erasi gia preso 
di tagliar la meta dell'albero di maestra, che per la straordinaria sua altezza dava 
al corpo della nave un grandissimo grezzo; quando il mare ricomincio a rimettersi 
in cahna, e divenne quasiche spianato il di quattro [giugno]. (9-10) 

Si tratta chiaramente di un crescendo: dalla prima piu blanda descrizione di tempesta 
passiamo alia seconda molto piu efficace e impegnativa, molto piu paurosa, senza 
nessuna preoccupazione per la concreta esperienza autobiografica affatto diversa, 
la cui memoria cede il passo all'effetto letterario, al risultato artistico che sollecita 
e colpisce il lettore per la vivacity della narrazione e per il drammatico succedersi 
degli awenimenti; si noti in particolare la rielaborazione del finale, con I'idea di 
tagliare "la met^ dell'albero di maestra" collocata ad effetto, contro la vera 
successione dei fatti, come una decisione presa poco prima della fine della tempesta 
stessa. 

In conclusione la conoscenza parallela del "Giomale" e dei Viaggi pu6 dirci 
molto del modo di lavorare dell' Algarotti - oltre a consentirci, naturalmente, anche 
di evitare alcune sviste che sono presenti nelle edizioni di quest'ultima opera. Cosi 
ad esempio il riscontro con il manoscritto e con I'edizione del 1760 permette di 
correggere almeno un errore abbastanza evidente che, sfuggito all'attenzione 
dell'autore e dello stampatore nell'edizione del 1763, si b perpetuato in tutte le 
edizioni successive dei Viaggi, incluse le traduzioni inglesi e francesi, fino a quella 
piurecente dello Spaggiari. All'inizio della terza lettera, parlando dei pericoli della 
navigazione nel mar Baltico a causa degli scogli e delle due galee russe che hanno 
il compito di renderla piu sicura controllando che le indicazioni dei luoghi pericolosi 
siano sempre al loro posto, 1' Algarotti aggiunge che 

nell515 se ne trovo uno in mezzo al Golfo per un caso assai tragico. Lo manifesto 
il naufragio di un vascello da guerra Olandese, che veleggiava in mezzo a una 
squadra con poco mare, e vento fresco. Non se ne salvarono che cinque sole 
persone, che per fortuna erano nello schifo. Lo scogUo e cinque o sei piedi 
sott'acqua; e lungo la colomba avea taghato, come rasojo, da prua a poppa il fondo 
della nave. (38) 

L'episodio riferito con tanta abbondanza di particolari colpisce subito il lettore per 
via dell'anno cui b attribuito: lo scrittore generalmente non lesina simili dettagli, 
ma sono tutti cronologicamente molto vicini al tempo del suo viaggio, non precedenti 
di piu di due secoli. E forse, parlando di un "vascello da guerra. . . in mezzo a una 
squadra" veleggiante nel mar Baltico nel 1515, nonlo avrebbe chiamato olandese. 



12. I versi esatti di Virgilio, Aen. I, 102-105, si possono leggere nell'ed. Bonora, p. 183. 



Francesco Algarotti \iaggiatore e letterato 269 

L'anno inogni modo va corretto in 1715, come documentano sia il "Giornale" (28) 
che I'edizione del 1760 (37); e il tragico episodic rientra in un ordine cronologico 
non eccezionale od insolito nel contesto complessivo dell'opera. 

Come ha scritto molto bene il Da Pozzo, "il viaggio b per 1' Algarotti la 
condizione indispensabile della propria avventura culturale; il momento del viaggio 
b avvertito come una specie di continuity rispetto all'acquisire e al comunicare" 
(522). La reazione dei contemporanei alia sua opera fu certamente assai favorevole; 
baster^ ricordare, per tutti i commenti degli amici e dei conoscenti, quanto gli 
scriveva da Milano il 9 agosto 1760 Giuseppe Pecis: 

Oh quanto sarebbe desiderabile che tutti colore che viaggiano cosi conoscessero 
le nazioni, e cosi ne parlassero, come ha V.S. Illustrissima conosciuto la nazion 
Russa, e ne ha parlato. Ho lette, e rilette le sue lettere con infinito piacere, ed 
ammirazione. Se di simih lettere ella ci regalera sopra tutte le nazioni che ha 
vedute, potra giustamente acquistarsi il titolo di nuovo Strabone, tanto pero 
dell'antico piii ammirabile, quanto maggiore e la universalita de' suoi talenti. 
(Algarotti, Opere 14.244) 

Dove si osservi soprattutto che 1 'ammirazione va non tanto alio scrittore, quanto 
al divulgatore di notizie riguardanti un paese fin allora assai poco conosciuto al 
pubblico italiano, all'illustratore che riporta le sue impressioni dirette e iimnediate 
e le sue esperienze personali - tutto quelle che, in ultima analisi, 1' Algarotti sembra 
aver fatto molto poco e aver offerto ai suoi lettori solo in maniera molto lata. E 
certo solo il confronto diretto e completo fra il manoscritto e I'opera a stampa sar^ 
in grado di confermarci dove finisce il lavoro del viaggiatore e dove inizia quello 
del letterato. 

University of Toronto 

OPERE CITATE 

Algarotti, Francesco. "Gioraale del viaggio da Londra a Petersbourg nel Vascello The 

Augusta' di My lord Baltimore nel mesedimaggio U. S. I'Anno MDCCXXXIX." Ms. 

Add. 17482. British Library, Londra. 

. Opere. 17 voU. Venezia: Palese, 1791-94. 

. Pensieri diversi, ed. Gino Ruozzi. Milano: Franco Angeli, 1987. 

. Saggio di lettere sopra la Russia. Parigi: Briasson, 1760. 

. Viaggidi Russia. Illuministi Italiani . 2. Opere di Francesco Algarotti e Saverio Betti- 

nelli, ed. Ettore Bonora. Milano-Napoh: Ricciardi, 1969, pp. 179-275. 

. Viaggi di Russia, ed. WiUiam Spaggiari. Parma: Ugo Guanda Editore, 1991. 

Arato, Franco. // secolo delle cose. Scienza e storia in Francesco Algarotti. Genova: Marietti, 

1991. 
Da Pozzo, Giovanni. "Tra cultura e avventura: dall'Algarotti al Da Ponte". Storia della 

cultura veneta, ed. Girolamo Amaldi e Manho Pastore Stocchi. // Settecento. V, I. 

Vicenza: Neri Pozza, 1985, pp. 509-55. 



270 Antonio Franceschetti 

Franceschetti, Antonio. "L'Algarotti in Russia: dal Giomale ai Viaggi", Lettere italiane, 

35 (1983): 312-32. 
. "Francesco Algarotti e I'Accademia di Pietroburgo", Letteratura e scienza nella 

storia delta cultura italiana. Atti del IX Congresso dell'Associazione Intemazionale 

per gli Studi di Lingua e Letteratura Italiana (Palermo-Messina-Catania, 21-25 aprile 

1976), ed. Vittore Branca et al. Palermo: Manfredi, 1978, pp. 589-597. 
Goggi, Gianluigi. "Diderot-Raynal e Algarotti sulla Russia", Letteratura fra centra e periferia. 

Studi in memoria di Pasquale Alberto De Lisio, ed. Gioacchino Paparelli e Sebastiano 

Martelli. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane, 1987, pp. 543-84. 
Guagnini, Elvio. "Problemi aperti sulla letteratura italiana di viaggio" in Literatur ohne 

Grenzen. Festschrift fur Erika Kanduth, ed. Monika Pauer, etal. Frankfurt am Mein: 

Peter Lang, 1993, pp. 134-142. 
Hanway, Jonas. An Historical Account of the British Trade over the Caspian Sea. ... 4 vol. 

Londra: s. e., 1753. 
Keralio, Louis Felix Guinement de. Histoirede la guerre desRusses etdes imperiaux, contre 

les Turcs, en 1 736, 1 737, 1 738 & 1 739, & de lapaix de Belgrade qui la termina. Avec 

les cartes & plans necessaires. 2 voll. Parigi: Debure, 1780. 
Laugier, Marc Antoine. Histoire des negotiations pour la paix conclue d Belgrade, le 18 

Septembre 1 739. Enlre I 'empereur, la Russie, & la Porte Ottomane, par la mediation, 

& sous la garantie de la France. 2 voll. Paris: Duchesne, 1768. 
Locatelli, Francesco. Lettres moscovites. Paris: Au depens de la Compagnie, 1736. 
Manstein, Christophe Hermann de. Memoires historiques, politiques et militaires sur la Russie 

depuis I'annee 1727, jusqu'a 1744, par le General de Manstein. Nouvelle edition 

coUationnee sur le manuscript original corrige par la main de Voltaire. 2 vol. Paris: 

A. Frank, 1860. 
Mazzuchelli, Giammaria. Gli Scrittori d' Italia. I. Brescia: Bossini, 1753. 
Parenti, Marino. Dizionario dei luoghi di stampa falsi, inventati o supposti in ope re di autori 

e traduttori italiani con un'appendice sulla data "Italia" e un saggio sui falsi luoghi 

italiani usati all'estero, o in Italia, da autori stranieri. Firenze: Sansoni Antiquariato, 

1951. 
Rondeau, Jane: cfr. Vigor 
Ruozzi, Gino. "I pensieridiversi di Francesco Algarotti: caratteri tipologici", Italianistica, 

13, 3 (1984): 329-43. 
Spaggiari, William. L'Armonico Tremore. Cultura settentrionale dalV Arcadia all'eta 

napoleonica. Milano: Franco Angeli, 1990. 
. "Un illuminista in Moscovia: i Viaggi di Russia di Francesco Algarotti", La lettera- 
tura di viaggio: Storia e prospettive di un genere letterario, ed. Maria Enrica D'Agostini. 

Milano: Guerini, 1987, pp. 215-27. 
Vigor, Mrs. William [Jane Rondeau]. Letters from a lady , who resided some years in Russia, 

to her friend in England. With historical notes. London: J. Dodsley, 1775. Seconda 

ediz. 1777. 
Voltaire, Francois Marie Arouet de. Correspondence, ed. Theodore Besterman. XXXV: 

Geneve: Institut et Musee Voltaire, 1958. 



LUCA Clerici 



Alia scoperta del Bel Paese: i titoli 
delle testimonialize dei viaggiatori italiani 
in Italia (1750-1900) 



1. Una sorprendente lacuna 

Nonostante il crescente interesse degli ultimi anni, basta un'indagine bibliografica 
superficiale per accorgersi come i testi di viaggio non si possano certo ritenere un 
genere fra i piu frequentati da critici e storici della letteratura. ' Considerando in 



1 . Una panoramica dei piu recenti studi dedicati al genere nonche una radiografia delle 
ricerche in atto in Italia e in corso di stampa presso I'editore Palumbo di Palermo a cura 
di Alida Fliri e Anna Storti. Si tratta degli atti di un convegno organizzato dall'Associazione 
Italiana di studi suUa Letteratura di Viaggio (Presidente Giorgio Cusatelli) all'Universita 
di Trieste neU'aprile del 1995, intitolato "Letteratura di viaggio: bilanci e acquisizioni 
recenti". Per una rassegna relativa al decennio 1980-1990, limitatamente al XVIII secolo, 
cfr. Elvio Guagnini, "Letteratura di viaggio del Settecento. Edizioni e studi degli anni 
Ottanta", mUn decennio distoriografia italiana sul secolo XVlll, ac. di Alberto Postigliola, 
(Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1995), pp. 273-286 (sono gli atti 
deU'omonimo convegno tenutosi dal 24 al 27 ottobre 1990 a Vico Equense). Nel complesso, 
quando si tenga presente la valutazione di Giorgio Raimondo Cardona, troppo poco e cambiato 
negli ultimi dieci anni: "Eppure la letteratura italiana non inquadra volentieri nel suo canone 
i viaggi di cui pure e ricca; quasi che i molti dati materiali e concreti di cui essi sono 
necessariamente costruiti inquinino in qualche modo un ideale di disinteressata e disincamata 
letterarieta. [. . .] Nelle storie della letteratura manca quindi un capitolo sui viaggi" ("I viaggi 
e le scoperte", mLetteratura italiana, dir. Alberto Asor Rosa, vol. V, Le questioni, Torino, 
Einaudi, 1986, p. 687). Dunque, se r"ormai stereotipata quanto immancabile lamentazione 
suUa scarsa attenzione rivolta dalla critica a questo genere letterario" denunciata da Alida 
Fliri ("Per una riflessione teorica sul genere "letteratura di viaggio": il contributo della 
germanistica", Problemi, settembre-dicembre 1988, pp. 213) non e giustificata per quanto 
riguarda la germanistica, e abbastanza sintomatico il fatto che il punto di riferimento 
metodologico piu aggiomato disponibile in italiano sia questo articolo (a conferma del primato 
della riflessione tedesca sul tema, tanto piu a confronto di quella nostrana, cfr. anche Carla 
Consolini, "Reisebeschreibung nel Settecento tedesco. Considerazioni sulla individuazione 
del genere", in La letteratura di viaggio. Storia e prospettive di un genere letterario, a c. 
di Maria Enrica D'Agostini, Milano, Guerini e Associati, 1987, pp. 75-88). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



272 LUCA Clerici 

particolare gli studi relativi agli autori italiani e quelli dedicati ad autori stranieri 
che dell 'Italia hanno lasciato testimonianze odeporiche, colpisce subito una notevole 
asimmetria, e una sorprendente lacuna. Infatti, ad una folta tradizione critica dedicata 
ai tour in Italia di scrittori stranieri, corrispondono ben poche indagini sui viaggiatori 
italiani, valutazione confermata dal numero delle antologie allestite fino ad oggi. 
Limitandomi a contare i volumi in lingua italiana, quelli che includono brani di 
autori stranieri in viaggio nel Bel paese sono almeno una cinquantina, mentre per 
quanto riguarda i traveller italiani le antologie di riferimento rimangono ancora 
i Viaggiatori del Settecento curati da Vincenti e i Letterati memorialisti e viaggiatori 
del Settecento di Bonora.^ Si tratta di due raccolte emblematiche di una concezione 
tacitamente selettiva della materia: entrambe presentano infatti soltanto viaggi 
all'estero, con Tunica comune eccezione dei Viaggi alle Due Sicilie e in alcune 
parti dell'Appermino (1792-1797) di Lazzaro Spallanzani.^ Per quanto sorprendente, 
h facile constatare la lacuna evidenziata da questa curiosa coincidenza. A tutt'oggi, 
nonc'^ neppure una pubblicazione, non si hanno bibliografie e tanto meno volumi 
antologici, non esiste — che io sappia — neppure un articolo su un argomento di 
grande interesse e di particolare attualit^ culturale. Fino ad oggi "viaggiatori italiani" 
ha significato ipso facto "testimonianze da paesi stranieri": credo sia il momento 
di iniziare a studiare i viaggiatori italiani in Italia/ 

Proprio per avviare la riflessione su questo tema, per sottoporre I'argomento 
aH'attenzione degli studiosi, per offrire a lettori esperti e meno colti testi spesso 
memorabili e in molti casi pressoch6 dimenticati, sto lavorando da tempo ad 
un'antologia di viaggiatori italiani in Italia.^ II periodo entro cui ho svolto la ricerca 



2. Viaggiatori del Settecento, a c. di Leonello Vincenti (Torino, Utet, 1950); Letterati 
memorialisti e viaggiatori del Settecento, a c. di Ettore Bonora (Milano-Napoli, Ricciardi, 
1951). 

3. D'ora in poi, al titolo citato segue fra parentesi, quando non gia indicata, la data della 
prima edizione o comunque dell'edizione piu antica di cui ho notizia. 

4. Gli unici due contributi a me noti in materia sono La Toscana descritta dai naturalisti 
del Settecento. Pagine di storia del pensiero scientifico (Firenze, Le Monnier, 1945) di 
Francesco Rodolico e L 'Italia (negli scrittori italiani e stranieri) di Luigi Parpagliolo (Roma , 
Morpurgo, 1928-'41, 6 voll). L'antologia di Rodolico presenta testi di viaggiatori italiani 
in Italia tanto disciplinarmente selezionati da costituire un corpus specifico, mentre la 
collezione di passi (non esclusivamente tratti da opere odeporiche) allestita da Parpagliolo 
riveste ben poco interesse. Estraneo alia letteratura di viaggio in quanto raccolta antologica 
di pagine tratte dalle monografie deH'omonima collana e invece il volume Scrittori di 
"Attraverso I'ltalia" 1930/1972, a c. di Paolo Volponi (Milano, Touring Club Italiano, 1984). 

5. II volume sara edito a Milano da II Saggiatore; in appendice includera la bibliografia dei 
viaggiatori italiani in Italia da cui ho tratto i titoli qui citati. L'uscita e prevista per I'autunno 
del 1996. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 273 

va dal Settecento ad oggi, e la prima fase del lavoro b naturalmente consistita nella 
redazione di una bibliografia dei testi, rivelatasi interessante al punto da spingermi 
a svolgere questo ragionamento preliminare sui titoli inventariati. Un modo per 
dare un'idea dei material! reperiti, con la speranza che il mio interesse venga 
condiviso da altri. Per semplici ragioni di convenienza, in questo articolo ho 
awicinato gli estremi cronologici: si va dal 1750 al 1900; aH'interao di tali traguardi 
temporali, i titoli che ho individuate sono circa 1.300/ 



6. Per quanto riguarda il reperimento dei dati, mi sono avvalso delle bibliografie tradizionali, 
di bibliografie regionali e locali, dello spoglio dei cataloghi di numerose biblioteche pubbliche 
(fra quelle meno frequentate dagli specialisti cite la biblioteca del Touring Club Italiano 
di Milano), in particolare di quelle in possesso di fondi specifici (Sommariva alia Braidense 
di Milano, Tursi alia Marciana di Venezia ecc.)- Ricchi di informazioni si sono rivelati tanto 
il Catalogo delta Biblioteca del Senato del Regno (Rona, TipografiadelSenato, 1879-1886, 
4 voll.) quanto il Catalogo delle Opere e carte esistenti nella Biblioteca del Capo di Stalo 
Maggiore. Aprile 1883 (Roma, Carlo Voghera Tip., 1883), nonche alcuni cataloghi di 
biblioteche ministeriah (soprattutto del Ministero della Marina, di quello di Agricoltura, 
IndustriaeCommercio). Utiliirepertorigeografici, peres. DeMagistrisL. ¥i\., Bibliografia 
geogrqfica della regione italiana. Saggio per I'anno 1899 (Roma, Presso la Societa Geografica 
Italiana, 1901) e i cataloghi dei fondi (a partire dal fondo Almagia). Ricchi di notizie sono 
sia i cataloghi di stampatori del Sette e dell'Ottocento, sia i cataloghi antiquari, non di rado 
veri e propri repertori bibhografici (cfr. ad es.: Italia. Viaggio pittoresco per tutta Italia. 
Opere general! — Guide — Viaggi in Italia — Carte geogrqfiche, topogrqfiche, panoramiche, 
vedute di citta — costumi. Firenze, La Medicea, s.d.). Infine, si sono dimostrate molto 
produttive alcune bibliografie della prima meta dell'Ottocento, come il Manuale bibliografico 
del viaggiatore in Italia di Pietro Lichtenthal (Milano, Giovanni Silvestri, 1844, "terza 
edizione originale notabihnente accresciuta e mighorata"). Per individuare i manoscritti, 
invece, ho passato in rassegna alcuni regesti (sistematicamente gh Inventari dei manoscritti 
delle biblioteche d' Italia, a c. di Giuseppe Mazzatinti prima e di Albano Sorbelli poi, edito 
a Forli, Casa Editrice Luigi Bordandini, il cui primo volume usci nel 1890; I'opera e stata 
ristampata a Firenze, Leo S. Olschki, 1955) e alcuni cataloghi (i cataloghi dei manoscritti 
della BibUoteca Comunale e della BibUoteca Nazionale Braidense di Milano, della Bibhoteca 
Berio di Genova, della Palatina di Parma, della Bibhoteca dell'Archiginnasio di Bologna, 
della Queriniana di Brescia, dell'Angelo Mai di Bergamo e della Bibhoteca Nazionale 
Universitaria di Torino). Circa gli articoli apparsi in rivista, ho accolto queUi che mi e capitato 
di individuare, senza pero condurre alcuno spogho sistematico. La quantita dei titoU 
inventariati varia non solo in relazione all'epoca, ma anche in rapporto agh strumenti 
bibhografici a disposizione: peresempio, fra 1 860 e 1880 leindicazioni sono molto numerose 
perche si puo consultare — oltre ad altri repertori minori — la Bibliografia italiana. Giomale 
dell'Associazione Tipografico-libraria Italiana compilata sui documenti comunicati dal 
Ministerodell'Istruzione Pubblica (Milano, AssociazioneTipografico-hbraria ItaUana, edita 
a partire dal 1861). Per i volumi la cui tematica itahana non si evince dal titolo, qualora 
non li avessi sfoghati personahnente, fa fede della pertinenza dell'argomento il fatto di aveme 
trovato menzione in repertori che li registrano in quanto viaggi itahani. Tutte le volte che 



274 LucA Clerici 

Come per la definizione di qualunque corpus di opere, il primo problema da 
affrontare b quelle della delimitazione del campo di indagine. Cosi, ho escluso dalla 
mia bibliografia sia i testi scritti da autori italiani in lingue straniere (e in latino),' 
sia quelli dialettali, del tipo La Naunia descritta al viaggiatore (1829) di Gioseffo 
Pinamonti. Quanto ai testi poetici, la scelta deve essere fatta ad hoc, tanto piu 
considerando la maggiore liberty di titolazione attestata in queste opere rispetto 
aH'odeporica inprosa. Se infatti alcuni componimenti manifestano chiaramente nel 
titolo la loro indole documentaria {h il caso del poemetto di Domenico Lorenzo 
Garola, // viaggio dell'Alpi della valle del Po, del 1804), altri appaiono piuttosto 
divagazioni (la "fantasia" di M. C. Astraldi, Bordighera, del 1874) o mostrano 
addirittura un carattere dissertativo: per sostenere i pregi e i vantaggi della vita 
sedentaria, il coraponimento anonimo / viaggi (1793) passa in rassegna e critica 
iprincipali luoghi comuni della pubblicistica favorevole al viaggiare. Nonpotendo 
per ora entrare nel merito del singolo componimento, ho escluso dalla bibliografia 
le opere in versi, salvo poche dichiarate eccezioni. Come t facile immaginare, 
nonostante queste distinzioni preliminari I'insieme dei testi rimane enorme: 
comprende infatti tutte le opere di viaggio in prosa scritte in lingua italiana. Valutare 
quali siano quelle pertinenti rimane questione assai spinosa, tanto piu tenendo 



la conoscenza del contenuto me lo ha permesso, ho registrato anche libri i cui titoU sono 
fuorvianti rispetto alia mia ricerca: adesempio, in Monaco di Baviera (IS3S) GiovamiiLuca 
Cavazzi della Somaglia racconta dettagliatamente il viaggio d'andata e di ritorno, descrivendo 
il borgo di Chiavemia e soffermandosi su Valtellina, Stelvio, Tirolo, lago di Costanza e 
Spluga. Compaiono nella mia bibhografia pure libri in cui Tltalia e solo uno dei paesi visitati; 
cio accade spesso quando il viaggio parte dall'Italia meridionale alia volta dei paesi nordici, 
e la penisola viene quindi attraversata; in questi casi, a fare la differenza e lo spazio dedicato 
all'itinerario italiano. Ribadisco che I'edizione citata non va automaticamente ritenuta la 
prima, ma la piu antica di cui ho notizia; inoltre, potrebbe capitare che qualche testo non 
sia originale ma tradotto (non sempre mi e stato infatti possibile stabilime I'autenticita). 
In defmitiva, non bisogna dimenticare le insidie insite nella scelta di ragionare basandosi 
sui titoU: capita ad esempio che un'informazione bibliografica incompleta induca ad equivocare 
suir indole e sul contenuto dell 'opera. Nonostante le apparenze, // Trentino, appunti e 
impressioni di viaggio (1880) di G. Gambillo e un Saggio di bibliografia trentina, come 
recita la seconda riga del frontespizio. Infme, nel caso dei manoscritti, non di rado il titolo 
e di molto successivo alia stesura del testo e gh e stato attribuito da terzi. Un fatto che spiega 
la minore adesione di questi titoli alia canonistica: sono casi in cui la mediazione (e 
normalizzazione) tipografico-editoriale non ha interferito. 

7 . Valgano ad esempio sia De suscepto itinere subalpino epistolae tres di Fehce Maria Nerini 
(1753) sia t/n voyage a /'an5( 1843) di Giuseppe Asti, oppure i celebri Voyages en diffe rents 
pays de I 'Europe, de 1 774 a 1 776, ou Lettres ecrites de I 'Allemagne, de la Suisse, de I 'Italie, 
de la Sidle etde Paris (1111) di Carlo Antonio Pilati. Prima di varcare il Monviso, Giuseppe 
Asti ("Maitre de Langue Frangaise a Milan", come recita il frontespizio) dedica uncentinaio 
di pagine a Torino. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 275 

presente un fatto: I'odeporica b un genere polimorfo e addirittura — in mold esiti 
testuali — semiletterario. 

II punto b che nella letteratura di viaggio si compendiano, naturalmente in 
proporzioni variabili, un'istanza vincolante d'indole praticistica ed una libera esigenza 
di carattere "espressivo", due componenti tipiche sempre ben percepibili sia sul 
versante deil'elaborazione del testo, sia su quello della sua fruizione. Da un lato 
Topera concerae sempre I'ordine dei fatti materiali: il tema del viaggio come 
esperienza personale implica una connotazione precisamente biografica deWinventio 
e una dispositio tendenzialmente obbligata, scandita dalla successione delle tappe 
del tragitto. Tanto piii I'autore tratter^ liberamente i suoi contenuti e la loro 
organizzazione rispetto aquesti vincoli, tanto meno prescrittive saranno le modality 
di lettura del testo: le convenzioni formali poste in essere nell 'opera entrano in gioco 
qui, ed t qui che si dispiegano molteplici possibility. Osservando laquestione dalla 
prospettiva del destinatario, ad essere influenzato t il tipo di fruizione. Si va dalla 
guida, un testo espressamente concepito per la consultazione pratica, in cui il tasso 
di adesione alia realty tematizzata t massimo, al romanzo di viaggio, opera di pura 
invenzione che si colloca oltre i confini del genere, anche in ragione della sua 
attitudine ad una lettura continuativa liberamente ludica.^ Poiche fra questi due 
estremi tipologici la fenomenologia dei testi t quanto mai articolata, conviene 
cominciare ad indicare proprio quel che esula dai miei interessi. Con una awertenza: 
le ragioni fondamentali per cui ho impostato una ricerca bibliografica poco selettiva 
sono due. Essendo la mia rassegna di titoli un intervento preliminare in un campo 
di indagine nuovo, mi b parso opportuno abbondare nella variety dei testi per varie 
ragioni classificati come odeporici: spetter^ ad ulteriori studi vagliare e magari 
scremare i dati, presto disponibili con la pubblicazione della bibliografia dei 
viaggiatori italiani in Italia. Non bisogna in secondo luogo perdere di vista I'indole 
"aperta" delle classificazioni tradizionali delle opere di viaggio, n6 I'identit^ dei 
maggiori fondi e delle collezioni piu interessanti, tutte orientate ad includere sia 
le guide, sia le descrizioni, sia le illustrazioni sia tanti altri tipi di libri ed opuscoli, 
non sempre connotati letterariamente in senso stretto.' Del resto, a me pare che 



' 8 . Nella considerazione di parecchi studiosi la letteratura di viaggio intesa come genere stinge 
nella categoria del viaggio in letteratura: I viaggi nella narrativa di Donatella Capodarca 
(Modena, Mucchi, 1994) e un recente esempio di antologia della critica impostata su questa 

: concezione allargata del tema, che assume cosi un'ampiezza semantica e storica inusitata. 

5 9. Penso ai repertori canonici, per esempio a / libri di viaggio e le guide della raccolta Luigi 
1 Vittorio Fossati Bellani. Catalogo descrittivo, a c. di Antonio Pescarzoli, Prefazione di 
Giuseppe De Luca, Ricordo di Vittorio Fossati Bellani di Marino Moretti (Roma, Edizioni 
di Storia e Letteratura, 1957, 3 voll.), oppure a Viaggi in Europa. Secoli XVI-XIX. Catalogo 
delfondo "Fiammetta Olschki", Schede a c. di Fiammetta Olschki, Indici a c. di Srmona 
Di Marco, Premessa di Giorgio Cusatelli (Firenze, Olschki, 1990). Un'impostazione evidente 



276 LUCA Clerici 

uno degli aspetti piii caratteristici e di maggiore interesse deH'odeporica sia proprio 
la sua poliedrica variety. '° A conferma, distinguere fra generici libri di viaggio 
e letteratura di viaggio stricto sensu h impresa non di rado assai ardua: il margine 
oltre il quale la letteratura di viaggio perde la sua connotazione artistica e il libro 
di viaggio assurge ad opera letteraria, raagari di infimo livello, b un margine quanto 
mai sfumato." 



sin dal titolo in Dante Cremonini, L 'Italia nelle vedute e carte geografiche dal 1493 al 1894. 
Libri di viaggi e atlanti. Catalogo hihliografico di una collezione privata (Modena, Franco 
Cosimo Panini, 1991). A sottolineare la varieta della raccolta Tursi e Nereo Vianello, in 
La raccolta Angiolo Tursi nella Biblioteca Marciana, s.l. (Venezia), Stamperia di Venezia, 
s.d. (1968). Anche I'lmprescindibile lavoro bibliografico di Pietro Amat di San Filippo e 
del resto orientato verso una concezione allargata di letteratura di viaggio (cfr. soprattutto 
VAppendice agli studi biografici e bibliografici sulla storia della geografia in Italia, Roma, 
Societa Geografica Italiana, 1884 e la Biografia dei viaggiatori italiani colla bibliografia 
delle loro opere, Roma, Societa Geografica Italiana, 1882, seconda edizione). 

10. Per una storia della letteratura di viaggio italiana modema e contemporanea concepita 
come genere costituito da svariate tipologie specifiche di testi, rinvio a due miei interventi, 
entrambi intitolati "La letteratura di viaggio", inclusi nel Manuale di letteratura italiana. 
Storia per generi eproblemi, a c. di Franco Brioschi e Costanzo Di Girolamo (Torino, BoUati 
Boringhieri, I: 1993; II: 1994; III: 1995), opera in 5 volumi in via di completamento. Si 
leggono nel vol. 3, Dalla meld del Settecento all'Unitd d'ltalia (pp. 590-610) e nel vol. 4, 
DaU'Unita d'ltalia alia fine del Novecento (in corso di stampa). 

11. Se la grande famiglia dei libri di viaggio manifesta una fisionomia assai variegata, lo 
stesso vale non solo per la letteratura di viaggio, ma anche per specific! sottogeneri sia letterari 
sia extra-letterari. Ad esempio, nell'edizione del 1864 delle sue Peregrinazioni, Davide 
Bertolotti dichiara in modo esplicito 1' indole composita del suo lavoro, che contiene "novelline 
e piccole scene accadutemi, versi ed impressioni de' piii celebri poeti e viaggiatori riguardanti 
i monumenti e le citta descritte" ("Prefazione" a Peregrinazioni in Toscana, Torino, 
Tipografia dei Compositori Tipografi, 1864, c. 3 recto). Tale eterogeneita e pero dichiarata 
sin dal titolo gia nel 1824, nel libro di Giuseppe Pozzi Viaggio da Milano alia Provenza 
francese [. . J colla descrizione delle varie cittd f. . .J col racconto d 'alcuni aneddoti. Un buon 
esempio della commistione fra opera narrativa, almanacco e guida ferroviaria e Un romanzo 
in vapore da Firenze a Livomo. Guida Storico-Umoristica (1856) di Carlo Collodi, un 
volumetto commissionatogli da un certo tipografo Riva (all'epoca stampatore deWOrario 
della strada ferrata) al fine di confortare il viaggio dei passeggeri della linea Leopolda (la 
consuetudine di offrire prose amene di conforto al viaggiatore in treno continua anche nel 
Novecento, con la coUana mensile "Simpaticissima" edita da Formiggini negli anni '20, 
e nel dopoguerra con la mondadoriana "Le Pleiadi"). Ma i testi in cui si intrecciano diverse 
tipologie formali sono innumerevoli: abbondano fra I'altro le guide presentate come 
almanacchi, tipo M/tono. Almanacco storico-pratico per I 'anno 1821 (1821) e, al contrario, 
gU ahnanacchi che dal titolo sembrano guide: non per nulla la Guida per la cittd di Torino 
(1780-1786) sin dal 1781 diventa Almanacco reale (cfr. Lodovica Braida, Le guide del tempo. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 277 

Fra i titoli esclusi durante lo spoglio ci sono anzitutto quelli dei testi che, pur 
includendo testimonianze di viaggio, appartengono ad altri generi specific!: ecco 
la ragione della mancanza delle autobiografie (a partire dalla canonica Vita alfieriana 
e dalle Memorie di Giuseppe Garibaldi, mai citate a questo proposito'^) e dei 
numerosissimi epistolari in cui si leggono celebri lettere di viaggio di autori famosi, 
quando non costituiscano un vero e proprio carteggio di viaggio. Premessa 
discriminante per I'acquisizione del titolo b infatti la coestensione fra 1' opera e gli 
elementi testuali che la qualificano come intenzionalmente di viaggio: il criterio 
consente di includere sia gli opuscoli e i libretti per nozze, sia brevi testi manoscritti. 
Mancano inoltre dal mio elenco i titolo ascrivibili alia famiglia — se cosi si pud 
definire — dei "meta-viaggi": penso agli scritti apodemici, cio^ ai manuali di 
istruzione per i viaggiatori, alle divagazioni teoriche sul viaggio,'^ ma anche ai 
titoli che animano in ogni epoca il dibattito fra studiosi e, non di rado, fra dilettanti 
locali di topografia, archeologia ecc. Titoli a volte assai polemici, come nel caso 
del Guazzabuglio di spropositi detti da Alessandro Marchi nella nuova Guida di 
Padova (1856).''' Poich6 scienze come la geologia, la vulcanologia, la botanica 
storicamente si emancipano dal grande alveo della generica competenza naturalistica 
specializzandosi sempre piu, nel corso dell'Ottocento e a maggior ragione del 
Novecento i titoli afferenti a discipline specifiche come queste accolti nella mia 
bibliografia diminuiscono fino a scomparire del tutto. Sono invece contemplati in 
un certo numero fino alia prima met^ dell'Ottocento, poich^ si tratta di testi non 
dichiaratamente tecnici n6 ancora troppo specialisticamente orientati: in questa 
famiglia di opere la distinzione fra viaggio scientifico e viaggio letterario non si 
t ancora affermata.'* 



Produzione, contenuti e forme degli almanacchi piemontesi nel Settecento, Torino, 
Deputazione subalpina di storia patria, 1989, pp. 113-114). 

12. II Secondo periodo 1 848-1 859 delle Memorie (1872) di Garibaldi si apre con il Viaggio 
in Italia. 

13. Cito solo due titoli, agli estremi cronologici qui presi in considerazione (ma la bibliografia 
specifica e tanto ricca quanto poco nota): Paolo Gagliardi, Discorso intomo al viaggiare 
(1757) e L. F. De Magistris, Viaggiare per conoscere. Frammenti di conferenza (1901). 

14. Naturalmente, questo genere di intervento puo essere di tipo non censorio ma integrativo: 
per esempio, Giovanni Spano pubblica degli Emendamenti ed aggiunte all'itinerario deU'isola 
di Sardegna del Conte Alberto della Marmora (1874). II riferimento e al Voyage en Sardaigne, 
ou Description statistique, physique el politique de cette tie, avec des recherches sur ses 
productions naturelles et ses antiquites (2a ed. riveduta, 1939), gia proposto con successo 
in traduzione dallo stesso Spano nel 1868 {Itinerario deU'isola della Sardegna del Conte 
Alberto della Marmora tradotto e compendiato con note). 

15. Se "II naturalista viaggiatore del Settecento concludeva la sua fatica [...] con una relazione 
dove le vicende personali si fondevano e confondevano con la totalita dei risultati scientifici 



278 LUCA Clerici 

A partire dal secolo dei lumi t la letteratura di viaggio nel suo complesso a 
svilupparsi secondo unprocesso di differenziazione. Se nel Seicento le guide spesso 
contenevano pure le istruzioni fondamentali per viaggiare, e molte opere odeporiche 
fornivano insieme al resoconto dell'esperienza dell'autore una gran quantity di 
informazioni didascaliche utili a chi si accingeva a partire, con il passare degli anni 
tali contenuti hanno assunto piena autonomia testuale e indipendenza reciproca, dando 
origine a variety specifiche di libri di viaggio. Non solo. Nel corso del tempo certi 
sottogeneri hanno finito per accentuare contrastivamente alcune loro caratteristiche 
strutturali, ed ecco perch6 da un tipo di testo canonico, fino ad una certa epoca 
integrato nel grande genere "letteratura di viaggio", discendano in epoche successive 
libri estranei a questo insieme di opere. Cosi, dalle illustrazioni di luoghi, dai libri 
"pittoreschi" (incui lacomponente vicariadell'incisione decorativa vaacquistando 
rilevanza sempre maggiore), derivano i volumi fotografici e le strenne geografiche 
illustrate ancora oggi in auge, un genere che ha evidentemente acquisito caratteri 
specifici. Accanto a deviazioni come queste, vi sono invece tipi di libri di viaggio 
che si tramandano nel tempo senza radicali mutamenti. Negli anni Cinquanta e 
Sessanta del XIX secolo t ad esempio ancora attestata la consuetudine di comparare 
due luoghi lontani: in Roma e Londra. Confronti del 1858 Giacomo Margotti 
paragona la vita morale la cultura e la storia delle due capitali, mentre alio scoccare 
deirUnit^ nazionale Vincenzo Rossi si impegna piu tecnicamente m Delle condizioni 
deir Italia nell'agricoltura, nelle manifatture e nel commercio, in confronto 
dell'Inghilterra e della Francia (1861). Se il sottogenere del confronto fra citt^ o 
nazioni b tipico del Seicento,'* la prassi di documentare viaggi di terze persone 
illustri h ancora piu antica, e non meno longeva: ad incaricarsi nel 1828 di descrivere 
il Viaggio per I'Alta Italia del Ser. Principe di Toscana t Filippo Pizzichi. Ma la 
storia della letteratura di viaggio b anche fatta di affermazioni di nuove convenzioni 
rappresentative. La moda delle testimonianze scritte di passeggiate montane dilaga 
nella seconda met^ del XIX secolo. E' allora che il termine "escursione" assume 
una connotazione prevalentemente alpinistica, almeno a partire dal 1861, quando 
Giuseppe Colombo stampa TJn 'escursione al Moncenisio . Fenomeno piu specifico 
b invece quello delle escursioni scolastiche organizzate, cui era uso far seguire un 
puntuale resoconto, non di rado a stampa. Se nel 1867 Celestino Peroglio pubblica 
una Proposta di una escursione geografica ai giovani studenti d' Italia, al IV 



raggiunti" , nella seconda meta dell'Ottocento "una cosa e la narrazione, il diario del viaggio, 
altra cosa sono i particolari risultati scientifici che vengono pubblicati nelle riviste 
specializzate" (Francesco Rodolico, Introduzione a Naturalisti - Esploratori dell'Ottocento 
italiano. Antologia scientifica e letteraria, Firenze, Le Monnier, 1967 p. 15 e p. 16). 

16. Secondo Marziano Guglielminetti "tema centrale della prosa di viaggio barocca" e proprio 
"il confronto fra le condizioni d'ltalia e quelle degli altri paesi" ("Introduzione" a Viaggiatori 
del Seicento, Torino, Utet, 1969, p. 23). 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 279 

Congresso Geografico Italiano del 1901 Giuseppe Bruzzo interviene Sull'opportunita 
di pronmovere escursioni geogrqfichefra gli allievi degli Istituti tecnici e delle Scuole 
normali." Poco alia volta tale pratica va diffondendosi e specializzandosi, come 
dimostrano alcune missioiii organizzate per scopi scientificamente molto mirati. 
E' il caso della gita documentata dalV Escursione geologica da Lecce a Brindisi 
eseguita dagli alunni della II Classe delVIstituto Tecnico di Lecce il giomo 27 
maggio 1899, un testo a piu mani rimasto manoscritto. 

Con ci6, sono passato ad elencare alcuni titoli che ho accolto nella mia ricerca: 
proprio in ragione del particolare polimorfismo del genere ho iniziato menzionando 
quelli meno prevedibili, le opere meno canoniche. Fra queste, registro i testi d'indole 
tendenzialraente saggistica come I'inedito Sulle passioni, costumi e modidi vivere 
dei Veneziani (1791) di Luigi Orteschi, oppure tutti quelli di ispirazione illuministica 
analoghi alle Riflessioni economiche politiche morali sopra il lusso, I 'agricoltura, 
lapopolazione, le manifatture e il commercio dello Stato pontificio ( 1 795) di Nicola 
Corona. Si tratta di opere caratteristiche per un fatto. Inordine alia conformazione 
dei singoli testi, la letteratura di viaggio italiana modema e contemporanea h 
contrassegnata da una ricorrente dialettica fra due polarity. Da un lato il polo della 
rappresentazione esperienziale, dell'accentuazione personalistica delle parole del 
testimone viaggiatore, della concretezza individuata da precise coordinate spazio- 
temporali del suo dire; dall'altro il polo della focalizzazione saggistica, dell'indeter- 
minatezza impersonale delle considerazioni di chi dice "io", dell'astrattezza 
generalizzante delle opinioni espresse. Qualunque sia il polo verso il quale propende 
la compagine testuale, non puo raancare nell' opera il contrappeso esercitato 
dall'opposta opzione rappresentativa. 1 libri di Orteschi e di Corona, come molti 



17. "In nessuno dei nostri Congressi, se io ben ricordo, e stata fatta la proposta di promuovere 
fra gli student! escursioni geografiche, la cui utilita e pure universalmente riconosciuta. [...] 
Gli e infatti nel mite verde dei campi, sotto I'azzurro del cielo, fra i monti e i laghi, che 
la natura attrae la nostra curiosita e ci invita a indagare le forme e a svelare gli arcani. [...] 
In Francia le gite alpestri, introdotte dopo il 1870 nei programmi scolastici, si vanno ripetendo 
con scopi scientifici, come nella Germania, nell' Austria, nell'Inghilterra, nella Russia [...] 
ma in Italia poco o nulla si fa di tutto questo, se si prescinde dalle gite scolastiche, che a 
cominciare dal 1891 sono compiute per iniziativa del Club Alpino", ma che "ben di rado 
possono avere scientificamente gli eccellenti risultati di una vera escursione geografica" 
(Giuseppe Bruzzo, "Sull'opportunita di promuovere escursioni geografiche fra gU allievi 
degli Istituti tecnici e delle Scuole normali", in Atli del IV Congresso Geografico Italiano, 
Milano 10-14 aprile 1901, pubbUcati a c. del Comitato esecutivo, Milano, Premiato 
Stabilimento Tipografico P. B. Bellini, 1902, p. 459). Fanno parte di questo tipo di 
pubbhcistica anche opuscoli come quello scritto da Giacomo Balestreri (direttore del Regio 
Ginnasio di Bra) intitolato Saluto a Cherasco. Per la passeggiata ginnastica a Cherasco 
fatta dai convittori ed alunni ginnasiali, tecnici ed elementari di Bra il 17 maggio 1883. 
Brindisi semi-serio (s.d., ma 1883). 



280 LucA Clerici 

altri, ben rappresentano strategic espressive orientate verso la seconda polarity. Al 
contrario, il Promemoria di quanto ho veduto e speso nel viaggiofatto da Piacenza 
a Venezia (1795) deirAnonimo piacentino esemplifica un esito improntato ad opzioni 
del primo tipo.'^ 

Infine, I'allargamento del pubblico e del mercato editoriale, favorito nella 
seconda met^ dell'Ottocento dalla maggiore diffusione delle scuole in ambito 
nazionale e dalla progressiva estensione dell'obbligo scolastico, comport6 precise 
conseguenze anche per quanto conceme la dilatazione quantitativa e la differenzia- 
zione morfologica della letteratura di viaggio. Volumi come il Trattatello ojferto 
alia gioventu di Al feo Pozzi intitolato L 'Italia sotto i varj suoi aspetti ( 1 868) , come 
Gite: appunti di viaggio per i ragazzi (1893) di Tommaso Catani o Sul Peraldo. 
Passeggiata educativa (1898) di Angelo Parodi, volumi ciod espressamente rivolti 
ai giovani, verso la fine del secolo tendono ad aumentare. Al contrario, i 
numerosissimi libri di testo di geografia, in quanto opere solo tangenti alia letteratura 
di viaggio propriamente detta, non entrano nei miei spogli. Sono infatti opere in 
cui la focalizzazione saggistica prevarica fino ad escluderlo il dato esperienziale, 
solo astrattamente presupposto." 

2. Storie di generi 

Come b facile immaginare, da un punto di vista quantitativo i 1300 titoli della 
bibliografia si susseguono in modo disomogeneo, e non solo perch6 fi"a Sette e 
Novecento cresce vertiginosamene il numero dei libri pubblicati e si moltiplicano 
i viaggiatori a vario titolo autorizzati a fomire testimonianza scritta della loro 
esperienza, Basti dire che la second^ met^ dell'Ottocento totalizza un numero di 
testi superiore a quelli stampati fi-a 1750 e 1850,^ Del resto, la progressiva 



18. Da notizia di questo testo (e di diversi altri da me menzionati dei quali non citero piu 
la fonte) La regione e I 'Europa. Viaggi e viaggiatori emiliani e romagnoli nel Settecento, 
a c. di Elvio Guagnini (Bologna, il Mulino, 1986), in particolare il capitolo "Un viaggio 
a Venezia nel 1795 di Anonimo piacentino" (pp. 275-278, cui si aggiunga la scheda relativa 
all'itinerario, p. 347). 

19. Per la medesima ragione ho escluso dalla bibliografia le numerosissime monografie 
dedicate a region! e citta che iniziano a moltiplicarsi verso la fine del secolo, almeno a partire 
dalla fortunata "Collana di Geografia d'ltalia", compilata da Gustavo Straff orello e pubbUcata 
a Torino negh anni Novanta. Si tratta di volumi illustrati dedicati alle prvincie italiane 
(Provincia di Alessandria, 1890; Provincia di Cuneo, 1891; ecc). 

20. Giovanni Ragone data "la grande fortuna dei libri di viaggi, dall'inizio degU anni '70"; 
nel catalogo di Treves "nel 1891 ci sono ben 130 titoh di libri di viaggio, in prevalenza 
importati" ("La letteratura e il consumo: un profilo dei generi e dei modelli neU'editoria 
itaUana (1845-1925)", in Letteratura italiana, dir. Alberto Asor Rosa, II: Produzione e 
consumo, Torino, Einaudi, 1983, p. 704, nota 3 e p. 733, nota 25). 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 281 

differenziazione tipologica all'intemo della letteratura di viaggio si pu6 leggere anche 
come un segno di tale straordinaria espansione, un'espansione storicamente 
apprezzabile proprio osservando Talternarsi dei van sottogeneri. Nel corso del tempo 
alcune formule espressive mantengono infatti intatta la loro antica capacity di 
comunicazione, altre si affermano solo per brevi periodi (sono le formule di moda), 
altre ancora si impongono fino al punto di istituire nuove tradizioni specifiche. In 
ognimodo, sintomatico deH'affermarsi di una convenzione rappresentativa inedita 
t la comparsa sul frontespizio del corrispettivo termine-chiave.^' Fra le prime 
qualificazioni di genere comprese nel titolo, proprio nel 1750 nella bibliografia si 
leggono tre termini: "lettere", "relazione" e "descrizione".^^ 

II termine "lettere" ha sia un valore propriamente epistolografico sia un 
significato scientifico analogo a quello di "dissertazione", ma indica anche gruppi 
di lettere appartenenti a un carteggio privato, come nel caso di moltissimi manoscritti 
settecenteschi inediti e di alcune lettere di Francesco De Sanctis e di Carlo Vidua.^' 
In ogni modo, registro la parola quasi sempre in titoli sintetici e dichiarativi 
fortemente stereotipati: per incontrare un'intestazione di copertina meno prevedibile 
bisogna guardare all'affabile sottotitolo Lettera ad un amico, apposto nel 1819 da 
Antonio Tadini a Dell 'emissario del Sile detto volgarmente il Businello. Se il titolo 
scelto da Festari nel 1862 per I'omaggio allestito in occasione delle nozze Franco- 
Monza mostra un'impostazione seriosa francamente datata ( Viaggio nel Friuli ossia 
diario orittogrqfico, diviso da alcune lettere scritte da Girolamo Festari). di tutt'altro 
genere sono le modeme epistole stampate nel 1871 da Alberto Libri: Da Firenze 
a Modane. Lettere al direttore delV'Economista d 'Italia ". Del resto, a riprova di 
una relativa vivacity, proprio negli anni Settanta il termine "lettera" si accompagna, 
fino a sostituirla in qualche frontespizio, alia parola in voga "escursione", n6 



21. Se di norma un nuovo sottogenere si afferma imponendo nei titoli un"'etichetta" linguistica 
inedita, non sempre vale I'inverso: alcune parole nuove sono semplicemente varianti 
sinonimiche di termini invalsi, varianti di moda di breve durata senza alcun corrispettivo 
sul piano della fisionomia dell'opera. 

22. Qui come in seguito, ogni considerazione va intesa in riferimento esclusivo (salvo diverse 
indicazioni) al corpus di titoli costituito dalla bibliografia dei viaggiatori italiani in Italia 
che sta alia base di questo articolo. Infatti, basta guardare il termine "lettera" senza questa 
delimitazione di campo per individuare da un lato la forma dominante della letteratura di 
viaggio italiana del Settecento (il che non si evince affatto dal mio spoglio), e dall'altro una 
parola che nella storia dei titoU odeporici risale a molto prima del 1750. 

23. Per le lettere di Vidua, cfr. Lettere del Conte Carlo Vidua, pubblicate da Cesare Balbo, 
tt. Ill (Torino, Pomba, 1834); I: Lettere giovanili e prime gite in Italia, Francia e Gran 
Bretagna (1806-1810); per De Sanctis cfr. Benedetto Croce, "11 soggiomo di De Sanctis 
in Calabria", in Scritti di storia letteraria e politica, XLIV: Aneddoti di varia letteratura, 
Seconda edizione con aggiunte interamente riveduta dall'autore, voU. IV (Bari, Laterza, 
1953), rV, 145-168. 



282 Luc A Clerici 

mancano esempi di impiego di un sinonimo ipertradizionale, come nel sottotitolo 
delle Memorie d'un viaggio (1872) di L. Sina: Epistola in versi. Ma si tratta non 
per niente di un testo poetico. 

A differenza di "lettera", che si riferisce in effetti ad un genere abbastanza 
dinamico e particolarmente longevo, Fimpiego dell'appellativo "descrizione" 
denuncia immediatamente I'appartenenza deU'operaadunambito "ristretto". Basti 
dire che di frequente Faggettivo qualificativo marca in modo puntuale il testo, 
definito "nuova descrizione" con riferimento a specifici precedenti analoghi e 
concorrenti,^ oppure identificato come descrizione a seconda dei casi "topografica", 
"corografica", "storica", "geografica" e cosi via. Altre volte, I'accento h posto 
sull'attualit^ del contenuto (nel 1794 C. Capobianco d^ alle stampe Xk Descrizione 
di tutt'i luoghi che cotnpongono le dodici provincie del regno di Napoli f. . .] secondo 
I 'ultima narrazione fatta dalla regia camera nel 1737), oppure sulla completezza 
dell'indagine (Nuova Descrizione di Roma Antica, e modema e di tutti lipiii nobili 
monumenti Sagri, e Profani che sono in essa, e nelle sue vicinanze, 1793).^^ Per 
imbattersi in una nuova e particolarmente significativa specificazione di "descrizione" 
bisogna attendere la fine del Settecento: nel 1792 Giuseppe Maria Galanti definisce 
la sua Descrizione delle Sicilie oltre che geografica, politica. Ma gi^ a cavaliere 
fi'a vecchio e nuovo secolo il termine sembra perdere importanza, relegato com '6 
a specificazione subordinata, per esempio nella Peregrinazione letteraria per una 
parte dell 'Apulia con la descrizione delle sue soprawanzanti antichita (stampata 
dopo il 1896) di Emmanuele Mola. Un sintomo, questo, del fatto che il termine 
in questione non b piu in grado di esprimere compiutamente I'identit^ dell'opera. 
Lo conferma Maironi da Ponte, il quale nel 1819 avverte I'esigenza di raddoppiare 
la titolazione del suo libro per specificare I'imprecisa qualifica di genere posta 
all'inizio: Descrizione odeporica nonbastapiu, occorre I'integrazione ossiastorico 
politica naturale della provincia bergamasca. Altrettanto emblematico b 
I'accompagnamento di "descrizione" con altri termini, siano di primaria importanza 
e dunque di forte capacity definitoria (come nella Descrizione di un viaggio a Pesto 



24. Se in Ipaesi del lago di Como in nuova foggia descritti, aggiuntovi un cenno sulle strode 
di Stelvio e di Spluga ( 1 828) Anna Peq^enti sottolinea la novita del taglio del suo libro, sempre 
nel XIX secolo e per le raedesime zone Luigi Boniforti ricorre al superlativo: Per laghi e 
monti. Nuovissima guida. Laghi Maggiore, di Como e Lugano, San Gottardo e gile diverse 
(la datazione e incerta). 

25. II titolo completo e ben altrimenti dettagliato: Nuova Descrizione di Roma Antica, e 
modema e di tutti li piii nobili monumenti Sagri, e Profani che sono in essa, e nelle sue 
vicinanze cioe Archi, Tempi, Anfiteatri, Cerchi, Obelischi, Basiliche, e Chiese, collanotiiia 
delle Reliquie piti insigni, che si conservano in esse, Palazzi, Biblioteche, Musei, e Ville, 
Pitture, e Sculture co' nomi de' piu. celebri Architetti, Pittori e Scultori fino al presente, 
ed infine la Cronologia di tutti i Romani Pontefici (1793, 4a ed.). 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 283 

di Mercurio Ferrara, del 1827), siano invece parole destinate a loro volta a diventare 
in ftituro termini -chiave: t il caso di "gita" (nel 1821, al Viaggio alLago di Como 
Davide Bertolotti aggiunge La descrizione di una gita da Milano a Cassano lungo 
il Naviglio). L'ormai perduta vocazione individuante del termine, nonper niente 
posto ndVincipit del titolo, t invece recuperata in un libretto per nozze, citato 
(accadii spesso con i nuptialia) come indicazione di retrovia: la Descrizione dell'isola 
di Sardegna pubblicata per lefaustissime nozze di Eleonora De ' Conti Solaro Delia 
Margharita col Barone Giovanni Cantono De' Marchesi di Ceva, datata 1847, t 
opera di Antonio Bresciani. 

In parallelo a tale "indebolimento" del significato tradizionale della parola 
"descrizione", confermato dalsuoprogressivodeclassamento nell'ambito del titolo 
in posizioni sempre piij lontane da quella di incipit, fra 1818 e 1842 si consolidano 
nuove accezioni del termine. Alia descrizione anonima della citt^ di Genova 
seguiranno ben presto quelle di Verona, Parma, Torino, Pisa, Catania, Milano, 
Firenze, ma anche di centri minori come Ceneda e Frascati.^* Sono gli anni in 
cui il termine subisce un doppio aggiomamento semantico: essendo molte di queste 
opere confezionate espressamente per un pubblico di scienziati," "descrizione" 



26. Le radici storiche di queste descrizioni urbane ottocentesche sono le stesse indicate da 
Eric J . Leed a proposito delle descrizioni incluse — secondo le prescrizioni della pubblicistica 
apodemica — nei testi di viaggio del Settecento: "La tecnica di descrizione e osservazione 
delle citta attingeva alle tradizioni piu vecchie della retorica antica e della commemorazione 
tardomedioevale di luoghi nelle eulogie civiche, che richiedeva I'elogio della citta e delle 
sue mura, della pianta, delle case, dei monumenti, delle Industrie, della ricchezza, oltre 
che della fermezza e delle virtu dei cittadini" (La mente del viaggiatore. DalV" Odissea" 
al turismo globale, trad, di E. J. Mannucci, Bologna, II Mulino, 1992, p. 220). 

27. Nel 1860 Davide Bertolotti scrisse su richiesta dell'amico Angelo Brofferio un'autobio- 
grafia {Ricordi della mia vita letteraria) in cui e rievocato il momento in cui gli venne 
commissionata la Descrizione di Torino. "11 secondo Congresso dei Dotti italiani doveva 
adunarsi in Torino nel settembre del 1840. Per onorare gl'illustri suoi ospiti il Municipio 
[...] voile presentarli di una Guida della citta, ed a me commise la cura di scriverla. Era 
erculea fatica perche mancavano affatto le notizie statistiche, e quel pensiero era nato si 
tardi, che appena rimanevano cinquanta giomi a raccoghere i materiah, ad ordinarli, a dar 
loro giuste proporzioni e buone forme di stile; in somma, ad allestire il manoscritto prima 
di darlo alle stampe. Aggiungasi che naturalmente I'opera dovea riuscir degna di si grave 
consesso, rappresentante la scienza itahana [...] L'esempio torinese diede origine alle 
'Descrizioni' di Firenze, di Milano, di Genova e delle altre citta in cui si tennero 
successivamente que' Congress!, che dagh awenimenti del 1 848 furono inabissati nel vortice 
loro". II passo e citato da Andrea Viglongo, "Note e appunti sulla Descrizione di Torino 
di Davide Bertolotti", in D. Bertolotti, Descrizione di Torino (Torino, Viglongo, 1968; rist. 
anastatica dell'edizione edita da Pomba a Torino nel 1 840), pp. 5-6. Si tratta di un fascicoletto 
di formato ridotto legato aU'intemo del volume, con numerazione propria. II primo Congresso 
intemazionale per le scienze fisiche e natural! fu organizzato nell 8 1 5 in Svizzera , e a questo 



284 LUCA Clerici 

assume un valore specifico "alto", quelle di radiografia statistico-economica della 
realty urbana, particolarmente attenta ai servizi. Nello stesso tempo, conanaloga 
valeiiza geograficamente circoscritta ad una singola citt^ il tennine finisce presto 
con I'individuare anche testi "bassi", di utilizzo pratico, diventando sinonimo di 
agile guida. Sempre con la stessa diffusione geograficamente capillare, alle 
descrizioni di capitali e di citt^ di provincia si alternano con buon ritmo descrizioni 
di laghi e di isole, grandi e piccole. Se \a. Descrizione della Sardegna di Francesco 
d'Austria Este risale al 1812, nel 1816 Domenico Romanelli propone alcuni 
interessanti documenti intitolati Descrizione dell'isola di Capri (1816), ma conta 
soprattutto registrare due analoghe imprese dedicate a locality meno scontate e di 
rilevanza storico-geografica assai minore, la descrizione di Ustica del 1842 e quella 
di Pantelleria del 1853. Scorrendo le descrizioni inventariate nella bibliografia fmo 
a met^ secolo ci si trova dunque di fronte ad una sorta di analitica mappatura del 
territorio italiano per piccole e medie realty locali. Ecco perch6 non sorprende affatto 
il successo del primo tentative di sintesi nazionale, la fortunata Descrizione dell' Italia 
di Francesco Costantino Marmocchi edita la prima volta nel 1846,^^ esempio 
capostipite di una serie di operazioni editoriali analoghe. Vanno nella stessa direzione 
ma sono disponibili in un momento cronologicamente piu significativo L 'Italia 
meridionale. L 'antico reame delle Due Sicilie. Descrizione geografica, storica, 
amministrativa ( 1 860) di G. De Luca e, soprattutto, la Descrizione geografica della 
penisola italiana nel 1861 di L. Schiaparelli, che con orgoglio include nel titolo 
la storica datazione. Diverse altre opere di analogo impianto nazionale si susseguiran- 
no negli aimi Sessanta e Settanta,^' senza che percid vengano trascurate le indagini 
dedicate a piccole locality; con un'ottica questa volta positivista, si ricordino le 
Descrizioni, usi e costunii di Pozzomaggiore, villaggio dell'isola di Sardegna (1867) 
di Pietro Dettori. Ormai, alia specificity del tema si accompagna la precisazione 
del taglio dell'indagine: nel 1877 G.B. Favallini Bonifazio intitola il suo libro / 
Canuini e la loro valle, ossia descrizione topogrqfica-geologica-industriale, statistica 
e storica della Valcamonica. Fatta 1' Italia, la mappatura del suo territorio b condotta 
da nuove e piu aggiornate prospettive. Si tratta di una tendenza che verso la fine 



ne seguirono diversi in varie parti d'Europa (Lipsia, York, Lione, Strasburgo, Stoccarda 
ecc). 

28. In forma di aggettivo il termine si trova anche prima, ad es. in L 'Italia descritta e dipinta 
nei costumi de' suoi abitanti (1841), piccolo volume di autori vari che passa in rassegna 
alcuni "tipi" caratteristici ("II sartore", "La modista", "II pittore", "II giomalista") e in 
Ignazio Cantu, La patria ossia I' Italia percorsa e descritta. Letture giovanili (1844). 

29. Se per esempio Alberto Fondi stampa un volume di modesta mole (Breve descrizione 
d' Italia ne' monumenti, nelle arti e nelle bellezze natural!, 1867), nel 1871 Ariodante Manfredi 
propone Le cento cittad' Italia. Descrizione Storico - Politica - Geografica - Commerciale - 

Religiosa - Militare. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 285 

deirOttocento assume coloriture divulgative, per esempio in JJn viaggio in Italia. 
Descrizioni aneddottiche di Felicita Morandi (giuntoalla terza edizione nel 1890) 
e in Alpi eAppennini. Ascensioni, escursioni e descrizioni popolari illustrate (1885). 
Del titolo di questa pubblicazione, diretta insieme ad altri dal Cav. Giuseppe Corona, 
conta soprattutto sottolineare I'accenno alle illustrazioni, la componente destinata 
ad assuniere sempre maggiore rilevanza in questo genere di libri. Una tendenza 
raanifesta sin dal decennio precedente: Dall 'Alpi all 'Etna. Descrizione pittoresca 
dell 'Italia b in libreria nel 1876. Con cio, siamo alle ultime descrizioni inventariate, 
tutte opere sintonizzate con il clima culturale/z« de siicle; fatta salva I'eccezione 
di La Valle d'Aosta descrizione geografica, il termine "descrizione" non avr^ pii 
alcun corso nei titoli del Novecento. Opera di Alberto Pelloux, apparve nel 1901 
in una sede che fa fede del taglio settoriale del saggio, la "Ri vista militare italiana" . 

Pur essendo ancora piu specific© di "descrizione", il significato del termine 
"relazione" gi^ nel corso del Settecento mostra diverse sftimature, a partire da quella 
di documentazione di viaggi altrui o di viaggi propri. Sono della prima met^ del 
secolo tanto la Relazione del viaggio del Re e Regina di Napoli a Venezia, Padova 
e Ferrara (1738) quanto il manoscritto della Relazione del viaggio di S.A.R. la 
Signora Duchessa di Savoia (1750); ad uso personale e invece la relazione 
manoscritta di Giovanni Battista Malaspina, dedicata al viaggio del 1786 in Francia 
e in Italia.^ Se come sinonimo di guida il termine ha poche occorrenze (lo utilizza 
Giovacchino Faluschi nella Breve relazione delle cose notabili della citta di Siena 
ampliata e corretta del 1784), il suo valore piu appropriato t quello scientifico, 
nel senso in cui lo impiega Giovaimi Targioni Tozzetti: Relazioni d'alcuni viaggi 
fatti in diverse parti della Toscana per osservare le produzioni naturali e gli antichi 
monumenti di essa (1751-1754). Nella prima met^ dell'Ottocento sono infatti da 
registrare diverse occorrenze scientifico-burocratiche (edita nel 1852, Delia regione 
vulcanica del monte Vulture e del tremuoto ivi awenuto nel di 14 agosto 1851 1 
nna Relazione fatta per incarico dell 'Arciduca daL. Palmieri e A. Sacchi; nel 1871 
Antonio Salvagnoli stampa la Relazione della visita fatta nell'aprile 1871 all'Agro 
Romano da una parte dei componenti la commissione per gli studi sull'Agro 
Romano), mentre bisogna aspettare la seconda parte del secolo perch6 il termine 
assuma coloriture meno specifiche. Come quando ci si imbatte nell'accoppiata 
"relazione"-"gita", un binomio attestato parecchie volte fino al 1898, anno in cui 
L. Melloni stende la Relazione della gita pedestre San Giorgio di Piano-Torino. 
Km. 335 in 7 giomi (1898) per conto della Society ginnastica Fortitudo di San 
Giorgio di Piano. 

Accezione quasi eminentemente tecnica ha invece un termine tanto tipicamente 



30. II testo e stato in parte pubblicato da Alessandro D'Ancona, "Francia e Italia nel 1786. 
Nella Relazione del viaggio di G. B. Malaspina", in Viaggiatori e avventurieri (1912), 
Firenze, Sansoni, 1974, pp. 243-284. 



286 LucA Clerici 

settecentesco daveniraddiritturarimpiazzato nelsecolo successive: neH'Ottocento, 
invece di "saggio" si dir^ "studio". Non per niente la parola compare soprattutto 
in testi di carattere scientifico, come testimoniano le molteplici specificazioni 
disciplinari cui t sottoposta: Saggio suit 'economia campestre per la Calabria Ultra 
(Domenico Grimaldi, 1770); Saggio orittogrqftco, owero osservazioni sopra le terre 
nautilitiche ed ammonnitiche della Toscana (Ambrogio Soldani, 1780); Saggio di 
fenomeni antropologici relativi altremuoto (Francesco Saverio Salfi, 1787); Saggio 
itinerario nazionale delpaese de' Peligni (Michele Torcia, 1793). Un trattamento 
identico a queilo riservato soprattutto dopo TUnit^ al termine "smdio": sin dal titolo 
tanto L 'Italia vivente. Studi sociali (1878) di Leone Carpi, quanto L'ltalia e 
I'Oriente. Studi etnografici, storici epolitici (1882) di Mariano Bianchi dichiarano 
la loro appartenenza culturale all'et^ del positivismo; I'ambito b ora queilo delle 
scienze umane. Se le deformazioni nominali sono orraai ricorrenti in diversi titoli, 
negli Studietti autunnali del 1872, dedicati da Codemo e Gesterbrand a Chioggia 
e Schio, il diminutivo affettivo t tanto piii interessante proprio perch6 applicato 
ad un termine tecnico. 

Nel complesso, rispetto al numero di opere, ladifferenza quantitativa fraquesti 
primi generi di viaggio b piuttosto netta: le descrizioni sono uncentinaio; le raccolte 
di lettere una cinquantina e una trentina le relazioni; di saggi-studi, sparsi in modo 
abbastanza regolare fra 1750 e 19(X), ne ho contati circa 15. A guardare I'andamento 
quantitative delle descrizioni, si assiste ad un netto incremento concentrate in due 
periodi, dal 1816 al 1850 e dairUnit^ fino agli anni Ottanta. Come se prima e dopo 
il 1861 al genere "descrizione" fosse demandato il compito di far prendere coscienza 
(e conoscenza) della multiforme realty nazionale agli italiani. Colpisce infatti 
constatare la scomparsa del termine dai titoli a partire dal 1890, una tendenza 
confermata inseguito: nel Novecento non ho inventariato neppure una descrizione. 
Almeno fino ad un certo momento, i testi di viaggio organizzati in serie di lettere 
hanno invece uno sviluppo piuttosto omogeneo, con una maggiore density di titoli 
nella prima met^ del XIX secolo e fra 1863 e 1882; per converse, la mia bibliegrafia 
non ne contempla alcuno n6 fra 1850 e 1862 n6 dopo il 1883, e sole due nel 
Novecento. Anche per il termine "relazione" vale un'analoga prevalenza di 
attestazieni sette-ottocentesche e, per quanto riguarda in particolare il XIX secolo, 
sono ancera una volta gli anni Settanta a dimestrarsi piu ricchi di occorrenze. 

A comparire nel mio regesto sin dal 1750 in un numero di occorrenze di gran 
lunga piu alto rispetto ai termini-chiave fin qui presentati, b per6 un'altra parola. 
II date b facilmente intuibile: il numero dei fitoli che comprendono il termine 
"viaggio" in posizione dominante b in assolute il piii alto di tutta la bibliografia. 
Un numero destinato a crescere non di poco aggiungendo le occorrenze in cui la 
parola assume ftinzione di specificazione, a partire dal capostipite Lettere di viaggi 
di Giovaimi Andrea e Benedetto Giovanni Giovanelli, stampato fra 1745 e 1750. 
Se in effetti I'esibizione del termine "viaggio" nel titolo b il piu frequente 
contrassegno di appartenenza di un testo al genere, in un periodo storico circoscritto. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 287 

e con attestazioni ben meno frequent! , il medesimo compito b svolto pure 
dall'aggettivo "odeporico", la cui latitudine semantica b per6 molto piu limitata. 
Attestato per la prima volta nel 1780 con le Lettere odeporiche^^ di Angelo 
Gualandris, variante sinonimica del titolo dei Giovannelli appena menzionato, 
I'aggettivo ricorre in un insieme omogeneo di titolazioni d'indole dichiaradva. Si 
tratta di titoli tradizionalmente impostati in modo esplicativo rispetto ai contenuti, 
al punto da rendere degna di nota la terza ed ultima testimonianza ottocentesca della 
parola (imprevedibile in questo contesto, unicum come aggettivo sostantivato): 
Odeporico e passeggiate suburbane (1840). 

Con il passare degli anni i titoli in cui "viaggio" compare in posizione sintattica 
preminente tendono ad allungarsi, e il termine vanta una serie di specificazioni e 
punmalizzazioni sempre piu analitiche, a cominciare dalla semplice indicazione della 
meta: il Viaggio a Roma e a Napoli di Ubertino Landi t del 1750. La precisazione 
puo consistere nella frequentissima aggiunta dell' indicazione temporale del viaggio, 
a partire dalFanonimo Viaggio in Italia del 1753, ma ben presto I'individuazione 
della meta t formulata in modo tale da rendere evidente lo specifico interesse 
dell'autore: Ignazio Biscari di Patem6 scrive il Viaggio per tutte leantichita della 
Sicilia Descritte (1781). Verso la fine del secolo il termine mostra un certo 
"cedimento", una disponibilit^ a passare in secondo piano, e non per niente 
cominciano ad aumentare le guide semplicemente intitolate Viaggio, Ilviaggiatore. 
Analogo segno di indebolimento t I'anticipazione della meta rispetto alia parola- 
chiave proposta da Carlo U. De Salis Marschlins in Nel regno di Napoli: viaggi 
attraverso varie province nel 1 789, mentre con il Diario di Viaggio Odeporico nelle 
Valli dell'Arda e della Nurefatto dal dott. Plateretti Medico e Filosofo Borghiggiano, 
nell 'anno 1786 Taffollamento di informazioni e di specificazioni di genere declassa 
la parola-chiave riducendola a lessema fra tanti altri di pari dignity. In effetti, con 
i primi anni dell'Ottocento si profila una maggiore liberty di combinazioni non solo 
fra gli indicatori di genere, ma anche fra tutti gli ingredienti canonici delle titolazioni 
ereditad dal secolo dei lumi. "Viaggio" si combina a "itinerario", a "osservazioni 
naturali", a "ragguaglio", ma anche ai piu scontad "descrizione", "diario" e 
"memorie", e non di rado il termine assume semplicemente il suo significato 
referenziale. E' ilmomento della comparsa dinuoviqualificatori: proprionel 1801, 
in siffatto regime di mescolanza temiinologica, ecco la prima testimonianza 
dell'aggettivo pittorico (il significato rimanda all'apparato iconografico della 
pubblicazione) in due titoli entrambi dedicati alia Toscana.^^ Questa liberty 



31. Le lettere dedicate a localita italiane sono le prime (ad Agordo, a Lovere, a Bergamo) 
e I'ultima (a "Turrino"). 

32. Mi riferisco al Viaggio pittorico della Toscana (1801-1803) di Jacopo e Antonio Terreni 
e al Viaggio pittorico della Toscana che contiene le piante e prospetti delle cittd e terre 
principali della medesima(\%Q\-\%03) di Giovamii Battista Pasquini. II successo del Viaggio 



288 LucA Clerici 

"comblnatoria" unita ad una nuova spregiudicatezza si esplica ad esempio nell'inedita 
collocazione enfatica del possessive. Rispetto alia sottolineatura dell'autore e 
dell 'originality soggettiva del testo, ad essere svalutati sono sia I'indicazione del 
genere sia i riferimenti alle geografie e al "taglio" disciplinare del resoconto. E' 
la scelta di Bartolomeo Gamba nelle Letter e scritte nel mio viaggio d 'Italia (1802), 
una scelta analoga a quella di Antonio Benci, espressa piu discretamente con il 
ricorso alia terza persona: Note dei suoi viaggi (1823-1838).^^ In una direzione 
analoga vanno pure quei titoli in cui ad essere esibito d invece I'articolo determinati- 
vo: si pensi sia all'originale tragitto di Teodoro Hell, Filippo Scolari e Giuseppe 
Polanzani, // viaggio in Italia sulle orme di Da/ire (1841), sia a // viaggio in Sicilia 
(1855) di R. Giani. 

Oltre ad alcune inedite qualificazioni di notevole interesse (dal Viaggio 
pedagogico di Erraenegildo Pini del 1802 al Un viaggio di piacere stampato nel 
1871 da Achille Sanducci, fino al celebre Un viaggio elettorale desanctisiano del 
1876), si impongono all'attenzione alcuni aggettivi che rimandano a specifici ambiti 
culturali, a precise mode letterarie^: il Viaggio rom^Aiflco (1824-1832) di Modesto 
Paroletti (da affiancare al piu eclettico // magnifico Piemonte, la romantica Savoia 
e la marittima Sardegna di Antonio Borgani, del 1857), La Maiella, viaggio 
sentimentale (1837) di P. De Virgilis, i Viaggi umoristici per l' Italia (1876) di 
Gustavo Strafforello, per non citare il Viaggio medico a Parigi, con alcuni particolari 
sopra Pisa del 1834, titolo con una sfumatura gi^ positivista. In parallelo comincia 
ad affermarsi la consuetudine degli alterati: la Descrizione di un piccolo viaggio 
a Frascati (1828) di Francesco Cassi precede di venticinque anni il Viaggetto 



dei due Terreni merita la menzione per esteso delle varie edizioni: I ed., Firenze, presso 
Giuseppe Tofani e Compagno, 1801-1803, tt. 3; II ed. rivista ed accresciuta da Francesco 
Fontani, Firenze, Marenghi, 1822, voll. 6; III ed., Firenze, Francesco Batelli, 1827-'34, 
voll. 6; r opera e disponibile anche in edizione modema come Viaggio pittorico della Toscana, 
a c. di Francesco Fontani (Firenze, Libre ria Editrice Fiorentina, 1981). 

33. II medesimo effetto di personalizzazione del viaggio e ottenuto in modo diverso, adottando 
e qualificando la parola "viaggiatore", neUa Lettera di un viaggiator parigino sul bello e 
sul brutto, sul buono e sul cattivo della citta di Milano (1819). L'opuscolo e anonimo, ma 
attribuibile a G. Gherardini. 

34. Molto spesso sono alcuni fortunati titoli stranieri ad esercitare un'influenza diretta sulle 
titolazioni nostrane: dallo stemiano Viaggio sentimentale (1768), alle settecentesche 
Fantasticherie del passe ggiatore solitario di Rousseau ai Primi viaggi a Tig Zag (1843) del 
ginevrino Rudolph Toppfer. Ma si potrebbero citare tanti altri casi. Invece, fra gli esempi 
di traduzione di titoli stranieri tramite locuzioni attestate nella tradizione odeporica italiana, 
ricordo il fortunato Three Men on the Bummel (1900) di Jerome Klapka Jerome. La traduzione 
Tre uomini a zonzo si inserisce nel solco tracciato fra gli altri da G. Niccolini con A zonzo 
peril circondario di Casale Monferrato (1877) e da Nicola Lazzaro con A zonzo per U golfo 
(1880). 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 289 

pittorico ed erudito da Venezia di Ambrogio Rigamonti. Fra le specificazioni piu 
caratteristiche di fine secolo vanno annoverati i richiami ai mezzi di trasporto, 
rispetto ai quali la tradizionale indicazione della durata temporale del tragitto assume 
un nuovo significato. Cosi, si moltiplicano i titoli come quello di Paolo Tedeschi 
Per un effe: viaggio in istradaf errata da Venezia a Trieste (IS70) e di G. Martinez, 
Tre ore di viaggio inferrovia da Messina a Catania. Impressioni e ricordi (1878), 
e per contrasto si affermano sia gli elogi del procedere a piedi, sia le geografie 
ristrette, urbane e locali. Nel primo caso basti citare In cammino, fantasie di viaggio 
(1880) di Carlo Borghi e A passoapasso. Viaggio straordinario alia cascata della 
Toce e al ghiacciaio orientale del Monterosa (1883), due titoli fra i tanti di 
impostazione analoga. C^le indicazione di un breve tragitto (aH'intemo di Torino), 
ricordo invece il Viaggio sul tramway da piazza Castello a Moncalieri (1876) di 
Luigi Rocca, titolo che contiene pure il riferimento ad un mezzo. 

Nel complesso, il XIX secolo vede salire alia ribalta definizioni di genere 
piuttosto duttili, che tendono a "mischiare" una terminologia fin qui piuttosto rigida. 
Per esempio, il Giomale del viaggio mineralogico di Gianbattista Brocchi h datato 
1811-1812; nel 1843 Antonio Bresciani pubblica alcune Lettere descrittive aggiimtovi 
quella del Viaggio nella Savoia, e tre anni dopo Pietro Calcara stampa il suo 
Rapporto del viaggio scientifico. Limitandosi a tre soli titoli, ecco gli esiti della 
combinatoria fra "giomale", "viaggio", "lettere", "rapporto" e "descrizione". E' 
la via che culminer^ con I'affermazione dei titoli di fantasia — di gran lunga i piu 
numerosi nel Novecento — , anticipati da quello di Giovanni Spano, Mnemosine 
sarda Ossia ricordi e memorie di varii monumenti antichi, con altre rarita dell 'Isola 
di Sardegna ( 1 864) , cui si possono affiancare i successi vi Lagune, monti e caveme: 
ricordi de' miei viaggi (1879) di Aurelia Cimino Follero de Luna e, almeno. In 
cerca di cavallette: gita nelle Alpi Apuane, raccontata ai miei scolari (1884) di 
Tommaso Catani. 

Un discorso analogo a quello svolto per i "viaggi" si pu6 fare a proposito della 
guidistica, genere altrettanto longevo che annovera una straordinaria quantity di 
titoli, non sempre rivelatori dell'effettiva indole dei testi, peraltro spesso anonimi. 
Titoli in cui il termine-chiave "guida" si altema ad una lunga serie di sinonimi ("Lo 
straniero", "Notizie", "Itinerario", "Istruzione per chi viaggia", "II viaggiatore 
modemo" ecc), una costellazione lessicale che varia con il variare delle epoche. 
Proprio alio scopo di introdurre un elemento disambiguante in tale variety, assai 
di frequente nel titolo la parola "guida" compare in aggiunta ad un altra parola meno 
direttamente denotativa. Accade in titoli sintetici, sia inincipit (Giovanni Battista 
Berti, Giddaper Vicenza ossia memorie storico critiche, 1822), sia in seconda battuta 
(Giuseppe Bennassuti, Viaggio storico e pittorico, ossia guida della Toscana, 1832). 
Si tratta di una precisazione ottenuta anche con la forma analitica della doppia 
titolazione (Pellegrinazioni epasseggiate autunnali nell 'anno 1861 di G. F. Baruffi 
— Guida nella Valle di Susa e Bardonndche al Traforo delle Alpi, 1862), oppure 
grazie alia dichiarazione diretta del genere scelto dall'autore: il Viaggio intomo 



290 LUCA Clerici 

al Garda disposto in forma di guida (1878) b opera di Filippo Micheletti. 

Grazie alia spiccata vocazione pratica di questo genere di libri, piu di quelli 
di qualunque altro testo di viaggio i loro titoli sono emblematici del modificarsi 
delle esigenze del lettore. Alia sempre piu pedissequa dichiarazione dei contenuti, 
presto si accompagna I'indicazione dei tempi di percorrenza, non a caso posti spesso 
in apertura: se Pietro Fiocchi intitola il suo baedeker Otto giomi a Milano, ossia 
guida pelforestiere e alle cose piu rinmrchevoli delta citta e suoi contomi divisa 
in otto passeggiate (1838), cinque anni prima circolava gi^ Una giomata di 
divertimento da Napoli a Pozzuoli. A conferma della maggiore indipendenza delle 
titolazioni dal contenuto, riscontrabile alle soglie del Novecento persino nelle guide, 
valga // Cicerone milanese del 1881, il cui sottotitolo fa propria una categoria 
letteraria di moda, Guida umoristica di Milano. Giusto I'anno dopo, r"umorista" 
Giovaimi Faldella pubblica il parodico Paese di Montecitorio, una Guida alpina 
(1882). N6 va sottovalutata la spinta esercitata dai nuovi mezzi di trasporto per 
imporsi sui frontespizi, come testimonia la Guida ciclistica d 'Italia di Giacinto Tosi, 
del 1896, titolo indubbiamente originale per I'epoca. 

Tanto le guide, quanto i libri recanti in copertina il termine viaggio, lo si t 
visto, tendono ad assimilare nel titolo parole in voga, spesso destinate ad emanciparsi 
e ad imporsi in un certo periodo. Parole la cui storia t quasi sempre piuttosto breve, 
e tendenzialmente circoscritta in ambito ottocentesco. Cos! t per il termine 
"peregrinazione" (del 1841 ^ la variante Pellegrinazioni), una parola attestata una 
sola volta nel Settecento (Emmanuele Mola, Peregrinazione letteraria per una parte 
dell 'Apulia con la descrizione delle sue soprawanzanti antichita, 1796). Proprio 
in ragione del suo sapore ricercato e un po' demod6, la si incontra invece abbastanza 
di frequente nel XIX secolo, almeno a partire dal ripetuto uso che ne fece Davide 
Bertolotti sin dal 1822 (Peregrinazioni al lagod'Orta). Anche in questa occasione 
si assiste alia progressiva dilatazione semantica del termine, per via della 
sottolineatura "esotica" del soggetto del viaggio (Valentino Carrera, Peregrinazioni 
d'uno zingaro per laghi ed alpi, 1861), in ragione dell'uso inopinatamente 
appropriato del termine (Iginio Martorelli, Una peregrinazione ai santuarii della 
Beatissima, 1873), grazie ad una specificazione scientifica, quanto mai rivelatrice 
dell'elasticit^ acquisita dalla parola (A. Tellini, Peregrinazioni speleologiche nel 
Friiili, 1899). 

Analoga storia in prevalenza ottocentesca ha la parola "illustrazione", stretta 
parente degli aggettivi "pittorico" (a lungo unico qualificatore di "viaggio", in un 
secondo tempo anteposto invece ai vari storico, antiquario, geografico, statistico, 
ecc.) e "pittoresco" (attestato piu tardi e in posizione meno vincolata rispetto al 
termine-chiave, come nelle Passeggiate autunnali nei siti piU pittoreschi e piU 
dilettevoli d' Italia di Agostino Verona, del 1870). Molto usato dai viaggiatori 
deirOttocento, il termine "illustrazione" compare di rado nel Settecento, epoca 
in cui deve concorrere con il piii frequente "veduta". Fra 1870 e 1885 1'espressione 
furoreggia, dopo di che declina nettamente e, dal 1924, scompare. Nel Settecento 



I Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 291 

e nei primi decenni deU'Ottocento "illustrazione" ricorre esclusivamente nella forma 
aggettivale "illustrato", sempre riferita a locality {La Garfagnana illustrata di 
Pellegrino Paolucci h del 1 720); solo in un secondo tempo assume il senso moderao 
di designazione del tipo di libro {Una gita a Firenze. Guida descritta e illustrata 
della citta e dei suoi contomi, alia terza edizione nel 1870). La stretta parentela 
deir illustrazione con il genere del "souvenir", piuttosto diffuso nella prima met^ 
del secolo, ben si intende ogni volta che la parola, conquistata la dignity di 
sostantivo, compare accanto adalcuni termini rivelatori. Pensoal termine "album" 
(con le sue Illustrazioni e ricordi del Lago Maggiore. Album descrittivo, pittorico 
e poetico-musicale, nel 1871 Luigi Boniforti offre al lettore pure un album musicale), 

, a "disegno" (Lombardiapittoresca e disegni f. . J con le relative illustrazioni, 1836- 
1838) o a "fotografia" (nel 1869 V Album del viaggiatore, nuova illustrazione di 
Brindisi di Raffaele MarzoUa h corredato da 23 fotografie). Gli intenti promozionali 
e divulgativi ancora impliciti nei titoli di tutti questi volumi vengono infine espressi 

. a chiare lettere suUa copertina di Alpi e Appennini. Ascensioni, escursioni e 
descrizioni popolari illustrate (1885). 

Fragli svariati nuovi termini affermatisi aH'intemo dei titoli dei testi di viaggio 
ottocenteschi, alcuni hanno indubbiamente maggiore rilevanza: seguendo I'ordine 
della loro comparsa, mi soffermerei rapidamente su quattro dei piii caratteristici. 
Penso a "gita", a "passeggiata" (con la sua variante specialistica "escursione") e 

la "bozzetto" e "impressione", due vocaboli di evidente derivazione pittorico- 

I letteraria. "Gita" mostra sin dall'esordio, nel 1821, una tendenza a risalire nella 
successione sintagmatica del titolo verso la prima posizione, fino a collocarsi in 
incipit — per rimanerci piuttosto a lungo — nel 1836, con la Gita a Catania e 
dintomi. Ricordi di viaggio. Le accezioni dominanti sono due. Quella scientifica 
b ancora implicita nella Narrazione d 'una gita al Vesuvio fatta nel dl 26 gennajo 
1832 di Leopoldo Pilla, ma nel manoscritto datato 1847 di Alberto Parolini, Diario 
autografo di A. P. di una gita geologica nelle Alpi venete, 1' indole del testo b 

: dichiarata. La seconda accezione di "gita" corrisponde al significato di guida. E' 
il caso delle diverse gite autunnali di Evaldo, libri di particolare successo a giudicare 

; dalla diffusione dell'aggettivo "autunnale", attestato inalmeno una decina di titoli 
ottocenteschi.^* In corrispondenza alia progressiva perdita di specificity del suo 
significato, compaiono come al solito titoli in cui il termine viene affiancato da altri 

' vocaboli: cosi t nella Gita alle paludi pontine: relazione (1872) di Felice Giordano. 

' Altrove, "gita" h parola raddoppiata con "memorie", "reminiscenze" ecc. Chiaro 



35. A parte VOdeporico e passeggiate suhurbane, di due amid, negli autunni 1836, '38 
e '39 (1840), in cui il riferimento all'epoca e referenziale, "autunnale" compare prima che 
nei libri di Evaldo solo in G. F. Baruffi, Pellegrinazioni autunnali ed opuscoli (1841). Da 
notare che in tutta la bibliografia non v'e traccia di nessuno degh aggettivi relativi alle altre 
stagioni deU'anno. 



292 Luc A Clerici 

segnale deH'indebolimento del termine t sia la sua estensione ad un ambito 
burocratico-amministrativo (accade nel 1876 con la Relazione sopra una gita in 
valle d'Amofatta di commissione del sig. Vincenzo Guerri di Firenze di L. Parodi 
e A. Fabbri), sia la sua occorrenza in forma alterata (G. B. De Capitani, Una 
giterella autunnale da Milano a Roma descritta a volo d'uccello, 1875), sia infine 
il valore che a volte assume di sinonimo di escursione (C. Macchia, Una gita alia 
Majelletta nel 1875, 1877). Dopo I'exploit nel ventennio '66-'86, in cui si contano 
almeno una cinquantina di occorrenze, il decline della fortuna di "gita" b 
preannunciato daU'apparizione di curiose aggettivazioni di supporto ormai necessarie 
per conferire visibility al termine: i Bozzetti alpini — Mare e Paesi — Gite 
capricciose di Giuseppe Revere sono del 1877. Analogo significato viene ad avere 
I'uso della parola in situazioni particolari. Nel 1884 la tradizionale sfumatura 
"leggera" e disimpegnata del termine non impedisce ad Angiolo G. Del Grande 
di utilizzarlo in un contesto fmo a qualche tempo prima quanto meno 
inappropriate : ^^ Appunti e ricordi sulla gita all 'ossario di S. Martino il di 24 giugno 
1881 fatta dai veterani, reduci e cittadini di Pisa}'' E, puntuale, la parola viene 
adottata nei circuiti bassi del sistema letterario, facendo il suo ingresso nella 
produzione divulgativa e di intrattenimento: Gite. Appunti di viaggio per i ragazzi 
di Tommaso Catani t in libreria nel 1893. 

Tanto "passeggiata" quanto "escursione" contano alcuni precedenti settecente- 
schi^^ ma, seppur per via di un numero di presenze abbastanza modesto, sono parole 
che caratterizzano soprattutto i titoli dell'Ottocento. Per il primo termine mi limito 
a richiamare un testo curioso, I'unico a me noto in forma di dialogo: le Passeggiate 
a Carciano. Dialogo (1880) sono opera di Filippo Cicconetti. Di "escursione" va 
invece registrato raltemarsi dell'accezione propriamente alpinistica ad altre 
sfumature, sempre espresse da un qualificatore che rinvia a discipline particolari. 
Ci si pu6 allora imbattere sia in un aggettivo specific© (escursione "botanica", 



36. Piu precisamente, qui come in molti altri casi ad essere recuperata e un'accezione antica 
della parola: il Grande Dizionario della Lingua Italiana di Salvatore Battaglia (Torino, Utet, 
1961-1994) registra infatti il significato cinquecentesco di visita di devozione. 

37. Ma certi itinerari macabri sembrano in voga gia da parecchi anni, almeno a giudicare 
da // Camposanto de ' torinesi. Passeggiata ne ' dintomi di Torino di G. Baruffi, giunto alia 
seconda edizione nel 1863, e dal Viaggio sentimentale al camposanto colerico di Napoli 
(1837) di Lorenzo Borsini. 

38 . Dalla Giomata terza de 'passeggi storico topografico critici nella cittd, indi nella Diocesi 
di Milano di Nicolo Sormani (Milano, P. F. Malatesta, s.d. [1752]) si passa alia Passeggiata 
per la Liguria occidentale fatta nell'anno 1827 di Giacomo Navone (1832); dal Viaggio a 
Chioggia. Escursione a Montegibo del 1784 di Lazzaro Spallanzani il salto cronologico e 
fino al 1 832, con le Notizie d 'una escursione fatta nel 1832 nelle tre valli del Piemonte abitate 
dai Valdesi di Azanam. 



I Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 293 

"paletnologica"), sia in formule allusive, come ntW Escursione sotterra di P. Lioy 

i del 1873, incui I'interesse geo-idrologico dell'opera 6 solo suggerito. Decisamente 

1 moderni sono infine i termini "impressioni" e "bozzetto", I'uno databile 1844 

! (Cesare Malpica, Vn mese negli Abruzzi. Impressioni), Taltro 1857 (Giuseppe 

Revere, Bozzetti alpini editi ed inediti). Quanto a "impressioni", capita molto spesso 

di trovarlo accompagnato da un sostantivo di supporto (impressioni e "appunti", 

e "ricordi", e "schizzi"), giocato dagli autori piu abili con una certa efficacia. A 

costruire un titolo piuttosto icastico t ad esempio Ruggero Bonghi, grazie alia 

contrapposizione simmetrica della quality positiva delle sensazioni al tenore negativo 

i dei ragionamenti. Ma, con In viaggio da Pontresina a Londra: impressioni dolci, 

osservazioni amare(lSSS), siamo oltre il passo del Bemina. Se I'articolo di Cletto 

Arrighi Tremila chilometri in died giomi (impressioni e notef^ rivela solo alia 

lettura la sua indole di reportage giomalistico, alia fine del secolo rinformazione 

b spesso disponibile sin dal titolo, magari tramite I'indicazione della qualifica 

professionale dell'autore. In Da Costantinopoli a Madrid (impressioni di un 

corrispondente) (1899) Adolfo Rossi dedica parecchie pagine alia Sardegna, una 

1 delle principali tappe del suo viaggio. Circa "bozzetto", vale forse la pena di citare 

soltanto Vat di Chiana. Bozzetti di un artista di dozzina (1878) di A. Griffoli, per 

via dell'esplicito riferimento alia pittura.''" Senza naturalmente dimenticare quante 

novelle nella seconda met^ dell'Ottocento recano sul frontespizio questa indicazione, 

compreso il caso forse piu celebre, il Bozzetto siciliano di Verga Nedda. D'altronde, 

se i bozzetti narrativi contraddistinguono tanta produzione novellistica non solo 

verista, nell'ambito della letteratura di viaggio nonmancano n6 formule narrative 

(in copertina. Da Genova a Cagliari di F. R., del 1874, b detto Racconto), n€ 

: espliciti richiami a parole d'ordine veriste (Valle Bavona. Impressioni e schizzi dal 

vero, 1885), o spiritualiste: nel 1895 Antonio Emiliani pubblica Visioni e ricordi. 

Ancora una volta, i titoli di fine secolo danno voce ad uno sperimentalismo 

inteso a rinnovare la letteratura di viaggio. Quanto recita il sottotitolo del Belpaese 

— Conversazione sulle bellezze naturali. La geologia e la geografiafisica d 'Italia'*^ 



39. Cletto Arrighi, "Tremila chilometri in dieci giomi (impressioni e note)", in Cronaca 
grigia, VIII (domenica 4 novembre 1868), pp. 11-19, ora, come "Odissea scapigliata", in 
Leggere, VII (lugUo-agosto 1994), pp. 12-15, con una mia nota ("Cletto Arrighi e gh altri", 

fPP- 16-17). 

40. Giusto di un anno precede la prima attestazione di un'altra parola mutuata dalle arti visive: 
ill Trentino. Schizzo geografico e del 1877. 

41 . Circa la data della prima edizione del Bel Paese sussiste qualche dubbio. Infatti, se nel 
complesso la critica accredita il 1876, non mancano attestazioni precedenti: nel catalogo 
regionale della BibUoteca Comunale di Milano risulta un'edizione 1873 (Torino, S.E.T.); 
Claudio Visentin indica invece 1875 {Nel paese delle selve e delle idee. I viaggiatori italiani 
in Germania 1866-1914, Milano, Jaka Book, 1995, p. 189). Neppure la seconda edizione 



294 LucA Clerici 

— corrisponde pienamente all'azzeccata impostazione dialogica del capolavoro di 
Antonio Stoppani. Inaltre occasioni, tale effettiva corrispondenza fira dichiarazioni 
di copertina ed effettivo carattere del libro t invece meno stringente, ma nonpercid 
perdono interesse titoli del tipo Una gita in Sardegna nel 1872. Reminiscenze 
storiche, pittoresche, economiche, politiche, geografiche, statistiche, filosofiche, 
romantiche delBarone Pif-Paf-Poff, moscovita (1872). Alludendo tramite il nome 
dell'eroe al romanzo parodico di Francesco Gritti, La miastoria, owero memorie 
del sig. Tommasino, serine da lui medesimo — opera narcotica del Dott. Pif-Puf 
(1767-1768), questa Gita in Sardegna vuole prendere in giro Tormai superata 
impostazione dichiarativa ed esplicativa di tanti vecchi titoli. In modo analogo, le 
Notti sicole, amene, storiche e filosofiche alle vette dell'Etna (1847) di Diego Corbo 
ricalcano la titolazione delle Notti romane al sepolcro degli Scipioni (1792-1804) 
di Alessandro Verri, n6 i rimandi alia tradizione romanzesca si fermano qui. Corbo 
infatti "Finge un viaggio all 'Etna, come quello di Anacarsi, e descrive le citt^, le 
terre, le lettere dell'antica Sicilia""^ e, con cid, non solo rinvia a Barthdlemy, ma 
pure al viaggio di Platone e Cleobolo narrato da Vincenzo Cuoco. 

3. La conquista dell'incipit 

Giunti a questo punto, t forse opportuno tentare una sintesi. Durante la seconda 
met^ del Settecento le titolazioni dei libri di viaggio degli italiani in Italia mostrano 
nel complesso un vocabolario tutto sommato ristretto e fortemente codificato, con 
ben rare concessioni all'attualit^. Obiettivo principale degli autori b perseguire la 
chiarezza esplicativa, ottenuta grazie ad un andamento dichiarativo tendenzialmente 
esauriente rispetto al tema, al taglio, e soprattutto al genere espressivo adottato per 
dar voce all'esperienza del viaggio. Ed t proprio per la sua indole di produzione 
letteraria "aperta", storicamente e tipologicamente variabile, che in questi frontespizi 
ricorre tanto spesso I'indicazione esplicita del genere: una convenzione tacitamente 
stipulata con i destinatari per evitare loro macroscopici equivoci. Si potrebbe dunque 
parlare di un comune obiettivo di trasparenza, perseguito dagli autori in un regime 
di "economia" linguistica, un regime dai risvolti interessanti. Infatti, t proprio questa 
tendenziale omogeneit^ di impostazione e fedelt^ ai modelli del passato che finisce 
per "consumare" il patrimonio lessicale delle titolazioni tramandate, e a rendere 
obsolete, quasi per usura, le strutture espositive tradizionali. Deriva anzitutto da 



e indubitabile: se nei cataloghi antiquari quella edita a Milano da Agnelli nel 1878 e definita 
tale, la gia citata Bibliogrqfta italiana. Giomale dell'Associazione Tipogrqfico-Ubraria Italiana 
compilata sui documenti conumicati dal Ministero dell 'Istruzione Pubblica indica come seconda 
I'edizione Agnelli deH'anno precedente. 

42. Alessio Narbone, Bibliogrqfta sicula sistematica o apparato metodico alia storia letteraria 
delta Sicilia, IV voU. (Palermo. Stab, tipografico librario dei fratelli Pedone Lauriel, 1850- 
1855), I. p. 268. 



i Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 295 

I qui il notevole allargamento del vocabolario attestato nei titoli dell'Ottocento, un 
1 secolo aperto a nuovi lessemi, a parole-chiave di breve durata che risentono di mode 
i passeggere, un secolo in cui il lessico dei titoli dei libri di viaggio b nel complesso 
; improntata ad una maggiore affability colloquiale. Comune tanto al secolo dei lumi 
quanto all'Ottocento b invece la periodica alternanza fra titoli analitici descrittivi 
e titoli sintetici allusivi, senza perd arrivare mai a opzioni del tutto indipendenti 
1 dalla materia. Sono queste scelte caratteristiche del Novecento, epoca in cui la liberty 
I dell'autore nell'ambito della titolazione diventa pressoch6 assoluta. 

I vincoli piuttosto precisi che disciplinano i titoli durante i due secoli precedenti 
\ tendono dunque a perdere progressivamente la loro forza prescrittiva. Nel Settecento 

si assiste all'imporsi dell'indicazione di genere in apertura di titolo, al prevalere 

i della sottolineatura del "cosa" — la meta 6 quasi sempre contemplata — rispetto 

) al "come" del viaggio, declinato soloquando si tratti di una prospettiva disciplinare 

particolare. Allora, la sua enunciazione precede di norma la dichiarazione dello 

specifico oggetto di studio, come mostra Ermenegildo Pini nelle Osservazioni 

mineralogiche sulla montagna di San Gottardo (1781). Le possibility di variazione 

dei titoli sono per lo piu relegate all'ambito della specificazione del termine posto 

in apertura, ma anche qui i margini di liberty sono piuttosto ridotti: le soluzioni 

piu diffuse si riducono a un paio. L'elementare concorrenza dell'indicazione 

temporale con quella spaziale (Francesco Lx)ngano, Viaggio per lo Contado di MoUse 

nell'ottobre dell' anno 1786, 1788) si altema alia semplice moltiplicazione dei 

qualificatori aggettivali; il Ragionamento topografico istoricofisico iatro sul Piano 

i delle Cinque Miglia (1789) di V. G. Liberatore b a questo riguardo esemplare. 

II passaggio dalla canonica uniformity della titolazione, tipica del Settecento, 
ii alia grande liberty nel battezzare i propri libri di cui godono i viaggiatori del XX 

secolo, si coglie molto bene osservando le dinamiche sintagmatiche delle componenti 
del titolo, dinamiche particolarmente vivaci proprio durante I'Ottocento. Alludo 

1 all'anticipazione dell'itinerario, per un lungo periodo relegato in posizione subaltema, 
oppure alia collocazione in incipit della meta — sopratmtto a scapito dell'indicazione 
di genere — , alia sempre maggiore rilevanza accordata alia durata temporale del 

\ viaggio e persino al mezzo di trasporto impiegato, mai menzionato nel corso del 

S Settecento. 

In effetti, I'evoluzione dei titoli in questo secolo e mezzo si potrebbe leggere 

: come la storia degli spostamenti di parola verso la prima posizione: di solito una 
parola-chiave si affaccia nel corpo del titolo, in posizione subaltema, quindi tende 
a scivolare in apertura. Raggiunta questa collocazione, il termine inizia a ricorrere 

1 inaltri contesti anche molto diversi fra loro: diventa di moda, una parola-ombrello 
destinata a subire frequenti specificazioni sia aggettivali sia sostantivali tali da 

i renderla appropriata ad ambiti semantico-disciplinari estranei alia sua accezione 

1 originaria. L'occorrenza di tali correttivi, mentre segna la fase di massima diffusione 
della parola, 6 sintomatica di un suo indebolimento, ormai palese non appena sia 
attestata l'occorrenza ravvicinata di un secondo termine esplicativo con fimzione 



296 LucA Clerici 

sinommica, non di rado introdotto da "ossia", "owero". Capita allora che la parola- 
chiave trovi sostegno in un teraiine corrente magari gi^ abusato, oppure in un 
lessema destinato ad affermarsi in seguito, nel qual caso la funzione di glossa 
esplicativa semantica spetteii ben presto alia parola un tempo principale. In entrambi 
i casi, si tratta di segnali di indebolimento quasi sempre irreversibile. Spia 
inequivocabile del decline b il ridimensionamento del tennine-chiave ad aggettivo, 
con la conseguente perdita di centralit^ nella sintassi del titolo e la riduzione dei 
contesti di occorrenza, meno numerosi e meno disomogenei. 

Fra le innovazioni destinate ad imporsi piu a lungo all'interao di siffatte 
dinamiche general!, va certamente annoverata la consuetudine di includere nel titolo 
il riferimento ad un mezzo di trasporto. La prima attestazione t del 1828: anche 
se solo in posizione di ultimo sintagma, ad essere menzionato b un battello; autore 
di Un viaggio sul logo Maggiore owero la descrizione della sponda del Verbano 
per comodita dei viaggiatori sul battello a vapore b Francesco Medoni. Per trovare 
il medesimo rimando in una posizione meno defilata non bisogna per6 aspettare 
molto: Ferdinando Spinelli di Scalea pubblica nel 1842 Corsa a Messina sul vapore 
il "Nettuno" nel 1838. Ben altra rilevanza quantitativa, b facile prevederlo, mostrano 
invece le parole afferent! all' area semantica del trasporto ferroviario."^ Ad esordire 
b I'espressione "strada ferrata", nel 1853, attestata abbondantemente almeno fino 
al 1888, data di un titolo interessante. In Da Roma a Solmona. Guida storico-artistica 
delle Regioni traversate dalla strada ferrata (1888)'" Luigi Degli Abati identifica 
la geografia descritta proprio grazie alia presenza qualificante della linea ferroviaria. 
"Ferrovia" risale al 1874, e curiosamente la parola compare la prima volta in un 
resocontoinversi, il Viaggio in ferrovia. Roma, Napoli, Firenze. Contemplazione 
vestita in terzine da un suo guardiano [sic] (1874) di Baldassarre Marini, mentre 
il vocabolo "treno" si legge nelle Impressioni a treno diretto di Ettore Serani {Da 
Firenze a Firenze per la via di Pari gi, Bruxelles, Berlino, Vienna, 1882). Sipassa 
cosi dalla messa a fiioco delle strutture della strada ferrata radicate nel territorio 
al mezzo di trasporto in movimento, ma perch6 il reporter saiga a bordo e promuova 
una diversa percezione del paesaggio bisogna aspettare parecchi anni. Naturalmente, 



43. Vale la pena di osservare uno slittamento semantico significativo: ben presto il termine 
"vapore" non indichera piu (o almeno non prevalentemente) il battello, ma la locomotiva 
(accade cosi per esempio nel gia menzionato Romanzo in vapore da Firenze a Livomo di 
Carlo CoUodi, del 1856). 

44. Fra i titoli cronologicamente precedent! fmora non citati in questo articolo segnalo il 
Viaggio da Torino a Genova sulla strada ferrata (1853), Una gita da Firenze al Transimeno 
per la strada ferrata aretina (1866) e, di Giovacchino Losi, la serie Viaggio in strada ferrata 
da Siena ad Empoli (1872), Viaggio in strada ferrata da Siena ad Orvielo (1873) e Viaggio 
in Strada ferrata da Roma a Livomo per Civitavecchia (1874), giunto alia seconda edizione 
nel 1880. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 297 

a favorire la consuetudine di citare i mezzi di trasporto nel titolo di un libro di 
viaggio b la loro rapida evoluzione: ogni epoca ha le sue macchine e i suoi viaggi 
su veicoli curiosi. Basti menzionare la Guida cidistica d' Italia (1896) di Giacinto 
Tosi,"^ preceduta e seguita da titoli imperniati sulla bizzarria del mezzo: nel 1882 
Ernesto Corti stampa In sandolino da Pavia a Venezia, e in Da Perarolo a Belluno 
con imo strano mezzo di locomozione N. Cozzi racconta una gita in zattera sul Piave. 
Inaltri casi I'attenzione b puntata sulla rapidity di spostamento. Nel sottotitolo del 
libro di F. Evola Laferrovia Palermo-Trapani (1880) compare un'espressione 
figurata destinata ad avere fortuna: Una corsa a volo d'uccello. D'altronde, gi^ 
tre quarti di secolo prima erano stati pubblicati sia il Viaggio aereo da Bologna 
a Polafatto nel 1803 dal conte Zanbeccari, dott. Grossetti e Pasquale Andreoli 
di Gaetano Borghi (1887), sia il Ragguaglio del viaggio aereo eseguito partendo 
da Bologna ilgiomo Jsettembre 1825 dal signor Francesco Orlandi{s. d.)diPietro 
Prandi. Ma, allora, il riferimento era referenziale, I'allusione propriamente 
aeronautical si trattava infatti in entrambi i casi di missioni aerostatiche/^ 

4. UN PO' DI GEOGRAFIA E QUALCHE PROTAGONISTA 

La rassegna dei titoli citati fin qui si presta naturalmente anche a considerazioni 
di altro ordine. Indipendentemente dal genere di testo — relazione, lettera, guida, 
descrizione ecc. — , I'attenzione degli autori t quasi sempre orientata a valorizzare 
singole citt^, a incominciare dalle capitali incluse nel Grand Tour, oppure centri 
minori e non di rado locality periferiche. Cid che manca t uno sguardo sulla reaM 
territoriale italiana nel suo complesso. Abbastanza a lungo, la visione completa 
deiritalia t affidata a opere cartografiche, a dizionari corografici, a repertori 
specialistici. A riprova, i pochissimi itinerari che tagliano la penisola per intero 
o che ne attraversano ampie porzioni sono mtti geograficamente molto selettivi, 
e i percorsi tendono ad essere sempre gli stessi. Trionfano dunque sia le visite a 
siti specifici e Tindividuazione di mete particolari (nel 1802 Carlo Fea stampa il 
Viaggio ad Ostia ed alia villa di Plinio), sia i tragitti brevi. A titolo di esempio, 
potrei menzionare il Viaggio da Napolia Castellammare (IS45) di Achille Gigante, 
oppure quello Da Vizzini a Licodia (1878) di tal Cafisi, un percorso che oggi conta 
undici chilometri. Ci si potrebbe chiedere a questo punto quale carta geografica 



45. Sulla "rivoluzione" determinata dairavvento della bicicletta si sofferma Stephen Kern: 
"La bicicletta fu una 'grande livellatrice' , che colmava lo spazio sociale e rendeva accessibili 
i viaggi su distanze piu lunghe alle classi medie e inferiori" (// tempo e lo spazio. La 
percezione delmondo tra Otto e Novecenlo, trad, di Bamaba Maj, Bologna, il Mulino, 1988, 
p. 403). 

46. Per la variante modema del viaggio aereo cfr. I'antologia novecentesca Cielidel mondo. 
Avventure areonautiche italiane narrate daiprotagonisti, a c. di Gianni Guadalupi (Milano, 
Anabasi, 1994). 



298 LucA Clerici 

d'ltalia si ricavi dal censimento delle singole locality visitate dai viaggiatori italiani 
nell'arco di 150 anni: provare a disegnare cosi la geografia nazionale t im'operazione 
che in effetti riserva qualche sorpresa. A sorprendere non sono tanto le prevedibili 
lacune, non t il configurarsi della mappa a macchia di leopardo. Piuttosto, stupisce 
la frequente sproporzione fra I'importanza della locality e le dimensioni della sua 
"bibliografia": grandi centri urbani o zone di notevole interesse non sono mai 
neppure menzionati nei titoli del mio elenco, mentre piccoli paesi decentrati vantano 
spesso iin notevole patrimonio bibliografico, per nulla giustificato dalla loro effetti va 
importanza storica, naturalistica, artistica, turistica ecc. La ragione di tale 
sproporzione t per6 semplice: per eraanciparsi da una condizione di subaltemit^ 
sono soprattutto le zone periferiche a coltivare la tradizione odeporica locale: in 
questo senso, I'esistenza di un patrimonio pregresso di libri di viaggio favorisce 
raggiomamento bibliografico. Ecco perche i titoli dedicati alia Sardegna (e, 
aH'intemo dell'isola, a spiccare b la regione del Sulcis) sono molto piu numerosi 
di quelli relativi al Piemonte. 

Nonostante la scarsa fortuna di una prospettiva nazionale sul Bel paese, titoli 
recanti I'indicazione "Italia" e "italiano" se ne contano diversi, anche se ho 
individuato una sola occorrenza deiraggettivo in forma sostantivata riferito a persona, 
nelle Lettere originali che servono alia vita di un italiano del 1822, atribuibili a 
Giovanni Bettin Roselli. A partire soprattutto dalle molte guide concepite per stranieri 
in cui la sfumatura semantica del lessema allude alia penisola come entity geografica, 
la presenza dei due termini si registra un buon numero di volte, in particolare in 
opere dello stesso tipo della Nuova descrizione storica e geografica dell'Italia (1782) 
di Giuseppe Maria Galanti. Altrettanto numerosi sono i titoli in cui il richiamo alia 
penisola b funzionale alFindividuazione di una sua "parte", come nel Viaggio 
geologico (nel 1 792) per diverse meridionali parti dell 'Italia (la datazione b incerta) 
di Ermenegildo Pini. Se prima del tramonto del XVIIl secolo vi sono alcune 
attestazioni della parola "Italia" in testi redatti ad uso personale,"*^ a giudicare dai 
titoli deirinizio dell'Ottocento non affiora ancora nei viaggiatori censiti alcuna 
coscienza nazionale. E' a questo riguardo emblematica I'indicazione separata delle 
mete, nelle Lettere scritte nel mio viaggio d'ltalia e di Sicilia dal Novetnbre 1801 
al marzo 1802 di Bartolomeo Gamba, ma colpiscono pure, per I'avvicinamento 
omologante di due paesi tanto distanti, Iq Lettere scritte dalla Sicilia e dalla Turchia 
di Domenico Sestini (uscite fra 1779 e 1784). Comunque, a prevalere b sempre 
I'accezione di contenitore geograficamente individuato. Lo si evince sia da un titolo 



47. Penso ad esempio al manoscritto Giomale del viaggio in Italia del 1790 di Pietro De 
Lama o al sintetico diario del viaggio compiuto con Alessandro Verri dalla marchesa di 
Boccapadule Margherita Sparapani Gentili {VIndice delle cose principali registrate nel viaggio 
d'ltalia, del 1794, e stato in parte edito dal Giulini su trascrizione di Francesco Novati in 
"Archivio Storico Lombardo", 1917, pp. 353-381). 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 299 

come Viaggio ai volcani spenti d 'Italia nello Stato romano e verso il Mediterraneo 
(1814) di Vito Ricci Procaccini, in cui le tre specificazioni di luogo accomunano 
altrettante entity geografiche disomogenee fra loro, siadal frequente impiego della 
parola con il senso di generico ambito geografico dei propri personali tragitti, ad 
esempio attestato nel manoscritto Note dei suoi viaggi, particolarmente in Svizzera 
e in Italia di Antonio Benci, datato 1823-1838. Una consuetudine di titolazione, 
questa, che ha il vantaggio di rendere superflua I'indicazione dell'itinerario, come 
dimostra la Miscellanea pittorica di un Viaggio in Italia ( 1 83 1 ) del Cavaliere Della 
Chiesa, mia consuemdine replicata in numerose altre "illustrazioni". 

Rispondendo anzitutto all'esigenza di conoscere finalmente la variegata 
fisionomia del paese, a cavallo degli anni Sessanta le descrizioni d' Italia e i viaggi 
nella penisola si infittiscono: t del 1864 la Descrizione del Regno d 'Italia quale 
^ costituito presentemente (dicembre 1864) e di tutte quelle province le quali 
dovrebbero fame parte, del 1870 L'ltalia nelle sue presenti condizioni fisiche di 
Alfeo Pozzi. Inparallelo crescono le iniziative editoriali divulgative espressamente 
indirizzate ai giovani: il celebre Viaggio di Giannettino per l'ltalia di Collodi/^ 
ma anche La patria. Ossia l'ltalia percorsa e descritta. Letture giovanili (1844) 
di Ignazio Cantu (prima attestazione della parola "patria", destinata a grandi fasti 
negli anni Trenta del Novecento) o Una corsa per l'ltalia: viaggio di Richetto (1890) 
di B. Carini. Verso gli anni Settanta, I'indicazione del termine complessivo "Italia" 
ricorre con mia certa frequenza nei titoli anche quando I'itinerario b parziale (a volte 
sostituito da una perifrasi, come nel dantesco Bel Paese di Stoppani): cosi b per 
Agostino Verona (Passeggiate autunnali nei siti piii pittoreschi e piU dilettevoli 
d 'Italia, 1870), per Ariodante Manfredi (Le cento cittad' Italia, 1871) e per molti 
altri autori. Che ormai le coordinate geo-politiche del Paese siano assimilate lo 
conferma il diffondersi dell'allusione alia totality del territorio nazionale grazie 
all'individuazione degli estremi geografici della penisola: nel 1875 t in libreria 
Dall'Alpi all'Etna. Descrizione pittoresca dell'Italia. Per converso, non si pu6 tacere 
di quel titoli in cui invece b presupposta la distinzione Nord-Sud, destinata a 
radicalizzarsi: nel 1843 G. B. De Capitani propone le sue Corse per I'alta Italia, 
nel 1860 G. De Luca si occupa espressamente dQUltalia meridionale. L'antico reame 
delle Due Sicilie. Negli ultimi decenni del secolo si affermano infine diverse 
occorrenze dell'aggettivo "italiano": se nel 1877 Pier Biagio CasoU lo usa alio scopo 
di connotare il protagonista del viaggio (Roma. Note di un pellegino italiano nel 
giugno 1877), l'antico genere del confronto tematizza ora intere popolazioni, un 
fatto rivelatore di un forte senso di appartenenza: nel 1899 B. de Luca stampa Fra 
Italiani, Tedeschi e Slavi. 

Come sempre, una componente fondamentale nella scelta del percorso b il tipo 
di curiosity dell'autore, non di rado espresso sin dal titolo. A specifica competenza 

48. II primo volume, L'ltalia superiore, esce nel 1880. 



300 LucA Clerici 

(archeologica o mineralogica, vulcanologica o storico aitistica) corrispondono quasi 
sempre itinerari canonici, gli stessi contemplati dalla letteratura di viaggio degli 
stranieri in Italia. Ad assumere maggiore rilevanza, si capisce, sono percid le zone 
in grado di attirare viaggiatori mossi da motivazioni diverse: nella Toscana meta 
prediletta di tanti naturalisti del Setecento pullulano i monumenti storico-artistici, 
alia Sicilia archeologica si somma quella dominata dall'Etna, e cosi di seguito. E 
infatti, la molteplicit^ di attrattive di un sito si riflette a volte nella plurality degli 
approcci contemplati sul frontespizio: nel 1828 Giovanni Serafino Volta intitola 
eloquentemente il suo libro Descrizione del logo di Garda e de ' suoi contomi con 
osservazioni di storia naturale e di belle arti. Per converso, I'interesse mirato del 
viaggiatore pud determinare I'individuazione di mete inedite, interessanti giusto 
dalla prospettiva del singolo traveller: capita cosi per le molte locality dell'appennino 
modenese e reggiano percorso nel Settecento da Lazzaro Spallanzani, per 
Sant' Angelo, San Gaudenzio, Portone e Scapezzano nel dipartimento del Metauro, 
visitate nel 1813 da Paolo Spadoni Professore di Botanica e Agricoltura alia ricerca 
delle "gessaje", o per Tinteressante Notizie d'una escursione fatta nel 1832 nelle 
tre valli del Piemonte abitate dai Valdesi (1832) di tale Azanam."' Ma per quanto 
riguarda mete e tragitti, non si pu6 dimenticare che fino a tutto TOttocento b la 
stessa viability ad imporre geografie ricorrenti e molto parziali rispetto alia variety 
territoriale della nazione, e le mete piu importanti si giovano di una fama 
plurisecolare rinverdita dalla voga del Grand Tour. CittA come Venezia, Roma, 
Napoli, locality come Capri e Pompei confermano nella mia bibliografia la loro 
prevedibile centralit^. Inoltre, i medesimi itinerari sono destinati a ripetersi nei vari 
sottogeneri di viaggio: valga per tutti la replica dello scontato percorso Roma-Napoli, 
attestato dapprima nel manoscritto in forma di appunti personali di Ubertino Landi 
Viaggio a Roma e a Napoli (1750), poi come illustrazione nel Viaggio pittorico 
da Roma a Napoli di Luigi Rossini del 1839. Ma alle principali strade che tagliano 
la penisola sono dedicati specifici volumi, in cui la materia e appunto organizzata 
grazie a questo facile ed efficace pretesto, almeno sin dal 1745, anno in cui 
Francesco Maria Pratilli d^ alle stampe Della via Appia riconosciuta e descritta 
da Roma a Brindisi; nel 1819 sar^ la volta della via del Sempione, nel 1821 del 
San Bernardo, e cosi via. Comunque, complessivamente, nel corso delFOttocento 
le mete dei viaggiatori italiani in Italia si moltiplicano, e i titoli contemplano locality 



49. Circa il rapporto fra missioni scientifiche e soggiomi piu disinteressati, fra Sette e 
Ottocento le tendenze sono due. Se in alcuni casi e il viaggio scientifico ad identificare mele 
destinate a divenire "popolari" (accade cosi per molte localita del sud, indagate per la prima 
volta da prospettive in prevalenza economico-giuridiche e naturalistiche), capita pure I'inverso. 
II Prospetto della flora Euganea (1 842), recensito positivamente sul Politecnico di Cattaneo, 
e successive a testi di interesse pid generale come Alcuni giomi ai colli Euganei (1830) di 
Arrigo Bocchi. 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) 301 

niente affatto scontate. Si va dalle singole valli alpine — la Valcamonica (1803), 
la val di Fassa (1819) — ad intere regioni — la Valle d'Aosta (1835) — , a isole 
minuscole come il Giglio (1818) o remote come Lampedusa e Linosa (1846), a 
citt^ di provincia come Mondovi (la Breve escursione tra I 'agosto e settembre 1868 
nel circondario di Mondovi b del 1869) o addirittura a piccoli e sconosciuti paesi: 
nel 1 863 Eraldo scrive Alcuni di a Bagolino nel giugno 1849, un borgo in provincia 
di Brescia che oggi conta 2500 anime. Parallelamente al miglioramento delle vie 
di comunicazione va poi registrato un notevole incremento del numero dei 
viaggiatori. La nascita del turismo comporta, insieme alia valorizzazione generaliz- 
zata delle risorse culturali e paesaggistiche nazionali, un radicale mutamento delle 
prospettive: verso la fine del secolo, ad esempio, parecchie cime alpine perdono 
la loro tradizionale attrattiva scientifica, soprattutto mineralogica e geologica, a 
favore di un nuovo interesse di carattere alpinistico ed escursionistico. Nonostante 
questa indubbia vivacita, pero, la geografia nazionale desumibile dalle titolazioni 
di questi viaggiatori nostrani presenta ancora parecchie "macchie bianche". Cosi, 
se ai laghi settentrionali t dedicata una folta bibliografia specifica (in particolare 
per quanto conceme il Garda), non c't praticamente nulla sui diversi laghi dell'Italia 
centrale. 

Resta ancora da chiarire, a questo punto, I'ordine cronologico con cui si 
succedono alia ribalta della letteratura di viaggio le varie locality.* All'altezza 
dell'anno 1800 le regioni di cui si ha notizia nella bibliografia sono 15, la grande 
maggioranza. 11 ritmo di ingresso nell'elenco diminuisce con il passare del tempo: 
ft-a 1750 e 1762 i viaggiatori recano testimonianze di ben 9 regioni; fi-a 1763 e 1789 
il numero scende a 5, mentre nei successivi 72 anni se ne aggiungono all'elenco 
altre 6. Emblematica la data in cui si ha testimonianza dell'ultima regione, peraltro 
solo attraversata nel Viaggio da Firenze a Rotnaper la via di Perugia, Todi, Narni, 
Ponte Felice e pel Tevere: con I'Umbria, nel 1861 il censimento della nazione b 
completato. 

Ancora una volta, i viaggiatori privilegiano le regioni di cui si ha gi^ una 
conoscenza dettagliata, e si avventurano in zone meno note solo molto piu tardi. 
Alle estremit^ cronologiche si trovano infatti aree geografiche facilmente prevedibili: 
fi^a le regioni frequentate per prime registro il Lazio (quasi identificabile con la 
sola capitale), la Toscana (ad eccezione soprattutto della Maremma e della 
Garfagnana), il Veneto {inprimis, naturahnente, Venezia), la Siciha (ma solo alcune 
zone costiere) e la Campania (Napoli, i siti archeologici, alcuni tratti della costa); 
fi-a quelle di cui si ha piu tarda notizia, oltre aH'Umbria si contano Friuli (1799), 
Marche (1813), Trentino (1819), Basilicata (1826) e Valle d'Aosta (1835). In 



50. I dati che seguono sono puramente indicativi. Li ho ricavati calcolando solo quel titoli 
in cui sono presenti riferimenti a localita che ne rendono possibile la classificazione , effettuata 
secondo I'odierna geografia delle regioni d'ltalia. 



302 LucA Clerici 

generale vale dunque una regola: quanto prima un'area geografica viene ritenuta 
degna di essere visitata, tanto piu numerosi saranno i titoli che ne pariano. Con 
qualche eccezione. Ad esempio, il Piemonte entra nella bibliografia nel 1755, ma 
per trovare un altro titolo bisogna aspettare addirittura quaranta anni. Percid, a dare 
importanza alia singola regione non t tanto I'antichit^ della sua prima attestazione 
nella bibliografia, quanto piuttosto il numero complessivo dei titoli che ne trattano: 
la Sicilia compare solo nel 1762, sette anni dopo il Piemonte, ma i libri dedicati 
a locality della Trinacria nella seconda met^ del Settecento sono una decina. Rispetto 
alia quantity dei titoli, nel diciottesimo secolo si configurano quattro gruppi: il primo 
comprende Toscana (18 titoli) e Sicilia (1 1); il secondo t quello con region! trattate 
in 7 o 8 libri (Veneto, Lazio, Campania, Lombardia); il terzo include Liguria, 
Sardegna, Emilia e Calabria (4 o 5 titoli a testa), mentre due sole testimonianze 
riguardano Piemonte, Molise, Puglia e Abruzzo. Corrispondenza significativa, le 
sei regioni di cui si ha piu tarda notizia contano ognuna pochissimi titoli: la loro 
subaltemit^ in ambito nazionale t confermata anche da un computo meramente 
quantitative. Per rendere meglio ragione di queste dinamiche, sarebbe opportune 
individuare oltre alia data della prima attestazione delle mete e alia loro ftequenza 
nel corpus, il tipo di interesse cui le varie locality sono associate. Da questo punto 
di vista, per6, le previsioni sono piuttosto facili: ad ogni epoca culturale corrispondo- 
no infatti gusti particolari e interessi specifici che tendenzialmente valorizzano in 
locality diverse i medesimi aspetti. Non per nulla i viaggi settecenteschi al Sud hanno 
quasi tutti un taglio economico o naturalistico, ed ecco perch6 non stupisce affatto 
la titolazione delle uniche due testimonianze suUa Puglia, Lettere geografico-fisiche 
sopra la Calabria e la Puglia (1 784) e Peregrinazione letteraria per una parte 
dell 'Apulia con la descrizione delle sue soprawanzanti antichita, opera databile 
post 1786. 

Le considerazioni fin qui svolte in forma di appunti non escludono naturalmente 
tantissime altre possibility di lettura del materiale bibliografico presentato. Lasciando 
finalmente da parte i titoli, e prendendo invece in considerazione gli autori, si fa 
presto ad accorgersi di un fatto: a fianco di scrittori affemiati (da Alberto Fortis 
a Renato Fucini, da Edmondo De Amicis a Cletto Arrighi, a tanti altri), nella 
bibliografia abbondano i personaggi celebri per altre ragioni. Basti pensare agli 
scienziati oppure ai politici, fra cui mi limito a fare il nome di Quintino Sella {Una 
salita al Monviso. Lettera a B. Gastaldi, 1863). Ma le qualifiche professionali e 
la provenienza socioculturale degli autori di testi di viaggio sono quanto mai varie: 
a fare le valige si altemano eruditi locali, nobili facoltosi, militari, e poi viaggiatori 
per ragioni di lavoro o di svago, diplomatic!, giomalisti, poligrafi e cosi via. II 
punto b che alio statuto "debole" della letteratura di viaggio corrisponde una 
possibility di accesso alia scrittura odeporica molto ampia e generalizzata: il basso 
tasso di prescrittivit^ retorico-formale, le notevoli implicazioni praticistiche di queste 
opere, non di rado scritte per s6 e pubblicate solo in un secondo tempo per una 
ristretta cerchia di lettori, ne fanno un campo di scrittura aperto anche a chi non 



Viaggiatori italiani in Italia (1750-1900) . 303 

t affatto un artista: a questo proposito, inequivocabile mi sembra Attorao al Monte 
Bianco. Viaggettodialcuniimpiegati, raccontato ai colleghi , del 1866.*' Delresto, 
la sorprendente quantity dei titoli inventariati si spiega anche con questa semplice 
ragione. 

Come la rassegna dei titoli, anche quella degli autori fomisce interessanti spunti 
di indagine. E' facile, anzitutto, individuare gli specialisti del genere, chi ne fece 
una vera e propria professione: b il caso (ne cito uno solo) del poligrafo Davide 
Bertolotti (poeta, romanziere, tragediografo, saggista, traduttore, direttore di periodici 
e di collane), attivo scrittore di viaggi dal 1817 al 1863, con almeno una dozzina 
di fortunati volumi. Di un certo interesse sarebbe in secondo luogo valutare il 
rapporto fra la provenienza dei van autori e le mete dei loro itinerari: nel Settecento, 
per esempio, a viaggiare nel sud sono soprattutto intellettuali meridionali, ma sarebbe 
istruttivo studiare I'evoluzione di questi flussi nel secolo seguente. Infine, mi sembra 
particolarmente suggestiva una ricerca sulle donne viaggiatrici: proprioperch6 non 
sono molto numerose sarebbe interessante illuminame la personality, I'estrazione 
culturale, le motivazioni che le hanno spinte a partire e le ragioni per cui hanno 
dato pubblica testimonianza scritta dei loro viaggi. Ne cito solo alcune. Fra le 
viaggiatrici in Italia, senza ulteriori specificazioni di meta, Margherita Sparapani 
Gentili Marchesa di Boccapadule (il suo resoconto h del 1794), Cecilia Stazzone 
De Gregorio (1854), Aurelia Cimino Follero de Luna (1879) e Felicita Morandi 
(1890). Itinerari piu precisi e circoscritti seguirono invece Anna Perpenti (lago di 
Como, Stelvio e Spluga, 1828); Onorina Casale (a Roma, 1878); Antonietta 
Giacoraelli (sul Monte Grappa, 1880); Cesira Pozzolini Siciliani (a Napoli e dintomi, 
1880); Rita Bia (a Firenze, 1881), e ancora Gabriella Dora (sulle Alpi, 1882), la 
fiabista Emma Perodi (suH'Appennino, 1884), Grazia Pierantoni-Mancini (sul Tevere, 
1884). Molti di questi nomi — forse meno di quelli che risultano sconosciuti a me 
— credo meriterebbero un'apposita indagine bio-bibliografica, specifici sondaggi. 
Del resto, a richiedere indispensabili approfondimenti sono la maggior parte di queste 
mie osservazioni preliminari, semplici spunti di discussione, rassegna di temi spero 
non privi di interesse. Sopratmtto un pretesto, dicevo aU'inizio, per provare a 
raccontare le prime risultanze di un lavoro bibliografico. 

Universita degli Studi, Milano 



51. La varieta morfologica della letteratura di viaggio e confermata pure dall'eterogeneita 
materiale di queste opere: semplici opuscoli di modesta qualita tipografica, testi per nozze 
elegantemente confezionati, sontuosi volumi di grande formato arricchiti con pregevoli 
illustrazioni, guide copertinate per sopportare I'esposizione agli agenti atmosferici, libri rilegati 
in modo tradizionale ecc. Ovviamente, alia confezione editoriale corrispondono una certa 
circolazione e un preciso mercato: si va dalle opere stampate privatamente destinate alia 
cerchia della famiglia, a testi concepiti per un pubblico di coUezionisti e bibliofili. 



MiRELLA SCRIBONI 



II viaggio al femminile nell'Ottocento: 
La principessa di Belgioioso, 
Amalia Nizzoli e Carla Serena 



Nella cultura del nostro "popolo di poeti e navigatori" e, in genere, nell'immaginario 
della cultura occidentale, il topos del viaggio e tutte le raetafore che lo accompagnano 
appaiono sempre coniugati al maschile: Ulisse, Giasone, Enea, solo per citare nomi 
che evocano una mitologia faniiliare. Al movimento dell'eroe, alia sua possibility 
di percorrere terre, mari e cieli, si contrappone la stasi della donna: Penelope, 
Nausicaa, Sirena, Circe, Didone. Se non disposte, come Penelope, a consumare 
la propria vita nell'attesa del ritorno dell'eroe, le donne sono pronte ad ostacolame 
il viaggio, a distrarre I'uomo dal raggiungimento delle sue mete usando le armi 
tipicamente femminili della dolcezza, della seduzione, del ricatto amoroso. Nella 
letteratura, dunque, il territorio maschile del viaggio b stato a lungo inaccessibile 
alle donne. 

Illustrando il percorso di emancipazione delle Literary Women, Ellen Moers 
indica la nascita— con i romanzi gotici settecenteschi di Amie Radcliffe— di un 
"Travelling Heroinism". II genere gotico diventa un sostituto femminile del 
picaresco: le eroine di questi romanzi, infatti, oltre a potersi muovere aH'intemo 
dei castelli gotici in quel viaggio "indoors" — nello spazio domestico da sempre 
concesso alle donne ~ "alia merc6 dei villani sono costrette a fare quello che non 
potrebbero mai fare da sole: fiiggire in cima ad Alpi di cartone, spiare paesaggi 
esotici, addentrarsi in foreste infestate dai banditi".' Possono dunque, anche se 
solo con I'immaginazione, sconfinare "outdoors", all'esterno. 

Nell'Ottocento, epoca di grandi viaggi, anche alle donne sembrano aprirsi le 
porte dell'avventura. Verso la met^ del secolo esplode il fenomeno delle "Victorian 
travelling ladies" o delle "spinsters abroad".' Signore e signorine vittoriane si 
avventurano in tutto il mondo: quasi tutte le viaggiatrici sono inglesi, ma non 



1 . "Many a woman writer after Radcliffe has responded to the restrictions of her hfe with 
the same kind of romance, as the titles alone of some of their books testify: The Wanderer 
(Fanny Burney), Lettres d 'un voyageur (G. Sand), The Wide, Wide World (by the American 
bestseller, by Susan B. Warner), The Voyage Out (Virginia WoolO" (pp- 126-128). 

2. Come spiritosamente le defmisce il titolo del saggio di Dea Birkett. 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



// viaggio alfemminile nell'Ottocento 305 

mancano austriache, firancesi e americane.^ Alcune viaggiano con il marito/ moke 
altre da sole,^ come Teccentrica Lady Stanhope, che si stabilisce in Siria, e la mitica 
Jane Digby, che a quasi cinquant'anni, arrivata a Damasco, sposd in quarte nozze 
lo sceicco di una tribu di beduini/ 

Una delle mete favorite delle europee, meta che attrae anche le americane, 
soprattutto nei primi decenni del secolo, b I'ltalia. Tra i motivi del viaggio nel 
Bel Paese c'd il richiamo della lotta risorgimentale per la liberty dei popoli, quello 
che Angela Bianchini ha definito "viaggio d'amore". Percorsi d'amore — della 
liberty e di un uomo compagno di lotta — sono infatti quelli dell'inglese Jessie White 
Mario e dell'americana Margaret Fuller Ossoli.^ 

Inquesto secolo gli (uomini) italiani nonsembrano mantenersi all'altezza della 
loro fama di viaggiatori, anche se le vicende risorgimentali creano un flusso di 
fuoruscitismo politico. Gruppi di esuli si stabiliscono in Svizzera, in Inghilterra 
e in Grecia, altri arrivano fino all'Egitto e alia Turchia^ altri ancora si avventurano 
nelle Americhe. Sono proprio degli esuli a costituire, in questo continente, il primo 
nucleo dell'emigrazione italiana.' Non mancano viaggiatori solitari, che pero 
appaiono unpo' predisposti agli incidenti, come quel Filippo Pananti che nell813 
si imbarca a Londra per un viaggio nel Mediterraneo, ma finisce prigioniero in 
Algeria dopo che il brigantino su cui viaggia h catturato dai pirati.'° Alia lista 
degli "accidentati" si pud aggiungere la carovana di dieci pellegrini milanesi, di 



3. Tra queste I'austriaca Ida Pfeiffer, che inizio i suoi viaggi dal Medio Oriente (1842) 
e poi, tra il 1845 e il 1858, fece tre volte il giro del mondo. La francese Alexandra David- 
Neel soggiomo a piu riprese, tra il 1891 e il 1928, in India e in Asia centrale, vivendo per 
due anni da eremita nell'Himalaya e diventando un'esperta di religione e filosofia buddista. 
Le americane non sono da meno: nel 1891 Elizabeth Bisland, parti per un giro del mondo 
come inviata di un giomale; nello stesso anno May French Sheldon intraprese un viaggio 
in Africa che descrisse poi nel libro Sultan to Sultan; Fanny Bullock Workman viaggio con 
il marito negli anni '90 in Africa e in medio Oriente. 

4. Insieme al marito viaggiano Lady Anne Blunt, che visita — tra il 1870 e il 1878 — la 
Spagna e I'Algeria, arrivando fmo all'Egitto e alia Siria e Lady Isabel Burton, mogUe del 
famoso viaggiatore ed orientalista Sir Richard Burton. 

5. Da sole viaggiano Isabella Bird, che visita 1' America (nel 1856 e 1859) e tra il 1889 
e il 1896 viaggia in India, Persia, Corea, Giappone, Cina; Mary Kingsley viaggia in Africa 
tra il 1893 e il 1897; Gertrude Margaret Bell visita la Persia e la Siria tra il 1892 e la fme 
del secolo. 

6. Jane Digby aveva ventidue anni quando lascio I'lnghilterra nel 1829 per iniziare una 
nuova vita di viaggi e avventure che vide il suo punto di approdo a Damasco, dove mori 
nel 1881. 

7. Angela Bianchini, "11 viaggio d'amore", in Liana Borghi e Nicoletta Livi Bacci. 

8. Si vedano i testi di Romeo Manzoni, Ersilio Michel e C. Trassell. 

9. Si veda il volume di Jerre Mangione e Ben Morreale. 

10. Si veda il volume di Carmelo Cappuccio. 



306 MiRELLA SCRIBONl 

cui nove sacerdoti, guidata dall 'abate Antonio Stoppani nel 1874 e colpita da una 
serie di disgrazie: uno di loro si ammala e muore, Faltro si sfracella una gamba, 
gli altri sono vittime di febbri e devono tornare alia spicciolata in patria. 

Dopo runificazione i viaggi, soprattutto verso 1' Africa, si fanno piu frequenti, 
anche come risultato deH'inserimento dell'Italia nella gara coloniale di cui sono 
protagoniste Francia e Inghilterra." Non si sviluppa pero nel nostro paese una 
letteratura di viaggio comparabile a quella francese o inglese. 

Se per gli uomini gli orizzonti di viaggio sono limitati, per le donne stentano 
ancora ad aprirsi'^, come mostra la narrativa a firma femminile della seconda meta 
deir'800, dominata da immagini di donne richiuse negli spazi claustrofobici ed 
oppressivi della famiglia e del matrimonio.'^ 

Un segnale di cambiamento anche per le donne e pero la costituzione, nel 1867, 
della "Society Geografica italiana" , die e tra I'altro "la prima fra le Society sorelle 
che si gloria d'aver ammesso nel suo consorzio le donne" , come sottolinea nel 1869 
sul Bollettino della Societa Geografica un articolo che commemora la morte della 
viaggiatrice olandese Alessandrina Tinne, uccisa in Africa dai Tuareg. Dagli elenchi 
amiuali dei soci, infatti, risulta una crescente percentuale di iscrizioni di doime.''* 

In un articolo del 1869 ("I viaggiatori italiani del nostro secolo") Gaetano Branca 
fa un quadro dettagliato dei "viaggi fatti dagli italiani nelle Americhe, nell'Asia, 
neirOceania" , citando numerosi titoli di scritti di viaggio. Tra gli autori citati da 
Branca non compare perd nessuna donna, nonostante a quella data fossero stati gia 
pubblicati tre libri di viaggio a firma femminile." La menzione di questi libri 



11. Molti viaggi sono documentati da bibliografi ottocenteschi ansiosi di dimostrare che 
gli italiani rimangono un popolo di viaggiatori. Si vedano: Pietro Amat di San Filippo e 
Gaetano Branca. Un altro tipo di viaggio post-risorgimentale e quello deU"inviato'. Come 
inviato speciale, Edmondo De Amicis viaggia inSpagna, Olanda, Marocco e Costantinopoli 
negli anni dal 1872 al 1880. Risultato di questi viaggi fu una serie di volumi: Spagna (1873), 
Ricordi di Londra (1874), Costantinopoli (1877-1878), Ricordi di Parigi (1879). 

12. Come ha sottolineato Michela De Giorgio nel suo bel libro (p. 96). 

13. Si vedano le donne dei romanzi di Neera, Teresa (1886) e L'indomani (1890) e del 
romanzo di Marchesa Colombi, Un matrimonio di provincia (1885), e le protagoniste di 
Addio amore! (1891) e Castigo (1893) della Serao. In questi ed altri testi sono ricorrenti 
fantasie di evasione o di vera e propria fuga, ma un esempio di "gotico" italiano e di "eroine 
viaggiatrici" si puo forse trovare solamente in due racconti di Luisa Saredo, Pia de' 
Monteneroni (1858) e Un matrimonio di convenienza (1878). 

14. II primo elenco dei soci in cui compaiono (gia numerosi) nomi di donne e quello 
contenuto nel vol. 3 del 1869. 

15. Parlando di viaggi in Siria e Palestina (p. 357), Branca cita il libro di Emilio Dandolo, 
fruuo del viaggio del 1850-51, fatto insieme al marchese Lodovico Trotti; non cita pero 
il viaggio-soggiorno dello stesso periodo della principessa Cristina di Belgioioso e il suo 
diario di viaggio del 1858 (Asie Mineur et Syrie, Souvenirs de voyage). Della Belgioioso 



// viaggio alfemminile nell'Ottocento 307 

appare nella Bibliogrqfia dei viaggiatori italiani, compilata nel 1873 da Pietro Amat 
di San Filippo, anche lui membro della Society. Si tratta di Memorie sull'Egitto 
e specialmente sui costumi delle donne orientali e gli harem, scritte durante il suo 
soggiorno in quelpaese (1819-1828) (1841) di Amalia Solla Nizzoli e di Souvenirs 
dans V exile {\d>5Qi) t Asie Mineure etSyrie, souvenirs de voyage (1858) di Cristina 
Trivulzio di Belgioioso.'^ 

Nel 1881 e nel 1882, nella rubrica bibliografica del Bollettino, t segnalata la 
pubblicazione di due libri di Carla Serena: Une Europeenne en Perse (1881) e Tr^ 
niesi in Kakhezia (1882). 

Qualcosa si muove nel quadro di apparente immobility delle donne italiane. 
Anche se questo ristretto gruppo non pu6 competere con la schiera delle "globe 
trotteresses" '^ degli altri paesi, i viaggi e gli scritti della Solla Nizzoli, della 
Belgioioso e di Carla Serena presentano ugualmente aspetti e motivi di grande 
interesse, oltre a quello immediato che deriva dalla loro eccezionalit^ nel panorama 
italiano. 

La moda deH'Oriente esplode in Europa dopo la pubblicazione nel 1704 della 
traduzione in francese di Antoine Galland di AlfLaila wa Laila {he mille e una 
notte). La nozione geografica di "Oriente" in questo periodo h piuttosto indetermi- 
nata e abbraccia un'area che pud arrivare fmo all'India e al Giappone, ma 
generalmente si riferisce ai paesi di religione islamica del nord Africa e a quelli 
deirimpero ottomano fino all'Iran. In breve tempo il gusto per I'esotico influenza 
la letteratura, il teatro, la musica e la pittura: Montesquieu scrive le Lettres persanes 
(1721), Voltaire pubblica Zadig (1748), mentre sulle scene parigine fa furore il 
dramma di ambientazione orientale di Racine, Bajazet. Alia moda orientale 
contribuisce la musica con il Ratto dal Serraglio (1782) di Mozart a cui fanno seguito 
varie composizioni "turche", tra cui la "Marcia turca" di Beethoven. Nel 1829 
escono Les Orientates di Victor Hugo, mentre la "Grande Odalisque" di Ingres 
(1814) da I'awio in pittura ad una lunga serie di rappresentazioni di odalische. 
A tutte queste immagini dell 'oriente, prevalentemente incentrate su figure di donne, 
si aggiungono poco piu tardi quelle della fotografia.'^ 

Nel corso dell'Ottocento 1' interesse culturale si affianca e si intreccia al 
movimento di esplorazioue e di colonizzazione, soprattutto francese e britannico. 



sul Bollettino della Societa geografica non appare neanche il necrologio nell'anno della morte 
(1871), anche se nell'elenco dei soci e incluso, a partire dal 1870, il nome del marchese 
Ludovico Trotti, marito di Maria, figlia della principessa. 

16. Asie Mineure et Syrie e la rielaborazione di una serie di articoli gia apparsi sulla Revue 
des Deux Mondes nel 1855 con il titolo "La vie intime e la vie nomade en Orient". 

17. Come le definisce Dorothy Middleton. 

18. Per le immagini di harem e di donne orientaU in pittura e in fotografia si vedano: Alev 
Lytle Croutier, Sarah Graham-Brown e Malek AUoula. 



308 MIRELLA SCRffiONI 

e I'oriente diventa meta di viaggi che danno origine ad una copiosa letteratiira. 
"Oriente" b anche la Terra Santa, luogo di pellegrinaggio, ma la rotta per 
Gerusalemme tocca Costantinopoli e I'Egitto, e quindi viaggio sacro e viaggio 
profano si incrociano negli itinerari di alcuni dei viaggiatori occidentali, soprattutto 
francesi (come Chateaubriand e Lamartine) le cui opere - classici della letteratura 
del viaggio in Oriente - contribuiscono in modo significativo alia costruzione 
deH'oriente immaginario e della ideologia orientalista analizzati da Edward Said 
in Orientalism. 

II primo dei libri di viaggio, che far^ da modello, b appunto Vltineraire de 
Paris a Jerusalem di Chateaubriand (181 1), a cui segue Voyage en Orient (1835) 
di Lamartine. Voyage en Orient di Nerval, frutto del viaggio di un anno fatto nel 
1843, esce nel 1851. II diario del viaggio del 1849-50 di Gustave Flaubert, fatto 
assieme all'amico Maxime Du Camp, sar^ pubblicato postumo, ma le sue lettere 
alia madre, agli amici e all'amante Louise Colet, diffondono nei salotti parigini 
le notizie e le immagini del suo oriente. Nelle descrizioni di Flaubert e di Nerval, 
come piu tardi in quelle di Th6ophile Gautier e di Pierre Loti, occupa un ruolo 
centrale Timmagine della domia orientale, oggetto di voluttuoso e decadente 
piacere.'^ 

In Inghilterra Alexander William Kinglake pubblica nel 1844 rumoristico 
resoconto Eothen e nel 1853 I'esploratore ed orientalista Richard Burton b il primo 
occidentale che riesce, travestito da derviscio arabo, ad avere accesso al santuario 
della Mecca. La sua esperienza b registrata in un importante libro di viaggio in 
Oriente, Personal Narrative of a Pilgrimage to Al-Madinah and Meccah (1893). 

AH'interno di questa letteratura 1' Oriente si trasforma serapre di piia da luogo 
geografico in luogo dell' inmiaginario, ra//rodairOccidente. Iltermine "esotico" 
si arricchisce di echi sessuali ed evoca I'idea di una terra-donna di piaceri, 
I'immagine velata ma svelata del corpo della donna dell'harem, dell'odalisca, della 
ballerina. 

Mentre nell'Ottocento 1' Oriente diventa una meta privilegiata per scrittori e 
viaggiatori francesi e inglesi, molte donne iniziano a percorrere le stesse rotte e 
a produrre letteratura di viaggio. La prima a scrivere dalF Oriente nel Settecento 
era stata Lady Mary Worthley Montagu, che nel 1717 aveva seguito in Turchia 
il marito, nominato ambasciatore a Costantinopoli per cinque anni. La missione 
del marito fall! e dopo un amio la coppia dovette rientrare in Inghilterra, ma durante 
il suo soggiomo in Turcliia Lady Montagu si immerse totalmente nella vita del paese, 
dandone una vivida descrizione nelle lettere agli amici londinesi. 



19. "There is very little consent to be found, for example, in the fact that Flaubert's 
encounter with an Egyptian courtesan produced a widely influential model of the Oriental 
woman; she never spoke of herself, she never represented her emotions, presence, or history. 
He spoke for and represented her" (E. Said, p. 6). 



// viaggio alfemminile nell'Ottocento 309 

Ancora nel Settecento esce A Journey through the Crimea to Constantinople 
(1789) di Lady Elizabetii Craven, il cui viaggio fii anche occasione d'incontro, alia 
corte di Baviera, con il futuro marito, il Margravio di Anspach. 

Dopo queste opere, le Memorie sull'Egitto di Amalia SoUa Nizzoli, apparse 
nel 1841, sono il primo diario ottocentesco di una donna occidentale dall'oriente. 
Cristina di Belgioioso b invece preceduta negli stessi luoghi, oltre che da Lady 
Stanhope, dall'austriaca Ida Pfeiffer e dalla francese Contessa De Gasparin. In 
Egitto viaggiano, tra il 1845 e il 1849, le inglesi Harriet Martineau e Florence 
Nightingale. Nella seconda meta dell'Ottocento i viaggi di donne in Oriente si 
infittiscono. L'inglese Lady Lucie Duff Gordon trascorre lunghi periodi di tempo 
in Nubia, tra il 1862 e il 1865; costretta da motivi di salute a passare gli invemi 
fuori dairinghilterra, si appassiona al paese e ne scrive con entusiasmo. Lady 
Burton viaggia con il marito in Siria, Palestina e Terra Santa, Amelia Edwards risale 
in barca il corso del Nilo, Lady Anne Blunt soggioma tra le tribu beduine 
deU'Eufrate. 

La visita in Persia di Carla Serena (1877-1878), descritta nel suo libro del 1881, 
anticipa di piu di dieci amii quella di Isabella Bird (1889), mentre i primi soggiomi 
in Persia di Gertrude Bell hamio luogo negli anni di fine secolo, tra il 1892 e il 
1899. Tra i viaggi in Oriente vale infine la pena di citare anche quello, peraltro 
occasionale e meno avventuroso, di Matilde Serao, che nel 1893 si reca in 
pellegrinaggio in Terra Santa. ^'^ 

Di fronte al fenomeno del viaggio di donne nell'Ottocento b inevitabile chiedersi 
se esiste un viaggio e una scrittura al femminile, soprattutto quando il viaggio e 
la scrittura si riferiscono ad un oggetto cosi carico di connotazioni e di rinvii sessuali 
quali r Oriente. 

Quando il noto orientalista Edward Said attribuisce (a ragion veduta) alia 
letteratura di viaggio sull' oriente la responsabilita della elaborazione del discorso 
orientahsta e individua nella "strategic location" dell'autore il tramite per analizzare 
tale discorso, il maschile da lui usato per riferirsi agli autori di opere sull'oriente 
non e una semplice convenzione granmiaticale, bensi riflette una specifica scelta 
di autori e di testi.^' Airintemo dell'ampia letteratura, non solo di viaggio, a 



20. Matilde Serao si imbarco su una nave che portava a Gerusalemme attraverso rEgitto. 
Si veda Ricordi di Palestina: il resoconto, dopo una breve descrizione della sosta ad 
Alessandria e al Cairo, e tutto dedicato alia visita a Gerusalemme e a Nazareth e all'esperienza 
mistica dell'incontro con i luoghi di Gesu. 

2 L "My principal methodological devices for studying authority here are what can be called 
strategic location, which is a way of describing the author's position in a text with regard 
to the Oriental material he writes about, and strategicformation, which is a way of analysing 
the relationship between texts and the way in which groups of texts, types of texts, even 
textual genres, acquire mass, density, and referential power among themselves and thereafter 
in the culture at large. . . . Everyone who writes about the Orient must locate himself vis-a-vis 



310 MiRELLA SCRIBONI 

cui si riferisce, Said non include infatti scritti di donne, se si eccettua il riferimento 
a Gertrude Bell e alle posizioni politicamente conservatrici che sottostanno ad alcuni 
suoi giudizi sugli Arabi.^^ Sembra cosi esclusa da parte di Said la possibility che 
i testi delle viaggiatrici possano fomire elementi, diretti o indiretti, per una 
"decostnizione" del discorso orientalista, possibility che si potrebbe invece ipotizzare, 
considerando che la donna occidentale non t soggetto di questo discorso, ma 6 a 
sua volta oggetto, come la donna orientale, di una "costruzione". 

L'opinione che una specificity di scrittura femminile si ritrovi anche nel campo 
della letteratura di viaggio b piuttosto diffusa tra le studiose che in anni recenti hanno 
richiamato all'attenzione critica le opere di donne in questo campo. Grimley Mason 
e Hurd Green, in Journeys, Autobiographical Writings by Women, iuuividuano nella 
scrittura autobiografica femminile una maggiore capacity, rispetto a quella maschile, 
di riconoscere Valtro, ciod di rapportarsi alia diversita.^^ Shirley Forster, 
nell'introduzione ad Across New Worlds, sostiene che le "influenze testuali sono 
difficili da individuare chiaramente, ma caratteristiche in comune suggeriscono 
I'esistenza di un genere di scrittura di viaggio distintamente femminile" }'* Anche 
Sarah Mills, nel saggio Discourses of Difference: An analysis of Women 's Travel 
and Colonialism, evidenzia una specificity femminile, negli scritti di viaggiatrici, 
nella "maggiore importanza attribuita al coinvolgimento personale e ai rapporti con 
persone di un'altra cultura e nella posizione meno autoritaria che la voce narrativa 
assume ".^^ 



the Orient; translated into his text, this location includes the kind of narrative voice he adopts , 
the type of structure he builds , the kind of images , themes , motifs that circulate in his text— all 
of which add up to deliberate ways of addressing the reader, containing the Orient, and finally, 
representing it or speaking in its behalf" (corsivo mio] (pp. 20-21). 

22. Per una critica femminista dell'impostazione di Said si vedano i saggi di Sara Mills, 
e Lisa Lowe. 

23. "A reading of the autobiographical writings of women from medieval to modem times 
makes it clear that women have made an important contribution to the genre. The way in 
which women have written about their hves is often distinct from the way men have written. 
... In woman's autobiographical writing, the self-portrait often includes the real presence 
and recognition of another consciousness" (p. xiii). 

24. "Textual influences are hard to pinpoint, but characteristics in common suggest the 
existence of a distinctively female genre of travel writing" (p. viii). 

25. "The authors travelled for very different reasons and in different countries, and wrote 
about their travels within a multiplicity of constraints— gender, class, purpose of their journey, 
textual conventions, audience and so on— which acted upon and informed their writing. These 
factors determine that the texts will be constructed differently, both from texts by other women 
and also those by men. And yet what the narrators write about the people amongst whom 
they travelled and their attitude to those people is surprisingly similar and seems to differ 
from the writings of male travellers in the stress they lay on personal involvement and 
relationship with people of the other culture and in the less authoritarian stance they take 



// viaggio alfemminile nell'Ottocento 311 

Accanto ai caratteri comuni, per6, la stessa Mills sottolinea la "complessit^ 
e, paradossalmente, la indecifrabiliti, a dispetto della apparente leggibilit^" , degli 
scritti di viaggio di donne, dovuta spesso ad una serie di "pressioni discorsive sulla 
produzione e ricezione che le donne scrittrici hanno dovuto negoziare in modi molto 
diversi da quelli degli uomini", specialmente quando il viaggio e il discorso 
femminile si sono confrontati con il terreno tutto maschile del colonialismo (pp. 
5-6). Ancora Shirley Forster intravede nei testi di viaggiatrici vittoriane in Italia, 
in Nord America e in Estremo Oriente, una "gender ambiguity" derivante dal 
bisogno delle donne viaggiatrici di trovare un equilibrio "assumendo le virtu maschili 
della forza, iniziativa e decisione pur mantenendo le meno aggressive quality 
considerate appropriate per il loro sesso".^^ 

Va al di 1^ dei limiti di questo scritto esaminare il panorama della narrativa 
di viaggio in Oriente di donne europee e tentare di rispondere alia domanda posta 
sopra attraverso il necessario confronto tra i viaggi e le opere di donne e tra questi 
e i viaggi e la letteratura di viaggio "al maschile" . 

Prima di riportare per6 il discorso alle viaggiatrici italiane, appare necessario 
porsi alcune domande generali, utilizzando, tra I'altro, alcune delle categorie 
interpretative offerte dalla critica femminista e dallo stesso Said:^^ 

1 . Sulla specificity del viaggio di donne: quali sono le motivazioni del viaggio? 
Perche viaggiano in oriente e che cosa (non) cercano le viaggiatrici? Che tipo di 
"viaggiatori" sono? Come si muovono per il paese? Che relazione instaurano con 
le persone (uomini e donne) che incontrano? 

2. Sulla specificity della scrittura di viaggio: qual b il motivo (esplicito od 
miplicito) della scelta della scrittura? Che uso fanno le viaggiatrici-scrittrici dell'io 
narrante? Che valore/autorevolezza attribuiscono alia propria scrittura? Che cosa 
scelgono di osservare? Quali sono, in definitiva, per usare le parole di Said "le 
immagini, i temi e i motivi che circolano nel testo?" 

Altre domande importanti riguardano sia la "ricezione" di questi testi (se i viaggi 



vis-a-vis narrative voice" (p. 21). 

26 . "As women became able to travel more widely and more independently they had to adopt 
a position of gender ambiguity, taking on the masculine virtues of strength, initiative and 
decisiveness while retaining the less aggressive quahties considered appropriate to their own 
sex" (pp. 11-12). 

27. Mi hmitero a seguirne alcuni suggerimenti, cercando per esempio di individuare 
"I'importanza attribuita al coinvolgimento personale e ai rapporti con persone di un'altra 
cultura" (Mills), in particolare nei rapporti con le donne; un'utile chiave di lettura e anche 
quella che rinvia all'esistenza— dietro al testo— di "costraining factors" e "discursive pressures" 
che possono determinare una "gender ambiguity". II concetto di "strategic location" formulate 
da Said e invece applicabile a questi testi sostituendo il maschile al fenraiinile per esaminare 
"the kind of narrative voice she adopts ... the kind of images, themes, motifs that cu-culate 
in her text" . 



312 MIRELLA SCRffiONI 

e le opere di queste donne ftirono conosciuti e quale "autorit^" viene loro 
attribuita)^* che la loro possibile intertestualitA (se cio6 le viaggiatrici-scrittrici 
siano a conoscenza delle opere delle altre e se, in qualche modo, si riconoscano 
come gruppo).^' 

Viaggio e scrittura in Nizzoli, Belgiojoso e Serena 

Al di 1^ delle differenze nelle motivazioni individuali, va innanzitutto considerato 
il di verso contesto storico in cui il viaggio di queste tre donne si svolge: quello 
di Amalia Nizzoli ha sulla sfondo I'ltalia della Restaurazione (il fatto che il marito 
sia fiinzionario del goverao austriaco non t irrilevante) e non si sentono echi delle 
lotte e dei moti risorgimentali. Tutto risorgimentale b invece il viaggio della 
principessa di Belgioioso, mentre quello di Carla Serena si svolge all'interao del 
contesto di un'Europa e di un Oriente attraversati dai rapporti di potere internazionah 
e da interessi coloniali; i suoi libri, che appartengono ad un genere piu vicino al 
reportage giornalistico, illustrano una dimensione e un'idea del viaggio piu 
"moderni". 

Diversissime sono le esperienze di vita e di viaggio di queste tre donne: Amalia 
Solla Nizzoli t una viaggiatrice "per caso", una di quelle donne che, come spesso 
loro succede, "seguono la rotta" (A. Bianchini). Nel 1919, a tredici anni, parte 
da Livomo con la famiglia, che ha deciso di raggiungere in Egitto il fratello della 
madre, medico presso un alto funzionario locale. A un anno dairarrivo, i parenti 
combinano il matrimonio di Amaha con Giuseppe Nizzoli, canceUiere del consolato 
austriaco. I Nizzoli si stabiliscono al Cairo, ma poco dopo il matrimonio rientrano 
per un periodo di circa un anno in Italia, dove nasce la loro prima figlia. Nel 1826 
Nizzoli viene nominato cancelliere del Consolato generale ad Alessandria, dove 
nasce un'altra figlia, ma nel 1828 d^ le dimissioni per motivi di salute e rientra 
in Italia sperando in una nomina a Smime. Amalia decide di precederlo 1^ e durante 
la traversata in mare subisce la tragedia della morte della seconda figlia. Due anni 



28. Per quanto riguarda la "fortuna" delle autrici italiane dell'Ottocento e delle loro opere, 
Amalia Nizzoli e le sue Memorie sembrano aver avuto scarsa eco e il libro non e stato piii 
ripubblicato, Cristina di Belgioioso, molto conosciuta e molto discussa in vita, e dimenticata 
per lungo tempo dopo la morte e la prima traduzione in italiano di "La vie intime e la vie 
nomade en Orient" esce nel 1921. Non c'e stata una traduzione di Asie Mineure el Syrie, 
souvenirs de voyage, tradotto invece in inglese nel 1862 col titolo Oriental Harems and 
Scenery. L'opera di Carla Serena ebbe maggiore riconoscimento pubblico durante la vita 
dell'autrice, ma non e mai stata tradotta in italiano. 

29. Osserva Shirley Foster: "As individual travellers, each with her own aspirations and 
goals, the women did not see themselves as a group [...] but they were often personally 
connected [...] and they read and aknowledged each other's work" (pag VIII). 

Nel nostro caso: ne Amalia Nizzoli, ne Cristina di Belgioioso o Carla Serena fanno 
esplicito riferimento ad altre viaggiatrici (se si eccettua un accenno a Lady Stanhope fatto 
dalla Belgioioso). 



// viaggio alfemminile nelVOttocento 313 

dopo, fallita la speranza della nomina in Grecia, Amalia torna di nuovo in Italia, 
mentre il marito b richiamato a Vienna. La nomina come viceconsole a Zante arriva 
finalmente nel 1835 e le Memorie si interrompono a questo anno con la promessa 
di una appendice su Zante. Amalia muore probabilmente tra il 1841 e il 1849, 
anno in cui h documentato un secondo matrimonio di Nizzoli. 

II viaggio b invece un evento quasi di routine nella vita di Cristina Trivulzio 
di Belgioioso che, fin da giovanissima, sceglie la vita rischiosa della patriota, 
combattendo per la liberty e I'indipendenza d'ltalia. I suoi viaggi iniziano nel 1830, 
quando, separatasi dal marito, lascia Milano e si sposta per I'ltalia, prendendo 
contatti con i gruppi liberali ed iscrivendosi alia Carboneria. Nel 1830, perseguitata 
dalla polizia austriaca, fiigge in Francia e si stabilisce a Parigi. Nel 1849, con il 
crollo della Repubblica Romana di Mazzini, alia cui difesa ha partecipato dirigendo 
gli ospedali militari^, b costretta di nuovo a lasciare I'ltalia. Dopo una tappa a 
Malta e in Grecia arriva inTurchia e si stabilisce nel piccolo villaggio di Ciaq-Mag- 
Oglu, in una valle non lontano da Ankara, con la figlia di dodici anni, la sua 
govemante inglese e un piccolo gruppo di coUaboratori. Da H, nel 1852, decide 
di partire per Gerusalemme. II viaggio, attraverso 1' Asia Minore e la Siria, durer^ 
quasi im anno. Nel 1856 la precaria situazione finanziaria della sua fattoria e 
I'abbattimento fisico e morale seguito all'aggressione di cui 6 vittima — un servitore 
I'assale a pugnalate — la convincono a ritomare a Milano, dove muore nel 1871. 

Anche il viaggio di Carla Serena, moglie di Leone Serena, uno dei proscritti 
dopo il crollo della Repubblica Veneziana del 1848, inizia come esilio: da Venezia 
segue il marito a Marsiglia, a Parigi, in Belgio e infine a Londra. Negli anni che 
seguono, I'esilio si trasforma in una vita da viaggiatrice di professione: nominata 
corrispondente a Vienna di un giomale di Anversa, prosegue i suoi viaggi da sola 
in Svezia, Norvegia, Egitto, Grecia, Russia, nel Caucaso e in Persia. II resoconto 
dei suoi viaggi b contenuto in una serie di libri dal titolo Mon Voyage: Souvenirs 
personnels?^ Socia delle principali society geografiche d'Europa, b decorata dal 
re di Svezia e dal re d'ltalia nel 1882 quale "benemerita degli studi etnografici. 



30. In questa occasione la sua storia si incrocia con quella di un' altra viaggiatrice, 
Tamericana Margaret Fuller, autrice di Woman in the Nineteenth Century (1845), arrivata 
in Italia nel 1847 come corrispondente del New York Tribune e qui divenuta una fervente 
mazziniana. Nel 1 849, insieme a molte altre volontarie, collaboro con la principessa al lavoro 
degli ospedali militari. A Roma la Fuller aveva incontrato il marchese Angelo Ossoli, dal 
quale ebbe un figlio. Tutti e tre trovarono la morte nel 1850 nel naufragio della nave che 
li portava in America. 

31. Pubblicati in Francia tra il 1880 e il 1884. Tra questi: "Le Caucase", "Lettres 
d'Autriche", "Lettres Scandinavienne," "Lettres Elleniques", "De la Baltique a la Mer 
Caspienne", "Une Europeenne en Perse", "Kalmuckia". 



314 MiRELLA SCRIBONI 

esploratrice coraggiosa delle regioni caucase". Muore in Grecia nel 1884.^^ 

Amalia Nizzoli, dopo il primo viaggio in nave da Livorao ad Alessandria e 
da li al Cairo, viaggia da "moglie di diplomatico" , anche se questo non le evita 
difficoM e disgrazie. Gia durante il primo ritomo in Italia, dopo il matrimonio, 
viene sfiorata la tragedia: la nave su cui si sono imbarcati lei e il raarito prima rischia 
il naufragio per una burrasca, poi viene assaltata dai pirati e il capitano accusa 
Nizzoli di essere responsabile delle disgrazie successe per aver nascosto delle 
munmiie tra le antichita contenute nei cassoni da spedire in Italia (pp. 84-85). Nei 
viaggi aU'intemo del paese Amalia b sempre scortata o protetta e I'unico spostamento 
che fa da sola e quando, su desiderio del marito, si reca in un villaggio vicino a 
Menfi per sovrintendere a degli scavi da lui intrapresi." 

Cristina di Belgioioso, al contrario, dopo il suo arrivo in Turchia, viaggia 
sempre da sola nelle zone limitrofe al suo villaggio, spesso per recarsi a curare 
dei malati. Fin dal suo arrivo, infatti, si fa conoscere per le sue capacity mediche 
e molti pascia la considerano un'eccellente guaritrice. II motivo dichiarato del 
viaggio a Gerusalemme del 1851 6 quelle di far ricevere la Prima Comunione alia 
figlia in Terra Santa (anche il ruolo di madre-capofamiglia b vissuto con una certa 
originality!), ma leggendo Asie Mineure et Syrie non sembra che I'arrivo a 
Gerusalemme abbia rappresentato la parte piia importante del suo itinerario, scandito 
da varie tappe, ognuna delle quali densa di avventure ed esperienze. II gruppo 
(composto da lei, dalla figlia Maria con la governante e dalla "scorta di cavalieri 
senza cui b impossibile viaggiare in Oriente") attraversa a cavallo e a piedi montagne 
piene di neve per arrivare ad Angora (il viaggio inizia a geimaio), i poveri villaggi 
della Cappadocia e le pericolose zone del Giaur-Daghda abitate da popolazioni ostili 
al goverao centrale di Costantinopoli. Nonostante i tentativi di dissuasione del pascia 
della zona, la principessa scende poi attraverso le montagne della Siria fino a Beirut. 
Alia partenza da Antiochia le viene consigliato di farsi scortare dalle truppe del 
pascia dirette verso I'interno della regione, ma lei preferisce procedere da sola. 
Costeggiando il mare il gruppo arriva infine a Gerusalenmie (pp. 98, 132-133). 



32. Si veda V Illustrazione italiana, IX, 3 (15 gennaio 1882). Non fu pero, a quanto pare, 
socia della Societa geografica italiana, perche il suo nome non compare negli elenchi pubblicati 
nel bollettino della societa. Appaiono invece menzioni della pubblicazione di suoi libri e 
articoli: nella bibliografia del vol. 18 (1881) {Une Europeenne en Perse. Parigi, Dreyfous, 
1881) e nel vol. 19 (1882) (citazione della rivista Le Tour du Monde, 14, 21, 28 ottobre 
e 4 novembre 1882: Tre mesi in Kakhezia). 

33. "Era in un certo modo un passatempo per me di assai nuovo genere, onde accondiscesi 
di buon grado ai desideri di lui. Mi trasferii con tutto I'occorrente a Saccarah ove era stato 
stabilito un alloggio per me. E siccome si trattava di vivere fra gli Arabi, lontana dal Cairo 
quasi quattro ore di cammino, mio marito aveva ottenuto, insieme col firmano per gli scavi 
concedutogli dal Pascia, anche un ordine del Kiaja-Bey (govematore generale) per il maire 
di Saccarah rendendolo responsabile di qualunque sinistro accidente che m'accadesse durante 
la mia dimora cola" (p. 234). 



// viaggio al femminile nelVOttocento 315 

La Belgioioso riceve spesso ospitalit^ dai pasci^ che ha curato o da loro amici, ma 
mold pemottamenti sono in tenda e in alloggi improwisati. Altre volte, adeguandosi 
alia consuetudine dei viaggiatori in Oriente e alle regole dell'ospitaliti orientale, 
chiede protezione ai pascii delle zone in cui sta entrando. Questi ricevono la 
principessa, la cui fama di amazzone si d sparsa per la Turchia, con tutti gli onori, 
trattandola come un diplomatico o un capo politico e militare straniero: il pasci^ 
di Adana insiste per avere illuminazioni sulla situazione politica europea,^ mentre 
mi altro pasci^ di cui il gruppo b ospite nel viaggio di ritomo, le fa trovare il suo 
esercito schierato e, con grande divertimento di Cristina, la invita a passarlo in 
rassegna. Alcuni incontri sono invece occasione di irritazione, come quello con 
il vecchio mufti di Cerkes, il quale alle domande di Cristina sulla sorte dei 
numerosissimi figli nati nell'harem risponde candidamente che, appena raggiunta 
I'et^ di dodici (per le femmine) o di quattordici anni (per i maschi), questi vengono 
allontanati dalla casa patema e il padre non si interessa piu alia loro sorte. ^^ La 
sua posizione di "doima sola" non6 mai unostacolo per Cristina Belgioioso. Dopo 
aver attraversato la zona del Giaur-Dahga osserva anzi: 

Chiunque visiti 1' oriente, deve tener conto nelle previsioni, oltre che della fatica, 
anche del pericolo; ma il miglior modo per affrontarlo non e forse liberarsi dai 
terrori puerili tenuti in vita da vecchi pregiudizi, e di cui alcune donne si 
compiacciono? Una specie di debolezza pretenziosa e imbellettata venga pure 
considerata come una delle attrattive femminili: quanto a me, mi sara sempre 
difficile capirla, e non sapro mai scusarla. (p. 124) 

Carla Serena, nell'introduzione ad Vne Europeenne en Perse, sottolinea con 
orgoglio la difficolt^ di viaggiare come donna sola; ad ogni buon conto, comunque, 
fin dall'inizio del viaggio, si mette alia ricerca di protezione da parte delle autoritil. 
La motivazione della visita in Persia, dopo il viaggio in Russia seguito a quello 
nei paesi baltici, t la necessity di rimettersi da "una grave malattia" con un soggiomo 
in un clima mite. Diretta verso la costa della Persia, dai Mar Caspio raggiunge 
via mare e poi via terra il luogo da dove partono le carovane per Teheran. Qui 
inizia il viaggio vero e proprio, a dorso di mulo, attraverso i villaggi deH'intemo, 
fino alia capitale. 11 racconto del percorso b dedicato in gran parte alia descrizione 
delle peripezie nel rapporto con unacoppia di ft-ancesi (uncancelliere d'ambasciata 



34. "Cercai invano di tergiversate e rifiutare il ruolo di oracolo che sembrava mi venisse 
offerto; suggerii invano che questioni cosi serie e complesse non potevano essere chiarite 
in poche parole e neanche in pochi minuti. Senza far caso alle mie difficolta, il pascia ripeteva 
invariabilmente le sue domande. Presi infme la decisione e, armandomi di sicurezza, risposi 
gravemente alcune banaUta. II pascia sembro nondimeno affascinato dalla profondita e dalla 
chiarezza delle mie opinioni" (p. 89). 

35. "La sostanza degU argomenti non risultava meno assurda e odiosa, a tal punto che fiii 
piu volte sul punto di interrompere il patriarca. Mi limitai a compiangere dentro di me il 
popolo presso cui simili uomini sono onorati come modelli di virtu" (p. 40). 



316 MIRELLA SCRIBONI 

e suamoglie) i quali inizialmente le offronoprotezione, inquanto cittadina italiana, 
ma poi cercano in ogni modo di liberarsi di lei,^^ lasciandola in balia della 
prepotenza dei mulattieri. Arrivata a Teheran, falliscono i suoi tentativi di ottenere 
ascolto dalla delegazione francese a cui ufficiosamente b affidata la protezione dei 
sudditi italiani in Persia. La delegazione della Russia, paese dal quale la Serena 
aveva ottenuto il passaporto per il viaggio, non la riceve con maggiore calore e 
solo gli inglesi le offrono una tiepida accoglienza. Dal momento deH'arrivo in poi, 
Serena sembra trovarsi al centro di un intrigo intemazionale e arriva ad essere 
sospettata dal govemo persiano di essere una spia inglese.^^ Priva del necessario 
visto per ripartire, ma anche determinata ad ottenere le scuse del govemo francese 
e russo, passa I'invemo a Teheran, ignorata da francesi e da russi e tenuta a distanza 
dagli inglesi, inviando richieste di intervento ed appelli ai rappresentanti dei vari 
govemi europei a Londra.^^ Riesce alia fine ad ottenere una lettera di benestare 
dal cancelliere dello zar che la raccomanda alia delegazione russa a Teheran 
garantendole il visto sul passaporto e pu6 fare cosi ritomo in Inghilterra attraverso 
la Russia. 

Sia nel testo di Amalia SoUa Nizzoli che in quello di Cristina di Belgioioso 
la voce narrante b la prima persona. L'"io" di Amalia, perd, b sempre circoscritto 
airintemo della sua posizione di figlia, nipote e moglie. L'autrice non si attribuisce 
autorevolezza e la scelta della scrittura b, per lo meno apparentemente, interna ad 
una tradizione diaristica. Con una excusatio molto femminile, nell'introduzione 
alle Memorie insiste infatti sul loro carattere privato: 

Le present! memorie che non senza battiti di cuore oso presentarvi, o benevoli 
Lettori, io non ebbi mai in pensiero che un giomo dovessero vedere la luce. 
Troppo giovinetta ancora quando giunsi la prima volta in Egitto . . . Continuai 
in seguito a raccogliere notizie che parevanmi degne di attenzione per lasciarle 
un giomo, qual ricordo, a mia figlia. Ne il pensiero mi passo pel capo giammai 
di cavame il raateriale di un libro, e per essere impresa troppo ardua per me, priva 
delle necessarie cognizioni, e perche non supponeva I'argomento abbastanza 
interessante. (p. xiv) 



36. Da quello che la Serena racconta viene pero il sospetto che I'atteggiamento dei francesi 
non sia del tutto ingiustificato. 

37. Nel periodo del viaggio di Carla Serena regnava (dal 1848) in Persia lo Shah Nasser 
Edin. Dopo fasi alteme di rapporti con la Russia e 1' Inghilterra, la Russia sembrava aver 
affermato - attraverso consistent! aiuti militari - la sua egemonia nel paese. Oltre alia 
delegazione russa ed inglese erano present! a Teheran anche le delegazioni della Francia 
e Turchia. I rapporti conflittuali tra quest! paesi spiegherebbero le peripezie della Serena 
e il sospetto di spionaggio a favore dell 'Inghilterra. 

38. Nonostante la fama di pericolosita da cui dice di essere circondata, la Serena viene pero 
invitata a visitare il " Thekie" (il Serraglio) reale. 



// viaggio alfemminile nell'Ottocento 317 

Amalia spiega poi di aver scritto il libro solo perch6 incoraggiata da "uomini colti 
e imparziali", a cui si era decisa a far leggere le sue note sotto lo stimolo della 
curiosity dimostrata da tutti, "specialmente sui costumi delle donne orientali e sugli 
harem". 

La voce narrante nel diario di Cristina di Belgioioso h invece quella di un "io" 
molto marcato, che si attribuisce sin dalFinizio I'autorevolezza della conoscenza, 
presentata non come semplice esperienza diretta di quei paesi e di aspetti a cui ha 
accesso solo una donna (come gi<l la Nizzoli aveva sottolineato), ma anche e 
sopratutto come capacity, in base agli elementi fomiti da tale conoscenza, di fare 
delle valutazioni ed esprimere dei giudizi, spesso contrapposti a quelli di altri, come 
avviene nell'introduzione: 

Forse isolare alcuni episodi di quell 'epoca della mia vita bastera a giustificare la 
preferenza con cui ancor oggi il mio pensiero ritoma ad essi. Mostreraimo anche, 
attraverso alcuni dei loro tratti essenziali, la fisionomia delle popolazioni che questo 
viaggio mi ha permesso di osservare e di cui i racconti fmo ad oggi pubblicati 
mi avevano dato solo un'idea molto inesatta. 

La Siria che ho visitato, per esempio, non assomigUa affatto alia Siria che avevo 
visto nei Ubri. E vero che ero in posizione privilegiata rispetto alia maggior parte 
dei viaggiatori e che potevo conoscere un aspetto molto importante della societa 
musuhnana — I'aspetto domestico, quello in cui domina la donna. L'harem, questo 
santuario maomettano, ermeticamente chiuso a tutti gh uomini, mi era aperto. Vi 
potevo penetrare liberamente; potevo conversare con quegh esseri misteriosi che 
I'europeo intravede solo velati, interrogare alcune di quelle anime che non si aprono 
mai, e stimolarle a confidenze preziose su tutto un mondo sconosciuto di passioni 
e di pene. I racconti dei viaggiatori, incompleti per quello che riguarda la civilta 
musulmana, lo sono d'altronde molto spesso per quel che riguarda la natura e 
I'aspetto materiale dei luoghi. (pp. 21-22) 

Molto spesso, nel corso della narrazione, la principessa prende infatti le distanze 
dalla letteratura di viaggio suU'oriente, sottolineando diversity tra le sue descrizioni 
e quelle di altri e dando consigli ad aspiranti viaggiatori.^' 

Anche in Carla Serena c'6 una forte coscienza del proprio io, ma la narrazione 
b in terza persona."" E interessante notare, inoltre, come spesso ci sia una 



39. "Non andro oltre nel mio tentative di riabilitare la vita abbastanza faticosa che ogni 
viaggiatore deve accettare in Oriente; mi limitero a dire: non visitate la Siria in lugho, ne 
I'Asia Minore in invemo; rischiereste I'apoplessia o il congelamento. Sceghete un'epoca 
favorevole, prendete un buon cavaUo di cui regolerete I'andatura a vostro piacimento, 
lanciatevi attraverso le montagne o sulle spiagge bagnate dal Mediterraneo, poi ditemi se 
una cavalcata di otto ore al giorno fatta in tah condizioni non vale mille volte le lunghe 
giomate del turista portato a spasso da una confortevole berhna sulle migUori strade 
dell'Europa" (p. 124). 

40. Nella dedica ai lettori I'autrice specifica: "Les Persans, peu verses en geographic, 
nomment indistinctement tons les Europeens Frenghis. Je me designe comme j'ai ete designee 



318 MIRELLA SCRffiONI 

transizione dal femminile ("voyageuse") al maschile ("voyageur"): quando fa 
considerazioni generali sul viaggio e sul paese usa il maschile, ma passa di nuovo 
al femminile quando si riferisce alia propria condizione di "femme seule", e 
soprattutto quando (come in De la Baltique a la Mer Caspienne), si rivolge alle 
"lettrici" con discorsi piij frivoli (ad esempio parlando della moda locale e del 
proprio abbigliamento). 

Spiegando come ha iniziato a scrivere, cio^ con un articolo occasionale su un 
giomale di Lx)ndra e ottenendo poi la nomina di membra corrispondente della Society 
Geografica francese, sottolinea: "Ce second diplome me donne une fois de plus 
I'assurance que le travail des femmes ne reste pas toujours sans r6compense" /' 
Con unpassaggio un po' sconcertante, per6, nell'epilogo dello stesso libro, dopo 
un omaggio alia regina Margherita e un'apologia della civile^ europea, conclude: 

Mon recit apprendra aux Europeennes que bien des satisfactions m'ont ete donnees. 
Mais ici j'avoue que la plus vive est la pensee de revoir mon foyer, car c'est la 
vraie place de la femme. Femmes, restez-y et lisez la Mon Voyage, (p. 358) 

Nei tre testi esaminati nell'ambito di una struttura narrativa che si richiama 
a quella canonica del diario di viaggio t presente una variety di temi e di motivi. 
Anche se da parte di tutte e tre le autrici t esplicito I'intento di dare un quadra dei 
paesi visitati e di fornire elementi di descrizione geografica, storica, sociale e 
culturale, lo spazio e I'approfondimento che viene dato a questi diversi aspetti varia 
da un libro aH'altro. 

In Amalia Nizzoli la descrizione dell'Egitto appare sempre piuttosto didascalica 
e il racconto dell'esperienza personale rimane spesso staccato dalle altre parti della 
narrazione, talvolta un po' atona; i luoghi solo poche volte sono rivisitati con lo 
sguardo della giovane ragazza (ancora una bambina) che per la prima volta aveva 
incontrato un mondo cosi diverso e strano rispetto a quello dolorosamente lasciato 
alle spalle. Dopo il matrimonio, inoltre, la vita di Amalia appare fortemente 
condizionata dal ruolo e dagli interessi del marito, consolare e appassionato di 
"antichit^""^. Le amicizie altolocate di Nizzoli ("il nobile signor Peruzzi", "I'ottimo 
cavaliere professor Brocchi" , "il console Acerbi" , "il conte Dandolo") compaiono 
ripetutamente nel corso della narrazione, anche con trascrizioni (alquanto noiose) 



par eux. La Frenghi, c'est moi,— les aventures sent les miennes". 

4L De la Baltique a la mer Caspienne, p. 357. 

42. Anche nel coinvolgimento negli interessi del marito e sempre ribadito il senso della 
propria inadeguatezza. Parlando degli scavi commissionati dal marito a Menfi, scrive: "Troppo 
avrei a dire, se narrar volessi cio che ho veduto con i miei propri occhi, intomo alle 
meravigliose cose che lasciarono quelle antiche generazioni, ma poiche non e mio assunto 
di entrare in materia letteraria ne archeologica, spettando ai soli dotti e studiosi parlame, 
io non posso che limitarmi alia semplice esposizione dei miei scavi, che nei primi tempi 
in vero non venivano coronati da verun buon successo" (p. 235). 



// viaggio alfemnunile nelVOttocento 319 

di lettere indirizzate alia "gentilissima Signora". Nel diario di Cristina di Belgioioso 
lo sguardo che osserva la reaM circostante (luoghi, persone e persino animali/' 
con la loro storia e le loro stone) riesce invece a fondere la materia narrata e a 
riportarla sempre alia concretezza e passione dell'esperienza individual. Lx) sguardo 
di Carla Serena, giornalisticamente distaccato, piu che sugli abitanti e sulla realty 
del luogo si sofferma invece sui complicati rapporti tra i personaggi della comunit^ 
europea e tra questi e I'aristocrazia persiana. 

Nonostante le notevoli differenze di scelte narrative, appare chiaro perd che 
tutti e tre gli scritti rispecchiano un punto di vista sui luoghi visitati e sulle persone 
incontrate che b strettaraente intrecciato alia (diversa) percezione di se come 
donne/occidentali. L"'identit^ sessuata" delle autrici b quindi un elemento 
imprescindibile che entra in gioco anche nella struttura dell'opera e nella scelta degli 
argomenti, soprattutto nella trattazione del tema dell'harem, che negli scritti di 
Amalia Nizzoli e di Cristina di Belgioioso (per loro esplicita dichiarazione) h 
I'oggetto principale della narrazione. 

In contrasto con il richiamo del titolo, perd, in Memorie sulVEgitto e 
specialmente sui costumi delle donne orientali sia gli harem che i "costumi delle 
donne" non sembrano costituire I'oggetto fondamentale dell'attenzione della Nizzoli. 
Nonostante che Amalia abbia appreso I'arabo e si sia dovuta adeguare ad alcune 
regole locali (ad esempio andare in giro coperta), la sua vita quotidiana di donna 
occidentale rimane separata da quella delle donne orientali. Gli harem che Amalia 
visita— in definitiva solo due: quello cio6 del "Defterdarbey" della cui corte lo zio 
di Amalia era medico e quello di un generale mrco— sono harem aristocratici, e 
il lusso nella ricchezza degli omamenti e negli abiti delle donne corrisponde 
all'immagine, mtta splendori e profumi, prevalente nella fantasia europea del periodo: 

Quella specie di corte orientale di donne offriva un bellissimo spettacolo; eravi 
una riunione di sessanta e piu schiave di varie nazioni, greche, giorgiane, circasse, 
tutte giovani e belle, e abbigliate vagamente con abiti sfarzosi a vari colori, 
tempestati di gioie e di perle. Avevano le loro chiome sciolte sugli omeri, e da 
ogni loro atteggiamento traspiravano grazie incantatrici. Quelle magnifiche sale, 
poste sopra un delizioso giardino, lastricate di marmi finissimi e rinfrescate da 
zampilli d'acqua che scaturivano da un elegante bacino nel mezzo, popolate da 
tante belle e vispe giovani, facevano correre il pensiero ad una di quelle feste da 
ballo che sovente si vedono rappresentate, quantunque meno sfarzosamente, sui 
nostri teatri. (p. 185) 



43. Acutissime e divertenti sono le descrizioni del comportamento degli animali turchi, 
come quella in cui Cristina parla della dolcezza dei contadini turchi nei confronti delle loro 
bestie, mai costrette con la forza a fare qualcosa, ma convinte con discorsi: "E' curioso 
sentire la gente del paese conversare con gli animali. Parlano a ciascuno nella sua lingua, 
cioe rivolgono ad ogni animale o meglio ad ogni specie un certo numero di parole che non 
hanno alcun senso preciso tra gli uomini, ma che questi animali capiscono molto bene . . 
. I'animale risponde a modo suo" (pp. 51-52). 



320 MiRELLA SCRIBONI 

Le "principesse" conosciute da Amalia sono tutte "bellissime" e i loro interessi 
e la loro conversazione del tutto frivoli. Quello che si coglie comunque in queste 
descrizioni t un atteggiamento iin po' duplice: da una parte Amalia, che vive in 
una ristretta cerchia occidentale in cui si conservano regole e comportamenti europei, 
appare molto conscia del suo ruolo di "nipote del medico" e di "moglie del 
consolare", e della sua. femminilita, dall'altra lascia trasparire, a volte, un senso 
quasi di invidia per una vita che, pur aH'intemo della clausura dell'harem, sembra 
conservare degli aspetti di gioco e di divertimento."*^ In particolare suscita molta 
ilarit^ nelle signore egiziane una visita in cui le tre donne (madre, zia e Amalia) 
si presentano vestite all'europea, tanto che la volta successiva Amalia decide, 
sentendosi molto piu a suo agio, di vestirsi alia turca/^ I rapporti della Nizzoli 
con donne orientali sembrano quindi esaurirsi in questo ristretto ambito di visite 
tra signore; le uniche altre donne a cui fa cenno sono schiave e balie, nei confronti 
delle quali non risparmia giudizi molto duri. 

InCristina di Belgioioso il tema dell'harem e della realty delle donne orientali 
b invece il fulcro della narrazione."* Fin dall'inizio la principessa spiega che la 
parola harem non corrisponde a una realty uniforme''^ e infatti gli harem da lei 



44. "Fu ill quelle visite ch'io potei poscia convincermi da me stessa, quanto fosse erroneo 
il supporre, come fanno taluni, che le donne turche siano infelici. Non conoscendo esse altro 
di meglio, ed avvezze a quel genere di vita cui furono fino dairinfanzia educate, non possono 
bramare piaceri ignoti. D'altra parte, oltre la suprema felicita che fanno ragionevotaiente 
consistere nell'avere prole e divenire affettuose madri, non mancano di passatempi, come 
sono la danza, il canto, le partite ai bagni che vengono considerate come il piii gran soUazzo, 
le passeggiate nei giardini, le corse sul fiume entro belUssime cangie, il lusso del vestire: 
perfino I'ozio e considerato come uno dei piaceri della vita" (pp. 194-195). 

45. Al racconto delle visite all' harem fa da appendice la storia, un po' romanzata, della 
moglie del Bey, venduta da giovanetta come schiava ad un sultano e da lui successivamente 
data in sposa al Bey. Un altro capitolo e dedicato alia descrizione di una visita ai bagni 
pubbhci e di una festa con spettacolo di ballerine a casa del Bey. 11 tutto appare un po' una 
"summa" di quello che un pubblico di lettori europei si aspettava di trovare nella descrizione 
dei "costumi delle donne orientah". 

46. Sul rapporto tra Cristina di Belgioioso e le donne orientah ho scritto piia ampiamente 
nei saggio: "'Se vi avessi avuta per compagna...': rapporti tra domie negh scritti e nelle 
lettere daH'Oriente di Cristina Trivulzio di Belgioioso" (in corso di pubbhcazione in Italian 
Culture, XII, 1994). 

47. "Poiche 1 'harem e una delle istituzioni piii misteriose della societa turca, forse non 
sembrera inopportuno che io mi soffermi ancora una volta su questo argomento. La parola 
harem designaun'entitacomplessae multiforme. C'e 1 'harem del povero, quello della classe 
media e del gran signore , I'harem di provincia e 1 'harem della capitale , quello della campagna 
e quello della citta, del giovane e del vecchio, del pio musuhnano che rimpiange il vecchio 
regime e del musuhnano hbero pensatore, scettico, amante delle riforme e abbighato 
all 'occidentale. Ognuno di questi harem ha il suo carattere particolare, il suo grado di 
importanza, i suoi usi e le sue abitudini. II meno strano di tutti, quello che si avvicina 
maggiormente ad un onesto menage cristiano, e I'harem del povero abitante della campagna" 
(p. 100). 



// viaggio alfemminile nelVOttocento 321 

visitati sono tra di loro molto diversi. Nelle maggior parte di questi non compaiono 
le gemme e gli ori descritti da Amalia Nizzoli; appare invece, anche in quelli di 
persone altolocate, unaspetto certamente ignotoalla letteratura orientalista, quelle 
di luoghi squallidi, nimorosi e sporchi:"^ 

Distruggo forse qualche illusione parlando con cosi poco rispetto degli harem. 
Abbiamo letto descrizioni degli harem nelle Mille e una none e in altri racconti 
orientah; ci e stato detto che in questi luoghi abitano la bellezza e gU amori: siamo 
autorizzati a credere che le descrizioni pubbUcate, benche esagerate e abbellite, 
siano comunque basate sulla realta, e che in questi misteriosi ritiri si debbano 
trovare riunite tutte le meravighe del lusso, dell'arte, della magnificenza e della 
volutta. Quanto siamo lontani dal vero! Immaginate muri anneriti e screpolati, 
soffitti in legno con crepe qua e la e coperti di polvere e di tele di ragno, sofa 
strappati e unti, cortine a brandelli, tracce di candela e di olio ovunque. (p. 34) 

Nonostaiite I'avversione per la claustrofobia di questi ambienti, I'atteggiamento di 
Cristina nei confronti delle donne deU'harem e di quelle che incontra in altre 
circostanze, h perd sempre di curiosity e di capacity di cogliere cosa c'^ dietro 
I'apparenza. NeH'incontro con la favorita del Bey di Giaur-Daghda, ad esempio, 
osserva: 

Rimaste sole, depose la sua maschera di scontrosa timidezza e chiacchiero per 
un po' senza il minimo imbarazzo. Mi fece molte domande sui nostri usi, che le 
sembravano bizzarri e insieme buffi, a giudicare dai suoi scoppi di risa. . . . Ero 
tuttavia convinta che la mia bella ospite non fosse poi cosi limitata come voleva 
credere il marito, vedendo I'interesse che manifestava per una moltitudine di cose 
che non la riguardavano e la perseveranza con cui mi chiedeva Uperche di ognuna. 
(p. 117) 

La preoccupazione di come comportarsi e di cosa dire h sempre risolta dalla 
principessa attraverso la voglia di mettersi in relazione dXValtra, usando i codici 
di comunicazione appresi nei tre anni di soggiomo in quei paesi, come appare 
nell'incontro con una delle mogli dello stesso pasci^, che, a differenza delle altre, 
non b circondata da figli. Quando la principessa chiede perch6 i suoi figli non siano 
con lei, le altre mogli le fanno sapere, con aria di enorme soddisfazione, che non 
ne ha"*^: 

Rimpiansi di aver toccato un tasto cosi deUcato e, per attenuare I'effetto della mia 



48. "II mio vecchio mufti, che all'eta di novant'anni ha parecchie mogh, la piii anziana 
delle quali ha trent'anni, e figh di ogni eta, dal marmocchio di sei mesi al sessantenne, 
manifesta una ripugnanza di buon gusto per il baccano, il disordine e la sporcizia dell'harem. 
Ci va durante il giomo, come va nella scuderia per vedere i suoi cavalh, ma abita e dorme, 
a seconda della stagione, nell'uno o nell'altro dei suoi saloni" (p. 33). 

49. "In Oriente non c'e niente di piu vituperato, piu disprezzato, piu negletto, di una donna 
sterile" (p. 120). ,. , , 



322 MiRELLA SCRIBONI 

imprudenza, aggiunsi non indovinerete mai cosa. Avrei dato prova della brutalita 
piu odiosa se mi fossi rivolta a qualsiasi altra donna che non fosse I'abitante di 
un harem; ma ero in Asia da tre anni, e conoscevo abbastanza bene il terrene su 
cui mi muovevo. Dissi adunque, prendendo un'aria di confidenza e di approvazione, 
come se cio che stavo per dire dovesse per forza mettere fine all'imbarazzo della 
bella turcomanna e ridarle dignita: "I bambini della signora sono morti, vero? (p. 
120) 

II rapporto con le donne orientali si sviluppa nel corso del viaggio e la 
"simpatia" di Cristina nei loro confronti, insieme alia percezione dell'intensitA di 
carattere di queste forzate (ma talvolta anche volontarie) recluse, t pienamente 
espressa nei racconti di Seines de la vie turque, stone di donne incontrate durante 
il suo soggiomo in Asia Minore. Con un forse non involontari'^ effetto simbolico 
I'ultimo dei racconti, "Les deux femmes d'Ismail Bey", si conclude con la vendetta, 
concordata tra le due mogli, sul marito inibroglione e infedele. 

In Carla Serena lo spazio dedicato airharem t molto limitato.* Nell'epoca 
in cui esce Mon Voyage, questo tema ha probabilmente perso un po' della sua 
attrazione, anche se il topos, orniai codificato, non pu6 mancare in un diario di 
viaggio in Oriente. In De la Baltique a la Mer Caspienne Targomento non e 
particolarmente sviluppato" e nel resoconto suUa Persia la descrizione del palazzo 
della favorita del sovrano non sembra distaccarsi molto da quelle canoniche della 
letteratura sugli harem, mentre piu realistica h quella della favorita.'^ L'incontro 
tra le due donne si risolve in una conversazione tutta femminile sui vestiti'^ e sulle 
doti del sovrano, che partecipa brevemente alia visita e si intrattiene in conversazione 
con la straniera. Lungi dal mostrare I'ironia della principessa sull'ingenuita della 



50. Almeno in Une Europeenne en Perse; di Souvenirs de Voyage fa parte anche il volume 
Homines el choses de la Perse, purtroppo introvabile. 

5 1 . " Je fus mise en relation avec plusieurs hauts dignitaires turcs dont je connus les families . 
Parmi elles, celle du grand vizir Mahmoud-Pasha. Ce qui me permit de voir de pres la vie 
des femmes turques. Je fus invitee a passer plusieurs jours avec elles daas les 'misterieux 
harems', depeints souvent d'une maniere peu veridique, par ceux qui n'y ont jamais penetre 
et dont I'acces n'est pas toujours facile pur une etrangere. Mon entree dans le monde 
musubnan me fit egalement voir le palais du sultan. Mais je fus desenchantee des uns comme 
des autres. Le luxe du palais ou rien ne revele la vie intellectuelle ne me ravit point. Le 
temps passe dans les somptueux harems me parut sans charme, je respirai a peine dans ces 
appartements prives d'air et de jour" (p. 79). 

52. "Comme s'en vante Aniseh el Dowleh, sa taille a la forme du melon. Sa jupe ecourtee 
laisse voir des formes masculines. Sa voix est male, et le douvet touffu qui ome sa levre 
superieure, ajoute un trait de plus a sa physionomie virile. Ses yeux brillantes sont surmontes 
d'une longue Hgne noire d'une tempe a I'autre en forme de sourcil. Ses cils noircis, le blanc, 
le rouge dont son visage est couvert, lui donnent I'aspect d'une figure de poupee grossierement 
peinte" (p. 214). 

53. "La conversation caracterisa les pensees. Par ce qui fuit traduit des paroles de la favorite, 
I'etrangere conclut qu'en tout pays, celles des femmes sont pour la toilette" (p. 213). 



// viaggio al femminile nelVOttocento 323 

conversazione di certi sultani, la Serena appare deliziata dalle attenzioni che sia 
la favorita che lo Shah le dimostrano. Se si eccettua un inserto romanzato sulla 
vita di una fiorista parigina arrivata da giovane in Persia e ben accolta alia corte 
dello Shah, Carla Serena non dedica molto interesse alle donne orientali. 

L'analisi dei "diari" di Amalia Nizzoli, Cristina di Belgioioso e Carla Serena mette 
in evidenza, piu che somiglianze, molte differenze, sia nel tipo di viaggi intrapresi 
che nel tono e nelle scelte narrative di chi li descrive. Almeno un aspetto, pero, 
sembra accomunarle e distaccarle dalla letteratura orientalista "al maschile" , ed 
b una descrizione degli harem che smitizza rimmagine "orientaUsta" di questi luoghi 
come paradisi di sensuality e di volutt^. La diversity di immagini che circolano 
nei tre testi e la di versa "strategic location" incui si coUocano le viaggiatrici-autrici 
appare invece legata non solo ad una differente percezione della realta delle donne 
orientali, ma anche di se stesse come donne/occidentali. Se dunque non b possibile 
dare una risposta conclusiva alia domanda iniziale ("esiste un viaggio/una scrittura 
di viaggio al femminile?"), un elemento significativo sembra pero confermato ed 
e quello della complessit^ e della "indecifrabilit^ a dispetto della apparente 
leggibilit^" (Mills) della narrativa di viaggio prodotta dalle doime. E forse proprio 
in questo e nella stessa diversity dei tre diari di viaggio che si puo, paradossalmente, 
individuame la specificity. II punto di vista "al femminile" emerge con decisione 
dal diario di Cristina di Belgioioso, mentre i testi di Amalia Nizzoli e Carla Serena 
lasciano trasparire una "gender ambiguity" dietro la quale si intravedono le 
"discursive pressures" di cui parla la Mills nel suo saggio. 

La lettura di questi scritti— essa stessa un viaggio i cui percorsi si diramano 
e si intrecciano— pone domande a cui di volta in volta non si puo dare una risposta 
se non ripartendo da questa complessita e provando a scoprire tra le righe la valenza 
simbolica dei viaggi in rapporto alia identity sessuata delle donne che li hanno 
intrapresi. 

New York University 



Testi citati e bibliografia 



1 . Testi di viaggio 



Bell Lowthian, Gertrude, Syria: The Desert and the Sown. London, 1907. 

Belgioioso, Cristina Trivulzio, "Souvenirs dans I'Exile" ivvLe National (sett.- ott. 1850). 

, "La vie intime et la vie nomade en Orient", Revue des Deux Mondes (febb.- sett. 

1855). 

, Vita intitna e vita nomade in oriente. Como: Ibis, 1993. 

, Asie Mineure et Syrie: souvenirs de Voyage. Paris: Levy Freres, 1858. 

, Scenes de la vie turque. Paris: Levy Freres, 1858. 

, Oriental Harems and Scenery. New York: Carleton, 1862. 

Bird, Isabella, Journeys in Persia and Curdistan. London, 1891. 



324 MiRELLA ScRffiONi , : 

, The Englishwoman in America. London, 1856. 

, A Lady's Life in the Rocky Mountains. London, 1879. . . 

, The Yangtze Valley and Beyond. London, 1899. 

Blunt, Lady Anne, A Pilgrimage to the Nejd. London, 1881. 

, Bedouin Tribes of the Euphrates. London, 1879. 

Burton, Lady Isabel, TTie Inner Life of Syria, Palestine and the Holy Land. London, 1875. 
Burton, Sir Richard, Personal Narrative of a Pilgrimage to Al-Madinah and Meccah. London, 

1893. 
Chateaubriand, Rene de, Itineraire de Paris a Jerusalem. Paris, 1827. 
Craven, Lady Elizabeth, A Journey through the Crimea to Constantinople. London, 1789. 
De Amicis, Edmondo, Costantinopoli . Milano: Treves, 1877-1878. 
De Gasparin, contessa [Valerie Boissier], Journal d'un voyage du Levant (1847-1848). Paris, 

1849. 
Duff-Gordon, Lucie. Letters from Egypt, 1862-1869. New York: Praeger, 1969. 
Edwards, Ameha, A Thousand Miles up the Nile. London 1877. 
Fuller, Margaret, At Home and Abroad. New York: Kennicat Press, 1971. 
Gautier, Theophile, L'Orient. Paris, 1854. 
Kinglake, A. W., Eothen. London, 1844. 
Lamartine, Alphonse de. Voyage en Orient. Paris, 1835. 
Loti, Pierre, Au Maroc. Paris, 1890. 

Martineau, Harriet. Eastern Life, Past and Present. London, 1848. 
Nightingale, Florence, Letters from Egypt. A Journey on the Nile 1849-1850. London: Barrie 

& Jenkins, 1987. 
NizzoU(Solla), Amaha, Memorie sull'Egitto especialmente sui costumidelle donne orientali. 

Milano: Tipografia e Libreria Pirotta e C, 1841. 
Pfeiffer, Ida, Visit to the Holy Land, Egypt and Italy. London, 1851. 
Serao, Matilde, Nelpaese di Gesii. Ricordidi un viaggio in Palestina. Firenze: Tipografia 

di Salvatore Landi, 1900. 
Serena, Carla, Mon Voyage (Souvenirs personnels): De la Baltique a la Mer Caspienne. 

Paris: Maurice Dreyfus, 1880. 
, Mon Voyage (Souvenirs Personels): Une Europeenne en Perse. Paris: Maurice 

Dreyfus, 1881. 
Sheldon, Mary, Sultan to Sultan. Adventures Among the Masai and Other Tribes of East 

Africa, London, 1892. 
Stanhope, Lady Hester, Travels of Lady Hester Stanhope; Forming the Completion of her 

Memoirs. Narrated by her physician. London, 1846. 
Steegmuller, Francis (ed.), Flaubert in Egypt: A Sensibility on Tour. Boston: Little, Brown 

& Co., 1973. 
Stoppani, Antonio, Da Milano a Damasco: Ricordo di una carovana milanese nel 1874, 

Milano, 1888. 
Wortley Montagu, Lady Mary (ed. Murphy Dervla), Embassy to Constantinople: The Travels 

of Lady Mary Wortley Montagu. New York: New Amsterdam Books, 1988. 

2. Opere sul viaggio e su viaggiatori/viaggiatrici 

Amat di San Fihppo, Pietro, Bibliografia dei viaggiatori italiani. Roma: Salviucci, 1874. 



II viaggio alfemminile nelVOttocento », ,, 325 

Birkett, Dea, Spinsters Abroad: Victorian Lady Explorers. Oxford: Blackwell, 1989. 
Borghi, Liana, Nicoletta Livi Bacci, Uta Treder (ed.), Viaggio e Scritlura: Le straniere 

nell'Italia dell'Ottocento. Firenze: Libreria delle Donne, 1987. 
Branca, Gaetano, "I viaggiatori italiani del nostro secolo", Bollettino delta Societd Geogrqfica 

Italiana 01 [1869], 251-344; III [1870], 317-409). 
Foster, Shirley, Across New Worlds. Nineteenth-Century Women Travellers and Their 

Writings. London: Harvester Wheatsheaf, 1990. 
Grimley Mason, Mary e Carol Hurd Green (eds). Journeys, Autobiographical Writings by 

Women. Boston: G. K. Hall, 1979. 
Manzoni, Romeo, Gli esuli italiani in Svizzera (da Foscolo a Mazzini). Milano, 1922. 
Michel, Ersiho, Esuli italiani in Egitto (1815-1861). Pisa, 1958. 
Middleton, Dorothy, Victorian Lady Travellers. London: Routhledge, 1965. 
Mills, Sara, Discourses of Difference: An analysis of Women's Travel and Colonialism. 

London and New York: Routhledge, 1991. 
Scriboni, Mirella, "'Se vi avessi avuto per compagna...': rapporti tra donne nelle lettere 

e negh scritti dall'Oriente di Cristina Trivulzio di Belgioioso", Italian Culture, XII 

(1994). 

, "Cristina di Belgioioso", Leggere Donna, n. 50 (1994). 

Trassell, C. "EsuU itaUani in Turchia nel dodicennio 1849-1860", in La Sicilia nel 

Risorgimento italiano (gennaio-giugno 1933). 

ALTRE OPERE CITATE ."f 

Alloula, Malek, The Colonial Harem. MinneapoUs: University of Minnesota Press, 1989. 

Bandini Buti, Maria, Poetesse e scrittrici. Roma, 1942. 

Cappuccio, Carmelo (ed.), Memorialisli dell'Ottocento. Milano: 1955. 

Croutier, Alev Lyle, Harem, the World Behind the Veil. New York: Abbeville Press, 1989. 

De Giorgio, Michela, Le italiane dall'Unita ad oggi. Bari: Laterza, 1992. 

Fuller, Margaret, Woman in the Nineteenth Century. New Uork, London: Norton, 1971. 

Graham-Brown, Sarah, Images of Women. New York: Columbia University Press, 1988. 

Hugo, Victor, Les Orientales. Paris: M. Didier, 1952-1954. 

Mangione, Jerre e Ben Morreale, La Storia: Five Centuries of the Italian American 

Experience. New York: HarperCollins PubUshers, 1992. 
Marchesa Colombi, Un matrimonio di provincia. Torino: Einaudi, 1973. 
Moers, Ellen, Literary Women. London: The Women's Press, 1978. 
Montesquieu, Baron de, Lettres Persanes. Paris: Gallimard, 1973. 
Neera, Teresa. Torino: Einaudi, 1976. 

Said, Edward W., Orientalism. New York: Vintage Books, 1979. 
Serao, Matilde, Addio amore! Roma: Edizioni delle Donne, 1977. 

, Castigo. Roma: Edizioni delle Donne, 1977. 

Saredo, Luisa, Racconti. Firenze: Le Monnier, 1878. 

Voltaire, Zadig: ou, La Destinee, histoire orientale. Paris: M. Didier, 1962. 



Luciano Parisi 



I libri di viaggio 

di Giuseppe Antonio Borgese 



Nei romanzi di Borgese i JBrequenti viaggi dei protagonisti sono dettati da inquietudine 
spirituale. Ruht t incapace di vivere nello stesso luogo per piu di qualche mese 
e la sua storia si sposta dal Cadore alia Sicilia, da Roma a Parigi, e, con una serie 
rawicinata di spostamenti, a Stresa, Ronoia, Arezzo, Calinni, Napoli, Bologna. 
D rimorso e un amore inconfessato sottraggono Eliseo Gaddi al suo rifugio campestre 
nella pianura padana portandolo a Milano e a Venezia. Quei viaggi sono sintomi 
di malessere; non nascono dal desiderio di vedere posti nuovi e di incontrare gente 
nuova, ma segnalano, senza realizzarlo, un bisogno di cambiamento interiore'. 
II tema del viaggio ha una maggiore autonomia nei racconti di Borgese; alcuni di 
essi sono pretesti per rievocare gli "uomini impellicciati e barbuti" incontrati dallo 
scrittore sulle rive del Baltico (P. 342) o "il grigiore del Nord e la stranezza 
deU'Oriente" colte contemporaneamente in una citt^ misteriosa (P. 121). Nei racconti 
il viaggio t I'impegno mondano che terrorizza un tranquillo impiegato (P. 203-2 16) 
o I'occasione autobiografica per una riflessione di natura religiosa (P. 380-385); 
anche li comunque non si afferma come tema di fondo. 11 titolo complessivo della 
raccolta, llpellegrino appassionato, piu che al contenuto delle storie, si riferisce 
alia condizione biografica del loro autore. Pellegrino Borgese era stato dal 1906 
al 1908, vivendo in Gemiania come corrispondente estero per dei quotidiani italiani, 
e aveva ripreso ad esserlo nei 1931 per un periodo che sarebbe stato lunghissimo: 
lavor6 in California nei 1931 e nei 1932, in Massachusetts dal '32 al '36, e in Illinois 
dal 1936 al 1948. Questi prolungati soggiomi all 'estero gli permisero di scrivere 
il primo e 1' ultimo dei suoi libri di viaggio: La nuova Germania (1909) e Atlante 
americano (1936). Fra I'uno e I'altro, e in un periodo di tempo relativamente breve, 



1 . Rube e 11 protagonista del romanzo omonlmo; Eliseo Gaddi quelle del secondo romanzo 
di Borgese, / vivi e i morti. La loro condizione ha uno sfondo autobiografico nelle poesie 
della "Trilogia del viaggio" dove lo scrittore afferma di essersi "sempre sradicato prima 
di fiorire" (Ps 108). — Nei prosieguo usero le seguenti sigle per riferirmi alle opere di 
Borgese da cui avro bisogno di fare citazioni: A {Atlante americano), C (Autunno di 
Costantinopoli), E (Escursione in terre nuove), G (La nuova Germania), Gl {Goliath), Gr 
{Giro lungoper laprimavera), L {Lezione di estetica del 2 dicembre 1952), P {II pellegrino 
appassionato), Ps {Le poesie), R {Rube), S {Storia della critica romantica in Italia), V {La 
vita e il libro). 



Annali d'italianistica 14 (1996): L'odeporica/Hodoeporics, edited by Luigi Monga. 



/ libri di viaggio di Giuseppe Antonio Borgese 327 

Borgese compose altri tre volumi che fanno parte deH'odeporica italiana: Autunno 
di Costantinopoli (1929), Giro lungo per la primavera (1930) edEscursione in terre 
nuove (1931). 

La nuova Germania fu pubblicato da Bocca. L'editore inaugurava con quel 
volume una collana dedicata ai paesi stranieri. Si rifiutava di inserire in essa le 
trattazioni scientiJBche (che a suo parere soffocavano I'essenza di un paese fra tabelle 
e statistiche) e le raccolte d'impressioni (aneddotiche e superficiali). I testi della 
nuova collana miravano a "disegnare un quadro dei sentimenti e della vita di un 
popolo" ed erano scritti da autori che avevano vissuto in un paese straniero "per 
alcuni anni, interessandosi a tutti gli aspetti della sua anima, parlando la sua lingua 
e conoscendo intimamente i suoi uomini" (G.vm). Borgese era I'uomo ideale per 
realizzare almeno la prima parte di un simile progetto. Aveva vissuto in Germania 
per due anni: "due volte per settimana ho inviato lunghe lettere alia Stampa di Torino 
e al Mattino di Napoli ... Ho dovuto osservar tutto e interessarmi ad ogni cosa. 
Son vissuto non come uno straniero in terra straniera, ma come un figlio adottivo 
della terra che mi ospitava; ho sfuggito i miei connazionali, ed ho frequentato gente 
del paese, di tutte le condizioni e di tutti i mestieri. Ho interrogato, ho ascoltato, 
ho letto" (G.4-5). II libro sulla Germania, aggiunge, "6 il risultato di due anni 
di vita" (G.5). Borgese ripete le affermazioni programmatiche dell'editore: bisogna 
scartare il commento episodico e I'analisi freddamente statistica per tentare invece 
di analizzare I'anima di un popolo. I viaggi, scrive inoltre, sono importanti perchd 
scrollano di dosso gli stereotipi con cui una persona guarda agli altri popoli e alle 
loro idee ed abitudini. Bisogna "amare il [proprio] paese senza sputare addosso 
agli stranieri" e "ammirare ci6 che c'6 da ammirare presso gli stranieri, senza 
vilipendere i [propri] connazionali" (G.3). Si va all'estero per imparare, senza 
eccessi di imiiM e senza "trovare ad ogni costo la conferma" delle proprie opinioni 
o dei propri pregiudizi (G. 10-1 1). Nell'Europa che stava per essere travolta dalla 
prima guerra mondiale le parole di Borgese risaltano per la ragionevolezza 
cosmopolita con cui sono pronunciate. 

Ma Borgese non b uno scrittore regolare e non b sempre coerente. II testo 
della Nuova Germania contraddice I'introduzione proponendo tutto quello che essa 
aveva escluso con tanta sicurezza: annotazioni impressionistiche, stereotipi, 
pregiudizi. II paesaggio tedesco b un pretesto metaforico, per un estro singolarmente 
mediterraneo^. In ogni capitolo si trovano luoghi comuni suH'avarizia ebraica, 
la pigrizia polacca, la freddezza inglese, I'insolenza francese, I'insubordinazione 
africana. Benno Geiger ricorda come Borgese redigesse le pagine confluite nel 
Ubro frettolosamente e con insoddisfazione, "cosciente di mutare in parole stampate. 



2. Un solo esempio: la vela di una nave suU'Elba "e un cencio tra purpureo e nerastro che 
sembra ad ogni istante annunciate a un invisibile Egeo la morte di un Teseo uccisore di mostri 
polari" (G. 449-450). 



328 Luciano Parisi 

in opinioni precise, quell [e] che a mensa non erano state che battute effimere, senza 
pretesa di stability" (192). II fenomeno piu difficile da capire t comunque il rigetto 
che Borgese compie di quella civilt^ tedesca che, per sua stessa ammissione, lo 
aveva accolto calorosamente. La Germania del primo '900 1 uno stato aggressive 
e antisemita. Ma t anche la nazione dove operano grandi ingegni^; il processo 
di industrializzazione ne ha fatto lo stato piu ricco d'Europa; la sua legislazione 
sociale b un modello al quale gli altri paesi si ispirano. Tutti gli strati della societa 
tedesca sono percorsi da una inquietudine intellettuale: "Orthodoxy was being 
challanged from all sides— scrive Ryder. — Tliere were radical new creeds and 
cults: socialism in its various forms, anarchism, the cult of race, and Social 
Darwinism ..., feminism and theosophy, the aesthetic movement. The spread of 
education helped the proliferation of new ideas, and cheap printing gave them a 
wide circulation" (24).Davanti a questi sviluppi, e al dibattito di idee che vi si 
connette, Borgese resta scettico, beffardo, senza neppure indagare i motivi del 
proprio dissenso. Non gli piacciono i nuovi palazzi (G.271), le automobili che 
sostituiscono i earn ed icavalli (G.279- 280), la rapidity esecutiva delle maestranze 
tedesche (G.3 13). II porto di Amburgo si riduce per lui ad un'inutile testimonianza 
della vanity umana (452)''. Liquida con una battuta esperimenti sociali di ovvia 
importanza: una "signorina giovanissima, bellina, che porta un nome di gloria 
europea nella storia dell'elettrotecnica, e che ha tanti milioni da non contarsi sulle 
dita di una mano, ha studiato agricoltura, ha conseguito il suo diploma, e s'^ messa 
ad esercitare il mestiere. Un'altra, figlia di un avvocato straricco, lavora cinque 
ore al giomo nello smdio di suo padre, copiando a macchina . . . Penetrate, se 
viriesce, inquestiabissipsicologici" (G.89). Ride del darwinismo (G. 353). Tratta 
conpesante moralismo i movimenti di liberazione omosessuale (G.398). Descrive 
Risveglio diprimavera, il capolavoro di Wedekind, come "undramma di ragazzi 
di scuola, dove ne succedono di tutti i colori" (406). Insisto su questi pregiudizi, 
diffusi nel primo '900, perche costituiscono esempi della mentality passiva che 
Borgese suggeriva di scrollare con i viaggi all'estero. Lui stesso, invece, finisce 
con lo stare a Berlino "per trovare ad ogni costo la conferma delle opinioni e dei 
giudizi che circolano nel [suo] paese da cent'anni" (G.10-11)^ 



3. Ryder ricorda fra gli altri Einstein, Koch, Planck, Rontgen, Liebig, Momsen, Gropius, 
Windelband, Rickert, Max Weber, Troeltsch, Thomas Mann, Rilke e Wedekind. 

4. II suono di Amburgo "non somiglia ad una sinfonia di Beethoven, ma al brontolio del 
mare germanico" (G.452). Di Berlino scrive Borgese nelle Poesie: "Nella capitale nordica 
dove ho passato una stagione / non ho udito altra musica che quella delle trombe / 
d'automobili echeggianti sorde per le arcate basse / e il fremito angoscioso dei treni 
metropoUtani" (Ps.ll3). 

5. Per la connotazione negativa che i viaggi avevano nell'Italia dell' '800 e del primo '900 
si vedano I'articolo di Musumeci "Of Swallows and Farewells" e il saggio di Barberi Squarotti 
sul tema della partenza e dell'impossibile ritomo in Manzoni, Verga e Pavese (69-81). 



/ libri di viaggio di Giuseppe Antonio Borgese 329 

Nel 1910 Borgese pubblica il primo volume di una vasta raccolta di saggi 
letterari e di recensioni, La vita e il libra . Nella sezione dedicata ai libri di viaggio, 
che porta il titoloLe terre lontane, ritroviamo la stessa contraddizione fra una teoria 
lungimirante che invita al cambiamento di luogo, di speranze, "di favelle e di 
orizzonte per acquistare il senso della molteplicit^ e della vastit^ della vita" (V.349), 
e una serie di giudizi angusti ed ostili verso ogni paese straniero. Pur rimproverando 
gli autori contemporanei di soffocare con degli stereotipi la peculiarity dei paesi 
visitati e degli individui incontrati, Borgese ammassa luoghi comuni sulla rozzezza 
delcapitalismoamericano, rimmoralit^delledonnetedesche, ilcarattere selvaggio 
dei giapponesi. Una prima causa di questa contraddizione b I'atteggiamento 
baldanzoso di Borgese: lo scrittore esibisce idee solide; non rifiigge, nel proclamarle, 
dair"abuso di voce", dall'accento "sgarbato" (V.ix); e non si concede riflessioni 
approfondite o momenti di pensosit^^ II suo nazionalismo lo induce poi a ritenere 
antipatriottiche le lodi ri volte ad un paese straniero. Uno scrittore italiano ammira 
ringhilterra? "Osservate di quante parole inglesi sia irta questa prosa italiana; 
osservate come I'immagine della patria sia romita dal cuore di questo esule contento, 
e con quanta versatility egli s'assuefaccia ai costumi del popolo ospitale" (V.368). 
Borgese inoltre maschera con una decisa antipatia il suo sconcerto di fronte ai 
cambiamenti radicali che industrializzazione e tecnologia producono nel mondo 
modemo. La Germania e gli Stati Uniti, i due paesi piu avanzati in questo processo 
di trasformazione, sono quelli che egli tratta piii duramente^ e a cui nega ogni valore 
spirituale: "se la barbaric consiste in una vita puramente materiale, che elimina 
e respinge tutte le forme superiori dello spirito, gli Americani non valgono molto 
piu degli Ostrogoti" (V.358). Nell'ultima pagina di Terre lontane Borgese accenna 
alia ragione ultima della sua insoddisfazione per i paesi stranieri: "il dislivello fra 
le . . . aspettative e la viva realty" (V.371). Egli t mosso da un'ansia di valori 
che nessuna realty pu6 soddisfare. E il male spirituale descritto con accuratezza 
nel romanzo Rub^, del 1921: una costante insoddisfazione si radica nella "infehcissi- 
ma borghesia intellettuale e provinciale, storta dall'educazione del tutto o nulla, 
viziata dal gusto delle ascensioni definitive" (R.99). 11 protagonista di Rubi ha 
molto in comune con I'autore della Nuova Germania: il suo tono t arrogante, la 
sua sicurezza eccessiva, il suo nazionalismo astratto, i suoi giudizi estremi; non 



6. Le rare volte in cui Borgese trova il modo di riflettere, i suoi giudizi cambiano 
sensibilmente. Dopo aver ingiuriato i polacchi, racconta la storia della loro resistenza alia 
politica tedesca di assimilazione — la loro "muraglia d'umanita" (G. 218-229) — conpagine 
che hanno toni epici. Lo scrittore si comporta in maniera analoga con Risveglio di primavera: 
dopo essersi scandalizzato all'idea che qualcuno abbia voluto discutere i temi della sessualita 
adolescenziale a teatro, Borgese scopre che il dramma di Wedekind ha "valore di documento" 
e "bellezza d'arte" (G. 107) e lo descrive con ammirazione e forza evocativa (G. 107-1 10). 

7. Sulla diffusione di questa ostilita nell'Europa del primo '900, e suUe sue motivazioni 
interiori, si vedano le osservazioni di Ryder (specialmente a pag. 28). 



330 Luciano Parisi 

crede nel valore delle distinzioni e non ama gli approfondimenti; la sua vita t 
dominata da un bisogno iperbolico di perfezione. Sono i vizi di un'intera 
generazione. Ma la stesura del romanzo, osserva Sciascia, costituisce il momento 
culminante di una conversione: il male del personaggio non b piu quelle del suo 
autore che in esso contempla "una spoglia gi^ deposta della propria storia, della 
propria disperazione" (1168). I libri di viaggio composti in seguito da Borgese 
confermano I'esistenza di questa conversione testimoniandone per6 la lentezza e 
mostrando quanto sia stato difficile per lo scrittore e per il viaggiatore sviluppare 
in s6 una serie di atteggiamenti nuovi e cordiali verso il mondo. 

Fra il 1929 e il 1931 Borgese pubblica tre libri di viaggio. Quelle del '29, 
Autunno di Costantinopoli b dedicate alia Turchia che Kemal Ataturk tentava di 
riformare ispirandosi a modelli occidentals II libro del '30, Giro lungo per la 
prirmvera, b diviso in tre parti non collegate fra di loro: Passeggiate alpine contiene 
il resoconto di un viaggio fra le montagne svizzere, tedesche ed austriache; Autunno 
di Atene racconta le impressioni suscitate nello scrittore da una breve sosta ad Atene, 
al tempo del restauro del Partenone; Viaggio letterario in Francia trae lo spunto 
da un soggiorno a Parigi per discutere la letteratura francese degli anni '20. II 
volimie del 1931, infine, Escursione in terre nuove, b il resoconto di una visita a 
Oxford e di una breve crociera fatta lungo il Tamigi. Ogni libro trae spunto da 
viaggi brevi: Borgese non abita in Turchia e in Francia, come aveva fatto in 
Germania; transita in questi paesi come turista e basa i suoi commenti su rapide 
impressioni. Nei primi due volumi ricompaiono, appena modificati, gli atteggiamenti 
che vent'anni prima avevano impedito alio scrittore un reale contatto con il mondo 
tedesco. Nazionalista Borgese non b piia, ma resta in lui I'abitudine a contrapporre 
la propria identity culturale di uomo occidental e cristiano a tutto ci6 che occidental 
e cristiano non b\ e la contrapposizione implica I'uso di stereotipi negativi^ 
Presentando nel 1923 la seconda edizione de La vita e il libro, Borgese aveva fatto 
ammenda per i suoi "errori di tono" (V.ix) e nel libro su Costantinopoli compaiono 
espliciti propositi di imiilt^ (C.15), ma lo scrittore non rinuncia ai suoi scatti 
sprezzanti: le donne turche? sono assorte in una "beatitudine vuota" (C.73); Santa 
Sofia? "non b altro che una chiesa profanata" (C. 113)^ L'atteggiaraento di Borgese 
nei confronti dello sviluppo tecnologico b dichiaratamente contraddittorio (C.XXVin): 



8. Gli orientali sono "gli aitisti dell'immobilita, della decadenza senza rinascita" (C. 109-1 10); 
rislamismoeunareligioneinferiore, nemica "almetafisicoe sublime" (C.118). Unadiversa 
opinione sulla religione musulmana balena nell'introduzione dcW Autunno di Costantinopoli 
(C.xx-xxi). 

9. Per modemizzare la Turchia, dice altrove Borgese, bisognerebbe che Kemal intimasse 
"a tutti i turchi di farsi battezzare cristiani entro ventiquattr'ore" (C. 126). E curioso notare 
come Tarroganza di B